Cina: proviamo la CIE

Sulla strada del documento di identificazione elettronico


Roma – Anche in Cina sta per arrivare la carta di identità elettronica (CIE). Questa sarebbe la probabile conseguenza di un accordo che l’azienda francese Thales avrebbe raggiunto con il ministero cinese della Sicurezza Pubblica.

Secondo quanto si apprende sarebbe in corso una sperimentazione del nuovo sistema di identificazione in almeno un paio di province cinesi. Non si conoscono però ulteriori dettagli ne il valore della commessa ricevuta dall’azienda francese.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Si e chiudoni il call center
    Il call center di Roma è stato chiuso SENZA MOTIVO !! Dopo 8 mesi.. tutto chiuso e 100 persona e casa.Chiamate chiamate...
    • Anonimo scrive:
      Re: Si e chiudoni il call center
      Beh vabbe' ormai va tutto in outsourcing che costa molto meno. Lo fanno tutti i big
    • Anonimo scrive:
      Re: Si e chiudoni il call center
      vero, inoltre ho appreso da vari newsgroup che ad alcuni è stato persino risposto malamente; tipo:""qui dal call center di roma non vi rispondiamo piu poiche siamo stati licenziati in tronco, se non vi funziona niente, chiedete a quei cojoni di torino e continuate a farvi fregare da atlanet""andiamo bene....cmq a parte questi inconvenienti mi da l'impressione che li le cose funzionino...probabilmente il licenziameno di un call center è solo una strategia aziendale e non significa nulla..
Chiudi i commenti