Copyright, quando il DMCA funziona

L'Ufficio della proprietà intellettuale americano rende nullo il ricorso di Lexmark contro un'azienda che consente di realizzare alternative a basso costo per i toner da stampante


New York (USA) – Potrebbe non bastare a vincere in tribunale, ma non capita spesso che un ricorso basato sui brevetti e realizzato invocando il Digital Millennium Copyright Act (DMCA) sia ritenuto nullo. Ma è esattamente quello che è successo in un procedimento molto importante intentato dal gigante delle stampanti Lexmark contro la società Static Control , che produce chip per ricaricare i toner delle stampanti. Chip che di fatto consentono di realizzare alternative a basso costo ai prodotti originali.

Secondo l’Ufficio del copyright americano l’appello di Lexmark al DMCA è nullo. Secondo l’Ufficio, infatti, Static Control ha il diritto di vendere i suoi toner chip senza dover ottenere per questo speciali autorizzazioni e questo perché il DMCA prevede che si possano bypassare le architetture informatiche realizzate da terzi “al solo scopo di identificare e analizzare quegli elementi del programma che sono necessari per ottenere l’ interoperabilità “.

Lexmark ha accusato Static Control di aver aggirato le tecnologie di protezione usate dal produttore per impedire che terze parti costruissero toner con gli stessi sistemi sviluppati da Lexmark. E lo ha fatto tramite una particolare funzione del suo Toner Loading Program gestito da chip contenuti nelle cartucce toner.

Va detto che la decisione dell’Ufficio del copyright non chiude il caso, sul quale deve decidere un giudice distrettuale che a febbraio in una ordinanza ha bloccato la produzione di quei chip da parte della Static Control. Ma è anche ovvio che una decisione come quella assunta dall’Ufficio, lungamente raccontata in 198 pagine di argomentazioni, è destinata ad influenzare il magistrato americano.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    C'è poco da fare...
    Non so se avete letto l'ultimo rapporto del Censis.Il punto è che è prematuro guardare ai paesi del terzo mondo quando anche qui in italia "solo" il 50% si dedica a Internet, libri e quotidiani.http://www.ittita.net/community/modules.php?name=News&file=article&sid=181
  • max73 scrive:
    prima cibo, scuola e sanità, no ?
    non sarebbe male se potessero iniziare a mangiare, no?essere vaccinati, acquisire basi di educazione sessuale, imparare a leggere e scrivere... comprare un pc con processore AMD viene dopo, non pensate ?
    • Anonimo scrive:
      Re: prima cibo, scuola e sanità, no ?
      - Scritto da: max73
      non sarebbe male se potessero iniziare a
      mangiare, no?
      essere vaccinati, acquisire basi di
      educazione sessuale, imparare a leggere e
      scrivere... comprare un pc con processore
      AMD viene dopo, non pensate ?no il consumatore deve rimane stolto .... uno istruito è più difficile da fregare ....
    • Anonimo scrive:
      Re: prima cibo, scuola e sanità, no ?
      - Scritto da: max73
      non sarebbe male se potessero iniziare a
      mangiare, no?
      essere vaccinati, acquisire basi di
      educazione sessuale, imparare a leggere e
      scrivere... comprare un pc con processore
      AMD viene dopo, non pensate ?.Ma è uan cagata sta notizia, in italia le donne accedono meno alla rete, perchè? qualcuno le limita o semplicemente non le interessa? non è che per forza tutto dobbiamo avere la teconologia più recente ed usarla se uno vive bene anche senza che gliene freghi nulla di pc e internet buon per lui. Diverso e dove oggi comunque il problema non è nemmeno tanto internet ma avere la corrente elettrica tutti i giorni, per fare andare servizi ben più primari, cibo, medicine. il resto verrà poi
      • Anonimo scrive:
        Re: prima cibo, scuola e sanità, no ?
        Beh, proprio perché pc e internet sono cose non di prima necessità sono strettamente legate alle condizioni socioeconomiche del paese in cui si vive. Sono un di più che si può permettere chi già il necessario lo ha.
    • Anonimo scrive:
      Re: prima cibo, scuola e sanità, no ?

      non sarebbe male se potessero iniziare a
      mangiare, no?
      essere vaccinati, acquisire basi di
      educazione sessuale, imparare a leggere e
      scrivere... comprare un pc con processore
      AMD viene dopo, non pensate ?Sono d'accordo. Ma sai quanto gliene frega a qui poveri cristi degli mp3, dei divx e delle chat...
Chiudi i commenti