Cina, stop alle SIM non registrate

Nel tentativo di contrastare l'uso politico e criminoso della telefonia mobile, Pechino vara l'obbligo di registrazione per circa 380 milioni d'utenti nazionali


Pechino (Cina) – Le campagne nazionali di repressione contro gli SMS criminali e contro i truffatori telefonici non sono riuscite a contrastare l’abuso della telefonia mobile , pertanto il ministero dell’informazione della Repubblica Popolare Cinese ha istituito l’ obbligo di registrazione anagrafica per qualsiasi possessore di carta SIM.

Una strategia di controllo molto semplice, in linea con quanto avviene nella maggior parte dei paesi occidentali, mirata a facilitare l’ identificazione di criminali e prevenire l’uso sovversivo dei mezzi di comunicazione telefonici, spesso impiegati per fomentare rivolte o creare controinformazione.

Gli oltre 380 milioni di utenti della grande Cina, a partire dal mese prossimo, dovranno provvedere personalmente a registrarsi presso appositi uffici statali o semplicemente rivolgendosi alle filiali dei grandi operatori nazionali, China Unicom e China Mobile . La nuova norma prevede la sospensione della SIM per chiunque non provvederà alla registrazione, stranieri e visitatori inclusi.

Secondo Chen Yuping, portavoce del ministro delle telecomunicazioni, intervistato dal Quotidiano del Popolo , “gli utenti hanno due opportunità: creare un abbonamento mensile oppure acquistare una SIM prepagata, registrandosi regolarmente presso il rivenditore”. Attualmente più di 200 milioni di utenti utilizzano carte prepagate, molte delle quali “abusive e non registrate”, sottolinea Chen.

L’agenzia di stampa statale, Xinhua , prevede che entro il 2008 il numero di possessori di SIM arriverà all’esorbitante quota di 600 milioni , sorpassando di gran lunga la somma degli utenti telefonici europei e statunitensi.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Guerra contro il terrorismo
    Qui siamo (siete?) in guerra contro il terrorismo ragazzi, non si scherza. Bisogna difendere le radici cristiane (le mie no) dall'invasore. Bisogna difendere le nostre tradizioni, come babbo natale, i centri commerciali e le settimane bianche.Bisogna rinunciare a una parte della nostra libertà, come la libera comunicazione e l'inviolabilità della corrispondenza e il diritto all'autodeterminazione della donna per tornare alle servitù della gleba a favore delle servitù della gleba, come ai bei tempi, prima della rivoluzione francese.E i provaider devono conservare le imeil per controllare chi è terrorista.E bisogna difendere la vita sin dal concepimento, anche se magari 19 anni dopo chissenefrega se si va a schiantare mezzo imbriaco dopo la discoteca contro un platano. Avete letto orianafallaci? E' ora di prenderli a calci nel sedere questi etiopici che vengono a pisciare in centro a Firenze, negri. E basta con i cd pirata a 5 euro, devono abbassare i prezzi.Chi vuole difendere la libertà deve rinunciare a parte della sua libertà...cioè no, tomas gefferson diceva che a parte i negri abbiamo tutti il diritto di ricerca delle monetine nei carrelli della spesa mentre bengiamin frenclin, uno dei padri della nostra nazione italiana, diceva che è bello rinunciare alla libertà per la libertà... o no? Insomma cazzo, in quelle due ore di blecaut dei telefonini se mi chiamavano con vodafon me lo ricaricavano si o no il cellulare?
  • Anonimo scrive:
    comunicare
    nell'articolo si legge:La decisione di oscurare temporaneamente i servizi telefonici nell'area della City durante gli attentati del 7 luglio ha causato non pochi problemi, sia all'organizzazione dei primi soccorsi, sia ai parenti ed agli amici dei cittadini che hanno vissuto quei tragici momenti. David Sutton, responsabile dell'operatore O2, ha dichiarato che "quanto successo è del tutto eccezionale e le spiegazioni ufficiali lasciano a desiderare"ora non so come sono combinati in inghilterra ma cosa gli costerebbe usare anche la comunicazione radio? non mi viene il nome esatto, quella dei radioamatori, io ho visto anche che le ambulanze ce l'hanno, è un modo semplice e gratuito di comunicare, e non penso ci siano problemi di nascondere qualcosa quando si deve dire: "vai in tale via a soccorrere"per me han fatto bene a bloccare i cellulari
  • Anonimo scrive:
    Hanno fatto bene!!
    Ma scusate... non e' una novita' che i terroristi islamici utilizzino i cellulari per non parlare degli inneschi a cellulare! Se si apsetta tutta la catena burocratica si perde troppo tempo... chi doveva prendere una decisione sul campo ha agito bene!! Dopo le esplosioni in rapida successione era necessario un blocco immediato di ogni possibilita' di comunicazione tra cellule terroristiche! Siamo ridicoli se pensiamo di vincere questa guerra sulla carta senza dare possibilita' operative IMMEDIATE a chi opera sul campo!
  • Anonimo scrive:
    Come nel federalismo
    Quando i politici s'impossessano dell'esecutivo...Capitano ste cose.Come nei comuni, visto che i sindaci decidonocome approvigionarsi di denarocon le multe e poliziotti...E come nel federalismo prossimo...Ma che fine ha fatto la democrazia?Dove sono le separazioni dei poteri?Nel prossimo federalismo?Ma no...Si torna indietro... Evviva il RE! Evviva il Sindaco!
    • Anonimo scrive:
      Re: Come nel federalismo
      E chi se ne dovrebbe impossessare dell'esecutivo, se non i politici? I preti? Le suore? La nobiltà?
    • Anonimo scrive:
      Re: Come nel federalismo
      io aggiungerei....quando i giudici si mettono a fare i politici...e quando i politici si mettono a fare i giudici...W la magistratura, l'organo più politico e con più potere dello stato italiano...e in mano a chi lo sappiamo...a berlusconi vero? (un abbraccio al Gup Clementina Forleo, spero che si trovi sull'autobus quando qualche "guerrigliero" deciderà di farsi saltare)
  • stamsofer scrive:
    Il motivo
    Il motivo per cui hanno bloccato i telefoni era che c'era la possibilità che le restanti bombe fossero attivabili via cellulare, e che quindi, bloccando tutta la comunicazione, si sarebbero potute evitare altre esplosioni, dato che il cellulare/detonatore non poteva essere chiamato.----Quando hanno capito che le bombe esplodevano anche senza comunicazione (visto che erano le classiche cinture esplosive modello Hamas, di quelle che si usano negli autobus israeliani), hanno riattivato la comunicazione.-----Sfido chiunque a prendere una decisione contraria: se c'è una lontana possibilità di salvare vite umane staccando i telefoni, allora lo si fa, e punto.Cosi' e' la nuova guerra (Ho vissuto per 15 anni in Israele e so di cosa sto parlando).
    • AnyFile scrive:
      Re: Il motivo
      - Scritto da: stamsofer
      Il motivo per cui hanno bloccato i telefoni era
      che c'era la possibilità che le restanti bombe
      fossero attivabili via cellulare, e che quindi,
      bloccando tutta la comunicazione, si sarebbero
      potute evitare altre esplosioni, dato che il
      cellulare/detonatore non poteva essere chiamato.
      ----
      Quando hanno capito che le bombe esplodevano
      anche senza comunicazione (visto che erano le
      classiche cinture esplosive modello Hamas, di
      quelle che si usano negli autobus israeliani),
      hanno riattivato la comunicazione.
      -----
      Sfido chiunque a prendere una decisione
      contraria: se c'è una lontana possibilità di
      salvare vite umane staccando i telefoni, allora
      lo si fa, e punto.
      Cosi' e' la nuova guerra (Ho vissuto per 15 anni
      in Israele e so di cosa sto parlando).Dubito che il motivo sia stato per quello: negli altri attentati i cellulari erano utilizzati tramite la funzione della sveglia, non teramite chiamata a distanza. Anche perche' basta una qualsiasi trasmissione radio per telcomandare le cose. non serve certo un telefonino per farlo.A mio avviso il motivo dello spegnimento della rete e' stato per evitare una rapida diffusione della notizia (perfino la BBC ha dato le notizie dell'esplosioni con forte ritardo!).Daltra parte chi ha effettuato questa scelta non ha tenuto conto che facendo cosi' moltissime persone che hanno tentato di teleonare per accertarsi che le persone a loro care stessero bene non sono riuscite a parlare con loro (e chi telefona e non sente rispondere ovviamnte pensa al peggio, mica va a pensare che qualche autorita' ha dato ordine di spegnere la rete)D'altra parte anche se la reter non fosse stata spenta sarebbe andata comunqyue in tilt per sopraccarico.In situazioni d'emergenza (come il balck out elettrico successo in Italia, o lo schianto dell'aereo al Pirellone di Mialno) la rete dei cellulari e' andata subito in tilt. Altro che dire di acquistare un cellulare cosi' in caso di pericolo o emenrgenza si riesce a telefonare. Sono i primi a d andare in tilt.Quello che mi preoccupa e' che attualmente mi pare che forze dell'ordine, ambulanze, ferrovie, ecc. si basano sui cellulari. Hanno ben presente il fatto che in situazioni critiche il servizio di telefonia mobile decade?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il motivo

      Cosi' e' la nuova guerra (Ho vissuto per 15 anni
      in Israele e so di cosa sto parlando). Tu allora la conosci gia' questa guerra, adesso la conosciamo anche noi qui in Europa e credo che non pochi ora si vergognino sapendo che l'Europa finanziava Hamas ed altri :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: Il motivo
      Ma se putacaso il telefonino non prende, la bomba come scoppia?Sicchè tu hai vissuto 15 anni in Israele e sei esperto di cinture esplosiveE io che vivo in Italia da 40 anni che sono, esperto di mandolini?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il motivo
        - Scritto da: Anonimo
        Ma se putacaso il telefonino non prende, la bomba
        come scoppia?Riporto solo una parte di uno dei primi messaggi del thread:"Dubito che il motivo sia stato per quello: negli altri attentati i cellulari erano utilizzati tramite la funzione della sveglia, non teramite chiamata a distanza."
  • Anonimo scrive:
    non capisco...
    ...cosa c'entra il titolo con la notiziadisattivare la RETE significa controllare i TELEFONI?mi sfugge qualcosa...
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco...
      - Scritto da: Anonimo
      ...cosa c'entra il titolo con la notizia
      disattivare la RETE significa controllare i
      TELEFONI?
      mi sfugge qualcosa... Dipende naturalmente da cosa intendi per controllo.
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...cosa c'entra il titolo con la notizia

        disattivare la RETE significa controllare i

        TELEFONI?

        mi sfugge qualcosa...

        Dipende naturalmente da cosa intendi per
        controllo.Chi controlla una cosa può anche distruggerla
  • Anonimo scrive:
    Il mio cell ha sempre funzionato!
    il mio cell ha sempre funzionato, a parte essere andato un po a singhiozzo per un paio d' ore. ma mi sembra normale, visto che tutti erano attaccati al telefono. anche a capodanno verso mezzanotte succede uguale, non mi e' sembrato innaturale. lo stesso e' capitato a parecchi miei amici. non che voglia dire gran che ma sto a 300 metri dalla stazione di aldgate
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mio cell ha sempre funzionato!
      ma non si parla se funziona o meno in caso di sovraccarico..l'articolo lasciava intuire una certa vena polemica sull'esecuzione coatta di una disattivazione della polizia anche se aveva avuto il divieto di farlo...ma comunque ha fatto bene, andrebbe verificato se chi ha posto il divieto di disattivazione non sia colluso piuttosto
    • Anonimo scrive:
      Re: Il mio cell ha sempre funzionato!
      E chi se ne frega?
  • Anonimo scrive:
    Avevano finito lo spazio su HD
    ..avranno bloccato tutto perchè gli sarà finito lo spazio su hard disk per registrare le telefonate. Ancora che credete alla privacy?
    • Anonimo scrive:
      Re: Avevano finito lo spazio su HD
      - Scritto da: Anonimo

      ..avranno bloccato tutto perchè gli sarà finito
      lo spazio su hard disk per registrare le
      telefonate.

      Ancora che credete alla privacy?O forse per evitare detonazioni a distanza con una telefonata da telefono cellulare a telefono cellulare collegato ad un ordigno esplosivo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Avevano finito lo spazio su HD
        - Scritto da: Anonimo
        O forse per evitare detonazioni a distanza con
        una telefonata da telefono cellulare a telefono
        cellulare collegato ad un ordigno esplosivo?Se la spiegazione e' cosi' elementare, perche' non l'hanno gia' diffusa?
      • Anonimo scrive:
        Re: Avevano finito lo spazio su HD


        ..avranno bloccato tutto perchè gli sarà finito

        lo spazio su hard disk per registrare le

        telefonate.



        Ancora che credete alla privacy?


        O forse per evitare detonazioni a distanza con
        una telefonata da telefono cellulare a telefono
        cellulare collegato ad un ordigno esplosivo?O forse per evitare che le marmotte rubassero la cioccolata :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Avevano finito lo spazio su HD
          Quando ci fù l'attentato alla metro di Londra, la rete dei cellulari fu subito sospesa; e non vennero date spiegazioni; se non dopo qualche settimana nel fare il resoconto delle operazioni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Avevano finito lo spazio su HD
          - Scritto da: Anonimo


          ..avranno bloccato tutto perchè gli sarà
          finito


          lo spazio su hard disk per registrare le


          telefonate.





          Ancora che credete alla privacy?





          O forse per evitare detonazioni a distanza con

          una telefonata da telefono cellulare a telefono

          cellulare collegato ad un ordigno esplosivo?
          O forse per evitare che le marmotte rubassero la
          cioccolata :D Prima di rubarla la incartano? :D .
Chiudi i commenti