Cina, prigionieri del gold farming?

Confessioni di un ex-detenuto: sarebbe stato obbligato dai secondini a giocare per ore a World of Warcraft. Per accumulare beni virtuali da rivendere sul mercato nero in cambio di soldi veri

Roma – Un’ intervista esclusiva , concessa al quotidiano britannico The Guardian dal cittadino cinese Liu Dali – ammesso che questo sia il suo vero nome – ex-detenuto presso un campo di lavoro nella città di Jixi, a soli 30 km dal confine russo. 54 anni compiuti, Dali era stato arrestato nel 2004, costretto a spaccare pietre per aver accusato di corruzione le autorità della sua città natale.

Ad attenderlo per i successivi tre anni, un destino curioso quanto inquietante. Le guardie carcerarie lo avrebbero costretto – insieme ad un gruppo formato da altri 300 detenuti – a giocare senza sosta davanti allo schermo di un computer, nello specifico a celebri MMORPG quali World Of Warcraft . Sessioni frenetiche ed incessanti, con centinaia di computer accesi 24 ore su 24.

Ai vari detenuti sarebbero stati dunque imposti dei carichi prefissati di lavoro, da portare a termine obbligatoriamente per evitare severe punizioni fisiche. Vero obiettivo dei secondini, l’accumulo massivo di crediti per ogni singolo account – acquisendo beni virtuali o potenziando un determinato personaggio – da offrire successivamente in cambio di valuta sonante sul mercato nero .

Stando alle confessioni di Dali, le guardie carcerarie di Jixi avrebbero guadagnato fino a 600 sterline (quasi 700 euro) al giorno . L’articolo del Guardian ha dunque riportato l’attenzione sull’ormai noto fenomeno del gold farming , la coltivazione ossessiva di account – anche per conto di terzi – destinati alla vendita. Pare che l’80 per cento dei gold farmer nel mondo abbia base in Cina.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • salvatore bertone scrive:
    sistri
    Buon giorno a tutti , io mi chiedevo , in quanto tempo si stima il proXXXXX di scarico dei dati dalla chiavetta del trasportatore al pc dell'impianto che riceve il rifiuto sempre che tutto vada bene ? Se tutto questo richiede dai 10 ai 15 minuti fate un po il conto in un'impianto che riceve dai 50 ai 70 camion al giorno che caos si crea e quanti mezzi non troveranno parcheggio in attesa di essere scaricati .
  • Tizio Caio scrive:
    Siiiiiiiiiiiii
    siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
  • jack scrive:
    buffoni
    come da oggetto
    • panda rossa scrive:
      Re: buffoni
      - Scritto da: jack
      come da oggettoConcordo.Cosi' dal 1 luglio fino a settembre nessuno degli interessati fara' nulla per migliorare le cose e a settembre saremo ancora qui a prospettare un altro rinvio.Dovevano partire, multare chi non era in regola, e al massimo non esigere le multe, ma tenerle li' in sospeso come minaccia...Non usi il sistema. Ti comincio a multare e ti intimo di essere pronto per il 1 settembre.Se il 1 settembre sarai pronto, condonero' eventualmente le multe, altrimenti il 1 settembre pagherai tutte le multe arretrate.Cosi' le aziende interessate in 2 mesi vedi come corrono per adeguarsi.
      • Foglio scrive:
        Re: buffoni
        Va che il problema non sono le aziende che non si adeguano, ma il sistema che non funziona!!!!
        • Gigi scrive:
          Re: buffoni
          d'accordo in parte, se pero' il sistema non si usa è difficile che migliori...ci vuole collaborazione da entrambe le parti
          • mint 4ever scrive:
            Re: buffoni
            no no, non è che funziona male. Non funziona proprio! E' irraggiungibile il 70% delle volte. Inoltre molti degli attori coinvolti non hanno bene il funzionamento. Ma questo è normale, ogni volta che esce una nuova legge (vedasi sicurezza sul lavoro) ci sono mille mila incongruenze e casi "particolari" in attesa di chiarimento dal ministero di turno.E sul sito del sistri ancora non c'è comunicazione del rinvio.Ma lo gestiscono 2 cantinari (sviluppo incluso)?
          • Il Ministro Sistro scrive:
            Re: buffoni
            - Scritto da: Gigi
            d'accordo in parte, se pero' il sistema non si
            usa è difficile che migliori...ci vuole
            collaborazione da entrambe le
            partie una responsabilizzazione dura per i titolari ASSIEME agli operatori
        • Il Ministro Sistro scrive:
          Re: buffoni
          - Scritto da: Foglio
          Va che il problema non sono le aziende che non si
          adeguano, ma il sistema che non
          funziona!!!!ci sono tutte e due le cose.molti non hanno fatto le prove e ora piangono.ma io le prove le ho fatte tutte, atteso le correzioni degli errori, atteso ore a telefono, adeguato quello che dovevo, collaborato dentro e fuori.Al giorno X, non ha funzionato.io voglio una legge chiara che dica che ogni tipo di operazione richiesta per via telematica, quando il sistema ricevente non funziona, deve poter essere fatta con le consuete modalità cartacee ed eventualmente (e con rimborso!) ripetuta telematicamente appena il sistema ri-funziona. Ma non devo essere io, azienda, a pagare multe, essere considerato ritardatario, negligente, inadempiente ... no!
          • panda rossa scrive:
            Re: buffoni
            - Scritto da: Il Ministro Sistro
            - Scritto da: Foglio

            Va che il problema non sono le aziende che non
            si

            adeguano, ma il sistema che non

            funziona!!!!

            ci sono tutte e due le cose.
            molti non hanno fatto le prove e ora piangono.

            ma io le prove le ho fatte tutte, atteso le
            correzioni degli errori, atteso ore a telefono,
            adeguato quello che dovevo, collaborato dentro e
            fuori.

            Al giorno X, non ha funzionato.
            io voglio una legge chiara che dica che ogni tipo
            di operazione richiesta per via telematica,
            quando il sistema ricevente non funziona, deve
            poter essere fatta con le consuete modalità
            cartacee ed eventualmente (e con rimborso!)
            ripetuta telematicamente appena il sistema
            ri-funziona. Ma non devo essere io, azienda, a
            pagare multe, essere considerato ritardatario,
            negligente, inadempiente ...
            no!Tu hai ragione, perche' tu dici di voler lavorare bene.Purtroppo siamo in italia e se fai una legge per regolamentare e migliorare le procedure ma che non prevede sanzioni, TUTTI se ne sbatteranno le balle.Se invece prevede sanzioni, diventerebbe punitiva nei confronti di chi comunque si sforza di adeguarsi ma non ci riesce per problematiche tecniche che stanno dall'altra parte, ma delle quali nessuno mai si assumera' la responsabilita'.Finira come per la patente a punti.Imporranno di forza, poi all'inizio ci sara' qualcuno che paghera' per tutti, poi qualcuno riuscira' in qualche modo a lavorare lo stesso, poi smetteranno di controllare, e manterranno la regola (e la multa) solo come deterrente per punire le ditte scomode, chiudendo gli occhi sulle altre.W l'italia.
      • Il Ministro Sistro scrive:
        Re: buffoni
        - Scritto da: panda rossa[...]
        Cosi' le aziende interessate in 2 mesi vedi come
        corrono per
        adeguarsi.questo forse è un aspetto esistente.ma io mi sono adeguato e il click day non funzionava una XXXXXXX.io non sono inadempiente per mia volontà.ho fatto tutto e anche le prove.il mio dirigente amministrativo, assieme ad una della contabilità che si occupa di questa roba, però, considera tutto una perdita di tempo e la intralcia anche lui, ma il precedente dirigente ha dato a lei questa responsabilitànoi dipendenti siamo pronti a farci in 4 per risolvere, provare, dialogare con la pubblica amministrazione, ma se hai dirigenti che ti dicono "non stare a perdere tempo con questa roba" ... ... quello che vogliono gli imprenditori è proprio che non ci sia nulla che renda obbligatorio a loro muovere le chiappe: sregolatezza totale, desiderano.Poi magari chiedono gli aiuti ... li hai sentiti anche quelli che vorrebbero che gli fossero pagati gli stand all'estero ... e poi magari sono gli stessi che quando gli parli del servizio sanitario nazionale (che magari gli sta curando le nonne e le zie) fanno la faccia schifata e dicono "assistenzialismo" come se dicessero "diarrea": eppure sono le stesse persone.Le cose possono funzionare. Bisogna essere tutti più corretti, più onesti e meno corrotti ... e crederci, tutti quanti.
        • panda rossa scrive:
          Re: buffoni
          - Scritto da: Il Ministro Sistro
          noi dipendenti siamo pronti a farci in 4 per
          risolvere, provare, dialogare con la pubblica
          amministrazione, ma se hai dirigenti che ti
          dicono "non stare a perdere tempo con questa
          roba" ...


          ... quello che vogliono gli imprenditori è
          proprio che non ci sia nulla che renda
          obbligatorio a loro muovere le chiappe:
          sregolatezza totale,
          desiderano.E proprio per questo che bisognerebbe minacciare multoni pesanti, per evitare che il dirigente di turno dica di "non stare a perdere tempo con questa roba".
    • Il Ministro Sistro scrive:
      Re: buffoni
      - Scritto da: jack
      come da oggettovalide argomentazioni, grazie di averle volute condividere
Chiudi i commenti