Chi non ha Windows non può pagare le tasse?

Intervento del sen. verde Bulgarelli

Roma – “Ormai, per i titolari di Partita IVA, la trasmissione telematica della dichiarazione dei redditi è un obbligo. Perché questo avvenga l’Agenzia delle Entrate predispone alcuni software per la trasmissione. L’Agenzia per le entrate ha messo a disposizione software solo per le piattaforme proprietarie Windows e Macintosh: si sono completamente dimenticati dell’esistenza di Linux, il sistema operativo libero e gratuito, che, tra l’altro dovrebbe essere, secondo la direttiva sul riuso, sempre più presente nella Pubblica Amministrazione e dovrebbe diventare lo standard tecnologico secondo il programma dell’Unione e secondo un disegno di legge che ho presentato già mesi fa”.

Così si è espresso il senatore dei Verdi Mauro Bulgarelli, primo firmatario del DDL sull’adozione del software libero nella pubblica amministrazione.

“È come decidere – ha continuato – che, per compilare la dichiarazione dei redditi, gli italiani debbano usare tutti una Montblanc: è assurdo e inaccettabile che lo Stato decida quali software i cittadini debbano possedere, pagandoli tra l’altro profumatamente, per pagare le tasse.
Ancora più assurdo se si pensa che l’Agenzia delle Entrate aveva già avuto questa “svista” alcuni anni fa, e a fronte di interrogazioni e domande dei cittadini si era impegnata a supportare le diverse piattaforme esistenti, cosa che sarebbe tra l’altro semplicissima e per nulla dispendiosa, visto che i programmi veri e propri sono già multipiattaforma, e sono invece degli stupidi installer ad essere funzionanti solo su Windows e Mac”.

“Ho predisposto – ha concluso l’esponente del gruppo Verdi-Pdci – una interrogazione al Ministro delle Finanze, perché se chiediamo ai cittadini di pagare le tasse e siamo rigorosi nella lotta all’evasione, dobbiamo anche dargliene la possibilità”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Link errato? No, funziona!
    In realtà il link non è errato, con alcuni browser può dare problemi a causa della mancanza dello "slash" (/) finale.Per cui all'indirizzo:"http://www.ing.unisannio.it/master"basta aggiungere "/" alla fine,l'indirizzo corretto sarà semplicemente:http://www.ing.unisannio.it/master/Comunque anche senza lo slash finale, funziona con la maggior parte dei browser (IE 6.xx, Mozilla 1.5).LuxP.S.: il link indicato in sostituzione di quello "errato" in realtà rimanda ad una pagina diversa da quella dei master, quindi è fuorviante!! *********************** mi scuso con gli admin per il doppio post, ma ho notato solo dopo che così era più visibile ***********************
  • Anonimo scrive:
    Link errato
    http://www.ing.unisannio.it/didattica/master.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Link errato - No, funziona!
      In realtà il link non è errato, con alcuni browser può dare problemi a causa della mancanza dello "slash" (/) finale.Per cui all'indirizzo:"http://www.ing.unisannio.it/master"basta aggiungere "/" alla fine,l'indirizzo corretto sarà semplicemente:http://www.ing.unisannio.it/master/Comunque anche senza lo slash finale, funziona con la maggior parte dei browser (IE 6.xx, Mozilla 1.5).LuxP.S.: il link che hai indicato in sostituzione di quello "errato" in realtà rimanda ad una pagina diversa da quella dei master, quindi è fuorviante!!
Chiudi i commenti