Cina, Maradona contro la Cina videoludica

L'asso argentino vorrebbe 3 milioni di dollari dal portale Sina e dalla web company The9 Limited. Avrebbero sfruttato indebitamente la sua immagine per promuovere un gioco online sul calcio
L'asso argentino vorrebbe 3 milioni di dollari dal portale Sina e dalla web company The9 Limited. Avrebbero sfruttato indebitamente la sua immagine per promuovere un gioco online sul calcio

A scendere in campo è stata una delle massime divinità del calcio contemporaneo o, meglio, i suoi legali. Diego Armando Maradona ha così scagliato i suoi avvocati contro il portale cinese Sina e la web company The9 Limited , rei di aver sfruttato indebitamente la sua leggendaria immagine per fini commerciali e soprattutto senza autorizzazione alcuna.

Al centro del mirino legale dell’ex-attaccante della nazionale argentina è infatti finito il popolare gioco online Winning Goal , realizzato dalla stessa The9 Limited e successivamente ospitato tra i vasti meandri del portale Sina. Una foto di Maradona ha dunque campeggiato vicino al titolo del gioco, con tanto di autografo in basso a destra .

Maradona non avrebbe però autorizzato le due società allo sfruttamento della sua immagine , ora alla base di un contenzioso da 20 milioni di yuan (2 milioni di euro). Tanto vorrebbe l’asso argentino da parte di Sina e The9 Limited , che non hanno commentato l’accaduto. Un tribunale di Pechino ha accettato di esaminare il caso.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 06 2011
Link copiato negli appunti