Chrome 11 ascolta

La nuova versione stabile del browser Google trasforma le parole in testo con la tecnologia del riconoscimento vocale

Roma – Al nuovo Chrome manca solo la parola. Con il nuovo aggiornamento (11.0.696.57) i tecnici Google hanno appena promosso da Beta a stabile anche il riconoscimento vocale che traduce automaticamente in testo le parole dettate via microfono. La funzione potrà essere usata per riempire i campi di testo incontrati nelle pagine web senza toccare la tastiera, ma per adesso funziona solo con Google Translate.

Puntando con Chrome 11 sulla pagina del servizio di traduzioni messo in piedi da Mountain View, vedremo comparire l’icona del plug-in a forma di microfono proprio nei pressi del campo da riempire. Il sistema sfrutta le API HTML5 per l’input vocale, come il noto plug-in Speechify realizzato dai Dugley Labs. Per il momento la magia della dettatura è limitata soltanto alla pronuncia inglese.

Tra le altre novità confermate da questo aggiornamento, introdotte nella beta di marzo, troviamo poi l’accelerazione via GPU anche per la grafica 3D presente nelle pagine realizzate in CSS e una serie di bugfix che vanno a risolvere 25 vulnerabilità più o meno critiche.

Con l’update stabile destinato a Windows, Mac, Linux, debutta in maniera più “ufficiale” anche il nuovo logo del browser, completamente ridisegnato, che lascia a casa la profondità per tornare ad un design bidimensionale.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • collione scrive:
    poche applicazioni?
    ci hanno presi per fessi?terahertz? ve li ricordate? i famosi body scanner? e non solo body ovviamente, ma anche bunker scanner e chissà che altroovvio che un mantellone del genere verrà installato a breve al norad come minimo e chissà in quante altre strutture militari ( anche straniere )praticamente questo sistema è il metodo più rapido per tenere alla larga i satelliti spionisperiamo che entro pochi anni avremo anche vestiti fatti con questo polimero così fregheremo quei vermi dei body scanner :D
  • coccobanana scrive:
    Ottimo!
    Qui a Cambridge lavoro sull'analisi di materiali farmaceutici a queste frequenze, ed uno dei principali problemi e che non ci sono guide d'onda a queste frequenze. Buono a sapersi, per una volta PI e' utile :D
    • ephestione scrive:
      Re: Ottimo!
      Senza nessuna intenzione polemica/provocatoria, credimi, tuttavia se lavori a Cambridge dovresti avere/seguire fonti di informazioni ben più sostanziose, rapide e attendibili di PI :D
  • attonito scrive:
    Magnifica superXXXXXla!
    a leggerla velocemente viene fuori una superXXXXXla non indifferente.
Chiudi i commenti