Corri Asimo, corri!

Honda ha presentato una nuova versione del suo robottone bipede capace di correre e di compiere movimenti più ampi e precisi. Si parla già di robot-assistente


Tokyo (Giappone) – Corre, salta, balla, fa piroette e accende fiammiferi. È ciò che sa fare la nuova incarnazione del famoso robottone bipede di Honda , Asimo , ormai divenuto una vera superstar dentro e fuori il Giappone.

Il robot, alto quando un bimbo di una decina d’anni e simile, nell’aspetto, ad un astronauta, è stato presentato per la prima volta nel 2000 e, da allora, la Honda lo ha utilizzato come “robot di rappresentanza” in meeting, fiere e tour promozionali.

La nuova versione di Asimo conserva più o meno lo stesso aspetto dell’originale ma ha acquisito la capacità di correre, ossia di staccare entrambi i piedi da terra senza perdere l’equilibrio, di girare una chiave nella toppa, di ruotare su sé stesso e di muovere la testa in cerca di ostacoli.

Ma se Asimo può vantare di essere stato il primo robot bipede, deve invece cedere il primato della corsa a Qrio , il robot a due “zampe” svelato da Sony lo scorso anno. Entrambi sono in grado di correre a circa 2,5 Km all’ora, ma fra i due vi sono non trascurabili differenze di stazza: mentre Asimo è alto 130 cm e pesa 54 Kg, Qrio è alto 60 cm e pesa appena 7 Kg.

Del resto i campi applicativi dei due androidi di latta sono ben diversi: mentre Sony, come ha fatto con Aibo, punta a fare di Qrio un costoso giocattolo hi-tech, Honda spera di fare del suo robottone un docile e zelante assistente dell’uomo da impiegare in vari ambiti lavorativi, dalle fabbriche agli uffici.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luciano guidotti scrive:
    stampanti olografiche
    sarei interessato a saperne di piu' sulle stampanto olografichegrazie
  • avvelenato scrive:
    Re: testo copiato: nulla di nuovo
    - Scritto da: Anonimo
    Non si capisce una mazza, uno non sa neanche
    cosa rispondere. E solo un testo che salta
    da un argomento all'altro in poche frasi che
    non dicono nulla.

    mappeffavore..non sono d'accordo. si capisce tutto e io condivido pure.
  • JackMauro scrive:
    Re: Non è un problema di bollini
    - Scritto da: ElfQrin
    Non credo che il problema sia il bollino.
    Nella maggior parte dei casi la gente
    è cosciente del fatto che sta
    comprando una batteria non originale,
    né il venditore induce il compratore
    a credere che sia originale.Infatti...è un problema di prezzi.......--Jackhttp://jack.logicalsystems.it/homepage
  • Anonimo scrive:
    Re: testo copiato: nulla di nuovo
    Non si capisce una mazza, uno non sa neanche cosa rispondere. E solo un testo che salta da un argomento all'altro in poche frasi che non dicono nulla. mappeffavore..
  • Anonimo scrive:
    Re: uhmm,sicuro?
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo


    riesca a farsi avere

    Rotfl... Ma come parli? Ecchessarammai... a proposito, non stare li a cazzeggiare, scendi il cane che lo piscio.
  • Anonimo scrive:
    Re: Finiamola!
    - Scritto da: Anonimo
    Le batterie compatibili, anche quelle cinesi
    vendute su ebay a 1$, sono affidabili quanto
    quelle originali, che sono sempre prodotte
    sottocosto in cina!prima le smontipoi ti ricredied infine smetti di comprare hi tech alla fattoria del salame!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Finiamola!

    Le batterie compatibili, anche quelle cinesi
    vendute su ebay a 1$, sono affidabili quanto
    quelle originali, che sono sempre prodotte
    sottocosto in cina!Su questo avrei da ridire. Vai a vedere i siti dei produttoridi batterie (intesi come la singola cella): dello stesso tipodi batteria hanno diverse versioni, con diverse caratteristicheed ovviamente diversi costi. Anche per le batterie piombo-acido e` cosi`.
  • ElfQrin scrive:
    Non è un problema di bollini
    Non credo che il problema sia il bollino. Nella maggior parte dei casi la gente è cosciente del fatto che sta comprando una batteria non originale, né il venditore induce il compratore a credere che sia originale.E in questo caso la cosa è pure perfettamente legale (tranne forse negli USA, con il loro draconiano DMCA).E' semplicemente una questione di prezzi.Poi questa storia dei bollini, sembra l'abbiano presa a prestito dall'Italia (vedi SIAE & co... siamo la repubblica delle banane ;-) )
  • Anonimo scrive:
    Stampanti olografiche
    Se non sbaglio, proprio qui su PI avevo letto di una stampante in grado di stampare ologrammi....
  • Anonimo scrive:
    Re: uhmm,sicuro?
    - Scritto da: Anonimo
    riesca a farsi avere Rotfl... Ma come parli?
  • Anonimo scrive:
    Re: uhmm,sicuro?
    - Scritto da: Anonimo
    Basterebbe che chi produce/smercia le
    batterie "fake" riesca a farsi avere anke
    uno stock di bollini olografici.E per
    "riesca a farsi avere" intendo anche
    rubare(come spesso fanno)basterebbe che .... riuscisseobasterà che ... riesca
  • Anonimo scrive:
    Finiamola!
    Le batterie compatibili, anche quelle cinesi vendute su ebay a 1$, sono affidabili quanto quelle originali, che sono sempre prodotte sottocosto in cina!
  • Anonimo scrive:
    Sarà....
    Io dico che l'unico sistema che hanno è abbassare i prezzi.Spesso conviene buttare il cellulare :( La gente sa benissimo che compra una compatibile......
  • Anonimo scrive:
    uhmm,sicuro?
    Basterebbe che chi produce/smercia le batterie "fake" riesca a farsi avere anke uno stock di bollini olografici.E per "riesca a farsi avere" intendo anche rubare(come spesso fanno)
Chiudi i commenti