Consumatori contro il caro-TRE

Alcune associazioni di difesa del consumo si oppongono alla variazione tariffaria che Telecom Italia applica sulle telefonate verso i numeri della rete mobile di TRE

Roma – Le variazioni tariffarie che Telecom Italia ha annunciato per le telefonate effettuate da telefono fisso verso i cellulari dell’operatore TRE non sono sfuggite alle associazioni di consumatori che, durante l’audizione del 6 novembre presso l’ Agcom , hanno energicamente protestato.

L’annuncio di Telecom, pubblicato su 187.it con un mese di anticipo sull’entrata in vigore delle nuove tariffe, riporta:
“Dal prossimo 11 novembre cambieranno i prezzi per le comunicazioni verso i cellulari di 3 effettuate dalle linee di casa.
Chiamarli sarà ancora più facile: 23,68 Euro cent al minuto in qualsiasi ora (il costo dell’addebito alla risposta rimane 7,87 Euro cent per comunicazione). I prezzi riportati sono comprensivi dell’IVA”.

L’accresciuta facilità evidenziata dall’incumbent è data dall’assenza di distinzione di fasce orarie, che dà modo agli utenti di non avere dubbi su quanto costeranno le chiamate. Ma si tratta di un argomento poco gradito per Federconsumatori , Adiconsum , Adoc , Assoutenti e Confconsumatori che in una nota congiunta sottolineano come la nuova “tariffa unica” sia pari “a ben 2,12 volte l’attuale tariffa ridotta di 11,20 cents” e rappresenti l’improvvisa abolizione dell’attuale regime di differenziazione tariffaria articolato per “tariffa intera” (lunedì ? venerdì dalle ore 8,00 alle ore 18,30) e “tariffa ridotta” (intera nelle giornate di sabato e domenica e dal lunedì al venerdì dalle 18,30 alle ore 8,00 del giorno successivo). Distinzione che le associazioni definiscono “impressa nell’inconscio dei consumatori dalle precedenti manovre operate da Telecom: sono state ben 3 nel corso degli ultimi 12 mesi”.

“La proposta di Telecom – continua la nota diffusa dal pool di associazioni – aumenta del 212% il costo alle famiglie che finora hanno risparmiato, o meglio, sono costrette a risparmiare, e lo diminuisce del 42% a quelle che già oggi possono permettersi di pagare ben 41,09 cents a minuto”.

Le associazioni dichiarano di aver manifestato ad Agcom in maniera ferma e motivata la netta contrarietà alla modifica tariffaria, facendo presente “che la proposta di una “tariffa unica” pari a più del doppio di quella a “tariffa ridotta” valida per le telefonate verso gli altri operatori mobili sfrutta, a danno dei consumatori, l’abitudine ad un consumo più economico nelle ore a tariffa ridotta indotta dalla stessa Telecom e, cosa ancor più grave, priva i consumatori “con maggior difficoltà economiche”, della possibilità di poter “scegliere” una tariffa più economica”.

Le Associazioni hanno inoltre evidenziato che la stessa Autorità starebbe per decidere misure (cap alla tariffa di terminazione di TRE) che a breve necessariamente richiederanno una manovra tariffaria a favore dei consumatori e che le “valutazioni tecniche di compatibilità” sono state effettuate con il paniere dei consumi all’anno 2004, “niente affatto rappresentativo dell’attuale situazione di mercato e che fra meno di 2 mesi ? gennaio 2007 ? la verifica andrebbe rifatta con il paniere al 2005, anch’esso inadeguato, ma meno di quello al 2004, a rappresentare la situazione odierna”.

Nel dare atto alla Autorità di aver avviato una nuova policy nelle relazioni con le Associazioni di tutela dei consumatori, queste la sollecitano a non rinviare qualsiasi decisione in merito, “senza temere con ciò di procurare alcun danno all’azienda visto che la stessa Telecom afferma che la manovra non comporta alcun aggravio di spesa per la clientela e quindi alcun “ricavo” aggiuntivo per Telecom Italia”.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Serviamogli la loro logica...
    Impediamo ai media tradizionali, come radio, tv, giornali, libri... di riportare qualunque notizia appresa dal web... ;)vediamo chi ci rimette! :D
  • Anonimo scrive:
    Facciamo due reti!
    Una, in cui il copyright è tutelato, e un'altra, parallela in cui chiunque inserisca del materiale QUALSIASI, implicitamente rinuncia a qualunque diritto di copyright sul materiale stesso.Poi stiamo a guardare... una rete morirà e una fiorirà. Vediamo se indovinate quale e quale?
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo due reti!
      La seconda, perché il denaro é dio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo due reti!
      conferma del fatto che qui nel forum è pieno di gente incompetente.reti del genere esistono già... peccato che molti senza un pulsantone con scritto "COLLEGATI" non sanno cosa fare davanti una shell. (sia linux, che mac che windows)
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo due reti!
        - Scritto da:
        conferma del fatto che qui nel forum è pieno di
        gente
        incompetente.
        reti del genere esistono già... peccato che molti
        senza un pulsantone con scritto "COLLEGATI" non
        sanno cosa fare davanti una shell. (sia linux,
        che mac che
        windows)Dimostrazione del fatto che appena vedi una polverina bianca pensi subito di sniffartela per benino...senza provare a spargerla sul pandoro, farti una mangiata e prendere le cose con piu' rilassatezza.
  • Anonimo scrive:
    [OT] Che figuraccia Google!
    Pare che "BigBrother" Google abbia spedito per errore a 50.000 dei suoi membri il worm Kama Sutra via e-mail.I dettagli qui:http://it.theinquirer.net/2006/11/google_spedisce_il_worm_kama_s.html
  • Anonimo scrive:
    CANGURI senza INTERNET
    come da titolo
    • Anonimo scrive:
      Re: CANGURI senza INTERNET
      - Scritto da:
      come da titoloCome da secoli e secoli a questa parte e lo stesso vale per le gazzelle e i gatti...
  • Anonimo scrive:
    Italia non starà a guardare
    Sicuramente il governo italiota non starà a guardare. Copierà al volo tale legge e la "migliorerà" come solo i politici itagliani sanno fare :)happy happy we got money for ignorance!
  • Anonimo scrive:
    affari loro..
    .. che sia ottusi lo si era capito.. comunque affari loro.. chi ne sente il bisogno dei link australiani?
    • Anonimo scrive:
      Re: affari loro..
      - Scritto da:
      .. che sia ottusi lo si era capito.. comunque
      affari loro.. chi ne sente il bisogno dei link
      australiani?Di link australiani, FORSE no - ma anche si, mica esiste solo Virgilio e Jumpy, giusto?E forse sei stato su dozzine di siti australiani senza nemmeno saperlo.Di informazioni in merito a vicende del genere ce n'e' bisogno, e' certo interessante essere informati.Quindi, BENVEGA sapere e PECCATo se internet si dovesse limitare per colpa di quattro asini.
  • Anonimo scrive:
    L'Australia...terra di prove...
    ...per il NWO p)Ogni cosa che verrà approvata lì, migrerà in occidente
    • Anonimo scrive:
      Re: L'Australia...terra di prove...
      - Scritto da:
      ...per il NWO p)
      Ogni cosa che verrà approvata lì, migrerà in
      occidentepuoi ben dirlo! :|e ben presto ne vedremo di moooolto "belle"...(anonimo)
  • gerry scrive:
    Invertire i robots.txt
    Niente viene indicizzato se non esplicitamente richiesto in robots.txt .Non è abbastanza semplice?
    • Anonimo scrive:
      Re: Invertire i robots.txt
      "E' vietato tutto quello che non è esplicitamente permesso". :)Fai una ricerca su Google, finché ancora puoi, e scopri dove era in uso questa forma giuridica e traine da solo le conclusioni. :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Invertire i robots.txt
        - Scritto da:
        "E' vietato tutto quello che non è esplicitamente
        permesso".
        :)

        Fai una ricerca su Google, finché ancora puoi, e
        scopri dove era in uso questa forma giuridica e
        traine da solo le conclusioni.
        :)Paesi comunisti?
  • Anonimo scrive:
    li lascerei a marcire nel loro brodo
    al massimo metterei in condivisione i miei link con gruppi di amici e manderei affangoogle tutti quelli che hanno queste pretese
  • Anonimo scrive:
    Ed io dico bene....
    Ed io dico bene ,forse il caso Australia potrà esser d'esempio !Cosi saranno gli Australiani stessi a chiedere asilo ! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    L'Australia sta morendo di sete
    L'Australia sta morendo di sete. Qualcuno ha messo il Copyright sulla pioggia per gli australiani. Se non vogliono morire di sete, gli australiani devono togliere il Copyright, come presto dovrà fare tutto il mondo, altrimenti niente acqua.
  • Anonimo scrive:
    A testa in giù
    Ultimamente gli australiani sragionano... si vede che stando a testa in giù gli affluisce troppo sangue al cervello...
    • Anonimo scrive:
      Re: A testa in giù
      - Scritto da:
      Ultimamente gli australiani sragionano... si vede
      che stando a testa in giù gli affluisce troppo
      sangue al cervello...Gli italiani - e discendenti - in Australia costituiscono la seconda comunita' del paese, dopo gli anglosassoni.Non stupisce che sia un paese con leggi anacronistiche sullo stile del belpaese.
  • Anonimo scrive:
    ma ragionare no, eh?
    io parto dal presupposto che se pubblico una pagina in internet è proprio per farla vedere al più alto numero di persone possibile.Mi pare implicito che ci sia il consenso ad essere visto e quindi indicizzato.Se non voglio ci sono i file robots.txt, come indicato in un altro thread qui dentro...non capisco proprio.. sarebbe come pretendere che quando uno gira per lapiazza del paese gli altri si girino perché non vuol essere visto...isteria collettiva e incapacità di valutare le novità... ecco cos'è...
  • Anonimo scrive:
    Meglio per noi
    Ma statevene zitti, lasciate che si impantanino con le loro maniCe ne sarà di più per noi che da qui (paese estero) potremmo indicizzare tutta l'Austrialia con un clickDopo sta legge laggiù la parolà "Hello" ritornerà 10 risultati, di cui 4 sono fakeMentre da noi continuerà a dare i nostri rassicuranti 407.000.000 di risultatiSaremmo più veloci e competitivi
  • Anonimo scrive:
    robots.txt
    offrono sicuramente una enorme garanzia...dati da non essere "scovati" (ghost)(ghost)
  • Anonimo scrive:
    Ci lamentiamo dei nostri politici
    ma anche questi sono belli tonti!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci lamentiamo dei nostri politici
      Il fatto è che sono tonti solo verso gli interessi del paese che rappresentano. Verso i propri (interessi) sono totalmente imbecilli da non capire che se permettessero al paese di crescere sarebbero loro i primi a guadagnarci.Ma è più facile accontentarsi delle poche, sicure briciole che prendono da chi li corrompe: impresari, major, industriali, ecc, e adoperarsi a contraddire sempre e comunque quelli del partito opposto.I politici sono dei coglioni per definizione (nel 99,9% dei casi), e poco importa in che squadra giochino.(l'85% dei politici ha avuto cause ed è stato condannato per corruzione, -quindi non dico niente nuovo-. E quelli "onesti", a quanto sembra, ci lavorano insieme con grande soddisfazione)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci lamentiamo dei nostri politici

        I politici sono dei co***** per definizione (nel
        99,9% dei casi), e poco importa in che squadra
        giochino.
        (l'85% dei politici ha avuto cause ed è stato
        condannato per corruzione, -quindi non dico
        niente nuovo-. E quelli "onesti", a quanto
        sembra, ci lavorano insieme con grande
        soddisfazione)E tu ti lasci governare da co.... criminali? Che sei allora?
    • Anonimo scrive:
      Australia regno dell'ottusità
      Guarda che gli australiani medi sono molto ottusi, ignoranti e conservatori, i politici rispecchiano abbastanza la massa della popolazione.E' un paese molto chiuso mentalmente, sarà perchè è isolato, sarà perché la sua popolazione ha un bassissimo livello culturale.Era una colonia penale dunque non meraviglia che i discendenti attuali non abbiano tutta questa apertura verso il mondo. L'immigrazione che hanno avuto è stata quasi totalmente di analfabeti, non come altri paesi che hanno anche attirato persone istruite.
      • Anonimo scrive:
        Re: Australia regno dell'ottusità
        Si, bravo, ora torna a mungere il bue e a guardare i disegnini.Proprio gli italiani devono parlare...
Chiudi i commenti