Copyright, l'indirizzo IP non fa il colpevole

Un giudice dell'Illinois ha bloccato le richieste di una società canadese specializzata in contenuti per adulti. L'indirizzo di una macchina non corrisponde necessariamente ad un cittadino della rete. Sopratutto per reti non protette

Roma – Una sentenza significativa, che potrebbe di fatto ostacolare le agguerrite strategie finora intraprese dai vari signori del copyright. Una corte distrettuale dello stato dell’Illinois ha così respinto le richieste dei legali di VPR Internationale , società canadese specializzata in contenuti per adulti.

La casa di produzione cinematografica aveva trascinato in aula più di mille utenti del web, accusati di aver scaricato e condiviso alcuni filmati protetti dal diritto d’autore. I netizen erano stati precedentemente individuati grazie ai rispettivi indirizzi IP , forniti ai legali di VPR dai singoli provider.

Il meccanismo sfruttato dalla società si era dunque rivelato molto simile a quello adottato in altri casi di violazione del copyright. Una vera e propria estorsione, comunicata ai singoli utenti secondo lo schema “paghi ora qualche centinaio di dollari o correrà il rischio di finire in un’aula di tribunale”.

Il giudice Harold Baker ha però sottolineato come ad un singolo indirizzo IP non corrisponda per forza un colpevole , citando il caso di un misterioso cittadino di Buffalo accusato di aver scaricato immagini a sfondo pedopornografico. L’uomo si era infatti rivelato innocente, dopo che gli agenti dell’ICE avevano fatto addirittura irruzione nella sua abitazione.

In sostanza, l’uomo non aveva protetto la sua connessione WiFi, lasciando a misteriosi scrocca-banda la possibilità di scaricare immagini “a suo nome”. Il giudice ha poi bacchettato le stesse strategie legali di VPR, che esporrebbero un potenziale innocente ad un’accusa troppo infamante .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Zero Tolerance scrive:
    Ma la cosa più grave
    E' che Sony ha pubblicamente ammesso di conoscere le falle di sicurezza del Psn e nonostante tutto ha permesso che venissero rubati i dati a milioni di clienti.Sony la XXXXX che ti piove addosso non sarà mai abbastanza!!!
  • poiuy scrive:
    Sarebbe sucXXXXX se...
    ...non avessero perseguitato Geohot e non avessero rimosso la possibilità di utilizzare linux nelle loro console?
    • Rankor scrive:
      Re: Sarebbe sucXXXXX se...
      ...e non avessero preteso gli IP della gente che ha guardato un video su Youtube?...e non fossero andati a prendere un utente germanico perchè era riuscito a rimettere su Linux pubblicandolo?
      • Ace Gentile scrive:
        Re: Sarebbe sucXXXXX se...
        Verosimilmente no perché -ipotizzo- avrebbero potuto spendere meglio soldi ed energie rafforzando la sicurezza
      • krane scrive:
        Re: Sarebbe sucXXXXX se...
        - Scritto da: Rankor
        ...e non avessero preteso gli IP della gente che
        ha guardato un video su Youtube?
        ...e non fossero andati a prendere un utente
        germanico perchè era riuscito a rimettere su
        Linux pubblicandolo?...e non avessero licenziato 400 impiegati, chissa' quanti di loro tecnici che lavoravano proprio su quello :D
Chiudi i commenti