Cina, oggi presidio all'ambasciata

nella capitale


Roma – Contro la censura sui media in Cina, contro gli arresti e contro una politica commerciale delle multinazionali occidentali che possono lavarsi le mani di quello che succede in un paese concepito come mercato da conquistare, oggi il senatore dei Verdi Fiorello Cortiana presenterà in Senato una mozione.

In questa mozione si chiederà che prima del WSIS , il Summit internazionale sulla Società dell’Informazione, sia predisposta una Carta dei Diritti della Rete “che ponga le basi per una legislazione democratica che garantisca i diritti di accesso alla rete e al sapere e il diritto di parola”.

Per sostenere questa mozione oggi è convocato un presidio politico alle 16,30 in largo Ecuador a Roma, davanti all’assemblea cinese.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • asbesto scrive:
    Il nome di battesimo di Frank Zappa
    Non e' errato! Si chiamava Francis Vincent Zappa !!!ma chi ha detto che era un errore?!?!?
  • Anonimo scrive:
    Wikipedia fa pena
    come passatempo, wikipedia è divertente... ma non mi affiderei mai a un gruppo di lamer e anarchici che scrivono di tutto tranne quello che non gli piace :D è naturale che poi diventino così vili e fanatici da trovare il pelo nell'uovo per colpire la britannica... :@ ...ma io mi chiedo, perchè lo fanno?Speriamo che faccia la fine di winmx 8) Io resto qui ad aspettare il cadavere
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia fa pena
      - Scritto da: Anonimo
      come passatempo, wikipedia è divertente... ma non

      Io resto qui ad aspettare il cadavereaspetta e spera che poi s'avvera ,come diceva una certa canzone ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Wikipedia fa pena
        - Scritto da: Anonimo

        Io resto qui ad aspettare il cadavere
        aspetta e spera che poi s'avvera ,
        come diceva una certa canzone ...Chi vive sperando muore cag...
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia fa pena
      - Scritto da: Anonimo non solo wikipedia !
    • Anonimo scrive:
      non muoverti
      ok, aspetta li.E mi raccomando non muoverti, non si sa mai che nel frattempo possa passare il cadavere e tu non te ne accorgi perche' ti sei distratto a fare cose meno importanti
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia fa pena

      Io resto qui ad aspettare il cadaverepeccato che per ora sei tu a puzzare, zombie
    • Anonimo scrive:
      OT per la redazione (Wikipedia fa pena)
      per la redazione:credo che il sistema dei voti inizi ad avere i suoi limiti, visto che questo thread e' attualmente a 2,58 e non contiene neanche un messaggio che non sia imputabile a troll o lamer.
      • Anonimo scrive:
        Re: OT per la redazione (Wikipedia fa pe
        - Scritto da: Anonimo
        per la redazione:

        credo che il sistema dei voti inizi ad avere i
        suoi limiti, visto che questo thread e'
        attualmente a 2,58 e non contiene neanche un
        messaggio che non sia imputabile a troll o lamer.Magari esiste anche gente che la pensa diversamente da te. Io penso che effettivamente wikipedia faccia pena ed ho votato 5 questo thread, alla faccia tua.
        • Anonimo scrive:
          Re: OT per la redazione (Wikipedia fa pe

          ed ho votato 5 questo thread, alla faccia tua.Mamma mia... nemmeno all'asilo... -.-
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia fa pena
      Aspetta ! Voglio anche capire che non scrivano quello che non piace a loro: se leggi un quotidiano o un mensile politicizzato, è la stessa roba (anche se hanno il coraggio di dirlo esplicitamente, di solito).Il problema è che tra questi wikipedestri ce ne sono molti che scrivono di cose che semplicemente "gli piacciono", il che non è necessariamente una garanzia che ne sappiano qualcosa, se si va un tantino sul tecnico anziché sulle solite chiacchiere di attualità da blog...
  • Anonimo scrive:
    Wikipedia FASCISM ??
    per non parlare di questa perla :WikiPedia Fascism Project http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:WikiProject_Fascismnon solo wikipedia e' spudoratamente di sinistra, ma ha persino un team dedito a classificare a LORO insindacabile giudizio politici e personaggi storici come fascisti o non fascisti.ad esempio stanno discutendo se mettere la Lega come movimento fascista mentre rimane il dubbio se mettere AN come "ex fascista" o "post fascista", notare poi che si tratta di persone in gran parte straniere che non saranno certo ferrate sulla politica italiana.annnamo 'bbene... informazione libera ed equilibrata..tie' !
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia FASCISM ??
      - Scritto da: Anonimo
      per non parlare di questa perla :
      WikiPedia Fascism Project
      http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:WikiProject

      non solo wikipedia e' spudoratamente di sinistra,
      ma ha persino un team dedito a classificare a
      LORO insindacabile giudizio politici e personaggi
      storici come fascisti o non fascisti.Senti, tira un bel sospiro e *NON* fermarti ai titoli. Nelle prime righe di quella stessa pagina si dichiara:"Some Wikipedians have formed a project to better organize information in articles related to Fascism. This page and its subpages contain their suggestions; it is hoped that this project will help to focus the efforts of other Wikipedians."Concetti come "some" (alcuni) e "their suggestions" dicono che ognuno può esprimere un'opinione da cui partire per una verifica documentata e una convergenza di pareri.Se ti leggi come funziona Wikipedia troverai voci dedicate a spiegare come gestiscono le inevitabili controversie d'opinione (che non si riducono a scelte sugli appartenenti al fascismo, naturalmente), secondo l'obiettivo del punto di vista neutrale.La versione italiana la trovi qui http://it.wikipedia.org/wiki/NPOV
      notare poi che si tratta di persone in
      gran parte straniere che non saranno certo
      ferrate sulla politica italiana.Infatti il project è nell'area internazionale e il tema del fascismo non si chiude al ventennio italiano, se non vogliamo sentirci al centro del mondo, e alle sue successive modifiche democratiche.Se poi ci aspettiamo che di un argomento parli solo chi appartiene a quel settore/ambito/nazionalità, come ci permettiamo di fare noi interventi su Iraq, Stati Uniti, Cina, Microsoft, e chi più ne ha più ne metta?Viceversa puoi benissimo intervenire nel project, esprimere la tua opinione che certamente ben saprai documentare, e potrai avere un ascolto che terrà conto che tu, come me, sei italiano e avrai vissuto o letto e sentito parlare del fascismo in Italia. Il che, tra parentesi, da un punto di vista di metodo ci pone nella posizione di osservatori interni (e in qualche modo partecipi e prevenuti) al tema.
      annnamo 'bbene... informazione libera ed
      equilibrata..tie' ! Tranquillo, non è in wikipedia che l'informazione viene imprigionata e squilibrata. 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia FASCISM ??
      se permetti il Fascismo e' roba nostrana fino a prova contraria.che il termine poi lo usino per indicare chiunque non la pensi come loro e' un altro discorso, sui libri che all'estero si leggono sul Fascismo poi c'e' da mettersi le mani nei capelli, come poi del knowledge medio che gli stranieri hanno non solo su fascismo ma anche monarchia, irridentismo, rinasciemnto, risorgimento, etc.ma questo non sarebbe un problema se a scrivere gli articoli fosse un professore qualificato, il punrto e' che gli articoli sono anonimi scritti dal pinco pallino di cui nessuno manco sa nome, cognome, provenienza, dico ... ma che fonte e' ??non per nulla c'e' molta gente che si vanta di aver scritto roba plausibile ma taroccata e nessuno la cancella...(non so che godimento abbiano ma c'e' anche di questo al mondo...)la conclusione : siccome WikiPedia poi appare sempre con un ottimo ranking nei motori di ricerca, e' molto probabile che la gente prenda per vero cio' che legge, il che crea altra disinformazione in quanto "si fida di wikipedia" sulla base di altri articoli magari genuini e ben fatti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Wikipedia FASCISM ??
        - Scritto da: Anonimo
        se permetti il Fascismo e' roba nostrana fino a
        prova contraria.il termine "fascism" in inglese ha assunto significati che con il fascismo italiano c'entrano poco, se non come etimologiale parole con il tempo cambiano significato, e` un processo normale, ed e` anche uno dei segni della vitalita` di una lingua
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia FASCISM ??
      - Scritto da: Anonimo
      per non parlare di questa perla :

      WikiPedia Fascism Project
      http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:WikiProject

      non solo wikipedia e' spudoratamente di sinistra,
      ma ha persino un team dedito a classificare a
      LORO insindacabile giudizio politici e personaggi
      storici come fascisti o non fascisti.

      ad esempio stanno discutendo se mettere la Lega
      come movimento fascista mentre rimane il dubbio
      se mettere AN come "ex fascista" o "post
      fascista", notare poi che si tratta di persone in
      gran parte straniere che non saranno certo
      ferrate sulla politica italiana.

      annnamo 'bbene... informazione libera ed
      equilibrata..tie' !
      confermo, sono dei comunisti fradici e faziosi e che vorrebbero modellare le menti a loro piacere... spero qualcuno gli dia una lezione quanto prima
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia FASCISM ??

      non solo wikipedia e' spudoratamente di sinistra,http://en.wikipedia.org/wiki/Criticisms_of_communismtiè!:(troll)
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia FASCISM ??
      Che ci possono fare se la lega è piena di persone come Borghezio che faceva parte di un organizzazione dichiaratamente neofascista e nostalgica del nazismo di nome Ordine Nuovo, e che considera i picchiatori ( lo dico perchè ne ho conosciuti, non per sentito dire ) di Forza Nuova dei bravi ragazzi.Forse su wikipedia conoscono la politica italiana meglio di quanto crede qualcuno
  • Anonimo scrive:
    ok ma con la politica che si fa' ?
    scusate ma con argomenti di Politica e di storia che si fa' ?prendete perfino personaggi storici tipo Napoleone, e troverete su wikipedia la solita manfrina che ne tesse le lodi come un genio e un salvatore.se io cerco infos su Franz Joseph, o sugli Czar ad esempio mi trovo scritto che erano feroci dittatori etc etc se cerco Berlusoni poi ne tessono le lodi e scrivono mezza riga sui suoi precedenti "occulti".tutte informazioni DI PARTE e che neanche minimamente tengono da conto euilibratamente versioni opposte, senza parlare di prima guerra mondiale ad esempio dove c'e' solo la versione dei "vincitori" e poca roba sulle ragioni degli sconfitti (es : Austria, Germania, ma non solo);dico : un austriaco che legge ste robe che idea si deve fare ?ma soprattutto CHI decide cosa va pubblicato o meno ? i moderatori segano qualunque cosa non sia in linea col loro articolo con la scusa del "revisionismo".ahime' .. chiamiamolo revisionismo il semplice diritto di scrivere le cose viste dai DIRETTI interessati (prussiani, austro-hungheresi, ma persino italiani ehhh , leggete come viene liquidata la questione di Trieste, della Dalmazia, o anche della RSI, dei partigiani, etc etc)ergo, NON si tratta di una encyclopedia "libera" che propone almeno 2-3 versioni opposte o contrastanti,. cosa che almeno lascerebbe libero il lettore di farsi una opinione, ma IMPONE tout court una versione una e trina dei fatti, ne' piu' ne' meno di una encyclopedia cartacea, e anzi, trovo quelle cartacee decisamente molto piu' equilibrate su molti avvenimenti storici e politici.
    • Anonimo scrive:
      Re: ok ma con la politica che si fa' ?
      - Scritto da: Anonimo


      ahime' .. chiamiamolo revisionismo il semplice
      diritto di scrivere le cose viste dai DIRETTI
      interessati (prussiani, austro-hungheresi, ma
      persino italiani ehhh , leggete come viene
      liquidata la questione di Trieste, della
      Dalmazia, o anche della RSI, dei partigiani, etc
      etc)

      ergo, NON si tratta di una encyclopedia "libera"
      che propone almeno 2-3 versioni opposte o
      contrastanti,. cosa che almeno lascerebbe libero
      il lettore di farsi una opinione, ma IMPONE tout
      court una versione una e trina dei fatti, ne'
      piu' ne' meno di una encyclopedia cartacea, e
      anzi, trovo quelle cartacee decisamente molto
      piu' equilibrate su molti avvenimenti storici e
      politici.
      Che tristezza :| Sono di trieste ed ho letto un po' delle revisioni su trieste e le foibe. Di libero ed imparziale in quell'enciclopedia, almeno per quello che riguarda tale pagina, c'è poco. Volevo inoltre fare alcune correzioni minori ma hanno bloccato la pagina.
    • Anonimo scrive:
      Re: ok ma con la politica che si fa' ?
      - Scritto da: Anonimo
      scusate ma con argomenti di Politica e di storia
      che si fa' ?

      prendete perfino personaggi storici tipo
      Napoleone, e troverete su wikipedia la solita
      manfrina che ne tesse le lodi come un genio e un
      salvatore.

      se io cerco infos su Franz Joseph, o sugli Czar
      ad esempio mi trovo scritto che erano feroci
      dittatori etc etc

      se cerco Berlusoni poi ne tessono le lodi e
      scrivono mezza riga sui suoi precedenti
      "occulti".

      tutte informazioni DI PARTE e che neanche
      minimamente tengono da conto euilibratamente
      versioni opposte, senza parlare di prima guerra
      mondiale ad esempio dove c'e' solo la versione
      dei "vincitori" e poca roba sulle ragioni degli
      sconfitti (es : Austria, Germania, ma non solo);Senti, come fai a considerare di parte l'enciclopedia nel suo insieme quando le singole opinioni che citi sembrano remare in direzioni opposte? Oppure un giudizio (positivo?) su Berlusconi ti sembra nella stessa linea politica di un giudizio (a favore degli?) Alleati nella II guerra mondiale (tra cui la Francia, che con il Silvio non si fila proprio) e la descrizione sulla contesa di Trieste e la Dalmazia, le foibe, ecc. ?Allora è un'enciclopedia "di tutte le parti"? E, per coerenza logica, dove sono le "due tre versioni contrastanti" sulle enciclopedie classiche cartacee? Davvero ci stiamo ancora avvitando sulla differenza tra fatti documentati, interpretazioni odierne (un tipico bersaglio mobile, visto che l'odierno continua a mutare) e trattazione esaustiva di un fatto che *NON* possiamo trovare su alcuna enciclopedia, visto che per ogni evento importante esistono diversi testi approfonditi ed esaurienti che esulano dal respiro enciclopedico?
      dico : un austriaco che legge ste robe che idea
      si deve fare ?Che nel mondo esistono punti di vista (giusti e sbagliati) diverso dal proprio. Ti do una dritta: ai giapponesi continua a non sembrare giusta l'idea di essersi beccati le uniche due bombe atomiche sganciate su esseri viventi, ma l'opinione statunitense (e non solo) rimane diversa. Chi possiede la verità? Oppure (in un'enciclopedia) descriviamo i fatti antecedenti, l'evento e i risultati documentati?
      ma soprattutto CHI decide cosa va pubblicato o
      meno ? i moderatori segano qualunque cosa non sia
      in linea col loro articolo con la scusa del
      "revisionismo".Esiste una regola, e la trovi qui documentata: http://it.wikipedia.org/wiki/NPOV Quale regola si è data la Britannica o la Treccani o qualsiasi altra enciclopedia? Perchè la loro scelta ti sembra più affidabile? Se ne apprezzi il lavoro (sicuramente svolto anche da persone competenti) ben venga la tua preferenza e la tua scelta d'acquisto. La loro descrizione (ed interpretazione dei fatti) hai tutto il diritto di pretendere che sia impeccabile e valga il prezzo (che per i 57 volumi completi e aggiornati tempo fa viaggiava tra gli 8.500 e gli 11.000 euro, se non erro).
    • Anonimo scrive:
      Re: ok ma con la politica che si fa' ?
      non e' una questione di prezzo ma di professionalita', e sono LORO a proporsi come servizio alla comunita' e bla bla bla, tanto che i $$ li pippano in primis dall'Unesco, la quale pippa i soldi in primis dai fondi governativi alle NGO, dalla EU, dall'ONU, etc(quindi gira e rigira i soldi delle nostre tasse, se non era chiaro...)-----------------------------------------------------e non ci vedo alcun problema a scrivere un articolo EQUILIBRATO su un argomento, come si fa in tutti i libri seri di geo-politica dove si analizzano non le 2 parti ma anche le opinioni delle terze e quarte parti, le ripercussioni esterne etc etc fare sti articoletti del menga da 3 righe e' semplicemente disinformativo e fuorviante visto che ormai sempre piu' gente da' erroneamente credito a quello che legge online e lo usa perfino come "fonte" attendibile.cosa vorra' mai dire "fonte : wikipedia.org" se manco si conoscono i nomi degli autori e le LORO fonti ?ma siamo impazziti ? nessuna peer review, nessuna logica professionale, tutto casereccio, l'encyclopedia dei poveri...
      • mikyt scrive:
        Re: ok ma con la politica che si fa' ?
        - Scritto da: Anonimo
        non e' una questione di prezzo ma di
        professionalita', e sono LORO a proporsi come
        servizio alla comunita' e bla bla bla, tanto che
        i $$ li pippano in primis dall'Unesco, la quale
        pippa i soldi in primis dai fondi governativi
        alle NGO, dalla EU, dall'ONU, etc

        (quindi gira e rigira i soldi delle nostre tasse,
        se non era chiaro...)In realtà Wikipedia si basa sulle donazioni degli utenti. Non vede nemmeno un cent delle tasse di nessuno.Al massimo, per via molto indiretta, riceve (negli Stati in cui ciò è possibile, ma non ancora in Italia, mi pare) donazioni che poi possono essere detratte dalle tasse. Ma da qui a dire che venga sostenuta dalle tasse, mi pare ce ne passi...
    • Anonimo scrive:
      Re: ok ma con la politica che si fa' ?
      - Scritto da: Anonimo
      scusate ma con argomenti di Politica e di storia
      che si fa' ?li si scrive...
      prendete perfino personaggi storici tipo
      Napoleone, e troverete su wikipedia la solita
      manfrina che ne tesse le lodi come un genio e un
      salvatore.hai mai letto un libro di storia delle superiori?alcuni (la maggior parte) ha una visione sotto una certa ala politica, altri hanno la visione della parte politica opposta. E' naturale, e umano direi, e prescinde dall'attendibilita' dell'autore, che sia uno storico iper rinomato o l'uomo della strada appassionato di storia.
      se io cerco infos su Franz Joseph, o sugli Czar
      ad esempio mi trovo scritto che erano feroci
      dittatori etc etc questa e' una interpretazione. giusta o sbagliata e' lasciato alla tua opinione. Non siamo d'accordo di decidere se c'era un rigore o meno guardando la moviola... che pretendi?
      se cerco Berlusoni poi ne tessono le lodi e
      scrivono mezza riga sui suoi precedenti
      "occulti".da wikipedia su BerlusconiThe neutrality of this article is disputed.Please see discussion on the talk pagedalla discussioneDisappointing - but extremely hard to writeIn fact, one of the reasons that make this page rather uninformative is that any public statement about Mr. B. or his tenure appears to turn instantaneously in a partisan row. Avoiding this requires an amount of careful tiptoeing such as to eventually bowdlerize anything that can be said about the man. Please note that avoiding partisan clashes often requires the omission of very well known facts.e quindi, che dici?Io preferisco avere una pagina in cui ci sono entrambi i punti di vista "sant'uomo" o "distruttore". Questa e' informazione. La britannica potra' essere veramente imparziale ? se si', come, dato che e' comunque scritta da uomini, che hanno le loro idee?
      tutte informazioni DI PARTE e che neanche
      minimamente tengono da conto euilibratamente
      versioni opposte, senza parlare di prima guerra
      mondiale ad esempio dove c'e' solo la versione
      dei "vincitori" e poca roba sulle ragioni degli
      sconfitti (es : Austria, Germania, ma non solo);scrivila

      dico : un austriaco che legge ste robe che idea
      si deve fare ?che manca un punto di vista, e quindi lo aggiunge.
      ma soprattutto CHI decide cosa va pubblicato o
      meno ? i moderatori segano qualunque cosa non sia
      in linea col loro articolo con la scusa del
      "revisionismo".mai visto un revert per cause di "censura" opinionistica
      • Anonimo scrive:
        Re: ok ma con la politica che si fa' ?
        Semplicemente non siete in grado di discutere. Vorrà dire che faremo a meno di voi, pace.
        • Anonimo scrive:
          Re: ok ma con la politica che si fa' ?
          appunto ... scrivono articoli da far rizzare i capelli e vogliono pure aver ragione ....che se la leggano loro sto cazzo di wikipedia.quanto a me non perdero' occasione per fare contro-propaganda a progetti insulsi, dannosi, e di matrice politica come questi.
        • Anonimo scrive:
          Re: ok ma con la politica che si fa' ?
          - Scritto da: Anonimo
          Semplicemente non siete in grado di discutere.siete chi?
          Vorrà dire che faremo a meno di voi, pace.a meno di chi?a meno di wikipedia? perche' non fai a meno di internet, gia' che ci sei?
    • Anonimo scrive:
      Re: ok ma con la politica che si fa' ?

      se io cerco infos su Franz Joseph, o sugli Czar
      ad esempio mi trovo scritto che erano feroci
      dittatori etc etc
      Cicco Beppe un feroce dittatore? Oh Gesù e allora di uno come... che ne so un Pinochet a caso o una Isabelita Peron cosa scrivono? Che è Satana in terra?......... Ehm.... mi sono presa lo sfizio di leggere la voce "Franz Joseph", ma non mi pare che lo descrivano come chissà quale sterminatore di innocenti. Mi sarà sfuggito qualcosa, dove la hai vista la parte relativa al "feroce dittatore"?==================================Modificato dall'autore il 04/10/2005 17.14.02
    • Anonimo scrive:
      Re: ok ma con la politica che si fa' ?
      - Scritto da: Anonimo
      anzi, trovo quelle cartacee decisamente molto
      piu' equilibrate su molti avvenimenti storici e
      politici.Sai com'è, un comitato scientifico minimamente serio per scrivere voci "scottanti" su un'enciclopedia di carta interpella una mezza dozzina di professori, con diverse formazioni e diversi orientamenti. Il risultato è neutrale, amalgamato o a versioni contrapposte, a meno che non si tratti di qualche iniziativa editoriale totalmente di parte. E' questa la bellezza di una enciclopedia vera !Certe opere non si improvvisano affidandole alla buona volontà ed allo strabismo politico-ideologico dei primi che passano. Non basta trovare dei veri esperti accademici, ci vuole anche diplomazia e lungimiranza di trovare quelli giusti e metterli a confronto. Un'operazione attiva, responsabile, centralizzata e pianificata che è tutto l'opposto del gregge allo sbando di wikipedia.
  • Anonimo scrive:
    Wikipedia, opensource e detrattori
    Siamo sempre alle solite, c'è molta (troppa) gente che mette davanti a tutto solo se stessa e non riesce a comprendere nè a concepire che ci sia qualcun'altro che invece non è della stessa pasta e che pensa che l'umanità dovrebbe progredire tutta assieme e non (solo) sulla spinta di qualche singolo visionario che "ora faccio i soldi"...Probabilmente ci vorranno ancora un 50-100 anni prima che questa idea di puro egoismo perda davvero forza, però io credo (o almeno, spero) succederà.Certo, se gli individui egoisti di cui sopra non faranno finire il mondo in qualche maniera orribile prima...
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia, opensource e detrattori
      - Scritto da: Anonimo
      Siamo sempre alle solite, c'è molta (troppa)
      gente che mette davanti a tutto solo se stessa e
      non riesce a comprendere nè a concepire che ci
      sia qualcun'altro che invece non è della stessa
      pasta e che pensa che l'umanità dovrebbe
      progredire tutta assieme e non (solo) sulla
      spinta di qualche singolo visionario che "ora
      faccio i soldi"...
      Probabilmente ci vorranno ancora un 50-100 anni
      prima che questa idea di puro egoismo perda
      davvero forza, però io credo (o almeno, spero)
      succederà.

      Certo, se gli individui egoisti di cui sopra non
      faranno finire il mondo in qualche maniera
      orribile prima...Veramente lo dico io siamo sempre alle solite, ecco la paternale da chi pensa che fare soldi sia un reato, che non sia giusto, addirittura conclude con presagi di distruzione causati da chi vuol fare i soldi....Se vuoi dire che ci sono molti capitalisti corrotti e bastardi fai pure (e mi trovi daccordo), se devi criticare chi semplicemente si vuol far pagare per il suo lavoro allora specifica che è un'idea tua senza passare per padre eterno.Wikipedia è importante ed utile, da qua a pensare ad un mondo dove non si paga più per nulla però....
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia, opensource e detrattori
      la cosa piu' triste invece e' che il 99% dei lettori medi prende per buone le 4 righe con cui si liquida ogni argomento su wikipedia e lo usa perfino come "fonte" rispettabile quando in una discussione dice "l'ho letto su internet' (ah si? e quindi "e' vero" ?) il che suona un po' come un ingenuo "l'ha detto la TV..." (che sottointende un "e quindi e' vero...")poveri noi !ma i libri non li legge proprio piu' nessuno ?hanno dato a tutti l'istruzione pubblica, ma e' come dar le perle ai porci ... biblioteche e librerie deserte, e il popolino bue che crede che su google si trovi "la verita' " e l'informazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Wikipedia, opensource e detrattori
        - Scritto da: Anonimo
        la cosa piu' triste invece e' che il 99% dei
        lettori medi prende per buone le 4 righe con cui
        si liquida ogni argomento su wikipedia e lo usa
        perfino come "fonte" rispettabile quando in una
        discussione dice "l'ho letto su internet' (ah si?
        e quindi "e' vero" ?) il che suona un po' come un
        ingenuo "l'ha detto la TV..." (che sottointende
        un "e quindi e' vero...")

        poveri noi !

        ma i libri non li legge proprio piu' nessuno ?
        hanno dato a tutti l'istruzione pubblica, ma e'
        come dar le perle ai porci ... biblioteche e
        librerie deserte, e il popolino bue che crede che
        su google si trovi "la verita' " e
        l'informazione.
        perfettamente daccordo, il bello è che proprio in questi forum quando dei dimostrare qualcosa ti chiedono i link!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Wikipedia, opensource e detrattori

        ma i libri non li legge proprio piu' nessuno ?
        hanno dato a tutti l'istruzione pubblica, ma e'
        come dar le perle ai porci ... biblioteche e
        librerie deserte, e il popolino bue che crede che
        su google si trovi "la verita' " e
        l'informazione.Sono l'OP.Questo è tutto un altro problema ed è vero che il "l'ho letto in internet" al giorno d'oggi viene spacciato come magica verità. Ma questo ragionamento vale anche per i libri. "l'ho letto su un libro" non può essere considerato verità..se le fonti cominciano ad essere diverse allora si può ritenere di avere una buona approssimazione della realtà. Quante opinioni divergenti ci sono sulle teorie fisiche più recenti? Eppure se prendi solo il libro di un autore penserai che sia verità la sua teoria. Se invece prendi più libri di più autori...Ed è proprio questo il principio alla base di wikipedia: le diverse fonti sono tutti gli utenti che conoscono quell'argomento e che hanno accesso a Internet che collaborano per cercare di dare l'insieme di informazioni che più rispecchiano la realtà.(NB: non sto dicendo che succeda così davvero o che non succeda così davvero, mi limito a riportare qual'è la teoria che muove Wikipedia)
        • Anonimo scrive:
          Re: Wikipedia, opensource e detrattori
          - Scritto da: Anonimo
          Ed è proprio questo il principio alla base di
          wikipedia: le diverse fonti sono tutti gli utenti
          che conoscono quell'argomento e che hanno accesso
          a Internet che collaborano per cercare di dare
          l'insieme di informazioni che più rispecchiano la
          realtà.

          (NB: non sto dicendo che succeda così davvero o
          che non succeda così davvero, mi limito a
          riportare qual'è la teoria che muove Wikipedia)A me pare che sia solo un litigio continuo da nerd orgoglioni
    • Anonimo scrive:
      Re: Wikipedia, opensource e detrattori
      eh no !un "link" qualunque puo' puntare a una home page scritta da pinco pallino se non a fakes veri e propri.una pubblicazione scientifica NON viene pubblicata invece senza previa PEER REVIEW, il che e' quello che fa la differenza tra un articolo anonimo e uno studio dove per ogni punto viene controllata la fonte e la veridicita'.un libro, QUALUNQUE libro, come minimo subisce almeno un editing anche perche' senno' si sputtana non solo l'autore ma in primis l'editore (senza contare eventuali denuncie se pubblica nomi e fatti distorti su persone ect )certo, chiedere "un link" come fonte ormai e' la prassi ma non vuol dire che bisogna calare le braghe davanti alla nuova barbaria.
      • avvelenato scrive:
        Re: Wikipedia, opensource e detrattori
        - Scritto da: Anonimo
        eh no !

        un "link" qualunque puo' puntare a una home page
        scritta da pinco pallino se non a fakes veri e
        propri.

        una pubblicazione scientifica NON viene
        pubblicata invece senza previa PEER REVIEW, il
        che e' quello che fa la differenza tra un
        articolo anonimo e uno studio dove per ogni punto
        viene controllata la fonte e la veridicita'.

        un libro, QUALUNQUE libro, come minimo subisce
        almeno un editing anche perche' senno' si
        sputtana non solo l'autore ma in primis l'editore
        (senza contare eventuali denuncie se pubblica
        nomi e fatti distorti su persone ect )
        http://content.answers.com/main/content/wp/en/thumb/4/4e/200px-LRonHubbard-Dianetics-ISBN1403105464-cover.jpg==================================Modificato dall'autore il 04/10/2005 19.43.30
        • Anonimo scrive:
          Re: Wikipedia, opensource e detrattori
          - Scritto da: avvelenato
          http://content.answers.com/main/content/wp/en/thumE' l'eccezione che conferma la regola. :D
          • avvelenato scrive:
            Re: Wikipedia, opensource e detrattori
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: avvelenato



            http://content.answers.com/main/content/wp/en/thum

            E' l'eccezione che conferma la regola. :D http://rcslibri.corriere.it/sonzogno/popup/maggio03/rimorchiarep.jpg
          • Anonimo scrive:
            Re: Wikipedia, opensource e detrattori
            - Scritto da: avvelenato

            E' l'eccezione che conferma la regola. :D

            http://rcslibri.corriere.it/sonzogno/popup/maggio03/rimorchiarep.jpgEhi quello l'ho regalato a un tizio!
          • avvelenato scrive:
            Re: Wikipedia, opensource e detrattori
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: avvelenato


            E' l'eccezione che conferma la regola. :D




            http://rcslibri.corriere.it/sonzogno/popup/maggio0

            Ehi quello l'ho regalato a un tizio!anche io :D .
          • Anonimo scrive:
            Re: Wikipedia, opensource e detrattori
            - Scritto da: avvelenato



            E' l'eccezione che conferma la regola. :D


            http://rcslibri.corriere.it/sonzogno/popup/maggio0



            Ehi quello l'ho regalato a un tizio!

            anche io :D .E' una stupidata pazzesca, secondo quel libro il massimo che puoi ottenere con una ragazza è il numero di telefono
        • Anonimo scrive:
          Re: Wikipedia, opensource e detrattori
          - Scritto da: avvelenato

          un libro, QUALUNQUE libro, come minimo subisce

          almeno un editing anche perche' senno' si

          sputtana non solo l'autore ma in primis l'editore

          (senza contare eventuali denuncie se pubblica

          nomi e fatti distorti su persone ect )



          http://content.answers.com/main/content/wp/en/thumb/4/4e/200px-LRonHubbard-Dianetics-ISBN1403105464-cover.jpgGuarda chi è l'editore di quel libro (per quanto riguarda le denunce non servono commenti)
      • Anonimo scrive:
        Re: Wikipedia, opensource e detrattori

        un "link" qualunque puo' puntare a una home page
        scritta da pinco pallino se non a fakes veri e
        propri.d'altra parte, un link a wikipedia punta ad una pagina sulla quale in molti casi sono citate fonti, o verso siti autorevoli (ad esempio, il sito dell'istat per dati sulla popolazione italiana mi sembra tale), o verso pubblicazioni scientifiche (e non libri qualunque)
  • Anonimo scrive:
    Douglas Adams docet
    La wikipedia sta all'enciclopedia britannica come la Guida Galattica per Autostoppisti sta all'Enciclopedia Galattica...non ci sono confronti che tenganoMi raccomando...DON'T PANIC lol
    • garak scrive:
      Re: Douglas Adams docet
      - Scritto da: Anonimo
      DON'T PANIC Ma soprattutto portatevi sempre l'asciugamano! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Douglas Adams docet
      - Scritto da: Anonimo
      DON'T PANIC naaaaa dite tutti stupidaggini!!!!l'enciclopedia britannica e' giusta!! e' la realta' ad essere sbagliata!
  • Anonimo scrive:
    E se ci sono 2 versioni contrastanti?
    Come si decide se due o più autori hanno visioni contrastanti o perfino opposte sullo stesso argomento. Come si decide?Non voglio sminuire il valore di wikipedia, era solo per capirne i meccanismi.
    • Anonimo scrive:
      Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
      Riportando entrambe le versioni...
      • Anonimo scrive:
        Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
        Wikipedia si basa sul concetto di consenso. Se ci sono versioni contrastanti, si mette un avviso all'interno della pagina e si discute finché non si arriva ad un compromesso accettabile.Nelle rare occasioni in cui arrivi su Wikipedia gente incapace di comunicare (come il buon Pasco, ad esempio), capita che la pagina venga addirittura bloccata per un breve periodo in cui si discute quale sia il modo migliore per uscire dal conflitto (vedi http://meta.wikimedia.org/wiki/The_Wrong_Version ).
        • Anonimo scrive:
          Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
          Una buona enciclopedia ovviamente non dovrebbe esprimere opinioni sue.Dovrebbe limitarsi ad esporre i fatti e menzionare le opinioni che circolano intorno ad essi.Su Wikipedia si cerca di fare questo... anche se non sempre le cose vanno lisce e le discussioni si accendono un po'...Il problema più grande di Wikipedia, secondo me, è che non si può mai sapere se quello che si legge è affidabile.Chiunque può scrivere una fesseria, prima o poi qualcuno la sistemerà, ma nel frattempo la fesseria è lì e qualcuno la potrebbe prendere per buona.
          • Anonimo scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
            è vero e questo è un grosso problema da risolvere:L'affidabilità dell'informazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti

            Il problema più grande di Wikipedia, secondo me,
            è che non si può mai sapere se quello che si
            legge è affidabile.
            Chiunque può scrivere una fesseria, prima o poi
            qualcuno la sistemerà, ma nel frattempo la
            fesseria è lì e qualcuno la potrebbe prendere per
            buona.Lo stesso discorso vale per una enciclopedia.Solo che lì (per interesse o per negligenza) "ipse dixit" e nessuno lo fixerà fino alla prossima edizione...
          • Anonimo scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti

            Lo stesso discorso vale per una enciclopedia.
            Solo che lì (per interesse o per negligenza)
            "ipse dixit" e nessuno lo fixerà fino alla
            prossima edizione...Secondo me è un po' diverso perchè chi realizza un'enciclopedia ha tutto l'interesse a verificare l'affidabilità delle informazioni prima di pubblicarle... altrimenti si fa una cattiva reputazione e non campa.Certo gli errori ci sono ma di solito sono pochi.Wikipedia è un progetto sempre in divenire e mai finito.L'idea mi piace, però ha questo problema che mi induce sempre a dubitare.
          • Anonimo scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
            - Scritto da: Anonimo
            Secondo me è un po' diverso perchè chi realizza
            un'enciclopedia ha tutto l'interesse a verificare
            l'affidabilità delle informazioni prima di
            pubblicarle... altrimenti si fa una cattiva
            reputazione e non campa.
            Certo gli errori ci sono ma di solito sono pochi.già...non sarebbe male avere in fondo alle pagine dei riferimenti a una o + fonti autorevoli che confermino l'informazione
          • mikyt scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti

            non sarebbe male avere in fondo alle pagine dei
            riferimenti a una o + fonti autorevoli che
            confermino l'informazioneÈ una delle funzioni più richieste per le nuove versioni del software. Comunque già c'è chi scrive le fonti (per ora nella pagina di discussione associata all'articolo, in attesa di meglio).E si sta anche pensando ad un sistema di peer review che consenta di segnalare articoli ritenuti validi e affidabili.
          • Anonimo scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti

            Secondo me è un po' diverso perchè chi realizza
            un'enciclopedia ha tutto l'interesse a verificare
            l'affidabilità delle informazioni prima di
            pubblicarle... altrimenti si fa una cattiva
            reputazione e non campa.Da quando si campa facendo con coscenza il proprio lavoro?Da quando ci si fa una reputazione con la correttezza?Si campa con le bustarelle dei potenti, ci si fa la fama andando in TV o alle cene di gala.Quanti onesti lavoratori fanno la fame con gli stipendi da fame da onesto lavoratore, ben che vada, o con le ridicole elemosine da ricercatori, mentre i soliti noti vanno alla conferenza di qua e alla trasmissione di là ed a fine anno fanno più pubblicazioni di chiunque nel dipartimento perchè hanno più "scimmie" o dipendenti a fare il proprio lavoro (da firmare col proprio gran nome), abbagliati dal grande nome e dalle solite promesse che un consumato lecchino non ha nessun problema ad imbastire?Io non voglio una enciclopedia blasonata firmata da queste cariatidi, lecchini e paggi, preferisco ciò che mi possono insegnare le tante persone che si spaccano veramente la chiena o il cervello per fare onestamente il proprio (ed altrui) lavoro.
          • pacionet scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
            Questo in realtà può succedere per qualunque enciclopedia; per wikipedia in maniera maggiore.
        • Anonimo scrive:
          Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
          - Scritto da: Anonimo
          Wikipedia si basa sul concetto di consenso.

          Se ci sono versioni contrastanti, si mette un
          avviso all'interno della pagina e si discute
          finché non si arriva ad un compromesso
          accettabile.roba che sta sul filo del rasoio, nonchè discutibilevorrei proprio vedere chi ha l'ultima parola in queste "vertenze"altro che libertà

          Nelle rare occasioni in cui arrivi su Wikipedia
          gente incapace di comunicare (come il buon Pasco,
          ad esempio), capita che la pagina venga
          addirittura bloccata per un breve periodo in cui
          si discute quale sia il modo migliore per uscire
          dal conflitto (vedi
          http://meta.wikimedia.org/wiki/The_Wrong_Version
          ).e chi decide che pasco è incapace?ahi ahi
          • Anonimo scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
            - Scritto da: Anonimo
            roba che sta sul filo del rasoio, nonchè
            discutibile

            vorrei proprio vedere chi ha l'ultima parola in
            queste "vertenze"

            altro che libertà


            e chi decide che pasco è incapace?

            ahi ahiInfatti, tutti questi problemi si risolvono normalmente tramite autorevolezza, che non è un metodo infallibile, però IMHO è il metodo migliore.Ovvero, se c'è un dibattito tra due interpretazioni dello stesso fatto/teoria/etc si fa affidamento sulla voce più autorevole. In wikipedia, invece, su un articolo di fisica quantistica, lo spazzino sotto casamia ha la stessa voce in capitolo di Rubbia.Io wikipedia lo vedo un esperimento molto interessante, anche utile molte volte, ma niente di più. C'è gente fanatica, invece, che pensa a wikipedia come un modo per "vendicarsi" di questa logica, probabilmente perché sono dei "perdenti" visti con il modello tradizionale. Questo articolo di PI IMHO è la dimostrazione che certe persone di wikipedia sono effettivamente così
        • Anonimo scrive:
          Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
          Finalmente un thread leggibile fino in fondo e interessante. Mi stavo facendo l'idea che PI fosse un postaccio infestato da troll (vero ma a quanto pare non ancora completamente)...Riguardo all'affidabilità di wikipedia. C'è anche da dire che la verità è una ricerca e nessun testo è esauriente (web docet). Perciò si spera che wikipedia sia "uno degli strumenti" di consultazione e non "lo strumento".Oltre al fatto che è un luogo di aggregazione e discussione. Che fa sempre bene.
      • Anonimo scrive:
        Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
        - Scritto da: Anonimo
        Riportando entrambe le versioni...No, glissano spudoratamente sulla questione. Ho appena visto cosa è successo con una discussione sulle foibe.
        • Anonimo scrive:
          Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
          appunto, e non solo sulle foibe, praticamente qualunque cosa politica e' interpretata a senso UNICO, dai un occhio a come trattano Napoleone, Rivoluzione francese, Waterloo, Sadowa, Franchismo, Crociate, Protestantesimo, sciossionismo. eccetera eccetera eccetera ....e appunto poi .. ogni articolo serio e professionale alla fine riporta le fonti, su wikipedia bisogna avere "fede" che l'anonimo autore misterioso sia onesto e scrupoloso.. auguri !!ma inoltre : se io edito poi mi segano le modifiche in quanto "revisioniste" !!!dico : revisionismo dire che napoleone ha distrutto chiese, rubato ori, e ucciso preti, nobili, e funzionari governativi ?? robe che le trovo perfino nel sussidiario delle elementari ehh
          • Anonimo scrive:
            Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti

            come già detto in un altro post, (per chiarezza e per non prendermi lodi immeritate) non da me Ex Cardinale Ratzinger
    • Anonimo scrive:
      Re: E se ci sono 2 versioni contrastanti
      Decide il primo troll che passa
  • Anonimo scrive:
    Ma che guardino in casa propria
    Che di pagine scandalose wikipedia è piena.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che guardino in casa propria
      gli utenti wikipedia almeno contribuiscono e meritano un po' di visibilita' attraverso PI.Voi due vi siete limitare a criticare senza scrivere che fesserie. Bravi bravi, ora prendente la cioccolate e poi a letto di filato eh!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che guardino in casa propria
        - Scritto da: Anonimo
        gli utenti wikipedia almeno contribuiscono e
        meritano un po' di visibilita' attraverso PI.

        Voi due vi siete limitare a criticare senza
        scrivere che fesserie. Bravi bravi, ora prendente
        la cioccolate e poi a letto di filato eh!In questo caso i primi a fare la punta alla matita sono stati proprio quelli di wikipedia.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma che guardino in casa propria
          Non esattamente. L'anno scorso in un articolo piuttosto famoso, un ex autore della britannica criticava aspramente wikipedia facendogli le pulci. Questa mi pare la risposta piu' adeguata..
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che guardino in casa propria
        - Scritto da: Anonimo
        gli utenti wikipedia almeno contribuiscono e
        meritano un po' di visibilita' attraverso PI.

        Voi due vi siete limitare a criticare senza
        scrivere che fesserie. Bravi bravi, ora prendente
        la cioccolate e poi a letto di filato eh!criticare la britannica e fare pietà in casa propria è come fare il cracker: molto più facile cercare le pecche ad un lavoro grandioso che NON HAI FATTO TU , senza saper fare di meglio ...meschino, mediocre.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che guardino in casa propria
      Corregile se sei in grado, e contribuisci... :@Mi chiedo perchè esistono persone sempre così polemiche ma nullafacenti...se credi di fare qualcosa di sensato, ti sta sbagliando di grosso!!! Ah ah ah
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che guardino in casa propria
        - Scritto da: Anonimo
        Corregile se sei in grado, e contribuisci... :@
        Comodo per i wikipedisti....
        Mi chiedo perchè esistono persone sempre così
        polemiche ma nullafacenti...
        La polemica l'ha fatta wikipedia, non so se te ne sei reso conto. Chi inizia a polemizzare (wikipedia) sia disposto a ricevere risposte.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma che guardino in casa propria

          Comodo per i wikipedisti....Non lo sono... ;-) Comunque si, molto comodo per tutti non credi?
          La polemica l'ha fatta wikipedia, non so se te ne
          sei reso conto. Chi inizia a polemizzare
          (wikipedia) sia disposto a ricevere risposte.La comunità è aperta alle opinioni. Credo che La britannica non abbia molte colpe visto gli errori... mantenere migliaia di informazioni aggiornate non deve essere la cosa più agevole e immediata...Wikipedia ha un sistema di base molto dinamico, forte di se stesso; che molte altre realtà rifiutano considerandolo svantaggioso: e hanno ragione! E' svantaggioso avere la wikipedia come concorrente... la partita è persa in partenza...Il lavoro di milioni di persone per avere un futuro migliore per tutti... non ti sembra la soluzione a tutti i mali creati dall'uomo? Io voglio crederci... ci ringrazierai!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che guardino in casa propria
        - Scritto da: Anonimo
        Corregile se sei in grado, e contribuisci... :@

        Mi chiedo perchè esistono persone sempre così
        polemiche ma nullafacenti...

        se credi di fare qualcosa di sensato, ti sta
        sbagliando di grosso!!! Ah ah ah
        Per chi fosse interessato c'è una lunga intervista video con il creatore di wikipedia.http://www.q-and-a.org/Transcript/?ProgramID=1042
      • avvelenato scrive:
        Re: Ma che guardino in casa propria
        - Scritto da: Anonimo
        Corregile se sei in grado, e contribuisci... :@

        Mi chiedo perchè esistono persone sempre così
        polemiche ma nullafacenti...

        se credi di fare qualcosa di sensato, ti sta
        sbagliando di grosso!!! Ah ah ah
        faccio una cosa molto più logica.Metterò su wikipedia una pagina che parla di cose verosimili ma volutamente false.Poi la visito ogni giorno e vedo quando me la correggerà qualcuno.
        • Anonimo scrive:
          9 --
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma che guardino in casa propria

          faccio una cosa molto più logica.
          Metterò su wikipedia una pagina che parla di cose
          verosimili ma volutamente false.

          Poi la visito ogni giorno e vedo quando me la
          correggerà qualcuno.facciamo una scommessa: entro 10 minuti la tua pagina sparisce... 8) tu sottovaluti la potenza di wikipedia
          • avvelenato scrive:
            Re: Ma che guardino in casa propria
            - Scritto da: Anonimo

            faccio una cosa molto più logica.

            Metterò su wikipedia una pagina che parla di
            cose

            verosimili ma volutamente false.



            Poi la visito ogni giorno e vedo quando me la

            correggerà qualcuno.

            facciamo una scommessa: entro 10 minuti la tua
            pagina sparisce... 8)

            tu sottovaluti la potenza di wikipediaspero tu abbia ragione.In settimana provo a pensare davvero a qualcosa da scrivere, vediamo chi vince. :) .Senza rancore eh, non come quell'altro balengo che poi è stato giustamente icsato: a me piacerebbe che wiki fosse un bel posto affidabile e libero, ma purtroppo in questo neoilluminismo dove tutti parlano degli uomini che collaborano ai progetti open come se fossero di una razza differente da quelli che rubano o che ammazzano, io sono molto più scettico e pessimista, e ritengo che ogni cosa la cui affidabilitàsia lasciata in mano semplicemente al buon senso comune, all'impegno collettivo e alla partecipazione mutua e disinteressata difficilmente potrà far strada. ;) .==================================Modificato dall'autore il 04/10/2005 19.36.55
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che guardino in casa propria
            - Scritto da: avvelenato
            a me
            piacerebbe che wiki fosse un bel posto affidabile
            e libero, ma purtroppo in questo neoilluminismo
            dove tutti parlano degli uomini che collaborano
            ai progetti open come se fossero di una razza
            differente da quelli che rubano o che ammazzano,
            io sono molto più scettico e pessimista, e
            ritengo che ogni cosa la cui affidabilità
            sia lasciata in mano semplicemente al buon senso
            comune, all'impegno collettivo e alla
            partecipazione mutua e disinteressata
            difficilmente potrà far strada. ;) .Guarda, non sono certo un inguaribile ottimista, ma *NON* è vero che le strade siano piene di persone che rubano e ammazzano... :)Ad alcuni fa comodo convicerci che sia così, ma questo è off topic.Eppure l'Italia ha risultati nel volontariato che sono reputati (nel complesso e con possibili pecore nere) tra i migliori al mondo. Credetemi o no: me lo ha detto mio cuggggino e non vi cerco il link neanche se mi pagate! :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma che guardino in casa propria

          faccio una cosa molto più logica.
          Metterò su wikipedia una pagina che parla di cose
          verosimili ma volutamente false.

          Poi la visito ogni giorno e vedo quando me la
          correggerà qualcuno.l'hanno gia` fatto alcune voltenella maggior parte dei casi se ne sono accorti rapidamente; quando sono riusciti a beccare un argomento sul quale nessuno sapeva nulla e` riuscito a rimanere per un po' (ma era sulla wikipedia italiana, dove ci sono molti meno contributori)
      • ErnestoV scrive:
        Re: Ma che guardino in casa propria
        - Scritto da: Anonimo
        Corregile se sei in grado, e contribuisci... :@
        Per quello di cui ho competenza e sono capitato sopra ho provveduto ad inviare le mie correzioni (direttamente nel caso di Wikipedia, indirettamente in altri casi).Il livello degli articoli era discreto, sebbene impreciso.In alcuni casi una correzione avrebbe comportato la riscrittura degli articoli e non conosco a sufficienza le lingue per procedere.Di norma ovviamente non cerco informazioni sulle cose che conosco (e quando ci capito sopra rimango spesso perplesso; Wikipedia fra le varie fonti è fra quelle più attendibili, peraltro), ma su quello che non so.E spesso sono rimasto fregato...La mia filosofia è che tutti dovrebbero dare, in rete, oltre che prendere.La filosofia di Wikipedia si adatta molto alla mia.I risultati potranno apparire non entusiasmanti, ma tenuto conto dell'anarchia apparente, sono notevoli.Che poi alcuni wikipedisti siano lievemente fanatici, bene, c'è sempre un prezzo da pagare...Ernesto
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che guardino in casa propria
      Wikipedia in quanto libera, gratuita e community-based non ha l'obbligo di essere precisa o priva di errori. Se leggi wikipedia non devi aspettarti nulla.La Britannica, o qualsiasi altra enciclopedia tradizionale, pretende di essere qualcosa di assoluto, di esatto, inoltre il lavoro che c'è dietro è di stampo più che professionale. Errori non *dovrebbero* esserci.
      • VDM scrive:
        Re: Ma che guardino in casa propria
        - Scritto da: Anonimo
        Wikipedia in quanto libera, gratuita e
        community-based non ha l'obbligo di essere
        precisa o priva di errori. Se leggi wikipedia non
        devi aspettarti nulla.

        La Britannica, o qualsiasi altra enciclopedia
        tradizionale, pretende di essere qualcosa di
        assoluto, di esatto, inoltre il lavoro che c'è
        dietro è di stampo più che professionale. Errori
        non *dovrebbero* esserci.sono d'accordo sulla seconda parte ma non sulla prima. Libera non significa necessariamente errata, gratuita semplicemente mi fa dire amen se trovo errori, community-based, nelle ipotesi open-source, dovrebbe consentire l'esatto contrario.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che guardino in casa propria
        - Scritto da: Anonimo
        Wikipedia in quanto libera, gratuita e
        community-based non ha l'obbligo di essere
        precisa o priva di errori. Se leggi wikipedia non
        devi aspettarti nulla.

        La Britannica, o qualsiasi altra enciclopedia
        tradizionale, pretende di essere qualcosa di
        assoluto, di esatto, inoltre il lavoro che c'è
        dietro è di stampo più che professionale. Errori
        non *dovrebbero* esserci.Vi giustificate sempre così di fronte alla scarsa professionalità.E' come se tu decidessi di iscrivere una squadra amatoriale e non pagata al campionato di serie A ed ad ogni partita persa, espulsione subita, polemiche accese tu rispondessi "Ma non siamo mica pagati noi, possiamo fare i falli, possiamo perdere tutte le partite, sono gli altri che non possono"Vedi, io apprezzo wikipedia ed apprezzo la britannica, hanno modi diversi di presentarsi e, forse, anche target diversi. Io trovo giusto e corretto che chi vuole fare informazione lo faccia correttamente, sia che sia gratuita sia che sia costosa, il fatto che sia gratis non è una giustificazione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma che guardino in casa propria
          - Scritto da: Anonimo
          Vi giustificate sempre così di fronte alla scarsa
          professionalità.

          E' come se tu decidessi di iscrivere una squadra
          amatoriale e non pagata al campionato di serie A
          ed ad ogni partita persa, espulsione subita,
          polemiche accese tu rispondessi "Ma non siamo
          mica pagati noi, possiamo fare i falli, possiamo
          perdere tutte le partite, sono gli altri che non
          possono"

          Vedi, io apprezzo wikipedia ed apprezzo la
          britannica, hanno modi diversi di presentarsi e,
          forse, anche target diversi. Io trovo giusto e
          corretto che chi vuole fare informazione lo
          faccia correttamente, sia che sia gratuita sia
          che sia costosa, il fatto che sia gratis non è
          una giustificazione.Scusate, ma che senso ha questa discussione? Qualcuno di voi ha mai operato, o almeno conosciuto da vicino, chi opera nel volontariato? Penso di si.Chiaro che in ogni settore ci si aspetta che un "volontario" non faccia più danni che benefici, e ogni giudizio sulla "professionalità" si ferma a quello e alla reale disponibilità di chi si offre per "fare", "aiutare", "giungere dove non bastano coloro che sono incaricati di svolgere quel compito" (ammesso che ve ne siano).Faccio un esempio: quando capita un disastro, molti si offrono volontari per assistere i professionisti del soccorso (vigili del fuoco, personale sanitario, ecc.) ad aiutare. Il loro contributo è *IRRINUNCIABILE* in molti di questi eventi. E' inevitabile che la loro preparazione non possa essere la medesima attesa da un professionista, ma fatto salvo l'assunto di cui prima (non fare più danno che beneficio - lo inprimono a fuoco ad ogni corso per volontari) è meglio che tenti di rianimarti da un arresto cardiocircolatorio un volontario che in vita sua ha potuto provare la manovra solo su un manichino, oppure aspettiamo con comodo l'arrivo del soccorso qualificato che (peccato) ci mette quindici minuti ad arrivare con tutta la buona volontà e la professionalità possibile? Suggerimento: danni al cervello cominciano tra i 3 e i 5 minuti di arresto cardiocircolatorio. Se il volontario non interviene, la situazione non può migliorare per merito della fatina dai capelli turchini. ;)Io sono molto più tollerante rispetto agli errori che possano commettere (in buona fede e facendo del loro meglio) dei volontari di quanto possa tollerare gli errori di un professionista. La cultura mondiale è sempre in emergenza, e se i professionisti non possono bastare, ben vengano i volontari. Tra l'altro, spesso i professionisti fanno un salto quando possono, e aiutano i volontari (anche su wikipedia). Direi che si chiama crescita culturale, no?State bene, e volontarizzatevi. :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che guardino in casa propria


            Scusate, ma che senso ha questa discussione?
            Qualcuno di voi ha mai operato, o almeno
            conosciuto da vicino, chi opera nel volontariato?
            Penso di si.

            Chiaro che in ogni settore ci si aspetta che un
            "volontario" non faccia più danni che benefici, e
            ogni giudizio sulla "professionalità" si ferma a
            quello e alla reale disponibilità di chi si offre
            per "fare", "aiutare", "giungere dove non bastano
            coloro che sono incaricati di svolgere quel
            compito" (ammesso che ve ne siano).

            Faccio un esempio: quando capita un disastro,
            molti si offrono volontari per assistere i
            professionisti del soccorso (vigili del fuoco,
            personale sanitario, ecc.) ad aiutare. Il loro
            contributo è *IRRINUNCIABILE* in molti di questi
            eventi. E' inevitabile che la loro preparazione
            non possa essere la medesima attesa da un
            professionista, ma fatto salvo l'assunto di cui
            prima (non fare più danno che beneficio - lo
            inprimono a fuoco ad ogni corso per volontari) è
            meglio che tenti di rianimarti da un arresto
            cardiocircolatorio un volontario che in vita sua
            ha potuto provare la manovra solo su un
            manichino, oppure aspettiamo con comodo l'arrivo
            del soccorso qualificato che (peccato) ci mette
            quindici minuti ad arrivare con tutta la buona
            volontà e la professionalità possibile?
            Suggerimento: danni al cervello cominciano tra i
            3 e i 5 minuti di arresto cardiocircolatorio. Se
            il volontario non interviene, la situazione non
            può migliorare per merito della fatina dai
            capelli turchini. ;)

            Io sono molto più tollerante rispetto agli errori
            che possano commettere (in buona fede e facendo
            del loro meglio) dei volontari di quanto possa
            tollerare gli errori di un professionista.
            La cultura mondiale è sempre in emergenza, e se i
            professionisti non possono bastare, ben vengano i
            volontari. Tra l'altro, spesso i professionisti
            fanno un salto quando possono, e aiutano i
            volontari (anche su wikipedia). Direi che si
            chiama crescita culturale, no?
            State bene, e volontarizzatevi. :)Quello che dici è giusto, anzi giustissimo. Il punto è che qui c'è gente "volontaria" che si sostituisce al servizio ospedaliero, tipo medici senza laurea, aprono il loro ospedale e ti dicono ma io posso sbagliare perchè non vengo pagato!!! cosa vuoi il servizio è gratis quindi a tuo rischio e pericolo, vai in clinica, magari privata, a farti spennare da quei medici corroti, insensibili ed egositi, tanto sbagliano pure loro!!Ripetendo il mio pensiero, ben venga wikipedia e tutto quello che ci va dietro e ci andrà davanti, il punto è che come al solito siamo di fronte da parte di alcuni ad una strumentalizzazione politica ("vedi che l'anarchia funziona?"), ed una mancanza di umiltà ("la Britannica ha gli errori"), il tutto condito da un bel "che vuoi farci, è gratuito".
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che guardino in casa propria
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Vi giustificate sempre così di fronte alla
            scarsa

            professionalità.



            E' come se tu decidessi di iscrivere una squadra

            amatoriale e non pagata al campionato di serie A

            ed ad ogni partita persa, espulsione subita,

            polemiche accese tu rispondessi "Ma non siamo

            mica pagati noi, possiamo fare i falli, possiamo

            perdere tutte le partite, sono gli altri che non

            possono"



            Vedi, io apprezzo wikipedia ed apprezzo la

            britannica, hanno modi diversi di presentarsi e,

            forse, anche target diversi. Io trovo giusto e

            corretto che chi vuole fare informazione lo

            faccia correttamente, sia che sia gratuita sia

            che sia costosa, il fatto che sia gratis non è

            una giustificazione.

            Scusate, ma che senso ha questa discussione?
            Qualcuno di voi ha mai operato, o almeno
            conosciuto da vicino, chi opera nel volontariato?tutti i giorni
            Penso di si.ok e allora

            Chiaro che in ogni settore ci si aspetta che un
            "volontario" non faccia più danni che benefici, e
            ogni giudizio sulla "professionalità" si ferma a
            quello e alla reale disponibilità di chi si offre
            per "fare", "aiutare", "giungere dove non bastano
            coloro che sono incaricati di svolgere quel
            compito" (ammesso che ve ne siano).

            Faccio un esempio: quando capita un disastro,
            molti si offrono volontari per assistere i
            professionisti del soccorso (vigili del fuoco,
            personale sanitario, ecc.) ad aiutare. Il loro
            contributo è *IRRINUNCIABILE* in molti di questi
            eventi. E' inevitabile che la loro preparazione
            non possa essere la medesima attesa da un
            professionista, ma fatto salvo l'assunto di cui
            prima (non fare più danno che beneficio - lo
            inprimono a fuoco ad ogni corso per volontari) è
            meglio che tenti di rianimarti da un arresto
            cardiocircolatorio un volontario che in vita sua
            ha potuto provare la manovra solo su un
            manichino, oppure aspettiamo con comodo l'arrivo
            del soccorso qualificato che (peccato) ci mette
            quindici minuti ad arrivare con tutta la buona
            volontà e la professionalità possibile? l'esempio è completamente fuori luogo.in realtà la legge ti obbliga a prestare soccorso in caso di incidenti...ovvio che è meglio il tuo soccorso che niente..e senza neanche tirare in ballo il volontariato.pensa se però i volontari sulle croci rosse iniziassero a fare diagniosi :il fatto che un lavoro sia stato fatto volontariamente non significa che debba fare schifo!se credi il contrario allora sei il primo a pensare che wikipedia è solo la moda del momento.wikipedia mette spesso becco in faccende che non conosce...per essere più precisi wikipedia da lo stesso grado di fiducia tanto al fruttivendolo quanto all'ing. in fisica quantistica...e se si parla di costante cosmologica la parola del primo dovrebbe contare veramente poco.se compro un testo didattico sono riportati rifermenti; il testo a subito dei controlli e le affermazioni riportate le avvevano subite prima ancora....se compro science (rivista di divulgazione di un certo spessore mica come focus :( ) le informazioni portano come riferimento testi di carattere tecnico scritti da chi direttamente o indirettamente ha avuto a che fare con la ricerca in questione e non dal primo calzolaio.
            Suggerimento: danni al cervello cominciano tra i
            3 e i 5 minuti di arresto cardiocircolatorio. Se
            il volontario non interviene, la situazione non
            può migliorare per merito della fatina dai
            capelli turchini. ;)
            la consultazione di wikipedia non avviene in condizioni di apnea cerebrale.wikipedia si propone come fonte di informazione e come è faccile capire se si lascia che chiunque possa inserire la propria c'è il rischio che diventi invece una raccolta di luoghi comuni.basti pensare ai neo revisionismi storici sul basso medioevo che qualsiasi fonte 'non volontaria' ha incluso...quando wikipedia smettera di diffondere informazioni che gli storici hanno dimostrato essere false?
            Io sono molto più tollerante rispetto agli errori
            che possano commettere (in buona fede e facendo
            del loro meglio) dei volontari di quanto possa
            tollerare gli errori di un professionista.ma qui non si parla di volontari o professionisti....si parla di qualità delle informazioni.il tuo buonismo lo trovo fuori posto.se editore tizioecaio pubblica una marea di scemenze non mi frega niente se è un volontorio o un professionista...è una fonde inattendibile
            La cultura mondiale è sempre in emergenza, e se i
            professionisti non possono bastare, ben vengano i
            volontari.si così la sotteriamo del tutto
            Tra l'altro, spesso i professionisti
            fanno un salto quando possono, e aiutano i
            volontari (anche su wikipedia). Direi che si
            chiama crescita culturale, no?
            State bene, e volontarizzatevi. :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che guardino in casa propria

            l'esempio è completamente fuori luogo.
            in realtà la legge ti obbliga a prestare soccorso
            in caso di incidenti...ovvio che è meglio il tuo
            soccorso che niente..e senza neanche tirare in
            ballo il volontariato.per una persona che non ha mai fatto un corso di primo soccorso l'obbligo di legge e` soddisfatto dal chiamare un ambulanza e se il caso segnalare la cosa in modo che le auto successive non investano il ferito... se uno ha un arresto cardiocircolatorio, beh, se l'ambulanza arriva da lontano, quanto previsto dalla legge fa pochino.
            per essere più precisi wikipedia da lo
            stesso grado di fiducia tanto al fruttivendolo
            quanto all'ing. in fisica quantistica...e se si
            parla di costante cosmologica la parola del primo
            dovrebbe contare veramente poco.di solito chi contribuisce a wikipedia lo fa in poche aree di suo interesse (almeno chi scrive articoli, chi fa correzioni ortografiche o simili non conta in questo discorso), e tende a incontrarsi con altri che se ne occupano.nella maggior parte dei casi, queste persone finiscono col conoscersi a vicenda (nei loro usi wikipediani), e hanno modo di controllarsi, e tenere d'occhio chi si dimostra inaffidabile.La cosa viene aiutata dai vari progetti per area.se l'ingegnere scrive cose errate, magari per promuovere la propria azienda, ce ne si accorge, e lo si tiene d'occhio.se il fruttivendolo ha frequentato tre o quattro anni di corso di laurea in fisica, e ha dovuto abbandonare per lavorare urgentemente nel negozio ortofrutticolo di famiglia, ma si tiene aggiornato consultando pubblicazioni affidabili, e contribuisce di conseguenza beh, i docenti e ricercatori di fisica che ci sono tra i wikipediani se ne accorgono, e anche se e` un fruttivendolo, sanno che ci si puo` fidare.E` vero che e` facile scrivere sulla propria home page di essere un docente di fisica se non lo si e`, ma e` anche facile per i docenti veri accorgersene, dalla qualita` dei contributi.
            se compro un testo didattico sono riportati
            rifermenti; il testo a subito dei controlli e le
            affermazioni riportate le avvevano subite prima
            ancora....se leggo molti articoli di wikipedia trovo i riferimenti a testi e articoli, o in mancanza ad altri siti, la cui affidabilita` sta poi a chi legge giudicared'altra parte, e` possibile trovare riferimenti a testi che sembrano affidabili, ma che ad una seconda analisi si rivelano meno affidabili di un sito: ad esempio ricerche pubblicate da istituzioni dal nome apparentemente serio, ma di fatto non riconosciute.
            il tuo buonismo lo trovo fuori posto.
            se editore tizioecaio pubblica una marea di
            scemenze non mi frega niente se è un volontorio o
            un professionista...è una fonde inattendibilevero, ma la cosa riguarda allo stesso modo le fonti cartacee
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma che guardino in casa propria
            - Scritto da: Anonimo

            Chiaro che in ogni settore ci si aspetta che un

            "volontario" non faccia più danni che benefici,
            e

            ogni giudizio sulla "professionalità" si ferma a

            quello e alla reale disponibilità di chi si
            offre

            per "fare", "aiutare", "giungere dove non
            bastano

            coloro che sono incaricati di svolgere quel

            compito" (ammesso che ve ne siano).



            Faccio un esempio: quando capita un disastro,

            molti si offrono volontari per assistere i

            professionisti del soccorso (vigili del fuoco,

            personale sanitario, ecc.) ad aiutare. Il loro

            contributo è *IRRINUNCIABILE* in molti di questi

            eventi. E' inevitabile che la loro preparazione

            non possa essere la medesima attesa da un

            professionista, ma fatto salvo l'assunto di cui

            prima (non fare più danno che beneficio - lo

            inprimono a fuoco ad ogni corso per volontari) è

            meglio che tenti di rianimarti da un arresto

            cardiocircolatorio un volontario che in vita sua

            ha potuto provare la manovra solo su un

            manichino, oppure aspettiamo con comodo l'arrivo

            del soccorso qualificato che (peccato) ci mette

            quindici minuti ad arrivare con tutta la buona

            volontà e la professionalità possibile?

            l'esempio è completamente fuori luogo.
            in realtà la legge ti obbliga a prestare soccorso
            in caso di incidenti...ovvio che è meglio il tuo
            soccorso che niente..e senza neanche tirare in
            ballo il volontariato.
            pensa se però i volontari sulle croci rosse
            iniziassero a fare diagniosi :Come detto altrove, l'unico obbligo è chiamare un soccorso qualificato, per es. 113, 118, 115...E per la cronaca, i volontari delle autoambulanze *fanno* una prima diagnosi, volta a intervenire correttamente sul paziente e stabilizzarlo per quanto possibile mentre lo trasportano dove sia presente personale medico e attrezzature adeguate.

            il fatto che un lavoro sia stato fatto
            volontariamente non significa che debba fare
            schifo!
            se credi il contrario allora sei il primo a
            pensare che wikipedia è solo la moda del momento.No, ma *fare schifo* è una generalizzazione falsa nella pratica o preconcetta da parte tua. Scusa, ma non capisco tanto livore.
            wikipedia mette spesso becco in faccende che non
            conosce...per essere più precisi wikipedia da lo
            stesso grado di fiducia tanto al fruttivendolo
            quanto all'ing. in fisica quantistica...e se si
            parla di costante cosmologica la parola del primo
            dovrebbe contare veramente poco.e il punto è che il fruttivendolo che parla di fisica merita l'olio di ricino o che quanto scrive debba far riferimento a concetti documentati? Non è che se non ho provato in laboratorio l'esistenza della struttura atomica non posso scrivere un capitolo descrittivo (enciclopedia, mica una relazione da premio Nobel) di quanto divulgato nel mondo da altri (competenti e ricercatori). Altrimenti vietiamo la divulgazione della fisica, perchè è chiaro che poche persone al mondo sono in grado praticamente di ripetere e documentare esperimenti di una certa rilevanza.
            se compro un testo didattico sono riportati
            rifermenti; il testo a subito dei controlli e le
            affermazioni riportate le avvevano subite prima
            ancora....se compro science (rivista di
            divulgazione di un certo spessore mica come focus
            :( ) le informazioni portano come riferimento
            testi di carattere tecnico scritti da chi
            direttamente o indirettamente ha avuto a che fare
            con la ricerca in questione e non dal primo
            calzolaio.Ottimo, ma se pensi che l'editing dei testi o i riferimenti ti mettano al riparo da inesattezze non marchiane, sei un filo troppo ottimista. Comunque davvero non capisco l'idea che un sacco di fruttivendoli sentano l'impellente bisogno di scrivere di fisica e rovinare l'affidabilità della wikipedia, mentre non trova credibilità che le persone competenti in un campo trovino qualche minuto per scrivere definizioni corrette e accessibili.Gli imbrattamuri non impediscono l'esistenza e il lavoro di imbianchini competenti, e la comparazione tra fonti (se ti serve una ricerca impeccabile) mi sembra comunque opportuna.

            la consultazione di wikipedia non avviene in
            condizioni di apnea cerebrale.
            wikipedia si propone come fonte di informazione e
            come è faccile capire se si lascia che chiunque
            possa inserire la propria c'è il rischio che
            diventi invece una raccolta di luoghi comuni.
            basti pensare ai neo revisionismi storici sul
            basso medioevo che qualsiasi fonte 'non
            volontaria' ha incluso...quando wikipedia
            smettera di diffondere informazioni che gli
            storici hanno dimostrato essere false?Quando gli editori smetteranno di pubblicare le stesse cose sulla carta? Perchè il problema non è tanto il mezzo, ma l'eventuale fine (del revisionismo, o travisamento, o manipolazione delle informazioni e della cultura), mi pare.

            ma qui non si parla di volontari o
            professionisti....si parla di qualità delle
            informazioni.
            il tuo buonismo lo trovo fuori posto.
            se editore tizioecaio pubblica una marea di
            scemenze non mi frega niente se è un volontorio o
            un professionista...è una fonde inattendibileMa il mio non è buonismo, è un tentativo di condividere un'alternativa possibile. La posta elettronica ospita spam e virus che la posta cartacea non aveva (o non in questi volumi) ma è anche un mezzo formidabile e si è ritagliata uno spazio enorme rispetto alla comunicazione di un tempo. I fax hanno ucciso i telefax e i telegrammi non esistono più se non come mail mascherate.Wikipedia merita un suo spazio importante, anche se non è esente da difetti. La cultura su carta o in siti web "professionali" giocherà la sua carta di qualità e non verrà uccisa ma trasformata.


            La cultura mondiale è sempre in emergenza, e se i

            professionisti non possono bastare, ben vengano i

            volontari.
            si così la sotterriamo del tuttoQuindi o tu ritieni che l'attuale diffusione della cultura avvenga attraverso un modello ottimo oppure hai in mente un modello diverso, che sarò felice di ascoltare, ma che fino a prova contraria *non* è emerso all'attenzione generale diversamente dal web, dalle mail, dalla comunicazione mobile, ecc.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che guardino in casa propria
      - Scritto da: Anonimo
      Che di pagine scandalose wikipedia è piena.Pienamente d'accordo..Vi si trovano molte voci cose valide ma anche degli errori clamorosi, come delle asserzioni opinabili presentate come dati di fatto. Cosa ovvia per un progetto dove ognuno può entrare e scrivere quel che gli pare su un argomento.Nel complesso un esperimento interessante ma clamorosamente inaffidabile...
  • Vurdak scrive:
    Mah...
    Vedono le pagliuzze negli occhi del vicino...Con questo non sminuisco wikipedia, forse voglio sminuire PI che va a fare un'articolo su questo, dato che a me sembra che si voglia ritrarre wiki come una comunità di fanatici che ha sempre ragione.Non so a chi dare la colpa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...
      Una delle critiche più frequenti alla wikipedia è che non da informazioni affidabili in quanto frutto di una baraonda di sconosciuti inqualificati.Questa "errata" della britannica sembra un modo brillante e costruttivo di rispondere all'accusa: "non solo la più famosa e costosa ha degli errori, ma li trovano e li correggono gli inqualificati di cui sopra".PS: l'errore del nome di Zappa è più che scusabile visto che lui stesso ha creduto di chiamarsi Francis Vincent Zappa Junior (stampando dischi con questo nome) finchè non ha avuto bisogno del certificato di nascita per il passaporto per l'Europa.Giacomo- Scritto da: Vurdak
      Vedono le pagliuzze negli occhi del vicino...
      Con questo non sminuisco wikipedia, forse voglio
      sminuire PI che va a fare un'articolo su questo,
      dato che a me sembra che si voglia ritrarre wiki
      come una comunità di fanatici che ha sempre
      ragione.
      Non so a chi dare la colpa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah...

        PS: l'errore del nome di Zappa è più che
        scusabile visto che lui stesso huto di
        chiamarsi Francis Vincent Zappa Junior (stampando
        dischi con questo nome) finchè non ha avuto
        bisogno del certificato di nascita per il
        passaporto per l'Europa.

        GiacomoHa avuto bisogno del certificato di nascita per sapere come si chiamava......fantastico!!!Ma come l'hanno cresciuto, a marijuana e funghi allucinogeni? :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...
      WIKI e' un idea che tra qualche anno rendera inutili i libri di scuola, e tutti i manuali tecnici, qualsiasi cosa che per essere utile deve essere aggiornata, il grado di utenza va dalle elementari al professionista, non solo ma la cosa piu importante e che per trovare una cosa non devi cercare su 200 libri ma sapere dove vuoi andare, senza i limiti di una biblioteca o del singolo volumeNon si devono versare soldi per i diritti d'autore, questo fara' morire lentamente (10-15 anni) le enciclopedie clasiche e anche le riviste scientifiche(solo i romanzi, porno, e altro tipo di arte letteraria rimarra su carta.)
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah...
        Uno scoglio enorme per la diffusione del wiki nella didattica tradizionale è che la cultura è sempre stata vista come qualcosa da subire, qualcosa che arriva dall'alto e che bisogna imparare ("stai zitto e ascolta", detto in due parole).Il risultato è che dopo gli studi la gente è allergica a qualsiasi forma di apprendimento dal manuale del telefonino in su.I wiki sono invece un modo diverso di acculturarsi, non perchè siano perfetti e senza errori, anzi! perchè ti stimolano a imparare di più, a cercare, a documentarti per migliorare un'opera.Giacomo
        • Anonimo scrive:
          Re: Mah...
          Direi che non solo DEVE essere "stai zitto e ascolta", ma anche "comincia dal principio e arriva alla fine".Il sapere enciclopedico è poco utile proprio perchè è rappresenta un guazzabuglio di concetti slegati.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah...
            - Scritto da: Matthew Reed
            Direi che non solo DEVE essere "stai zitto e
            ascolta", ma anche "comincia dal principio e
            arriva alla fine".
            Il sapere enciclopedico è poco utile proprio
            perchè è rappresenta un guazzabuglio di concetti
            slegati.Scollegati??? hai dato un'occhiata alla wikipedia?
          • rojelio scrive:
            Re: Mah...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Matthew Reed

            Il sapere enciclopedico è poco utile proprio

            perchè è rappresenta un guazzabuglio di concetti

            slegati.

            Scollegati??? hai dato un'occhiata alla wikipedia?Credo che intendesse che quando si affronta un argomento per la prima volta il tipo di approccio richiesto e più utile è quello lineare ed organico, in contrapposizione ad un'organizzazione del sapere "a rete interconnessa".E' un po' la differenza che esiste, anche nell'ambito della documentazione "tradizionale", tra tutorial e reference: i primi magari tralasciano qualche dettagliuccio qui e là in favore di una maggiore organicità del discorso, mentre i secondi sono estremamente più precisi e dettagliati ma quasi del tutto inutili se già non hai un'infarinatura di ciò che stai leggendo.Il punto è che servono entrambi, quindi ben venga wiki (di cui mi servo relativamente spesso e con una certa soddisfazione), ma la didattica credo sia altra cosa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mah...
          gia. quando ho tempo leggo wikipedia scegliendo le pagine a caso e spesso trovo cose interessanti mai sentite prima.
      • VDM scrive:
        Re: Mah...
        - Scritto da: Anonimo
        Non si devono versare soldi per i diritti
        d'autore, questo fara' morire lentamente (10-15
        anni) le enciclopedie clasiche e anche le riviste
        scientifichele riviste scientifiche sono un'altra cosa, non ha senso trasformarle in wiki (al massimo review ed editoriali)
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah...

        WIKI e' un idea che tra qualche anno rendera
        inutili i libri di scuola, e tutti i manuali
        tecnici, qualsiasi cosa che per essere utile deve
        essere aggiornata, il grado di utenza va dalle
        elementari al professionista, non solo ma la cosa
        piu
        importante e che per trovare una cosa non devi
        cercare su 200 libri ma sapere dove vuoi andare,
        senza i limiti di una biblioteca o del singolo
        volumeNo, wiki, se avrà preso piede, resterà come "opera" di prima consultazione. Per lo studio vero e proprio sono necessari i libri, IMHO, sono insostituibili, sia come oggetto bello in sè (anche se ahimé costoso) che come funzione.Parlo per me, ma io in casa devo avere un'enciclopedia seria e delle opere tematiche complete per sentirmi attrezzato. Wikipedia non mi basta.Forse in alcuni campi sarà come dici tu. Ma la vedo difficile che la critica storica o letteraria sia fruibile su wikipedia. Wikipedia sarà, per me, un ottimo e aggiornatissimo bignami super-polivalente, ovvero che abbraccia un po' tutto, come le enciclopedie classiche. Ma da qui a sostituire una britannica o un lessico universale treccani...sperando che l'aggiornino, la treccani.Saluti,Domanov
        • Anonimo scrive:
          Re: Mah...

          No, wiki, se avrà preso piede, resterà come
          "opera" di prima consultazione. [...] Wikipedia
          sarà, per me, un ottimo e aggiornatissimo bignami
          super-polivalente, ovvero che abbraccia un po'
          tutto, come le enciclopedie classiche. Ma da qui
          a sostituire una britannica o un lessico
          universale treccani...mah, secondo me invece la britannica potrebbe pure sostituirla, alla fine le enciclopedie cartacee stanno sempre piu` spostandosi su supporto informatico piu` versatile, il libro mostra dei limiti.Sono altri i libri che non verranno sostituiti, quantomeno non da wikipedia, da quelli didattici, agli studi monografici, eccetera...
Chiudi i commenti