Ci si evolva, si usi l'e-learning

Questa l'idea di fondo del ministro Stanca, secondo cui formazione professionale, scuola, università, ricerca e riqualificazione della PA passano per l'apprendimento hi-tech


Milano – “L’e-Learning è risorsa fondamentale per aumentare e accreditare la conoscenza”. Questo il pensiero del ministro all’Innovazione Lucio Stanca intervenuto ad un convegno di ANEE a Milano.

Secondo Stanca l’e-learning, l’apprendimento a distanza realizzato attraverso le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, sarà per l’Italia la chiave di volta per la riqualificazione e formazione. L’obiettivo è quello di coinvolgere le imprese che, fino ad oggi, hanno mostrato davvero poca propensione all’uso delle piattaforme di e-learning. Solo il 2 per cento delle imprese, secondo i dati forniti dal Ministero, utilizza questo strumento

“Con il ministro Marzano – ha affermato Stanca – stiamo lavorando perché il prossimo Documento di programmazione economica finanziaria indirizzi il rapporto fra imprese, specie quelle piccole, e innovazione tecnologica. Gli orientamenti della nostra azione – ha spiegato – si basano sia sulla premialità dell’uso innovativo delle tecnologie digitali in tutte le iniziative di sostegno; sia sulla definizione di un provvedimento organico di semplice accessibilità per promuovere nel tempo investimenti mirati all’innovazione lungo tutte le componenti della catena del valore (conoscenza-ricerca-innovazione)”.

Traducendo, Stanca pensa a sostenere gli investimenti delle imprese che vorranno adottare questo strumento che, per essere utilizzato appieno, ha però bisogno anche di infrastrutture all’altezza, come il broad band.

“Uno dei fattori abilitanti di questo strumento – ha continuato Stanca – è proprio la larga banda, su cui siamo impegnati con iniziative per favorirne la diffusione nel Paese, a partire dal Sud, dove esiste un digital divide determinato da una presenza di fibra ottica inferiore al 30% della media nazionale”.

L’e-learning è poi, come già noto, uno dei nodi centrali sui quali punta anche il ministero all’Istruzione che ha firmato con quello all’Innovazione un decreto che punta all’Università a distanza. Stanca ha poi anche spiegato che “tra gli obiettivi di legislatura si punta ad ottenere che un terzo delle ore di formazione nelle pubbliche amministrazioni centrali sia erogato attraverso l’e-learning. Già quest’anno alcune amministrazioni ed enti pubblici stanno attivando per questo risorse importanti”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • the_speck scrive:
    Non importa se e' down. Serve a ben poco
    Io sto a Novara. L'altro giorno Novara era citata in tutte, dico tutte, le fasce orarie, come a dire: "mi arrogo il diritto di tagliarti la corrente in un momento imprecisato della giornata".Che servizio e' questo? Mi sembra grottesco che con gli investimenti in IT che l'Enel ha fatto non siano in grado di dire l'ora esatta almeno delle vie o dei quartieri.A fronte di un piano di spegnimento che *sicuramente* non puo' essere improvvisato, ci sara' una tabella che associa gli utenti ai vari nodi che vengono scollegati. Quindi non vedo difficolta' tecniche nel permettere al singolo utente di sapere in maniera puntuale di che morte deve morire. Invece niente di niente. Mah...
  • Anonimo scrive:
    Re: Secondo me il server si e' incasinato

    Inoltre ricaricando la homepage anche 40
    volte l'errore era sempre quello. Cavolo allora devono anche implementare un generatore random di messaggi di errore! gli utenti si annoiano... ma lo capisci che quelli come te che in presenza di errore lo vanno a pompare 40 volte sono la rovina della rete? oltretutto a scrocco dal datore di lavoro e con un big pipe, consuma... ottimo.
    E io ieri mattina dovevo mandare un sms dal
    sito dell'enel.
    E ieri sera ne ho mandato un'altro che oggi
    alle ore 9:04 non e' ancora arrivato!Inaccettabile! Ragazzi DOVEVA mandare un sms dal sito dell'enel... altrimenti la sua ragazza non lo riconosce, il tirchio, si preoccupa se arriva nu sms dal suo vero numero...grave disservizio questo dell'sms dal sito del'ENEL eh si... altro che black out!
    Pessimo il servizio del sito dell'enel, che
    tra l'altro si caratterizza sempre con
    notizie palesemente schierate a sinistra.Aaah accoci arrivati al capolinea! cosa ca** ci sta a dire questa conclusione, non voglio neanche chiedermelo.beh allora aspetto il tuo sms, miraccomando a scrocco durante il blackout
  • Anonimo scrive:
    Nelle applicazioni di e-comm...
    Si fa un semplice calcolo basato sulla banda passante disponibile e quindi sulla stima del numero massimo di accessi contemporanei possibili, qualche test sulle performance del server con quel carico e festa finita.Non useranno mica un 468???!!!! :D :D :DSe sai che il server non regge, contatta i giornali on line ed invia a loro gli aggiornamenti della cartina nessuno ti dira' di no :D
  • Anonimo scrive:
    Risolvete il problema: usate Apache
    Si era incasinato il web server, come al solito IIS era andato in crisi...Hanno speso miliardi tra progettazione e sw microsoft e questi sono i risultati...E pensare che potrebbero risolvere questi problemi mettendo linux ed apache...Ah, ma tanto siamo noi a pagare...Chris
    • Anonimo scrive:
      Re: Risolvete il problema: usate Apache
      - Scritto da: Anonimo
      Si era incasinato il web server, come al
      solito IIS era andato in crisi...

      Hanno speso miliardi tra progettazione e sw
      microsoft e questi sono i risultati...

      E pensare che potrebbero risolvere questi
      problemi mettendo linux ed apache...

      Ah, ma tanto siamo noi a pagare...

      Chrissparisci trollone
  • Anonimo scrive:
    Re: Secondo me il server si e' incasinato
    Vero! Infatti altre parti del sito erano navigabili.Comunque, sono messi male......
    • Anonimo scrive:
      Re: Secondo me il server si e' incasinat
      le pagine dinamiche (asp, php, jsp) devono essere trasformate in HTML prima di essere inviate al browser dell'utente.Questa "trasformazione" occupa tempo di processore, quindi è è possibile che le pagine già in formato HTML vengano visualizzate senza problemi, mentre quelle dinamiche subiscano dei rallentamenti dovuti a problemi all'interprete, solitamente per eccessivo carico: (numero script * tempo processore occupato)
      • Anonimo scrive:
        Re: Secondo me il server si e' incasinat
        quello che sarebbe servito è utilizzare Load Runner per fare una serie di test di carico seri e poi usare sitescope per un monitoraggio di base.che tristezza 2003 e c'è ancora chi non sa cosa sia il test.F
Chiudi i commenti