Cresce la Web Science, la scienza della Rete

Cresce la Web Science, la scienza della Rete

Il MIT e l'università di Southampton hanno annunciato l'avvio di una progetto di ricerca volto ad analizzare architettura e dinamiche sociali della Rete, e a costruire nuovi modelli di business e di interazione
Il MIT e l'università di Southampton hanno annunciato l'avvio di una progetto di ricerca volto ad analizzare architettura e dinamiche sociali della Rete, e a costruire nuovi modelli di business e di interazione

In meno di dieci anni la Rete è cresciuta, le sue maglie e ramificazioni hanno avviluppato business e cultura, hanno condizionato, e si sono lasciate plasmare dalle dinamiche sociali ed economiche. La Rete si è sviluppata tanto da diventare un ambito di studio a sé stante . Il MIT e l'università inglese di Southampton avvieranno un programma di ricerca congiunto, riguardo alla nuova disciplina, la Web science. La Web Science Research Initiative sarà capitanata, tra gli altri, da Tim Berners-Lee , ricercatore al MIT, professore a Southampton, direttore del World Wide Web Consortium, ma soprattutto inventore del Web per come lo si conosce oggi.

“Il Web non è semplicemente ciò che si può fare con i computer”, proclama Berners Lee, ” il Web è fatto di persone, che sono connesse con i computer “.

Agli albori di Internet, gli utenti erano superesperti, e fruivano della Rete come di una comunità, come una piattaforma comune su cui fondare la collaborazione. Con la diffusione del WWW, gli utenti ordinari si limitavano a lasciarsi meravigliare dall'interattività e dalle potenzialità di una rete di macchine ancora, per certi versi, a loro sconosciuta. E ora il Web torna ad essere collaborativo , per tutti, con piattaforme mediante le quali condividere file e idee, con strumenti per conoscersi e portare avanti progetti comuni, in una Rete i cui nodi sono persone.

Preannunciata in un convegno a settembre 2005, anticipata da un corposo articolo su Science nell'agosto di quest'anno, la scienza del Web si prepara a diventare una disciplina a tutti gli effetti. La collaborazione tra MIT e università di Southampton intende funzionare da catalizzatore per promuovere una ricerca organica e specifica nell'ambito universitario e aziendale.

La Web science ha sfaccettature tecnologiche e culturali , è ingegneria e sociologia. A differenza delle discipline ingegneristiche, centralizzate, la Web science, decentrata , estende il suo sguardo ad abbracciare il funzionamento di una rete di computer, il comportamento delle persone dietro gli schermi, il dipanarsi dei rapporti fra loro, i modelli di business e i modelli di conoscenza che si celano dietro ad un'architettura fatta di macchine quanto di persone.

A tale proposito, la Web science si avvarrà di tecniche analitiche e di tecniche sintetiche: sarà al tempo stesso teorica e costruttiva . Nell'articolo pubblicato su Science , gli autori spiegano che il Web è uno spazio ingegnerizzato basato su protocolli e linguaggi formali. Ma, al tempo stesso, sono gli uomini a costruire pagine e collegamenti, ad interagire attraverso la Rete, a categorizzare, secondo quelle che sono le convenzioni socioculturali. La scienza del Web, abbracciando numerose discipline e integrandole fra loro, saprà affrontare entrambi gli aspetti, quello del linguaggio e quello dei contenuti e delle relazioni.

La Web science, pur essendo un'iniziativa accademica, si rivelerà importante per studiare i modelli di business sviluppabili sulla base di reti di persone. In questo senso le scienze del Web sono strettamente interrelate e complementari ad un'altra disciplina emergente: la scienza dei servizi, di cui si occupa, ad esempio, l'università californiana di Berkeley . Vale a dire lo studio interdisciplinare della conoscenza, per come è distribuita e disseminata in una rete di persone, sia essa un'organizzazione o un'azienda. Vale a dire lo studio delle catene del valore che percorrono prodotti e servizi, per finalizzarle all'innovazione e per indirizzarle verso l'aumento della produttività in prospettiva human-oriented .
Il 75% dell'economia USA è rappresentato da servizi: ma si lamenta la mancanza di professionalità che sappiano agire nell'intersezione tra servizi e industria ICT, in un mondo che sempre di più è incentrato sull'economia dell'informazione e dell'innovazione.

La Web science si preoccupa, in questo senso, di affrontare tematiche come la privacy, l'openness, la libera circolazione e il riuso di informazione, e le connessioni con il copyright , dinamiche che vanno al di là degli algoritmi, dinamiche che vanno analizzate nello specifico per il Web, per regolamentarle al meglio.
Saranno dunque scienze del Web, quelle coinvolte dalla Web science, discipline che studiano uno spazio tecnologico, ma anche uno spazio politico, sociale ed economico che è sempre più strettamente connesso con la quotidianità . Le discipline della Web science in questo senso, con il loro intento proattivo, si fanno carico di una grande responsabilità: indirizzare e guidare il futuro dela Rete, e con essa, le tematiche chiave del ventunesimo secolo.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 11 2006
Link copiato negli appunti