Con un banner l'FBI caccia i cattivi

Per la prima volta la polizia federale americana decide di ricorrere ai banner per diffondere l'immagine di uno dei most wanted, i ricercati più pericolosi d'America
Per la prima volta la polizia federale americana decide di ricorrere ai banner per diffondere l'immagine di uno dei most wanted, i ricercati più pericolosi d'America


Washington (USA) – La polizia federale americana ( FBI ) ha deciso di ricorrere agli strumenti tipici della pubblicità su internet per tentare di individuare e arrestare uno dei maggiori ricercati, uno dei nomi compresi nella lista dei Most Wanted

L’elenco comprende i dieci ricercati considerati più pericolosi, il primo dei quali è Osama Bin Laden, e l’FBI ha deciso che per tentare di arrestare James “Whitey” Butler, considerato un pluri-omicida, possa essere una buona idea quella di utilizzare un banner.

Così la polizia ha stretto un accordo, il primo di questo tipo, con Lycos . In uno dei banner in rotazione sulle pagine del celebre portale Internet, dunque, girerà un’immagine e un messaggio relativi a Butler.

“A riconoscerlo – afferma il procuratore americano Micheal Sullivan – potrebbe essere l’impiegato di un alimentari che dopo avergli portato a domicilio la spesa torna a casa la sera, va su internet, e dice: caspita ma a questo io gli ho portato la spesa”.

Per chi darà notizie utili su Butler c’è un ricco premio: la “taglia” è, infatti, di 1 milione di dollari.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 12 2002
Link copiato negli appunti