Clubhouse bloccato in Cina: ora sì che è grande

L'app del momento è stata messa fuori uso nel paese asiatico: il ban è scattato nella giornata di ieri, rendendo impossibile l'accesso alle stanze.
L'app del momento è stata messa fuori uso nel paese asiatico: il ban è scattato nella giornata di ieri, rendendo impossibile l'accesso alle stanze.

In Cina non è più possibile accedere a Clubhouse e alle sue stanze in cui discutere liberamente di qualsiasi argomento. L’utilizzo dell’app è stato bloccato, non è difficile immaginare per quali ragioni. Uno dei canali attivi poco prima del ban, dedicato alle proteste di piazza Tienanmen, ha ben presto raggiunto il limite massimo dei 5.000 partecipanti.

Ban in Cina per Clubhouse

Lo stop è stato registrato poco prima delle 19:00 di ieri, ora locale di Pechino. Alcuni utenti hanno inoltre lamentato l’impossibilità di ricevere il codice di verifica sui loro numeri di telefono. Riportiamo di seguito in forma tradotta la breve dichiarazione in merito rilasciata alla redazione del sito TechCrunch da Benjamin Ismail dell’organizzazione GreatFire.org che si occupa di monitorare le forme di censura attuate nel paese asiatico.

Non è opera di Apple, ma di certo saranno felici di potersi sottrarre da una situazione complessa, così la discussione si sposterà dal loro coinvolgimento nella rimozione dall’App Store al blocco dei server da parte delle autorità.

È bene precisare che l’applicazione iOS di Clubhouse (al momento l’unica disponibile, la controparte Android non è ancora stata lanciata) non è mai stata ufficialmente disponibile per il download attraverso la piattaforma App Store se non per un breve periodo in seguito al lancio globale del settembre scorso. Gli utenti che hanno desiderato installarla ci sono comunque riusciti senza troppe difficoltà, accedendo poi alla piattaforma in modo diretto senza dover passare ad esempio da una VPN. Ora non è più così.

Fonte: TechCrunch
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti