Cortana si fa largo sul lock screen di Android

Microsoft offre nella versione di test la possibilità di invocare l'assistente digitale a schermo bloccato: non sono per ora previsti meccanismi di sicurezza

Roma – La strategia con cui Microsoft intende colonizzare i sistemi operativi mobile terzi con i propri servizi si manifesta con un altro tassello: l’assistente digitale Cortana potrebbe presto manifestarsi sui terminali Android a schermo bloccato, così da rappresentare la prima risorsa di supporto agli utenti dei terminali che montino l’OS di Google.

Cortana su lock screen

Da tempo Microsoft ha avviato la distribuzione dell’app di Cortana per Android e iOS (ancora non disponibili in Italia), e recentemente ha offerto agli utenti un sostanzioso aggiornamento , a dimostrazione del fatto che Redmond non teme di far confrontare il proprio assistente digitale con la concorrenza, su un terreno mobile in cui giocare in casa con Windows Phone è pressoché vano . Nella versione provvisoria proposta a chi aderisce al programma di test per Cortana su Android, Microsoft ha messo a disposizione la possibilità di invocare l’assistente digitale a schermo bloccato .

Al momento dell’installazione dell’aggiornamento, all’utente è chiesto se desideri abilitare la funzione: in caso venga accordato il permesso, l’icona di Cortana comparirà a fondo schermo sul lock screen e uno swipe consentirà di aprire il pannello dedicato per interagire con l’assistente digitale e rivolgerle richieste.

Cortana appare pronta ad operare su qualsiasi lock screen per Android, e non a sostituirvisi. Per il momento, non necessita dello sblocco del terminale con il PIN o con altri strumenti di autenticazione: secondo gli osservatori ciò potrebbe insidiare la sicurezza dei dati personali degli utenti, a cui terzi potrebbero accedere interrogando l’assistente digitale. Con ogni probabilità Microsoft provvederà prima del rilascio di massa, dotando la funzione di meccanismi di controllo, magari basati sul riconoscimento della voce, o limitando i dati a cui Cortana può accedere a schermo bloccato.
Per il momento non è dato conoscere le tempistiche di rilascio dell’aggiornamento che conterrà la funzione.

Gaia Bottà

Fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • an0nim0 scrive:
    Tecnocontrollo perdente
    Strano pero' che il tecnocontrollo del grande fratello non lo aiuti a vincere le elezioni. E' buffo vedere come in UK vinca la brexit dello UKIP, negli USA vinca Trump e in Francia i sondaggi danno Le Pen in gran rimonta. Questi soggetti non accedono al "control panel del tecnocontrollo", ci accedono invece i loro avversari che puntualmente perdono. Insomma questi signori sapranno anche tutto di noi ma non riescono a "farci fessi". E, nonostante abbia rinunciato da un pezzo a stare sull'albero, resto convinto di scegliere e acquistare i prodotti secondo la mia testa e non la loro.
    • risposta elementare scrive:
      Re: Tecnocontrollo perdente
      - Scritto da: an0nim0guarda è semplicissimo.I politici hanno spinto l'allarmismo (allarme terrorismo, allarme malavita, allarme immigrazione, allarme moneta, allarme banca ,... ) per cercare di avere più potere (stato di emergenza, nuovi poteri senza garanzie per i sospettati, ...).Peccato però che a furia di convincere la gente che tutte queste emergenze sono grandi e reali, la gente ha pensato che il politico 'normale' non è in grado di affrontarle e quindi si è rivolto al politico 'forte', alle decisione 'forte' (uscire dall'Europa) e così via...
    • brizzini scrive:
      Re: Tecnocontrollo perdente
      In parte hai ragione, in parte ti ha risposto 'risposta elementare'.Hai ragione sul fatto che avere gli strumenti non significa necessariamente saperli usare al meglio.Ma non preoccuparti, le cose evolvono.
  • octopus scrive:
    Re: ottomano
    Ci sono sempre soluzioni.E' la volontà, che le attua o meno.I politici sono degli esseri privi di responsabilità, fanno solo ciò che politicamnete gli conviene, non quello che conviene ai cittadini.Tocca a questi ultimi dirigerli in una o nell'altra direzione.Ma i cittadini, per una serie di motivi che certo non possiamo analizzare in un forum, non lo fanno, e il risultato è la situazione mondiale che viviamo.Finché non ci riprendiamo la responsabilità delle nostre vite, le teste intelligenti ma immature che mettiamo a governarci si comporteranno sempre come bambini che vogliono tutto, dando il meno possibile.Inutile dire che è un discorso retorico.Una società di cittadini responsabili non produce all'origine i politici irresponsabili...
  • quartopiano scrive:
    QUATTRO CHIACCHIERE CON CASSANDRA
    https://www.aneddoticamagazine.com/otto-anni-su-un-albero/[yt]6GFntHywgmA[/yt]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 gennaio 2017 15.16-----------------------------------------------------------
    • quartopiano scrive:
      Re: QUATTRO CHIACCHIERE CON CASSANDRA
      IN ANTEPRIMAQuattro chiacchiere con Cassandra: "Alternative Facts" YOUTUBE VIDEO: https://youtu.be/1lVHffPOPIgANEDDOTICA MAGAZINEhttps://www.aneddoticamagazine.com/quattro-chiacchiere-con-cassandra-alternative-facts/Marco Calamari commenta l'articolo su SlashdotGeorge Orwell's '1984' Tops Amazon's Bestseller Listhttps://news.slashdot.org/story/17/01/25/0256236/george-orwells-1984-tops-amazons-bestseller-list
  • gino scrive:
    stoltezza endemica
    Caro Cassandra, alcuni giorni fa ho letto su un quotidiano a tiratura nazionale che l'80 percento delle persone non capisce il mondo che le circonda se non a livello superficiale e senza memoria, e non capisce nemmeno di non capire.L'80 percento!Che il nostro sia un pianeta-manicomio mi è stato chiaro fin dalla gioventù, guardando me stesso e chi mi circondava, ma adesso ne sto vedendo le conseguenze concrete, ed è una percezione pessima.La gente parla solo di quello di cui i media parlano, ed è incredibile!Non parlano delle cose che soffrono o di cui sono contenti, unendosi per cambiarle, ma parlano di argomenti che sono proposti giornalmente da un numero ristrettissimo di persone, i giornalisti delle agenzie che forniscono le news ai giornali/televisioni.Questa è massificazione e le masse, insegna la psicologia sociale, hanno una evoluzione pari a quella di un bambino di pochi anni (dipende dalla società, dai due ai sei anni).Chi si rende massa (almeno l'80 percento delle persone) si auto-riduce a persona (= maschera) e rinuncia ad essere un individuo (= non-diviso), con le conseguewnze nefaste a cui assistiamo.Se consideriamo poi che le società, a causa dell'inconsapevolezza delle persone che le formano, pendolano da un ecXXXXX a quello opposto, è abbastanza chiaro dove stiamo andando in questa fase dell'oscillazione.C'è poco da fare: solo l'individuo può evolvere e diventare adulto, le masse non possono per definizione, e chi si rende massa segue, con gli effetti che descrivi.E' chiaro che chi sta al potere, economico e politico, sa bene tutto questo, e si guarda bene dall'insegnarlo alle masse stolte, per poterle guidare senza troppe resistenze.
  • lele scrive:
    parole
    facili critiche senza proporre nessuna soluzione. Forse è il momento di pensare a come migliorare le cose invece che piangersi addosso. La rete è uno strumento potente e a portata di tutti, le possibilià per cambiare le cose ci sono. Inutile lamentarsi
    • Il fuddaro scrive:
      Re: parole
      - Scritto da: lele
      facili critiche senza proporre nessuna soluzione.
      Forse è il momento di pensare a come migliorare
      le cose invece che piangersi addosso. La rete è
      uno strumento potente e a portata di tutti, le
      possibilià per cambiare le cose ci sono. Inutile
      lamentarsiE quali di grazia, i like su facebook? Proponi.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: parole
        - Scritto da: Il fuddaro
        - Scritto da: lele

        facili critiche senza proporre nessuna
        soluzione.

        Forse è il momento di pensare a come migliorare

        le cose invece che piangersi addosso. La rete è

        uno strumento potente e a portata di tutti, le

        possibilià per cambiare le cose ci sono. Inutile

        lamentarsi


        E quali di grazia, i like su facebook? Proponi.Organizzarsi, per cambiare le cose, fare quello che l'informazione non fa da decenni, aiutare chi non è in grado di fare certe cose, con guide ed altro.Non ci vuole poi molto.
  • ottomano scrive:
    Concordo ma... ci sono soluzioni?
    Concordo con l'articolo, ma abbiamo una soluzione?Io la vedo come un equilibrio di Nash che difficilmente potrà essere scardinato.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 gennaio 2017 15.43-----------------------------------------------------------
    • mah scrive:
      Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
      Modificato dall' autore il 19 gennaio 2017 15.43
      --------------------------------------------------
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
        - Scritto da: mah
        - Scritto da: ottomano

        Concordo con l'articolo,

        Io invece discordo, specialmente su questo punto:

        "Il tecnocontrollo domina la nostra vita"


        ma abbiamo una soluzione?

        "Abbiamo" chi? Esisono centinaia di milioni di
        persone che accedono ad internet senza esporsi ai
        "social" e senza farsi "dragare".No, esistono centinaia di milioni di illusi, di cui tu fai parte, che sbagliando ne sono convinti.
        • parla per te scrive:
          Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
          Un classico, tu fai schifo a te stesso e per sentirti meglio accusi gli altri di fare schifo quanto te.Condizione miserabile la tua.
          • Il fuddaro scrive:
            Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
            - Scritto da: parla per te
            Un classico, tu fai schifo a te stesso e per
            sentirti meglio accusi gli altri di fare schifo
            quanto
            te.

            Condizione miserabile la tua.No lui è un miserabile. E un dato di fatto acquisito su sto forum.
        • ... scrive:
          Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
          Ti fai schifo da solo e per giustificarti insulti gli altri.
      • FasoTutoMiD ioCan scrive:
        Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?


        ma abbiamo una soluzione?

        "Abbiamo" chi? Esisono centinaia di milioni di
        persone che accedono ad internet senza esporsi ai
        "social" e senza farsi
        "dragare".Purtroppo non è proprio così facile.Si, esistono molte persone che non sono presenti volontariamente sui social ma vengono comunque esposte "di rimbalzo" in quanto "contatti" dei dementi che, invece, si mostrano, tutti felici, con le mutande alle caviglie.Starne fuori è sempre più difficile senza contare che sei visto come un visionario/paranoico. Non che me ne freghi un tubo ma questo è.PSConfronta il numero di commenti tra questo bell'articolo di Calamari e un qualsiasi altro che abbia a che fare, per esempio, con Papple e i suoi adepti.Vedrai il reale interesse su un argomento come diritti, privacy ecc
        • parla per te scrive:
          Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
          - Scritto da: FasoTutoMiD ioCan


          ma abbiamo una soluzione?



          "Abbiamo" chi? Esisono centinaia di milioni
          di

          persone che accedono ad internet senza
          esporsi
          ai

          "social" e senza farsi

          "dragare".

          Purtroppo non è proprio così facile.
          Si, esistono molte persone che non sono presenti
          volontariamente sui social ma vengono comunque
          esposte "di rimbalzo" in quanto "contatti"Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. I fatti miei non "rimbalzano" come dici tu.
          dei
          dementi che, invece, si mostrano, tutti felici,
          con le mutande alle
          caviglie.
          Starne fuori è sempre più difficile senza contare
          che sei visto come un visionario/paranoico.Non devi mica andare in giro a divulgare il verbo e al tempo stesso farti accettare dagli altri, devi pararti il ****. E' chiaro il concetto?
          Non
          che me ne freghi un tubo ma questo
          è.

          PS
          Confronta il numero di commenti tra questo
          bell'articolo di Calamari e un qualsiasi altro
          che abbia a che fare, per esempio, con Papple e i
          suoi
          adepti.
          Vedrai il reale interesse su un argomento come
          diritti, privacy
          eccE il *TUO* interesse qual è? Non avete le °° per prendere una posizone, vi rendete conto di fare schifo e ricorrete alla solita scusa:[yt]qtnVFOpNW5c[/yt]
        • panda rossa scrive:
          Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
          - Scritto da: FasoTutoMiD ioCan


          ma abbiamo una soluzione?



          "Abbiamo" chi? Esisono centinaia di milioni
          di

          persone che accedono ad internet senza
          esporsi
          ai

          "social" e senza farsi

          "dragare".

          Purtroppo non è proprio così facile.
          Si, esistono molte persone che non sono presenti
          volontariamente sui social ma vengono comunque
          esposte "di rimbalzo" in quanto "contatti" dei
          dementi che, invece, si mostrano, tutti felici,
          con le mutande alle
          caviglie.
          Starne fuori è sempre più difficile senza contare
          che sei visto come un visionario/paranoico. Non
          che me ne freghi un tubo ma questo
          è.

          PS
          Confronta il numero di commenti tra questo
          bell'articolo di Calamari e un qualsiasi altro
          che abbia a che fare, per esempio, con Papple e i
          suoi
          adepti.
          Vedrai il reale interesse su un argomento come
          diritti, privacy
          eccSe ci fossero su questo forum dei poveri XXXXXXXX che credono che spiattellare in rete la loro identita' e i fatti loro sia figo, vedresti che sarebbero trattati alla stregua dei tre applefan, se non peggio.Per fortuna in questo forum tutti hanno la decenza di presentarsi come anonimi, e parecchi di loro anche attraverso anonimizzatori.Quindi non vedo il motivo di scatenare flames su una questione che ci vede tutti d'accordo.
        • Izio01 scrive:
          Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
          - Scritto da: FasoTutoMiD ioCan

          PS
          Confronta il numero di commenti tra questo
          bell'articolo di Calamari e un qualsiasi altro
          che abbia a che fare, per esempio, con Papple e i
          suoi adepti.
          Vedrai il reale interesse su un argomento come
          diritti, privacy eccSemplicemente, le posizioni di Calamri sono estreme come al solito, e focalizzate sulli turchi: Facebook, Google, eccetera, mamma mia!Sta di fatto che se anche usi un cellulare stile anni '90, la tua compagnia telefonica sa dove questo si trova in ogni momento.Usi il telefono per parlare? A me risulta che le norme italiane sulla data retention prevedano che tutte le tue conversazioni vengano salvate e conservate per un bel po'.Sììì, ma solo l'autorità giudiziaria può accedervi, mica una cattivissima azienda privata! Vero, vero. Google sa parecchie cose di me. Sa dove vivo, dove lavoro e che mi interesso di libri, videogiochi, cinema, musica. Sa anche chi sono le persone con cui intrattengo abitualmente corrispondenza.In tutto questo io non ci vedo nulla di tragico, mi spiace. Non sono dati a cui possa accedere chiunque, e anzi, personalmente mi fido più di Google che delle Grandi Autorità italiane, da sempre fenomeni di incapacità e corruzione.Facebook lo evito, non ho un profilo, perché i danni alla privacy superano a mio parere i vantaggi che offre. Nel caso di Google o LinkedIn, invece, scelgo di correre i rischi in cambio dei servizi che ricevo.Quello che a me dà MOLTO più fastidio è il proliferare di dispositivi connessi, che mi obbligano a cedere i miei dati a terzi per poterli utilizzare. In alcuni, limitati casi ho scelto di accettare questo compromesso, valutando la natura dei dati condivisi e le caratteristiche dell'oggetto, ma generalmente, a parità di funzionalità, sceglierò sempre un dispositivo "tonto". Il termostato connesso non mi serve; ho una bella centralina atmosferica che trasmette su internet, ma non conosce né il mio nome, né il mio indirizzo reale.Insomma, il non fare i luddisti a tutti i costi, non vuol dire per forza essere degli sprovveduti, almeno secondo me.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: FasoTutoMiD ioCan...
            "tonto". Il termostato connesso non mi serve; ho
            una bella centralina atmosferica che trasmette su
            internet, ma non conosce né il mio nome, né il
            mio indirizzo reale.Spero che la centralina te la sia costruita tu con una Raspberry o simili.Senno, se l'hai comprata, dovresti leggere un po' di cose sull'IoT prima di essere cosi' tranquillo.Ne ha scritto anche Cassandra.
          • ... scrive:
            Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
            Tu e lui, due XXXXXXXX patentati, semplicemente dovete smetterla di comprare termostati IoT. Hai visto XXXXXXXX? Anche un rinXXXXXXXXto come te ce la può fare.
          • ribichin scrive:
            Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
            "In tutto questo io non ci vedo nulla di tragico, mi spiace."Non ci vedi niente di tragico, Izio01, perché non hai considerato che farti manipolare la mente non è una gran bella cosa, aldilà di ogni altra considerazione totalitaria.E non considerare una cosa così grave, è un indice non buono della tua consapevolezza.O forse sei solo molto giovane, in questo caso è normale che non consideri cose profonde; i giovani sono proiettati all'esterno di sé, diversamente dagli adulti.
          • Izio01 scrive:
            Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
            - Scritto da: ribichin
            "In tutto questo io non ci vedo nulla di tragico,
            mi spiace."
            Non ci vedi niente di tragico, Izio01, perché non
            hai considerato che farti manipolare la mente non
            è una gran bella cosa, aldilà di ogni altra
            considerazione totalitaria.
            E non considerare una cosa così grave, è un
            indice non buono della tua
            consapevolezza.
            O forse sei solo molto giovane, in questo caso è
            normale che non consideri cose profonde; i
            giovani sono proiettati all'esterno di sé,
            diversamente dagli adulti.Quanta supponenza. La mia consapevolezza è a posto, grazie, e la mia mente non è più manipolata della tua.Mi piacerebbe essere giovane, ma sono abbastanza vecchio per aver imparato che chi si dà arie da vecchio saggio in un mondo di stolti, spesso è una nullità che, in mancanza di qualità reali, gratifica la propria autostima fissandosi in maniera ossessiva su problemi che non può risolvere. Non è un caso: i piccoli problemi risolubili richiedono generalmente duro lavoro, invece quelli troppo grandi forniscono un alibi per darsi una dignità, per guardare gli altri dall'alto in basso senza dover fare nulla di faticoso.Mi guardi dall'alto in basso? Me ne farò una ragione.
          • Re fresh scrive:
            Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
            Appunto, raggiungi un compromesso! MA perché devo per forza piegarmi a tale compromesso tra "servizi forniti" contro profilazione (che non è mai "parziale")?La questione è: se è gratis, il prodotto sei tu!La tracciabilità (e/o la profilazione) avviene indipendentemente da quello che si pensa e perfino dai "dettagli" del browser. Quanti di noi hanno impostato il DNS di google (8.8.8.8 o 8.8.4.4) dopo magari aver installato microblock, Adblock+ et simila?Essenzialmente se si usa tale DNS, si può dire addio alla "privacy"...Inoltre, secondo me, siccome le informazioni più accurate si ottengono incrociandole, meglio "distribuirle" a pezzi (divide et impera). Ovvero, fare ogni tanto false ricerche, così da creare una profilazione sballata...
        • vrioexo scrive:
          Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
          - Scritto da: FasoTutoMiD ioCan


          ma abbiamo una soluzione?



          "Abbiamo" chi? Esisono centinaia di milioni di

          persone che accedono ad internet senza

          esporsi ai "social" e senza farsi "dragare".

          Purtroppo non è proprio così facile.
          Si, esistono molte persone che non sono presenti
          volontariamente sui social ma vengono comunque
          esposte "di rimbalzo" in quanto "contatti" dei
          dementi che, invece, si mostrano, tutti felici,
          con le mutande alle caviglie.
          Starne fuori è sempre più difficileCerchiamo di puntualizzare meglio il discorso, perché così come lo hai portato avanti, sembra inevitabile soccombere all'avanzata del ''Grande Fratello'': l'esposizione indiretta ai Social (ma non solo) tramite conoscenti non è paragonabile all'esposizione diretta e volontaria: è vero che con l'esposizione indiretta una Società può ottenere dati più o meno rilevanti (in maniera illecita, però!) riguardanti la mia persona ma non può geo-localizzarmi, né tracciare un profilo dettagliato dei miei gusti, delle mie condizioni economiche, delle mie opinioni e del mio orientamento politico, etc., come invece avviene se fai volontariamente uso dei Social o di qualsivoglia servizio gratuito, che tanto gratuito, però, è meglio ribadirlo, non è:1) Quando il servizio è a pagamento: loro sono i fornitori e tu il cliente 2) Quando il servizio è gratuito: loro sono i clienti e tu il fornitore Nel primo caso paghi con i soldi, nel secondo con i tuoi dati e la tua privacy: ecco perché bisognerebbe svincolarsi da questa mentalità del finto-gratuito, in modo da ritornare ad essere utenti delle rete e non pecore in fila pronte per l'ennesima tosatura...
    • octopus scrive:
      Re: Concordo ma... ci sono soluzioni?
      Ci sono sempre soluzioni.E' la volontà, che le attua o meno.I politici sono degli esseri privi di responsabilità, fanno solo ciò che politicamnete gli conviene, non quello che conviene ai cittadini.Tocca a questi ultimi dirigerli in una o nell'altra direzione.Ma i cittadini, per una serie di motivi che certo non possiamo analizzare in un forum, non lo fanno, e il risultato è la situazione mondiale che viviamo.Finché non ci riprendiamo la responsabilità delle nostre vite, le teste intelligenti ma immature che mettiamo a governarci si comporteranno sempre come bambini che vogliono tutto, dando il meno possibile.Inutile dire che è un discorso retorico.Una società di cittadini responsabili non produce all'origine i politici irresponsabili...
  • Qualcuno scrive:
    100% d'accordo
    Sono perfettamente d'accordo su quanto espresso in quest'articolo.È veramente triste constatare giornalmente che il 99% delle persone di questi problemi se ne frega. Se tenti di spiegarglieli, o vieni totalmente ignorato o si trincerano dietro un "è inevitabile" o, peggio, vieni tacciato come paranoico, che prospetta scenari improbabili.Come sempre ci meritiamo quello che succede.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: 100% d'accordo
      - Scritto da: Qualcuno
      Sono perfettamente d'accordo su quanto espresso
      in
      quest'articolo.

      È veramente triste constatare giornalmente che il
      99% delle persone di questi problemi se ne frega.
      Se tenti di spiegarglieli, o vieni totalmente
      ignorato o si trincerano dietro un "è
      inevitabile" o, peggio, vieni tacciato come
      paranoico, che prospetta scenari
      improbabili.

      Come sempre ci meritiamo quello che succede.Personalmente vorrei campare altri cent'anni, solo per vedere la faccia che faranno questi buoi di giovani che non possono fare a meno di farsi usare dalla tecnologia(loro non la usano sia chiaro), quando vedranno che i signori che hanno ingozzato di danari, comperando le loro cose inutili sono i signori che li metteranno iin ginocchio e alla fame.Di questi giovani-modernisti nessuno sa quello che sta succedendo mentre loro ignari pensano alle fuffe. Parlo di energia, cibo, acqua, malattie, ecc, ecc. Se avranno i soldi, allora si disseteranno si cureranno e si riscalderanno, altrimenti semplicemente morranno!Si perché i buoi-giovani-modernisti(ma non solo), pensano che le cose così come sono state 'garantite' sino a ieri, ANCHE domani un qualsiasi pantalone le garantirà anche domani.Peccato che ci sono delle vere 'guerre' combattute senza bombe, di cui loro non sanno proprio niente, con cadenza fulminea stanno cambiando le sorti geopolitiche e del Mondo senza che lor buoi habbiano il minimo sentore, grazie anche ai media mainstrean corrotti e connivendi.
      • capra scrive:
        Re: 100% d'accordo
        mi permetto di intervenire: è dalla notte dei tempi che i vecchi dicono ai giovani che ai loro tempi era tutto meglio
        • Funz scrive:
          Re: 100% d'accordo
          - Scritto da: capra
          mi permetto di intervenire: è dalla notte dei
          tempi che i vecchi dicono ai giovani che ai loro
          tempi era tutto
          meglioMa è la prima volta da tanto tempo che hanno ragione.Il 99% delle persone non ha la minima idea di quello che ci aspetta nei prossimi decenni. Persino le due guerre mondiali sono state delle brevi interruzioni in un percorso di crescita economica, niente di paragonabile al declino della civiltà globalizzata di cui siamo all'inizio.
        • Il fuddaro scrive:
          Re: 100% d'accordo
          - Scritto da: capra
          mi permetto di intervenire: è dalla notte dei
          tempi che i vecchi dicono ai giovani che ai loro
          tempi era tutto
          meglioEcco che confermi di non aver capito niente! Quello che si racconta-va ai giovani noi vecchi: avevamo, ci facevamo, ci si dava da fare, ecc ,ecc, non a proprio NIENTE a che fare con il MONDO CAMBIATO E MODELLATO a proprio piacere da elitè che si sono 'comprato', forse meglio chiamarlo col proprio aggettivo, RUBATO, e continuano a depredare tutto quello che conta veramente sulla Terra.C'è in atto una VERA guerra, che in tanti manco si signano, dalla cyber-sicurezza, alle risorse naturali che tu sicuramente non riesci a distinguere, forse la sola Ucraina che si sono sparate bombe vere, le altre sono economiche-finanziarie, energia e beni di prima necessità, e la stanno combattendo senza esclusione di colpi le varie elitè.Ma visto che in TV non se ne parla o non ti fanno vedere bombardamenti, e ovvio che per quelli come te non esistono!Tempo massimo un decennio le vedrai arrivare tutte adosso come uno tsunami, quando non avrai soldi per curarti, soldi per dissetarti con acqua di tua proprietà(l'acqua e di tutti), non potrai puù piantare nemmeno nel tuo orto un pisello, perché non lo ti sarà più permesso.Certo oggi che mangi ancora a sbafo e in quantità spropporzionata e circoli a vuoto con l'auto con carburante che puoi ancora permetterti leggere quanto sto scrivendo, ti provocherà solo una grassa risata, ma il domani che ti prospetta sara ricco di pianto, e come piangerai.E per ultimo, tanto per ricordarlo a quanti un decennio fa ridevano se gli parlavi di cosa stava per accadere(ve lo ricordate?),Oggi già ridono di meno, mentre ai loro figli viene la depressione. Mentre voi continuate a pensare a quanto siano arrotondati gli angoli ad uno smartphone, e se siete più virili con un Iphone o un Android.
Chiudi i commenti