Cybersquatting a Bruxelles

Se ne parlerà il 23 aprile, per "proteggere" i domini


Roma – Uno sforzo congiunto dell’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (WIPO) e della Commissione Europea si tradurrà il 23 aprile con l’apertura di una consultazione allo scopo di verificare le possibili contromosse al fenomeno del cybersquatting, ovvero dell’accaparramento dei nomi a dominio.

A questo fine saranno chiamati esponenti di organismi pubblici e privati per vagliare modalità di protzione di domini che abbiano denominazioni di enti internazionali, di interesse pubblico, commerciali, geografiche e via dicendo.

Il sito del WIPO è disponibile qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' informazione questa?

    Caratteristica delle "imprese" coinvolte
    nell'operazione "London" della GdF è anche
    l'utilizzo di Internet per pubblicizzare le
    proprie attività.E' come se qualche anno fa si fosse scritto:"Caratteristica comune delle imprese della UNO bianca è anche l'utilizzo di autovetture per effettuare le rapine alle banche".E giù tutti a criminalizzare il mondo dell'automobile....Continuando a riportare queste informazioni in questo modo non si fa altro che alimentare la caccia alle streghe.Non tanto per l'inutile criminalizzazione di uno strumento come internet, ma soprattutto perchè in questo modo si induce a spostare il ragionamento da un obiettivo ad un altro.Dando la notizia in questo modo, si inculca nel lettore l'idea che internet sia la madre delle malefatte del mondo, mentre invece si sarebbe dovuto puntare il dito sull'oggetto delle truffe, per fare in modo di avvisare il lettore su cosa stare alla larga. Caro P.I. stavolta hai toppato.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' informazione questa?

      Dando la notizia in questo modo, si inculca
      nel lettore l'idea che internet sia la madre
      delle malefatte del mondo, mentre invece si
      sarebbe dovuto puntare il dito sull'oggetto
      delle truffe, per fare in modo di avvisare
      il lettore su cosa stare alla larga. Sai qual'e' il problema? Continuare a pensare che INTERNET non dia nuove possibilita' di truffare. Anche qui c'era un prima di INTERNET e poi c'e' INTERNET, dove tutto cambia. Magari apri la testa prima di aprire la bocca.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' informazione questa?
      Boh a me pare che on-line girino un sacco di truffe, non dirlo non credo sia un bene per nessuno
Chiudi i commenti