COLT spara fibra sotto mezza Roma

Il gigante delle TLC conferma il mega-investimento per portare fibra ottica, dopo l'EUR e Ostiense, anche nel centro della capitale


Roma – I backbone ultraveloci di comunicazione disponibili per i romani aumentano ancora con l’investimento di altri 60 miliardi in fibre confermato da COLT, uno dei maggiori operatori europei del settore.

COLT, che punta una parte importante del proprio business in Italia e all’estero proprio sulla banda larga, in una nota ha spiegato che la propria rete in fibra ottica, che oggi già copre l’EUR e Ostiense, due importanti quartieri romani, raggiungerà entro fine anno i 100 chilometri. COLT sarà così in grado di connettere aziende ed enti pubblici con sistemi che supportano fino a un gigabit al secondo di traffico.

La rete COLT coprirà il centro di Roma (Quirinale, Termini, Prati, Flaminio, Parioli) e consoliderà la presenza all’EUR (Torrino e Pavese). Nel 2002 COLT punta ad allargare ulteriormente la rete, fino a 170 chilometri, nel centro (Salario e Nomentano) e verso zone di rilevanza industriale, come Tiburtina e Castello della Magliana.

“Grazie alla nostra rete – sottolineano i responsabili dell’azienda – Roma è adesso collegata in banda larga con tutte le maggiori città europee. La domanda di banda larga è molto forte, soprattutto da parte delle banche e delle grandi aziende e abbiamo di recente collegato anche alcuni importanti enti nazionali e internazionali”.

COLT è uno dei più importanti gestori di fibra ottica in Europa, con una rete di 20.000 chilometri, che collega 32 grandi città cablate, e fra queste le italiane Milano, Roma e Torino. In Italia la rete complessiva di COLT raggiunge i 1.700 chilometri.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Maurizio Panconesi scrive:
    informazione
    Proprio a tale riguardo, e dopo il triste e recente fatto della ragazza trovata uccisa nonostante i disperati tentativi di farsi localizzare con ben due telefonini a disposizione, desidererei chiedervi quali siano i modelli abilitati potenzialmente a tale funzione e da quale categoria di prezzo partano.Tutto questo anche alla luce della scarsa conoscenza della caratteristica anche da parte degli stessi venditori ... che potrebbero portare ad un acquisto che poi potrebbe rivelarsi non consono alle aspettative del cliente.Credo che conoscere una gamma di prodotti in grado di farti localizzare anche in località sperdute o prive di segnale classico per cellulari, possa costituire un valido suggerimento per una futura scelta!Grazie per quanto potrete dirmi.Maurizio Panconesi
  • Anonimo scrive:
    un pò di confusione
    non si capisce bene se ti localizza triangolandole stazioni base gsm o se richiede il gps integrato nel cellulo ( ce n'è uno solo in commercio):in quest'ultimo caso....è novità del cavolo
  • Anonimo scrive:
    gfrank
    IO credo che se questo sistema non invadi la privacj delgli utenti,sicuramente potrebbe essere molto utile.
  • Anonimo scrive:
    e per non farsi gli affari altrui?
    Tutti ossessionati dalla sindrome del Grande Fratello. E se invece di sapere dove sta un povero cristo, quante volte piscia al giorno et similia, si utilizzasse questa "fantastica" tecnologia in maniera inversa?Ovvero, e se l'utente volesse sapere per conto suo dove si trova? potrebbe essere una valida alternativa ai costosi sistemi di navigazione satellitare (vedi mappe interattive etc..).Ad un utilizzo sensato e utile per questa tecnologia sembra non siano interessati..
    • Anonimo scrive:
      Re: e per non farsi gli affari altrui?
      appunto... sembra che non siano interessati :)
    • Anonimo scrive:
      Re: e per non farsi gli affari altrui?
      basta che questa tecnologia non venga offerta per ipostesi (con relativi costi) e che non sia impossibile da disattivare...- Scritto da: Ombra
      Tutti ossessionati dalla sindrome del Grande
      Fratello. E se invece di sapere dove sta un
      povero cristo, quante volte piscia al giorno
      et similia, si utilizzasse questa
      "fantastica" tecnologia in maniera inversa?
      Ovvero, e se l'utente volesse sapere per
      conto suo dove si trova? potrebbe essere una
      valida alternativa ai costosi sistemi di
      navigazione satellitare (vedi mappe
      interattive etc..).
      Ad un utilizzo sensato e utile per questa
      tecnologia sembra non siano interessati..
Chiudi i commenti