Cina: vi cambieremo le idee

Pechino passa ad una nuova fase di evangelizzazione: le guardie rosse non sventoleranno più il libretto di Mao per le strade, invaderanno il mondo digitale della Rete per manipolare forum e chat


Pechino (Cina) – Libretti rossi? Carta obsoleta. Parate militari nei villaggi e flagellazione dei reazionari? Metodi adatti al medioevo. La piccola rivoluzione culturale promossa dai vertici del Partito Comunista Cinese sarà tutta digitale . Dopo pesantissime ed asfissianti politiche censorie applicate a tutti i mass media, il governo di Pechino ha annunciato l’inizio di una nuova era per la propaganda di regime.

Un esercito di guerriglieri dell’informazione, al soldo dell’ultimo Impero Rosso del pianeta, invaderà la Rete. Dispongono di uffici speciali presso le prefetture di oltre 700 città della grande Repubblica Popolare e presto inizieranno la loro opera di propaganda online. La notizia proviene da un articolo apparso sul quotidiano cantonese Nanfang Daily , immediatamente rimosso non appena pubblicato. Fortunatamente l’episodio ha subito fatto il giro del mondo grazie all’intervento di Reporters Sans Frontieres ed altri osservatori internazionali.

Le guardie rosse digitali dovranno difendere l’immagine del PCC e mantenere sotto stretto controllo proprio i gangli vitali dell’ informazione sovversiva , evitando che i cittadini cinesi entrino in contatto con messaggi negativi. La loro missione è manipolare in maniera occulta l’ opinione pubblica , contaminandone la sua sorgente più viva e più accessibile: chat, forum e gruppi di discussione.

Pubblicando notizie manipolate ed intrise di retorica partitica, le guardie telematiche (definite “lavoratori dell’opinione”) potranno reagire contro ogni forma di critica e dissenso sull’operato del regime. Secondo fonti ufficiali, oltre 120 ufficiali dell’esercito avrebbero ricevuto un addestramento speciale per entrare a far parte di questa task force antilibertà, che agisce -garantiscono gli esponenti del PCC nell’articolo rimosso- per il “bene comune della nazione”. Le tattiche impiegate vanno dalla mera confutazione di semplici questioni fino alla pubblicazione di false opinioni in grado di confondere i frequentatori delle comunità online.

Naturalmente questi professionisti della propaganda di regime, già ben oltre i limiti di pervasività ed efficacia conosciuti dalle dittature del secolo scorso, godranno di tutti i benefici degli strumenti informatici: possibilità di rimanere nascosti , avere molteplici identità ma sopratutto raggiungere una visibilità incredibile grazie alla propagazione virale dei messaggi.

Appositi centri per il controllo dell’opinione pubblica sono già spuntati nelle zone di Suqian e Wuxi ed impiegano oltre 30 militari ciascuno. Il progetto del governo, secondo quanto riportato nell’articolo originale del Nanfang Daily , è di creare appositi distaccamenti locali per ogni grande città. I Centri di Propaganda Cittadina agiranno su tutto il territorio nazionale allungando la propria mano invisibile su tutto ciò che è informazione: dalla stampa fino ai siti web.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Cazzate!!!
    cazzate da futurologo,la morte non si vince,si attende!!!scaricare la memoria di un individuo non vuol dire essere immortali,tu mori comunque,i dati,emozioni della tua mente vengono conservati,ma tu muori,proprio fisicamente!!!,e quando sei di là i dati son già passati,giàmorti.Li conservi certo ma che ci fai,li rimpianti in un clone?e poi sei tu,no vive il tuo clone con i tuoi dati ma tu sei bello che morto!!!
  • Anonimo scrive:
    Avanti siori e siore...
    AVANTI SIORI E SIORE CHE IN QUESTO BARACCONE LE SCEMENZE NON FINISCONO MAI.
  • byoblu scrive:
    aerei che si emozionano! GULP
    " [...]i computer di domani saranno in grado di provare emozioni: "Vorrei ovviamente che il computer che governa un aereo abbia più paura di me all'idea di precipitare, cosicché faccia tutto il possibile per non subire incidenti". E se un'aereo dovesse avere un istinto suicida? Magari perchè è appena stato lasciato da un DC9 di cui era innamorato?
  • Anonimo scrive:
    La coscienza non si può copiare
    La somma dei componenti è uguale al totale. Vale in matematica. In informatica.Nella logica.Ma non vale sulla mente. La memoria delle nozioni, le informazioni si possono duplicare....forse le emozioni si potranno ricostruire....ma una COPIA DI ME STESSO x quanto fedele: NON SONO IO.Cosa me ne frega che i miei ricordi andranno su un hardisk se poi non sono IO quella copia.Perciò io, che sono di solito possibilista, dico NO. Non c'è bisogno di aspettare il futuro x capirlo.Altro discorso è il trapianto di cervello su un organismo ospite o macchinario.Si potrà perciò prolungare la vita, ma prima o poi il cervello originale morirà x consumazione dei tessuti.....a meno che l'uomo, con l'ingegneria genetica diventi come lo yogurt....;o)
    • Anonimo scrive:
      Re: La coscienza non si può copiare
      - Scritto da: Anonimo
      La somma dei componenti è uguale al totale. Vale
      in matematica. In informatica.
      Nella logica.

      Ma non vale sulla mente. La memoria delle
      nozioni, le informazioni si possono
      duplicare....forse le emozioni si potranno
      ricostruire....ma una COPIA DI ME STESSO x quanto
      fedele: NON SONO IO.
      Cosa me ne frega che i miei ricordi andranno su
      un hardisk se poi non sono IO quella copia.Prova a chiederlo alla copia
      Si potrà perciò prolungare la vita, ma prima o
      poi il cervello originale morirà x consumazione
      dei tessuti.....a meno che l'uomo, con
      l'ingegneria genetica diventi come lo
      yogurt....;o)Cioè diventi intelligente come lo yogurt? :D
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: La coscienza non si può copiare

      Ma non vale sulla mente. La memoria delle
      nozioni, le informazioni si possono
      duplicare....forse le emozioni si potranno
      ricostruire....ma una COPIA DI ME STESSO x quanto
      fedele: NON SONO IO.
      Cosa me ne frega che i miei ricordi andranno su
      un hardisk se poi non sono IO quella copia.Curioso. Ho scritto praticamente la stessa cosa in un post di qualche numero fa:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=995270&tid=993591&p=1&r=PI#995270("mi dai il numero di cellulare dell'avatar" si riferisce all'avatar precedente)Il procedimento descritto crea una copia della mente ma non vi trasferisce l'anima originale: la copia ne ha una sua. La copia è convinta di essere l'originale, ma l'originale sa benissimo di non essere la copia.
      • Anonimo scrive:
        Re: La coscienza non si può copiare
        - Scritto da: Gatto Selvaggio
        Il procedimento descritto crea una copia della
        mente ma non vi trasferisce l'anima originale: la
        copia ne ha una sua. La copia è convinta di
        essere l'originale, ma l'originale sa benissimo
        di non essere la copia.Ah be certo
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: La coscienza non si può copiare


          Il procedimento descritto crea una copia della

          mente ma non vi trasferisce l'anima originale:
          la

          copia ne ha una sua. La copia è convinta di

          essere l'originale, ma l'originale sa benissimo

          di non essere la copia.

          Ah be certoE' evidente che o sei un riduzionista o non sai di cosa parlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: La coscienza non si può copiare
            Perché non attaccare i cervelli insieme, usare il secondo come "upgrade del primo" e gradatamente spostare la propria coscienza sul secondo? (quando il primo muore ormai non c'è più niente sopra...)Come diceva Eraclito"negli stessi fiumi in cui ci immegiamo siamo e non siamo"A il cervello umano non rimano lo stesso dalla nascita ma cresce, si modifica, ricrea le parti andate distrutte o sposta i processi mentali su nuove aree prima non utilizzate (come accade a coloro che vengono compiti da ictus)Il trucco è garantire una "continuità"
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: La coscienza non si può copiare

            Il trucco è garantire una "continuità"Infatti pare proprio quello.
    • Anonimo scrive:
      Re: La coscienza non si può copiare

      La coscienza non si può copiareLo dicevano anche degli cd, delle cassette, dei dvd...
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: La coscienza non si può copiare


        La coscienza non si può copiare
        Lo dicevano anche degli cd, delle cassette, dei
        dvd...Sì ma qui si vuol dire che la copia non sarebbe lo stesso individuo, ma un altro: convinto di essere l'originale di cui condivide mente, esperienze e ricordi, ma da esso distinto - l'originale non vede attraverso gli occhi della copia.Per esserne sicuri però occorre eseguire l'esperimento. Potrebbe poi anche darsi che si trovi un modo per cui l'originale vede e sente attraverso la copia, nel qual caso l'io (o l'anima) sarebbe sdoppiato.
  • Anonimo scrive:
    Timothy Leary
    Chi se lo ricorda?Il guru dell'LSD negli anni '70, diventato guru dell'informatica nei tardi anni '80, che si fece un sito Internet nel '92 e faceva più o meno le affermazioni contenute in quest'articolo. Non ha avuto gran fortuna nè seguito, ed è dagli anni '80 che si pubblicano libri che dicono "questa potrebbe essere l'ultima generazione a morire!"... non hanno avuto gran fortuna finora, e francamente con oltre metà del mondo che non riesce a toccare i 40 anni mi pare che la ricerca sia da indirizzare più che altro a risolvere QUEI problemi: figurati che glie ne frega all'africano che non sa se domani riuscirà a mangiare di digitalizzarsi la memoria...
  • Anonimo scrive:
    INDIVIDUO E MORTE
    forse sarà possibile fra 1000 anni ,non 40 ,in sistemi BIONANOlettrici oggi giorno inconcepibili e paradossali...e cmque nella macchina rimarrà l'immagine della mente dell'individuo non l'individuo...L'Uomo ancora oggi non sa cos'è veramente l'individuo...figurati se potrà inscatolarlo in memorie artificiali..X l'individuo la morte è la fase più certa della vita.....non conoscere la morte è secondo me impossibile...confezionare ricordi invece lo ritengo possibile e come...ANX
    • Anonimo scrive:
      Re: INDIVIDUO E MORTE
      - Scritto da: Anonimo
      L'Uomo ancora oggi non sa cos'è veramente
      l'individuo...figurati se potrà inscatolarlo in
      memorie artificiali..Oh bello non sei l'unico uomo sulla terra
  • Anonimo scrive:
    Ennesima cazzata
    Ennesima cazzata
  • Anonimo scrive:
    si son visti...
    ...troppe volte final cut....
  • Anonimo scrive:
    che c'entra la morte?
    Non c'entra nulla la morte. L'individuo morira' e basta, c'e' poco da fare. Riversare le mie conoscenze in un super computer non mi fa continuare a vivere. Non e' difficile da capire, mi meraviglio a leggere certi sciocchi titoli.....
    • Anonimo scrive:
      Re: che c'entra la morte?
      - Scritto da: Anonimo
      Non c'entra nulla la morte. L'individuo morira' e
      basta, c'e' poco da fare. Riversare le mie
      conoscenze in un super computer non mi fa
      continuare a vivere. Non e' difficile da capire,
      mi meraviglio a leggere certi sciocchi
      titoli.....Ragioni in modo cosi' tridimensionale, come se la morte fosse solo un fatto individuale e non collettivo, dove a chi rimane, gli unici che contano, oggi non rimane piu' nulla e domani rimarra' invece un bagaglio di esperienze e di memorie.
      • Anonimo scrive:
        Re: che c'entra la morte?
        - Scritto da: Anonimo
        Ragioni in modo cosi' tridimensionale, come se la
        morte fosse solo un fatto individuale e non
        collettivo, dove a chi rimane, gli unici che
        contano, oggi non rimane piu' nulla e domani
        rimarra' invece un bagaglio di esperienze e di
        memorie.Tu ragioni in modo retro-vettoriale invece :D
    • Anonimo scrive:
      Re: che c'entra la morte?
      - Scritto da: Anonimo
      Non c'entra nulla la morte. L'individuo morira' e
      basta, c'e' poco da fare. Riversare le mie
      conoscenze in un super computer non mi fa
      continuare a vivere. Non e' difficile da capire,
      mi meraviglio a leggere certi sciocchi
      titoli.....Probabilmente entrambi sareste convinti di essere l'"individuo", con la differenza che tu morirai ;-)
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: che c'entra la morte?

        entrambi sareste convinti di essere
        l'"individuo", con la differenza che tu moriraiE ti pare un nonnulla?
  • Anonimo scrive:
    Aereo pensante
    "Vorrei ovviamente che il computer che governa un aereo abbia più paura di me all'idea di precipitare, cosicché faccia tutto il possibile per non subire incidenti"...Io non vorrei che avesse più interesse a salvare se stesso che i passeggeri :D:D:D:)
    • Anonimo scrive:
      Re: Aereo pensante
      - Scritto da: Anonimo
      Io non vorrei che avesse più interesse a salvare
      se stesso che i passeggeri :D:D:D:)Butta la zavorra...
  • Anonimo scrive:
    Fate tacere il mio yoghurt!
    Io finché non mi va in circolo la prima caffeina del mattino sono di pessimo umore e non voglio sentire volare una mosca!
  • Anonimo scrive:
    Una breve considerazione
    Ma vi immaginate che pozzo nero di pensieri inutili che sarebbe 'sta povera macchina?Parliamoci chiaro, a parte le poche menti dei grandi uomini, tutto il resto del prodotto cerebrale dell'umanità è soltanto cacca neurologica: perchè sprecare corrente elettrica per tenere acceso untale ricettacolo di stronzate?Salverei in più solo la mente di Briatore (tanto starà tutta in 3 o 4 floppy a dire tanto) per sapere finalmente se è vero che si è trombato le più grandi gnocche del cosmo...
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Una breve considerazione

      Parliamoci chiaro, a parte le poche menti dei
      grandi uomini, tutto il resto del prodotto
      cerebrale dell'umanità è soltanto cacca
      neurologicaChe pessimismo. Però è vero: a parte qualche idea di qualche mente (riconosciuta grande o rimasta nell'ombra) il resto è CRAP. Alimento per l'economia consumistica. Tutto ciò in cui possiamo sperare è che qualche nostra idea sopravviva.
      Salverei in più solo la mente di Briatore (tanto
      starà tutta in 3 o 4 floppy a dire tanto) per
      sapere finalmente se è vero che si è trombato le
      più grandi gnocche del cosmo...Più che altro per capire come fa e imparare.Però che inutile l'unione con le più del cosmo, se non ne esce una nidiata di micini selvaggi!
      • Anonimo scrive:
        Re: Una breve considerazione
        - Scritto da: Gatto Selvaggio
        Però che inutile l'unione con le più del cosmo,
        se non ne esce una nidiata di micini selvaggi!Tu sei malato!
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: Una breve considerazione


          Però che inutile l'unione con le più del cosmo,

          se non ne esce una nidiata di micini selvaggi!

          Tu sei malato!Perché?
      • Anonimo scrive:
        Re: Una breve considerazione


        Salverei in più solo la mente di Briatore ....
        Più che altro per capire come fa e imparare.E' semplice... basta averlo molto grosso... il conto in banca intendo...
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: Una breve considerazione

          basta averlo molto grosso... il
          conto in banca intendo...Sì ma Naomi mica l'ha minuscolo, il conto: ci dev'essere sotto qualche misterioso savoir faire.
  • Anonimo scrive:
    dubbi
    Considerando una delle ultime affermazioni, quella sui circuiti elettronici a DNA, penso che l'autore sia un po precoce, visto che di tali circuiti non ho trovato nessuna informazione su PubMed. La branca della DNA nanotechnology sta studiando ancora dei device (con funzione di transistor se ho capito bene).
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma voi vi immaginate
    Io nel frigorifero vorrei trovarci la fatina di Filadelfia ... proverei un sottile piacere nel manomettere il dispositivo di raffreddamento, portare la temperatura intorno ai -70 gradi e farle passare la voglia di dire stronzate ogni volta che prendo qualcosa da mangiare.Saluti,Piwi
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma voi vi immaginate
      - Scritto da: Anonimo
      Io nel frigorifero vorrei trovarci la fatina di
      Filadelfia ... proverei un sottile piacere nel
      manomettere il dispositivo di raffreddamento,
      portare la temperatura intorno ai -70 gradi e
      farle passare la voglia di dire stronzate ogni
      volta che prendo qualcosa da mangiare.
      Io invece la fatina del Filadelfia la inqlerei senza burro.E pure la puffetta.http://www.albinoblacksheep.com/flash/papasmurf.phpFirmatoIl Grande Puffo
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma voi vi immaginate
        - Scritto da: Anonimo
        Io invece la fatina del Filadelfia la inqlerei
        senza burro.
        E pure la puffetta.
        http://www.albinoblacksheep.com/flash/papasmurf.ph

        Firmato

        Il Grande PuffoFai schifo Grande Puffo, comunque che musica è?
  • Anonimo scrive:
    E la struttura?
    Non riesco davvero a comprendere il senso di certe notizie. PI dovrebbe iniziare a farsi un piccolo esame di coscienza.Questio tizio dice che la PS3 ha già oggi l'1% della potenza di un cervello umano. Ma in base a cosa ha fatto questo calcolo? Ma stiamo scherzando? Tra l'altro compariamo un sistema digitale con uno...analogico? E gli algoritmi? E la struttura?Ma stiamo scherzando?L'unico modo per simulare la mente è:1. capirne gli algoritmi - se mai sarà possibile2. implementarli in struttura in grado di eseguirliIl primo punto è il più complesso: la mente è un algoritmo? E se lo è: è un algoritmo finito o infinito?Potremo mai comprender-CI?Il secondo punto si riduce solo ad una questione tecnologica: riusciremo un giorno a 'costruire' un cervello artificiale?Occhio: per cervello intendo solo la struttura e non anche la mente.Dal mio punto di vista, l'intelligenza artificiale ha bisogno di due risposte a due domande fondamentali:1. se la mente sia o no un algoritmo2. se tale algoritmo - ammesso che esista - dipenda o meno dalla struttura su cui è implementato (nel caso dell'essere umano, il cervello).Non si potrà mai racchiudere la mente umana su un corpo rigido come, che so, un Blue-Ray del 2900! :)Per ovvi motivi.Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: E la struttura?
      Sì e gli embrioni sono degli esseri umani da tutelare
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: E la struttura?
        Avrebbero dovuto usarti per la sperimentazione anni fa.
        • Anonimo scrive:
          Re: E la struttura?
          - Scritto da: Gatto Selvaggio
          Avrebbero dovuto usarti per la sperimentazione
          anni fa.Sarebbe stato meglio per te
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: E la struttura?


            Avrebbero dovuto usarti per la sperimentazione

            anni fa.

            Sarebbe stato meglio per teSpiegati meglio. Qual'è il rospo che non ti va giù? Forse con un cucchiaio d'olio si risolve.
    • Anonimo scrive:
      Re: E la struttura?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma stiamo scherzando?

      L'unico modo per simulare la mente è:

      1. capirne gli algoritmi - se mai sarà possibileO forse realizzarli senza darsi troppe mazzate di filosofia
  • Anonimo scrive:
    Contro la morte?
    E questo "scaricamento di memoria", ammesso un giorno sia possibile, eviterebbe la morte? La morte resterebbe inevitabile, tutto quello che avrei ottenuto è un supercomputer che contiene immagini, suoni, dati testuali della mia memoria, che non ha niente a che vedere con la mia sopravvivenza come entità biologica.Secondo me si farà molto prima a studiare bene il DNA e a trovare il gene che causa l'invecchiamento piuttosto che a realizzare questa improbabile "trasfusione mentale" in un macchinario....
    • Anonimo scrive:
      Re: Contro la morte?
      - Scritto da: Anonimo
      E questo "scaricamento di memoria", ammesso un
      giorno sia possibile, eviterebbe la morte? La
      morte resterebbe inevitabile, tutto quello che
      avrei ottenuto è un supercomputer che contiene
      immagini, suoni, dati testuali della mia memoria,
      che non ha niente a che vedere con la mia
      sopravvivenza come entità biologica.Quindi se è così importante la biologia e l'integrità biologica quando perdi un braccio perdi una parte del tuo Io?
      • Anonimo scrive:
        Re: Contro la morte?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E questo "scaricamento di memoria", ammesso un

        giorno sia possibile, eviterebbe la morte? La

        morte resterebbe inevitabile, tutto quello che

        avrei ottenuto è un supercomputer che contiene

        immagini, suoni, dati testuali della mia
        memoria,

        che non ha niente a che vedere con la mia

        sopravvivenza come entità biologica.

        Quindi se è così importante la biologia e
        l'integrità biologica quando perdi un braccio
        perdi una parte del tuo Io?Sì.
        • Anonimo scrive:
          Re: Contro la morte?
          - Scritto da: Anonimo

          Quindi se è così importante la biologia e

          l'integrità biologica quando perdi un braccio

          perdi una parte del tuo Io?
          Sì.Allora tu (ora) non sei la persona nata dall'utero di tua madre... non avete nemmeno una cellula in comune. Giusto?
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Contro la morte?

            Allora tu (ora) non sei la persona nata
            dall'utero di tua madre... non avete nemmeno una
            cellula in comune.A quanto pare un requisito essenziale è una qualche forma di continuità macroscopica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Contro la morte?
      Anche io credo che sia molto meglio concentrare gli sforzi sulla genetica per trovare il gene o i geni che causano l'invecchiamento e la morte.
      • HotEngine scrive:
        Re: Contro la morte?
        - Scritto da: mirko86
        Anche io credo che sia molto meglio concentrare
        gli sforzi sulla genetica per trovare il gene o i
        geni che causano l'invecchiamento e la morte.Voi siete impazziti. Io al pensiero che ci facciano campare 150..200 o 300 anni (o addirittura divenire immortali) mi tocco! Ma stiamo scherzando? Avete idea a che dimensione dei problemi andrebbe incontro l'attuale società? Tanto per rimanere nel banale... Quando si andrà in pensione? A 210 anni compiuti? C'hai voglia di lavorare duecento anni?
        • Anonimo scrive:
          Re: Contro la morte?
          - Scritto da: HotEngine

          Voi siete impazziti. Io al pensiero che ci
          facciano campare 150..200 o 300 anni (o
          addirittura divenire immortali) mi tocco! Ma
          stiamo scherzando? Avete idea a che dimensione
          dei problemi andrebbe incontro l'attuale società?
          Tanto per rimanere nel banale... Quando si andrà
          in pensione? A 210 anni compiuti? C'hai voglia di
          lavorare duecento anni?"Gli Amaranto" (1956) - Jack Vance 8)
          • HotEngine scrive:
            Re: Contro la morte?
            - Scritto da: Anonimo

            Tanto per rimanere nel banale... Quando si andrà

            in pensione? A 210 anni compiuti? C'hai voglia

            di lavorare duecento anni?
            "Gli Amaranto" (1956) - Jack Vance 8) uh? Davvero? Mai letto... Di che parla?
  • Anonimo scrive:
    E le sostanze
    Il problema non sara' la memoria..Ma sara' fabbricare un super computer che si ubriaca che sniffa che fuma che mangia che fa del sesso ecc...Penso che la vita da computer non sia molto divertete.L'unica cosa che si potra fare sara' scaricare immagini porno da internet per il resto ... NADA.Vabbe' sara un incentivo per i produttori di siti porno.
    • Anonimo scrive:
      Re: E le sostanze
      - Scritto da: Anonimo

      L'unica cosa che si potra fare sara' scaricare
      immagini porno da internet per il resto ... NADA.
      Mmmm.... si... ah... fammi vedere i tuoi datasheet, voglio il porno spinto :D
      • Anonimo scrive:
        Re: E le sostanze
        Scherzi ? Una volta che sei dentro un computer puoi giocare a tutti i videogame in prima persona ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: E le sostanze
          - Scritto da: Anonimo
          Scherzi ? Una volta che sei dentro un computer
          puoi giocare a tutti i videogame in prima persona
          ;)Beh, se ti capita roba tipo "Il quinto elemento" o "Deus Ex II" c'è poco da stare allegri...
    • Anonimo scrive:
      Re: E le sostanze
      - Scritto da: Anonimo
      Il problema non sara' la memoria..

      Ma sara' fabbricare un super computer che si
      ubriaca che sniffa che fuma che mangia che fa del
      sesso ecc...Io dico che sarà facilissimo invece tutto software e chi non vuole non si programma neanche la dipendenza, anche se penso verranno spesi centinaia di miliardi per creare virus autodistruggenti con dipendenza
  • Anonimo scrive:
    tutto è relativo
    nell' articolo nn vine ricordato però un elemento fondamentale come il numero di interconnessioni neuronali che varia da individuo ad individuo.in pratica la fattibilit di tale tecnica sarebbe fattibile anche al giorno d' oggi per alcuni individui.ad esempio per il ministro gasparri basterebbe un semplice Zilog Z80 8)
  • ishitawa scrive:
    sdoppiamento
    a parte i problemi pratici, ammettiamo che un computer possa leggermi tutta la memoria, le idee, le opioni che ho e che inizi a "pensare" come meperò io rimango qui, l'articolo dice che "i giovani potrebbero non conoscere più la morte" ma in effetti io rimango qui nel mio corpo.contemporaneamente però un altro io si sveglia dentro i circuiti del computermi ricorda un racconto di fantascienza dove per i viaggi spaziali utilizzavano delle "copie" a perdere. immaginate il classico teletrasporto che però lascia l'originale a terra e ne fa una copia dall'altra parte. una copia che però è la persoan stessa, con tutti i ricordi, le idee, la volontà di vivereperò viene considerata solo un oggetto "a perdere" in quanto non è il "vero", con tutte le implicazioni etiche e morali del caso
    • Anonimo scrive:
      Re: sdoppiamento
      Mi sembra semplicissimo risolvere il problema: come con il "move" al posto del "copy", prima lo si copia, e poi si sopprime l'originale. Semplicissimo :D
      • Anonimo scrive:
        Re: sdoppiamento
        - Scritto da: Alex¸tg
        Mi sembra semplicissimo risolvere il problema:
        come con il "move" al posto del "copy", prima lo
        si copia, e poi si sopprime l'originale.
        Semplicissimo :DGeniale! :DE per l'undo?
        • Anonimo scrive:
          Re: sdoppiamento
          - Scritto da: patroclo

          - Scritto da: Alex¸tg

          Mi sembra semplicissimo risolvere il problema:

          come con il "move" al posto del "copy", prima lo

          si copia, e poi si sopprime l'originale.

          Semplicissimo :D

          Geniale! :D
          E per l'undo?Un cestino criogenico in un angolo!Per annullare l'eliminazione si dis-iberna l'originale...e comunque che t'importa dell'originale, quando dalla copia digitalizzata puoi fare tutti i cloni che vuoi? Mah, che domande...==================================Modificato dall'autore il 23/05/2005 14.57.35
          • Anonimo scrive:
            Re: sdoppiamento
            - Scritto da: Alex¸tg


            si copia, e poi si sopprime l'originale.


            Semplicissimo :D



            Geniale! :D

            E per l'undo?

            Un cestino criogenico in un angolo!
            Per annullare l'eliminazione si dis-iberna
            l'originale...Eh ma non sarebbe più semplice mettere in freeze il computer? :)
          • byoblu scrive:
            Re: sdoppiamento


            Geniale! :D

            E per l'undo?

            Un cestino criogenico in un angolo!
            Per annullare l'eliminazione si dis-iberna
            l'originale...

            e comunque che t'importa dell'originale, quando
            dalla copia digitalizzata puoi fare tutti i cloni
            che vuoi? Mah, che domande...
            Sì... e poi magari ci sarà il P2P di intere coscienze.Qualcuno si copierà la mente di qualche scienziato della NASA e la butterà su BitTorrent. E ovviamente sarà illegale!p.s. ..siete troppo forti! :)
    • Anonimo scrive:
      Re: sdoppiamento
      Domanda interessante...Penso la soluzione migliore sia quella di attaccare insieme i 2 cervelli in modo che uno possa pensare "su tutti e due"... poi uno dei due cervelli muore...Di principio questa eventualità è equivalente a quella dell'ictusSe ti muore un pezzo di cervello non è che non sei più te...L'importante è il passaggio graduale della coscienza da un cervello all'altro
  • Anonimo scrive:
    Naturalmente.... Godel escluso !

    ... sono tutti problemi Godelizzabili, vero?

    Insomma, l'informatica non riesce a risolvere il
    problema di capire se un programma puo' terminare
    o no, siamo fermi ai risultati di decenni fa e
    questo annuncia di frullare la testa della gente
    in uno yogurt, ovviamente con lo 0.00001% di
    grassi.
    Probabilmente il cervello di alcune soubrette
    televisive potrebbe gia' esser salvato su un
    floppy, senza nemmeno comprimere....-------------------------------------------------------------------------Nessun sistema coerente si puo' utilizzare per dimostrare la sua stessa coerenza.Questo vale sempre... e potremmo perfino ritenere che valga per il cervello umano, o forse no (non lo sappiamo... e se lo disconosciamo non per mancanza di informazioni bensi' perche' e' un problema indecidibile per noi stessi :D ?).Ma questo non e' un problema perche':1) l'incompletezza di sistemi incoerenti non e' fino ad oggi un problema tale da impedirci di costruire computer, navigare nello spazio, verificare la teoria della relativita', amare, conoscere, distruggere, costruire.... (intese nella loro fenomenologia, quindi nella realizzazione pratica. Per quanto la loro ideazione e coscienza potrebbe esulare dalla necessaria presenza di un sistema coerente)2) possiamo suppore di realizzare sistemi non coerenti. Con l'informatica umida (wet), ovvero la bioinformatica, e le teorie quantistiche abbiamo gia' esempi di fenomeni (o macchine ? o organismi ?) simili alla nostra natura.Ovvero il problema non e' riunire 100 PS3 (ognuna capace di simulare l'1% delle capacita' cerebrali umane ma incapaci di sommare questo 1%), ma sviluppare una tecnologia di diversi ordini di grandezza superiore e che non sia riconducibile ad un sistema coerente (altrimenti la PS3 o la Macchina di Turing sarebbero cmq sufficenti ai nostri scopi, solo piu' lente ;) ).Piuttosto la domanda da porsi e' se sia sufficente l' ed il di un uomo per avere un individuo (o sistemi biologici piu' semplici: animali, piante, virus... ricordando che anche una foresta e' un sistema biologico).(una persona morta o apparentemente morta puo' essere rianimata... significa qualcosa ?)A qualcuno questo ricordera' termini come spirito, essenza, coscienza (eterna), anima ed altri...E questo senza sentenziare sulla veridicita' degli approcci riduzionisti (l'intero e' la somma delle parti, 1+1=2) o olistici (dalla somma delle parti emergono proprieta' non determinabili dai suoi addendi, 1+12) o altri ancora (sistemi complessi, caos, ecc....)Insomma: se ho un'individuo geneticamente/biologicamente completo (ad esempio ci facilitiamo il compito usando la clonazione... oppure essendo la clonazione uno sfruttare i meccanismi naturali di procreazione/crescita stiamo "barando" senza costruire niente ???) quella persona e' viva/reale "in senso umano" ?(banaliziamo "senso umano" altrimenti dovremmo a nostra volta definire il significato di vivo e reale, probabilmente dovendo definire a sua volta altri termini in un percorso indefinitivamente esteso... ma non per questo indecidibile per noi... o no ? ;) )
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente.... Godel escluso !

      Nessun sistema coerente si puo' utilizzare per
      dimostrare la sua stessa coerenza.

      Questo vale sempre... e potremmo perfino ritenere
      che valga per il cervello umano, o forse no (non
      lo sappiamo... e se lo disconosciamo non per
      mancanza di informazioni bensi' perche' e' un
      problema indecidibile per noi stessi :D ?).Il cervello umano non e' coerente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Naturalmente.... Godel escluso !
        - Scritto da: Anonimo

        Il cervello umano non e' coerente.benissimo... ma questo non e' un problema
      • Anonimo scrive:
        Re: Naturalmente.... Godel escluso !
        - Scritto da: Anonimo


        Nessun sistema coerente si puo' utilizzare per

        dimostrare la sua stessa coerenza.



        Questo vale sempre... e potremmo perfino
        ritenere

        che valga per il cervello umano, o forse no (non

        lo sappiamo... e se lo disconosciamo non per

        mancanza di informazioni bensi' perche' e' un

        problema indecidibile per noi stessi :D ?).

        Il cervello umano non e' coerente.Dimostrazione? :D
        • ascar scrive:
          Re: Naturalmente.... Godel escluso !
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo




          Nessun sistema coerente si puo' utilizzare per


          dimostrare la sua stessa coerenza.





          Questo vale sempre... e potremmo perfino

          ritenere


          che valga per il cervello umano, o forse no
          (non


          lo sappiamo... e se lo disconosciamo non per


          mancanza di informazioni bensi' perche' e' un


          problema indecidibile per noi stessi :D ?).



          Il cervello umano non e' coerente.

          Dimostrazione? :Dil cervello umano è coerente
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: ascar


            Il cervello umano non e' coerente.



            Dimostrazione? :D

            il cervello umano è coerenteSi, buonanotte :D Goedel versione Topolino :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: ascar




            Il cervello umano non e' coerente.





            Dimostrazione? :D



            il cervello umano è coerente

            Si, buonanotte :D Goedel versione Topolino :DNon e' che affermare che sia non-coerente e' piu' furbo di ritenere che sia coerente...E quale che sia la risposta, non e' affatto un impedimento o facilitazione per i nostri scopi.
          • ascar scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            era solo la dimostrazione;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente.... Godel escluso !
      Si sono persi dei pezzi (erano tra maggiore/minore): hardware, software e diverso (sintassi C/C++)[...]Piuttosto la domanda da porsi e' se sia sufficente l' "hardware" ed il "software" di un uomo per avere un individuo (o sistemi biologici piu' semplici: animali, piante, virus... ricordando che anche una foresta e' un sistema biologico).[...][...] o olistici (dalla somma delle parti emergono proprieta' non determinabili dai suoi addendi, 1+1 "diverso da" 2) o altri ancora[...]Sorry !
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente.... Godel escluso !
      - Scritto da: Anonimo

      ... sono tutti problemi Godelizzabili, vero?



      Insomma, l'informatica non riesce a risolvere il

      problema di capire se un programma puo'
      terminare

      o no, siamo fermi ai risultati di decenni fa e

      questo annuncia di frullare la testa della gente

      in uno yogurt, ovviamente con lo 0.00001% di

      grassi.

      Probabilmente il cervello di alcune soubrette

      televisive potrebbe gia' esser salvato su un

      floppy, senza nemmeno comprimere....
      --------------------------------------------------

      Nessun sistema coerente si puo' utilizzare per
      dimostrare la sua stessa coerenza.

      Questo vale sempre... e potremmo perfino ritenere
      che valga per il cervello umano, o forse no (non
      lo sappiamo... e se lo disconosciamo non per
      mancanza di informazioni bensi' perche' e' un
      problema indecidibile per noi stessi :D ?).


      Ma questo non e' un problema perche':

      1) l'incompletezza di sistemi incoerenti non e'
      fino ad oggi un problema tale da impedirci di
      costruire computer, navigare nello spazio,
      verificare la teoria della relativita', amare,
      conoscere, distruggere, costruire.... (intese
      nella loro fenomenologia, quindi nella
      realizzazione pratica. Per quanto la loro
      ideazione e coscienza potrebbe esulare dalla
      necessaria presenza di un sistema coerente)

      2) possiamo suppore di realizzare sistemi non
      coerenti. Con l'informatica umida (wet), ovvero
      la bioinformatica, e le teorie quantistiche
      abbiamo gia' esempi di fenomeni (o macchine ? o
      organismi ?) simili alla nostra natura.
      Ovvero il problema non e' riunire 100 PS3 (ognuna
      capace di simulare l'1% delle capacita' cerebrali
      umane ma incapaci di sommare questo 1%), ma
      sviluppare una tecnologia di diversi ordini di
      grandezza superiore e che non sia riconducibile
      ad un sistema coerente (altrimenti la PS3 o la
      Macchina di Turing sarebbero cmq sufficenti ai
      nostri scopi, solo piu' lente ;) ).



      Piuttosto la domanda da porsi e' se sia
      sufficente l' ed il di un uomo per avere un
      individuo (o sistemi biologici piu' semplici:
      animali, piante, virus... ricordando che anche
      una foresta e' un sistema biologico).
      (una persona morta o apparentemente morta puo'
      essere rianimata... significa qualcosa ?)
      A qualcuno questo ricordera' termini come
      spirito, essenza, coscienza (eterna), anima ed
      altri...

      E questo senza sentenziare sulla veridicita'
      degli approcci riduzionisti (l'intero e' la somma
      delle parti, 1+1=2) o olistici (dalla somma delle
      parti emergono proprieta' non determinabili dai
      suoi addendi, 1+12) o altri ancora (sistemi
      complessi, caos, ecc....)



      Insomma: se ho un'individuo
      geneticamente/biologicamente completo (ad esempio
      ci facilitiamo il compito usando la clonazione...
      oppure essendo la clonazione uno sfruttare i
      meccanismi naturali di procreazione/crescita
      stiamo "barando" senza costruire niente ???)
      quella persona e' viva/reale "in senso umano" ?

      (banaliziamo "senso umano" altrimenti dovremmo a
      nostra volta definire il significato di vivo e
      reale, probabilmente dovendo definire a sua volta
      altri termini in un percorso indefinitivamente
      esteso... ma non per questo indecidibile per
      noi... o no ? ;) )Ma tu l'hai mai letta la prova di GodelIntendo quella fatta di matemetica con le formulee non la spazzatura pseudofilosofica e pseudomatematica che si trova purtroppo ovunque.
      • Anonimo scrive:
        Re: Naturalmente.... Godel escluso !
        - Scritto da: Anonimo

        Ma tu l'hai mai letta la prova di Godel

        Intendo quella fatta di matemetica con le formule

        e non la spazzatura pseudofilosofica e
        pseudomatematica che si trova purtroppo ovunque.Io si. Tu cosa ne hai dedotto sul cervello umano? Come l'hai applicata al funzionamento del cervello?
        • Anonimo scrive:
          Re: Naturalmente.... Godel escluso !
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          Ma tu l'hai mai letta la prova di Godel



          Intendo quella fatta di matemetica con le
          formule



          e non la spazzatura pseudofilosofica e

          pseudomatematica che si trova purtroppo ovunque.

          Io si. Tu cosa ne hai dedotto sul cervello umano?
          Come l'hai applicata al funzionamento del
          cervello?Non ne ho dedotto nulla in quanto la prova in questione riguarda la matematica e non la neurologia!
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: Anonimo



            Io si. Tu cosa ne hai dedotto sul cervello
            umano?

            Come l'hai applicata al funzionamento del

            cervello?

            Non ne ho dedotto nulla in quanto la prova in
            questione riguarda la matematica e non la
            neurologia!Esatto. Non se ne può dedurre niente. Mi sembra che l'autore del thread fosse consapevole di ciò.
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo






            Io si. Tu cosa ne hai dedotto sul cervello

            umano?


            Come l'hai applicata al funzionamento del


            cervello?



            Non ne ho dedotto nulla in quanto la prova in

            questione riguarda la matematica e non la

            neurologia!

            Esatto. Non se ne può dedurre niente. Mi sembra
            che l'autore del thread fosse consapevole di ciò.Sei tu l'autore?
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: Anonimo

            Esatto. Non se ne può dedurre niente. Mi sembra

            che l'autore del thread fosse consapevole di
            ciò.

            Sei tu l'autore?No. L'autore semplicemente ha inteso: SE il cervello umano potesse essere paragonato ad un sistema assiomatico, allora per il primo più il secondo teorema non si potrebbe sapere se possa o non possa essere simulato da una macchina di turing. ALTRIMENTI non ha senso paragonare una macchina di turing al cervello.In ogni caso la risposta è: non ha senso porre la questione della computabilità del cervello.
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Esatto. Non se ne può dedurre niente. Mi
            sembra


            che l'autore del thread fosse consapevole di

            ciò.



            Sei tu l'autore?

            No. L'autore semplicemente ha inteso: SE il
            cervello umano potesse essere paragonato ad un
            sistema assiomatico, allora per il primo più il
            secondo teorema non si potrebbe sapere se possa o
            non possa essere simulato da una macchina di
            turing. ALTRIMENTI non ha senso paragonare una
            macchina di turing al cervello.

            In ogni caso la risposta è: non ha senso porre la
            questione della computabilità del cervello.E' quanto ho inteso scrivere, ti ringrazio.Talvolta mi difetta la capacita' di sintesi. ;)(anche perche' non conoscendo l'uditorio mi sfuggono le necessita' delle premesse che faccio)
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: Anonimo

            Sei tu l'autore?Sono io. (prima o poi bisognera' iscriversi invece di impersonare principalmente il lurker, forse ci scappa pure una copia di PI Solido :) )in effetti io non approdo a certe deduzioni sulla natura del cervello (come potrei).Posso solo dire che apparentemente gode di meno limiti (o maggiori proprieta' ?) di un sistema formale ma:1) non e' ancora dimostrabile la "riduzione" del nostro sistema cerebrale ad un sistema formale, anche per sistemi neurologici piu' semplici dell'uomo (insetti....)2) il cervello potrebbe incarnare un sistema differente ma ugualmente dotato di limiti.Il che accontenterebbe la maggior parte delle persone che necessitano a gran voce di distinguersi dal modello delle macchine.Ma lo stesso avverrebbe per "sistemi" superiori, come dio (in minuscolo alla maniera di S. Tommaso d'Aquino) o altre entita' infinite ed onnipotenti, che hanno nei loro limiti l'essere esattamente come sono e non -anche- come non-sono, cioe' del non essere dio o di avere la realta' dissociata dalla non realta'.Questo puo' significare che se i 2 modelli (computer e cervello) sono differenti non possono essere riconducibili tra loro. Sta bene. No problem.Ma il computer oggi materializza un particolare modello.Nulla (apparentemente) ci vieta di riprodurre il modello umano in cio' che umano non e' (ma poi lo diventa ?).Probabilmente dobbiamo smettere di pensare alle macchine di domani come alle fredde scatole calcolatrici di oggi ed imparare a chiamarle... organismi. (col tempo senza distinzione tra artificiale e naturale)Inoltre abbiamo a disposizione "trucchi" come usare un cervello umano per simulare un altro cervello umano.In termini tecnologici puo' essere ancora oggi non fattibile, ma leggendo il principio come potenzialita' del nostro pensiero non e' ci certo impossibile.In sostanza mi pare implicito che una 100 PS3 o una PS4 nulla hanno (o nulla potrebbero avere) a che spartire col cervello umano, e spero che il tecnologo dell'articolo sappia cogliere la differenza tra la potenza di elaborazione e la potenzialita' (in senso lato) di un sistema.Quindi potremmo avere con 100 PS3 una discreta simulazione della fenomenologia di un individuo,oppure con un altro dispositivo/organismo futuro (diverso dalla PS3) una perfetta replica della classe individuo (ed eventualmente anche di un singolo).P.S.il riferimento a Godel e' in risposta ad un altro intervento: ("Naturalmente....")Siccome mi pare di portare nel tema discussioni differenti da quel topic ne ho aperto un altro ma facendo riferimento ad esso...
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !

            1) non e' ancora dimostrabile la "riduzione" del
            nostro sistema cerebrale ad un sistema formale,
            anche per sistemi neurologici piu' semplici
            dell'uomo (insetti....)Direi di nessun sistema fisico La meccanica classica o quantistica sono solo delle descrizioni della realta' sperimentale e non la realta'Quindi la cosa vale anche per il cervello visto che appartiene alla fisica e non alla matematica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: Anonimo




            1) non e' ancora dimostrabile la "riduzione" del

            nostro sistema cerebrale ad un sistema formale,

            anche per sistemi neurologici piu' semplici

            dell'uomo (insetti....)

            Direi di nessun sistema fisico
            La meccanica classica o quantistica sono solo
            delle
            descrizioni della realta' sperimentale e non la
            realta'

            Quindi la cosa vale anche per il cervello visto
            che appartiene alla fisica e non alla matematica.
            Vero.Ma la matematica o la logica del primo ordine mantengono la loro validita' all'interno di un dato contesto.Noi riusciamo a stabilire una relazione tra osservato, osservatore ed osservazione in cui formalizzare un sistema uomo -coerente- ? (essendo parte in causa del processo di osservazione probabilmente no... un alieno potrebbe venirmi in soccorso ?)Quantunque ci fossimo riusciti e a prescindere dal risultato, ci impedirebbe/faciliterebbe il compito di impersonare tramite "macchine bioinformatiche" le "macchine biologiche"?
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente.... Godel escluso !
            - Scritto da: Anonimo
            In sostanza mi pare implicito che una 100 PS3 o
            una PS4 nulla hanno (o nulla potrebbero avere) a
            che spartire col cervello umano, e spero che il
            tecnologo dell'articolo sappia cogliere la
            differenza tra la potenza di elaborazione e la
            potenzialita' (in senso lato) di un sistema.

            Quindi potremmo avere con 100 PS3 una discreta
            simulazione della fenomenologia di un individuo,
            oppure con un altro dispositivo/organismo futuro
            (diverso dalla PS3) una perfetta replica della
            classe individuo (ed eventualmente anche di un
            singolo).Su questo in parte concordo ma penso che l'unico motivo sia la lentezza di passaggio e memorizzazione dei dati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Naturalmente.... Godel escluso !
        - Scritto da: Anonimo
        Ma tu l'hai mai letta la prova di Godel

        Intendo quella fatta di matemetica con le formule

        e non la spazzatura pseudofilosofica e
        pseudomatematica che si trova purtroppo ovunque.Veramente si:Logica 1 e 2, Informatica Teorica (elementi e complementi), Teoria degli algoritmi 2 (complessita'), Cibernetica, Modelli Formali e Linguaggio (corso unico).Velocemente evitata in A.I. in quanto abbiamo trattato altri argomenti.In questi corsi non sempre affrontata in profondita' e piu' che la dimostrazione "matematica" (cmq studiata) sono state analizzate le conseguenze filosofiche (o pseudo-filosofiche ;) ) e pratiche.Ed oltre alla teora/pratica univeristaria un po' di lettura autonoma di testi vari.Questo non implica da parte mia una conoscenza approfondita e talvolta riguardo le mie annotazioni e non sono sicuro di aver capito bene ancora oggi...Forse e' come per la relativita' e fisica quantistica dove si dice che: chi afferma di averla capita dimostra altresi' di non aver capito un tubo :D !ma tant'e'....Cmq queste tue allusioni alla pseudo-filosofia-matematica non rispondono agli interrogativi che ci poniamo.Se ha senso rispondervi e se possiamo rispondervi (e se volessimo ergere l'indeterminato a fondamento del pensiero... se ha senso porsi certi quesiti).Se non hai voglia di sfuggire o divagare ai legittimi interrogativi posti dal tema facci partecipi del tuo pensiero !
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente.... Godel escluso !
      - Scritto da: Anonimo
      Nessun sistema coerente si puo' utilizzare per
      dimostrare la sua stessa coerenza.Ahi ti ho visto partire benissimo peccato per il resto :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente.... Godel escluso !
      Mi sono ricordato del perché non mi sono iscritto a matematica...:pIl fatto è che il cervello è un modello fisico e non matematico...L'hardware del cervelo è di principio riproducibile... anche se un computer che funziona come quelli attuali (sulle permutazioni di 2 stati, 0 e 1) potrebbe avere più problemi (o necessitare di una potenza di calcolo superiore) rispetto ad uno che funzioni con una logica a più stati.E' infatti risaputo che il cervello lavora su variazioni di stato continue (continue quanto lo può permettere la meccanica quantistica e il fatto che lo scambio di energia tra i neuroni è quantizzato)Se riusciamo a riprodurre l'hardware il fatto che il software sia riproducibile è praticamente una conseguenza automatica... magari prima però meglio progredire in discipline come le neuorscienze per sapere meglio come funziona il cervello...
  • Dark-Angel scrive:
    Re: Ma voi vi immaginate
    - Scritto da: Anonimo
    Mi hai fatto ricordare "Ristorante al termine
    dell'Universo" di Douglas, dove la mucca,
    modificata geneticamente, desiderava ardentemente
    esser mangiata....ho cercato qualche info e ho visto che questo è uno dei "5 libri della guida"io ho il libro "guida galattica per autostoppisti"che cambia?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma voi vi immaginate
      E` una pentalogia, di cui il primo libro e` quello che hai.Poi c'e`... hmmm... se non sbaglio "The Restaurant at the End of the Universe", in cui c'e` il ristorante chiamato Milliways, di quell'episodio, appunto. Poi viene "Life, The Universe and Everything" in cui ci sono ulteriori elaborazioni sulla Domanda Fondamentale e sul perche` la risposta sia 42. Poi c'e` "So long, and thanks for all the fish", un volume un po' piu` smorto. E infine "Mostly Harmless", dove la Terra viene definitivamente distrutta su tutti gli assi di probabilita`.
      • Dark-Angel scrive:
        Re: Ma voi vi immaginate
        - Scritto da: Alex¸tg
        E` una pentalogia, di cui il primo libro e`
        quello che hai.
        Poi c'e`... hmmm... se non sbaglio "The
        Restaurant at the End of the Universe", in cui
        c'e` il ristorante chiamato Milliways, di
        quell'episodio, appunto. Poi viene "Life, The
        Universe and Everything" in cui ci sono ulteriori
        elaborazioni sulla Domanda Fondamentale e sul
        perche` la risposta sia 42. Poi c'e` "So long,
        and thanks for all the fish", un volume un po'
        piu` smorto. E infine "Mostly Harmless", dove la
        Terra viene definitivamente distrutta su tutti
        gli assi di probabilita`.WOW O_O
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma voi vi immaginate
          - Scritto da: Dark-Angel
          WOW O_OEh, lo so, sono acculturato su certe cose. L'importante e` chiedermi magari la configurazione elettronica del gadolinio, ma non "come ti senti?"... [citazione]
  • Anonimo scrive:
    Cazzate
    CAzzate
  • Anonimo scrive:
    Mah, un conto e` la potenza, un altro...
    ...e` la coscienza.A parte il fatto che vorrei sapere come ha stabilito che la PS3 ha l'1% della "potenza" di un cervello, questo tizio ha considerato solo un paragone di potenza e memoria, oppure il genio sa gia` come il cervello memorizza le informazioni?Vuoi scaricare la memoria? Mah, prima dovrai trovarla, mi sa: non e` chiaro neanche dove sia, nemmeno il punto preciso in cui risieda. Una volta trovata, dovrai interpretarla, e vuoi la mia opinione? Secondo me ognuno ha il suo proprio personalissimo "formato" di memorizzazione, auto-compilato per associazioni che si sono sviluppate durante il corso di tutta la vita, e pff... non ci saranno standards o protocolli di trasmissione.La cosa piu` credibile e` che un giorno molto, molto, molto lontano, qualcuno riuscira` a costruire uno scanner talmente preciso da investigare la struttura del sistema nervoso centrale in tutti i suoi dettagli, diciamo almeno molecola per molecola, e riesca a copiarla in un simulatore che poi la fara` evolvere secondo leggi chimiche e fisiche del tutto simili a quelle reali. Al MASSIMO si puo` sperare di fare questo, ma quanto al quando e se sara` mai possibile, tentare di fare previsioni oggi sarebbe ciarlataneria pura.Bevi di meno, vai...
    • avvelenato scrive:
      Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
      - Scritto da: Alex¸tg
      ...e` la coscienza.

      A parte il fatto che vorrei sapere come ha
      stabilito che la PS3 ha l'1% della "potenza" di
      un cervello, questo tizio ha considerato solo un
      paragone di potenza e memoria, oppure il genio sa
      gia` come il cervello memorizza le informazioni?

      Vuoi scaricare la memoria? Mah, prima dovrai
      trovarla, mi sa: non e` chiaro neanche dove sia,
      nemmeno il punto preciso in cui risieda. Una
      volta trovata, dovrai interpretarla, e vuoi la
      mia opinione? Secondo me ognuno ha il suo proprio
      personalissimo "formato" di memorizzazione,
      auto-compilato per associazioni che si sono
      sviluppate durante il corso di tutta la vita, e
      pff... non ci saranno standards o protocolli di
      trasmissione.

      La cosa piu` credibile e` che un giorno molto,
      molto, molto lontano, qualcuno riuscira` a
      costruire uno scanner talmente preciso da
      investigare la struttura del sistema nervoso
      centrale in tutti i suoi dettagli, diciamo almeno
      molecola per molecola, e riesca a copiarla in un
      simulatore che poi la fara` evolvere secondo
      leggi chimiche e fisiche del tutto simili a
      quelle reali. Al MASSIMO si puo` sperare di fare
      questo, ma quanto al quando e se sara` mai
      possibile, tentare di fare previsioni oggi
      sarebbe ciarlataneria pura.

      Bevi di meno, vai...secondo me in un futuro esisterà uno standard o una serie di standard per lo stoccaggio mnemonico dei dati cerebrali. I neonati saranno seguiti fin da piccoli affinché rispettino lo standard più adatto alle proprie caratteristiche morfologiche.ora che ho sparato la mia, sono contento, vado a mangiarmi uno yogurt parlante (troll2)
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
        - Scritto da: avvelenato
        secondo me in un futuro esisterà uno standard o
        una serie di standard per lo stoccaggio mnemonico
        dei dati cerebrali. I neonati saranno seguiti fin
        da piccoli affinché rispettino lo standard più
        adatto alle proprie caratteristiche morfologiche.Heh, e se fosse gia` successo?
        ora che ho sparato la mia, sono contento, vado a
        mangiarmi uno yogurt parlante (troll2)Naaah... non mi riuscirebbe facile mangiare qualcuno con cui ho appena parlato.
        • avvelenato scrive:
          Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
          - Scritto da: Alex¸tg
          - Scritto da: avvelenato


          secondo me in un futuro esisterà uno standard o

          una serie di standard per lo stoccaggio
          mnemonico

          dei dati cerebrali. I neonati saranno seguiti
          fin

          da piccoli affinché rispettino lo standard più

          adatto alle proprie caratteristiche
          morfologiche.

          Heh, e se fosse gia` successo?
          questa frase mi ha gettato nello sconforto e nella disperazione :|

          ora che ho sparato la mia, sono contento, vado a

          mangiarmi uno yogurt parlante (troll2)

          Naaah... non mi riuscirebbe facile mangiare
          qualcuno con cui ho appena parlato.Anche a me, ma direi che è ora di accettare il futuro e cercare di adattarcisi. Vuoi favorire?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: avvelenato

            - Scritto da: Alex¸tg

            Heh, e se fosse gia` successo?

            questa frase mi ha gettato nello sconforto e
            nella disperazione :|Purtroppo e` cosi`. Circa 44000 anni fa la prima civilta` messa in piedi dall'homo sapiens appena comparso progredi` fino a raggiungere la tecnologia necessaria per riprodurre la mente di qualsiasi creatura vivente. Poi un "armageddon flare", ovvero un brillamento solare particolarmente intenso, investi` la Terra causando l'estizione di massa del 95% delle forme di vita sulla superficie. Un team di scienziati cui i politici non avevano dato retta, pero`, aveva previsto il brillamento e riadattato una rete di cittadelle sotterranee, originariamente ad uso militare, in laboratori e magazzini in cui conservarono i codici biologici (non solo genetici) atti a riprodurre la vita cosi` com'era prima della catastrofe. Questo appunto fecero, impiantando pero` degli speciali ricetrasmettitori nanoscopici (sfruttando una tecnologia di trasmissione a distanza chiamata "elettrodiffrazione") che avrebbero permesso di registrare le "menti" di tutti i futuri esseri viventi sulla superficie, dalle alghe unicellulari al piu` evoluto mammifero. Il compito di registrare, osservare, monitorare e conservare, sarebbe stato attribuito a un impressionante network sotterraneo, costituente un unico elaboratore di enorme potenza e complessita`, chiamato "Destino". Ad esso sarebbe anche spettato il compito principale per cui i progettisti l'avevano creato, provati da una societa` tremendamente corrotta: punire tutte quelle azioni che i progettisti stessi, secondo il proprio codice d'onore personale, consideravano "ingiustizie". Da allora il computer sovrintende alla reincarnazione di tutta la vita sul pianeta, destinando gli ingiusti ai gradini inferiori dell'esistenza, e vice-versa.Hah! Ci volevo prima o poi scrivere un romanzo, su questa base... non e` detto, infatti, che se il network esiste, sia per forza cattivo. ;)

            Naaah... non mi riuscirebbe facile mangiare

            qualcuno con cui ho appena parlato.

            Anche a me, ma direi che è ora di accettare il
            futuro e cercare di adattarcisi. Vuoi favorire?Scherzi?Mica voglio farmi la prossima vita da scarafaggio?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            Dimentichi i body thetans
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Anonimo
            Dimentichi i body thetansHuh? E chi sono?M'avranno mica fregato l'idea?* cerca *ah, ecco:http://en.wikipedia.org/wiki/Body_thetanbah! e` molto meno credibile della mia versione...==================================Modificato dall'autore il 23/05/2005 21.35.15
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Alex¸tg

            Dimentichi i body thetans

            Huh? E chi sono?
            M'avranno mica fregato l'idea?Ma chi sei un bot? 10 secondi dopo aver scritto il post c'era già la tua risposta! Manco Xenu! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            E` una pura coincidenza, e te lo dimostro!Ho finito di cenare ora, e i bot non cenano.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Alex¸tg
            E` una pura coincidenza, e te lo dimostro!
            Ho finito di cenare ora, e i bot non cenano.Fantastico post a 9 ore di distanza dal tuo precedente e rispondi in 10 secondi! Secondo me ci prendi tutti per il culo e sei già più bravo del cybermaster
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            Scusa non mi stai dicendo che non conosci il cybermaster?http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1006557&tid=1006131&p=1&r=PI#1006557
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            Chi, quel tizio che voleva entrare nel security ring?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Alex¸tg
            Chi, quel tizio che voleva entrare nel security
            ring?Penso di sì faceva tipo ken shiro via cavo
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            Si`, quello che faceva scoppiare la gente "sovraccaricandogli" i sensi (mah), allora era nell'ultimo numero di NN. L'ho letto ma non l'ho ancora metabolizzato. Comunque non mi e` sembrato molto credibile. Bella l'ultima vicenda di MM, comunque: "gli illuminati". Il che mi ricorda:"Illuminati,you've got to take control,you can take my heartbeat,but you can't break my soul:we all shall be free.Illuminati,you'll never take control:your new world orderwill lead to none at all..."(Gamma Ray, "New World Order", album di diversi anni fa)
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Alex¸tg
            Si`, quello che faceva scoppiare la gente
            "sovraccaricandogli" i sensi (mah), allora era
            nell'ultimo numero di NN. L'ho letto ma non l'ho
            ancora metabolizzato. Comunque non mi e` sembrato
            molto credibile.Era nello speciale 1, guardava negli occhi e ti diceva una parola fantastica che non ricordo. Ho visto che è stato ripubblicato nei volumi di Repubblica, probabilmente è a quello che ti riferisci e allora ti manca un volume
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            Ah, si`. Si`, ora ricordo.Era appunto qualcosa che avevo comprato di recente. Sissi`.Bella la storia su Venezia.
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Mah, un conto e` la potenza, un altro...

      costruire uno scanner talmente preciso da
      investigare la struttura del sistema nervoso
      centrale in tutti i suoi dettagli, diciamo almeno
      molecola per molecola, e riesca a copiarla in un
      simulatoreSottoponendovi Andreotti se ne caverebbero mega e mega di magagne.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
        Purtroppo non potremo sapere tutti i sotterfugi: col sistema che dico io, avremmo magari una copia funzionante, ma non capiremmo ne` come ne` perche` funziona. Comunque io non me ne farei un problema: l'invenzione dell'ipotetico digitalizzatore di cervelli mi piacerebbe, per fare un backuppino di me stesso, non si sa mai... in backup veritas! :)
        • Gatto Selvaggio scrive:
          Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr

          un backuppino di me stessoNon è necessario salvare tutto, e forse non è neppure conveniente. Le persone in quanto esseri umani non sono mai all'altezza delle proprie idee, e sarebbe già molto riuscire a condensare il proprio pensiero in un sistema passabilmente coerente, in modo che altri, leggendo, capiscano ciò che abbiamo pensato.Da un punto di vista individuale, sarebbe meglio trovare modi per:- far sopravvivere il corpo all'infinito, o almeno fino alla realizzazione dei seguenti;- trasferire l'anima da un corpo all'altro, in modalità passiva o attiva, a scelta, in modo da allargare le proprie esperienze;- fare in modo che l'anima si possa estendere attraverso più corpi, e quindi non morire quando uno di essi cessa di vivere.Qualcuno ci sarà giù riuscito, per mezzo di tecniche mentali? Mah. Ho letto che Plotino afferma di aver sperimentato l'uscita dal corpo, e Plotino non pare affatto un ciarlatano: ma tutti costoro non hanno mai fornito qualche prova di essere stati altrove - la conoscenza di un fatto che stando nel loro corpo non avrebbero potuto conoscere, ad esempio. Parrebbe che Plotino e gli altri più che altro si siano fumati qualcosa che dà l'illusione dell'estasi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            - far sopravvivere il corpo all'infinito, o
            almeno fino alla realizzazione dei seguenti;E se poi il cervello a un certo punto da` "out of memory"? Non essendo stato progettato magari per archiviare informazioni su informazioni per, diciamo, 5-600 anni? :D
            - trasferire l'anima da un corpo all'altro, in
            modalità passiva o attiva, a scelta, in modo da
            allargare le proprie esperienze;Lol..."your soul is currently in passive mode. In passive mode, you have to adjust the soul in order for it to follow your moves. If you like, I can switch the soul to active mode. In active mode, the soul moves much faster. If you don't like it, you can come back to me, or switch it back to passive mode by using the options menu..."Nah, questa citazione non la capira` mai nessuno se non la spiego. E` piu` o meno il discorso che fa Zoe a Spyro nel terzo gioco della serie, originariamente riguardo alla videocamera di gioco...o forse era nel secondo? boh?
            - fare in modo che l'anima si possa estendere
            attraverso più corpi, e quindi non morire quando
            uno di essi cessa di vivere.No! Il P2P anche li`?
            Qualcuno ci sarà giù riuscito, per mezzo di
            tecniche mentali? Mah. Ho letto che Plotino
            afferma di aver sperimentato l'uscita dal corpo,
            e Plotino non pare affatto un ciarlatano: ma
            tutti costoro non hanno mai fornito qualche prova
            di essere stati altrove - la conoscenza di un
            fatto che stando nel loro corpo non avrebbero
            potuto conoscere, ad esempio. Parrebbe che
            Plotino e gli altri più che altro si siano fumati
            qualcosa che dà l'illusione dell'estasi.Hm. Dati insufficienti per una risposta significativa, ma non escludo nulla.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr


            - far sopravvivere il corpo all'infinito, o

            almeno fino alla realizzazione dei seguenti;

            E se poi il cervello a un certo punto da` "out of
            memory"? Non essendo stato progettato magari per
            archiviare informazioni su informazioni per,
            diciamo, 5-600 anni? :DIl mio dà già i numeri con le informazioni di cui presentemente dispone... ma spero in protesi mentali, memorie ad accesso rapidissimo.

            - trasferire l'anima da un corpo all'altro, in

            modalità passiva o attiva, a scelta, in modo da

            allargare le proprie esperienze;

            Lol...Non ridiamo. Passivo nel senso che l'anima si limita a vivere le sensazioni del corpo, attivo nel senso che ne comanda anche i movimenti. Che avevi capito?
            "your soul is currently in passive mode. In
            passive mode, you have to adjust the soul in
            order for it to follow your moves. If you like, I
            can switch the soul to active mode. In active
            mode, the soul moves much faster. If you don't
            like it, you can come back to me, or switch it
            back to passive mode by using the options
            menu..."

            Nah, questa citazione non la capira` mai nessuno
            se non la spiego. E` piu` o meno il discorso che
            fa Zoe a Spyro nel terzo gioco della serie,
            originariamente riguardo alla videocamera di
            gioco...
            o forse era nel secondo? boh?B O H

            - fare in modo che l'anima si possa estendere

            attraverso più corpi, e quindi non morire quando

            uno di essi cessa di vivere.

            No! Il P2P anche li`?Bisognerebbe capire cos'è l'anima e come trattarla.

            Qualcuno ci sarà giù riuscito, per mezzo di

            tecniche mentali? Mah. Ho letto che Plotino

            afferma di aver sperimentato l'uscita dal corpo,

            e Plotino non pare affatto un ciarlatano: ma

            tutti costoro non hanno mai fornito qualche
            prova

            di essere stati altrove - la conoscenza di un

            fatto che stando nel loro corpo non avrebbero

            potuto conoscere, ad esempio. Parrebbe che

            Plotino e gli altri più che altro si siano
            fumati

            qualcosa che dà l'illusione dell'estasi.

            Hm. Dati insufficienti per una risposta
            significativa, ma non escludo nulla.Infatti. Dati insufficienti. Personalmente non ho mai sperimentato cose simili o esperienze di pre-morte né giocato al dottore alle elementari. Quante cose mi sono perso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Bisognerebbe capire cos'è l'anima e come
            trattarla.Ancora un paio di tiri e ti viene anche quello
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr


            Bisognerebbe capire cos'è l'anima e come

            trattarla.

            Ancora un paio di tiri e ti viene anche quelloSpiegamelo tu.Voglio dire: spiegami perché rispondi male a tutti i miei post solo per la battuta sulla sperimentazione. Era una battuta, voleva dire: e se fosse successo a te?Tutti quelli che solonano che l'embrione è solo una cosa dimenticano di essere stati anch'essi degli embrioni. Ebbene, sapresti dire in quale momento della vita uno smette d'essere una cosa e inizia a essere una persona? L'unico discrimine certo è tra il prima e dopo il concepimento, sicché meglio attenersi a quello.==================================Modificato dall'autore il 24/05/2005 23.01.41
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Ebbene, sapresti dire in quale
            momento della vita uno smette d'essere una cosa e
            inizia a essere una persona? L'unico discrimine
            certo è tra il prima e dopo il concepimento,
            sicché meglio attenersi a quello.O forse dovremmo smettere di pensare che esistano discrimini e cominciare a pensare che i cambiamenti avvengono in modo continuo...Ci sono domande simili che portanto allo stesso paradosso... tipo "qual'è stato il primo essere umano"?Dal momento che gli esseri umani si sono evuluti dai primati, i primati dalle scimmie, le scimmie da sounasegaio e giù via fino al batterio elementare, forse dovremmo semplicemente pensare che non c'è mai stato "il primo essere umano" ma solo una successione di esseri ognuno sempre più "essere umano" del precedente...Allo stesso modo, se vogliamo uscire dai paradossi, dobbiamo ragionare con la vitaQual'è il discrimine tra vivente e materia inanimata? Probabilmente anche qua la domanda è mal posta...Dobbiamo semplicemente accettare che non c'è un discrimine preciso tra materia inanimata e vivente (tutta la materia è composta dalle stesse particelle elementari comunque... la differenza tra un sasso e un battere è solo chimica)C'è solo una successione di stati ognuno più "vivo" del precedente, ovvero più vicino a quella configurazione definitiva che noi chiamiamo essere vivente
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr


            Ebbene, sapresti dire in quale

            momento della vita uno smette d'essere una cosa

            inizia a essere una persona? L'unico discrimine

            certo è tra il prima e dopo il concepimento,

            sicché meglio attenersi a quello.
            O forse dovremmo smettere di pensare che esistano
            discrimini e cominciare a pensare che i
            cambiamenti avvengono in modo continuo...Ma d'accordo, solo che la legge, che deve stabilire quali pratiche ammettere e quali vietare, ha bisogno di criteri certi e confini netti, per quanto possibile. Il concepimento è un discrimine, perché anche se non perfettamente istantaneo divide fra un prima e un dopo in cui gli esseri in questione sono diversi.Un altro potrebbe essere la formazione del sistema nervoso, ma è graduale sulla scala dei tempi considerata. Altri si potrebbero individuare nelle varie fasi dell'evoluzione dell'embrione, ma per quanto ricordo dal liceo sono tutti fenomeni più o meno graduali.Si tratta di fabbricare una rappresentazione mentale di una serie di fenomeni e dei fatti ad essi correlati. Essa sarà comunque imperfetta, ma alcune rappresentazioni sono più adatte di altre a ricavarne delle leggi. E il modo di ragionare più adatto sembra, almeno a me, quello che individua due istanti nei quali si hanno due cose, o sostanze, o esseri, diversi (in base alle definizioni che formano la rappresentazione). In altre parole, il modo di ragionare alla Aristotele mi pare ancora il più definito.Poi la Chiesa sostiene che il concepito ha un'anima dal concepimento, e potrebbe anch'essere se, data la definizione di anima, se ne riscontrasse la presenza. A me pare soprattutto agghiacciante distruggere qualcosa che, lasciato evolvere, diventa un essere pensante, e doppiamente agghiacciante distruggerlo per motivi di opportunità.Se qualcuno proponesse di utilizzare in qualche modo i morti, non gli si darebbe credito perché i vivi restano affezionati al ricordo dei morti. Eppure, qui anche la Chiesa sarebbe d'accordo a dire che l'anima è già andata via.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Il mio dà già i numeri con le informazioni di cui
            presentemente dispone... ma spero in protesi
            mentali, memorie ad accesso rapidissimo.Il mio perde concatenamenti di continuo sui dati recenti.
            Non ridiamo. Passivo nel senso che l'anima si
            limita a vivere le sensazioni del corpo, attivo
            nel senso che ne comanda anche i movimenti. Che
            avevi capito?Nulla. E` un concetto che non avevo sentito.

            Nah, questa citazione non la capira` mai nessuno

            se non la spiego. E` piu` o meno il discorso che

            fa Zoe a Spyro nel terzo gioco della serie,

            originariamente riguardo alla videocamera di

            gioco...

            o forse era nel secondo? boh?

            B O HEra una battuta molto "culturale" :D
            Infatti. Dati insufficienti. Personalmente non ho
            mai sperimentato cose simili o esperienze di
            pre-morte né giocato al dottore alle elementari.
            Quante cose mi sono perso.Beh, io almeno una volta, da piccolo, sono riuscito a farmi svenire (sul letto) simulando la presa al collo alla mister Spock... si tratta di iperventilare e poi bloccarsi la giugulare. Se fatto bene effettivamente si sviene per breve tempo... credo duro` una decina di secondi appena, ma non me ne potetti rendere conto: e` come saltare un periodo di tempo, proprio come un computer che si spenge e si riaccende. Ti ritrovi giu` disteso in quel che ti sembra un batter di ciglia, e senza capire come ci sei arrivato.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr

            Beh, io almeno una volta, da piccolo, sono
            riuscito a farmi svenire (sul letto) simulando la
            presa al collo alla mister Spock... si tratta di
            iperventilare e poi bloccarsi la giugulare. Se
            fatto bene effettivamente si sviene per breve
            tempo... credo duro` una decina di secondi
            appena, ma non me ne potetti rendere conto: e`
            come saltare un periodo di tempo, proprio come un
            computer che si spenge e si riaccende. Ti ritrovi
            giu` disteso in quel che ti sembra un batter di
            ciglia, e senza capire come ci sei arrivato.Infatti. Tornando dalla cena di congedo, a quattro giorni dall'alba, avemmo un incidente che costò la vita al guidatore. Mi svegliai sull'asfalto con una corona di teste intorno, e mi spiegarono che ero stato privo di coscienza per un quarto d'ora. Mi sono riacceso dopo un quarto d'ora, come Robocop. Niente sogni, niente tunnel di luce, niente.Mi sa che se vogliamo salvarci l'anima più che alla religione bisogna pensare a qualche aggeggio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Mi sa che se vogliamo salvarci l'anima più che
            alla religione bisogna pensare a qualche
            aggeggio.Tendo tristemente a concordare.Magari si`, non potendo escluderlo categoricamente, magari qualcosa di metafisico esiste, ma... mi sembra che tutte le apparenze siano a favore della tesi secondo cui una persona e` l'esatta somma delle sue parti.E casomai se tu vedessi una luce alla fine del tunnel, scansati! e` senz'altro un treno merci che ti viene incontro![No Leaf Clover - Metallica]
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Alex¸tg
            E casomai se tu vedessi una luce alla fine del
            tunnel, scansati! e` senz'altro un treno merci
            che ti viene incontro!LOL!Comunque concordo pienamente anche io...Alle favole ho smesso di credere già da un po' (con buona pace della regina di fantasia che ora sta sicuramente morendo...)
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            - Scritto da: Anonimo
            Alle favole ho smesso di credere già da un po'
            (con buona pace della regina di fantasia che ora
            sta sicuramente morendo...)Be', se le basta che la gente sogni, io non faccio altro dalla mattina... alla mattina dopo. Un conto e` la fede cieca, un altro la fantasia. La fede non m'e` mai riuscita bene, ma per sognare, sogno anche a occhi aperti, anche sul cesso (no, li` non ho tempo perche` i miei tempi di espletazione delle funzioni corporali sono compatibili con quelli dei pit-stop di formula uno: infatti, nel caso, faccio in tempo a tornare a vedere il gran premio). Purtroppo non m'e` mai riuscito di concretizzarne uno di quelli ganzi: al massimo me la cavo abbastanza bene nell'insegnare al computer a sognare la stessa cosa. Cosi`, al momento sembro una specie di alchimista stralunato della programmazione.
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr

            se tu vedessi una luce alla fine del
            tunnel, scansati! e` senz'altro un treno merci
            che ti viene incontro!Questa me la segno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr

            Hm. Dati insufficienti per una risposta
            significativaquesta citazione l'ho capita io...Asimov, L'ultima domandaProbabilmente il miglior racconto breve di fantascienza mai scritto
          • Anonimo scrive:
            Re: Mah, un conto e` la potenza, un altr
            Hah!Il migliore non saprei, ma di certo e` uno di quei raccontini piccoli e subdoli che ti rimangono impressi.* cerca su Google "how could we invert the entropy of the universe?" *hm! il secondo link nei risultati sembra non lasciare scampo: ci vuole proprio un big crunch! :|bah! secondo me l'universo non ha mai avuto inizio in un punto preciso nel tempo, e sempre esistera`. Appoggio la teoria dello status quo, credo che le reazioni nucleari nei nuclei delle stelle creino materia perche` le coppie di Daliz che si generano per diffrazione dei fotoni carichi prodotti dalla reazione, si annichiliano quasi sempre, ma non sempre; con una probabilita` di circa 1:1^40, una delle particelle della coppia sopravvive e crea altra massa. Questo vale anche per i cluster, che poi diventano abbastanza grandi perche` la quinta interazione, ovvero una gravita` che diventa repulsiva, espelle il cluster che diventa una quasar, e che formera` il nucleo di una nuova galassia.Il big bang non e` mai esistito: la quinta interazione provvede a far espandere l'universo man mano che le galassie crescono (e piu` massa hanno, superato un certo limite, piu` si respingono, anche se e` possibile la collisione fra galassie di massa inferiore a quella critica che fa scattare l'interazione repulsiva). Ecco anche perche` la costante di hubble non e` una costante, ma cresce.(oh, tanto con tutte quelle che hanno sparato i quantistici, anch'io posso sparare la mia...) :D
    • Rach3 scrive:
      Re: Mah, un conto e` la potenza, un altro...
      - Scritto da: Alex¸tg
      Bevi di meno, vai......e non parlare troppo allo yogurt, aggiungo :|
  • miomao scrive:
    Attendiamo l'intervista da sobrio...
    Quando gli sarà passata la sbornia forse non sentirà più la vocina nello yogurt...:D:p
    • Rach3 scrive:
      Re: Attendiamo l'intervista da sobrio...
      - Scritto da: miomao
      Quando gli sarà passata la sbornia forse non
      sentirà più la vocina nello yogurt...
      :D:pROTFL!!! :D
  • Anonimo scrive:
    Follia pura
    Roba da pazzi
  • Anonimo scrive:
    Tema largamente anticipato...
    ...da un grande della fantascienza: Greg Eganhttp://gregegan.customer.netspace.net.au/Diaspora e La scala di Schild sono emblemi plausibili di quanto potra' fare "l'uomo" rispettivamente tra 3-400 e tra qualche migliaio di anni.cordialmente
    • Anonimo scrive:
      Re: Tema largamente anticipato...
      - Scritto da: Anonimo
      ...da un grande della fantascienza: Greg Egan
      http://gregegan.customer.netspace.net.au/
      Diaspora e La scala di Schild sono emblemi
      plausibili di quanto potra' fare "l'uomo"
      rispettivamente tra 3-400 e tra qualche migliaio
      di anni.
      cordialmenteIn realta' e' un idea gia' comparsa nella fantascienza degli anni '50. Qui la differenza e' che qualcuno comincia a credere a questa possibilita'. Ma staremo a vedere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Tema largamente anticipato...


        In realta' e' un idea gia' comparsa nella
        fantascienza degli anni '50. Qui la differenza e'
        che qualcuno comincia a credere a questa
        possibilita'. Ma staremo a vedere.Interessante. Puoi citare qualche autore?Grazie!cordialmente
  • Anonimo scrive:
    Sono per caso stati al cinema...
    ...a vedere "The final cut"? :| A me una cosa del genere sembra solo un incubo....
  • Anonimo scrive:
    Naturalmente....
    ... sono tutti problemi Godelizzabili, vero?Insomma, l'informatica non riesce a risolvere il problema di capire se un programma puo' terminare o no, siamo fermi ai risultati di decenni fa e questo annuncia di frullare la testa della gente in uno yogurt, ovviamente con lo 0.00001% di grassi.Probabilmente il cervello di alcune soubrette televisive potrebbe gia' esser salvato su un floppy, senza nemmeno comprimere....
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente....
      - Scritto da: Anonimo
      ... sono tutti problemi Godelizzabili, vero?Gli yogurt sono più utili di te imbecille laureato!
      • Anonimo scrive:
        Re: Naturalmente....
        E gli informatici non sono tutti degli imbecilli laureati per fortuna
        • Anonimo scrive:
          Re: Naturalmente....
          - Scritto da: Anonimo
          E gli informatici non sono tutti degli imbecilli
          laureati per fortunaE chi mi trova queste informazioni nel testo originale e' proprio bravo!
    • Le-ChuckITA scrive:
      Re: Naturalmente....
      - Scritto da: Anonimo
      ... sono tutti problemi Godelizzabili, vero?

      Insomma, l'informatica non riesce a risolvere il
      problema di capire se un programma puo' terminare
      o no, siamo fermi ai risultati di decenni fa e
      questo annuncia di frullare la testa della gente
      in uno yogurt, ovviamente con lo 0.00001% di
      grassi.
      Probabilmente il cervello di alcune soubrette
      televisive potrebbe gia' esser salvato su un
      floppy, senza nemmeno comprimere....E' la fiera delle banalità o sono io ad essere acido come lo youghurt di cui si diceva...Non è che siamo fermi ai risultati di decenni fa, è proprio che è stato _dimostrato_ decenni fa che non si può capire se un programma può terminare o no. Ora cosa vorresti? Che si riaprisse il caso? Vostro onore, mi appello alla clemenza della corte... il nuovo office termina, sono in grado di dimostrarlo :)E le povere soubrette, conosco io certi analisti programmatori che gli basta la nvram del bios.
      • Anonimo scrive:
        Re: Naturalmente....


        E' la fiera delle banalità o sono io ad essere
        acido come lo youghurt di cui si diceva...

        Non è che siamo fermi ai risultati di decenni fa,
        è proprio che è stato _dimostrato_ decenni fa
        che non si può capire se un programma può
        terminare o no. Ora cosa vorresti? Che si
        riaprisse il caso? Vostro onore, mi appello alla
        clemenza della corte... il nuovo office termina,
        sono in grado di dimostrarlo :)Potremmo anche fare a meno di sapere se il programma termina, se non fosse che questo problema ha la stessa complessita' di tanti altri problemini....Vostro onore, Office termina, sono in grado di dimostrarlo. Beh, allora salviamo la memoria di una persona in uno yogurt, sara' sicuramente fattibile!

        E le povere soubrette, conosco io certi analisti
        programmatori che gli basta la nvram del bios.Confermo
      • gerry scrive:
        Re: Naturalmente....
        - Scritto da: Le-ChuckITA
        Non è che siamo fermi ai risultati di decenni fa,
        è proprio che è stato _dimostrato_ decenni fa
        che non si può capire se un programma può
        terminare o no. Interessante.Dove si possono trovare info al riguardo? :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Naturalmente....
          - Scritto da: gerry
          - Scritto da: Le-ChuckITA


          Non è che siamo fermi ai risultati di decenni
          fa,

          è proprio che è stato _dimostrato_ decenni fa

          che non si può capire se un programma può

          terminare o no.

          Interessante.
          Dove si possono trovare info al riguardo? :)http://plato.stanford.edu/entries/computability/
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente....
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: gerry

            - Scritto da: Le-ChuckITA




            Non è che siamo fermi ai risultati di decenni

            fa,


            è proprio che è stato _dimostrato_ decenni fa


            che non si può capire se un programma può


            terminare o no.



            Interessante.

            Dove si possono trovare info al riguardo? :)

            http://plato.stanford.edu/entries/computability/Ho trovato anche delle dispense universitarie online:http://www.dimi.uniud.it/~dovier/DID/dispensa.pdf
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Naturalmente....

            Ho trovato anche delle dispense universitarie
            online:
            http://www.dimi.uniud.it/~dovier/DID/dispensa.pdfGrande Giove: un docente universitario che scrive delle dispense (e paiono anche ben fatte) invece di scaldare semplicemente la sedia!Vuol mica dire che in tutti questi anni le cose sono cambiate? Che se tornassi all'università ci troverei finalmente dei testi decenti dei corsi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Naturalmente....
            - Scritto da: Gatto Selvaggio
            Grande Giove: un docente universitario che scrive
            delle dispense (e paiono anche ben fatte) invece
            di scaldare semplicemente la sedia!

            Vuol mica dire che in tutti questi anni le cose
            sono cambiate? Che se tornassi all'università ci
            troverei finalmente dei testi decenti dei corsi?Non so ma forse potrebbe farti bene
          • Gatto Selvaggio scrive:
            Re: Naturalmente....
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Gatto Selvaggio

            Grande Giove: un docente universitario che
            scrive

            delle dispense (e paiono anche ben fatte) invece

            di scaldare semplicemente la sedia!



            Vuol mica dire che in tutti questi anni le cose

            sono cambiate? Che se tornassi all'università ci

            troverei finalmente dei testi decenti dei corsi?

            Non so ma forse potrebbe farti beneUhm. Se le tue risposte ne sono un prodotto me ne terrò lontano ancora un po'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Naturalmente....
      - Scritto da: Anonimo
      ... sono tutti problemi Godelizzabili, vero?

      Insomma, l'informatica non riesce a risolvere il
      problema di capire se un programma puo' terminare
      o no, siamo fermi ai risultati di decenni fa e
      questo annuncia di frullare la testa della gente
      in uno yogurt, ovviamente con lo 0.00001% di
      grassi.
      Probabilmente il cervello di alcune soubrette
      televisive potrebbe gia' esser salvato su un
      floppy, senza nemmeno comprimere....Non è dimostrabile, eccetto che per Penrose (che ovviamente nel suo libro scrisse delle cose sbagliate), il fatto che il cervello umano (anzi, il problema di simulare un cervello umano) non sia un problema decidibile. Ovvero questo signore può aver torto come può aver ragione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Naturalmente....
        - Scritto da: patroclo

        Non è dimostrabile, eccetto che per Penrose (che
        ovviamente nel suo libro scrisse delle cose
        sbagliate), il fatto che il cervello umano (anzi,
        il problema di simulare un cervello umano) non
        sia un problema decidibile. Ovvero questo signore
        può aver torto come può aver ragione.Nel mare di insulti ed interventi ampiamente evitabili finalmente una risposta come si deve.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Intelligenza Artificiale...
    Io onestamente non vorrei che il mio aereo avesse paura di precipitare, in quanto così facendo perderebbe tutta la sua "razionalità intrinseca", data dal fatto di un essere una macchina priva di emozioni. Emozioni = reazioni imprevedibili. Magari potrebbe spegnere i motori per improvvisa "paura"...Non voglio neanche parlare con la Yogurt, voglio mangiarlo e basta!E se lo Yogurt decidesse che non vuole essere mangiato, e innescasse reazioni tossiche nel mio corpo per autodifesa?La Toshiba vorrebbe sostituire gli animali domestici con Robot, ma gli animali domestici hanno un piccolo plus: SONO VIVI!Si sta andando verso path di insostenibilità. Io sono un informatico convinto da ormai vent'anni, amo la tecnologia, ma la vera forza sta nel capire dove "fermarsi". A sentire queste cose bisogna semplicemente dire: No, Grazie.Ciao a tuttiMario
    • Guybrush scrive:
      Re: Intelligenza Artificiale...
      MAH...Non vedo, nella notizia, chissa' quali conseguenze nefaste: un software basato su una precisa personalita', continuerebbe a "comportarsi" e ad evolversi non nel modo in cui si comportava il creatore di quelle informazioni, ma secondo una risultante che dipende dalle risorse hardware, dal team che ha creato il software per l'acquisizione dei dati e il proprietario dei dati stessi.Alla fine avremo clonato la personalita' di un individuo, avremo qualcosa che, quando ci parli, rispondera' come la persona originale, ma che in ogni caso non sara' quella persona e si sviluppera' in un modo sostanzialmente diverso.Francamente: resto dell'idea che la morte restera' una delle due grandi certezze della vita.
      GT
      • Anonimo scrive:
        [OT] x Guybrush
        Scusa Guybrush ma perchè tu e Le-Chuck comparite sempre alla stessa ora? :p
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] x Guybrush
          - Scritto da: Anonimo
          Scusa Guybrush ma perchè tu e Le-Chuck comparite
          sempre alla stessa ora? :phttp://redwing.hutman.net/%7Emreed/warriorshtm/jekylhyde.htm
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Intelligenza Artificiale...

      Si sta andando verso path di insostenibilità. Io
      sono un informatico convinto da ormai vent'anni,
      amo la tecnologia, ma la vera forza sta nel
      capire dove "fermarsi".Il problema di chi si ferma è che gli altri vanno avanti.Bisognerebbe farlo capire agli economisti.
  • Itan scrive:
    parlare con uno yogurt...
    Sicuri che questo signore si sentisse bene quando ha rilasciato l'intevista vero?Uno yogurt parlante chi lo mangerebbe poi? ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: parlare con uno yogurt...
      mi hai fatto venire in mente gli scrocchiazzecchi di futurama :D
      • Anonimo scrive:
        Re: parlare con uno yogurt...
        lol- Scritto da: Anonimo
        mi hai fatto venire in mente gli scrocchiazzecchi
        di futurama :D
    • avvelenato scrive:
      Re: parlare con uno yogurt...
      - Scritto da: Itan
      Sicuri che questo signore si sentisse bene quando
      ha rilasciato l'intevista vero?
      Uno yogurt parlante chi lo mangerebbe poi? ;)appunto, con che coraggio te lo mangi se poi ci fai amicizia? :s
    • Anonimo scrive:
      Re: parlare con uno yogurt...
      - Scritto da: Itan
      Sicuri che questo signore si sentisse bene quando
      ha rilasciato l'intevista vero?
      Uno yogurt parlante chi lo mangerebbe poi? ;)Io lo mangerei con più gusto..."Ti prego, non mangiarmi, farò tutto quello che vuoi... noooooooo, il cucchiaino nooooooo" "Crepa stupido yogurt alle fragole! Io ti ho creato e io te magno!" :DComunque a questo signore, per conto mio, l'LSD non fa bene :D
      • avvelenato scrive:
        Re: parlare con uno yogurt...
        - Scritto da: patroclo

        - Scritto da: Itan

        Sicuri che questo signore si sentisse bene
        quando

        ha rilasciato l'intevista vero?

        Uno yogurt parlante chi lo mangerebbe poi? ;)

        Io lo mangerei con più gusto...
        "Ti prego, non mangiarmi, farò tutto quello che
        vuoi... noooooooo, il cucchiaino nooooooo"

        "Crepa stupido yogurt alle fragole! Io ti ho
        creato e io te magno!" :D

        Comunque a questo signore, per conto mio, l'LSD
        non fa bene :Dse fossi uno yogurt affinerei il mio vocabolario di trashate e porcherie varie, penso che ai più risulterei disgustoso dopo l'elencazione degli ingredienti.... :D
    • Anonimo scrive:
      Re: parlare con uno yogurt...
      - Scritto da: Itan
      Sicuri che questo signore si sentisse bene quando
      ha rilasciato l'intevista vero?
      Uno yogurt parlante chi lo mangerebbe poi? ;)Io! E se solo somigliasse un pochino alla particella di Na, prima lo torturerei pure!D'altra parte sono il tipo di fetentone che distribuirebbe ricettari coreani a una mostra canina :-D @^ (troll1)
    • Anonimo scrive:
      Re: parlare con uno yogurt...
      Secondo me potrebbe essere utile per le diagnosi al colon, non sono sicuro che morirebbe ma probabilmente non sarebbe molto contento del viaggio
    • Anonimo scrive:
      Re: parlare con uno yogurt...
      - Scritto da: Itan
      Sicuri che questo signore si sentisse bene quando
      ha rilasciato l'intevista vero?
      Uno yogurt parlante chi lo mangerebbe poi? ;)Ci vorrebbe uno yogurt che mi dice le parolacce....così io gli rispondo:-...azzz...quanto sei acido stamattina!! :D ggg
  • cla scrive:
    Travasare e ritravasare
    Beh, a questo punto, dopo aver travasato la memoria in un PC si potrebbe ri-travasarla in un'altro corpo ...Cla!==================================Modificato dall'autore il 23/05/2005 10.09.39
    • Anonimo scrive:
      [OT] Re: Travasare e ritravasare
      Yum! C'è qualcuno che ha avanzato un po' di memoria di Moana Pozzi? In cambio ho un vasetto di memoria di John Holmes.Grazie anticipate!Mi... come lo vedo brutto il futuro!
    • Anonimo scrive:
      Re: Travasare e ritravasare
      Purtroppo il meccanismo e` protetto da brevetto.L'ha brevettato anni fa un certo Mr. Jinx. :D[vediamo quanti capiscono a cosa mi riferisco]
      • Anonimo scrive:
        Re: Travasare e ritravasare
        - Scritto da: Alex¸tg
        Purtroppo il meccanismo e` protetto da brevetto.
        L'ha brevettato anni fa un certo Mr. Jinx. :D

        [vediamo quanti capiscono a cosa mi riferisco]L'ho presente il fumetto da dove salta fuori Mr. Jinx (Martin Mystere). L'idea è stata ripresa in più di qualche epsiodio di Nathan Never;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Travasare e ritravasare
          Certo, perche` il bioharddisk dove Jinx aveva registrato la memoria di Martin viene riscovato nel futuro di Nathan, in cui viene usato per costruire un androide del tutto simile al Prof. Mystere del passato. La vicenda diventa ancora piu` complessa in "Generazioni", dove un'anomalia temporale materializzata in un cristallo a 17 facce (ebdecaedro) congiunge episodi fra l'antenato di Mystere, il Docteur Mystere del 19simo secolo, il nostro presente e il futuro.Che cultura, eh? :Dps.prima che qualcuno me lo faccia notare e mi dia dell'ignorante, sottolineo anche che il titolo "Generazioni" e` quello di uno dei film di Star Trek in cui si ha la distruzione dell'Enterprise-D (NCC 1701-D) ad opera di uno sparviero Klingon in disarmo, rubato da Lursa e Bethor che con l'aiuto di un El Auriano sopravvissuto all'esplosione della Lagoon e salvato dall'Enterprise-B, missione in cui mori` Kirk... uhm... taglio corto e passo a descrivere le analogie (tre periodi temporali e un'anomalia a collegarli) con l'episodio "Ieri, Oggi e Domani" che chiude la serie TNG. Nonche`, alla fine dell'albo "Generazioni" si nota un modellino dell'Enterprise sul tavolo a fianco dell'allora dirigente della base Altrove, e non e` tutto: a fianco di quel modellino ce n'e` uno del Brian Condor, la navicella che Tezuia usava per agganciarsi a Mazinga.Questa` e` cultura, altro che`...==================================Modificato dall'autore il 23/05/2005 14.27.57
          • Anonimo scrive:
            Re: Travasare e ritravasare
            - Scritto da: Alex¸tg
            Certo, perche` il bioharddisk dove Jinx aveva
            registrato la memoria di Martin viene riscovato
            nel futuro di Nathan, in cui viene usato per
            costruire un androide del tutto simile al Prof.
            Mystere del passato. La vicenda diventa ancora
            piu` complessa in "Generazioni", dove un'anomalia
            temporale materializzata in un cristallo a 17
            facce (ebdecaedro) congiunge episodi fra
            l'antenato di Mystere, il Docteur Mystere del
            19simo secolo, il nostro presente e il futuro.

            Che cultura, eh? :D

            ps.
            prima che qualcuno me lo faccia notare e mi dia
            dell'ignorante, sottolineo anche che il titolo
            "Generazioni" e` quello di uno dei film di Star
            Trek in cui si ha la distruzione
            dell'Enterprise-D (NCC 1701-D) ad opera di uno
            sparviero Klingon in disarmo, rubato da Lursa e
            Bethor che con l'aiuto di un El Auriano
            sopravvissuto all'esplosione della Lagoon e
            salvato dall'Enterprise-B, missione in cui mori`
            Kirk... uhm... taglio corto e passo a descrivere
            le analogie (tre periodi temporali e un'anomalia
            a collegarli) con l'episodio "Ieri, Oggi e
            Domani" che chiude la serie TNG. Nonche`, alla
            fine dell'albo "Generazioni" si nota un modellino
            dell'Enterprise sul tavolo a fianco dell'allora
            dirigente della base Altrove, e non e` tutto: a
            fianco di quel modellino ce n'e` uno del Brian
            Condor, la navicella che Tezuia usava per
            agganciarsi a Mazinga.

            Questa` e` cultura, altro che`...

            ==================================
            Modificato dall'autore il 23/05/2005 14.27.57C'è anche la resuscitazione di Nathan Never ad opera della figlia durante le guerre tecnodroidi, diversi decenni nel futuro rispetto alla serie di fumetti "mainstream". A seguire, a guerra finita, la rinascita della tipa che aveva ghostato Nathan (che si era ghostata da sola).p.s. Speriamo che non facciano il ghosting dell'Unto dal Signore, allora sì che siamo a posto :s (magari lo fanno ma il biohd finisce nel punto zero di un'esplosione atomica e addio nano :D)
          • Anonimo scrive:
            Re: Travasare e ritravasare
            Vedo che siamo entrambi ben acculturati :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Travasare e ritravasare
      - Scritto da: cla
      Beh, a questo punto, dopo aver travasato la
      memoria in un PC si potrebbe ri-travasarla in
      un'altro corpo ...
      Cla!Mi vengono i brividi se nel Pc c'è windows e poi va in crash!!!!! :DDDDggg
Chiudi i commenti