Cracksiti italiani sempre più offline

Vita dura per certi spazi web gestiti da italiani. Nelle scorse ore è stato sottoposto a sequestro un sito dedicato al sat-hack mentre sono stati sospesi due altri siti dedicati a cracking e dintorni. Parla Aruba


Roma – Si occupava di sat-hack il sito “Axtermixsat.com, studio della decodifica satellitare”, sito italiano che nelle scorse ore è stato sottoposto a sequestro dal Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni dell’Emilia Romagna su disposizione della Procura della Repubblica di Forlì.

Quello spazio web, di cui non rimane più traccia neppure nella cache di Google e della cui vicenda si è occupato anche Baudnet , da qualche tempo aveva conquistato una certa notorietà grazie ad una certosina opera di promozione che, probabilmente, ha finito per esporlo, per provocare un aumento notevole dei contatti, fino ad attirare l’attenzione delle forze dell’ordine. Queste da tempo sono impegnate nella repressione di quelle attività online che si attribuiscono al sito.

Su quelle pagine era infatti possibile trovare i codici con cui adattare le schede pirata per la ricezione della televisione satellitare ed è probabilmente proprio questa la ragione del sequestro, come già accaduto in altre occasioni.

Proprio ieri è poi giunto un comunicato stampa dalla Polizia Postale di Catania con cui è stato annunciato il sequestro di un sito indagato dal sostituto procuratore Giovannella Scaminaci della Procura Distrettuale della Repubblica di quella città.

Il sito, spiega una nota, propagandava e inneggiava all’ideologia fascista, “con contenuti apologetici finalizzati a un reclutamento”.

Il comunicato informa che il gestore è stato denunciato per apologia del fascismo e nei locali di sua disponibilità sono state effettuate delle perquisizione che hanno avuto “esito positivo”. Non è nota la URL del sito.

Ma dopo il recente sequestro di un sito di medicina alternativa , a “saltare” (ma senza l’intervento della magistratura) in questi giorni in cui si attende l’Hackmeeting di Bologna , sono stati due siti ospitati dal celebre fornitore di hosting Aruba e in vario modo legati al mondo dell'”underground tecnologico”.


Il primo è ZeroHack.it sulla cui home page ora campeggia la scritta: “Dominio fermato per non rispetto della Policy e delle norme vigenti”. E dove Aruba chiede esplicitamente ai gestori del sito di “rimuovere il materiale illegale residente sul server”. Il sito aveva come sottotitolo: “Pretoriani anti pedofilia hacking”.

Il secondo sito sospeso in queste ore da Aruba è Alexmessomalex.com , sito piuttosto noto il cui gestore, in una lettera spedita a Punto Informatico, afferma: “Il mio sito parla d’informatica, vuol’essere un piccolo portale che si occupa di notizie legate al mondo dei computer e di internet, spiega dettagliatamente cosa sono i virus, i trojans, gli strumenti adatti per rendere un computer sicuro come firewall e utilità di vario genere… solo pagine descrittive, nessun materiale illegale o di dubbia legalità è presente sullo spazio web a mia disposizione”.

Della cosa Punto Informatico ha potuto parlare ieri con i responsabili di Aruba secondo cui “l’intento non è certo quello di fare i poliziotti, non ce ne sarebbe neppure la possibilità, ma quando ci capitano davanti certe situazioni, se ci arrivano certe segnalazioni e se dall’esterno veniamo messi in guardia su certi siti… Ovvio che si controlli e se i contenuti sono contrari alle norme sospendiamo le pagine per evitare al gestore pesanti conseguenze legali”.

Secondo Aruba, dunque, non viene eseguita alcuna censura né peraltro sull’altissimo numero di siti ospitati (più di 140mila) il provider ha la possibilità di operare un controllo preventivo.

“Ma è ovvio che ci siano gli occhi puntati delle forze dell’Ordine – hanno spiegato i responsabili del provider a Punto Informatico – proprio per questi numeri. Di recente anche la BSA (l’associazione dei produttori di software proprietario, ndr) ha effettuato alcune scansioni per individuare eventuale materiale pirata”.

“C’è una policy – ha affermato Aruba – e chi ha un sito sui nostri server è tenuto a rispettarla”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Qualche precisazione tecnica
    Telindus sta per rilasciare una nuova revisione del firmware, che dovremmo testare la prossima settimana. Sono anche stati molto disponibili con noi, quando gli abbiamo comunicato la nostra scoperta. Comunque quel router e` un prodotto di una terza parte, non di Telindus... per scoprire di chi e` basta farci telnet sopra e vedere cosa scrive prima del login. Ovviamente anche i router di questa altra marca, non diffusi in Italia ma molto in America, sono ugualmente bacati.In realta`, seppure sia un caso grave, non e` affatto l'unico... anzi... basta vedere la qualita` dei prodotti software di certe case che iniziano per M...Saluti a tutti dallo scopritore del baco.Kurgan di TigerTeam.
  • Anonimo scrive:
    - --
  • Anonimo scrive:
    Solo una opinione...
    ...Questo è il solito MERDAIO all'italiana, mi viene da vomitare, che gli venisse perlomeno l'ulcera a questa gentaglia (per non dire altro...) :(
  • Anonimo scrive:
    frase finale
    la frase finale dell'articolo la dice lunga.se ci dovesse essere una implicazione per gente come MicroFLOSG, il precedente non verrebbe creato, o no?
  • Anonimo scrive:
    Tristissimo
    Prendersela con i router...
    • Anonimo scrive:
      Re: Tristissimo
      - Scritto da: Grak
      Prendersela con i router...Triste una cippa, sniffer e prog di configurazione e in 10 min mi sono scritto il programmino, e funziona alla grande. Se manca una ruota alla macchina te la prendi con chi la guida xè non sa guidare senza? Dai dai...
  • Anonimo scrive:
    Telecomici....
    Due particolari:1) Qui in zona ne sono stati montati parecchi, Telecom fornisce agli installatori una minima preparazione su come si configura il router in questione e fornisce un foglio con i dati di configurazione (in pratica il solo IP assegnato) e una password pregenerata in modo casuale. Su almeno due linee ho trovato il router senza neanche la password assegnata, raggiungibile in telnet da chiunque senza alcun bisogno di sniffare alcunché.2) Un difetto come quello riscontrato non può essere attribuito ad una 'distrazione' in quanto è strutturale, basta leggere la descrizione delle modalità di comunicazione fra router e client di configurazione per rendersene conto. Per questo motivo non sarà facilissimo estirparlo, in quanto richiederà anche una release di software client aggiornato, ma la dice anche lunga sulla 'competenza' di chi ha progettato il prodotto. Il 1120 non è un brutto router, è semplice, non possiede controllo SNMP e per fare un backup della configurazione è necessario un client che è solo per windows, ma alla fin fine per installazioni senza grosse pretese va bene. Ciò non toglie che, grazie a quel 'piccolo difetto', non consiglierò mai a un cliente l'acquisto di un simile aggeggio, e cercherò di evitare tale produttore in futuro.
  • Anonimo scrive:
    Scandaloso e utile allo stesso tempo :)
    Sono un possessore del suddetto Telindus.. ebbene dopo 4 richieste a mamma telecom di intervenire per configurare il router per poter rendere accessibili dei servizi (http) all'esterno, non si sono degnati di intervenire, dopo circa 1 mese. Niente di niente. Ma ormai questa è la normale routine di telecom..Questo "magnifico" bug almeno mi permetterà di entrare nel modem e configurarmelo da solo, visto che la pwd se la tiene stretta telecom!!Non ho parole.. queste cose secondo me le gestiscono degli incompetenti!SVEGLIA TELECOM!! qui la gente non è scema (come voi..)*sfogo finito* :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Scandaloso e utile allo stesso tempo :)
      - Scritto da: cod
      Sono un possessore del suddetto Telindus..
      ebbene dopo 4 richieste a mamma telecom di
      intervenire per configurare il router per
      poter rendere accessibili dei servizi (http)
      all'esterno, non si sono degnati di???????????????????????????Procedura 4 dummies: programma stupido di configurazione (9100 manteinance application) -
      general configuration -
      port mapping configuration -
      table view -
      add -
      tcp, 0.0.0.0, 80, ip.del.server.interno, 80 -
      ok -
      apply -
      finish -
      exit :)tempo totale: 2 min compreso il test :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Scandaloso e utile allo stesso tempo :)
        .... lavori alla telecom? :)SE AVEVO LA PASSWORD LO AVREI FATTO!!! *sbatte la testa contro il monitor*
Chiudi i commenti