Congresso AICA 28-30 settembre

Rapporti tra ricerca ICT e impresa


Milano – Si svolgerà a Benevento dal 28 al 30 settembre prossimi, presso l’Università degli Studi del Sannio, il Congresso AICA 2004, dedicato al tema “Ricerca e impresa: conoscenza e produzione per la società dell’informazione” .

Giunto alla 42esima edizione, il Congresso dell’Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico è aperto a studiosi, istituzioni e imprese per fare il punto sulle prospettive e gli impatti economico-sociali delle tecnologie dell’informatica e delle telecomunicazioni (ICT).

L’evento è organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi del Sannio e patrocinato dalla Regione Campania e dal Ministero delle Comunicazioni e vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Antonio Bassolino, presidente della Regione Campania, di Maurizio Gasparri, ministro delle Comunicazioni e di Lucio Stanca, ministro all’Innovazione.

“Il convegno – si legge in una nota – si articolerà in una tre giorni fitta di workshop, tavole rotonde e dibattiti, sul trasferimento delle conoscenze ICT tra università e impresa; gli spazi per lo sviluppo di progetti di R&D condivisi; le opportunità offerte dalla Comunità Europea per favorire negli atenei lo sviluppo di conoscenze utili all’impresa; la possibilità di crearne di nuove a partire da centri di competenza accademici (spin-off tecnologici)”.

Il programma del convegno e le modalità di iscrizione (gratis per gli studenti) sono reperibili via Internet all’indirizzo www.aicanet.it .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    azienda: da noi non arrivava l'adsl, ma
    a 1

    km da noi, si.

    abbiamo chiesto ad un negozio di poter

    installare la linea telefonica
    necessaria,

    da loro, abbiamo messo su una adsl da

    1.2Mb/640 e due antenne alvarion una da
    loro

    e una da noi.

    Mi puoi dire il modello di queste due
    antenne e quanto costano?marca alvarion; per il resto informati ;-)gente che fa questi lavori ormai ce n'è parecchia
  • Anonimo scrive:
    Re: E IL SOLE ALLORA?
    Sono innocue? Metti pure la testa nel forno a microonde, quindi....
  • markoer scrive:
    Re: Dubbio di policy sulla connessione
    - Scritto da: Anonimo
    Peccato che il wireless non funga se ci sono
    pareti in mezzo... e questi parlano di 300
    mt... bastano un paio di muri spessi e dopo
    10 metri hai un collegamento a 56k
    MA CIAO!!Minchia quante cazz**e ci sono su questo forum... non è assolutamente vero. Dipende dal tipo di muri e dal guadagno in dB della tua antenna. Non puoi saperlo se non sai che cosa ti forniscono, a meno che tu non abbia la palla di cristallo.Inoltre, nocable richiede che tu installi un'antenna sul tetto della casa (così hanno detto a Radio 24).Ciao.
  • markoer scrive:
    Re: Dubbio di policy sulla connessione
    - Scritto da: Anonimo
    Un provider non è direttamente
    responsabile per i dati transitati e quindi
    per le azioni compiute dai suoi clienti,
    proprio perchè provider.Ciò è falso, almeno in Italia. Esistono già diverse sentenze a proposito e la legislazione si sta ulteriormente delineando in questo senso (purtroppo).[...]
    Metti caso che uno dei tuoi compagni di
    connessione sia un patito del
    pedo-porno....non è una bella
    situazione!Nemmeno per il tuo ISP (purtroppo).Ciao.
  • markoer scrive:
    Re: NoCable fa vera pirateria....
    - Scritto da: Anonimo[...]
    Sono tutti buoni a fare affari in questo
    modo, sfruttando le risorse altrui senza
    sottoscrivere alcun accordo ed avere alcuna
    autorizzazione per farlo.[...]Loro dichiarano di accollarsi le responsabilità legali, pertanto avranno, immagino, le necessarie autorizzazioni. E comunque, è una loro responsabilità.Tutto il resto sono solo ciance.Ciao.
  • markoer scrive:
    Re: Ma è tutto gratuito?
    - Scritto da: Anonimo
    Quindi se io trovo 3 vicini nel raggio di
    300 metri che condividono la mia adsl io
    recupero tutta la spesa dell'abbonamento. Ma
    l'impianto di trasmissione Wi-Fi lo
    installano gratuitamente o si deve pagare?
    Tutto questo mi sa tanto di vendita
    piramidale.Devi installare un apparato sul tetto di casa tua. L'apparato ti viene fornito con 99 euro. Ti rimborsano l'ADSL da 640 Mb/s (quindi se hai un taglio più grande non ti rimborsano tutto) se riesci ad "iscrivere" tre tuoi vicini, che pagheranno l'accesso 18 euro al mese.Inoltre esistono delle revenue per ulteriori accessi e navigatori occasionali.E' ottimo se hai un'ADSL ed hai dei vicini "sconnessi" che non vogliono "cablarsi" ma vogliono accedere ad Internet.E soprattutto, le responsabilità legali e legislative se le accollano loro.Ciao.
  • markoer scrive:
    Leggi bene...
    - Scritto da: riddler
    www.assoprovider.it/page-news-on-line.phtml?I
    www.airgate.it/modules.php?name=News&file=art
    www.comunicazioni.it/it/index.php?IdPag=699

    In sostanza trattandosi di onde radio sono
    soggette a concessioni, non si possono usare
    liberamente. Siccome la legge prevede solo
    l'uso all'interno della propria abitazione o
    bar o cmq locali "chiusi" anche se aperti al
    pubblico se ne deduce che ogni altro uso e'
    vietato in quanto non si puo' ottenere
    legalmente la concessione.Leggi bene: non si possono *vendere*, *fare abbonamenti*, *creare hotspot*... non si parla affatto di connessioni private punto punto - il ponte è assolutamente legittimo.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Re: E IL SOLE ALLORA?
    - Scritto da: Anonimo
    Una cosa sono i Watt, un'altra la frequenza
    di irraggiamento..... sarebbe come dire che
    piccole dosi di raggi X al giorno non fanno
    nulla....Hai ragione, ma le microonde hanno, appunto, una frequenza di tre ordini di grandezza inferiore alla luce visibile quindi puoi star certo che non sono ionizzanti e di conseguenza non sono neppure cancerogene.
  • Anonimo scrive:
    NoCable fa vera pirateria....
    Guadagna soldi sulla banda dei provider senza fare investimenti reali, a parte la rete WiFi che ha costi minimi al confronto (visto che è demandata poi tutta agli utenti del servizio). Sono tutti buoni a fare affari in questo modo, sfruttando le risorse altrui senza sottoscrivere alcun accordo ed avere alcuna autorizzazione per farlo.Se questa cosa venisse fatta da liberi cittadini come lo scambio di file in rete con il P2P senza fini di lucro allora il giudizio dovrebbe essere analogo, nessun fine di lucro equivale a nessun danno e truffa MA visto che qui ci si specula sopra allegramente e si vuole palesemente sfruttare l'infrastruttura altrui, degli ISP e degli utenti paganti gli ISP, con un sistema stile catena di Sant'Antonio, allora è palesemente una truffa a fini di lucro in mancanza di accordi commerciali con gli ISP stessi ed in mancanza di una propria rete alternativa che giustifichi l'investimento di una simile struttura. Poi potrebbero pure sbandierare il no profit ma non mi sembra proprio che sia giusto fargliela passare liscia.Quindi fa bene l' Authority in questo caso a bloccare la cosa.Se fosse un fenomeno fra privati, comuni cittadini, senza fini di lucro e senza alcuna organizzazione o società costituita, ma solo sistemi di accesso condivisi (come il P2P), allora il giudizio dovrebbe essere analogo a quello per il P2P e sarebbe ingiusto che le forze dell'ordine perseguissero i cittadini MA in questo caso si prefigura una palese truffa a danno dei venditori e degli utenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non sempre si puo' (contrattualmente
    Ho chiesto lumi a loro, questa e' stata la risposta:"Gentile cliente,Le comunico che questi dati riguardano espressamente la nostra azienda,quindi se lei è interessato realmente al nostro prodotto non ha bisogno dipreoccuparsi.Saluti"
  • avvelenato scrive:
    Re: E IL SOLE ALLORA?
    - Scritto da: Anonimo
    Una cosa sono i Watt, un'altra la frequenza
    di irraggiamento..... sarebbe come dire che
    piccole dosi di raggi X al giorno non fanno
    nulla...."servono" per produrre casuali alterazioni nel patrimonio genetico in modo da aumentarne la variabilità e la comparsa di possibili caratteri positivi per l'evoluzione.e se qualcuno si becca il cancro sono zzi suoi!
  • avvelenato scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    E che problema di poni dal momento che
    sei

    un cavernicolo?

    E in cosa sarei cavernicolo?

    Usare il phon è inutile, tanto i
    capelli basta asciugarli con l'asciugamano
    darsi una pettinata e aspettare qualche
    minuto e vengono anche meglio.

    Il forno a microonde si usa soprattuto per
    scaldare cibi già pronti, non
    è un must specie per chi ama mangiare
    bene.

    Non avendo il cellulare mi evito un sacco di
    rotture di scatole.

    Mi sa che siete voi schiavi del consumismo.stai usando un pc per scrivere questi post, o sfrutti le onde elettromagnetiche dei tuoi neuroni? (chissà perché sono sicuro che la risposta giusta sia la 1° :D )
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    - Scritto da: Anonimo
    se becchi il segnale della direttiva (questa
    è la parte + difficile) ..... hai
    trovato anche i due poli rx e tx se becchi
    il segnale di una antenna omnidirezionale
    (molto + facile da beccare) devi fare una
    triangolazione per beccare il polo tx (non
    è facile ma neanche impossibile
    avendo le giuste attrezzature...... e la
    polizia postale le ha)

    CiaoSe trovi un segnale omnidirezionale, allora nonservono triangolazioni. La fonte infatti si trova nelraggio di alcune decine di metri :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    - Scritto da: Anonimo
    Il punto e' che la legge lo dice
    chiaramente: NON si puo' fare, tantomeno se
    non sei un provider (vorrei vedere sto
    sindaco a quale legge si e' appellato).
    Serve una licenza, e le licenze sono in
    numero limitato (vedi triveneto), se fosse
    un servizio "libero" tutti i provider
    pincopallino, invece di pagare l'ultimo
    miglio a telecom italia, comincerebbero a
    installarsi i loro bei ripetitori wifi (che
    costano pure MENO di cablare un utente)
    ...ma purtroppo NON SI PUO' FARE.

    Non e' che non ci abbia pensato nessuno,
    anzi sono anni che se ne parla (da quando il
    WiFi e' diventato fenomeno di massa), e pure
    un pool di privato potrebbe permettersi di
    coprire un intero paese con una modesta
    cifra.. ma nada.Hai ragione purtroppo, infatti ci sono molte persone che stanno "cablando" in wi-fi i palazzi e condividendo ADSL condominiali.. ovviamente fanno finta di non sapere che violano la legge.Un fenomeno in grande aumento che sarà ignorato inizialmente ma che tutto d'un tratto verrà proibito e linciato come il p2p per gli mp3
  • Anonimo scrive:
    Re: Lo sanno tutti, ma...
    L'ultimo miglio e' una cosa, la condivisione della banda con terzi e' tutt'altra cosa. Ci sono troppi problemi legali da dover superare, rivendendo la tua banda, di fatto diventi un fornitore di servizio (con tutte le conseguenze e responsabilita' del caso). Guarda che il WiFi e' solo un mezzo, potrei passare anche il cavo di rete al mio vicino avendo l'ADSL "normale" ...ma poi chi glielo spiega alla pula che non sono stato io a scaricarmi il filmininodituanipote.avi, ma il mio vicino al quale avevo "rivenduto" la mia connessione? Potrebbero anche studiare un sistema di accesso differenziato (con login e pw) ma gli apparati sarebbero comunque accessibili al "primo" (con relativo traffico) ...insomma buchi di sicurezza (il WiFi ne ha gia' fin troppi di suo) grandi come una casa. E' impossibile pensare che il sistema (a livello buricratico) possa funzionare senza intoppi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Meglio condividere e risparmiare tut
    Il problema viene soprattutto dal fatto che la stragrande maggioranza delle persone succhiano come delle sanguisughe! Su 10 persone, 9 scaricano l'impossibile e il decimo sono io, sara' che vengo dal decennio scorso, quando l'always-on (per non parlare delle velocita' attuali) era un miraggio, e quindi mi sono "abituato" al risparmio (sarebbe meglio dire: all'essenziale = impegno solo quando "mi serve") ma proprio non concepisco il "navigatore" moderno: film interi (che nemmeno vedono), migliaia di brani musicali, videogiochi che usano per 3 ore e poi li dimenticano... tu a queste persone vorresti insegnare l'uso "cosciente" della banda? E' impossibile... preferisco starmene sulla "mia" ADSL invece di viaggiare a mezzo kappa al secondo perche' il mio vicino si sta scaricando spiderman-10, il signore degli anelli 55 e quake 19 tutti insieme...NB: questo non e' un attacco alla pirateria (non me ne puo' frega' na mazza) ma ai vampiri senza scrupoli (90% dell'utenza broadband italiana).
  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    Guardate che esperimentini ci fanno i radioamatori col wireless... ae esempio su http://wireless.has.it/Per la cronaca lo possono fare perchè hanno una licenza che glielo consente, sia in termini di frequenze attribuite, sia per la possibilità di attraversare i terreni altrui, sia per le modifiche alle attrezzature. ;)... ma diventare radioamatore non è proprio un gioco da ragazzi.
  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    - Scritto da: Anonimo
    azienda: da noi non arrivava l'adsl, ma a 1
    km da noi, si.
    abbiamo chiesto ad un negozio di poter
    installare la linea telefonica necessaria,
    da loro, abbiamo messo su una adsl da
    1.2Mb/640 e due antenne alvarion una da loro
    e una da noi.Mi puoi dire il modello di queste due antenne e quanto costano?
  • Anonimo scrive:
    Re: Problemi legali?!
    appunto. E' questo il problema. Tu non sei un provider, resti un utente finale. Quindi la responsabilità è tua. E sinceramente non so come lo dimostri. L'unica è loggare tutto...ma ti serve tempo e spazio...copia di backup...procedura di raccolta dati omologata...rischio di violazione della privacy...Ecco perchè i provider sono manlevati dalla responsabilità. E si son alquanto incavolati quando qlc1 ha provato ad accollargliela.
  • Anonimo scrive:
    Re: E IL SOLE ALLORA?
    Una cosa sono i Watt, un'altra la frequenza di irraggiamento..... sarebbe come dire che piccole dosi di raggi X al giorno non fanno nulla....
  • Anonimo scrive:
    Re: Problemi legali?!
    personale.Ma come dimostri era lui a navigare nei siti pedo e no tu?
  • Anonimo scrive:
    Re: Problemi legali?!
    la responsabilità penale è personale
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    E poi... via a un milione di comitati "No all'antenna Del Sig. Giovanni"Per carità...- Scritto da: Anonimo
    Curiosità: ma creare una rete
    wireless al di fuori delle mura del proprio
    edificio in italia non era reato?
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    se becchi il segnale della direttiva (questa è la parte + difficile) ..... hai trovato anche i due poli rx e tx se becchi il segnale di una antenna omnidirezionale (molto + facile da beccare) devi fare una triangolazione per beccare il polo tx (non è facile ma neanche impossibile avendo le giuste attrezzature...... e la polizia postale le ha)Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    Intendevo intercettare fisicamente, non intercettare il traffico dati. Quindi lo sniffer non centra.Per l'antenna: una omnidirezionale la becchi da dovunque sei, ma il segnale è più debole.Quella monodirezionale la becchi solo se ti trovi in traiettoria, ma se trovi il segnale e lo individui come monodirezionale hai meno direzioni in cui cercare...
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    con uno sniffer si fa presto
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Se sei cosciente che le radio private
    irradiano oltre i 50 KiloWatt ed i
    ripetitori sono anche nelle città...
    se sei cosciente che le TV ne irradiano
    altrettanti e sono anche nelle
    città... se sei cosciente che i
    ripetitori dei cellulari ne irradiano almeno
    4 e sono sopra la testa di ogniuno di noi...
    meglio che non ti poni il problema
    perchè stai a guardare il pelo
    nell'uovo e non ti accorgi della trave che
    hai nell'occhio! Ma veramente guarda!Alcune piccole ma dovute precisazioni:1)La singola radio privata non può trasmettere con 50KWatt! Al massimo 50KWatt di RF è la somma della potenza irradiata da tutte le radio!Tale potenza era usata per le Onde Medie per poter irradiare il segnale della radio il più lontano possibile e con il maggior valore di campo EM data la scarsa sensibilità dei ricevitori in uso all'epoca del boon di tale segmento di RF. Diventati più sensibili i ricevitori anche la potenza è calata, anche se di poco.2)La potenza di un ripetitore per cellulari si aggira sull'ordine di qualche watt e con emissione non continua, dovuto al tipo di codifica usata. Anche qui 4Kwatt si possono riferire all'insieme della potenza di tutti i ripetotori di una zona abbastanza ampia e comunque la singola cella dell'operatore che opera rispettando le leggi non supera il valore di 6v/m di campo EM, valore che presuppone una potenza di irradiazione relativamente piccola.Personalmente mi fa più paura il radar di localizzazione terrestre di Linate o altro areoporto che usano impulsi direzionali di onde elettromagnetiche che superano ampiamente i valori ritenuti non pericolosi.Un radioamatore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale

    Certo che se si usano antenne direzionali e
    potenziate l'intercettazione diventa
    più semplice.penso che sia al contrario..... è molto più facile intercettare una antenna omnidirezionale che una direttiva.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Dubbio di policy sulla connessione
    Un provider non è direttamente responsabile per i dati transitati e quindi per le azioni compiute dai suoi clienti, proprio perchè provider.L'utente invece è direttamente responsabile del suo operato. Cioè se la polizia postale scopre che l'utente pinco pallino ha violato qualche legge tramite internet con la sua connessione a risponderne è l'utente pinco pallino stesso. Il provider è escluso perchè si suppone non possa-non debba controllare i propri utenti.Ma se l'utente pinco pallino fornisce la sua connessione (=condivide) con altri utenti la cosa cambia. Pinco non diventa un provider (a livello legale) quindi della sua connessione continua a rispondere lui, anche se a violare la legge è un utente che condivide la sua stessa connessione.Il sistema può funzionare (e già qlc1 lo fa) se a condividere la connessione è condivisa tra amici "fidati" che si impegnano per una policy comune.Metti caso che uno dei tuoi compagni di connessione sia un patito del pedo-porno....non è una bella situazione!
  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    Era ora che qualcosa si muoveva nel verso giusto. Spero che per una volta, una soltanto, non ci siano bastoni a fermare queste ruote
  • Anonimo scrive:
    Re: sharing=linfa della rete
    Già, ma se la sottorete se la fanno gli utenti senza dover più pagare il cavo chi ha i cavi si incavola.Poi va bhè c'è da vedere come si attueranno le interconnessioni tra le varie sottoreti degli utenti: per i provider ci sono soggetti come il mix di milano che curano (a pagamento) interfacciamento di varie sottoreti e le innestano sulle dorsali.Per la completa funzionalità del progetto wireless internet c'è da capire chi si interconnetterà a chi e come. Altrimenti alcune "sottoreti" restano sottoreti scollegate. E ciao internet.
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    Un vero peccato pensa a quante belle cose si potrebbero fare senza queste limitazioni: cellulari wi-fi, streaming, condivisioni di risorse e connessioni a internet... Veramente un peccato!
  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    E' proprio questo il quid della questione.La rete si può fare tecnicamente, ma non legalmente. Anche il ponte in questione (benchè ad uso privato dell'azienda, quindi non di tipo providing) sarebbe illegale.La legge presuppone che le frequenze siano soggette a licenza perchè le ipotizza ancora limitate, ma con il wi-fi non ci sarebbero problemi a usare frequenze libere.Azz stiamo all'età della pietra...pardon del cavo...si, del cavo telecom...
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    In effetti è il mio stesso dubbio. Seguendo la legge in maniera stretta sarebbe addirittura illegale usarlo nel giardino condominiale...poi non ho ancora sentito di nessuno multato per quello. Per fortuna c'è il buon senso. Però pare anche a me che sia illegale uscire dal privato.Un altro paio di maniche è il fatto che è molto difficile intercettare le basi trasmittenti senza adeguata tecnologia.Certo che se si usano antenne direzionali e potenziate l'intercettazione diventa più semplice.Azz, l'italia ha una legge assurda in materia.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non sempre si puo' (contrattualmente)
    Inoltre fastweb limita il numero di ip per ogni abbonamento, quindi o si natta il tutto o ciao (almeno credo). Poi ti trovi nattato su una rete già nattata di suo...non so come va a finire. Poi è vero, se fastweb ti becca a rivendere la connettività ti taglia il contratto (forse gli aziendali possono, ma non son sicuro per nulla).
  • Anonimo scrive:
    Problemi legali?!
    Non è che poi si corra il rischio di essere denunciati perchè qualcuno a cui abbiamo venduto l'adsl naviga in qualche sito pedo o attaccato chissà chi? No perchè siamo noi che condediamo questo "ponte". Io nn rischierei....
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    Curiosità: ma creare una rete wireless al di fuori delle mura del proprio edificio in italia non era reato?
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    E che problema di poni dal momento che sei
    un cavernicolo?E in cosa sarei cavernicolo?Usare il phon è inutile, tanto i capelli basta asciugarli con l'asciugamano darsi una pettinata e aspettare qualche minuto e vengono anche meglio.Il forno a microonde si usa soprattuto per scaldare cibi già pronti, non è un must specie per chi ama mangiare bene.Non avendo il cellulare mi evito un sacco di rotture di scatole.Mi sa che siete voi schiavi del consumismo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    ci sono amplificatori in commercio che elevano fino a 2 watt la potenza del tx,preampli per l'rx, poi con un'antenna di guadagno
    24dB e campo libero si riesce a trasmettere anche oltre le normali possibilita' del wifi. C'e' un problema pero' e non e' tecnico ma burocratico.Ovvero il regolamento delle radiocomunicazioni.
  • Anonimo scrive:
    Ma se non funge!!!
    Peccato che il wireless non funga se ci sono pareti in mezzo... e questi parlano di 300 mt... bastano un paio di muri spessi e dopo 10 metri hai un collegamento a 56kMA CIAO!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Meglio condividere e risparmiare tut
    - Scritto da: Anonimo
    che
    fai gli limiti la banda? 640 / 3 = 213
    ...meno della "vecchia" ADSL, Beh, non devi per forza limitare "staticamente", poi assegnare il 100% della banda disponibile quando sei l'unico, al massimo il 50% quando si e' in due (Sempre contemporaneamente), e cosi' via.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma non e' una variante di ...
    - Scritto da: Anonimo
    MultiLevel Marketing?Non vedo nessun "multi", solo la cima (Tu con ADSL) e gli altri con WiFi (La base).
  • Anonimo scrive:
    Ma non e' una variante di ...
    MultiLevel Marketing?Da quell che so dovrebbe essere proibito in Italia.http://www.nocable.it/article/articleview/179/1/19/
  • bacarozz83 scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    qualcuno è riuscito a coprire 50 km... ma non è stato affatto semplice. di norma attorno ai 9-10 km... dipende da tante fattori
  • proust scrive:
    Re: Rete wireless nazionale
    - Scritto da: bacarozz83
    Siamo un gruppo di appassionati di
    informatica e telecomunicazioni che progetta
    di costruire una WLan, una rete wireless
    (senza fili).
    se vi interessa partecipare, per una
    internet finalmente libera anche dai
    provider.. partecipate! ecco l'indirizzo,
    ciao
    it.groups.yahoo.com/group/retiwireless /E' molto interessante,ma con un sistema WiFi del generequanti Km si potrebbe riuscire a coprire?
  • riddler scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    http://www.assoprovider.it/page-news-on-line.phtml?ID=191http://www.airgate.it/modules.php?name=News&file=article&sid=87http://www.comunicazioni.it/it/index.php?IdPag=699In sostanza trattandosi di onde radio sono soggette a concessioni, non si possono usare liberamente. Siccome la legge prevede solo l'uso all'interno della propria abitazione o bar o cmq locali "chiusi" anche se aperti al pubblico se ne deduce che ogni altro uso e' vietato in quanto non si puo' ottenere legalmente la concessione.
  • bacarozz83 scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    mi dai i link dove hai trovato tutto?grazie
  • bacarozz83 scrive:
    Rete wireless nazionale
    Siamo un gruppo di appassionati di informatica e telecomunicazioni che progetta di costruire una WLan, una rete wireless (senza fili). Rete aperta a tutti e realizzata sul modello di SeattleWireless, e di altre reti comunitarie che stanno rapidamente sorgendo in tutto il mondo, Europa compresa. La tecnologia 802.11 consente, con un basso costo d'investimento, di mettere online in rete, su frequenze libere da licenze.(2,4Ghz), il computer di chiunque, alla massima velocità, (11Mbps ) senza bisogno della linea telefonica. In questo modo è possibile, parlare in voce, trasferire immagini, collegarsi con utenti, da una parte all'altra della città e tramite Internet, collegarsi al resto del mondo. Questo gruppo da il suo piccolo contributo per contrastare il Digital Divide, il fenomeno sociale che divide coloro che hanno accesso alle nuove tecnologie da chi non ha tale opportunità. Il Si farà promotore di corsi di formazione on line e di alfabetizzazione, fornisce un supporto di base, documentazione, manualistica, e supporto per quanti vogliono collegarsi con i loro computer alla nostra rete wireless. E' attivo anche il forum di discussione all'indirizzo se vi interessa partecipare, per una internet finalmente libera anche dai provider.. partecipate! ecco l'indirizzo, ciaohttp://it.groups.yahoo.com/group/retiwireless/
  • Anonimo scrive:
    Re: sharing=linfa della rete

    ..... mi sa che sta cosa del wireless sharing
    è solo il principio di una buonissima
    idea soprattutto se penso alle evoluzioni
    possibili.Magari su scenari più
    estesi , con centinaia di persone
    anzichè 3, sarebbe possibile
    sfruttare un bilanciamento dinamico del
    traffico riuscendo ad avere buone
    prestazioni in navigazione/donwnload con un
    ottimo contenimento sui prezzi.
    bhè...forse sto fantastiocando troppo
    ..ma non vedo l'ora che la cosa si diffondaAssolutamente no, non stai fantasticando troppo.Mi piache anche il termine che hai usato "wireless sharing".Quella che tu descrivi è proprio la strada checi porterà veramente al "wireless sharing" in cuicollegheremo wireless anche i router(tecnicamente si può gia fare) per fare dellereti wireless geografiche gestite da utenti.Ti dice niente la parola CB ?Se invece di un walkie-talkie facciamo parlaresu una frequenza pubblica dei router cosa succede ?Stiamo facendo una sottorete wireless ....Ma Internet cos'è se non un insieme di sottoreti ???
  • Anonimo scrive:
    Re: E IL SOLE ALLORA?
    - Scritto da: Anonimo
    Il sole irradia qualcosa come 1000W al metro
    quadro, quindi diecimila volte di più
    dei 100 milliwatt dei wi-fi.E poi dicono che con l'energia solare non si può combinare niente...
  • Anonimo scrive:
    Re: Lo sanno tutti, ma...
    La galera no; come c'e' scritto nel sito, hanno ottenuto dal ministero l'autorizzazione alla sperimentazione dell'ultimo miglio in wifi.Marco
  • Anonimo scrive:
    Poesia o regole?
    Vi chiedo: è poetico fregarsene delle regole, che ci possono anche non piacere,sul Wi-fi e far partire una corsa stile farwest su chi si accaparra prima gli utentisperando che nessuno dica niente?Come si può concorrere con queste aziende? E' poetico un sistema stile Multilevel marketing sulle connessioni?E' poetico far correre dei seri rischi ai propri utenti non informandoli del fatto che rivendendo la propria connessione incorrono negli obblighi imposti ai fornitori di servizi di comunicazione elettroniche?Pablo Neruda era un poeta! Sgrunt!
  • riddler scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    Potresti citare le leggi in questione?Come non detto, sono riuscito a trovare il tutto.==================================Modificato dall'autore il 13/09/2004 10.39.39
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    E che problema di poni dal momento che sei un cavernicolo?
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    Se sei cosciente che le radio private irradiano oltre i 50 KiloWatt ed i ripetitori sono anche nelle città... se sei cosciente che le TV ne irradiano altrettanti e sono anche nelle città... se sei cosciente che i ripetitori dei cellulari ne irradiano almeno 4 e sono sopra la testa di ogniuno di noi... meglio che non ti poni il problema perchè stai a guardare il pelo nell'uovo e non ti accorgi della trave che hai nell'occhio! Ma veramente guarda!
  • Anonimo scrive:
    Re: oddibile "evvai"
    Meglio di quello che accade qui al nord, anteponendo al nome proprio di persona l'articolo. Ad esempio, Franca, Alba, diventano, La Franca, L'Alba..
  • Anonimo scrive:
    E IL SOLE ALLORA?
    Passare una giornata in spiaggia al sole ti fa prendere una dose di radiazioni elettromagnetiche molto più forte, dannosa e violenta di qualsiasi telefonino, wi-fi o altro apparecchio simile.Se non altro, le radiazioni emesse dagli apparecchi elettronici sono di frequenza ben definita e nota. Invece dal sole arriva di tutto, compresi i raggi cosmici e raggi x.Il sole irradia qualcosa come 1000W al metro quadro, quindi diecimila volte di più dei 100 milliwatt dei wi-fi. E i danni che fa il sole sono molto ben noti ai medici: melanomi, cancro della pelle, alterazioni genetiche. Invece vengono tenuti quasi nascosti alla popolazione, penso soprattutto per non danneggiare troppo l'industria del turismo estivo.I dermatologi seri consigliano: MAI al sole prima del terzo anno di età, e creme solari con protezione minima 30 e poi su fino a 60 per le pelli sensibili.Al confronto, la paura dei telefonini fa ridere...E poi avete mai visto i danni che riportano oggetti in plastica lasciati al sole a lungo? e le vernici che scoloriscono? Provate ad ottenere gli stessi risultati con un telefonino!Aprire gli occhi!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    oddibile "evvai"
    Al limite "e vai!"."evvai" sa proprio di "meridionale" o romanesco.
  • Anonimo scrive:
    Non sempre si puo' (contrattualmente)
    Ad esempio i contratti FastWeb vietanoespressamente la rivendita della connettivita',come fare in questi casi?
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Come la mettiamo con tutte queste onde?Guarda che anche le lampadine emettono radiazione elettromagneticahttp://punto-informatico.it/punto/20040910/01.jpgAttento ai raggi solari!
  • Anonimo scrive:
    [benigni] Sulle onde elettromagnetiche
    :D A partire dal minuto 49:10 in poirtsp://livereal.fastweb.it/fastbox/real/raiclick/FMVRAI03000001019059
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda che il telefono fisso ti secca le
    orecchie. Ti chiamo coi bicchieri di
    plastica e lo spago.aiuto sto svenendo.....sono le onde che mi stanno colpendo
  • Anonimo scrive:
    sharing=linfa della rete
    cioè, ma vi rendete conto che la parola share è servita a scienziati ed utenti per condividere ed evolvere le proprie scoperte e curiosità,a napster per attirare milioni di persone su internet condividendo mp3 che poi si è evoluto in software che permettono di effettuare download frammentati ..... mi sa che sta cosa del wireless sharing è solo il principio di una buonissima idea soprattutto se penso alle evoluzioni possibili.Magari su scenari più estesi , con centinaia di persone anzichè 3, sarebbe possibile sfruttare un bilanciamento dinamico del traffico riuscendo ad avere buone prestazioni in navigazione/donwnload con un ottimo contenimento sui prezzi.bhè...forse sto fantastiocando troppo ..ma non vedo l'ora che la cosa si diffonda:DMarco F.
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    Guarda che il telefono fisso ti secca le orecchie. Ti chiamo coi bicchieri di plastica e lo spago.
  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    Il punto e' che la legge lo dice chiaramente: NON si puo' fare, tantomeno se non sei un provider (vorrei vedere sto sindaco a quale legge si e' appellato). Serve una licenza, e le licenze sono in numero limitato (vedi triveneto), se fosse un servizio "libero" tutti i provider pincopallino, invece di pagare l'ultimo miglio a telecom italia, comincerebbero a installarsi i loro bei ripetitori wifi (che costano pure MENO di cablare un utente) ...ma purtroppo NON SI PUO' FARE.Non e' che non ci abbia pensato nessuno, anzi sono anni che se ne parla (da quando il WiFi e' diventato fenomeno di massa), e pure un pool di privato potrebbe permettersi di coprire un intero paese con una modesta cifra.. ma nada.
  • Anonimo scrive:
    Re: Meglio condividere e risparmiare tut
    Non solo per questioni legali... ma se i tuoi "amici" cominciano a scaricare a manetta dal p2p voglio vedere dove vai, che fai gli limiti la banda? 640 / 3 = 213 ...meno della "vecchia" ADSL, se mi permetti preferisco pagare da solo e scaricare pure. ;)
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    lo sapremo fra 40-50 anni.............Ok, tra 40-50 appena lo sai telefonami al fisso che non ho il cellulare
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    hai provato a misurare il livello di
    onde

    elettromagnetiche del phon?

    Non uso il phon da anni e anni perché
    ho notato che rendeva i capelli troppo
    secchi




    quelle del forno a microonde??

    Non ho il forno a microonde


    avrai belle sorprese amico mio altro che

    wi-fi e cellulari!

    Non ho wi-fi nè cellulari.

    allora fanno male o no?lo sapremo fra 40-50 anni.............
  • Anonimo scrive:
    Lo sanno tutti, ma...
    Non hanno avuto un'idea originale, non hanno paura della galera.DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2001, n.447http://associazioni.comune.fi.it/ari/decreto.htmlArt. 6. - Libero uso.....Note all'art. 6:- Per la raccomandazione CEPT/ERC/REC 70-03 v. nelle note all'art. 5. - L'art. 183, comma secondo, del decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n. 156, recante: "Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative in materia postale, di bancoposta e di telecomunicazioni" e' il seguente: "Tuttavia e' consentito al privato di stabilire, per suo uso esclusivo, impianti di telecomunicazioni per collegamenti a filo nell'ambito del proprio fondo o di piu' fondi di sua proprieta', purche' contigui, ovvero nell'ambito dello stesso edificio per collegare una parte di proprieta' del privato con altra comune, purche' non connessi alle reti di telecomunicazione destinate a pubblico servizio.".Decreto Ministeriale di regolamentazione dei servizi Wi-fi ad uso pubblico http://www.comunicazioni.it/it/index.php?IdPag=699Art. 2(Oggetto ed ambito di applicazione)1. Il presente provvedimento fissa le condizioni per il conseguimento dell? autorizzazione generale per la fornitura, attraverso le applicazioni Radio LAN nella banda 2,4 GHz o nelle bande 5 GHz, dell?accesso del pubblico alle reti e ai servizi di telecomunicazioni , in locali aperti al pubblico o in aree confinate a frequentazione pubblica quali aeroporti, stazioni ferroviarie e marittime e centri commerciali .
  • Anonimo scrive:
    Re: Meglio condividere e risparmiare tut
    - Scritto da: Anonimo
    La questione è semplice se trovo tre
    amici disposti a dividere l'adsl con me non
    capisco perchè non condividere con
    loro i costi e risparmiare tutti.
    I costi di un access point e delle schede
    sono molto bassi e la configurazione
    semplice.
    Meditate gente meditatePerò metti che i tuoi amici usano illegalmente la connessione dopo vai di mezzo tu.
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    hai provato a misurare il livello di onde
    elettromagnetiche del phon?Non uso il phon da anni e anni perché ho notato che rendeva i capelli troppo secchi

    quelle del forno a microonde??Non ho il forno a microonde
    avrai belle sorprese amico mio altro che
    wi-fi e cellulari! Non ho wi-fi nè cellulari.allora fanno male o no?
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Come la mettiamo con tutte queste onde?hai provato a misurare il livello di onde elettromagnetiche del phon?quelle del forno a microonde??avrai belle sorprese amico mio altro che wi-fi e cellulari! ;)
  • Anonimo scrive:
    Meglio condividere e risparmiare tutti!
    La questione è semplice se trovo tre amici disposti a dividere l'adsl con me non capisco perchè non condividere con loro i costi e risparmiare tutti. I costi di un access point e delle schede sono molto bassi e la configurazione semplice.Meditate gente meditate
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Come la mettiamo con tutte queste onde?Con 100mW come massima potenza di uscita (un decimo di Watt) direi che è l'ultimo problema.
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Come la mettiamo con tutte queste onde?Ma perché l'avete votato come inutile? Mi sembra una domanda legittima
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Come la mettiamo con tutte queste onde?Alcuni esperti dicono che non fanno male, altri dicono di sì.Nel dubbio, siccome le aziende ci guadagnano e la gente le onde non le vede, ce ne freghiamo
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Come la mettiamo con tutte queste onde?
    Se usi il cellulare e' meglio che non ti
    poni certe domandeIo non lo uso e me le pongo
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma è tutto gratuito?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Quindi se io trovo 3 vicini nel raggio
    di

    300 metri che condividono la mia adsl io

    recupero tutta la spesa
    dell'abbonamento. Ma

    l'impianto di trasmissione Wi-Fi lo

    installano gratuitamente o si deve
    pagare?

    Tutto questo mi sa tanto di vendita

    piramidale.

    Beh, sicuramente l'apparecchiatura la
    fornisce NoCable,
    e la pagano i vicini.Ma io vivo al pianterreno e sono circondato da un sacco di palazzoni a 8 piani.
  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.

    mi stupivo, effettivamente, che a offrire
    soluzioni wireless di massa in zone non ben
    coperte non avesse pensato qualcuno, quando
    noi, clienti, ci abbiamo pensato e lo
    abbiamo fatto.Ci pensano, eccome se ci pensano.Tu sei stato fortunato perche' la copertura ADSLera a solo 1 km. Nella maggior parte dei casi l'adsl non arriva nei paesi piu' decentrati.Proprio su PI c'era un articolo interessantedi un sindaco che ha convertito il comune inprovider, portando internet e coprendo il territoriocompletamente tutto in wireless.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non esiste
  • Anonimo scrive:
    Re: noi abbiam fatto un ponte.
    - Scritto da: Anonimo
    azienda: da noi non arrivava l'adsl, ma a 1
    km da noi, si.
    abbiamo chiesto ad un negozio di poter
    installare la linea telefonica necessaria,
    da loro, abbiamo messo su una adsl da
    1.2Mb/640 e due antenne alvarion una da loro
    e una da noi.
    funziona tutto a meraviglia, non ci sono
    buchi di sicurezza, la stabilità
    è eccellente e la connessione radio
    ci darebbe banda per il DOPPIO di quello che
    stiamo usando.

    dopo un anno e mezzo di felice
    funzionamento, è arrivata l'adsl in
    zona ... non voglio nemmeno SAPERE se arrivi
    a quella business da 1.2 Mb ...


    mi stupivo, effettivamente, che a offrire
    soluzioni wireless di massa in zone non ben
    coperte non avesse pensato qualcuno, quando
    noi, clienti, ci abbiamo pensato e lo
    abbiamo fatto.Questa è la cosa più interessante che ho letto su punto-informatico negli ultimi anni.Come disse il Papa: "non bisogna costruire muri, ma ponti"
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma è tutto gratuito?
    - Scritto da: Anonimo
    Quindi se io trovo 3 vicini nel raggio di
    300 metri che condividono la mia adsl io
    recupero tutta la spesa dell'abbonamento. Ma
    l'impianto di trasmissione Wi-Fi lo
    installano gratuitamente o si deve pagare?
    Tutto questo mi sa tanto di vendita
    piramidale.Beh, sicuramente l'apparecchiatura la fornisce NoCable,e la pagano i vicini.
  • Anonimo scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Come la mettiamo con tutte queste onde?Se usi il cellulare e' meglio che non ti poni certe domande
  • Anonimo scrive:
    noi abbiam fatto un ponte.
    azienda: da noi non arrivava l'adsl, ma a 1 km da noi, si.abbiamo chiesto ad un negozio di poter installare la linea telefonica necessaria, da loro, abbiamo messo su una adsl da 1.2Mb/640 e due antenne alvarion una da loro e una da noi.funziona tutto a meraviglia, non ci sono buchi di sicurezza, la stabilità è eccellente e la connessione radio ci darebbe banda per il DOPPIO di quello che stiamo usando.dopo un anno e mezzo di felice funzionamento, è arrivata l'adsl in zona ... non voglio nemmeno SAPERE se arrivi a quella business da 1.2 Mb ... mi stupivo, effettivamente, che a offrire soluzioni wireless di massa in zone non ben coperte non avesse pensato qualcuno, quando noi, clienti, ci abbiamo pensato e lo abbiamo fatto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Non esiste
    e non è mai esistito
  • Anonimo scrive:
    Ma è tutto gratuito?
    Quindi se io trovo 3 vicini nel raggio di 300 metri che condividono la mia adsl io recupero tutta la spesa dell'abbonamento. Ma l'impianto di trasmissione Wi-Fi lo installano gratuitamente o si deve pagare?Tutto questo mi sa tanto di vendita piramidale.
  • avvelenato scrive:
    Re: E l'inquinamento elettromagnetico?
    - Scritto da: Anonimo
    Come la mettiamo con tutte queste onde?o davanti, o dietro :D :Pmarò, ma sempre gli stessi commenti! :| ma è possibile?
  • Anonimo scrive:
    E l'inquinamento elettromagnetico?
    Come la mettiamo con tutte queste onde?
Chiudi i commenti