Consumi sott'occhio via Web

Gestire i propri consumi energetici via Web non solo può far risparmiare sulla bolletta, ma può ridurre anche drasticamente l'inquinamento ed il rischio di black-out. Seattle ora prova questo nuovo servizio con l'utenza residenziale


Seattle (USA) – Fra alcuni utenti residenziali di Seattle è partita una fase di testing per saggiare le funzionalità di un nuovo servizio per il controllo e la gestione on-line dei consumi energetici.

Oltre a consultare la propria bolletta, un servizio offerto anche qui in Italia dall’Enel, l’utente potrà visualizzare sul proprio browser Web una vera e propria centralina virtuale che tiene costantemente sotto controllo i consumi, permettendone una gestione oculata.

Questo sistema, già ampiamente diffuso fra le grosse aziende della California, è divenuto un punto chiave per la riduzione dei consumi in una regione che nell’ultimo anno ha visto crescere il costo dell’elettricità in modo quasi esponenziale.

L’interfaccia Web a cui gli utenti possono accedere mostra la quantità di energia consumata per ogni dispositivo connesso alla propria linea ed i costi associati ad ognuno di essi. Il sistema offre all’utente regolazioni manuali e automatiche (attraverso dei profili predefiniti) per la gestione dei propri consumi, incluso un meccanismo capace di scongiurare eventuali black-out e spegnere in automatico tutti quei dispositivi non essenziali, come la TV o il ferro da stiro, nel caso in cui il carico sulla linea elettrica principale superi una certa soglia limite.

Per funzionare, il sistema necessita dell’installazione, presso l’utenza, di un dispositivo che monitori i consumi dall’interno spedendone poi i dati via Internet ad un grosso database.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Attenta Intel !
    Attenta Intel ... c'e' qualche problemino a conservare il monopolio ! ...A parte il fatto che l'ultyimo dei processori che ho comperato ... come molti altri amici ... e' un Athlon 800 e che 6 mesi fa' l'ho pagato 400K Lit. meno del 50% del prezzo di un P3 800 ...a parte il fatto che va come una spia ''flawless'' .... ma cosa succederebbe se la tecnologia IBM (Copper , Silicon On Insulator ecc. ecc.) ... filtrasse in casa AMD ? tanto per non parlare dei plants che di capacita' produttiva ne hanno anche maggiore di Intel ...hai ! ... che non sia da preoccuparsi ? ...magari il mercato ci guadagna con prezzi ancora piu' bassi e performances ancora piu' alte ...Statte accuorta Intel .
  • Anonimo scrive:
    Ma intel vi paga
    Purtoppo come in tanti campi ci sono delle società che con il tempo hanno creato un vero e proprio monopolio.Il monopolio porta con sè prodotti dai costi più elevati e con poche innovazioni.Da quando l'Amd ha cominciato a creare cpu veramente performanti si è avuta una crescita esponenziale delle frequenze e della potenza di calcolo.Grazie alla libera concorrenza noi poveri utenti stiamo godendo dei benefici della sfida tar i due colossi Intel da una parte e Amd dall'altra.Non patteggio per nessuna delle due parti solo per crea il prodotto migliore e spero che si affaccino nuove realtà e che la concorrenza sia sempre, così forte.tuttavia non mi piace che difende ostinatamente una società come l'Intel che in questi ultimi annni ci ha costretto a cambiare oltre alla cpu anche la scheda madre, i chassis, le ventole e tante altre cose perchè i nuovi prodotti non erano compatibili all'indietro e sono decisamente contento che il grande affare delle memorie rimm sia naufragato in miliardi di perdite.Monto sul computer 512 Mb e mi sarebbe veramente dispiaciuto dover cambiare tutto per godere di poca potenza in più e un gran vuoto nel mio portafoglio.Gli standard sono importanti e una società npon è giusto che abbia la forza da sola di imporli in barba a noi poveri utenti.
  • Anonimo scrive:
    Stupidaggini...
    Intel investe in ricerca il totale del fatturato di AMD.Copiare e' meglio che investire, poi sommato a qualche flop di Intel: ricetta vincente.Peccato che per fare processori bisogna avere un modello di Business di grande respiro. AMD non lo ha, troppi soldi da investire.Presto sara' colpita dalla sindome dell' "Eccesso di successo" e quindi cominceranno i guai.
    • Anonimo scrive:
      Re: Stupidaggini...
      - Scritto da: GBMax
      Intel investe in ricerca il totale del
      fatturato di AMD.
      Peccato che per fare processori bisogna
      avere un modello di Business di grande
      respiro. AMD non lo ha, troppi soldi da
      investire.Vero, ma se IBM investe il 50 percento del budget in ricerca e poi una bella fetta la passa ad AMD...
    • Anonimo scrive:
      Re: Stupidaggini...
      - Scritto da: GBMax
      Intel investe in ricerca il totale del
      fatturato di AMD.Si' peccato pero' che intel non produce solo processori, ma anche moltissime altre cose.E negli ultimi anni ha dovuto dimezzare il capitale dedicato ai processori tra le architetture IA32 e IA64 (completamente differenti).
      Copiare e' meglio che investire, poi sommato
      a qualche flop di Intel: ricetta vincente.
      Peccato che per fare processori bisogna
      avere un modello di Business di grande
      respiro. AMD non lo ha, troppi soldi da
      investire.Per me non sai di cosa stai parlando.Con il core dell'athlon AMD ha messo in campo un'architettura molto diversa (e migliore) da quella di intel e ne sta proponendo una a 64bit diversa da quella di intel.Per fare il processore che ha fatto AMD ha dovuto investire e ha ottenuto successo, l'unica cosa che ha "copiato" e' la definizione del set di istuzioni per mantenerne la compatibilita'.
      Presto sara' colpita dalla sindome dell'
      "Eccesso di successo" e quindi cominceranno
      i guai.Puo' essere fino ad allora...... (e poi intel ci e' gia' cascata in questa trappola)
    • Anonimo scrive:
      Re: Stupidaggini...
      A me non interessa se copia, non fa ricerche o cosa: so solo che l'athlon è un ottimo prodotto a cui il Pentium 4, quindi generazione successiva, sta dietro a malapena, con un costo molto maggiore- Scritto da: GBMax
      Intel investe in ricerca il totale del
      fatturato di AMD.
      Copiare e' meglio che investire, poi sommato
      a qualche flop di Intel: ricetta vincente.
      Peccato che per fare processori bisogna
      avere un modello di Business di grande
      respiro. AMD non lo ha, troppi soldi da
      investire.
      Presto sara' colpita dalla sindome dell'
      "Eccesso di successo" e quindi cominceranno
      i guai.
    • Anonimo scrive:
      Re: Stupidaggini...
      - Scritto da: GBMax
      Intel investe in ricerca il totale del
      fatturato di AMD.
      Copiare e' meglio che investire, poi sommato
      a qualche flop di Intel: ricetta vincente.
      Peccato che per fare processori bisogna
      avere un modello di Business di grande
      respiro. AMD non lo ha, troppi soldi da
      investire.
      Presto sara' colpita dalla sindome dell'
      "Eccesso di successo" e quindi cominceranno
      i guai.Sentite da che pulpito viene la predica. AMD copia Intel e billy gates che ha copiato per intero e pure male, il sistema operativo a finistre da Apple, il famoso winzoz, quello va bene! La colpa è vostra che acquistate tutta la mndezza che vi vendono e poi vi lamentate.Con i vostri soldi avete ingrassato una manica di incompetenti e quello che vi propinano e la giusta punizione!Meditate gente, meditate!!!
  • Anonimo scrive:
    ...ne è valsa la pena...
    Uso AMD da un 486-dx4-100 e da allora non ho mai comprato Intel....Tengo a precisare che cambio una CPU ogni 6 mesi....e devo dire che sono sempre stato soddisfatto.....Cpu a pari potenza di Intel ma sempre a un costo nettamente inferiore..... COMPLIMENTI AMD!!
Chiudi i commenti