Chi videogioca non sente il dolore

Lo sostiene un ricercatore che ritiene di poter dimostrare come chi usa i videogiochi si distragga dal dolore continuato, quantomeno per un tempo più lungo rispetto a chi non gioca


Roma – Una nuova per certi versi inattesa qualità dei videogiochi è stata scoperta da Bryan Raudenbush, un ricercatore della Wheeling Jesuit University di Wheeling, in West Virginia. Secondo Raudenbush, infatti, ci sono videogiochi capaci di distrarre l’uomo dal dolore fisico.

Lo scienziato ha potuto eseguire una serie di test su un campione di adulti volontari. Quelli che giocavano con una mano immersa nell’acqua gelida sono riusciti a sopportare quel dolore per un minuto di più rispetto a quando, con la mano nell’acqua, non potevano distrarsi e pensare ad altro.

Non solo. Il dolore è avvertito più distintamente e diventa insopportabile, secondo Raudenbush, se si utilizza un videogioco rilassante, come il mah-jongg, mentre la mente invece tollera il dolore se è impegnata in un game d’azione che richiede molta attenzione.

Secondo il ricercatore, risultati ancora migliori si potrebbero ottenere sui bambini, per le caratteristiche specifiche della loro minore capacità di concentrazione. Inoltre, sostiene Raudenbush, si potrebbe applicare questa scoperta in molti frangenti, negli ospedali per esempio, per alleviare e rendere meno traumatiche certe pratiche terapeutiche a cominciare proprio dai pazienti più piccoli.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ogni tot le solite demenzialita'.
    "Il gioco - ha dichiarato il direttore dell'ufficio del ministero degli Affari della famiglia, che ha revisionato il titolo - ritrae la guerra come l'unico modo per risolvere i conflitti. In linea generale difende la guerra e offre un appeal estetico alla forza militare".Certo. Se ben ricordo Doom faceva sparare alla gente (quanta gente che ho ammazzato in quel periodo)Poi, Carmageddon incitava a mettere sotto i pedoni con l'auto (quanta gente ho stirato in quel periodo).Carmageddon l'aveva deplorato anche quel tizio della televisione, quello che pubblicizzava camicie dal collo improponibile... come si chiama, a si': Maurizio Costanzo.Detto questo detto tutto.Burp
  • Anonimo scrive:
    Faccio notare...
    ...che C&C Generals NON è stato programmato dai ragazzi di Westwood Studios, i quali hanno kiusi i battenti proprio questo mese.Per altro si nota anke nei titoli: una scritta avvisa che il gioco è ispirato alla serie C&C dei Westwood.Si chiama videogioco, non videorealtà: per quest'ultima abbiamo già la tv.
  • avvelenato scrive:
    Re: Vediamo un po meglio
    come ho già detto, si presume che quando una persona acquista un certo tipo di prodotto, ad una certa età, abbia già le basi per poter esprimere un'opinione personale.il videogioco serve a far divertire, il resto è fuffa.lasciatelo comprare, non cambieranno certo idea a chi sulla guerra, quella vera, ha già opinioni forti a riguardo.io per esempio non escluderei un acquisto simile, ma rimango pacifista convinto.(cmq alcuni dicono il gioco in questione sia brutto...)
  • Locke scrive:
    Re: Vediamo un po meglio
    - Scritto da: OpenCurcio

    il motivo della censura e' che il gioco fa
    PROPAGANDA alla guerra come mezzo per
    risolvere i conflitti cosa innegabile, la
    propaganda guerrafondaia potrebbe prender
    ben piede per la somiglianza del gioco con
    le cronache di guerra angloamericaneHai ragione, purtroppo... ehi non nel senso che mi spiace che tu abbia ragione, ma nel senso che è la triste verità, e lo si evince già dall'introduzione:Nel mondo moderno, i grandi leaders risolvono i conflitti con le parole. Parole come: Lanciamissili Scud!Bombardamento a tappeto!Missili Tomahawk!Bah... scelta di pessimo gusto, EA.
    • avvelenato scrive:
      Re: Vediamo un po meglio
      - Scritto da: Locke

      Hai ragione, purtroppo... ehi non nel senso
      che mi spiace che tu abbia ragione, ma nel
      senso che è la triste verità, e lo si evince
      già dall'introduzione:

      Nel mondo moderno, i grandi leaders
      risolvono i conflitti con le parole.

      Parole come:

      Lanciamissili Scud!
      Bombardamento a tappeto!
      Missili Tomahawk!

      Bah... scelta di pessimo gusto, EA.boh, interpretala come vuoi.. a me fa tanto venire in mente un tentativo di parodizzazione mal riuscito di un certo comportamento dei Grandi Lidersinsomma poi le parodie bisogna saperle fare, altrimenti molti prendono sul serio ciò che non è...avvelenato che ha amato Duke Nukem3d
  • Anonimo scrive:
    Come al solito...
    I governanti fanno un sacco di confusione tra realta' e fantasia cosi' ci troviamo invischiati in guerre vere con veri morti e ci vietano di giocare quelle fasulle.E' come se ad un bambino togli i fucile giocattolo dicendo che la guerra e' un cosa ignobile e poi gli consegni un fucile vero e gli dici di andare ad ammazzare il "nemico".Oltre al danno anche la beffa. :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: Come al solito...
      - Scritto da: Anonimo
      I governanti fanno un sacco di confusione
      tra realta' e fantasia cosi' ci troviamo
      invischiati in guerre vere con veri morti e
      ci vietano di giocare quelle fasulle.

      E' come se ad un bambino togli i fucile
      giocattolo dicendo che la guerra e' un cosa
      ignobile e poi gli consegni un fucile vero e
      gli dici di andare ad ammazzare il "nemico".

      Oltre al danno anche la beffa. :-(educhiamo i figli alla diserzione insegnamoli che la guerrafa male e non e' bella anche talvolta serve a cacciare chi ci opprime : un tiranno una nazione che occupama questa e' gia DISERZIONE
  • Anonimo scrive:
    Shadowbane: solo per gli americani
    A proposito di censure e discriminazioni, lo sapete che il gioco Shadowbane, un MMORPG da giocare online, uscito giusto oggi, potrà essere giocato solo dagli americani ?Già, perchè ogni tentativo di entrare in gioco utilizzando carte di credito non americane verrà bloccato.
  • Anonimo scrive:
    Soldatini...
    Effettivamente Berlino sembra spesso accanirsi su delle fisime da avvocato.Anni fa Wolfenstein 3D aveva subito un processo simile: la Germania infatti proibiva il sangue rosso nei videogames.Così il mitico wolf3d aveva il sangue dei soldati colorato di verde...Da noi in Italia invece si è presentato un problema simile per Mafia; a livello internazionale invece ci fu il caso di Carmageddon.Io continuo a sostenere che, nel caso che il gioco si presenti in soggettiva o in terza persona, o nel caso che sia uno strategico o un action-game, alla fine è sempre il meccanismo dei soldatini di stagno (o piombo o plastica)... ci sono sempre stati i bambini che giocavano alla guerra, solo che una volta era solo tutto più artigianale.Cmq mi piacerebbe quanti sono i bambini che hanno la pazienza di giocare a Generals... quello è un gioco per grandi, almeno quanto lo è una noiosissima partita di scacchi... Generals è solo moooolto più brutto.... :P
    • OpenCurcio scrive:
      Re: Soldatini...


      Io continuo a sostenere che, nel caso che il
      gioco si presenti in soggettiva o in terza
      persona, o nel caso che sia uno strategico o
      un action-game, alla fine è sempre il
      meccanismo dei soldatini di stagno (o piombo
      o plastica)... ci sono sempre stati i
      bambini che giocavano alla guerra, solo che
      una volta era solo tutto più artigianale.Non e' uguale.come un "arcade" o uno "shot'em up" non e' come uno strategicomentre quake o unreal e' Visibilmente finzione basato su istinti (simile ai bambini che facevano pam pam con la pistola)gli strategici (i soldatini dei giorni d'oggi) sono subdolii soldatini muovevi dei soldati di plastica(o altro materiale)e alla tv vedevi soldati ben di versi e case in fiammeoggigiorno la differenza tra uno strategico(ma anche un simulatore militare di volo, di tank) e una cronaca di guerra e' minima (ovvero la presenza delle TV arabe(almeno per l'iraq))di fatto gli strategici soprattutto i piu recenti hanno il compito con la CNN di normalizzare la guerra di abituare alla guerra che tanto e' lontana, e' uno "show" come la notte degli oscar, come un concerto degli stones un evento mediatico come un altro o come (ripetendomi)"il pianeta dove c'e' empre la guerra"OpenCurcio (disertore contro la guerra e gli eroi di guerra)*** e se si girano gli eserciti e spariscono gli eroi se la guerra adesso cominciamo a farla noi non sorridete gli spari sopra sono per voi***
  • Anonimo scrive:
    cheppalleeeeeeeee censura del 8====
    la censura è una gran brutta bestia.non volete vedere un importante documento in cui uccidono in diretta due soldati?bene, non guardatelo.ma non impedite la sua diffusione.è crudo, è durissimo, ma esiste.non volete che i vostri bimbi imparino la violenza? educateli.ma che non giochino ai soldatini moderni? ma per favore!!!!!!!sono giochi di strategia!poi magari si massacrano in classe tra loro e cosa dite in quel caso? "devi imparare a difenderti! non fare la femminuccia!" bella merda, bello stress!!!cerchiamo di avere un po' di buon senso altrimenti si devono anche censurare i FILM di guerra (stranamente in questi anni, non so se avete notato, da PRIMA dell' 11 settembre ci sono state DECINE di film di guerra ... )
    • Anonimo scrive:
      Re: cheppalleeeeeeeee censura del 8====
      - Scritto da: Anonimo
      (un carroarmato che se passa
      sopra ai rimasugli dei carri nemici si
      potenzia,con cannoni al limite del
      ridicolo......per favore ;P).E perchè, il cecchino terrorista capace di rendere neutrale il veicolo uccidendo il conducente? Posso capire una Jeep o un'ambulanza, ma un carro Overlord che avrà un metro di spessore di armatura di titanio? =)No no ma Generals è un ottimo gioco eh, è raro trovare uno strategico dove puoi vincere tutte le missioni usando una sola unità in grande numeri =) una soddisfazione che solo la saga di C&C può darti.Imparassero qualcosa da Starcraft...
    • OpenCurcio scrive:
      Re: cheppalleeeeeeeee censura del 8====
      - Scritto da: Anonimo
      la censura è una gran brutta bestia.
      non volete vedere un importante documento in
      cui uccidono in diretta due soldati?
      bene, non guardatelo.
      ma non impedite la sua diffusione.
      è crudo, è durissimo, ma esiste.ma non lo fanno vedere

      non volete che i vostri bimbi imparino la
      violenza? educateli.concordo
      ma che non giochino ai soldatini moderni? ma
      per favore!!!!!!!
      sono giochi di strategia!i giochi di strategia ABITUANO alla guerra dato che le loro immagini non sono dissimili dalle cronache tv
      poi magari si massacrano in classe tra loro
      e cosa dite in quel caso? "devi imparare a
      difenderti! non fare la femminuccia!" bella
      merda, bello stress!!!
      l'autodifesa e' un diritto la guerra no, ovvero se mio figlio(che non ho)venisse aggredito o buleggiato lo inviterei all'autodifesa se bulleggiasse cercherei di fargli capire che non si fa..anche se va ammesso che se arriva a bulleggiare io sono gia sconfitto
      cerchiamo di avere un po' di buon senso
      altrimenti si devono anche censurare i FILM
      di guerra (stranamente in questi anni, non
      so se avete notato, da PRIMA dell' 11
      settembre ci sono state DECINE di film di
      guerra ... )io sono contro i film di guerra "eroici" e a favore di quelli crudiin modo che si sappia cos'e' la guerra, che i bambini e gli adulti vengan traumatizzati dalle immagini di guerra di fame e miseria, che vedano morti feriti gravi corpi lacerati e invalidi permanenti che vedano civili uccisi dai soldati e bambini affamati dalla carestia voglio che vedano le torture dei prigionieri e che vedano i carceri di saddam ma anche le prigioni di guantanamo voglio che l'eroe sia un resistente o un disertore che sia un contadino che difenda la terra, che il soldato sovietico in afganistan o lo yankee in vietnam sia fatto vedere come cio che e' un assassino un criminale spesso uno stupratore, un ladro meno john waine e meno rambo e piu "nati il 4 luglio" piu disertoriOpenCurcio*** ...e a tutti gridero di non partire piu e di non obbedire per andare a morire per non importa chi, se poi vi servira delsangue ad ogni costo andate a dare il VOSTRO se vi divertira ***
  • Locke scrive:
    Non compratelo...
    ... è una monnezza di gioco comunque, migliore di altre porcate westwood del passato ( Tiberian Sun, Red Alert 2, Emperor: Battle for Dune ) ma rasenta sempre la schifezzaRisparmiate i soldini per qualche altro bel gioco oppure scaricatelo da qualche ftp, questa volta non ci soo neanche i filmati che giustificano l'acquisto dei cd originali.
    • pikappa scrive:
      Re: Non compratelo...
      - Scritto da: Locke
      ... è una monnezza di gioco comunque,
      migliore di altre porcate westwood del
      passato ( Tiberian Sun, Red Alert 2,
      Emperor: Battle for Dune ) ma rasenta sempre
      la schifezzaIl fatto che a te faccia schifo non giustifica la censura, a me personalmente red alert 2 è piaciuto molto e continuo a giocarci tuttora(sopratutto in multiplayer)
      Risparmiate i soldini per qualche altro bel
      gioco oppure scaricatelo da qualche ftp,
      questa volta non ci soo neanche i filmati
      che giustificano l'acquisto dei cd
      originali.Complimenti per il suggerimento!
      • Locke scrive:
        Re: Non compratelo...
        - Scritto da: pikappa

        Il fatto che a te faccia schifo non
        giustifica la censura, a me personalmente
        red alert 2 è piaciuto molto e continuo a
        giocarci tuttora(sopratutto in multiplayer)Azzo deve essere divertentissimo spendere una fortuna in mouse a partita perchè consumi il tasto del mouse sull'icona del carro armato per costruirne i più possibili, fare un bel rettangolone grosso come tutta la mappa e cliccare sulla base nemica, sperando che nel frattempo abbia costruito meno carri armati di te =) davvero ciò che uno strategico con le palle dovrebbe offrire, altro che piani strategici, diversivi e gestione delle unità =)Per non parlare poi dell'ottimo supporto che offre la westwood, con Tiberian Sun (comprato originale, tragico errore) non riuscivo a giocare online perchè mi dava errore di account bloccato durante la connessione (anche appena creato e con cd-key mia, non era di nessun'altro). Risultato? Dovevo giocare sui server non ufficiali dove non c'era nessuno e alle mail di richieste di aiuto rispondeva sempre un auto mailer che non serviva a niente... forse erano tutti troppo intenti a massare heavy tanks =)
  • Anonimo scrive:
    Giusto...
    un par de palle (da calcio).E' incredibile come si proibiscano GIOCHI pensando che possano SQUILIBRARE le persone mentre EQUILIBRATISSIMI governanti la stanno facendo davvero.Per quel che mi riguarda la guerra nel mondo ci sarà sempre perchè chi non la prova sulla propria pelle prima o poi ci ricasca, però i videogiochi lasciamoli fuori perfavore, magari anche Bush poteva sfogarsi così....
    • sammm scrive:
      Re: Giusto...
      - Scritto da: Anonimo
      un par de palle (da calcio).

      E' incredibile come si proibiscano GIOCHI
      pensando che possano SQUILIBRARE le persone
      mentre EQUILIBRATISSIMI governanti la stanno
      facendo davvero.

      Per quel che mi riguarda la guerra nel mondo
      ci sarà sempre perchè chi non la prova sulla
      propria pelle prima o poi ci ricasca, però i
      videogiochi lasciamoli fuori perfavore,
      magari anche Bush poteva sfogarsi così....ci hanno provato: purtroppo al buon George Walker Texas Ranger Bush non è bastato...:(sammm
  • Anonimo scrive:
    Vi ricordate mafia?
    Questa vicenda mi ricorda molto il polverone sollevato qui da noi per il gioco Mafia...Un consiglio per i vari politici di tutte le nazioni:"non prendete tanto alla leggera decisioni su cose che non conoscete..."penso comunque che non la capiranno mai :Dciao-Wergio
    • Anonimo scrive:
      Re: Vi ricordate mafia?
      - Scritto da: Anonimo
      Questa vicenda mi ricorda molto il polverone
      sollevato qui da noi per il gioco Mafia...Non ne so niente... che polverone era stato sollevato?Cmq mafia era fatto bene però mi annoiava a morte. Specialmente per le sparatorie non era per niente realistico.
  • avvelenato scrive:
    offesa alle capacità critiche
    La censura è un'offesa alle capacità critiche dei consumatori.io sono per la pace.la guerra (in genere, non mi riferisco a questa) ha fascino, negarlo è una puttanata.(non il fascino sadico, ma quello della strategia)che la gente scelga come meglio crede i videogiochi, i propri media, e le proprie opinioniavvelenato contro la censura, contro la guerra, e contro il caro-videogiochi(ps: ovviamente un minimo di censura è necessaria per proteggere persone con una mentalità non ancora formata... in questo senso sono concorde al proibire pubblicità al prodotto dove queste potessero in qualche modo raggiungere un pubblico non maturo...)
    • hoff scrive:
      Re: offesa alle capacità critiche
      Scusami tanto ma quello che dici non basta e, detto da solo, è semplicemente orrendo. Intendiamoci: io sono anarchico e quindi mai e poi mai potrei essere dalla parte della censura, nemmeno quando ne comprendo e condivido gli scopi.Ma è ovvio che questa è una situazione molto particolare!!La censura in questo campo esiste già. Infatti i telegiornali e i giornali, che dovrebbero fare informazione, non la fanno: si autocensurano e come se non bastasse vengono censurati anche da altri. Dovrebbero mostrare le immagini che raccontano cosa sia davvero la guerra, e invece non accade. Quando un giornalista osa troppo, si scatena contro di lui l'ira dei benpensanti. E la scusa addotta a tutta questa censura è che le immagini vere sono troppo crude e violente.In compenso, ben vengano i videogiochi. Quelli dove devi uccidere la gente e quando ci riesci guadagni dei punti. Quelli dove non c'è nessun rispetto per la vita umana e le vittime non piangono. Dove non ci sono madri che stringono piccoli cadaveri tra le braccia o poveri vecchi con la casa distrutta che non sanno dove andare.Dici che la guerra ha un fascino. Quella dei videogiochi ce l'ha, e te credo, è una finta realtà in cui perfino la morte crea divertimento. Ma quella non è la guerra, quella è una specie di malattia dell'immaginario collettivo. Quella che ho appena descritto io invece è guerra. Ha un fascino? Davvero? C'è qualcosa di divertente in uno scenario simile?Non ce l'ho con te, condivido parte di quello che hai detto. Ma spero che tu rifletta su una cosa: se dici che la guerra ha un suo fascino è perchè i videogiochi non vengono censurati e le immagini vere si. E se tu hai l'intelligenza di ammettere semplicemente che ha un suo fascino, sappi che molta, moltissima, troppa gente, si esalta a guardare le foto delle armi e delle esplosioni. Ecco l'effetto della censura mirata, quella che esiste già, che nessuno critica e che tutti sostengono. Proviamo a non censurare la verità, invece di incazzarci perchè viene censurato un giochino.
      • avvelenato scrive:
        ot: Re: offesa alle capacità critiche
        io non condivido, e argomento così la mia affermazione "la guerra -tutta- ha anche fascino"la gestione di un esercito e la pianificazione di strategie atte a conquistare obbiettivi sono prove intellettuali che possono suscitare fascino in chi è attratto dal pianificare e razionalizzare...questo fascino si scontra con il lato negativo, che come giustamente sottolinei, è presente solo nella guerra vera. Le morti mai piante abbastanza, le famiglie disperate, le persone messe a disagio. Questo dovrebbe essere sufficiente a tutti i non sadici per aborrire le guerre vere, e ad amareggiarsi profondamente qualora fossero l' ultima risorsa .nei videogiochi questa componente negativa non sussiste, ma si presuppone che chi vi gioca abbia un'età sufficiente a stabilire il confine tra virtuale e reale (16anni bastano? mah. io credo anche 14....)avvelenato pacifista e che ama più l'istinto e la frenesia impulsiva dei fps alla strategia pianificata con raziocinio e sanguefreddo
        • OpenCurcio scrive:
          Re: ot: Re: offesa alle capacità critiche
          - Scritto da: avvelenato
          io non condivido, e argomento così la mia
          affermazione "la guerra -tutta- ha anche
          fascino"purtroppo e' vero, la strategia affascina stimola e diverte(scacchi e risiko! docet) ma purtroppo i videogiochi di startegia non si limitano al fronteggiamento quasi cavalleresco di Risiko! e Scacchi ma permettono di bombardare

          la gestione di un esercito e la
          pianificazione di strategie atte a
          conquistare obbiettivi sono prove
          intellettuali che possono suscitare fascino
          in chi è attratto dal pianificare e
          razionalizzare...potrebbero giocare a scacchi :-)

          questo fascino si scontra con il lato
          negativo, che come giustamente sottolinei, è
          presente solo nella guerra vera. Le morti
          mai piante abbastanza, le famiglie
          disperate, le persone messe a disagio.
          Questo dovrebbe essere sufficiente a tutti i
          non sadici per aborrire le guerre vere, e ad
          amareggiarsi profondamente qualora fossero
          l' ultima risorsa .il problema oggi e' la videogiochizzazione della guerra, non fosse per i pochi inviati a bagdad e per le tv arabe che mostrano gli effetti della guerra vedremmo..come capita..le immagini dell videocamere montate sui missili con l'obbiettivo che come in un videogioco si avvicina e poi scompare la guerra come "divertimento" come "show" (all'invasione di haiti i generali volevano una notte di luna piena per evitare il fuoco amico la CNN chiese una notte buia perche "viene meglio in TV")ma purtroppo questo show ha delle vittime mentre gli spettatori sono al sicuro (mi ricorda un po "il pianeta dove c'e' sempre la guerra" in galaxy express)


          nei videogiochi questa componente negativa
          non sussiste, ma si presuppone che chi vi
          gioca abbia un'età sufficiente a stabilire
          il confine tra virtuale e reale (16anni
          bastano? mah. io credo anche 14....)
          vedi il problema e' che oggi la guerra in tv e' show, videogiochizzata e il confine tra videogioco e immagini reali e' piu sottile ad ogni guerra schede tecniche degli armamenti cartine con i movimenti di truppe e i focolai di battagliacomunque personalmente sono contrario alle censurema penso che occorre una maggiore educazione alla "Pace"

          avvelenato pacifista e che ama più l'istinto
          e la frenesia impulsiva dei fps alla
          strategia pianificata con raziocinio e
          sanguefreddoOpenCurcio *** Contro la guerra del capitale autoorganizzazione di massa e di classe ***
    • Anonimo scrive:
      Re: offesa alle capacità critiche

      che la gente scelga come meglio crede i
      videogiochi, i propri media, e le proprie
      opinionie ci siamo.
      avvelenato contro la censura, contro la
      guerra, e contro il caro-videogiochie ci siamo pure qui
      (ps: ovviamente un minimo di censura è
      necessaria per proteggere persone con una
      mentalità non ancora formata... in questo
      senso sono concorde al proibire pubblicità
      al prodotto dove queste potessero in qualche
      modo raggiungere un pubblico non maturo...)e qui dici il contrario!!!!!!!!!cazzo!!!!!!!!
      • avvelenato scrive:
        Re: offesa alle capacità critiche
        beh, io non me la sentirei di far vedere certe cose ad un bambino.è ancora plagiabile e non ha le "capacità critiche" sulla quale si basa il mio dissenso alla censura.non mi sembra tanto difficile da capirlo.. cmq su La7 gira una pubblicità dove informano di una "fascia protetta" nei quali i bambini non verranno sottoposti a pubblicità e programmi offensivi, e non verranno neanche merceologizzati e sfruttati.
        • OpenCurcio scrive:
          Re: offesa alle capacità critiche
          - Scritto da: avvelenato
          beh, io non me la sentirei di far vedere
          certe cose ad un bambino.

          è ancora plagiabile e non ha le "capacità
          critiche" sulla quale si basa il mio
          dissenso alla censura.secondo me anche gli adulti (o meglio la maggiorparte)sono plagiabili poichè il VideoGame con la Disinformazione di guerra ABITUA alla guerra, diventa normale,naturale se ne perde la sensibilità (se non per 4 preti e 4 comunisti bigotti moraIisti e rompicoglioni)le capacita critiche han bisogno di elementi informativi non sempre facilmente raggiungibili(devi sbatterti)dato che i media sono monopolizzati dal "potere" e dai "guerrafondai"

        • hoff scrive:
          Re: offesa alle capacità critiche
          - Scritto da: avvelenato
          beh, io non me la sentirei di far vedere
          certe cose ad un bambino.

          è ancora plagiabile e non ha le "capacità
          critiche" Appunto: quindi non bisogna fargli vedere la guerra come un gioco! Mentre i lati negativi, anzi orribili della guerra, quelli che citavo nell'altro messaggio, deve vederli tutti. Deve capire com'è il mondo. Nascondendoglielo credi che gli si faccia del bene?
Chiudi i commenti