Corre sul P2P la pubblicità degli Oasis

di L. Assenti. Si grida allo scandalo ma la pubblicazione sui network del file sharing del disco degli Oasis ancora inedito ha degli interessanti risvolti pubblicitari. Sony invece minaccia azioni legali. Contro chi?


Roma – Ma perché ci si sorprende se un brano musicale che ancora deve uscire nei negozi già circola online? Sembra incredibile, ma a stupirsi è Sony, che produce gli Oasis, perché alcuni brani del nuovo album dei suoi protetti sono stati avvistati nel mare magnum del file-sharing, l’ambiente virtuale che tutto accoglie e tutto fa girare e nel quale tutto diventa materiale di scambio. Anche i file.mp3 made in Sony.

Il gigante giapponese dell’elettronica e di molte altre cose ha addirittura preannunciato azioni legali “contro quei siti” (quali? dove?) che fossero trovati colpevoli di distribuire i pezzi incriminati. Nel contempo, la band ha fatto sapere tramite portavoce che quei brani altro non sono che maldestre registrazioni effettuate con un walkman e che riguardano vecchie versioni dei pezzi, ancora in fase embrionale e del tutto diverse da quelle che usciranno nei prossimi mesi nella tradizionale confezione di plastica quadrata in tutto il mondo. Una difesa un po’ scontata che ricorda quella dell’astutissima Madonna, quando, scandalizzata, annunciò la presenza sui network di condivisione di alcune versioni di un suo pezzo “che non mi hanno nemmeno dato il tempo di finire”.

Per gli Oasis, naturalmente, tutto questo si traduce in pubblicità. Perché non si può escludere che effettivamente migliaia di fan del gruppo si scarichino da internet quei cinque brani oggetto del contendere (e tutti gli altri che nel frattempo spuntano su qualsiasi network di scambio…). Né si può escludere che decideranno di non comprare il CD quando uscirà, visto che i pezzi forti già li avranno sentiti. Quel che è certo, invece, è che quanto accaduto riversa una maggiore attenzione su una release che, file sharing o meno, è destinata comunque a tradursi in un grande successo commerciale.

Ricordo quando sul vecchio Napster trovai i pezzi dell’album di Peter Gabriel “Ovo” qualche giorno prima della sua uscita, o quando vedevo girare i brani del Festival di Sanremo prima del festival stesso… Insomma quanto è successo agli Oasis non è nulla di nuovo, così come non è nuovo l’atteggiamento di Sony. L’impressione è che sia gli uni che l’altra stiano per sbattere fragorosamente il muso contro il ciberspazio perché non sanno ancora di cosa è fatto.

Napster è stato chiuso a forza di carte bollate ma i suoi “cloni” generano uno scambio pari a quasi il doppio di quello che Napster totalizzava ai tempi d’oro. A fronte di questo, Sony non trova di meglio che annunciare nuove battaglie legali contro chi è così poco scaltro da far trovare quei file sul proprio sito. Può sembrare incredibile, ma l’azienda ha dichiarato alla BBC che vi sono siti che hanno quei file, e quei siti “li faremo chiudere”. Nessun accenno, invece, al file sharing.

Ognuno tiri le proprie conclusioni, a me pare ovvio che le nubi sul mondo discografico si facciano sempre più nere.

Ah! Per completezza di cronaca: il costosissimo album degli Oasis sarà nei negozi a luglio sotto il nome di “Heathen Chemistry”.

Lamberto Assenti

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Said MIGRI scrive:
    Video
    Salut moi Said Marocain reside en itali
  • Anonimo scrive:
    mumble però .......
    sul mediavideo si può spammare?
  • Anonimo scrive:
    VOGLIAMO I NOMI !!!
    "Accade infatti che alcuni fornitori di hosting a bassissimo prezzo(..)Questi cercano spiagge sicure e invece si ritrovano a pagamento senza alcuna garanzia di funzionamento, privi di qualsiasi diritto sul proprio sito e continuamente a rischio oscuramento. "Ottimo articolo, peccato che non ci hai detto chi sono questi signori.Ma fate informazione o volete solo condizionare le masse? Se non potete fare i nomi allora è meglio che non scrivete niente.
    • Anonimo scrive:
      Re: VOGLIAMO I NOMI !!!

      Se non potete fare i
      nomi allora è meglio che non scrivete
      niente.anche durante il ventennio dicecvano così....se poi facevi i nomi venivano a prenderti dei gentilissimi signori....purtroppo ormai siamo tutti a rischio denuncia
      • Anonimo scrive:
        Re: VOGLIAMO I NOMI !!!

        anche durante il ventennio dicecvano
        così....se poi facevi i nomi venivano a
        prenderti dei gentilissimi signori....

        purtroppo ormai siamo tutti a rischio
        denunciaVai come grigniani, ipara la pappardella e ridi del tuo successo, oppure imparala e incrocia le dita, sicuramente non ti viene a prendere nessuno.Meglio perdere milioni su internet che per una truffa assicurativa, perchè tu sai, vero, che in ogni caso tu li devi perdere?
        • Anonimo scrive:
          Re: VOGLIAMO I NOMI !!!

          Meglio perdere milioni su internet che per
          una truffa assicurativa, perchè tu sai,
          vero, che in ogni caso tu li devi perdere?sì, solo che di solito la truffa assicurativa "ti capita" e non ci puoi fare nulla.Per tornare al mex. principale, credo che sia inutile per un giornale:a)andare a fare i nomib)beccarsi una denunciac)pagare i danni...buongioXno docetPoi, per carità, fate tutti i nomi che volete!
          • Anonimo scrive:
            Re: VOGLIAMO I NOMI !!!

            a)andare a fare i nomiFare i nomi di chi invece offre un servizio serio non è una cattiva idea.. Questo si può fare ;)
  • Anonimo scrive:
    Gratuito o meno non e' di qualita' o meno
    Salve,Ragionamento logico:Ipotesi: (dalla chiusura dell'articolo)Perché la qualità, in rete più che mai, si paga.Tesi:Punto informatico e' di pessima qualita'Dimostrazione:Io leggo punto informatico senza pagare nulla al suo editore (tranne un po' di pubblicita' che mi devo sorbire oltre l'articolo), dunque la lettura di punto informatico e' gratuita.Dunque punto informatico e' una rivista di pessima qualita'.Meditate gente, meditate
    • Anonimo scrive:
      Re: Gratuito o meno non e' di qualita' o meno
      Oh yeah! :-))- Scritto da: Snowcat
      Salve,

      Ragionamento logico:

      Ipotesi: (dalla chiusura dell'articolo)
      Perché la qualità, in rete più che mai, si
      paga.

      Tesi:
      Punto informatico e' di pessima qualita'

      Dimostrazione:
      Io leggo punto informatico senza pagare
      nulla al suo editore (tranne un po' di
      pubblicita' che mi devo sorbire oltre
      l'articolo), dunque la lettura di punto
      informatico e' gratuita.

      Dunque punto informatico e' una rivista di
      pessima qualita'.

      Meditate gente, meditate
  • Anonimo scrive:
    un articolo "NO-FREE"
    tutto questo vorrebbe solo per convincerci che è giusto il vecchio prezzo assurdamente altissimo dei provider tradizionali quindi ... MOLTO SIMPATICO.a presto gli ip fissi e i siti A CASA.vedremo allora quanto mi costa un mega... ZERO mi costa.
    • Anonimo scrive:
      Re: un articolo
      - Scritto da: frederix
      tutto questo vorrebbe solo per convincerci
      che è giusto il vecchio prezzo assurdamente
      altissimo dei provider tradizionali quindi
      ... MOLTO SIMPATICO.

      a presto gli ip fissi e i siti A CASA.
      vedremo allora quanto mi costa un mega...
      ZERO mi costa.Tranne ovviamente quello che paghi per avere un IP fisso...
      • Anonimo scrive:
        Re: un articolo


        a presto gli ip fissi e i siti A CASA.

        vedremo allora quanto mi costa un mega...

        ZERO mi costa.Sì, ti costa zero per il sito delle ricette del menga.Ma se hai un bel sito con un DB e magari un backend di gestione dei dipendenti, forse ti conviene un bell'Hosting di qualità. o no?
        • Anonimo scrive:
          Re: un articolo

          Ma se hai un bel sito con un DB e magari un
          backend di gestione dei dipendenti, forse ti
          conviene un bell'Hosting di qualità. o no?cos'e meglio di un computer settato da te personalmente ????se solo la banda costasse decentemente...
          • Anonimo scrive:
            Concorde
            concordo!- Scritto da: blah

            Ma se hai un bel sito con un DB e magari
            un

            backend di gestione dei dipendenti, forse
            ti

            conviene un bell'Hosting di qualità. o no?
            cos'e meglio di un computer settato da te
            personalmente ????
            se solo la banda costasse decentemente...e per le battute sull'aereo vi aspetto numerosi
          • Anonimo scrive:
            Re: un articolo
            - Scritto da: blah

            Ma se hai un bel sito con un DB e magari
            un

            backend di gestione dei dipendenti, forse
            ti

            conviene un bell'Hosting di qualità. o no?
            cos'e meglio di un computer settato da te
            personalmente ????un computer settato da una persona davvero competente sull'argomento.puo' darsi che tu lo sia, ma il webmaster medio non lo e' di sicuro...e gestirsi un server, anche piccolo, non e' un'operazione banale, a meno che non si voglia fuzionare da shell per il primo script kiddie di passagio...
            se solo la banda costasse decentemente...chissa' come mai i servizi di hosting costano abbastanza (o in soldi o in pubblicita')...
  • Anonimo scrive:
    con..
    20 ? hai spazio web illimitato su aruba e in più hai anche un dominio per un anno.non mi pare tantoe il servizio raggiunge la decenza qualitativa
  • Anonimo scrive:
    Ognuno ha il suo parere, d'accordo ma...
    Chi ci garantisce che le condizioni di utilizzo non siano cambiate continuamente? Come appunto fa Yahoo! Geocities. Spesso senza neanche avvertire!Io comincio ad averne abbastanza anche di Internet in generale e di gran parte dei suoi utenti "tipo" (loghi & suonerie! ecc.).Probabilmente tornerò alla candela e cioé alla carta stampata.
    • Anonimo scrive:
      semmai Ognuno ha il PROPRIO parere.
      - Scritto da: nataliepaav
      Chi ci garantisce che le condizioni di
      utilizzo non siano cambiate continuamente?
      Come appunto fa Yahoo! Geocities. Spesso
      senza neanche avvertire!
      Io comincio ad averne abbastanza anche di
      Internet in generale e di gran parte dei
      suoi utenti "tipo" (loghi & suonerie! ecc.).
      Probabilmente tornerò alla candela e cioé
      alla carta stampata.sottoscrivo, con parte di me...con l'altra parte ti dico ... mavaffanculo a tutte le sanguisughe.i posti dove pubblicare ci sono.sono decine, dozzine, centinaia.siamo davvero sicuri che quello che vogliamo pubblicare richieda risorse assurde?personalmente sto tornando ai primordi ... pochi K, tanto HTML 4.0 e quasi niente grafica, niente multimedia , niente roba che non serve.devo trasmettere informazioni, concetti, istruzioni... ? un listino? fatto.una idea politica? fatto.istruzioni di qualsiasi genere? fatto.un elenco di canzoni, di artisti, di elementi di una squadra, di un team di lavoro? fatto.un manuale o una serie di manuali ipertestuali? fatto.starebbero ognuno in un dischetto, anzi, forse anche tutti in un dischetto.facciamo mille mirror, postiamo dappertutto.se vale la pena.altrimenti, per dire che sei paSHquale eccetera ... ci sono altri canali.newsgroup, irc, chat, forum ... se hai qualcosa da dire davvero, c'è anche gente che ti pubblica volontariamente.
      • Anonimo scrive:
        PIc
        - Scritto da: fffffffffoooooooooooo

        devo trasmettere informazioni, concetti,
        istruzioni... ?

        un listino? fatto.
        una idea politica? fatto.
        istruzioni di qualsiasi genere? fatto.
        un elenco di canzoni, di artisti, di
        elementi di una squadra, di un team di
        lavoro? fatto.
        un manuale o una serie di manuali
        ipertestuali? fatto.Gia' faaatttooooooooo? :-))))))))Comunque, a parte le battutine sega, un caloroso applauso e' d'uopo:CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAPCLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAPCLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAPCLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAPCLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP [Created with Notepad]
        • Anonimo scrive:
          Re: PIc
          non sono certo ma temo che tu mi stia pigliando per il culo ... anche se "created with notepad" invece si ritrova proprio con la mia politica ...ehmnon somi spiazzi- Scritto da: Ted Manolesta


          - Scritto da: fffffffffoooooooooooo



          devo trasmettere informazioni, concetti,

          istruzioni... ?



          un listino? fatto.

          una idea politica? fatto.

          istruzioni di qualsiasi genere? fatto.

          un elenco di canzoni, di artisti, di

          elementi di una squadra, di un team di

          lavoro? fatto.

          un manuale o una serie di manuali

          ipertestuali? fatto.


          Gia' faaatttooooooooo? :-))))))))


          Comunque, a parte le battutine sega, un
          caloroso applauso e' d'uopo:

          CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP
          CLAP
          CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP
          CLAP
          CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP
          CLAP
          CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP
          CLAP
          CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP


          [Created with Notepad]
  • Anonimo scrive:
    Tutte caxxate, documentati prima...
    ci sono sia ottimi free host (che utilizzo) che a pagamento,basta solo informarsi e documentarsi in giro per la rete,cosa che evidentemente l'autore dell'articolo non ha fatto perchè troppo impegnato a scrivere a questo sito...
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutte caxxate, documentati prima...
      lui ha parlato di geocities e di tripod, che sono le più vecchie e vistose, che hanno aperto la strada al free hosting.- Scritto da: Amnesiac
      ci sono sia ottimi free host (che utilizzo)
      che a pagamento,
      basta solo informarsi e documentarsi in giro
      per la rete,
      cosa che evidentemente l'autore
      dell'articolo non ha fatto perchè troppo
      impegnato a scrivere a questo sito...
  • Anonimo scrive:
    un po di incongruenza
    gli hosting gratuiti hanno i banner pubblicitari, quindi piu`gente li vede e meglio e`(per l`host)... pero` se i siti vengono visitati troppo li chiudono temporaneamente, quindi non vogliono far vedere i banner... che si decidano un po`
    • Anonimo scrive:
      Re: un po di incongruenza
      ehhe cicciobello.. la pagina non te la fanno vedere, ma i banner stai tranquillo che te li fan vedere tutti!al massimo, dato che ti fermerai alla prima pagina che trovi "oscurata", vedrai meno pagine del sito e quindi un numero minore di banner, ma stai tranquillo che hanno fatto i loro conti, e si vede che conviene risparmiare in banda piuttosto che far vedere due o tre banner in piu'. Comunque io sono dell'idea che se un sito arriva ad avere tanti accessi da superare il limite di banda, è l'ora che il webmaster paghi un hosting decente, perchè se ha visitatori in qualche modo riuscirà a rifarsi delle spese dell'hosting
      • Anonimo scrive:
        Re: un po di incongruenza
        - Scritto da: Giorgio
        banda, è l'ora che il webmaster paghi un
        hosting decente, perchè se ha visitatori in
        qualche modo riuscirà a rifarsi delle spese
        dell'hostingcazzate.molto ma molto semplicistico
    • Anonimo scrive:
      Re: un po di incongruenza
      - Scritto da: pietro
      gli hosting gratuiti hanno i banner
      pubblicitari, quindi piu`gente li vede e
      meglio e`(per l`host)... pero` se i siti
      vengono visitati troppo li chiudono
      temporaneamente, quindi non vogliono far
      vedere i banner...


      che si decidano un po` Ma va?? :-)chissà perchè allora lo chiudono temporaneamente e schiaffano un loro banner in alto, te lo sai mai chiesto?
  • Anonimo scrive:
    a pagamento, ma ragionevole
    tra le diverse offerte è possibile trovarne di molto buone a dei prezzi ragionevoli. certo, sono a pagamento, ma sono cifre non folli anche per un privato e offrono un buon servizio anche a livello di assistenza.http://www.eurologon.comnel mare magnum dell'hosting a pagamento e dele sorprese alle quali si va spesso incontro, mi sembra una soluzione che può andare...
    • Anonimo scrive:
      Re: a pagamento, ma ragionevole

      nel mare magnum dell'hosting a pagamento e
      dele sorprese alle quali si va spesso
      incontro, mi sembra una soluzione che può
      andare...tra quelli italiani sembra quello con il miglior rapporto qualita/prezzo...grazie per la segnalazione...
  • Anonimo scrive:
    Fate come me....
    Dopo aver constatato tante cose, ho semplicemente chiuso il sito e non se ne parla più.Mica posso ammalarmi per così poco, facessero ciò che vogliono, la vita vera è fuori da Internet.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fate come me....
      - Scritto da: Io
      Dopo aver constatato tante cose, ho
      semplicemente chiuso il sito e non se ne
      parla più.
      Mica posso ammalarmi per così poco,
      facessero ciò che vogliono, la vita vera è
      fuori da Internet.Peccato. Davvero peccato. Ripensaci.Comunque su una cosa hai ragione: la vita vera è fuori da internet. Forse eri tu che ti eri immerso troppo nel ruolo di webmaster...
    • Anonimo scrive:
      Re: Fate come me....
      sarà, ma io ho imparato un sacco di cose (saranno anche piccole, ma per me ha fatto la differenza, in un sacco di occasioni) da internet e dalle persone che ci hanno messo informazioni.sia tecniche che di altro genere.si questo si tratta: informazioni.e quando non le trovo, ce le metto io.e sono sempre al TOP nei motori di ricerca.sono sempre piccole paginette, roba da qualche K ... eppure una risposta non richiede tanto di più. I siti che pubblicano i testi con il copyright scaduto per esempio? straordinario!sognatelo nella "vita vera".le tablature della musica, gratuite?sognatele fuori!informazione spontanea?pubblicazione di un libro senza passare per un editore? sognatela!internet è fntastica.penso più a farmi l'hosting in casa, che ad abbandonare.- Scritto da: Io
      Dopo aver constatato tante cose, ho
      semplicemente chiuso il sito e non se ne
      parla più.
      Mica posso ammalarmi per così poco,
      facessero ciò che vogliono, la vita vera è
      fuori da Internet.
  • Anonimo scrive:
    conTiscaliaspettodaunmese
    lo sò, sono uncoglione,ma è tutto vero purtroppo!!!
  • Anonimo scrive:
    Aruba...
    Aruba, non chiedo troppo non pretendo, ma questa sera 24-04-200 ore 11.30 FTP impossibile verso qualsiasi sito che ho su Aruba, mail server morti, sito aruba irraggiungibile, sono il solo in queste condizioni, di solito io non mi lamento, ma questa sera aruba è in spiaggia a farsi i cavolacci suoi...Alla faccia degli ultimi aumenti di banda tanto sbandierati non funziona nulla in certe ore...Non mi sono mai dato pena, ma nella prossima settimana metto Aruba sotto controllo 24 ore al giorno per vedere i tempi di risposta, solo per avere la soddisfazione di vedere i risultati e di metterli magari qui... Così quelli che scrivono nel post meraviglie di Aruba ammettono che è un servizio proprio magro... (non ci credo che non avete più problemi con la posta)
    • Anonimo scrive:
      Re: Aruba...
      Non voglio difendere nessuno ma guarda qua:http://forum.aruba.it/forums/ultimatebb.php?ubb=get_topic;f=1;t=000119guarda anche l'ora del topic e vedi se erano al mare. Oggi funziona tutto benissimo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Aruba...
      - Scritto da: Nervous
      Aruba, non chiedo troppo non pretendo, ma
      questa sera 24-04-200 ore 11.30 FTP
      impossibile verso qualsiasi sito che ho su
      Aruba, mail server morti, sito aruba
      irraggiungibile...Il problema a cui ti riferisci non era imputabile ad Aruba, ma ad un probabile sovraffollamento sulla dorsale alla quale e' collegato. Anche altri siti avevano lo stesso problema ieri (ad esempio Inwind): irraggiungibili.
    • Anonimo scrive:
      Re: Aruba...
      hehe nervous buongiorno...per la cronaca anche a me non va uno dei due siti che ci ho sopra.. ma non è una novità, non mi meraviglio...secondo me hanno tipo 70 server e un hub che ne permette solo 50 collegati contemporaneamente... e c'è un omino che ogni ora li scollega e ricollega a rotazione...SunDevil
  • Anonimo scrive:
    Non a scopo di lucro
    Il problema dell'host a livello societario a mio avviso non è estremamente rilevante.Il rapporto medio costo/spazio mi sembra ancora decisamentefavorevole anche alla più misera azienda in start-up.Se invece parliamo di homepage personali o meglio ancora di siti amatoriali il consiglio è di guardarsi bene attorno.Esistono molte realtà che mettono a disposizione spazio senza banner o altro specie per chi fa le cose per passione e senza fini di lucro (specie quando il sito da un effettivo contributo in termini di risorse e contenuti).Per fare un esempio, senza nomi o altro, gran parte delle risorse in rete sull'intrattenimento ludico "intelligente" in Italia (non solo siti ma mailing list ed altro) si appoggiano su spazi gratuiti forniti da un'unico provider di servizi.Senza banner.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non a scopo di lucro
      Non farci sapere quali sono, mi raccomando.- Scritto da: -k-
      Il problema dell'host a livello societario a
      mio avviso non è estremamente rilevante.
      Il rapporto medio costo/spazio mi sembra
      ancora decisamente
      favorevole anche alla più misera azienda in
      start-up.

      Se invece parliamo di homepage personali o
      meglio ancora di siti amatoriali il
      consiglio è di guardarsi bene attorno.
      Esistono molte realtà che mettono a
      disposizione spazio senza banner o altro
      specie per chi fa le cose per passione e
      senza fini di lucro (specie quando il sito
      da un effettivo contributo in termini di
      risorse e contenuti).
      Per fare un esempio, senza nomi o altro,
      gran parte delle risorse in rete
      sull'intrattenimento ludico "intelligente"
      in Italia (non solo siti ma mailing list ed
      altro) si appoggiano su spazi gratuiti
      forniti da un'unico provider di servizi.
      Senza banner.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non a scopo di lucro
      ebbravoe percheè non fai i nomi?a me interessa!- Scritto da: -k-
      Il problema dell'host a livello societario a
      mio avviso non è estremamente rilevante.
      Il rapporto medio costo/spazio mi sembra
      ancora decisamente
      favorevole anche alla più misera azienda in
      start-up.

      Se invece parliamo di homepage personali o
      meglio ancora di siti amatoriali il
      consiglio è di guardarsi bene attorno.
      Esistono molte realtà che mettono a
      disposizione spazio senza banner o altro
      specie per chi fa le cose per passione e
      senza fini di lucro (specie quando il sito
      da un effettivo contributo in termini di
      risorse e contenuti).
      Per fare un esempio, senza nomi o altro,
      gran parte delle risorse in rete
      sull'intrattenimento ludico "intelligente"
      in Italia (non solo siti ma mailing list ed
      altro) si appoggiano su spazi gratuiti
      forniti da un'unico provider di servizi.
      Senza banner.
  • Anonimo scrive:
    Io lo faccio pagare e sono tutti contenti
    Salve,io sono socio in una delle tante societa' che lavorano su Internet e dintorni (niente nomi non voglio fare pubblicita'); noi l'hosting lo facciamo pagare (si parte da circa 400 euro all'anno) pero' non mettiamo nessun tipo di banner o pubblicita' e siamo sempre pronti al telefono per risolvere i piccoli problemi dei clienti.Capisco che non sia riproducibile su scala nazionale ed infatti a noi si rivolgono solo piccole e medie imprese, quasi mai clienti privati. Se quello che cercate e' la qualita' e l'assistenza, lasciate perdere gli annunci del tipo "presto e bene e gratis" e rivolgetevi alle piccole ditte serie e ben poco virtuali !!!Saluti a tutti !
    • Anonimo scrive:
      Re: Io lo faccio pagare e sono tutti contenti
      non è chiaramente un paragone da fare.e comunque quanto fate al MEGABYTE?io non porrei limiti di spazio.e la banda?fate sapere.- Scritto da: gred
      Salve,
      io sono socio in una delle tante societa'
      che lavorano su Internet e dintorni (niente
      nomi non voglio fare pubblicita'); noi
      l'hosting lo facciamo pagare (si parte da
      circa 400 euro all'anno) pero' non mettiamo
      nessun tipo di banner o pubblicita' e siamo
      sempre pronti al telefono per risolvere i
      piccoli problemi dei clienti.

      Capisco che non sia riproducibile su scala
      nazionale ed infatti a noi si rivolgono solo
      piccole e medie imprese, quasi mai clienti
      privati. Se quello che cercate e' la
      qualita' e l'assistenza, lasciate perdere
      gli annunci del tipo "presto e bene e
      gratis" e rivolgetevi alle piccole ditte
      serie e ben poco virtuali !!!

      Saluti a tutti !
  • Anonimo scrive:
    La verita' e' un altra
    La verita' e che non si puo' far pagare cio' a cui si ha diritto: lo spazio web.I providers, in quanto fornitori di servizi web, in teoria (sottolineo in teoria) non dovrebbero esistere, nel senso che ogni cittadino dovrebbe essere provider di se' stesso, dovrebbe cioe' in teoria avere a disposizione tutte le infrastrutture necessarie (e a bassissimo costo) che gli consentono di avere un proprio dominio, un proprio sito web e un proprio spazio web personale o commerciale.Questo non avviene per un motivo molto semplice: le scarse conoscenze di informatica e programmazione, peraltro non semplici, che dovrebbe invece essere patrimonio di tutti.Ma cio' non potra' mai essere, e quindi ben vengano i servizi gratuiti, che per ovvi motivi di banda qualche limite dovranno pur averlo.Molto spesso questi problemi nascono dal fatto che i webmasters ritengono, a torto, che il modo migliore per sfruttare un sito web sia dal punto di vista pubblicitario (ovvero un alto, altissimo numero di visite). Ne consegue che viene utilizzato uno spazio nato per utilizzare una quantita' "democratica" di banda per scopi non consoni, da qui l'errata conclusione che un buon servizio di hosting lo si debb per forza pagare piu' caro. Non e' vero. Si deve pagare piu' caro un servizio hosting qualora tale servizio sia destinato a siti che sfruttano risorse non proprie (del webmaster intendo), ma di altri: caso tipico: i portaloni generici.A parte il fatto che non sempre, anzi quasi mai, ad un alto numero di visite corrisponde un alta redditivita' pubblicitaria (lo dimostra fra l'altro il fatto che molti famosi e blasonati portaloni hanno finito per andare in bancarotta), cio' non e' affatto vero: il modo migliore per sfruttare la rete non e' quello di guadagnare esclusivamente sulla pubblicita' (o sul commercio di prodotti non propri), ma indubbiamente quello di farlo "vendendo" i propri servizi, la propria professionalita', la propria creativita', le proprie attitudini, che sono sempre diverse da quelle di qualunque altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: La verita' e' un altra
      ....che dire... hai ragione da vendere!!!- Scritto da: Ali Baba'
      La verita' e che non si puo' far pagare cio'
      a cui si ha diritto: lo spazio web.

      I providers, in quanto fornitori di servizi
      web, in teoria (sottolineo in teoria) non
      dovrebbero esistere, nel senso che ogni
      cittadino dovrebbe essere provider di se'
      stesso, dovrebbe cioe' in teoria avere a
      disposizione tutte le infrastrutture
      necessarie (e a bassissimo costo) che gli
      consentono di avere un proprio dominio, un
      proprio sito web e un proprio spazio web
      personale o commerciale.

      Questo non avviene per un motivo molto
      semplice: le scarse conoscenze di
      informatica e programmazione, peraltro non
      semplici, che dovrebbe invece essere
      patrimonio di tutti.

      Ma cio' non potra' mai essere, e quindi ben
      vengano i servizi gratuiti, che per ovvi
      motivi di banda qualche limite dovranno pur
      averlo.

      Molto spesso questi problemi nascono dal
      fatto che i webmasters ritengono, a torto,
      che il modo migliore per sfruttare un sito
      web sia dal punto di vista pubblicitario
      (ovvero un alto, altissimo numero di
      visite). Ne consegue che viene utilizzato
      uno spazio nato per utilizzare una quantita'
      "democratica" di banda per scopi non
      consoni, da qui l'errata conclusione che un
      buon servizio di hosting lo si debb per
      forza pagare piu' caro. Non e' vero. Si deve
      pagare piu' caro un servizio hosting qualora
      tale servizio sia destinato a siti che
      sfruttano risorse non proprie (del webmaster
      intendo), ma di altri: caso tipico: i
      portaloni generici.

      A parte il fatto che non sempre, anzi quasi
      mai, ad un alto numero di visite corrisponde
      un alta redditivita' pubblicitaria (lo
      dimostra fra l'altro il fatto che molti
      famosi e blasonati portaloni hanno finito
      per andare in bancarotta), cio' non e'
      affatto vero: il modo migliore per sfruttare
      la rete non e' quello di guadagnare
      esclusivamente sulla pubblicita' (o sul
      commercio di prodotti non propri), ma
      indubbiamente quello di farlo "vendendo" i
      propri servizi, la propria professionalita',
      la propria creativita', le proprie
      attitudini, che sono sempre diverse da
      quelle di qualunque altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: La verita' e' un altra
      - Scritto da: Ali Baba'
      La verita' e che non si puo' far pagare cio'
      a cui si ha diritto: lo spazio web.Gia' che ci sei, perche' non mi dici che e' un diritto anche l'automobile per tutti e cinque milioni al mese? Il tuo post mi ha fatto molto ridere (per non piangere).
    • Anonimo scrive:
      Re: La verita' e' un altra
      in effetti non posso darti torto, anche a me piacerebbe avere lo spazio web gratis, peccato che sto chiedendo preventivi a tutte le maggiori compagnie per un servizio di housing (con cui rivendermi anzi regalare .... l'hosting) e l'unica cosa che ottengo senza pagare e' un caffe' al bar sotto il mio ufficio. Tutto il resto si aggira sui 15.000 euro!Fammi sapere quando i mulini ritorneranno bianchi.
      • Anonimo scrive:
        Re: La verita' e' un altra

        Tutto il resto si aggira sui
        15.000 euro!Noi abbiamo dei dedicati su pair networks: spendiamo la metà e siamo il doppio soddisfatti di quando eravamo in italia
      • Anonimo scrive:
        Re: La verita' e' un altra
        Anch'io con il mio nuovo provider sono il quadriplo soddisfatto rispetto a prima e pago pochissimo :-)Scrivimi e ti diro' di piu'PS: Sono soddisfatto sopratutto perche' mi passa una provvigione super sui clienti che gli porto.:-))))
    • Anonimo scrive:
      Re: La verita' e' un altra
      - Scritto da: Ali Baba'
      La verita' e che non si puo' far pagare cio'
      a cui si ha diritto: lo spazio web.
      non hai torto,ma vorrei che prima si avessero altri diritti(in tutto il mondo)1 diritto alla casa2 diritto a mangiare e bere3 diritto alla sanita4 diritto all'istruzione5 diritto al lavoroquando TUTTO il mondo avra da mangiare,da bere(acqua pulita senza far 40 km al giorno),sara curato bene e gratis, e tutti potranno andare a scuola..e quando ci sara piena occupazione..be...parliamo di diritto allo spazio web e al dominioI DIRITTI NON SI DEVONO PAGAREUN ALTRO MONDO E' POSSIBILE
      • Anonimo scrive:
        Re: La verita' e' un altra
        - Scritto da: Via Campesina


        - Scritto da: Ali Baba'
        non hai torto,ma vorrei che prima si
        avessero altri diritti(in tutto il mondo)

        1 diritto alla casa
        2 diritto a mangiare e bere
        3 diritto alla sanita
        4 diritto all'istruzione
        5 diritto al lavoro
        Be', un sito internet costa poco... cominciamo da quello e facciamolo crescere, dopodiche' il resto verra' in seguito, soprattutto se ci comporteremo bene... ;-)Anch'io come tutti vorrei avere il sacrosanto diritto di possedere 100 miliardi di euro e passare (sempre di diritto) 365 giorni all'anno in vacanza ai Caraibi, ma... con calma eh? ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: La verita' e' un altra
          - Scritto da: Paperon de' Paperoni


          - Scritto da: Via Campesina





          - Scritto da: Ali Baba'


          non hai torto,ma vorrei che prima si

          avessero altri diritti(in tutto il mondo)



          1 diritto alla casa

          2 diritto a mangiare e bere

          3 diritto alla sanita

          4 diritto all'istruzione

          5 diritto al lavoro



          Be', un sito internet costa poco...
          cominciamo da quello e facciamolo crescere,
          dopodiche' il resto verra' in seguito,
          soprattutto se ci comporteremo bene... ;-)
          non e' un diritto primario otteniamo prima quelli primari


          Anch'io come tutti vorrei avere il
          sacrosanto diritto di possedere 100 miliardi
          di euro e passare (sempre di diritto) 365
          giorni all'anno in vacanza ai Caraibi, ma...
          con calma eh? ;-)tu chiedi il lusso io il diritto alla sopravvivenza per tutti
    • Anonimo scrive:
      I LOVE YOU
      hai ragione da vendere.prezzi modici?;-D
  • Anonimo scrive:
    FREESERVERS E' il migliore !!!!
    da anni lo uso e ve lo consiglio ....
  • Anonimo scrive:
    Fate pagine meno pesanti!
    Meno filmatoni in flash da 500kb, banner a go-go, immagini inutili (a volte anche bmp!), ed altre amenità simili e cercate di fornire contenuti.Se avete bisogno di banda perchè i filmati flash da mezzo mega li volete ad ogni costo, pagate.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fate pagine meno pesanti!
      E` quello che dico anch'io... basta co 'ste cacchiate a puro scopo cosmetico che oltre a succhiare bandwidth, possono essere simpatiche una volta e odiose tutte le volte successive...
      • Anonimo scrive:
        Re: Fate pagine meno pesanti!
        - Scritto da: alex¸tg
        ... possono essere
        simpatiche una volta e odiose tutte le volte
        successive...Come sei fortunato... io nemmeno di simpatiche ne trovo!
  • Anonimo scrive:
    Considerazioni sugli Host Italiani e suggerimenti
    Gli hosting italiani o sono rivenditori usa o offrono servizi di schifo . Non mettono mai in chiaro banda a disposizione , linee usate , risorse di sistema disponibili.Su un pentium sono capaci di metterci anche 1000 accounts.E chiaro che i prezzi sono bassi , ma appena il vostro sito cresce , non vi aspettate grandi cose.Io usavo communitech.net ,le linee erano veloci ma avevano una policy troppo restrittiva.Ora mi trovo molto bene con c4host.com , usano i server dialtone.com (macchine IBM) , linee multiple oc12, oc3 e ds3.Sul piano linux basic che ho ordinato mi hanno dato un indirizzo ip dedicato (con aruba e gli hosting italiani ve lo sognate) , 5 GB di traffico garantito e il dominio in 24 ore registrato per 2 anni a 26 dollari. Con aruba per cambiare i dns ad un dominio registrato con loro mi sono dannato l'anima . Occhio agli hosting italiani , prima di ordinare fate un tracing per vedere chi stanno rivendendo (il 99% rivende hosting in america), chiedete quanta banda al mese vi garantiscono in GB e evitategli hosting troppo economici (dividere un server con altre 999 persone non è simpatico) .Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Considerazioni sugli Host Italiani e suggerimenti
      D'accordo con tutto in Italia siamo ancora alla preistoria con i servizi hosting. Aggiungo di evitare tutti gli hosting che promettono spazio e traffico illimitato , 2 cose impossibili da garantire e che se fossero vero costerebbero migliaia di euro al mese (e non poche decine di euro al mese).Graziano
    • Anonimo scrive:
      Re: Considerazioni sugli Host Italiani e suggerimenti
      Yes .. riguardo gli hosting gratuiti e su come scegliere l'hosting.Premetto che anche io sono sempre orientato per un hosting usa (sia che sia shared che sia dedicato) . Primo perchè hanno maggior esperienza , primo perchè le linee sono migliori.Però anche li occhi aperti !Hosting gratuito ...l'hosting gratuito cerca solo pubblicita' questo sia chiaro . La banda , i server , la luce stessa per tenere i server accesi, la manutenzione tecnica , tutto a un prezzo e anche elevato. Chi offre hosting gratuito lo fa solo per 1 motivo , per farsi pubblicita al proprio sito. Finche' vi arrivano 3, 4 visitatori al giorno non è un problema . Ma quando i visitatori cominciano a diventare 10 , 20 , 50 , 100 e poi sempre di più allora cominciano i problemi . Cominciano i problemi perchè cominciate a consumare banda (traffico sul sito misurato in GB), e a chi vi fornisce il servizio hosting gratuito la banda costa !! .Il costo attuale al venditore hosting di banda al GB/mese (traffico in gb che trasferite in un mese) e' di circa 1 dollaro . Per cui se quando acquistate un hosting vi propongono banda illitata al mese , vi stanno truffando . Il venditore spera che il vostro sito non raggiunga mai traffici elevati , ma se un giorno il vostro sito arriverà a consumare 3 , 4 , 5 Gb mese di traffico , vi troverete l'account disattivato e senza tante scuse , perchè loro non ci voglionorimettere !!.In breve , l'hosting gratuito va bene per metterci le foto del cane , e per un centinaio di visitatori al mese , per altre cose non va bene.Il sito che vi promette tutto illimitato vi sta truffando ed io lo evitereri a priori.Se pensate di avere un traffico di 5 / 10 Gbal mese , cercate un hosting che vi garantisca su contratto quel traffico. Occhio che nel traffico dovete considerare tutto email , ftp http . 5 Gb è un sito con diciamo 10.000 pagine visitate al mese (considerando anche il traffico di email , ftp e altro).Qui il costo va intorno ai 10/15 $ al mese (se di meno cominciate a dubitare !!)Se il vostro sito genera + di 10 Gb mese , pensate seriamente a un server dedicato (si possono trovare server dedicati con 60 GB mese a150 $).- Scritto da: Paolo
      Gli hosting italiani o sono rivenditori usa
      o offrono servizi di schifo . Non mettono
      mai in chiaro banda a disposizione , linee
      usate , risorse di sistema disponibili.Su un
      pentium sono capaci di metterci anche 1000
      accounts.
      E chiaro che i prezzi sono bassi , ma appena
      il vostro sito cresce , non vi aspettate
      grandi cose.

      Io usavo communitech.net ,le linee erano
      veloci
      ma avevano una policy troppo restrittiva.

      Ora mi trovo molto bene con c4host.com ,
      usano i server dialtone.com (macchine IBM) ,
      linee multiple oc12, oc3 e ds3.
      Sul piano linux basic che ho ordinato mi
      hanno dato un indirizzo ip dedicato (con
      aruba e gli hosting italiani ve lo sognate)
      , 5 GB di traffico garantito e il dominio in
      24 ore registrato per 2 anni a 26 dollari.
      Con aruba per cambiare i dns ad un dominio
      registrato con loro mi sono dannato l'anima
      . Occhio agli hosting italiani , prima di
      ordinare fate un tracing per vedere chi
      stanno rivendendo (il 99% rivende hosting in
      america), chiedete quanta banda al mese vi
      garantiscono in GB e evitate
      gli hosting troppo economici (dividere un
      server con altre 999 persone non è
      simpatico) .

      Ciao




  • Anonimo scrive:
    Elenco hosting decenti
    Ovviamente, tutti gli hosting hanno limitazioni. Tuttavia, se prendi quelli a 5 stelle segnalati qui, di solito il contratto è equo. Ovvio che non puoi pretendere di fare 20 giga di traffico al mese e non avere banner....per php e mysqlhttp://www.oinko.net/freephpper asp / coldfusion / ms-accesshttp://www.oinko.net/freeasp
  • Anonimo scrive:
    Ma cosa si aspettano da un Hosting Gratuito?
    Davvero, queste persone che si strappano i capelli perchè i servizi di hostin gratuito lasciano a desiderare, mi appaiono talmente infantili da mettere i brividi, per non dire altro!Ma sono al corrente di cosa costa soltanto la banda, in italia?E, sono al corrente di che impegno e responsabilità, se vuoi fare il tuo lavoro corretamente, ci vogliono per gestire un web farm?Invece di lamentarsi dovrebbero ringraziare, nelle loro preghierine, ogni mattina tutti quelli che stanno dietro al loro situccio per tenerglielo on line...E a questi bambini immaturi a cui tutto è dovuto chissà perchè, belli di mammà, vorrei dire: andate a lavorare per capire cosa significa star dietro un lavoro giorno per giorno, e poi se ne riparla.Infine se vuoi la qualità, caro i miei bambocci, NO WAY, LA QUALITA' SI PAGA!!!Scusate lo sfogo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa si aspettano da un Hosting Gratuito?
      Yes .. riguardo gli hosting gratuiti e su come scegliere l'hosting.Premetto che anche io sono sempre orientato per un hosting usa (sia che sia shared che sia dedicato) . Primo perchè hanno maggior esperienza , primo perchè le linee sono migliori.Però anche li occhi aperti !Hosting gratuito ...l'hosting gratuito cerca solo pubblicita' questo sia chiaro . La banda , i server , la luce stessa per tenere i server accesi, la manutenzione tecnica , tutto a un prezzo e anche elevato. Chi offre hosting gratuito lo fa solo per 1 motivo , per farsi pubblicita al proprio sito. Finche' vi arrivano 3, 4 visitatori al giorno non è un problema . Ma quando i visitatori cominciano a diventare 10 , 20 , 50 , 100 e poi sempre di più allora cominciano i problemi . Cominciano i problemi perchè cominciate a consumare banda (traffico sul sito misurato in GB), e a chi vi fornisce il servizio hosting gratuito la banda costa !! .Il costo attuale al venditore hosting di banda al GB/mese (traffico in gb che trasferite in un mese) e' di circa 1 dollaro . Per cui se quando acquistate un hosting vi propongono banda illitata al mese , vi stanno truffando . Il venditore spera che il vostro sito non raggiunga mai traffici elevati , ma se un giorno il vostro sito arriverà a consumare 3 , 4 , 5 Gb mese di traffico , vi troverete l'account disattivato e senza tante scuse , perchè loro non ci voglionorimettere !!.In breve , l'hosting gratuito va bene per metterci le foto del cane , e per un centinaio di visitatori al mese , per altre cose non va bene.Il sito che vi promette tutto illimitato vi sta truffando ed io lo evitereri a priori.Se pensate di avere un traffico di 5 / 10 Gbal mese , cercate un hosting che vi garantisca su contratto quel traffico. Occhio che nel traffico dovete considerare tutto email , ftp http . 5 Gb è un sito con diciamo 10.000 pagine visitate al mese (considerando anche il traffico di email , ftp e altro).Qui il costo va intorno ai 10/15 $ al mese (se di meno cominciate a dubitare !!)Se il vostro sito genera + di 10 Gb mese , pensate seriamente a un server dedicato (si possono trovare server dedicati con 60 GB mese a150 $).
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa si aspettano da un Hosting Gratuito?
      Tu cosa ti aspetti da una vita gratuita?Hai pagato qualcuno per venire al mondo?Qualcuno ha pagato per la costruzione del pianeta Terra?No, mi pare di no.E allora, alla stessa stregua, misurando la qualita` coi quattrini, non aspettarti granche`... paga quanto vuoi, ma troverai sempre qualcuno pronto a buttartelo in quel posto.Perche`, dato che l'intero universo e` gratuito, le strutture presenti su questo cazzo di pianeta sperduto non possono mai esserlo? Possibile che non ci sia un altro modo di convivere e collaborare? Possibile che l'utopia ESISTA? Io me lo chiedo da diversi mesi a questa parte...Scusate il delirio esistenziale...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa si aspettano da un Hosting Gratuito?
      hai perfettamente ragione.in particolare, per quanto riguarda le fernesie di chi scrive che siamo venuti al mondo gratis ... bè, tu non hai pagato, ma tua madre sì, per crescerti e mantenerti. almeno se non vivi di aria ... comunque via via tutti capiranno che le cose di qualità si pagano, altrimenti si mette sullo stesso piano l'hamburger da 4.90 euro con coca cola grande in piazzale Loreto insieme ai portoricani e le ostriche con caviale in un bel ristorante con violino a fianco :-)il che, tradotto in termini di internet, vuol dire un hosting gratuito pieno zeppo di pubblicità confrontato con un hosting professionale con ampia banda e con application server e database a disposizione per le pagine attive :-)ciao ragazzi... e lasciate perdere i girotondi :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma cosa si aspettano da un Hosting Gratuito?
        Non voglio intendere che non abbia ragione.Pero`... pero`... ho questo strano dubbio. Il mondo di internet e` un mondo strano. I server sono reali e concreti, serve materia prima e manifattura avanzata per produrli... ma i servizi di rete, tipo l'hosting... uhm... e` anche vero che si puo` vendere tutto, anche la compagnia (come fanno gli psicoterapeuti)... pero` pero`... pero` pero`... chissa` se il famoso pianeta Tang esiste davvero?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma cosa si aspettano da un Hosting Gratuito?
          - Scritto da: alex¸tg
          Non voglio intendere che non abbia ragione.
          Pero`... pero`... ho questo strano dubbio.
          Il mondo di internet e` un mondo strano.strano perchè vale la regola che se fai qualcosa per qualcuno vieni pagato? a me pare normale
          I server sono reali e concreti, serve materia
          prima e manifattura avanzata per produrli...
          ma i servizi di rete, tipo l'hosting...Hanno bisogno di energia elettrica, di tecnici per la mnutenzione ed il miglioramento del servizio, per il data recovery, per l'affitto dei cavi....Più concreto di così....
          uhm... e` anche vero che si puo` vendere
          tutto, anche la compagnia (come fanno gli
          psicoterapeuti)... Cioè implicitamente ammetti che chi vende hosting sia il donaisimento della situazione?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma cosa si aspettano da un Hosting Gratuito?
            Non proprio un donascimiento-o-come-cacchio-si-chiamava, pero` magari non e` vero che la pubblicita` non ce la faccia a sostenere tali servizi. Porto un esempio: Delphi Forums. Se metti un forum li`, in teoria e` gratuito, ma ogni tanto si divertono a fingere di essere in bancarotta esortando gli utenti a passare a "delphiplus", la versione pagante. Tutto bene, non fosse che non solo il forum master, ma anche i membri di un dato forum dovrebbero poi pagare per accedervi... 5 dollari al mese per 3 Mb di spazio per gli attachments. Oh, e poi non e` evidentemente vero che stanno fallendo: sono ancora li` da quasi un anno, a dar via accounts gratuiti... non so se sia un comportamento da donascimiento, ma non so neanche se sia un comportamento leale...
          • Anonimo scrive:
            non occorre spendere una cifra !
            io ho aperto il mio hosting con www.netpowerit.net !
    • Anonimo scrive:
      hammé mi ano imbarade l'itagliano a schquola!
      - Scritto da: Qualita'
      infantili da mettere i brividi, per non dire
      altro!ma MAGARI! ti fermavi qui, e si stava tutti tranquilli.
      Ma sono al corrente di cosa costa soltanto
      la banda, in italia?"cosa costa" ?QUANTO costa!
      E, sono al corrente di che impegno e
      responsabilità, se vuoi fare il tuo lavoro_QUANTO_ impegno e CHE responsabilità ...amico, perché prima di scrivere non ti informi su come si fa? i nostri browser mentali sono un po' come explorer ... capiamo lo stesso ... ma l'impaginazione mentale del concetto che esprimi, nella mia mente, si sputtana parecchio ... insomma mi sembri solo un ignorante.Magari non è così, ma il modo in cui esprimi la tua idea, se pur valida, la fa scadere.
      corretamente, ci vogliono per gestire un web
      farm?farm comunque è femminile.e quindi UNA web farm.
      Invece di lamentarsi dovrebbero ringraziare,
      nelle loro preghierine, ogni mattina tutti
      quelli che stanno dietro al loro situccio
      per tenerglielo on line...sono d'accordo.
      E a questi bambini immaturi a cui tutto è
      dovuto chissà perchè, belli di mammà, vorrei
      dire: andate a lavorare per capire cosa
      significa star dietro un lavoro giorno per
      giorno, e poi se ne riparla.ma non c'è problema, solo che non possono vendertela con il sorriso e dire "FREE!!!"dovrebbero dire "QUI CI SI SUDA QUELLO CHE SI HA".allora chiuderebbero in due secondi.tu e tutti quelli come te, che fanno i duri, i fighi, dovrebbero dire quello che vendono. non dire "GRATIS!!! AMICO VIENI!!!" e poi piazzarti una barra di ghisa chidata nel culo e poi dire "NOI SI LAVORA UE'!"col cazzo!un po' di coerenza. allora nessuno si lamenta.
      Infine se vuoi la qualità, caro i miei
      bambocci, NO WAY, LA QUALITA' SI PAGA!!!"se vuoi " è singolarecaro è singolarebambocci è plurale.lo so che adesso alle elementari non si fa più l'analisi grammaticale... ma se stai postando, non credo che tu sia così piccolo.O forse si?allora si spiegherebbe tutto.
      Scusate lo sfogo...se fosse stato perfetto te lo si scusava.
      • Anonimo scrive:
        Re: hammé mi ano imbarade l'itagliano a schquola!
        - Scritto da: Terun
        non dire "GRATIS!!! AMICO VIENI!!!" e poi
        piazzarti una barra di ghisa chidata nel
        culo e poi dire "NOI SI LAVORA UE'!"
        col cazzo!
        un po' di coerenza.C'è un POI di troppo,"..poi piazzarti una barra di ghisa...e dire.." credo sia più corretto.Per "..chidata" probabilmente intendevi chiodata. Complimenti per lo stile, dai anche lezioni private?
      • Anonimo scrive:
        Re: hammé mi ano imbarade l'itagliano a schquola!
        Mi era sfuggita la punteggiatura, forse è meglio che andiate a ripetizione assieme!
        • Anonimo scrive:
          Qualità risponde...
          rispondobreventeatuttiancheaquellichehannodettounsaccodifesserieperquantoriguardal'italianoscusatemasonostatierroridivelocitàenonmisonofermatoacorregerliquestoperche'facciosemprel'erroredipensareditrovareinterlocutoriintelligentimachecipossofaresesonounsognatoreinguaribile?perilrestocredocheinquestouniversononcisianulladigratuitoneppureviverecomeunafarfalla,ognicosaèinterdipendenteequandosipensadipotervivereagratisinrealtàsistasfruttandoqualchealtrocheècostrettoapagarepertuttiquellichenonlofannoequandodicopagarenonintendosoltantoinmonetamanonèquestoilpostoperfarelunghedisquisizioniquindisalutieabbracciatutti.
  • Anonimo scrive:
    E hosting 3000?? ;-(
    Qualcuno di voi ha avuto la sfortuna di appoggiarsi a hosting 3000??Nell'ultimo mese e mezzo il sito che ho presso di loro è stato giù per giorni e giorni, ed è stato anche cancellato diverse volte così, per sport.
    • Anonimo scrive:
      Re: E hosting 3000?? ;-(
      prima degli "incendi" era successo anche con Xoom ... almeno 3 volte... ma il buono è che appena li avvertivi, ritiravano su tutto.certo, un po' strano, ma accettabile.- Scritto da: Kennet
      Qualcuno di voi ha avuto la sfortuna di
      appoggiarsi a hosting 3000??
      Nell'ultimo mese e mezzo il sito che ho
      presso di loro è stato giù per giorni e
      giorni, ed è stato anche cancellato diverse
      volte così, per sport.
  • Anonimo scrive:
    Aprire gli occhi.....
    Fin da piccoli ci insegnano a rifiutare le caramelle dagli sconosciuti.Nel senso che quando qualcuno ti regala qualcosa è molto probabile che sotto ci sia qualcosa di strano o di losco.Se agli inizi tutto era bello e tutto andava bene, oggi ci accorgiamo che la teoria di internet=gratis è tramontata.Ciò che deve far aprire gli occhi è che ciò che ha dei costi non può essere regalato e se viene regalato significa che chi lo regala ha i suoi vantaggi (che si traducono in limitazioni per gli utenti).Quello che stride è che qualcuno pretenda che il servizio offerto a gratis abbia le stesse caratteristiche di quello che altri fanno pagare qualche centinaio di euro all'anno.E il bello è che se glielo fai notare questi si incazzano anche....
    • Anonimo scrive:
      Re: Aprire gli occhi.....
      - Scritto da: Stefano
      Quello che stride è che qualcuno pretenda
      che il servizio offerto a gratis abbia le
      stesse caratteristiche di quello che altri
      fanno pagare qualche centinaio di euro
      all'anno.
      E il bello è che se glielo fai notare questi
      si incazzano anche....Sono d'accordo con te. Io sono sempre stato del parere che un buon servizio di hosting, per essere definito "di qualita'", debba costare non meno di 1 miliardo di euro al giorno. A parte i servizi accessori, naturalmente.
  • Anonimo scrive:
    In Italia va meglio
    Parrà assurdo, ma trovo che fra gli host gratuiti i migliori rimasti son proprio gli italiani.PErchè allora tendoil sito su uno americano? Beh, diciamo che ho i miei motivi ^__^
  • Anonimo scrive:
    Sarebbe uno scandalo?
    Che significa "ormai anche le e-mail si pagano"?A me sembra ovvio pagare la e-mail.Come sembra ovvio pagare la connessione e lo spazio web.E' il superfluo che mi rifiuto di pagare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarebbe uno scandalo?
      - Scritto da: toto63
      Che significa "ormai anche le e-mail si
      pagano"?
      A me sembra ovvio pagare la e-mail.
      Come sembra ovvio pagare la connessione e lo
      spazio web.
      E' il superfluo che mi rifiuto di pagare.E la qualita'?
  • Anonimo scrive:
    un fornitore affonda l'internet in italia
    un fornitore, il fornitore di banda in italiasta affondando l'italia.E' ora di finirla.Tutti lavorano per mantenere questa sanguisuga.
  • Anonimo scrive:
    No, non farsene una ragione...occorre ottimizzare!
    Ecco quel che serve.Non vi danno abbastanza bandwidth?Fateci entrare il sito ugualmente.Comprimere il comprimibile, ridurre la facciata a PURO TESTO, e tagliare tutto quello che e` superfluo. Se i visitatori vi sono veramente affezionati, non se la prenderanno, e qualcuno potrebbe anche farvi i complimenti.Provate!Non costa nulla...
    • Anonimo scrive:
      Re: No, non farsene una ragione...occorre ottimizzare!
      - Scritto da: alex¸tg
      Ecco quel che serve.
      Non vi danno abbastanza bandwidth?
      Fateci entrare il sito ugualmente.

      Comprimere il comprimibile, ridurre la
      facciata a PURO TESTO, e tagliare tutto
      quello che e` superfluo. Se i visitatori vi
      sono veramente affezionati, non se la
      prenderanno, e qualcuno potrebbe anche farvi
      i complimenti.

      Provate!
      Non costa nulla...sono assolutamente, totalmente d'accordo.questo è lo spirito del pubblicare assolutamente, di postare informazioni.certo, se il tuo mestiere è fare arte e vorresti metterla sulla rete è un altro discorso ... ma in tutti gli altri casi ...Hai stra-ragione!
  • Anonimo scrive:
    Non generalizziamo!
    Dall'articolo:
    chi offre servizi a due euro è da guardare con sospettoPersonalmente non credo sia corretto "colpevolizzare" in massa le aziende che per scelta commerciale riescono ad offrire servizi economici, pur mantenendone l'alta qualità. Al contrario affrontare un grosso investimento per un servizio non sempre porta ai risultati sperati. Il mio consiglio è sempre quello di informarsi prima di acquistare, in Rete e fuori...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non generalizziamo!
      - Scritto da: Daniele, hostitalia.it
      Personalmente non credo sia corretto
      "colpevolizzare" in massa le aziende che per
      scelta commerciale riescono ad offrire
      servizi economici...E' quello che dico anch'io. Non bisogna guardare solo il prezzo, ma il rapporto che c'e' tra esso e la qualita'. E' davvero un controsenso che dei consumatori protestino per il malfunzionamento di un servizio dando la colpa di cio' al prezzo troppo basso. Non e' un ragionare da consumatori, questo... ;-)
  • Anonimo scrive:
    pair networks
    io mi sono trovato molto bene con www.pair.com. costano cifre decenti, hanno server stabili, hanno offerte diverse alcune delle quali ricche di features. la velocità dall'italia è accettabile, e dichiarano molto chiaramente quanta è la banda inclusa negli abbonamenti: quella extra si paga, ma sempre cifre accettabili. sono seri e veloci.dopo questa pubblicità farò un po' lo sborone: certo che adesso che ho 5 mbit/sec da fastweb con due server dedicati è tutta un'altra cosa...ok mi eclisso :)
    • Anonimo scrive:
      Re: pair networks

      www.pair.com. costano cifre decenti,costano troppo c'e di meglio...
      dopo questa pubblicità farò un po' lo
      sborone: certo che adesso che ho 5 mbit/sec
      da fastweb con due server dedicati è tutta
      un'altra cosa...

      ok mi eclisso :)puoi fare hosting con fastweb ???? quanto costa e dove trovo dettagli ????
      • Anonimo scrive:
        Re: pair networks
        SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM SPAM
      • Anonimo scrive:
        Re: pair networks


        puoi fare hosting con fastweb ???? quanto costa e dove trovo dettagli ???? si, il problema è che _ogni_ IP pubblico costa circa 250 euro al mese. Per avere dettagli devi chiamarli e fissare un appuntamento con il loro commerciale.
        • Anonimo scrive:
          Re: pair networks



          puoi fare hosting con fastweb ???? quanto
          costa e dove trovo dettagli ????
          si, il problema è che _ogni_ IP pubblico
          costa circa 250 euro al mese.immagino servizi accessori a parte...;-)
          Per avere
          dettagli devi chiamarli e fissare un
          appuntamento con il loro commerciale.naturalmente...ma perche c**** nessuno mette mai i prezzi e le condizioni chiaramente sul sito ????;-(vabbe...
          • Anonimo scrive:
            GRATIS [Re: pair networks]
            Non ci vuole niente di tutto ciò... basta andare su siti che permettono l'uso di ip dinamico come cjb.net no-ip.com e dns2go.comAlcuni offrono anche la registrazione del dominio di 2 livello, cioè www.tuonome.com; sennò gratuitamente hai un url del tipo www.tuonome.cjb.net o .no-ip.com o dns2go.com ecc...Per fare del tuo pc un web server basta installare il sw giusto. per i server http c'è apache www.apache.org che è anche gratuito.Ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: GRATIS [Re: pair networks]

            Non ci vuole niente di tutto ciò... basta
            andare su siti che permettono l'uso di ip
            dinamico come cjb.net no-ip.com e dns2go.com
            Alcuni offrono anche la registrazione del
            dominio di 2 livello, cioè www.tuonome.com;
            sennò gratuitamente hai un url del tipo
            www.tuonome.cjb.net o .no-ip.com o
            dns2go.com ecc...
            Per fare del tuo pc un web server basta
            installare il sw giusto. per i server http
            c'è apache www.apache.org che è anche
            gratuito.
            Ciao!mica uso la banda larga per una cosa del genere...per dirti se mi metto a fare una cosa del genere come minimo faccio girare un dns server sul mio comp...;-)sempre che fastweb lo permetta...cosa che dubito...
          • Anonimo scrive:
            Re: GRATIS [Re: pair networks]
            no non lo permette: a casa hai un ip che è dinamico all'interno della rete fastweb, ma NON VISIBILE all'esterno. quindi al limite potresti fare un ottimo web server per gli altri utenti fastweb, ma non per il resto di internet.gli utenti non casalinghi possono pagare (non so quanto, credo quanto ha detto qualcun'altro) e farsi dare un ip visibile all'esterno.gli intraprendenti possono invece provare con mozzarella...infine da notare che quando parlavo delle macchine che ho da fastweb non intendevo a casa, ma proprio in housing da fastweb.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: GRATIS [Re: pair networks]

            gli utenti non casalinghi possono pagare
            (non so quanto, credo quanto ha detto
            qualcun'altro) e farsi dare un ip visibile
            all'esterno.e quello che stavo chiedendo...se e possibile CONTRATTUALMENTE (visto che anche loro offrono hosting e housing) e a che costi...parlando cosi per dire...;-)perche questo tipo di info non le trovi mai FACILMENTE...mahhh...
  • Anonimo scrive:
    No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
    Scusate il titolo del post è troppo estremista, lo so che ci sono MOLTE, MOLTISSIME aziende di hosting Italiane che fanno seriamente il loro lavoro.Tuttavia negli Stati Uniti vi sono offerte di hosting molto interessanti a cifre abbastanza modiche (CMQ DI SICURO NON I 20 ? E QUALCOSA DI ARUBA!!!) e offrono servizi E ASSISTENZA davvero ottima.Insomma se avete un sito amatoriale (del tipo la foto della mia moroso , e i miei hobby penso che un free hosting vada bene) ma se decidete di spendere un po' di tempo e soldini per creare un sito interessante, affidatelo ad aziende serie, anche per rispetto del vostro stesso lavoro.Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
      un intervento inutile, anzi, un intervento del cazzo
      • Anonimo scrive:
        Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
        - Scritto da: giorgio
        un intervento inutile, anzi, un intervento
        del cazzoBella lì! e il Tuo? E' costruttivo?
        • Anonimo scrive:
          Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
          ah ah, e il tuo?andiamo avanti all'infinito???
          • Anonimo scrive:
            Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
            Diciamo le cose seriamente o per dire cavolate??DOMINI.it= perchè no??PERCHé SCEGLIERE UN DOMINIO .it:-portiamo i soldi in casa-se la LAR è compilata bene, e ti affidi ad un hoster serio, in 12 ore tu vedi il tuo bel dominio e sei certo che avrai nell'admin i tuoi bei dati-in qualsiasi momento lo puoi tarsferire in 24 ore da hoster a hoster, senza impazzire e senza attendere....SAI che se per caso l'hoster si mette lui come admin tu il tuo dominio potresti anche scordartelo? sai che se tu fai scadere il tuo dominio .com, per trasferirlo devi pagare il trasferimento?? sempre che tu sia l'admin del dominio.....perchè se no scordati di aver vita facile o di vedere il tuo dominio online dopo 24 ore-------invece con i domini .it ha il tuo culo coperto, visto che in caso di trasferimento in 24/48 ore (sempre che hai un mantainer decente) hai il tuo bel sito online..senza impazzire...lo sai??? Sai che se il tuo dominio .it è scaduto lo puoi tarsferire senza problemi sempre in 24/48 ore???.........lascio il discorso hoster esteri perchè non ci lavoro, ma ho voluto fare un pò di chiarezza verso chi non ha conoscenze REALI verso i domini .com,net,orgIL NIC ITALIANO HA DA INSEGNARE al mondo anche se sono più burocratici...sai quanto tempo passa per cambiare il titolare del dominio .it?? se sei capace a fare la LAR in 24 ore--------un .com?? prova e mi saprai dire
          • Anonimo scrive:
            Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
            12 ore.
          • Anonimo scrive:
            Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
            - Scritto da: IMPARA
            Diciamo le cose seriamente o per dire
            cavolate??
            DOMINI.it= perchè no??
            PERCHé SCEGLIERE UN DOMINIO .it:
            -portiamo i soldi in casa
            -se la LAR è compilata bene, e ti affidi ad
            un hoster serio, in 12 ore tu vedi il tuo
            bel dominio e sei certo che avrai nell'admin
            i tuoi bei dati
            -in qualsiasi momento lo puoi tarsferire in
            24 ore da hoster a hoster, senza impazzire e
            senza attendere....SAI che se per caso
            l'hoster si mette lui come admin tu il tuo
            dominio potresti anche scordartelo? sai che
            se tu fai scadere il tuo dominio .com, per
            trasferirlo devi pagare il trasferimento??
            sempre che tu sia l'admin del
            dominio.....perchè se no scordati di aver
            vita facile o di vedere il tuo dominio
            online dopo 24 ore-------invece con i domini
            .it ha il tuo culo coperto, visto che in
            caso di trasferimento in 24/48 ore (sempre
            che hai un mantainer decente) hai il tuo bel
            sito online..senza impazzire...lo sai??? Sai
            che se il tuo dominio .it è scaduto lo puoi
            tarsferire senza problemi sempre in 24/48
            ore???.........

            lascio il discorso hoster esteri perchè non
            ci lavoro, ma ho voluto fare un pò di
            chiarezza verso chi non ha conoscenze REALI
            verso i domini .com,net,orgMa hai mai registrato un dominio .com, o semplicemente ami farti del male registrando .it?

            IL NIC ITALIANO HA DA INSEGNARE al mondo
            anche se sono più burocratici...Sicuramente rispetto allo schifo del 2000 adesso va meglio.

            sai quanto tempo passa per cambiare il
            titolare del dominio .it?? se sei capace a
            fare la LAR in 24 ore--------un .com?? prova
            e mi saprai direIo impiego circa 2 (DUE) MINUTI. Entro 8/12 il cambiamento è visibile al whois.Non ti fermate alla prima osteria, e se proprio ci tieni, sarai in grado di dare informazioni attendibili.olivedolci.
          • Anonimo scrive:
            Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
            SE rilegessi il POST potresti capire megliotu hai la fortuna di essere ADMIn, di gestire il pannello del TLD com, net, org....ma chi compra da un hoster??Spero che tu abbia capito...Non parlare da chi ha la possibilità di gestire il dominio, ma mettiti nei panni di chi compra da un hoster (rileggi grazie).com,net,org: circa 800.it: circa 900
          • Anonimo scrive:
            Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.

            Ma hai mai registrato un dominio .com, o
            semplicemente ami farti del male registrando
            .it?PERCHè????????mando lar alle 8 del mattino, ore 17 il dominio è registrato, ore 8 del giorno successivo il dominio è onlineboo!
    • Anonimo scrive:
      Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
      sì però il titolo è sbagliato... ai, non hai!:-) buona notte e buon giornoa.
    • Anonimo scrive:
      Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
      ops dimenticavo..ovviamente il migliore hosting del pianeta è sicuramente mediatemple.net;)
      • Anonimo scrive:
        Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
        - Scritto da: sempre io
        ops dimenticavo..ovviamente il migliore
        hosting del pianeta è sicuramente
        mediatemple.net
        ;)SPAM SPAM SPAM
    • Anonimo scrive:
      [OT] "hai servizi"
      Brividi lungo la schiena... neanche in seconda elementare si fa un errore del genere.
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT]
        - Scritto da: Brrrrr
        Brividi lungo la schiena... neanche in
        seconda elementare si fa un errore del
        genere.Ti diro', chatto molto, con parecchie persone, e ho notato che questo errore e' diffusissimo.Chissa' come mai, peraltro...
    • Anonimo scrive:
      Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
      Lasciamo perdere "hai servizi". Non sono affatto d'accordo !Se hai la necessità di lavorare col web, conviene acquistare sicuramente in Italia ! Almeno se vengono violate le condizioni, a far causa ci metti niete, a sapere a chi è intestata la società, dove si trova.. se devi compare 300 domini, o sei abbastanza grosso da avere un ufficio acquisti che si informa, oppure non hai nessuna garanzia.. magari c'è scritto Sede in Floria e in realtà la soc è di un bos columbiano.. vagli a richiedere i 10 milioni che ti hga fregato...La stragrande maggioranza delle società internet le conosci solo tramite una o due pagine web.. ma esistono veramente ???DADA sai che è a Firenze.. e al limite vai li con un bazzuca e ci ragioni e gli parli con calma dei tuoi problemi...
      • Anonimo scrive:
        Re: No ai domini it e hai servizi hosting Italiani.
        Hai ragione, tanto piu' che esiste anche l'ottimo servizio offerto dalla Camera di Commercio, attraverso il quale e' possibile sapere in tempo reale se un'azienda in Italia esiste veramente o no:www.infoimprese.it- Scritto da: Enrico
        Lasciamo perdere "hai servizi".
        Non sono affatto d'accordo !

        Se hai la necessità di lavorare col web,
        conviene acquistare sicuramente in Italia !
        Almeno se vengono violate le condizioni, a
        far causa ci metti niete, a sapere a chi è
        intestata la società, dove si trova.. se
        devi compare 300 domini, o sei abbastanza
        grosso da avere un ufficio acquisti che si
        informa, oppure non hai nessuna garanzia..
        magari c'è scritto Sede in Floria e in
        realtà la soc è di un bos columbiano.. vagli
        a richiedere i 10 milioni che ti hga
        fregato...


        La stragrande maggioranza delle società
        internet le conosci solo tramite una o due
        pagine web.. ma esistono veramente ???

        DADA sai che è a Firenze.. e al limite vai
        li con un bazzuca e ci ragioni e gli parli
        con calma dei tuoi problemi...
  • Anonimo scrive:
    aruba
    ho aruba da quasi tre anni e a parte l'inizio disastroso, adesso mi sembra che vada ben, voi che dite?
    • Anonimo scrive:
      Re: aruba
      Idem.
    • Anonimo scrive:
      Re: aruba
      - Scritto da: giorgio
      ho aruba da quasi tre anni e a parte
      l'inizio disastroso, adesso mi sembra che
      vada ben, voi che dite?Che sei stato MOOOOOOOOLTO fortunato oppure sei MOOOOOOLTO paziente e MOOOOOOOOOLTO poco esigente :-)Sia chiaro, non parlo di pretese assurde, parlo di condizioni CONTRATTUALI di un hosting pubblicizzato scorrettamente, contrattualizzato in maniera fuorviante e di un servizio che NON MANTIENE le promesse fatte nella promozione online e (cosa molto più grave) nel contratto.SalutiPS: Evitiamo le solite risposte "hai voluto spendere 25?? E mo' te lo tieni". Ne abbiamo le tasche piene di questi commenti superficiali.
      • Anonimo scrive:
        Re: aruba

        Che sei stato MOOOOOOOOLTO fortunato oppure
        sei MOOOOOOLTO paziente e MOOOOOOOOOLTO poco
        esigente :-)

        Sia chiaro, non parlo di pretese assurde,
        parlo di condizioni CONTRATTUALI di un
        hosting pubblicizzato scorrettamente,
        contrattualizzato in maniera fuorviante e di
        un servizio che NON MANTIENE le promesse
        fatte nella promozione online e (cosa molto
        più grave) nel contratto.spiegati meglio
        • Anonimo scrive:
          Re: aruba
          Salve uso aruba da quasi un'anno...e devo dire che il servizio è buono...per quanto riguarda la registrazione dei domini direi 2/3 giorni...ho registrato in 3 anni quasi 150 domini e cambiato decine di hosting..quindi per quanto riguarda aruba il mio giudizio è positivo..premetto che non sono un socio di aruba :) ciauzzz
          • Anonimo scrive:
            Re: aruba
            Anche io uso Aruba da circa 3 e non ho nessun problema, anche l'assistenza sul forum non ha mai tardato... l'unica cosa è che danno spazio illimitato per le email ed invece questo limite c'è... ed è anche segnalato in maniera non corretta nel webmail... comunque tutto e' saperlo! Per il resto tutto ok, faccio anche uso massiccio della loro banda e non mi hanno mai messo giu' il sito.Ciao e a presto,Raffaele
          • Anonimo scrive:
            Re: aruba
            Anch'io uso Aruba. Devo dire che in passato ho avuto molti problemi con gli account email. Ci sono stati più volte oscuramenti. Tutto questo però capita ormai di rado. Il rapporto qualità/prezzo fa onore ad Aruba. Ho provato altri hosting ben più cari (parlo anche di 4 volte di più), ma i problemi erano ben maggiori ed i servizi molto pochi. Tutto questo è solo per dirvi di fare attenzione: non è vero che il prezzo sia sempre indice di qualità. Informatevi piuttosto sulle buone referenze di chi offre il servizio.
          • Anonimo scrive:
            Re: aruba
            Ciao.Io uso ARUBA da quasi un anno ormai e fino ad oggi non ho nulla da lamentare, anzi... per ?25 danno anche il supporto alle pagine ASP.L'assistenza è rapida e gli operatori sono molto cordiali.L'unico "fermo" subito è quello dovuto al trasferimento dei server nella nuova sede con connettività raddoppiata, ma si è trattato di un piccolo sacrificio per avere in cambio un servizio - secondo me - eccellente.Anche il mio sito è un consumatore di banda, dato che si tratta della home di ZipGenius (programma zip/unzip freeware recensito anche da PI) e con numerosi downloads quotidiani, però nessuno ha osato mettere giù il sito per "eccesso di consumo di banda".Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: aruba
            Io ho registrato il dominio www.2600hertz.net su aruba e finora non ho avuto nessun problema, a parte l'attivazione del dominio (stupidamente ho pagato via bonifico bancario invece che con carta di credito e ci è voluto quasi un mese per l'attivazione) tutto finora funziona bene... Insomma per 25 euri non mi posso davvero lamentare, anche perchè c'è chi fa pagare anche 100 o 150 euri e offre la metà dei servizi, che magari poi nemmeno funzionano bene...Non capisco perchè indignarsi tanto se i servizi di hosting gratuito funzionano male o pongono limitazioni. Se vado al supermercato a comprare le fettine, le pago. Che siano buone o no lo valuto poi; scandalizzarsi per un servizio di hosting gratuito che limita la banda giornaliera è come lamentarsi se alla sagra del salame ci offrono assaggi di salumi che non ci piacciono... ma per piacere!
        • Anonimo scrive:
          Re: aruba
          Ti spiego io.A gennaio passo il sito da una directory di un provider gratuito ottimo ad aruba.A febbraio iniziano problemi.Durante l'arco della giornata il DNS non è raggiungibile per delle intere mezz'ore (opure da un messaggio SERVER STATUS: UP). Questo problema lo da ancora oggi, nonostante sia stato minacciato più volte ( se hai fortuna poi ti accade quando ti recensice qualcuno, preciso che il sito non ha sponsor ed è non-profit ).Altro problema. Durante i week-end cade il servizio FTP, ti credi che questo interessi a qualcuno? Non fino al lunedì. E questo è accaduto per 3 settimane di fila da febbraio a marzo. Seconto te hanno avvisato gli utenti?
Chiudi i commenti