Copyright, si muove il blocco olandese

Le autorità pensano all'oscuramento di tutti quei siti legati alla violazione del copyright. Ma anche ad una più generica revisione legislativa, con l'eliminazione dell'equo compenso e migliori adozioni del concetto di fair use

Roma – Ad annunciarlo è stato Fred Teveen, attuale Segretario di Stato olandese per la Sicurezza e la Giustizia: le attività di caricamento e scaricamento di contenuti in violazione del copyright saranno presto considerate illegali , dunque bandite secondo una significativa revisione dell’attuale legge nazionale sul diritto d’autore.

E si tratta di una decisione che ha strappato più di un applauso da parte di BREIN, l’agguerrita organizzazione antipirateria in terra olandese. La nuova offensiva lanciata dalle autorità prevederà in sostanza il blocco di tutti quei siti legati alla distribuzione massiva di opere in chiara violazione del copyright .

In altre parole, i vari provider d’Olanda potrebbero essere obbligati ad oscurare spazi web come quello presidiato da The Pirate Bay , più volte finito nel mirino legale della stessa BREIN. Ma l’annuncio di Teveen non ha parlato soltanto di blocchi: una serie di modifiche verrà implementata per andare incontro ai diritti dei netizen olandesi.

Verrebbe infatti eliminato il cosiddetto equo compenso , la tassa imposta sulla vendita dei supporti vergine per bilanciare eventuali copie legali per uso personale. Le richieste dei legittimi detentori dei diritti verrebbero infatti già soddisfatte attraverso la messa al bando dei vari siti illeciti.

Stando alle dichiarazioni di Teveen, non verrebbe implementato alcun meccanismo fatto di avvertimenti e disconnessioni , dal momento che l’offensiva legislativa non prevederà punizioni a carico dei singoli utenti. Pare che l’antipirateria olandese potrà richiedere i dati personali di un utente solo se coinvolto in una violazione ripetuta e su larga scala .

Le autorità d’Olanda sembrano dunque intenzionate a spingere verso una migliore adozione del cosiddetto fair use , l’uso legittimo di un’opera coperta da diritto d’autore, in modo da incoraggiare pratiche come quelle legate al riutilizzo non commerciale di un determinato contenuto. Le varie collecting society verrebbero infine obbligate ad essere più permissive nei confronti di eventuali distribuzioni online da parte degli artisti emergenti.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • platone-faust scrive:
    cifra tonda
    potevano fare 100$ o i classici 99,9stavo pensando di prenderne un altro, se veramente la pubblicità è solo nei salvaschermo non da fastidio e uno sconto è sempre gradito
  • contrario scrive:
    Roma
    Amazon è ora a Roma.
  • panda rossa scrive:
    Ottima idea, ma che non sia occulta!
    La pubblicita' all'interno dei contenuti, al fine di far abbassare il prezzo, e' una ottima idea, da sostenere ed apprezzare.Pero', nel rispetto delle normative vigenti, e per impedire che venga fatto un abuso, e' necessario che lo spazio riservato alla pubblicita' sia chiaramente evidenziato, con una chiara dicitura tipo "messaggio promozionale", come gia' avviene in tv e sui giornali.Quindi che venga inserito un inequivocabile tag di inizio e di fine della pubblicita'.Sarebbe perfetto.
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: Ottima idea, ma che non sia occulta!
      per sapere esattamente che bloccare a priori
    • Talking Head scrive:
      Re: Ottima idea, ma che non sia occulta!
      Nel caso specifico credo che la pubblicità si limiti al classico salvaschermo di Kindle, invece delle foto di scrittori che ci sono tradizionalmente.All'interno del testo dei libri è esclusa.
  • western scrive:
    non disponibile fuori u.s.
    magari scriverlo...
    • kenshemo scrive:
      Re: non disponibile fuori u.s.
      - Scritto da: western
      magari scriverlo...peccato perché 114 dollari ad oggi sono 78 euri circati viene a costare circa 100 euro spedizione compresa (visto che la dogana la paga amazon)
  • W.O.P.R. scrive:
    XXXXXXXXX
    Perchè ce l'ho già, se no la comprerei al volo questa versione. tanto basta jailbrekkarlo e togli tutte le schifezze aggiunte. Poi si può affiancare Doukan in multiboot, un firmware cinese (con lingua inglese) che permette la lettura di libri in formato epub, e una lettura molto migliore dei pdf.
    • anonimissim o scrive:
      Re: XXXXXXXXX
      Doukan non è ancora abbastanza maturo per poter essere usato senza rimpianti. Ha problemi di visualizzazione di alcuni caratteri per esempio (e non è cosa da poco per un reader). E gli epub vengono VISUALIZZATI e quindi letti, proprio come un mobi, ma non mantengono le caratteristiche tipice di un epub. Quindi, limitatamente agli epub, tanto vale passarli a Calibre e convertirli in mobi che è la stessa cosa.Per quanto riguarda l'iniziativa Amazon, se davvero si limita agli screensaver e al browser la trovo una buona idea. Sotto i 100 dollari però la vedo dura. Non penso che uno screensaver possa fruttare molti dollari considerato che non è che viene guardato moltissimo dagli utenti del Kindle.
Chiudi i commenti