Cuffia da nuoto

Per ascoltare la playlist preferita, anche in immersione

Difficile ascoltare un buon brano MP3 durante le prove di stile libero in piscina o mentre si tenta di eseguire il delfino o la rana. Per quanto esistano diversi modi per trattenere gli auricolari all’interno delle orecchie, questa modalità di conduzione del suono all’orecchio, che sulla terraferma offre ottimi risultati qualititativi, nell’acqua tende ad essere un po’ “fuori luogo”.
La soluzione è Finis Neptune.

Finis Neptune

Disponibile per la vendita dalla fine del mese scorso, Finin Neptune è un lettore multimediale, compatibile con il formato MP3, che non integra due auricolari tradizionali, ma utilizza due speaker a vibrazione, capaci di condurre il suono direttamente all’interno dell’orecchio, attraverso le ossa degli zigomi.

Niente di nuovo “sotto l’acqua”, in quanto di sistemi audio a conduzione ossea ne esistono a bizzeffe, ma Finis Neptune è pensato proprio per chi fa del nuoto non solo una passione, ma anche una professione.

Il sistema MP3 si aggancia in modo idrodinamico agli zigomi e con apposite clip viene tenuto fermo dietro la testa, attaccato all’elastico di qualsiasi paio di occhialini.

Compatibile con molti formati (fra cui MP3, AAC e WMA), Neptune offre 4 GB di capacità, dove salvare non solo musica, ma anche podcast e audiolibri, memorizzabili attraverso una connessione USB a PC.

Lo schermo integrato è di tipo OLED ad alta visibilità e la batteria integrata agli ioni di litio offre fino a 8 ore di autonomia, per accompagnare anche chi decide di attraverso lo stretto di Messina a nuoto.

Dal punto di vista “acquatico”, l’intero sistema è waterproof fino a 3 metri di profondità e i jack di connessione sono dorati elettroliticamente per resistere alla corrosione in acqua.

Derivato dal precedente prodotto di Finis, SwiMP3, Neptune è disponibile per l’acquisto, anche negli store online italiani , a 149 euro.

(via Gizmodo )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • m32po scrive:
    Errata?!?
    Scusa Luca, ma in quello che dici all'inizio dell'articolo, "C'erano una volta i dischi da 2,5 pollici. Poi nacquero quelli sottili da 9,5.", i 9,5 sono pollici o centimetri? Perché messa così come l'hai scritta, i 9,5 sembrano pollici, il che non ha senso visto che dovrebbero essere sottili. O sbaglio? :-)
  • iRoby scrive:
    Ibrido
    Sinceramente un HD ibrido con interfaccia Sata III e una parte di SSD da 16-32GB sarebbe il top.Nei 16 o 32GB ci installo il sistema operativo, e poi mi monto la /home degli utenti dove tengo i dati, musica, film ecc. Dal disco meccanico da 1TB.Torna utilissimo anche il LVM di Linux, con questi dischi.Vediamo, su 16GB farei 4G di swap su ssd sarebbe molto veloce. I restanti 12GB alla root.Se la parte ssd è di 32GB ci viene una partizioncina per una macchina virtuale veloce in cui mettere un Winzozz XP utile per qualche programmetto che c'è solo lì.
    • rockroll scrive:
      Re: Ibrido
      - Scritto da: iRoby
      Sinceramente un HD ibrido con interfaccia Sata
      III e una parte di SSD da 16-32GB sarebbe il
      top.

      Nei 16 o 32GB ci installo il sistema operativo, e
      poi mi monto la /home degli utenti dove tengo i
      dati, musica, film ecc. Dal disco meccanico da
      1TB.

      Torna utilissimo anche il LVM di Linux, con
      questi
      dischi.

      Vediamo, su 16GB farei 4G di swap su ssd sarebbe
      molto veloce. I restanti 12GB alla
      root.

      Se la parte ssd è di 32GB ci viene una
      partizioncina per una macchina virtuale veloce in
      cui mettere un Winzozz XP utile per qualche
      programmetto che c'è solo
      lì.Dici tutto bene. Intanto cerca solo di cristallizzarti un'ultima versione ripulita di XP sp3 prima che diventi impossibile trovarne in giro: i sicari di M$ potrebbero farne piazza pulita o inquinata (fake) anche su WEB.
    • asdf scrive:
      Re: Ibrido
      - Scritto da: iRoby
      Vediamo, su 16GB farei 4G di swap su ssd sarebbe
      molto veloce. Addio SSD, se hai poca RAM potresti usare compcache/zram?
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Ibrido
      ci sono già questo tipo di dischi, ma non credo siano gestibili in questo modo: il firmware sfrutta la parte SSD come cache del resto del disco (oltre alla cache vera e propria) - il black da 7mm della western digital è fatto così
    • FreeBSD scrive:
      Re: Ibrido

      Vediamo, su 16GB farei 4G di swap su ssd sarebbe
      molto veloce.Sarebbe una buona idea se gli SSD non si consumassero con le scritture. Conviene che ti compri banchi di RAM per 4 GB. Ottieni lo stesso risultato, ma ancora più veloce. Se vuoi una swap solo per l'ibernazione tienila su disco magnetico.
Chiudi i commenti