Cina, beccati col videogioco nel piatto

I cybercop cinesi vogliono dimostrare che la pirateria professionale viene perseguita. Si parte con un videogioco online. Duplicato illegalmente

Roma – Priston Tale è un MMORPG , un gioco di ruolo massivo online, risalente al 2002, ma la sua veneranda età non ha impedito a cinque pirati cinesi di provare a profittarne gestendo un server di gioco non autorizzato . I cinque sono stati ora arrestati e messi in prigione, nonostante a loro dire l’attività del server non abbia garantito il flusso di denaro che si aspettavano.

L’unica software house autorizzata a gestire i server di Priston Tale in Cina è Shanghai Yetime Ltd. , che ora sostiene di aver perso centinaia di migliaia di dollari in mancati ricavi a causa dell’operato di Yan Shaodong, il 33enne che nel 2006 ha acquistato una copia illegale del gioco in versione giapponese.

Dopo questo primo acquisto, Shaodong ha assunto i suoi complici, cioè quattro programmatori con il compito di tradurre il gioco in cinese ed occuparsi della gestione del server. Come ogni MMORPG che si rispetti, Priston Tale necessita di due diverse componenti software per funzionare: il server, a cui è possibile collegarsi per interagire con il mondo di gioco e gli altri giocatori e il client, disponibile gratuitamente per gli utenti che si troveranno a pagare solo in caso di acquisto di oggetti aggiuntivi nel metamondo .

L’attività di compravendita dell’armamentario, unica fonte di guadagno per i gestori dei server, è secondo Shanghai Yetime ancora profittevole, nonostante Priston Tale soffra il fardello degli anni e della concorrenza di titoli sulla breccia del calibro di World of Warcraft . I pirati, secondo quanto comunicato dalla società, le avrebbero fatto perdere quasi 400mila dollari in mancati ricavi .

Non è dello stesso parere Shaodong, che durante il processo ha rivelato di aver guadagnato soltanto 9.500 dollari dagli acquisti dei giocatori prima dell’arresto avvenuto nel maggio scorso, e di averci sostanzialmente rimesso di tasca propria dopo aver pagato le spese per le macchine, la connessione del server e il salario ai 4 impiegati.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Violet Song jat Shariff scrive:
    Delirio di onnipotenza
    "e Dio vide che era cosa buona.."Questi della RIAA si stanno allargando un pò troppo anche con i commenti, altro che cosa buona e giusta.E poi la stima dei danni con quale criterio l'hanno fatta, gia che i file sono stati distribuiti ad un "numero imprecisato" di utenti?
  • ... scrive:
    Caxxo RIAA
    Avete imitato una nota della mia magnificentissima melodia "Sturmscoreggpompen". Non me ne frega niente se per produrla c'ho speso l'equivalente di un chilo di fagioli VOI MI DOVETE 5 MILIARDI DI EURO
  • Pippo scopa scrive:
    valore di una persona
    Per la RIAA, mentre ciascuna di quelle canzoni vale più di 9000$, la vita di quella persona non vale un bel niente. Il giudice, secondo la legge, gli dà ragione.. un bel esempio quanto la legge in oggetto sia malata e faziosa, poiché provoca più danni di quelli che vuole risolvere.
    • Enrico scrive:
      Re: valore di una persona
      In realtà il giudice non ha ancora dato ragione alla RIAA... speriamo che non si verifichi, altrimenti diventerà un pericoloso precedente...Enrico
  • Sgabbio scrive:
    Che facce di tolla
    ma che vadano a zappare l'orto è imparano l'umiltà...
Chiudi i commenti