Cina, guerra del Popolo contro il porno

La delazione funziona: raccolte più di 22mila segnalazioni sul sito governativo dedicato. Gli utenti cinesi denunciano alle autorità chi si esprime troppo liberamente o pubblica foto osé, dannose per i giovani

Pechino – “Una Guerra del Popolo”. Così il presidente cinese Hu Jintao, dal marzo 2003 l’uomo più potente dell’oligarchia comunista pechinese, ha definito lo svilupparsi della grande battaglia contro la pornografia via Internet, ritenuta l’emblema della decadenza del mondo occidentale oltreché un danno insostenibile per le menti dei giovani cinesi.

L’accelerazione contro quelli che sono da sempre contenuti Internet invisi all’apparatchick è rappresentata da un ultimatum contro i webmaster lanciato dalle autorità. Secondo tale ultimatum chiunque abbia sulle proprie pagine web dei contenuti di tipo pornografico, come le immagini provocanti ampiamente utilizzate anche in Cina per attirare visitatori sul proprio sito, deve rimuoverle entro settembre . Non si tratta quindi soltanto di siti “specializzati” e interamente dedicati al porno ma anche di spazi web che indugiano nel pubblicare, tra le altre cose, anche immagini trasgressive . Chi non eseguirà l’ordine non solo vedrà sospesa la licenza di pubblicare il proprio sito ma diverrà anche obiettivo del pugno di ferro antiporno del regime, che potrà concretizzarsi anche con pene detentive. In questo senso vengono lette le dichiarazioni del ministro della Pubblica sicurezza Zhou Yongkang secondo cui chi viola la legge deve essere punito con estrema severità.

Per i webmaster l’ultimatum non è da sottovalutare. Non solo le autorità cinesi hanno già individuato almeno 500 siti a rischio , secondo quanto riportato dall’agenzia ufficiale Xinhua, ma soprattutto sono inondati dalle delazioni dei cittadini : sarebbero infatti decine di migliaia coloro che rispondendo ad un appello governativo si sarebbero trasformati in crociati dell’antiporno, segnalando la presenza di “scollatezze” e altri contenuti sgraditi al regime su molti siti cinesi.

Il presidente cinese Secondo Xinhua , infatti, il vicedirettore dell’Ufficio dell’Informazione del Consiglio di Stato, Cai Mingzhao, ha dichiarato che sono più di 22mila le segnalazioni inviate dai cittadini dall’inizio del mese, quando il servizio di raccolta delle delazioni fu allestito. Notizie che, oltretutto, consentono alle autorità di muoversi spacciando la propria azione come frutto dell’indignazione popolare .

Inutile dire che il timore degli osservatori internazionali, quelli che in questi anni hanno assistito al giro di vite del regime contro siti e newsgroup o alla condanna ai lavori forzati per i cyberdissidenti , è che la lotta alla pornografia web costituisca un nuovo e più efficace strumento di controllo politico su quanto avviene sulla rete cinese. In questo senso, peraltro, vengono letti episodi come la chiusura di migliaia di internet café o l’ intercettazione di massa degli SMS .

Secondo Cai, però, la guerra al porno web è un’esigenza imprescindibile, perché si tratta di materiali che “aggrediscono gravemente la società, inquinano l’ambiente sociale e danneggiano la salute fisica e psicologica dei giovani”.

Da segnalare che, contestualmente alla battaglia contro il porno, si moltiplicano le iniziative delle autorità per diffondere l’educazione sessuale anche nelle province rurali e anche nelle scuole elementari. Un’esigenza che si sposa con l’ormai storica necessità di assicurare un ferreo controllo sulle nascite.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Claudio Rossin scrive:
    Richiesta di attivazione ADSL telecom
    Buongiorno, scrivo da Botteghino di Zocca frazione del comune di Pianoro in provincia di Bologna, anche qui l'adsl non è ancora arrivata, chiedo la cortesia di poter riceve via mail la copia della sua richiesta da far firmare ai miei compaesani e richiedere alla Telecom l'attivazione del l'adsl nel paesino dove abito.Mail: c.rossin@libero.itGrazie per l'attenzione rivoltami.Cordiali saluti.Claudio
  • natascia mazzoni scrive:
    richiesta adsl
    Ciao anche io sarei interessata ad avere la bozza della domanda che hai fatto alla telecom per avere ADSL in zona non coperta.Ti ringrazio anticipatamente puoi inviarmela a cantina.ilglicine@libero.it
    • armando scrive:
      Re: richiesta adsl
      Ciao anche io non sono coperto dall adsl il comune e tivoli terme ( roma )mi faresti sapere anche a me via emai dinogall@hotmail.it la lettera che hai mandato cosi provvedero anche io grazie
  • michele cioria scrive:
    Adsl
    In risposta alla vicenda come ottenere l'Adsl nel mio paese ci siamo attivati più volte con raccolte di firme e poi inoltrate a Telecom con la partecipazione del comune ma fin ora non abbiamo avuto nessun risultato , solo prese in giro da parte di Telecom ,dimenticavo il mio paese si trova in provincia di Avellino si chiama Vallesaccarda .Grazie Michele
  • mazinga60 scrive:
    help adsl
    La mia storia è senza fine.....Abito a San Martino in Campo, una frazione di Perugia non coperta da ADSL. A Gennaio ho sottoscritto un abbonamento pre-WIMAX con una azienda del settore.In data 16/05/2008 ho fatto domanda di recesso del contratto in quanto Internet funziona bene, ma la telefonia Voip no, e sono spesso scollegato per guasti.Sono stato contattato il 02/05/2008 da un call-center Telecom che mi informava di essere raggiunto da ADSL, ed infatti sul sito 187 Telecom ad oggi risulto raggiunto da ADSL, ma sottoscritto una richiesta di rientro con Telecom, dopo l'intervento di un loro tecnico in centrale, risulto a suo dire non attivabile.Chiamato il 187 mi dicono che il servizio risulta vendibile e che sarà attivato successivamente alla linea telefonica.Ieri 20/05/2008 mi chiama il corriere TNT per dirmi che Martedì ricevero un pacco Telecom credo contenente il modem ALICE e l' apparecchio telefonico Aladino.Il risultato? Non riesco a sapere se sono coperto da ADSL oppure no.A Voi ogni commento in merito.....
  • gianluca scrive:
    Re: Indirizzo Telecom e bozza della lettera
    ciao potresti inviarmi la bozza della raccomandata?? grazie mille la mia e-mail è : falbo.gianluca@hotmail.it ciao e grazie ancora
    • Vecchi Giovanni scrive:
      Re: Indirizzo Telecom e bozza della lettera
      Potrei avere anche io la bozza della lettera?Graziegnagnibu@libero.it
  • Anonimo scrive:
    adsl aiuto!"!!
    io vorrei l'adsl nel mio paese ma quelli della telecom non muovono un dito per metterlo. HO provato a telefonare una volta e mi anno detto che alla fine del mese lo mettevano invece non hanno fatto un c***o e io devo usare internet con una velocità che fa veramente Schifo e adesso non c'è neanche una data futura. Se qualcuno sa come fare a muovere il c***o a quelli li mi potreste contattarmi a danieleferraris@infinito.it AIUTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    URGENTE! Devo contattare l'autore dell'a
    Ho bisogno urgente di contattare l'autore dell'articolo per avere maggiori informazioni riguardo alla sua iniziativa..marcopagnoni@hotmail.comCiaooo
  • Anonimo scrive:
    Dopo oltre due anni ...
    ... ho perso le speranze ...E' inutile dire che sei stato un grande a scrivere e ottenere ciò che volevi (io sono oltre 2 anni che una volta al mese chiamo il 187 e chiedo di reinoltrare la mia richiesta di attivazione ADSL) .... potresti cortesemente mandare anche a me il testo della richiesta? (ken_astiNO SPAM@libero.it)Grazie milleGianlucaPS: ovviamente togli la scritta no spam dall'indirizzo email ;)PSS: grazie veramente
  • Anonimo scrive:
    Re: Indirizzo Telecom e bozza della lettera
    Ciao a tutti, sono incappato in una situazione analoga alla vostra e vorrei intraprendere anche io la strada della raccolta firme con lettera.Potrei avere anche io una bozza della lettera o potete indicarmi dove posso trovarla??Il mio indirizzo è :marco_cav@libero.itCiao e GrazieMarco Cavaglià
  • Faus74 scrive:
    dove sei?????
    Ho urgente bisogno di contattare l'autore della lettera,help meFAUS74
  • Anonimo scrive:
    Re: Indirizzo Telecom e bozza della lett
    ciaomi associo alle altre eprsone che hanno richiesto la bozza della lettera mandata alla telecompotresti inviarla anche all'indirizzo simonbis@interfree.it ?grazie millecya
  • Anonimo scrive:
    Re: Il modello USA???
    quella di civiltà che i genitori insegnano ai propri figli, la scuola riesce a cancellarla in meno di 2 anni.è inutilesarebbe molto più semplice "civilizzare" un popolo barbaro
  • Anonimo scrive:
    ADSL : MAI !!!!
    Ciao a tutti, mi chiamo Franco e ho già scritto su questo forum con un topic dal titolo
  • Anonimo scrive:
    Re: Indirizzo Telecom e bozza della lettera
    Ciao,se è possibile avere una bozza della lettera anche per me all'indirizzo marco-k@libero.it!Grazie mille!!!
  • alfalui scrive:
    Re: Domanda per l'autore
    Volevo chiedere all'autore se è possibile avere il testo della lettera alla telecom e quello della raccolta firme dato che ho intenzione di fare lo stesso tentativo per il mio paese. Grazie
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Mi vergogno anch'io di lavorare in un'azienda (quella...della scatola) capace di "precipitare" in un call center un lavoratore dopo 25 anni di anzianità, bruciando professionalità e competenze,umiliando la personalità e la dignità dell'uomo. Mi hanno detto che in altre realtà c'è chi viene licenziato, picchiato o fucilato. Ma che significa? Dove ci porterà questa logica demenziale e nichilista? Ora comprendo di aver sbagliato alla fine degli anni 70, quando presentai domanda di assunzione in quella società, perchè mi sono rovinato la vita.
  • Anonimo scrive:
    Re: Indirizzo Telecom e bozza della lettera
    Salve,mi rivolgo alla persona che è riuscita ad ottenere ADSL. Sarei interessato a sapere qual'è l'indirizzo al quale bisogna inviare la raccomandata e possibilmente una bozza della lettera che avete utilizzato. Io sinceramente non saprei cosa scriverci nella lettera e non vorrei rischiare ne' di essere troppo vago ne' di essere troppo "arrabbiato" Penso che sarebbe cosa gradita a tutti se tale bozza venisse pubblicata da qualche parte.Se ti serve lo spazio per farlo, basta che me lo fai sapere.Distinti Saluti.Scusate se ho copiato posso anche darti il mio indirizzo e-mail perche' sono interessato anch'io ad avere quella bozza.Ti ringrazio infinitamente.Maurizio.La mia e-mail: maurizio_79@hotmail.com
    • HamsterP scrive:
      Re: Indirizzo Telecom e bozza della lettera
      Anch'io (e molti come me, ne sono certo!) sono molto interessato alla bozza e se possibile vorrei riceverne una copia:hamsterpowerprod@yahoo.itTi ringrazio infinitamente.
      • antsori scrive:
        Re: Indirizzo Telecom e bozza della lettera
        Un cordiale saluto a tutti coloro che stanno facendo tanto per portare il progresso anche nelle zone depresse della società dell'informazione. E' dal 20/07/2004 che sto conducendo una battaglia a suon di E-Mail con il sito business di Telecom Italia (www.191.biz) per ottenere richieste simili a quelle di riagg, così mi pare sia il nick usato, ottenendo misere risposte del tipo: "Gent.le cliente non possiamo che confermarLe quanto anticipatoLe con le nostre precedenti comunicazioni. Cordiali saluti. Team e-care 191", in parole povere nessuna risposta ai quesiti inoltrati con ben 4 richieste di sollecito. Pertanto sarei ben felice anch'io di ricevere la bozza della lettera e l'indirizzo a cui inviare il tutto; la mia E-Mail è antsori@tim.it. Ringrazio anticipatamente per il buon senso dimostrato, magari fossero tutti come lei!
  • rjagg scrive:
    Re: perché ti sei accanito solo con telecom?
    Ho scritto a Telecom perché è Telecom che deve fornire il servizio pubblico e se non lo fornisce può essere attaccata in sede penale per interruzione di pubblico servizio.Ciao,Angelo
    • Anonimo scrive:
      Re: perché ti sei accanito solo con telecom?
      E' inutile dire che sei stato un grande a scrivere e ottenere ciò che volevi (io sono oltre 2 anni che una volta al mese chiamo il 187 e chiedo di reinoltrare la mia richiesta di attivazione ADSL) .... potresti cortesemente mandare anche a me il testo della richiesta? (ken_astiNO SPAM@libero.it)Grazie mille;););)GianlucaPS: ovviamente togli la scritta no spam dall'indirizzo emailPSS: grazie veramente
  • rjagg scrive:
    Re: PER L'AUTORE DELLA LETTERA....
    Possiamo scriverci a questo indirizzo rjagg@tiscali.itSpero di poter esserTi utile.Ciao,Angelo
  • rjagg scrive:
    Re: un grande, ma non funziona sempre.
    Sono solo un imprenditore di me stesso e svolgo una professione antica come il mondo...Non sono gradito ai miei colleghi perché i compromessi, specie sulla pelle degli altri, non mi piacciono e credo che, vivendo una volta sola, quando si ha la fortuna di avere il lavoro e la fiducia delle persone che si rivolgono a te, si abbia anche il dovere di condividere la propria esperienza nel dare fastidio a questi potentati economici che ci hanno sempre trattato come polli da spennare e mai come persone da ascoltare.Ho agito in modo il più possibile anonimo (vivo in un paese di 600 abitanti e mi chiamano "l'orso" perché non sono molto disponibile alla vita sociale ad ogni costo).Il mio commento non vuol essere un auto elogio né un predicozzo è solo il mio pensiero.Grazie per avermi letto.Ciao,Angelo
  • rjagg scrive:
    Re: Indirizzo Telecom e bozza della lettera
    La bozza posso, con il consenso della redazione, pubblicarla qui e, se vuoi, anche dove mi puoi indicare Tu. Fammi sapere.Io la lettera l'avevo indirizzata alla Telecom Italia SpA sede di Torino (abito in provincia di Verbania, Regione Piemonte).Penso che sia lo stesso per ogni Regione.Ciao,Angelo
  • rjagg scrive:
    Re: Una Scatola??
    Ti leggo oggi e Ti ringrazio per le precisazioni tecniche.Non sembra possibile ma la mia iniziativa (presa in un comune di 600 anime) ha stimolato (dopo le elezioni) l'interesse dell'amministrazione locale e ciò a dimostrare quanto avevi ragione nel sostenere che era ed è un dovere delle amministrazioni pubbliche attivarsi per l'interesse dei cittadini.Il Tuo intervento è stato molto utile e mi ha permesso di comprendere anche quanto mi avessero riferito vere e proprie cretinate (vedi scatola..).Come Te preferisco l'anonimato ma se mi volessi scrivere mi farebbe piacere poterti dare qualche dritta per il rapporto di lavoro con la Telecom.Ciao,Angelo
  • rjagg scrive:
    Re: Domanda per l'autore
    Le firme erano circa 200 e riportavano il nome dell'abbonato, il n° di tel. ed il Codice Fiscale.
  • Anonimo scrive:
    solo telecom adsl :-(
    alla faccia della libera concorrenza....se fanno tutti cosi', sfido che telecom ha il 60 % del mercatoche tristezza
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    - Scritto da: Anonimo
    Cito

    "Telecom, per fornire il servizio Adsl, deve
    solo collegare nella propria centrale una
    scatola ai numeri telefonici che collegano
    la zona interessata (da qui il mancato
    collegamento di 2 abbonati, vicini di casa
    ma collegati diversamente presso la centrale
    Telecom);"

    Premetto che sono un tecnico Telecom Italia
    e questa cavolata della scatola da mettere
    in centrale è una falsità:
    Sono comunque contento della soluzione

    Senza diventare eccessivamente tecnico ...

    La scatola, come erroneamente riportato
    nell'articolo, e' un apparato prodotto da
    Marconi Italia, Alcatel ed altri produttori
    che per mezzo di un flusso a 34 Mbit/s o 155
    Mbit/s collega la centrale al mondo ATM.
    Il flusso SDH a 34Mbit/s (o a 155 Mbits)
    serve a connettere l'A3x alla rete ATM e
    quindi ad Internet e presume l'esistenza di
    un terminale di linea SDH almeno a 155
    Mbit/s.

    Inserire i due terminali ha un costo non
    certo equiparabile a quello di una scatola
    come erroneamente citato dal vostro
    articolo.

    Senza andare su siti tecnici eccovi una
    semplice struttura
    users.unimi.it/metis/tesi/cap9/cap9pag3.htm

    ... e qui (www.marconi.com /) potete
    visualizzare eventualmente dei terminali di
    linea SDH (cercate p.e. MSH11C)

    Secondo appunto. I collegamenti venduti a
    secondi gestori (quali Wind, Tele2 ed altri)
    vengono pagati alla Telecom ad un quarto del
    costo. Cioe' se l'utente paga 200 il secondo
    gestore (OLO) paga un 50. E, aggiungo,
    diverse centrali hanno le salette OLO che
    permettono l'attestazione diretta delle
    centrali telefoniche a casa cliente ma i
    secondi gestori preferiscono non usare
    questa soluzione.

    La soluzione adottata è stata
    comunque ottima e, aggiungo, dovrebbero
    essere le amministrazioni locali a chiederlo
    (come hanno fatto in diverse localita')
    Inoltre, aggiungo, provate a chiedere l'ADSL
    senza avere una linea telefonica in casa.
    Cosa vi risponde l'operatore? "No senza
    telefono non e' possibile" e invece e
    possibilissimo (cercate Energit ADSL p.e) e
    qui spendo invece due parole sull call
    center che, oltre che ad essere
    esternalizzato fuori orario base, è
    spesso equiparabile ad un lager e spesso le
    chiamate sono indirizzate verso altre zone,
    e il personale non è formato su
    quello che deve vendere e, se prova a
    lamentarsi, viene sopposto a trattamenti che
    spesso e volentieri sono equiparabili a
    mobbing.
    Io opero sulle reti a lunga distanza (quindi
    per mia fortuna non vedo il cliente) e sto
    assistendo (assieme ad altri colleghi) ad un
    impoverimento generale:

    Quest'anno (per la seconda volta nella
    storia di Sip e Telecom) per la seconda
    volta la Telecom Italia chiude per ferie (o
    meglio i reparti non operativi) e se prima
    era all'inizio dell'anno ora e' la seconda
    quindicina di Agosto.

    Noi tecnici invece non è che stiamo
    bene, prima avevamo una "nicchia" sul quale
    operare mentre oggi da un giorno all'altro,
    persone abituate ad installare ISDN o
    telefoni a casa utente sono state sbattute
    ad installare Router ADSL quando non hanno
    quasi neppure l'esperienza per usare un
    computer e, anche qui, sindacati assenti
    ("ringrazia che hai un lavoro") e rischio di
    essere sbattuto al 187 se appena appena fai
    notare che ...
    Gente che prima sapeva gestire guasti su
    terminali a lunga distanza ora è
    costretta a tappare i buchi delle
    esternalizzazioni e da guasti "importanti"
    spesso è costretta a salire sui pali
    in campagna per verificare gli isolatori o a
    svuotare le gettoniere delle cabine
    telefoniche (per non parlare poi di vendere
    Aladino e altri aggeggi)
    In pratica si sta livellando verso il basso
    e i corsi oramai sono pura fantascienza,
    mentre il mondo delle TLC corre in avanti.
    E infine, dulcis in fundo, i tecnici sono
    controllati da un sistema chiamato WFM che
    ti dice dove stai lavorando e quanto ci
    metti, con le statistiche e e i cazziatoni
    perche' non hai interrotto il guasto e preso
    l'attivita' successiva che da più
    punti al tuo capo per il premio di fine
    anno.

    Telecom Italia oggi e' grossomodo cosi':
    Telefonia Pubblica? Esternalizzata
    Linee Telefoniche Urbane? Esternalizzate per
    installazioni
    Automezzi? Esternalizzate
    187 ? Esternalizzato al 50%
    Sistemi di gestione e spedizione ?
    Esternalizzate
    Installazione rete a lunga distanza?
    Esternalizzata al 50%

    Io mi vergogno oggi di lavorare per Telecom
    Italia e probabilmente alcune cose che ho
    scritto non sono autorizzato a farlo dalla
    policy interna, sopratutto la situazione del
    personale.
    Pertano preferisco rimanere anonimo...mannaggia la pupazza
  • zobia scrive:
    una bella storia
    Ho ordinato circa una settimana fa una connessione ADSL di NGI 640/256 a canone fisso. Fino ad alcune settimane fa, in quanto utente Telecom Italia, ero subissato giornalmente di telefonate per vendermi una ADSL di Telecom, ma ho sempre risposto picche, per vari motivi. Stamattina chiama un personaggio di Telecom per prendere appuntamento per venerdì per installare l'ADSL (ho una linea ISDN quindi l'intervento è necessario) e se ne esce con una frase che suonava più o meno così: "Come mai ora lei ha comperato ADSL da un altro operatore se a me ha sempre detto di non volerla?".Ogni commento (da parte mia) è superfluo.
  • Anonimo scrive:
    Indirizzo Telecom e bozza della lettera
    Salve,mi rivolgo alla persona che è riuscita ad ottenere ADSL. Sarei interessato a sapere qual'è l'indirizzo al quale bisogna inviare la raccomandata e possibilmente una bozza della lettera che avete utilizzato. Io sinceramente non saprei cosa scriverci nella lettera e non vorrei rischiare ne' di essere troppo vago ne' di essere troppo "arrabbiato" :)Penso che sarebbe cosa gradita a tutti se tale bozza venisse pubblicata da qualche parte.Se ti serve lo spazio per farlo, basta che me lo fai sapere.Distinti Saluti.
  • rjagg scrive:
    Re: Domanda per l'autore
    Le firme erano circa 100 (tanti risultavano gli abbonati).Ciao,Angelo
  • rjagg scrive:
    Re: Breve considerazione
    Da rjagg (autore lettera) a Mokambo:Temo di non essermi spiegato bene:Non abbiamo sottoscritto né chiesto abbonamenti ADSL. Abbiamo costretto Telecom a collegare la linea liberi di collegarci all'operatore preferito.Cordiali saluti,Angelo
  • Akiro scrive:
    un altra idea
    se vuoi sveltir le pratiche ti basta sottoscriver l'abbonamento con un altro operatore (tipo Wind), vedrai che prima dell'attivazione ti chiamerà la Telecom per
  • Sky scrive:
    Re: Una Scatola??
    Sono "contento" di leggere queste cose, soprattutto per il modo circostanziato, piano e corretto con cui sono state esposte. Personalmente ho lavorato assieme a tecnici Telecom per anni (ero sistemista TLC nel CED di una banca) e ne ho sempre ammirato la professionalità (parlo degli anni '90). Devo purtroppo riportare, come parecchi di voi si saranno indubbiamente già accorti, che metodi come quelli riferiti investono ora anche il sistema bancario: sempre meno professionalità e sempre più "venditori di aria fritta"... mentre chi "fa notare che esisterebbe anche un'etica e, soprattutto un cliente verso il quale essere responsabili" viene immediatamente marginalizzato e deprofessionalizzato, quando non ridicolizzato. Oramai "tutto è call center" (credetemi: ci "lavoro")... come se bastasse una voce a sistemare i problemi: dietro di essa dovrebbe esserci un servizio tecnico che "si sporca le mani" ed un sistema che funziona. E invece no: appalti esterni, outsourcing (e, credetemi, quando sentite un manager cominciare a parlare inglese... scappate!!!) e tutto quanto possa deresponsabilizzare la ditta in quanto, a loro dire, "la qualità non paga" (se non a parole ovviamente). Mi verrebbe da dire che tutto il mondo produttivo sta viaggiando lungo questa direttrice "new economy", ma sarebbe una facile generalizzazione di dubbia utilità: sicuramente il mondo bancario, con fusioni, incorporazioni ed altro (e vogliamo parlare dei licenz... ehm... "esuberi"?), sta "allineandosi" a questi comportamenti, utili economicamente nel breve periodo, ma non credo nel medio/lungo termine. Volevo infine solidarizzare con i tecnici Telecom che hanno scritto in quanto loro "fratello virtuale" e portatore dello stesso disagio. "noi tecnici" siamo un pò tutti come il salame nel panino: da un lato il cliente che pretende (giustamente) il servizio e dall'altra la ditta che non ci dà i mezzi per fornirlo... dopo averne opportunamente sbandierato sia disponibilità sia semi-gratuità.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    oiiiiiii
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    non capisco come tut abbia fatto!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: A volte non basta provare
    Mi sa che hai fatto una cappella perche' so di una persona che voelva staccarsi da telecom e rimanere sotto Wind-Infostrada ma che e' stata consigliata dall'operatore (stranamente competente) di richiedere l'attivaziona ADSL prima dell'unbundling. In pratica se si inverte l'ordine la Telecom non puo' piu' attivare la ADSL su quella linea a quanto pare, e la Telecom e' quella che attiva anche le ADSL di Infostrada e degli altri operatori!
  • Anonimo scrive:
    per il tecnico telecom
    per il tecnico telecome la redazione.il suo post e il + utile letto damesi..propongo ch ein maniera anonima il tecnico continuui a postare sui funzionamenti interni di telecom e dell adslovviamente in maniera anonima affinche non perda il lavoro
  • Anonimo scrive:
    Re: che..un piccolo inganno
    chiaramente la richiesta la faccio per il vero numero dell azienda che pero fa parte delmio stesso ditretto telefonico..nono sonomica cosi pirla
  • Anonimo scrive:
    che..un piccolo inganno
    che dite..se telefono da una cabina pubblica facendo finta di essere il responsabile informatico di una azione che neccessita telecom mi fanno la copertura ?al 187 si accorgono dahce numero proviene la chiamata?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una cosa simile
    - Scritto da: Anonimo
    Io ho fatto una cosa simile.

    Gli ho scritto con la carta intestata della
    mia azienda dicendo che ero una persona che
    fa il telelavoro e che necessitavo dell'ADSL
    per fare una VPN e poter lavorare da casa.

    Non era vero niente, ma ha funzionato!
    Scrivete a fastweb, per le aziende cabla anche in cima alle Alpi ormai.. :) E poi ha l'hdsl per le aziende, se non erro anche flat ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Io ci ho provato :(
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Anche io o ci ho provato,.

    Raccomandate alla sede locale, alla
    sede di

    Roma, al

    ministro delle telecomunicazioni, al
    garante

    delle

    telecomunicazioni....



    Il risultato e' che purtroppo nella mia
    zona

    pare che manchino

    proprio delle centraline "ripetitrici"
    per

    portare il segnale

    ADSL sino alla centrale, e non hanno
    nessuna

    intenzione di

    costruirle per solo un paio di utenti.



    Come alternativa mi hanno proposto una
    bella

    HDSL, gia'

    presente in zona in quanto utilizzata da

    vari gestori di

    telefonia mobile per trasportare i
    segnali

    in centrale,

    purtroppo pero' il garante permette la

    vendita di HDSL solo a

    consumo,

    0,1 secondi di google:
    www.it.easynet.net/solutions/hdsl.asp
    basta scrivere "hdsl flat offerte"
    Sì, ma i costi li hai visti prima di postare? :o

    con il risultato che la bolletta

    mensile si

    aggirerebbe sui 1000 Euro Mese tra
    canone,

    spese fisse e

    un minimo di consumo.

    questo forse anche con la flat hdsl :-/Appunto, se deve spendere 200 ?/mese per una hdsl a 64k, tanto vale che ne spenda 30 con la flat gprs di mclink, che la puoi usare ovunque c'è segnale GSM (mi pare usi la rte wind,non sono sicuro) e mclink è da sempre sinonimo di qualità :) http://www.mclink.it/offerta/gprs.htmPoi ti compri un cell gprs (circa 100?) da usare solo per la connessione, lo colleghi al pc e sei in internet! :D Io penso di farla perchè, pur avendo fastweb, devo spesso navigare anche mentre sono in giro :( ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    vi capisco, voi che lavorate da loro vi prendete delle colpe che non avete.fate sto sito, la gente ne ha bisogno.
    • Anonimo scrive:
      Re: ADSL provincia di Latina
      molto interessante la discussione.volevo sapere da entrambi i tecnici Telecom, in particolare quello che lavora nel centro Italia, se in provincia di Latina, in particolare per il paese di Norma, è prevista l'attivazione dell'aDSL. Infatti vorrei sapere (sempre che riusciate ad avere tali informazioni) quali sono gli ostacoli tecnici nel fornire l'ADSL nel nostro paese (tra l'altro la centrale dovrebbe essere già cablata in fibra, essendo stata totalmente ricostruita una decina di anni fà, parte in muratura e apparecchiature).Vorrei che mi desse le maggiori informazioni possibili di cui disponete sul paese di Norma ed eventualmente a chi rivolgermi a livello locale per far coprire la zona.A tali domande a seguito di raccomandate, fax, e-mail ecc. la Telecom non ha mai risposto......grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: Una Scatola??
      eeeeeeeeee
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    anche io stavo pensando ad una inziativa simile. credo sarebbe di interesse generale e penso che ce ne sia un assoluto bisogno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Io e telecom
    - Scritto da: nessuno53
    Ad ottobre dell'anno scorso ho avuto anch'io
    l'idea di abbonarmi a telecom per avere
    l’ADSL essendomi regalata un nuovo pc.
    Ricordo che a rispondere alla mia prima
    richiesta fu un operatore di Firenze, doveva
    essere un ragazzo giovane molto educato che
    conosceva l'informatica, forse un co-co-co
    perchè, purtroppo, non sono riuscita
    più a consultato. Mi
    consigliò di chiedere un router dato
    era mia intenzione collegare due pc. Fatta
    la richiesta passò dicembre, lasciai
    perdere considerato che arrivava il natale.
    Passò gennaio e alla fine del mese
    cominciai a sollecitare la mia benedetta
    adsl al numero 187. Non l'avessi mai fatto,
    altro che incompetenti, secondo me molti di
    loro non hanno mai visto un pc, almeno
    quelli con cui ho parlato io.
    Dopo nevrosi e minacce di denuncia 1 volta
    al giorno, tanto per riprendermi la
    rivincita esercitando appositamente un
    logorio giornaliero al malcapitato
    operatore, passarono anche i mesi di
    febbraio e di marzo. Finalmente ai primi di
    aprile mi arrivò la preziosa scatola
    che dovetti ritirare all'ufficio postale.
    Con mia grossa sorpresa e delusione ci
    trovai dentro un modem con due filtri. Mi
    sarei messa a piangere ... ritelefonai alla
    telecom e l’operatore risentita (forse)
    tutta la mia tiritera mi consigliò di
    tenerlo altrimenti avrei potuto aspettare
    anche un anno!un modem e 2 fili, ma il robo della adsl no?
  • DuDe scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    - Scritto da: Anonimo
    Monopolio? Ma quale monopolio!!Di fatto lo e', di chi sono i fili? o meglio, a chi sono stati regalati? ti ricordo che senza fili, giusto il piccione puoi usare.
    Se fosse stato in regime monopolistico
    telecom sarebbe stata costretta a dare
    l'ADSL...
    Anche gli altri gestori ne hanno la
    capacità tecnica ma non gli va di
    investire ...In parte e' vero, in parte no, come al solito le cose si fanno all'italiota, ossia privatizziamo telecom, ok, tutto bello, ma telecom ha i fili pagati da tutti noi, ed e' costretta dalle leggi ad affittarli ai concorrenti, i quali ovvio che non investono, sai quanto ci vorrebbe, e che bordello sarebbe stendere altri cavi per costruire la rete di un'altro operatore? Fastweb lo fa', ma chiaremente essendo di tronchetto, non gli e' difficile ottenere l'affitto o la cessione di tubi in cui ci doveva passare socrate.A mio avviso, i fili e la gestione dei medesimi dovevano rimanere statali, e sempre lo stato avrebbe gestito gli affitti et similia, i servizi invece quelli li possono offrire tutti, ma a certe condizioni e requisiti chi voleva portare adsl da qualceh parte avrebbe potuto farlo, con investimenti che sarebbero stati detratti dal canone che tale operatore deve versare per passare sui fili statali, o si sarebbe trovata un'altra forma per far tornare gli investimenti agli operatori, certo la colpa non e' tutta di telecom, ma una parte del misfatto e' opera sua.
  • Anonimo scrive:
    ADSL e i misteri di Telecom...
    In merito alla copertura ADSL, sentite questa... Mi collego al sito aliceadsl.it per fare la verifica della copertura, inserisco il numero ed ecco la risposta che ottengo (non letteralmente, purtroppo non l'ho salvata): "Siamo spiacenti, la sua area non è coperta. Proceda comunque all'acquisto, un nostro incaricato passerà a visitarla". Ma siamo pazzi?!? Ma per chi ci ha preso madama Telecom? Per una manica di scemi dotati di portafoglio ma non di cervello?Poi, la svolta. Riprovo un paio d'ore dopo, ed al messaggio incriminato si è sostituita una promozione del servizio satellitare. Qualcuno ha forse fatto presente a quel "genio" del marketing che forse c'era qualcosa da rivedere? Mah, misteri di mamma Telecom...
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    ahahhaahla tua definizione di monopolio è a dir poco romantica
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Caro amico, grazie al tuo sfogo mi convinco sempre di più che i direttori e i dirigenti telecom dovrebbero andare a zappare la terra invece di percepire stipendi da favola grazie alla loro abilità nel raccontare frottole
  • Anonimo scrive:
    io l'ho avuta grazie
    ad un negozio intrecciato con i politici della provincia(tale negozio si è beccato non pochi appalti nella PA locale)
  • Anonimo scrive:
    Io e telecom
    Ad ottobre dell'anno scorso ho avuto anch'io l'idea di abbonarmi a telecom per avere l?ADSL essendomi regalata un nuovo pc. Ricordo che a rispondere alla mia prima richiesta fu un operatore di Firenze, doveva essere un ragazzo giovane molto educato che conosceva l'informatica, forse un co-co-co perchè, purtroppo, non sono riuscita più a consultato. Mi consigliò di chiedere un router dato era mia intenzione collegare due pc. Fatta la richiesta passò dicembre, lasciai perdere considerato che arrivava il natale. Passò gennaio e alla fine del mese cominciai a sollecitare la mia benedetta adsl al numero 187. Non l'avessi mai fatto, altro che incompetenti, secondo me molti di loro non hanno mai visto un pc, almeno quelli con cui ho parlato io.Dopo nevrosi e minacce di denuncia 1 volta al giorno, tanto per riprendermi la rivincita esercitando appositamente un logorio giornaliero al malcapitato operatore, passarono anche i mesi di febbraio e di marzo. Finalmente ai primi di aprile mi arrivò la preziosa scatola che dovetti ritirare all'ufficio postale. Con mia grossa sorpresa e delusione ci trovai dentro un modem con due filtri. Mi sarei messa a piangere ... ritelefonai alla telecom e l?operatore risentita (forse) tutta la mia tiritera mi consigliò di tenerlo altrimenti avrei potuto aspettare anche un anno!
  • Anonimo scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !

    Pultroppo il Monopolio Telecom si può
    piegare ma non si spezza :'(Monopolio? Ma quale monopolio!!Se fosse stato in regime monopolistico telecom sarebbe stata costretta a dare l'ADSL...Anche gli altri gestori ne hanno la capacità tecnica ma non gli va di investire ...
  • Anonimo scrive:
    ho fatto la stessa cosa
    l'anno scorso con piu di 180 firme....niente...TELECOM TI ODIOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!con tutto il mio cuore
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    - Scritto da: Mirr0r
    Alla luce di quanto detto nel post, dovremmo
    tutti riflettere su come reagire allo
    situazione di strapotere che un'azienda come
    T.I ., pur privata ma fornitrice di servizi
    ormai diventati indispensabili e soprattuto
    fondamentali per il reale sviluppo del
    nostro paese, è riuscita a strappare.Sono sempre il tecnico telecom (sono in ferie, punto informatico non è raggiungibile dalla nostra rete interna se no. ..)La Telecom Italia non ha nessuno strapotere:gli altri operatori, protetti dalle leggi e dai regolamenti che regolano la liberalizzazione delle tlc fanno da freno a Telecom (pronti a citarla per abuso di posizine dominante se appena appena prova a utilizzare qualche tecnologia che loro non sono in grado di gestire) oppure la usa come mucca grassa da cui attingere.Inoltre Telecom Italia è diventata il parafulmine del malfunzionamento .Vuoi provare a fare un paio di chiamate ai call center degli altri operatori?Chiedi questo : di che sei di un paesino con un centinaio di abitanti e che dovendo installare il telefono non vuoi fare l'abbonamento con telecom italia.Di che vuoi mettere il telefono, o l'adsl e che non hai abbonamento telecom italia.Buona parte ti diranno (dicendoti magari che non è tecnicamente possibile) che devi fare prima l'abbonamento a telecom italia.Vuoi sapere cos'è l'ultimo miglio?una ragnatela di cavi a coppia che vanno in armadi di distribuzione (terzi) che devono coprire tutta la città.Prova a chiedere ad un comune quanto fa pagare di occupazione di suolo pubblico ai cavi.Immaginati solo quanto costa ad un operatore interconnesso posare il tutto (e mantenerlo, cosa credi che facciano i miei colleghi nei tombini).Sarebbe bastato un limite temporale concesso agli operatori per costringerli ad entrare in un regime di vera concorrenza non in un regime parassitario la cui unica vittima è il cliente
    • Mirr0r scrive:
      Re: Una Scatola??
      ciao, intanto grazie per la risposta.... Lo strapotere che ho citato era riferito non al rapporto Telecom altri operatori, ma, come tu fai notare alla fine della tua risposta, tra *QUALSIASI* impresa di tlc (infostrada, tele2 ecc...) e utente finale.La mia critica era proprio incentrata su questo punto: mancanza di trasparenze, giochetti buorocratici per poterci incu***e bene, pubblicità ingannevole, sfruttamento dei dipendenti, e le altre migliaia di cose che tu conosci meglio di me. Solo 1 domanda: saresti pronto a collaborare con il progetto che ho ipotizzato, sempre in forma del tutto anonima? Altrimenti cosa proponi? CiaoMiRr0r
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Non credo che esista ma concordo pienamente con te e Punto Informatico che ha i mezzi (tecnici e credo anche economici) per mettere in piedi un sito simile potrebbe farci un pensierino... il suo tornanconto l'avrebbe visto che personalmente segnalerei l'esistenza di un sito simile a tutti gli amici e su tutti i forum e newsgroup che conosco. Se anche gli altri fanno altrettanto...Credo sia ora di far sapere a tutti ed in maniera organizzata e pubblicizzata come stanno veramente le cose... i "retroscena" delle grosse società... far capire cosa offrono realmente e cosa invece è solo fumo negli occhi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Io ci ho provato :(
    A che zona di roma ti riferisci?????
  • Mirr0r scrive:
    Re: Una Scatola??
    Questo intervento dimostra come l'utilizzo di internet e di informazione non "mediata" possa essere utile ed indispensabile in questi nostri tempi...Alla luce di quanto detto nel post, dovremmo tutti riflettere su come reagire allo situazione di strapotere che un'azienda come T.I ., pur privata ma fornitrice di servizi ormai diventati indispensabili e soprattuto fondamentali per il reale sviluppo del nostro paese, è riuscita a strappare. Personalmente non vedo un reale scambio di utlità tra utente e Telecom (presupposto per un rapporto economico) ma solo "concessioni" che la Mamma nazionale ci dona nei suoi momenti di bontà....Mi sembra che il malocontento e le lamentele siano sempre + diffuse ed allora perchè non mettere su un sito dove poter rendere noto a tutti i "misfatti" di T.I o + in generale di tutti gli operatori, Mi spiego meglio: un posto in cui poter raccogliere interventi come quello di questo coraggioso-indignato tecnico oppure di operatori del 187 che non hanno quel sorriso spaventoso della pubblicitò...Insomma far venir fuori la verità, sensibilizzare l'opinione pubblica e cercare di ristabilire un rapporto + equo.Se esiste già un progetto di questo tipo, vi prego di informarmi...Grazie a tutti per l'attenzioneMiRr0r
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Sono l'operatore Telecom (il secondo che è intervenuto).Ho notato un intervento che accusa me e i miei colleghi che prima ci facevamo gli affari nostri.Purtroppo anche oggi ci sono i "cocchi di Ruggiero" che non fanno nulla (a prescindere dalla facciata della società) e, come al solito, si prende sempre il peggio.Traccio una breve storia delle TLC in Italia:Nel dopoguerra esistevano due realtà:Stato (Azienda di Stato per i Servizi Telefonici) e privato (Sip).L'ASST si occupava della rete a lunga distanza (le intrrurbane per intenderci) e portava fior di quattrini nelle casse dello stato.La SIP si occupava delle comunicazioni distrettuali (le cosidette urbane e urbane distrettuali) pagando ASST per usare le sue linee.La SIP aveva la sua presenza in tutto il territorio nazionale, con centrali presidiate e personale formato.La SIP (anche se a partecipazione statale) licenziava anche all'epoca e, in quanto ai figli assunti, prepensionava i vecchi e assumeva i giovani figli di costoro (licenziare un dipendente non è così facile come sembra e tenere un sessantenne a lavorare era già all'epoca poco conveniente) come ricambio.La SIP in regime di monopolio era OBBLIGATA a collegare alla sua rete senza sovrapprezzo anche abbonati non regolarmente asservibili alle proprie centrali senza far pagare sovrapprezzi ingiustificati.In questo caso anche il paesino con 100 abitanti avrebbe oggi avuto l'ADSL.La SIP era una SpA e in quel regime si decideva in sede di bilancio che il dividendo sarebbe stato di tot e di conseguenza si applicavano gli aumenti senza avere perdita di clienela (dove andavano??)L'A.S.S.T invece, statale, aveva tecnici che venivano formati annualmente presso l'Istituto Superiore delle Telecomunicazioni, mandati nelle ditte di telefonia (Marconi, Alcatel, Italtel e via dicendo) a fare corsi sull'apparato.Le due realtà purtroppo davano come conseguenza anche i lati negativi :persone che ne approfittavano usando per loro scopo i mezzi di servizio (e anche adesso c'è qualcuno che lo fa), intasamento di uffici (in ASST c'erano un capo, un vicecapo, sei amministrativi quattro capitecnici e due tecnici ) e quanto di male porta la statalizzazione delle attivitàAll'epoca però i pezzi venivano riparati in 15 giorni (sapete i guasti di centrale e di linea sono componenti che si usurano), i topi non si mangiavano i cavi , c'era la luce e l'acqua nelle centrali e i guasti si riparavano in due o tre giorni.La percentuale di lassisti era un male minore.Io e molti miei colleghi ci sentiamo offesi da discorsi di "pepe al culo" quando sappiamo benissimo di aver sempre lavorato con coscienza, purtroppo i lavativi ci sono e sono piu' visibili rispetto a quelli che zitti zitti lavorano,Venne poi la privatizzazione dell'A.S.S.T. venduta all'IRI per un pezzo di pane (divenne per un anno Iritel) e poi la fusione per incorporazione di Telecom Italia tra Iritel e Sip ... poi vennero le varie OPA (Colannino e Tronchetti Provera per citare le piu note) che inglobarono nel calderone Olivetti e Pirelli.In quel contesto morì il monopolio, e naque la "libera concorrenza all'italiana".Lo scenario in Telecom (ricordo briefing "nel mare agitato nel businnes", "la nave affonda e i topi cambiano zattera") interno era dipinto come catastrofico:tagliare, tagliare e tagliare: le proiezioni ci dicono che almeno il 50% degli abbonati transiteranno alla concorrenza e invece...Però le centrali telecom sono sempre piu puzzolenti (ci lavano una volta all'anno), le macchine ... per carità, credo che se si divertissero a fermare ogni macchina ci sarebbe un calo di punti.La legge 626 ? Che cos'è?La professionalità? Ah Ah AhVi dico p.e. che esistono due livelli che fanno le stesse cose ma, dato che il livello è stato fatto unificando due livelli precedenti, ci sono livelli d che prendono 100 Euro in meno.C'è gente che ha fatto corsi CISCO che oggi deve andare a mettere borchie ISDN da un giorno all'altro con "arrangiati, hanno imparato gli altri ci riesci tu".Ci sono colleghi che mettevano le borchie ISDN (e che sanno cosa non va in una borchia solo aprendoala!!!) che sono stati mandati ad installare modem o router ADSL senza neppure avere idea di cosa è un computer.La telecom sta andando avanti a demansionamenti e comparti stagni, e, sopratutto, monitorando (alla faccia della privacy) con nokia 9110 e 9210 cosa sta facendo il personale, dov'è, quanto ci impiega a risolvere un guasto standardizzando di fatto certe situazioni che non possono essere riportate in un quadro statitistico.Un esempio? Un collega ha risolto un guasto ADSL cambiando la scheda di un FM30000 (ADSL a 2Mb) in 10 minuti .beh .. si è beccato un cazziatone perchè rovinava la media del centro di lavoro, che ci sarebbe dovuto stare almeno un'ora.Non parliamo poi dei guasti non riscontrati , chiusi indicando un riscontro che non esiste.Siamo diventati un numero (già mi vengono i brividi leggere una lettera "Spett Risorsa nnnnnnnnnn (dove n è il numero di matricola)" In quest'ottica ci rimette di certo il cliente, ma tanto c'è sempre la concorrenza...La concorrenza all'italiana, dicevo.La legge sulla liberalizzazione delle TLC è quanto di piu allucinante possa esistere:L'operatore in posizione dominante non può abusare e deve lasciarsi raggiungere dalla concorrenza.Ma se la concorrenza non vuole raggiungere?Uno degli effetti deleteri della concorrenza è il fatto che Telecom può rifiutare connessioni che prima era obbligata a fare (ci sono gli altri, c'è il libero mercato) e la concorrenza è sempre lì attenta a non finire nella fascia che la equiparerebbe a Telecom Italia ((e quindi non potendo piu' accedere ad una fascia tariffaria bassa)).Parole inglesi che indicano lo svezzamento da Telecom Italia (unbounding) nascondo per l'altro operatore obblighi che spesso non riesce a mantenere: p.e. bidirezionalita' di segnalazione , dialogo tra le due realtà secondo standard (la telefonia è standardizzata dal CCITT) ed altre cosette per poter permettere p.e. il dialogo verso servizi a valore aggiunto forntiti tramite banda T.I. (800,899, 147 e 7xx).In Italia non ci sono tante Telecom (e quello farebbe veramente concorrenza!!) ma Telecom e le remore che nuotano sulla scia dello squalo tigre, pronte a nutrirsi degli avanzi.La concorrenza telefonica in Italia è come un grande Auchan (telecom italia) e piccoli banchetti interni che pagano le merci (se non tutto il servizio) ad un quarto al supermercato riservandosi di vendere sottocosto rispetto ad Auchan.Diciamo che Telecom si occupa di tutto, conservazione, esposizione e vendita e il padroncino dello scaffale viene la sera ad incassare la sua quota, magari incavolandosi perchè non ha reintegrato le scorte nello scaffale.Vi siete accorti di quanti fornitori di accesso ADSL nascono ogni giorno? Quanti di questi hanno un proprio tecnico?Scusatemi la divagazione
    • Anonimo scrive:
      Re: Una Scatola??
      Sono io che parlavo di "pepe al cu*o" e mentre scrivevo l'intervento sono stato attento a non riferire il discorso a "tutti" i dipendenti perchè so bene che in una realtà grossa come era la SIP (e oggi è la Telecom) le generalizzazioni non vanno bane, ma in ogni caso il problema dell'efficienza esiste.Il problema del pubblico è che non premia la meritocrazia, ma si basa su criteri tutti propri di "distribuzione di favori" perchè tanto non si risponde di tasca propria con il licenziamento o con perdite economiche.Oggi se la Telecom perde x euro perchè il dirigente di turno ha assunto il cugino incapace, qualcuno in un modo o nell'altro ne deve rispondere, perchè gli azionisti risondono di tasca propria e vogliono vederci chiaro nelle responsabilità. In passato al dirigente poco gliene fregava, al massimo doveva "ripagare" il danno fatto assumendo un tot di dipendenti in "quota politica" come suggerito da qualche "santo in paradiso". Poi le perdite si ripianavano stampando BOT e CCT...
    • Anonimo scrive:
      Re: Una Scatola??
      - Scritto da: Anonimo

      Siamo diventati un numero (già mi
      vengono i brividi leggere una lettera "Spett
      Risorsa nnnnnnnnnn (dove n è il
      numero di matricola)" raccapricciante..........
  • Mokambo scrive:
    Breve considerazione
    All'autore: così facendo avete avuto l'ADSL, ma in linea di principio avete fatto il lavoro di Telecom Italia.A mio parere doveva essere Telecom a smazzarsi e mandare fuori i propri commerciali a raccogliere adesioni! Così lavorano le aziende serie. Invece loro non hanno mosso un dito e si sono ritrovati con un numero imprecisato, ma sicuramente interessante, di abbonati ADSL...
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Io sono d'accordo con te, però occorre sottolineare il fatto che sì, una "scatola" costerà anche centinaia di migliaia di euro, ma TI (e prima SIP) si sono fatte gli zebedei in oro gestendo in monopolio l'intera rete telefonica nazionale. Ora, che ci sono dei "finti" operatori, perchè di fatto TI è ancora quasi in monopolio, direi che è molto comodo tagliar fuori i paesi più piccoli dalle connessioni ADSL. E poi mi dicono che entro la fine del 2004 la fibra ottica arriverà a Bologna! Ma quando mai? Sì certo, a Bologna per servire solo le città grandi, così come è stato fatto per la ADSL prima! Bella cosa! E io intanto mi sentirò doppiamente fregato: 2 tecnologie tanto reclamizzate e io che devo ancora navigare a 56k!!! Non è così che si fa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una Scatola??
      - Scritto da: Anonimo
      Io sono d'accordo con te, però
      occorre sottolineare il fatto che sì,
      una "scatola" costerà anche centinaia
      di migliaia di euro, ma TI (e prima SIP) si
      sono fatte gli zebedei in oro gestendo in
      monopolio l'intera rete telefonica
      nazionale. Purtroppo chi si è coperto d'oro non l'ha lasciato a TI.Credo che se non ci fosse ADSL Telecom Italia adesso sarebbe nei casini a livello Parmalat ..
      Ora, che ci sono dei "finti"
      operatori, perchè di fatto TI
      è ancora quasi in monopolio, direi
      che è molto comodo tagliar fuori i
      paesi più piccoli dalle connessioni
      ADSL. Come già detto:TI non è monopolio, non è obbligata a metterti l'ADSL.Chiedere agli altri operatori interconnessi che, dovendo partecipare alle spese, rifiuteranno anche loroPrima (magari dopo un iter breve giudiziale) Telecom sarebbe stata costretta a metterti la linea adesso l'iter giudiziale direbbe che possono benissimo farlo gli altri.Lo possono fare ,tecnicamente possono acquistare sia terminali ADSL che linee (p.e. in Sardegna Tiscali sta posando fibra ottica e cavi sottomarini) solo che non è economicamente valido spendere p.e. un milione di euro quando per 100 utenti paga a TI un quarto di quanto paghi tu utente e l'assistenza gliela fa Telecom.Eppure, non volendo straspendere, potrebbero farsi carico di un HDSL e di un hot spot WI-FI ma costa sempre di piu' e devi mettere comunque in piedi una struttura di assisenza che ha i suoi costi
    • Anonimo scrive:
      A Bologna il 56k??
      - Scritto da: Anonimo
      E poi mi dicono che entro la fine del
      2004 la fibra ottica arriverà a
      Bologna! Ma quando mai? Sì certo, a
      Bologna per servire solo le città
      grandi, così come è stato
      fatto per la ADSL prima! Bella cosa! E io
      intanto mi sentirò doppiamente
      fregato: 2 tecnologie tanto reclamizzate e
      io che devo ancora navigare a 56k!!! Non
      è così che si fa.Guarda che io a Bologna (q.re S.Donato) ho fastweb da quasi due anni, e altri miei amici dell'università hanno pure loro la fibra fastweb da altrettano tempo!Per non parlare di altri cha hanno la fibra con acantho, oppure adsl con telecom, infostrada, ecc..E con l'adsl ormai hanno coperto buona parte della provincia (sulla pianura, il resto non ho informazioni)OH; SVEGLIA!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Io ci ho provato :(

    0,1 secondi di google:
    www.it.easynet.net/solutions/hdsl.asp
    basta scrivere "hdsl flat offerte"


    con il risultato che la bolletta

    mensile si

    aggirerebbe sui 1000 Euro Mese tra
    canone,

    spese fisse e

    un minimo di consumo.

    questo forse anche con la flat hdsl :-/Eh si, la prima cosa che ho cercato con google dopo che mi hanno proposto la HDSL e' stata proprio una soluzione flat.Purtroppo in questo paese dei molti privilegi e pochi diritti anche una cosa banale come una HDSL che nel resto delmondo trovi a un prezzo accessibile e' venduta ad un costoimpossibile pur di mantenere i provilegi di chi vende ADSLma non ha intenzione di servire aree che non reputa interessanti.:
  • Anonimo scrive:
    Io combatto ancora con "ALF" e coppie
    Premetto di essere un pò OT ma, dato che siete tutti degli esperti in materia, ho da farvi qualche domanda.Bene, sulla mia linea è presente un famigerato dispositivo "ALF" dato che a suo tempo, ovvero nel 1990,venne installato per "condividere" la mia linea con un altro utente nello stesso stabile a causa dellamancanza di coppie.Naturalmente per me l'ADSL è una pura utopia ma per il momento lasciamola stare.L'ALF ha cominciato a fare le bizze, cioè il telefono emette un bel rumore di fondo che ti accompagna nelle tue conversazioni... da me è più attenuato ma per quanto riguarda l'altro utente... lasciamo stare!Nonostante l'intervento di 4 tecnici che hanno appurato che non ci sono problemi di linea la sentenza è stata questa:il rumore di fondo se lo deve tenere, noi non possiamo fare niente! (Precisiamo, l'ALF lo hanno sostituito con un altro "rimediato" da qualche parte, naturalmente usato, il rumore è diminuito ma persiste).Possono solamente segnalere il problema e "sperare" che lo risolvano.Io gli ho proposto di allaciarmi ad un altra centrale dato che mi trovo su una zona di confine, non so come potrei dire, tra due aree di centrale o di zona forse... dato che altre famiglie sono venute ad abitare in zona e per risolvere il problema, cioè di mancanza di coppie, sono state collegate ad un'altra centrale; per chiarire, i nuovi utenti hanno una numerazione che comincia con 30X.. e io con 75X..Mi hanno detto che potrebbero farlo ma... i tempi sono lunghi... se hanno voglia di lavorare.. etcAllora mi chiedo, posso denunciarli poichè non mi garantiscono un servizio efficiente? Ovviamente solo traffico voce non dati, precisiamo, perchè mi sembra che sul contratto non si parli di internet o adsl, vero?E poi, dico io, in 14 anni non hanno avuto modo di potenziare una centrale? E che faranno adesso che stanno aumentando le utenze dato che molta gente sta costruendo casa? MT4 o robe del genere?E dire che non si tratta di un zona sperduta in montagna o isolata dal mondo! Un'ultima chicca, gli utenti che hanno una numerazione 30x.. dispongono dell'ADSL. (a 100 m da csa mia)Vi ringrazio anticipatamente per le risposte e vi auguro ,si fa per dire, "buon lavoro".
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una cosa simile
    - Scritto da: Anonimo
    Io ho fatto una cosa simile.

    Gli ho scritto con la carta intestata della
    mia azienda dicendo che ero una persona che
    fa il telelavoro e che necessitavo dell'ADSL
    per fare una VPN e poter lavorare da casa.

    Non era vero niente, ma ha funzionato!
    solo culo.perchè noi eravamo in circa 40 , tutti industriali, avremmo garantito introiti sicuri e costanti.ci hanno detto che non erano interessati alla zona.
  • Anonimo scrive:
    Re: Io ci ho provato :(
    - Scritto da: Anonimo
    Anche io o ci ho provato,.
    Raccomandate alla sede locale, alla sede di
    Roma, al
    ministro delle telecomunicazioni, al garante
    delle
    telecomunicazioni....

    Il risultato e' che purtroppo nella mia zona
    pare che manchino
    proprio delle centraline "ripetitrici" per
    portare il segnale
    ADSL sino alla centrale, e non hanno nessuna
    intenzione di
    costruirle per solo un paio di utenti.

    Come alternativa mi hanno proposto una bella
    HDSL, gia'
    presente in zona in quanto utilizzata da
    vari gestori di
    telefonia mobile per trasportare i segnali
    in centrale,
    purtroppo pero' il garante permette la
    vendita di HDSL solo a
    consumo,0,1 secondi di google: http://www.it.easynet.net/solutions/hdsl.aspbasta scrivere "hdsl flat offerte"
    con il risultato che la bolletta
    mensile si
    aggirerebbe sui 1000 Euro Mese tra canone,
    spese fisse e
    un minimo di consumo.questo forse anche con la flat hdsl :-/
  • Anonimo scrive:
    un grande, ma non funziona sempre.
    in una zona industriale dalle mie parti TUTTI hanno fatto richiesta e hanno anche fatto una PETIZIONE (!!!) per fare attivare l'ADSL ... e si trattava di una zona industrale, sicuramente quindi anche per linee interbusiness di classe elevata e spese notevoli... "non erano interessati".devono raggiungere un certo introito "potenziale" prima che le linee vengano attivate.comunque i miei complimenti ad uno che si è dato da fare e ha mosso il culo.sicuramente quel signore è un imprenditore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    la tua scelta di restare anonimo la considero giusta.il malcontento che ha sparso e la nomea che telecom si è fatta in questi anni danno ragione alla situazione interna che tu hai esposto, anche se credo che sia normale una schiavizzazione in quei termini in strutture così grosse, mezze statalizzate e monopoliste per quanto riguarda le linee.è inammissibile. si parla di digital divide, e per risolverlo (la non adeguatezza dell'adsl) il sistema propone il satellite (ovviamente quello monodirezionale); non ci riesce e spinge sull'umts (che futuro ci sarebbe per utilizzarla come banda in casa e non sul cellulare ?) per i cellulari e il digitale terrestre per le televisioni. per me adsl oltre che p2p (che fa fronte ad un disagio sociale, quello di acquistare video o audio a costi che non sono tollerabili) significa una rapidità di scambiare e reperire informazioni che ci tocca.è sconvolgente che a perugia (come capoluogo) abbiano quei problemi. si ritorna sempre agli utenti di categoria a, e utenti di categoria b. per non parlare poi delle aziende che ne hanno bisogno e spendono capitali tra isdn e telefonate per poter utilizzare strumenti informatici.dovrebbero farci un film sulla telecom (e in genere sul digital divide), al livello del "portaborse".
  • localhost scrive:
    A volte non basta provare
    Io sono in una situazione un po' più strana....Ho un abbonamento telefonico in unbundling con Wind (quindi sono scollegato commercialmente da Telecom).Ho chiesto ADSL a Wind, mi hanno comunicato un tempo di attivazione massimo di 20 giorni. Ovviamente così non è stato: ho insistito per 2 mesi con chiamate al call center, fax, solleciti, eccetera ma non ho MAI ricevuto risposta e nemmeno l'attivazione di ADSL.Io abito a Milano (che non è un paese di periferia) dove è disponibile praticamente da sempre Fastweb, Unbundling, ADSL, XDSL, HDSL, ç°£$%#$DSL.Ora sono ufficialmente 3 mesi che ho fatto la richiesta di attivazione, volevo festeggiare la ricorrenza.Come vedete non sempre abitare in città ti differenzia da chi vive in paese (per la serie: i difetti ce li ha tutti, i pregi mica sempre...)
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Non che adesso sia un modello di efficienza, ma Telecom prima della privatizzazione funzionava peggio.Certo, forse (anzi, sicuramente) la privatizzazione poteva essere gestita meglio (in primis dividendo rete e vendita di servizi, sul modello ENEL), ma il punto è un altro: alla vecchia SIP una parte consistente dei dipendenti se ne sbatteva, perchè tanto il posto era sicuro.Il 187 fa schifo? Almeno oggi fa qualcosa, poco ma sempre meglio che niente; fino a pochi anni fa il massimo che si poteva ottenere era un numero dal 12, se trovavi un centralinista che si era svegliato con la luna dritta.Mesi per la più semplice delle richieste.Certa gente che girava con la Panda della Telecom, come se fosse a passeggio, tanto aveva otto ore da riempire...Forse mettere un po' di "pepe al cu*o" ai dipendenti serve...
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Proprio questi giorni sto leggendo un bel "mattone" sulle reti e mi sono imbattuto nel capitolo SONET/SDH...Visto che il libro, essendo stato scritto negli USA, fa spesso riferimento a casi locali e non facilmente sperimentabili "visivamente" ho avuto grande difficoltà a capire di cosa stesse parlando. Il tuo articolo mi ha chiarito alcune cose e mi ha incoraggiato a proseguire nella lettura visto che evidentemente gli argomenti esposti non sono fantascienza... :)Grazie! ;)
  • Anonimo scrive:
    Io ci ho provato :(
    Anche io o ci ho provato,.Raccomandate alla sede locale, alla sede di Roma, alministro delle telecomunicazioni, al garante delletelecomunicazioni....Il risultato e' che purtroppo nella mia zona pare che manchinoproprio delle centraline "ripetitrici" per portare il segnale ADSL sino alla centrale, e non hanno nessuna intenzione dicostruirle per solo un paio di utenti.Come alternativa mi hanno proposto una bella HDSL, gia'presente in zona in quanto utilizzata da vari gestori ditelefonia mobile per trasportare i segnali in centrale,purtroppo pero' il garante permette la vendita di HDSL solo aconsumo, con il risultato che la bolletta mensile siaggirerebbe sui 1000 Euro Mese tra canone, spese fisse eun minimo di consumo.Che bello vivere in Italia....... :(
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho fatto una cosa simile
    mi puoi dire l' indirizzo al quale hai mandato la lettera?igor
    • rjagg scrive:
      Re: Ho fatto una cosa simile
      Ho mandato la lettera alla sede regionale della Telecom, nel mio caso il Piemonte.Ciao,Angelo
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Ciao!Anche io sono un tuo collega e credo dalla tipologia che anche tu operi nel Network Operation.Aggiungo, per la parte tecnica, che qui nel centro abbiamo una maggioranza di apparati 7300 ASAM dell'Alcatel per fornire connettività adsl e che a 2,5 Km dalla centrale in cui è installato l'ASAM già la resa del segnale ADSL (perdonatemi l'aggiustamento tecnico) degrada.Forse la tanto amata scatoletta da voi citata è il filtro in casa cliente che svolge altre funzioni....Anche io ammiro il cliente che ha preso l'iniziativa e dico che ce ne devono essere molti altri che seguono il suo esempio.Si, hai ragione a dire che la Telecom ci tratta quasi come schiavi e che le varie iniziative, per esempio sONo, servono solo a prenderci per i fondelli. Vorrei scrivere ad un utente Telecom medio per dirgli che ha ragione ad incavolarsi ma che io tecnico telecom non ne ho colpa se la liberalizzazione delle tlc in Italia è stata fatta alla membro di segugio.Lo sai, caro utente, che le varie sezioni di Telecom Italia non si parlano? Sai che se ti staccano la linea ADSL spesso è dovuto al fatto che la procedura Pitagora non parla con la procedura Archimede e se per Pitagora tu non hai l'ADSL l'impresa, trovando occupata la scheda che va a casa tua, stacca la connessione?Lo sai che i vari Pitagora, Archimede, Unica, Eta Beta etc. etc. girano su servizi in casa di altri?Lo sai che se fai una richiesta al 187 c'e' una percentuale di perdita dati?La colpa, mio caro utente, non è dell'operatore 187, non è del tecnico ma della scelta della nostra società che esternalizza, come dice il mio collega, tutto *compreso* la gestione del personale ad una famigerata TESS.Poi gli operatori interconnessi ...te li raccomando: i servizi che io vendo a te, utente, a loro sono costretto a venderli ad un quarto e, ti dico di piu, hai ragione ad incazzarti quando non risolvo il tuo guasto ma sappi che magari sto lavorando per un operatore interconnesso che non ha la presenza nel territorio di Telecom Italia (anche se T.I. sta svuotando la sua presenza oggi per risparmiare) e quindi delega (pagando ad un quarto) gli interventi tecnici ai tecnici telecom che spesso sono costretti a mollare guasti di clienti T.I. per seguire i guasti degli OLO.Il canone (o un buo 50%) che l'utente paga è per pagare noi, lper pagare le tasse di occupazione del suolo pubblico e tutte gli orpelli che una rete telefonica nazionale genera come spese.Avete mai visto una centrale Tele2? In giro quante macchine di tecnici WIND o INFOSTRADA o TISCALI vedete in rapporto ai tecnici telecom?Lasciamo perdere per un attimo la mancata preparazione tecnica del personale e sappiate che il 90% del traffico OLO è gestito da personale telecom sia come attivazione, sia come guasti lato cliente, spesso prendendoci colpe non nostre (tipo la divisione di banda ADSL operata da vari gestori, modem difettosi, mancata richiesta a Telecom di configurazione da parte OLO).Provate a stressare gli OLO anche per quanto riguarda le centrali ADSL non installate .. non credo che siano disposti a entrare nella costituzione di una dorsale per paesini e piccole entita' (pero' fa comodo pretendere una volta in piedi il sistema pretendere connettività ad un quarto del costo).e concorrere in toto nelle spese (l'apparato 7300ASAM costa qualche centinaio di migliaia di euro per dirne una)Invito gli altri tecnici o meno di Telecom Italia a svelare ai lettori quello che ci fanno passare!Tecnico NOC ... Centro1
  • Anonimo scrive:
    noi ci stiamo provando così
    http://www.collepasso.it/notizia.phtml?value=514&tb=notizieabbiamo messo on line e distribuito in giro un pò di lettere
  • Anonimo scrive:
    Re: PER L'AUTORE DELLA LETTERA....
    http://www.collepasso.it/notizia.phtml?value=514&tb=notizie
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    - Scritto da: Anonimo
    Cito

    "Telecom, per fornire il servizio Adsl, deve
    solo....hai tutta la mia "solidarietà" "collega"....che schifo.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Una Scatola??
    Questo è forse il post più interessante e utile che abbia letto su Punto Informatico da mesi (se non anni) a questa parte perchè finalmente qualcuno che certe realtà lavorative le vive dall'interno e non dall'esterno o per "sentito dire" fa sapere a tutti i lettori la direzione verso la quale il mondo del lavoro e della specializzazione in Europa ed ancor più in Italia si sta incamminando !Il modello USA è quello che i nostri attuali governanti (non facciamo nomi perchè si finirebbe sulla solita diatriba di stampo politco ma sappiamo bene tutti di chi parliamo) vogliono raggiungere... un modello dove i lavoratori possono solo mettersi a 90 o vengono licenziati, dove la qualità dei servizi viene sacrificata nel nome della concorrenza per offrire il prodotto al prezzo più basso del mercato, dove il cittadino, spesso ignorante in materia, viene illuso ed ingannato con pubblicità che non rispecchiano minimamente quanto offerto nella realtà e con risposte vaghe e tecnicamente inconcludenti da parte dei call center che hanno il solo scopo di tener buono il cliente senza di fatto soddisfare le sue richieste/lamentele.Questa signori miei è la realtà, apriamo gli occhi !
    • Anonimo scrive:
      Re: Una Scatola??

      Il modello USA è quello che i nostri
      attuali governanti (non facciamo nomi
      perchè si finirebbe sulla solita
      diatriba di stampo politco ma sappiamo bene
      tutti di chi parliamo) vogliono
      raggiungere... un modello dove i lavoratori
      possono solo mettersi a 90 o vengono
      licenziati, dove la qualità dei [...]Devo ricordarti (a mallincuore, perche` in passato li ho votati) che e` stata la sinistra a iniziare questa stagione di privatizzazioni e a dare il benvenuto alla globalizzazione e ai suoi effetti devastanti. Questa purtroppo e` piu` una tendenza generalizzata che un vero e proprio orientamento politico; gli unici partiti veramente contrari sono le frange estremiste di entrambi gli schieramenti, quindi abbastanza ininfluenti in un paese centrista come il nostro.D'altronde basta guardare come i media (anche quelli moderati, mica solo quelli di Berlusconi) trattano i cosiddetti no-global: un paio di esagitati spaccano qualche vetrina, e automaticamente tutti gli altri diventano dei teppisti. Questa e` sostanzialmente la situazione: da una parte ci sono i poveri (sempre di piu`), dall'altra c'e` chi detiene tutti i mezzi di informazione e quindi riesce a narcotizzare l'opinione pubblica, facendole credere tutto quello che vuole.
      • Anonimo scrive:
        Re: Una Scatola??
        - Scritto da: Anonimo

        Il modello USA è quello che i
        nostri

        attuali governanti (non facciamo nomi

        perchè si finirebbe sulla solita

        diatriba di stampo politco ma sappiamo
        bene

        tutti di chi parliamo) vogliono

        raggiungere... un modello dove i
        lavoratori

        possono solo mettersi a 90 o vengono

        licenziati, dove la qualità dei
        [...]

        Devo ricordarti (a mallincuore, perche` in
        passato li ho votati) che e` stata la
        sinistra a iniziare questa stagione di
        privatizzazioni e a dare il benvenuto allaSe poi vogliamo mettere i puntini sulle i, ricordiamo che è stato D'Alema a privatizzare la Telecom, con una mossa "bulgara": ha praticamente scelto lui di persona gli acquirenti che erano "amici degli amici".
        • Anonimo scrive:
          Re: Una Scatola??
          - Scritto da: Anonimo


          raggiungere... un modello dove i

          lavoratori


          possono solo mettersi a 90 o
          vengono


          licenziati, dove la qualità
          dei

          [...]



          Devo ricordarti (a mallincuore, perche`
          in

          passato li ho votati) che e` stata la

          sinistra a iniziare questa stagione di

          privatizzazioni e a dare il benvenuto
          alla

          Se poi vogliamo mettere i puntini sulle i,
          ricordiamo che è stato D'Alema a
          privatizzare la Telecom, con una mossa
          "bulgara": ha praticamente scelto lui di
          persona gli acquirenti che erano "amici
          degli amici".
          Sono d'accordo. Io che sono di sinistra da 25 anni MI VERGOGNO a chiamare D'Alema e le sua combriccola con l'appellativo di centro-sinistra.Al suo confronto, Craxi era un comunista esagitato.....Spero che la sua barca finisca sulla strada di un famoso pretendente al trono d'italia ( con lui dentro, ovvo!).
        • Bruco scrive:
          Re: Una Scatola??
          - Scritto da: Anonimo
          Se poi vogliamo mettere i puntini sulle i,
          ricordiamo che è stato D'Alema a
          privatizzare la Telecom, con una mossa
          "bulgara": ha praticamente scelto lui di
          persona gli acquirenti che erano "amici
          degli amici".Meno male che qualcuno se ne ricorda! Prima Colanninno, ora Tronchetti Provera, sono i monopolisti che fanno capo al centro-sinistra. Per la serie: non solo digitale terrestre!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il modello USA???
      Caro mio se tu ci avessi vissuto sapresti che il modello USA afferma che il cliente e' sacro, che l'utente va rispettato, da perte di tutti, che si tratti di un operatore telefonico, che si tratti di un impiegato delle poste ... che si tratti di pubblico che si tratti di privato.Per quanto riguarda l'Italia, avendo viaggiato e visto popoli e tradizioni diverse ... ormai sono convinto che la colpa non e' da addebitarsi ad alcun sistema, filosofia di conduzione e tantomeno al politico di turno (ne abbaimo avuti di tutti i colori se e' per questo) ... tutto quello che vediam oacacdere in Italia e' da addebitarsi solo ed esclusivamente agli italiani stessi, alla nostra mentalita' inossidabile! Una mentalita' altrettanto dannosa l'ho trovata in altri posti, e' vero, tipo la Grecia per non fare il solito esempio dei paesi dell'est, ed e' esattamente opposta a quella dei paesi di matrice anglosassone. Percio' e' inutile che ci illudiamo che basti cambaire un governo per cambaire l'Italia, piuttosto cominciamo ad insegnare ai nostri figli che le code vanno rispettate, che i semafori vanno rispettati, che non si butta la roba per strada, che non si alza la voce piu' degli altri, che si deve essere rispettosi degli altri proprio rispettando la legge, insomma in due parole insegnamo ai nostri figli un po' di civilta' ed educazione e vedrete che fra 2 generazioni questa Italia sara' piu' civile.
  • Anonimo scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    quello che ogni volta che chiede di avere il cellulare, invece prende mazzate.
  • Anonimo scrive:
    Una Scatola??
    Cito"Telecom, per fornire il servizio Adsl, deve solo collegare nella propria centrale una scatola ai numeri telefonici che collegano la zona interessata (da qui il mancato collegamento di 2 abbonati, vicini di casa ma collegati diversamente presso la centrale Telecom);"Premetto che sono un tecnico Telecom Italia e questa cavolata della scatola da mettere in centrale è una falsità:Sono comunque contento della soluzioneSenza diventare eccessivamente tecnico ...La scatola, come erroneamente riportato nell'articolo, e' un apparato prodotto da Marconi Italia, Alcatel ed altri produttori che per mezzo di un flusso a 34 Mbit/s o 155 Mbit/s collega la centrale al mondo ATM.Il flusso SDH a 34Mbit/s (o a 155 Mbits) serve a connettere l'A3x alla rete ATM e quindi ad Internet e presume l'esistenza di un terminale di linea SDH almeno a 155 Mbit/s.Inserire i due terminali ha un costo non certo equiparabile a quello di una scatola come erroneamente citato dal vostro articolo. Senza andare su siti tecnici eccovi una semplice strutturahttp://users.unimi.it/metis/tesi/cap9/cap9pag3.htm... e qui (http://www.marconi.com/) potete visualizzare eventualmente dei terminali di linea SDH (cercate p.e. MSH11C)Secondo appunto. I collegamenti venduti a secondi gestori (quali Wind, Tele2 ed altri) vengono pagati alla Telecom ad un quarto del costo. Cioe' se l'utente paga 200 il secondo gestore (OLO) paga un 50. E, aggiungo, diverse centrali hanno le salette OLO che permettono l'attestazione diretta delle centrali telefoniche a casa cliente ma i secondi gestori preferiscono non usare questa soluzione.La soluzione adottata è stata comunque ottima e, aggiungo, dovrebbero essere le amministrazioni locali a chiederlo (come hanno fatto in diverse localita')Inoltre, aggiungo, provate a chiedere l'ADSL senza avere una linea telefonica in casa.Cosa vi risponde l'operatore? "No senza telefono non e' possibile" e invece e possibilissimo (cercate Energit ADSL p.e) e qui spendo invece due parole sull call center che, oltre che ad essere esternalizzato fuori orario base, è spesso equiparabile ad un lager e spesso le chiamate sono indirizzate verso altre zone, e il personale non è formato su quello che deve vendere e, se prova a lamentarsi, viene sopposto a trattamenti che spesso e volentieri sono equiparabili a mobbing. Io opero sulle reti a lunga distanza (quindi per mia fortuna non vedo il cliente) e sto assistendo (assieme ad altri colleghi) ad un impoverimento generale:Quest'anno (per la seconda volta nella storia di Sip e Telecom) per la seconda volta la Telecom Italia chiude per ferie (o meglio i reparti non operativi) e se prima era all'inizio dell'anno ora e' la seconda quindicina di Agosto.Noi tecnici invece non è che stiamo bene, prima avevamo una "nicchia" sul quale operare mentre oggi da un giorno all'altro, persone abituate ad installare ISDN o telefoni a casa utente sono state sbattute ad installare Router ADSL quando non hanno quasi neppure l'esperienza per usare un computer e, anche qui, sindacati assenti ("ringrazia che hai un lavoro") e rischio di essere sbattuto al 187 se appena appena fai notare che ...Gente che prima sapeva gestire guasti su terminali a lunga distanza ora è costretta a tappare i buchi delle esternalizzazioni e da guasti "importanti" spesso è costretta a salire sui pali in campagna per verificare gli isolatori o a svuotare le gettoniere delle cabine telefoniche (per non parlare poi di vendere Aladino e altri aggeggi)In pratica si sta livellando verso il basso e i corsi oramai sono pura fantascienza, mentre il mondo delle TLC corre in avanti.E infine, dulcis in fundo, i tecnici sono controllati da un sistema chiamato WFM che ti dice dove stai lavorando e quanto ci metti, con le statistiche e e i cazziatoni perche' non hai interrotto il guasto e preso l'attivita' successiva che da più punti al tuo capo per il premio di fine anno.Telecom Italia oggi e' grossomodo cosi':Telefonia Pubblica? EsternalizzataLinee Telefoniche Urbane? Esternalizzate per installazioniAutomezzi? Esternalizzate187 ? Esternalizzato al 50%Sistemi di gestione e spedizione ? EsternalizzateInstallazione rete a lunga distanza? Esternalizzata al 50%Io mi vergogno oggi di lavorare per Telecom Italia e probabilmente alcune cose che ho scritto non sono autorizzato a farlo dalla policy interna, sopratutto la situazione del personale. Pertano preferisco rimanere anonimo...
  • Anonimo scrive:
    PER L'AUTORE DELLA LETTERA....
    Vorrei ricevere informazioni in dettaglio su come impostare la lettera a Telecom Italia, essendo Presidente di un piccolo comitato sorto appunto per portare la banda larga anche nel mio Comune.Come posso contattarti?....Grazie...
  • Anonimo scrive:
    a volte è telecom che ha bisogno di te
    non so quanto sia diffuso il fenomeno ... ma la centrale telecom del mio piccolo paese è in un locale di proprietà del comune e telecom ha un regolare contratto d'affitto.ovviamente qualsiasi contratto ha una sua scadenza e quando questo scade l'amministrazione comunale potrebbe anche "far presente" a telecom che se non aggiorna la centrale può anche trovarsi un altro posto per le sue apparecchiature .....a questo punto o telecom si mette alla ricerca di un privato che gli affitti qualcosa o, valutando anche di quanto gli costerebbe spostare il tutto, ti accontenta e trovi magicamente sul web il tuo comune in copertura pianificata .....ora non so se la copertura ci sarebbe stata comunque o se sia stata una coincidenza temporale ... comunque vada il fatto è che molti nostri amministratori pubblici non sanno nemmeno che cosa sia adsl, quindi informateli ..... magari capita anche a voi di trasformarli in "ricattatori" !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    - Scritto da: Mechano

    Forse manco il telefono azzurro, e i figli
    di persone violente che hanno scelto
    l'unbundling continueranno a prendere
    mazzate a lungo prima di poter chiedere
    aiuto al telefono azzurro... Ehehehe :)Questo forse 10/20 anni faoggi quale marmocchio non ha il cellulo?
  • Mechano scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    - Scritto da: avvelenato
    fortunatamente l'unbulding sta andando
    avanti, e la mia cittadella è
    già sconnettibile da telecom.Attento che la Telecom ha un'arma subdola contro l'unbundling.Sono i numeri speciali, verdi e di servizi a pagamento.Da un operatore in unbundling non puoi fare 800, 899, e tantissimi numeri utili.Non potrai usare carte telefoniche prepagate per chiamare all'estero e tante altre cose.Alla fine e' un freno per chi vuole passare ad un altro operatore in unbundling, per esempio io volevo Infostrada ed avrei avuto cosi' l'ADSL a 1280 al prezzo della 640. Ma la mia fidanzata chiama spesso il suo paese con le carte telefoniche prepagate e non avrebbe piu' potuto farlo dato che queste prevedono una chiamata ad un 800...E altre persone alla lunga potrebbero decidere di non volere piu' l'operatore alternativo ogni volta che non potranno chiamare banche, assicurazioni, associazioni ecc.Forse manco il telefono azzurro, e i figli di persone violente che hanno scelto l'unbundling continueranno a prendere mazzate a lungo prima di poter chiedere aiuto al telefono azzurro... Ehehehe :-)--Ciao. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Ho fatto una cosa simile
    Io ho fatto una cosa simile.Gli ho scritto con la carta intestata della mia azienda dicendo che ero una persona che fa il telelavoro e che necessitavo dell'ADSL per fare una VPN e poter lavorare da casa.Non era vero niente, ma ha funzionato!
  • Anonimo scrive:
    ora non resta
    chdigitale terrestre;)
  • avvelenato scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    - Scritto da: Anonimo
    Scusa, li paghi tu i dipendenti interni del
    call center? siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii! in che lingua te lo devo dire!secondo te ogni bimestre la bolletta che pago dove va a finire??
    Minimizzare le spese sai che significa? se significa avere disservizi, allora significa perdere altri soldi.
    Per Telecom non ci sono i lati negativi
    dello scarso servizio... volente o nolente
    tutto passa da lei. Che tu lo voglia o no
    loro hanno sempre garantita la posizione.fortunatamente l'unbulding sta andando avanti, e la mia cittadella è già sconnettibile da telecom.e lo farò, ci sono stati troppi disservizi ultimamente, ma la cosa che più mi ha irritato è ricevere pernacchioni al callcenter! :D :( :
  • Anonimo scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    Scusa, li paghi tu i dipendenti interni del call center? Minimizzare le spese sai che significa? Per Telecom non ci sono i lati negativi dello scarso servizio... volente o nolente tutto passa da lei. Che tu lo voglia o no loro hanno sempre garantita la posizione.
  • Anonimo scrive:
    Domanda per l'autore
    Quante firme c'erano alla fine su quei fogli? E su quanti abitanti complessivi?Comunque, bella mossa!
  • Anonimo scrive:
    Re: perché ti sei accanito solo con tele
    - Scritto da: Anonimo
    ci sono anche altri operatoridove ???????????? le linee sono solo telecom, affittate ad altri operatori, se non c'è telecom niente adsl da nessuno!
    • Anonimo scrive:
      Re: perché ti sei accanito solo con tele
      Un altro operatore puo' richiedere di installare i propri impianti e di coprire una zona utilizzando l'ultimo miglio della telecom, il fatto e' che costa di piu' e l'operatore per pura convenienza preferisce lasciare che la zona venga coperta da talecom italia e poi pagare l'affitto.Telecom Italia e' padrona delle proprie linee, ma non e' padrona dell'universo, adossare la colpa sempre a lei quando non si vogliono ammettere le proprie voglie votate esclusivamente al profitto (spesso perche' nelle casse di soldi ce ne sono ben pochi, quindi c'e' poco altro da fare) e' patetico.
      • Anonimo scrive:
        Re: perché ti sei accanito solo con tele
        Un "altro operatore", da noi sollecitato per ottenere un link ADSL, non ha potuto fare altro che ripetutamente bombardare di telefonate Telecom per ottenere il collegamento, dal momento che Telecom è l'unico che fisicamente può coprire la nostra zona...
  • Anonimo scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    - Scritto da: Anonimo
    Hai avuto realmente una grande idea: bravo!
    Spero che possa aiutare anche gli altri
    leggere questo tuo messaggio.Pultroppo il Monopolio Telecom si può piegare ma non si spezza :'(
  • Anonimo scrive:
    perché ti sei accanito solo con telecom?
    ci sono anche altri operatori
  • avvelenato scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    - Scritto da: Anonimo
    li paghi tu?tra tutti, anche io, ogni bimestre.
  • avvelenato scrive:
    Re: C O M P L I M E N T I !
    - Scritto da: Anonimo
    Hai avuto realmente una grande idea: bravo!
    Spero che possa aiutare anche gli altri
    leggere questo tuo messaggio.e spero che possa aiutare la telecom a capire che dare in outsourcing i call center a cani e porci è sconveniente.
    • Anonimo scrive:
      Re: C O M P L I M E N T I !
      li paghi tu?
    • Anonimo scrive:
      Re: C O M P L I M E N T I !
      - Scritto da: avvelenato
      - Scritto da: Anonimo

      Hai avuto realmente una grande idea:
      bravo!

      Spero che possa aiutare anche gli altri

      leggere questo tuo messaggio.

      e spero che possa aiutare la telecom a
      capire che dare in outsourcing i call center
      a cani e porci è sconveniente.più che sconveniente, "non è conveniente".
    • rjagg scrive:
      Re: C O M P L I M E N T I !
      Ti ringrazio per il complimento immeritato.Sono completamente d'accordo con Te riguardo ai call center.Io, senza associazioni di consumatori, porto avanti anche altre iniziative in campo sociale con alcuni amici, ad esempio in campo sanitario e di aiuto a chi non ha una voce contro gli abusi delle banche e delle finanziarie ed ultimamente contro gli altri gestori telefonici) senza voler fare i missionari o peggio...).Se hai voglia di approfondire questa è la mia e mail rjagg@tiscali.it.Ciao,Angelol
  • Anonimo scrive:
    C O M P L I M E N T I !
    Hai avuto realmente una grande idea: bravo! Spero che possa aiutare anche gli altri leggere questo tuo messaggio.
Chiudi i commenti