Cina, prigionieri del gold farming?

Confessioni di un ex-detenuto: sarebbe stato obbligato dai secondini a giocare per ore a World of Warcraft. Per accumulare beni virtuali da rivendere sul mercato nero in cambio di soldi veri
Confessioni di un ex-detenuto: sarebbe stato obbligato dai secondini a giocare per ore a World of Warcraft. Per accumulare beni virtuali da rivendere sul mercato nero in cambio di soldi veri

Un’ intervista esclusiva , concessa al quotidiano britannico The Guardian dal cittadino cinese Liu Dali – ammesso che questo sia il suo vero nome – ex-detenuto presso un campo di lavoro nella città di Jixi, a soli 30 km dal confine russo. 54 anni compiuti, Dali era stato arrestato nel 2004, costretto a spaccare pietre per aver accusato di corruzione le autorità della sua città natale.

Ad attenderlo per i successivi tre anni, un destino curioso quanto inquietante. Le guardie carcerarie lo avrebbero costretto – insieme ad un gruppo formato da altri 300 detenuti – a giocare senza sosta davanti allo schermo di un computer, nello specifico a celebri MMORPG quali World Of Warcraft . Sessioni frenetiche ed incessanti, con centinaia di computer accesi 24 ore su 24.

Ai vari detenuti sarebbero stati dunque imposti dei carichi prefissati di lavoro, da portare a termine obbligatoriamente per evitare severe punizioni fisiche. Vero obiettivo dei secondini, l’accumulo massivo di crediti per ogni singolo account – acquisendo beni virtuali o potenziando un determinato personaggio – da offrire successivamente in cambio di valuta sonante sul mercato nero .

Stando alle confessioni di Dali, le guardie carcerarie di Jixi avrebbero guadagnato fino a 600 sterline (quasi 700 euro) al giorno . L’articolo del Guardian ha dunque riportato l’attenzione sull’ormai noto fenomeno del gold farming , la coltivazione ossessiva di account – anche per conto di terzi – destinati alla vendita. Pare che l’80 per cento dei gold farmer nel mondo abbia base in Cina.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 05 2011
Link copiato negli appunti