Con Wind, dalla flat alle bollette Telecom

In una lettera, un utente Wind spiega come è passato dall'utilizzo della connessione flat di Wind alle chiamate a Wind via Telecom Italia, senza esserne avvisato. Con i costi relativi. Una situazione segnalata già numerose volte


Roma – Spett.le Wind, Sono un utente estremamente scontento. Vi ho già sottoposto i fatti numerose volte mediante fax e telefonate ai vostri operatori; ad ogni modo riassumo per l’ennesima volta i fatti salienti:

– A novembre 2000 circa, stipulavo il contratto Wind 1088 ed il contratto InWind Internet NoStop, quest’ultimo una connessione internet di tipo “flat”, con possibilità di connettersi ad internet 24 ore su 24;

– attivavo il mio computer per comportarsi di conseguenza, con riconnessione automatica in caso di interruzione della linea. La connessione remota veniva configurata MEDIANTE IL VOSTRO PROGRAMMA scaricato all’epoca dal sito internet InWind, la quale metteva il 1088 nel prefisso di località ed il numero del POP nella casella del numero telefonico vero e proprio;

– Senza alcuna comunicazione né preavviso, senza alcun motivo, e per vostro errore ufficialmente ammesso da una vostra impiegata, nel mese di dicembre avete interrotto il servizio 1088 con palese violazione del contratto da voi stessi stilato e da me stipulato;

– Il mio computer, non trovando più attivo il numero 1088 (indicato nel prefisso di località), escludeva tale numero connettendosi direttamente ad internet mediante Telecom, 24 ore su 24, per 15 giorni. Ripeto: il computer era stato configurato automaticamente dal vostro programma di configurazione;

– Dopo 15 giorni, al mio rientro a casa, mi accorgevo che il 1088 non era più attivo;

– Telefonavo immediatamente al vostro servizio assistenza clienti; dopo puerili quanto inutili tentativi di far ricadere la colpa su di me (…non ha pagato la bolletta… …non ha firmato il contratto…) la suddetta impiegata ammetteva che il fatto era dovuto ad un vostro errore; chi aveva effettuato la sconnessione non aveva notato che una firma mancante sul contratto era stata inviata, come da vostra richiesta, mediante fax.

L’impiegata si profondeva in scuse, e riattivava immediatamente il 1088. Mi suggeriva inoltre di richiedere a Telecom copia del tabulato delle telefonate, in modo da identificare l’importo totale versato a Telecom per la connessione al provider inWind. Inoltre suggeriva di inviare un fax con la spiegazione di quanto successo in modo da ufficializzare la cosa;

– Inviavo il fax con la spiegazione dell’accaduto e l’avviso che non avrei pagato alcuna fattura; successivamente inviavo anche il fax con l’estratto del tabulato Telecom per la parte riguardante il danno inflittomi da Wind;

– Alcune inconcludenti telefonate da parte del servizio Clienti Wind mi garantivano che sarei stato ricontattato;

– A tutti gli effetti venivo contattato solo dopo ogni fax di protesta, ma senza ottenere alcun esito.

Dopo sei mesi sto ancora aspettando che la mia situazione venga chiarita. Il tutto per 675.000 lire. Ripeto: la persona del vostro servizio di assistenza che mi ha contattato per ultima, credo ormai oltre tre mesi fa, mi aveva assicurato che sarei stato richiamato entro qualche giorno.

Sto aspettando da oltre sei mesi di avere una risposta, ma le uniche comunicazioni che ricevo da parte vostra sono le immancabili fatture.

TALI FATTURE, lo ripeto nuovamente, NON VERRANNO DA ME PAGATE finché la questione non verrà chiarita e risolta.

L’affermazione più grottesca dei vostri impiegati, poi, è stata quella secondo la quale per ottenere la vostra attenzione debba innanzitutto pagare; in pratica, per ottenere che la mia richiesta di risarcimento per danni venga almeno discussa (non accettata, figuriamoci, parliamo solo di dargli un’occhiata), devo innanzitutto versarvi altri soldi saldando le fatture arretrate (che *lo ripeto* non pagherò a nessun costo fino al chiarimento della questione).

Non consideriamo poi la vostra opinione della matematica: siccome il canone Internet NoStop era di 60.000 lire mensili, ed a causa vostra tale connessione non era più stata utilizzabile per quindici giorni (ovvero metà di un mese), mi veniva riconosciuto il rimborso per la parte non utilizzata, ovvero la metà di 60.000 lire, ovvero…. 15.000 lire. Le divisioni non sono il vostro forte…

Il modo in cui trattate i vostri clienti, indipendentemente da quanto dichiarate nei comunicati stampa, è semplicemente scandaloso; neppure il nostro grande ex monopolista di stato aveva mai osato tanto, almeno per quanto mi riguarda. Se non altro riuscivo quantomeno a parlare sempre con la stessa persona.

Attualmente il vostro servizio di assistenza funziona in questo modo:

– Invio un fax di protesta;

– Vengo richiamato da persone sempre diverse e scarsamente o per nulla informate della questione, che mi pongono sempre le stesse domande (non sono in grado di leggere i miei fax, oppure tali fax sono stati cestinati?)

– impiego ogni volta parecchi minuti per illustrare nuovamente la questione; mi viene riferito che la questione dev’essere sottoposta ad un qualche personaggio diverso;

– vengo rassicurato che la mia pratica non verrà ignorata e che verrò contattato entro pochi giorni. Ad ogni modo non mi viene comunicato il nominativo di nessuna persona che si occupa della pratica: NESSUN RESPONSABILE = NESSUNA RESPONSABILITA ‘, estremamente comodo per Wind;

– attendo alcune settimane quindi mi stufo di aspettare ed invio un nuovo fax di protesta;

– La storia si ripete dal principio, con la telefonata dell’ennesima persona mal informata.

I miei complimenti agli agenti pubblicitari di Wind; per riuscire a tenere sul mercato un azienda che cura la propria clientela in questo modo, devono essere davvero bravi.

Attendo naturalmente l’ennesima telefonata dell’ennesimo operatore disinformato. Tra parentesi, ancora qualche fattura e avrò finalmente raggiunto la fatidica quota 675000 lire; a questo punto, se la situazione non sarà chiarita darò disdetta del contratto e mi rivolgerò a qualche altro operatore.

Distinti saluti

Giovanni Verrua

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    GIUSTO! CHE sia DEBIAN!
    mi sembra giusto che sia la Debian ad essere il Partner di HP, sistema molto professionale, penso che un giorno sara' lo standard adottato nelle aziende, sosituira' unix e i vari winPotente flessibile e sper sicuro
    • Anonimo scrive:
      Re: GIUSTO! CHE sia DEBIAN!
      - Scritto da: Johnny5
      mi sembra giusto che sia la Debian ad essere
      il Partner di HP, sistema molto
      professionale, penso che un giorno sara' lo
      standard adottato nelle aziende, sosituira'
      unix e i vari win
      Potente flessibile e sper sicuropeccato per l'RPM!
      • Anonimo scrive:
        Re: GIUSTO! CHE sia DEBIAN!
        - Scritto da: l
        peccato per l'RPM!Beh, l'RPM e' un buon sistema di pacchettizzazione, pero' i pacchetti RPM di distribuzioni diverse non sono sempre compatibili, in un certo senso usare pacchetti DEB fatti per Debian "assicura" una certa compatibilita'.Certo, se poi si prendono .deb qua e la' da internet, fatti da chissachi', il sistema si sporca lo stesso...ciaoMichele
        • Anonimo scrive:
          Re: GIUSTO! CHE sia DEBIAN!
          - Scritto da: Michele


          - Scritto da: l


          peccato per l'RPM!

          Beh, l'RPM e' un buon sistema di
          pacchettizzazione, pero' i pacchetti RPM di
          distribuzioni diverse non sono sempre
          compatibili, in un certo senso usare
          pacchetti DEB fatti per Debian "assicura"
          una certa compatibilita'.Infatti, dicevo peccato perchè l'RPM è un buon sistema. Ma essendo non standard, fatto da RedHat, e soprattutto non sotto GPL, non è stato adottato giustamente da Debian.Peccato era per il fatto che RPM non e GPL.
          • Anonimo scrive:
            Re: GIUSTO! CHE sia DEBIAN!
            - Scritto da: l


            - Scritto da: Michele





            - Scritto da: l




            peccato per l'RPM!



            Beh, l'RPM e' un buon sistema di

            pacchettizzazione, pero' i pacchetti RPML'RPM è stata la novità, ma dire che è un buon sistema mi sembra esagerato, soprattutto dopo aver visto cosa a tirato fuori Debian con APT.Comunque se ti piace nessuno ti impedisce di usarlo, funge anche sotto Debian
          • Anonimo scrive:
            Re: GIUSTO! CHE sia DEBIAN!
            - Scritto da: l

            Infatti, dicevo peccato perchè l'RPM è un
            buon sistema. Ma essendo non standard, fatto
            da RedHat, e soprattutto non sotto GPL, non
            è stato adottato giustamente da Debian.
            Peccato era per il fatto che RPM non e GPL.sicuro che non sia GPL?[munehiro@quela 36]$ rpm -qi rpmName : rpm Relocations: (not relocateable)Version : 4.0 Vendor: MandrakeSoftRelease : 26mdk Build Date: gio 05 apr 2001 23:55:39 CESTInstall date: lun 23 apr 2001 17:33:31 CEST Build Host: no.mandrakesoft.comGroup : System/Configuration/Packaging Source RPM: rpm-4.0-26mdk.src.rpmSize : 2814327 License: GPLPackager : Linux-Mandrake Team URL : http://www.rpm.orgSummary : The RPM package management systemDescription :RPM is a powerful command line driven package management system capable ofinstalling, uninstalling, verifying, querying, and updating software packages.Each software package consists of an archive of files along with informationabout the package like its version, a description, etc.a me pare che lo sia. E poi basta con sta bazza che tutto quello che c'e' in debian e' GPL. il virtual richard stallman e' una invenzione degli integralisti incappucciati di debian, ma poi smanettano allegramente con Apache (Apache License)
          • Anonimo scrive:
            Re: GIUSTO! CHE sia DEBIAN!
            Leggendo le rispostre penso che voi tutti abbiate ragione, il problema sta' nel fatto che essendo Linux un particolare sistema puó essere messo sotto la licenza che vuole, quindi non devono essere condannate le aziende che decidono di fare in un certo modo, Ma condannate per il fatto che il loro sistemi sembrano fatti a posta per non intergire uno con l'altro logica NON di LINUX! E di chi lo fá!
    • Anonimo scrive:
      Re: GIUSTO! CHE sia DEBIAN!
      - Scritto da: Johnny5
      mi sembra giusto che sia la Debian ad essere
      il Partner di HP, sistema molto
      professionale, penso che un giorno sara' lo
      standard adottato nelle aziende, sosituira'
      unix e i vari win
      Potente flessibile e sper sicuroE soprattutto, Bruce Perens ha un ruolo chiavenell'azienda. Scusate se e' poco, questo siaggiunge alle caratteristiche "intrinseche" diDebian.odoPS: vedo molto positivamente la presenza di BPnella struttura di HPhttp://utenti.tripod.it/odo
  • Anonimo scrive:
    newbie: ma è free o no?
    ma come ... la HP lo "vende"?e (a parte la qualità) qual'è la differenza, allora con Winzozz?Forse non mi è chiaro come funziona l'opensource o la lic. Gpl ma ... se qualche linuxiano vuole fare una sana opera di chiarimento pro-passaggio a linux ... credo che non sarò l'unica a beneficiare di queste informazioni preziose!;-)Grazie!
    • Anonimo scrive:
      Re: newbie: ma è free o no?
      Il sw GPL puo' essere venduto da chiunque. Se te lo procuri anche tu lo puoi vendere.Il concetto di "free" non e' quello di dover essere gratis, ma quello che chiunque se lo procuri in qualsiasi modo puo' fare del codice cio' che vuole (copiarlo, regalarlo, venderlo, modificarlo, includerlo in altri programmi) tranne che cambiare licenza, anche solo ad un suo frammento (quindi se prendi un pezzo di codice GPL e lo includi in un tuo programma, quest'ultimo dovra' essere licenziato GPL).Poi normalmente chi lo vende include al codice vero e proprio qualche servizio, come ad esempio la copiatura su CD, la preinstallazione su un PC (come penso faccia HP), il supporto per un certo tempo per 'installazione e l'utilizzo, ecc. ecc.Se pero' non lo vuoi pagare puoi tranquillamente scaricarlo da internet o copiarlo da un amico.Anche lo stesso sw venduto da HP.- Scritto da: EverGreen
      ma come ... la HP lo "vende"?
      e (a parte la qualità) qual'è la differenza,
      allora con Winzozz?
      Forse non mi è chiaro come funziona
      l'opensource o la lic. Gpl ma ... se qualche
      linuxiano vuole fare una sana opera di
      chiarimento pro-passaggio a linux ... credo
      che non sarò l'unica a beneficiare di queste
      informazioni preziose!
      ;-)
      Grazie!
    • Anonimo scrive:
      Re: newbie: ma è free o no?
      oltre al fatto che la Debian e' l'unica distribuzione 100% GNU e non contiene software che non lo sia, GPL non voul dire gratis.Vuol dire solo che devi redistribuire i sorgenti se hai usato altro codice GPL nella tua applicazione o se ne fai una da zero e la licenzi come GPL.Ciao- Scritto da: EverGreen
      ma come ... la HP lo "vende"?
      e (a parte la qualità) qual'è la differenza,
      allora con Winzozz?
      Forse non mi è chiaro come funziona
      l'opensource o la lic. Gpl ma ... se qualche
      linuxiano vuole fare una sana opera di
      chiarimento pro-passaggio a linux ... credo
      che non sarò l'unica a beneficiare di queste
      informazioni preziose!
      ;-)
      Grazie!
    • Anonimo scrive:
      Re: newbie: ma è free o no?
      - Scritto da: EverGreen
      ma come ... la HP lo "vende"?
      e (a parte la qualità) qual'è la differenza,
      allora con Winzozz?
      Forse non mi è chiaro come funziona
      l'opensource o la lic. Gpl ma ... se qualche
      linuxiano vuole fare una sana opera di
      chiarimento pro-passaggio a linux ... credo
      che non sarò l'unica a beneficiare di queste
      informazioni preziose!
      ;-)
      Grazie!In sisntesi:Se vuoi puoi copiarlo e installartelo da solo.Se però vuoi assistenza, penso che nel "pacchetto" venduto sia compresa anche quella.Se vuoi puoi comperarlo dalla Debian, o qualche LUG.Io, personalmente, tutti i sw M$ li ho duplicati. Non ho un programma che non sia o di qualche rivista, o duplicato.Ma, è un passo che stò per fare, quando avrò il tempo di sistemare il mio PC, pagherò una bella distro come Debian, con i suoi bei manuali, i CD (sono 6 o 7) e saprò che la spesa non era obbligatoria, ma sarò contento di pagare poco (il costo è molto basso) per avere molto, e aiuterò la fondazione che si occupa di seguire lo sviluppo di questa distro.
    • Anonimo scrive:
      Re: newbie: ma è free o no?
      E' la piu' Free di tutte. basti vedere il sito http://www.debian.ORG= Oraganizzazzione non a scopo di lucro.Penso che HP intenda per vendere far pagare la distribuzione (crazione dei cd, dei manuali di installazione, inscatolamenti e trasporti).Se te lo vuoi a gratis te lo puoi benissimo scaricare dalla rete e copiartelo da qualche tuo amico.Spero di essere stato chiaroP.S. Debian è GNU/Linux
Chiudi i commenti