Ci sarà il Sole nei network mobili di domani

Il mercato della telefonia mobile cresce nei Paesi in via di sviluppo e per dare energia alle stazioni base delle reti si lavora sempre di più su impianti solari

Roma – La telefonia mobile si espande in tutto il mondo e questa espansione si traduce nella necessità di avere nuove stazioni radio base, che richiedono energia per il loro funzionamento. Nei Paesi emergenti e in via di sviluppo ci sono grande possibilità per ricavare energia solare e, secondo alcune stime, entro il 2013 saranno installate nel mondo 335mila stazioni con questo tipo di alimentazione.

Secondo quanto riportato da Cellular-news , ABI Research vede un luminoso futuro per le stazioni di telefonia mobile ad energia solare. Stuart Carlaw, vice presidente ABI, stima che inizialmente questa energia naturale e pulita sarà utilizzata insieme ad altre fonti primarie come il gasolio e le reti già presenti, per poi assumere il ruolo di fonte di energia primaria: “Il mercato delle stazioni base alimentate autonomamente ad energia solare si allargherà, dagli odierni modesti livelli di oggi a oltre 40mila stazioni entro la fine del 2013. A queste si andranno ad aggiungere 295mila stazioni che, all’alimentazione attuale, saranno integrate con tecnologia solare.

Se l’energia proveniente dal sole è ritenuta il futuro in questo settore, è anche vero che non è l’unica possibilità per ottenere energia pulita e rinnovabile: gli impianti eolici, ad esempio, possono potenzialmente accumulare più potenza in aree in cui c’è meno disponibilità di raccolta di energia solare, ma si tratta di una fonte più “imprevedibile”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti