Cina, 10 anni allo scrittore anticomunista

Ren Ziyuan, insegnante 27enne, è stato condannato a 10 anni di reclusione per avere scritto online quello che pensa. La sua colpa è avere usato Internet per criticare il regime pechinese
Ren Ziyuan, insegnante 27enne, è stato condannato a 10 anni di reclusione per avere scritto online quello che pensa. La sua colpa è avere usato Internet per criticare il regime pechinese


Pechino – Il Tribunale del Popolo di Shandong ha condannato a dieci anni di reclusione il 27enne Ren Ziyuan, arrestato lo scorso maggio dalle guardie rosse telematiche per attività sovversiva . Il giovane, insegnante di una scuola media, aveva pubblicato sul web un articolo intitolato Il cammino verso la democrazia .

“Ren non ha voluto ammettere la propria colpevolezza di fronte ai giudici”, raccontano gli attivisti dell’associazione Human Rights in China . Le autorità cinesi hanno optato per il massimo della pena poiché dagli scritti di Ren Ziyuan, stando ai verbali del processo, traspare “l’incitamento alla rivolta violenta ed armata contro la tirannia”.

Zhang Chengmao, il legale di Ren, ha fatto sapere ai reporter di Reuters che “il mio cliente è soltanto un insegnante con le proprie idee, mai rimasto coinvolto in atti violenti contro lo Stato”. L’avvocato dice che i giudici “non hanno presentato prove sostanziali nell’accusa contro Ren Ziyuan”, il che getta un alone di mistero sul caso. Al contrario di quanto accaduto nel recente passato , nessuna azienda occidentale è rimasta coinvolta nella condanna del dissidente.

Secondo questa versione, il giovane Ren non sarebbe un violento rivoluzionario ma solo l’ennesima vittima della censura online in Cina . Un fenomeno diffuso ed ormai noto in tutto il Mondo, che il premier Wen Jiabao ha recentemente descritto come “modello di libertà responsabile ” e “libertà d’espressione nel rispetto della legalità”.

Alla luce della condanna di Ren, Reporters Sans Frontières ha riservato parole durissime al governo cinese: “Non è possibile affermare il principio della libertà d’espressione e poi condannare un cittadino semplicemente sulla base di affermazioni e dichiarazioni”. RSF dichiara quindi che “persino il Manifesto del Partito Comunista , base ideologica dei moderni partiti comunisti redatta nel 1848 da Marx ed Engels, termina con l’incitamento del proletariato alla rivolta riottosa, condotta con ogni mezzo, per ribaltare l’attuale sistema sociale “.

“Il governo cinese non ammette assolutamente alcun tipo di libertà d’espressione e di stampa”, sostiene Vincent Brossel, direttore del gruppo di studio parigino di RSF completamente dedicato all’Asia. “Non hanno nessuna intenzione di accettare questi principi fondamentali per la democrazia, non hanno nessun interesse ad accettare un modello liberale ed occidentale per i mass-media”.

Persino la BBC , talvolta celebrata per incarnare il difficilissimo archetipo di neutralità ed obiettività giornalistica , è dovuta scendere ai patti con Pechino per aprire un portale online in cinese . Xiao Qiang, sinologo presso la Berkeley University , sottolinea che “il servizio pubblico britannico ha dovuto diluire la propria obiettività in cambio di una posizione nel promettente mercato online cinese”, così da evitare il blocco dei firewall di stato .

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 03 2006
Link copiato negli appunti