Chiacchieri gratis se ti curi la TBC

Il trattamento della malattia prevede una cura che richiede costanza. Dal MIT di Boston un progetto che prevede di premiare i pazienti più virtuosi con bonus in traffico telefonico

Roma – Qual è il trattamento più efficace contro la tubercolosi? Ovviamente la soluzione migliore è la presenza di un medico e un’adeguata terapia farmacologica. Che solitamente si articola su svariate medicine, da assumere per mesi o per anni. Una cura che richiede costanza e che non sempre viene rispettata dai pazienti, ma al MIT di Boston hanno pensato a una soluzione: le telefonate gratuite .

Qualcuno potrà chiedersi, non a sproposito, quale sia il nesso tra il trattamento e le telefonate. Come spiegato da Wired , per molto tempo i medici hanno faticato a convincere i propri pazienti a seguire con precisione la cura prescritta, che solo se presa con meticolosità può portare buoni risultati.

Ora, un gruppo di ricerca del MIT dichiara di aver sviluppato un sistema di motivazione per i pazienti affetti da tubercolosi, in grado di dare risultati molto incoraggianti. La procedura è semplice: il paziente deve sottoporsi ad un auto-test delle proprie urine, utilizzando una strip che mostra un codice numerico qualora vengano rilevate le tracce di un farmaco per la TBC. Inviando un SMS con tale codice ad un determinato numero telefonico, potrà ottenere una sorta di incentivo, ad esempio un bonus in traffico telefonico.

Il dottor Mario Raviglione, responsabile di un programma per combattere la TBC condotto per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha definito “creativo” il progetto proposto dal MIT, che prevede l’impiego di strumenti di test che evitano al paziente monitoraggi assistiti da personale medico, ma avverte che spesso i programmi basati sull’auto-diagnosi e i test svolti in autonomia non vanno a buon fine: “Potrebbe essere un gioco pericoloso contare su incentivi come questi” ha dichiarato.

Il gruppo di lavoro che ha curato questo modello per il MIT lo ha presentato in occasione della competizione IDEAS , che chiede ai partecipanti di proporre soluzioni per problemi di rilevanza globale. Jose Gomez-Marquez, uno dei project leader, ha dichiarato che la scelta è caduta sui bonus in traffico telefonico perché si tratta di un servizio che ha un mercato di grande rilievo, con una domanda sempre in crescita, legato alla possibilità di avere un contatto umano. Che per un paziente in cura per una grave malattia può rivelarsi un’efficace medicina.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • coservi scrive:
    Popcorn?
    Ma con le microonde che emette il telefonino... non è che mentre parli ti scoppia in mano come un popocorn?
  • Enjoy with Us scrive:
    Megastronzata Ecologista!
    1. ciò che inquina in un cellulare è in massima parte l'elettronica e la pila2. Le bioplastiche (tipo mater B)andranno anche bene per posate piatti e buste di plastica, ma non hanno la resistenza delle plastiche convenzionali, tendono a sciogliersi a contatto del sudore. Poco male per posate usa e getta, ma il cellulare di solito lo uso per qualche anno (Si personalmente cambio cellulare solo quando le batterie sono morte e trovo un cellulare che costi non più di tre batterie nuove, l'ultimo preso 6 mesi fa l'ho pagato 29.90 Euro compresi 5 euro di traffico e ha lo schermo a colori le suonerie polifoniche 1 Mb di ram e la batteria al litio).
  • MeMedesimo scrive:
    ...se le risorse alimentari fossero...
    ...infinite sarebbe pur sempre una buona notizia, peccato però che non lo sono.. Tra biocarburanti, bioplastica ed altri utilizzi delle risorse alimentari, ridurremo un po' l'inquinamento (positivo), ma rischiamo un ulteriore impoverimento delle risorse a scapito della parte più povera del mondo (non so se avete seguito la recente conferenza della FAO a riguardo, certo lì si parlava principalmente di biocarburanti, ma alla fine le risorse sono sempre quelle...)
  • Guru Meditation scrive:
    e quello ad uso alimentare?
    Adesso si usa il mais per i biocarburanti, per i sacchetti del supermercato, per la plastica dei telefonini.... così facendo, nel giro di qualche anno, un kg di mais arriverà a costare almeno 5 euro. E' la legge del mercato, aumenta la richiesta e di conseguenza aumenta il prezzo; e il mais da mangiare? Probabilmente diventerà più conveniente il caviale.(geek)
    • rock3r scrive:
      Re: e quello ad uso alimentare?
      - Scritto da: Guru Meditation
      Adesso si usa il mais per i biocarburanti, per i
      sacchetti del supermercato, per la plastica dei
      telefonini.... così facendo, nel giro di qualche
      anno, un kg di mais arriverà a costare almeno 5
      euro. E' la legge del mercato, aumenta la
      richiesta e di conseguenza aumenta il prezzo; e
      il mais da mangiare? Probabilmente diventerà più
      conveniente il
      caviale.(geek)quoto in pieno!
    • partner55391912 scrive:
      Re: e quello ad uso alimentare?
      Speriamo che non arrivino ad usare l'acqua come carburante, altrimenti ci toccherà bere petrolio.
      • Joliet Jake scrive:
        Re: e quello ad uso alimentare?
        E' quello che è successo col biodisel...
      • Luca Mercatanti scrive:
        Re: e quello ad uso alimentare?
        Non so se avete visto il telegiornale ieri: hanno inventato una macchina ad acqua che con 1 solo litro fa 80km ad una velocità di 90km/h
        • Lino Maia scrive:
          Re: e quello ad uso alimentare?
          - Scritto da: Luca Mercatanti
          Non so se avete visto il telegiornale ieri: hanno
          inventato una macchina ad acqua che con 1 solo
          litro fa 80km ad una velocità di
          90km/hE si si si (hic!) ahahaha ed è pure buonissima quell'acqua (hic!) ehehehe vinassa vinnassa e fiaschi de vin.....
          • Luca Mercatanti scrive:
            Re: e quello ad uso alimentare?
            -.-" Se non guardi il telegiornale non è certo colpa mia
          • Lino Maia scrive:
            Re: e quello ad uso alimentare?
            - Scritto da: Luca Mercatanti
            -.-" Se non guardi il telegiornale non è certo
            colpa
            mia.Ma era una battuta "acqua-vite" opss non ho messo la faccina :-) Cmq l'ho visto il servizio e di auto che vanno ad acqua se ne parla da vent'anni, ma se parla e basta, se ci fosse la volonta le alternative ci sarebbero, cavolo! siamo andati sulla luna e ancora per muoverci usiamo il petrolio.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: e quello ad uso alimentare?
          contenuto non disponibile
          • Luca Mercatanti scrive:
            Re: e quello ad uso alimentare?
            Comunque è ancora un prototipo, è di origine Giapponese, più di questo non ricordo.
    • Guido La Vespa scrive:
      Re: e quello ad uso alimentare?
      - Scritto da: Guru Meditation
      Adesso si usa il mais per i biocarburanti, per i
      sacchetti del supermercato, per la plastica dei
      telefonini.... così facendo, nel giro di qualche
      anno, un kg di mais arriverà a costare almeno 5
      euro. E' la legge del mercato, aumenta la
      richiesta e di conseguenza aumenta il prezzo; e
      il mais da mangiare? Probabilmente diventerà più
      conveniente il
      caviale.(geek)Mettere più mais... no eh?
    • upper scrive:
      Re: e quello ad uso alimentare?
      Solo per il tuo nick ti dico che sei un grande :D
  • Joliet Jake scrive:
    Plastica al mais su Topolino
    Tipo 20 (venti) anni fa, su Topolino regalavano un orologio da polso fatto con plastica al mais.Ovviamente fino ad oggi non ne avevo più sentito parlare di questa "novità"... :s
    • krane scrive:
      Re: Plastica al mais su Topolino
      - Scritto da: Joliet Jake
      Tipo 20 (venti) anni fa, su Topolino regalavano
      un orologio da polso fatto con plastica al
      mais.
      Ovviamente fino ad oggi non ne avevo più sentito
      parlare di questa "novità"...
      :sIn seguito ha ancora regalato un paio di biro della stessa plastica.
    • Streamer scrive:
      Re: Plastica al mais su Topolino
      - Scritto da: Joliet Jake
      Tipo 20 (venti) anni fa, su Topolino regalavano
      un orologio da polso fatto con plastica al
      mais.
      Ovviamente fino ad oggi non ne avevo più sentito
      parlare di questa
      "novità"...
      :sC'era anche altro, tipo una macchinetta fotografica di Topolino, e altri giocattoli, che da quanto mi ricordo iniziavano presto a deteriorarsi, però erano un passo avanti.
      • Joliet Jake scrive:
        Re: Plastica al mais su Topolino
        Si è vero.Dopo alcuni mesi inziavano ad "ammuffire"... :DMa almeno era un'idea. Bastava implementarla e investirci qualcosa. Immagino che questo cellulare duri un pò di più...
        • Shingo Tamai scrive:
          Re: Plastica al mais su Topolino
          - Scritto da: Joliet Jake
          Si è vero.
          Dopo alcuni mesi inziavano ad "ammuffire"... :D
          Ma almeno era un'idea. Bastava implementarla e
          investirci qualcosa. Immagino che questo
          cellulare duri un pò di
          più...Era un brevetto italiano della montedison:http://aconservativemind.blogspot.com/2006/05/la-bottiglia-ricavata-dal-mais-ovvero.htmlSaluti.
  • ... scrive:
    IL MAIS...
    La moda del momento vuole che tutto sia di mais.Tra una decina di anni la terra vista dallo spazio sarà gialla.
    • Mech scrive:
      Re: IL MAIS...
      - Scritto da: ...
      La moda del momento vuole che tutto sia di mais.

      Tra una decina di anni la terra vista dallo
      spazio sarà
      gialla.Speriamo che grazie al Sole e all'Ozono non aumenti la temperatura sulla terra, altrimenti ad un certo punto si sentirà un enorme:"POP!"E gli alieni si troveranno un pianeta pop-corn da sgranocchiare! :P
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: IL MAIS...
      - Scritto da: ...
      La moda del momento vuole che tutto sia di mais.

      Tra una decina di anni la terra vista dallo
      spazio sarà
      gialla.Si ma non per il mais per i Cinesi!
  • Lino Maia scrive:
    Bisogna fare attenzione
    Se andate a Venezia ora che non vendono più i sacchettini di mais in piazza san marco, fate attenzione a non far cadere il cellulare a terra altrimenti i colombi ve lo sbranano :-)
  • m3l scrive:
    Re: Ma che idiozie
    sarà, ma considera che solo in italia c'è una media di 2 cellulari per utente, quindi volendo essere pessimisti un 45-50 milioni di cellulari che insieme fanno un bel mucchio di rifiuti scarsamente riciclabili.
    • YellowT scrive:
      Re: Ma che idiozie
      2 cellulare a utente fanno 50 milioni?Mi sa che non hai tanto idea di quanti siamo in Italia...
      • Guru Meditation scrive:
        Re: Ma che idiozie
        Vabbè, considerando che mio figlio di 3 anni e mia nonna non lo usano, la stima non è poi tanto sbagliata. ;)
  • Spectator scrive:
    quindi invece di buttarlo...
    uno ci mette un po' di burro, lo mette in microonde e buon appetito!
Chiudi i commenti