Con 4mila euro Firenze ti fa maestro

Giunge alla quinta edizione il Master in Multimedia Design dell'Università di Firenze, corso a cui collabora anche la RAI e che offre, dicono i promotori, ottime opportunità di lavoro


Roma – “Qualificarsi per le nuove professioni del mondo del lavoro”. Si potrebbe sintetizzare così lo slogan con cui viene promossa in queste ore la quinta edizione del Master in Multimedia Design dell’Università di Firenze, un megacorso che “laurea” con 4.132 euro di spesa.

Il Master promosso dall’Università è realizzato con la collaborazione della RAI, della Mediateca Regionale Toscana e con il supporto del Centro per la Comunicazione ed Integrazione dei Media, Centro di Eccellenza riconosciuto dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca).

Stando all’Università fiorentina, la stretta collaborazione con grandi aziende impegnate nel settore, come SEAT o IlSole24Ore, permette ai nuovi “maestri del multimedia” di avere ottime chance di impiego.

La nuova edizione del master inizierà il 13 gennaio 2003 e si annuncia una battaglia all’ultimo sangue per le iscrizioni: sono solo 45 i posti per i laureati in discipline umanistiche e scientifiche. A rendere la corsa al posto ancora più densa di suspence è l’apertura del Master non solo agli italiani ma anche a chi proviene dalla UE, dagli USA e dall’America Centrale. La battaglia comincia il 10 dicembre

“Il Master in Multimedia – si legge in una nota – si qualifica come master universitario di I livello a numero chiuso e riconosce un totale di 64 crediti formativi. Il programma di studi è definito per formare esperti nella progettazione e sviluppo di contenuti e fornire gli strumenti tecnici per la realizzazione di soluzioni e prodotti multimediali e applicazioni in Internet. Gli ammessi possono scegliere tra due indirizzi specialistici rispettivamente incentrati sullo studio e l’applicazione di linguaggi per i nuovi media, per l’editoria elettronica on- e off-line, e sull’animazione grafica e la composizione di video digitale per la postproduzione”.

La formazione avviene presso la sede RAI Toscana in laboratori attrezzati, tra giugno e luglio, per un totale di circa 900 ore di cui 600 in laboratorio. “A seguire, – si legge nella nota – uno stage operativo di tre mesi presso aziende nazionali ed estere specializzate nel settore dei New Media”.

Altre info sono qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ldsandon scrive:
    L'Italia non è capace di modernizzarsi..
    ... e vuole spiegare agli altri come fare. Incredibile.Vedremo come va a finire. Il certificato di proprietà della mia auto mi è arrivato 6 mesi dopo l'acquisto, e quando ho invitato degli amici moldavi in Italia non hanno potuto richiedere il visto perché l'elenco dei documenti necessari sul sito web dell'ambasciata di Bucarest (la Moldavia non ha ambasciata) era incompleto, e lo è tutt'ora nonostante le mie segnalazioni...Si possono imbottire le amministrazioni di PC e programmi, ma se non si è capaci di amministrare non si è capaci, forse sarebbe meglio una organizzazione che insegni la buona organizzazione, ma l'Italia non potrebbe certo avere rappresentanti.Va beh, i contadini Albanesi avranno la smart card per salire a bordo di una carretta per portarli in Italia...Auguri ai paesi che dovranno essere guidati dall'Italia.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'Italia non è capace di modernizzarsi..
      Non sono daccordo :- Scritto da: ldsandon
      ... e vuole spiegare agli altri come fare.
      Incredibile.Ci stiamo ammodernando anche noi e le buone idee vanno divulgate...
      Vedremo come va a finire.

      Il certificato di proprietà della mia auto
      mi è arrivato 6 mesi dopo l'acquisto, eC'e' gente che muore di fame...
      quando ho invitato degli amici moldavi in
      Italia non hanno potuto richiedere il visto
      perché l'elenco dei documenti necessari sul
      sito web dell'ambasciata di Bucarest (la
      Moldavia non ha ambasciata) era incompleto,
      e lo è tutt'ora nonostante le mie
      segnalazioni...Potevi aiutarli... ;P
      Si possono imbottire le amministrazioni di
      PC e programmi, ma se non si è capaci di
      amministrare non si è capaci, forse sarebbe
      meglio una organizzazione che insegni la
      buona organizzazione, ma l'Italia non
      potrebbe certo avere rappresentanti.... boh, forse si dai...
      Va beh, i contadini Albanesi avranno la
      smart card per salire a bordo di una
      carretta per portarli in Italia...... almeno sapremo se sono criminali o gente normale...
      Auguri ai paesi che dovranno essere guidati
      dall'Italia.E auguri anche a noi !! :)Zanzarone
      • ldsandon scrive:
        Re: L'Italia non è capace di modernizzarsi..

        Ci stiamo ammodernando anche noi e le buone
        idee vanno divulgate...Ammodernando a parole. E arrivando, come sempre, buoni ultimi.
        C'e' gente che muore di fame...E hanno bisogno di e-government?
        Potevi aiutarli... ;PCosa credi che abbia fatto? Ero a Bucarest con loro. Sto ancora aspettando la risposta dall'ufficio relazioni con il pubblico del ministero degli esteri. Dopo quattro mesi non hanno ancora risposto alle mie mail...
        ... boh, forse si dai...Sì: "area complicazioni affari semplici - esempi da non imitare".
        ... almeno sapremo se sono criminali o gente
        normale...No. Craccheranno la card e saranno tutti angioletti. Sbarcati il carabiniere non avrà il lettore, o mancherà il regolamento di attuazione su come usarlo.Notizia di ieri sul Corriere: frana a Ponte Tresa. Sul versante italiano corda e paletti per tenere sotto controllo il movimento della frana. Sul versante svizzero prismi e laser. E per loro è normale routine...
        E auguri anche a noi !! :)Di sicuro... :-)
  • Alessandrox scrive:
    Ed io che credevo.....
    Che i paesi sottosviluppati avessero primariamente bisogno di acqua potabile, medicine, ospedali, infrastrutture.... democrazia.E invece no.... ora si scopre che hanno bisogno di finanziamenti pwer comprare soprattutto prodotti Microsoft.Potenza dell' informatica
Chiudi i commenti