Come si aggiorna uno smartphone Android

HTC crea un diagramma che mostra il processo seguito per rilasciare una nuova release per un terminale. Se ci sono di mezzo gli operatori la faccenda si fa più complicata

Roma – La mossa di HTC è chiaramente un tentativo di smarcarsi: per spiegare i ritardi con i quali la versione 4.4 di Android viene rilasciata per la sua ammiraglia One, il produttore di Taiwan ha realizzato una infografica che illustra passo passo la procedura seguita per aggiornare uno smartphone all’ultima release. Il succo della faccenda, visto che la versione di Jelly Bean per i modelli sbloccati e Play Edition è già disponibile, è che ogni ritardo ulteriore è da attribuire a qualcun altro. In particolare , agli operatori .

Come si evince della illustrazione, ogni volta che Google si prepara a rilasciare una nuova release di Android invia ad HTC (o agli altri produttori) un pacchetto di valutazione per identificare le novità principali. Una volta che poi la versione diventa ufficiale i produttori dei chipset (ovvero Qualcomm, Mediatek e chiunque altro produca CPU e GPU contenute nei device) valutano la possibilità di supportare l’update. Se tutto va come sperato, una volta che i driver e le ottimizzazioni sono pronte per l’uso, HTC si mette all’opera per la propria parte. A questo punto, va sottolineato, i terminali Play Edition che montano cioè la versione “ufficiale” di Android sono già pressoché pronti per essere aggiornati. Alle versioni sbloccate di One, quelle cioè vendute senza personalizzazioni e sussidi degli operatori, occorre solo un passo in più: completato l’adattamento della skin (che per HTC si chiama Sense) si può sottoporre il codice a Google per l’approvazione definitiva e iniziare la distribuzione.

Per le versioni vendute dagli operatori inizia invece il vero calvario : HTC deve discutere preliminarmente le condizioni poste dai provider per quanto riguarda le specifiche esigenze dei loro servizi e applicazioni, integrare le modifiche necessarie, inviare il software all’operatore e attendere feedback. Alla fine serve l’approvazione delle telco per inviare l’aggiornamento a Google, e solo a quel punto si può iniziare la distribuzione OTA (over the air) del firmware.

Lo scenario è quindi variopinto, e differisce in parte da quanto accade (per quanto è dato sapere) nel caso di iOS: Apple decide come e quando rilasciare le novità per il proprio sistema operativo senza (troppo) curarsi di nessun altro. Il fatto che ci siano più produttori e aziende coinvolte nel processo per Android segna in questo caso un punto a sfavore, complicando la faccenda: ma evidentemente, nell’opinione di HTC , il grosso dei ritardi è indipendente dalla volontà dell’industria. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gius237 scrive:
    dati eclatanti
    Ciao a tutti, secondo me questi dati parlano da soli. E' in atto un cambio epocale e in italia come sempre ci facciamo sopra le battute. In Italia arriverà con i soliti 5 anni di ritardo ma il dato sulle vendite chromebook testimonia che il mondo dei personal computers si sta capovolgendo.
    • qualcuno scrive:
      Re: dati eclatanti
      - Scritto da: gius237
      Ciao a tutti,
      secondo me questi dati parlano da soli. E' in
      atto un cambio epocale e in italia come sempre ci
      facciamo sopra le battute. In Italia arriverà con
      i soliti 5 anni di ritardo ma il dato sulle
      vendite chromebook testimonia che il mondo dei
      personal computers si sta
      capovolgendo.Spero di no chromebook mi sembra tanto uno di quegli strumenti cari alla NSA.
      • collione scrive:
        Re: dati eclatanti
        chromeos vorrai direma finchè ci saranno i sorgenti e sarà possibile riflashare la macchina, non ci sarà modo di ingabbiare tutti e sempre
        • qualcuno scrive:
          Re: dati eclatanti
          I chromebooks adottano l'impostazione più severa di UEFI secure boot. Non puoi cambiare il sistema operativo.
          • tucumcari scrive:
            Re: dati eclatanti
            - Scritto da: qualcuno
            I chromebooks adottano l'impostazione più severa
            di UEFI secure boot. Non puoi cambiare il sistema
            operativo.Sicuro che sia vero?(newbie)è un vero peccato che ieri cambiandolo non me ne sia accorto! :D
          • qualcuno scrive:
            Re: dati eclatanti
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: qualcuno

            I chromebooks adottano l'impostazione più
            severa

            di UEFI secure boot. Non puoi cambiare il
            sistema

            operativo.
            Sicuro che sia vero?
            (newbie)
            è un vero peccato che ieri cambiandolo non me ne
            sia
            accorto!
            :DE come hai fatto a cambiarlo?
          • collione scrive:
            Re: dati eclatanti
            - Scritto da: qualcuno
            I chromebooks adottano l'impostazione più severa
            di UEFI secure boot. Non puoi cambiare il sistema
            operativo.i chromebook supportano una sorta di trustedzone, ma è possibile sia disabilitarla, sia rootare il dispositivo e installarci un os a piacere http://lifehacker.com/how-to-install-linux-on-a-chromebook-and-unlock-its-ful-509039343
          • qualcuno scrive:
            Re: dati eclatanti
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: qualcuno

            I chromebooks adottano l'impostazione più
            severa

            di UEFI secure boot. Non puoi cambiare il
            sistema

            operativo.

            i chromebook supportano una sorta di trustedzone,
            ma è possibile sia disabilitarla, sia rootare il
            dispositivo e installarci un os a piacere
            http://lifehacker.com/how-to-install-linux-on-a-chIl link che hai messo spiega come far girare Ubunto sopra chrome os come fosse una macchina virtuale. Chrome os rimane quindi non hai risolto niente.
          • collione scrive:
            Re: dati eclatanti
            quello è il metodo più semplice ( si tratta di chrooting, niente in comune con la virtualizzazione ), poi c'è quest'altro http://www.chromestory.com/2010/12/rooting-or-XXXXXXXXXing-chrome-os-is-an-official-feature-in-chrome-notebook-cr48/entrambi sfruttano la developer mode, ufficialmente supportata da google
          • qualcuno scrive:
            Re: dati eclatanti
            - Scritto da: collione
            quello è il metodo più semplice ( si tratta di
            chrooting, niente in comune con la
            virtualizzazione ), poi c'è quest'altro
            http://www.chromestory.com/2010/12/rooting-or-jail

            entrambi sfruttano la developer mode,
            ufficialmente supportata da
            googleModello di tre anni fa
          • collione scrive:
            Re: dati eclatanti
            - Scritto da: qualcuno
            - Scritto da: collione

            quello è il metodo più semplice ( si tratta
            di

            chrooting, niente in comune con la

            virtualizzazione ), poi c'è quest'altro


            http://www.chromestory.com/2010/12/rooting-or-jail



            entrambi sfruttano la developer mode,

            ufficialmente supportata da

            google

            Modello di tre anni fala developer mode è supportata in tutti i chromebookriflashare il firmware non è un'operazione voodoo, ha una complessità simile a quanto accade per i dispositivi android
          • BarbaTruth scrive:
            Re: dati eclatanti
            Ka.booooooooo ooooooo ooooo ooooooom!
  • il signor rossi scrive:
    Secondo me per errore!
    Vorrei sapere quanti sono quelli che hanno pensato "ecco qui un hp/acer/samsung a soli 220 dollari, quasi quasi lo prendo" oppure dovevano fare il regalo di natale al figlio/nipote/eccetera, poi quando l'hanno acceso hanno detto: "ok, e ora come si entra in Windows?" ;)
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: Secondo me per errore!
      Di solito, i meno "scafati", la prima cosa che guardano in un prodotto è il Sistema Operativo che ha, quindi se non soffrono di manie da acquisto compulsivo, prima di comprare faranno le loro ricerche per scoprire che versione di Windows sia il Chrome OS.In realtà credo che ormai, da "scafato" medio-basso, praticamente tutti sappiano che esistono diversi sistemi operativi (anche perchè probabilmente prima hanno avuto diversi smartphone) o che questa o quella caratteristica che sembra secondaria (chi non è pratico, neanche controlla la Ram installata) in dispositivi che sembrano simili non lo è poi davvero, quindi prima di fare un acquisto, si farà le sue ricerchine.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Secondo me per errore!
      - Scritto da: il signor rossi
      Vorrei sapere quanti sono quelli che hanno
      pensato "ecco qui un hp/acer/samsung a soli 220
      dollari, quasi quasi lo prendo" oppure dovevano
      fare il regalo di natale al
      figlio/nipote/eccetera, poi quando l'hanno acceso
      hanno detto: "ok, e ora come si entra in
      Windows?"
      ;)E' la storia che si ripete... sostituisci chrome con net e capisci cosa sta succedendo. Bisognerebbe vedere i resi...
      • collione scrive:
        Re: Secondo me per errore!
        - Scritto da: nome e cognome
        E' la storia che si ripete... sostituisci chrome
        con net e capisci cosa sta succedendo.si vedrà, ma l'unica cosa certa è il flop dei net(windows)book
        Bisognerebbe vedere i
        resi...si si, come quando dicevi che i netbook linux avevano resi incredibili, salvo essere smentito brutalmente da dell e acer
        • nome e cognome scrive:
          Re: Secondo me per errore!

          si vedrà, ma l'unica cosa certa è il flop dei
          net(windows)bookMa prima del flop dei net(Windows)book c'è stato il flop ancora più disastroso dei net(linux)book.
          si si, come quando dicevi che i netbook linux
          avevano resi incredibili, salvo essere smentito
          brutalmente da dell e
          acerEd essere confermato da MSI, chissà chi dice il vero? Dell che ha ritirato tutti i pc con Linux dalle catene retail?
      • tucumcari scrive:
        Re: Secondo me per errore!
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: il signor rossi

        Vorrei sapere quanti sono quelli che hanno

        pensato "ecco qui un hp/acer/samsung a soli
        220

        dollari, quasi quasi lo prendo" oppure
        dovevano

        fare il regalo di natale al

        figlio/nipote/eccetera, poi quando l'hanno
        acceso

        hanno detto: "ok, e ora come si entra in

        Windows?"

        ;)

        E' la storia che si ripete... sostituisci chrome
        con net e capisci cosa sta succedendo.
        Bisognerebbe vedere i
        resi...Bisognerebbe vedere la parte "migliore" in cui "va da dio" il piastrellotto(rotfl)(rotfl)Purtroppo i numeri dicono altro... :D
Chiudi i commenti