Da Sony due nuovi cuccioli di Aibo

Nella famiglia di robot a quattro zampe di Sony sono appena nati due nuovi cuccioli di Aibo, più economici ma altrettanto intelligenti

New York (USA) – Mercoledì scorso Sony Electronics Entertainment Robot America (SEERA) ha svelato i due nuovi fratellini del cane robot più famoso al mondo: Aibo.

Questi due cuccioli hi-tech, chiamati Latte e Macaron, ereditano dalla famiglia di robot Aibo alcune delle caratteristiche peculiari, come la capacità di apprendere semplici comandi, di esprimere “emozioni” attraverso suoni e movimenti, di scattare fotografie e di andare a spasso per casa…

Ma questi due nuovi robot a quattro zampe, che saranno protagonisti persino di una serie di cartoni animati giapponesi, sono destinati ad un pubblico più vasto, un pubblico che non si sognerebbe mai di sborsare 1.500 dollari per avere una versione “stupida” (o forse più intelligente, dipende dai casi…) del proprio cane, ma che per 850$ potrebbe anche farci un pensierino.

Sony sostiene che con Latte e Macaron punta ad una fascia di acquirenti di età compresa fra i 25 ed i 35 anni. La commercializzazione dei robot, in USA, avverrà a partire dal 27 ottobre, con la possibilità di prenotare i cuccioli attraverso il sito www.aibo.com .

Latte e Macaron sono in grado di riconoscere un numero maggiore di comandi rispetto alla seconda generazione di Aibo, 75 contro 50, e sono in grado di cambiare “personalità” attraverso delle memory stick che, all’occorrenza, possono aggiungere nuove funzionalità e nuove applicazioni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il solito danno agli onesti, ma stavolta pesante
    Spulciando http://www.cdfreaks.com/news2.php3?ID=2344 si pososno fare interessanti considerazioni.1) I pirati ovviamente se ne fregano: possono usare un lettore Plextor (su cui la protezione non funziona) oppure CloneCD, che è in grado di rimuovere questa protezione ( e suona meglio del CD dicono :-) )2) Questa tecnica è capace di DANNEGGIARE seriamente l'impianto stereo o il lettore CD qualora si suonasse una copia non preventivamente sprotetta, perché genera anche dei dannosissimi spikes (per gli altoparlanti) e costringe il lettore a fare il triplo salto mortale per recuperare dati inesistenti perché puntati da dati contraffatti ad arte.Questo è il bello, che dimostra che solo gli onesti che pagano sopporteranno il danno: in Europa in molti paesi è perfettamente legale farsi la copia personale ad uso backup, e sul CD viene posto solo l'avviso che non può suonare su un CD-ROM. Quindi l'onesto malcapitato, ignaro di quel tecnologia contenga quel CD, può tentare di farsi una copia di sicurezza e, al momento di suonarla, vedersi il proprio HI-FI, magari del costo di milioni, distrutto...Complimenti ai vampiri dei produttori discografici che come al solito, hanno capito tutto, e con l'augurio che la pirateria vi porti davvero in rovina (cosa che nonostante i vostri ipocriti piagnistei, non solo è ben lontana dal succedere, ma anzi si parla pure di incrementi di vendite grazie al tam-tam che il file sharing Internet fa dei brani portandoli a conoscenza di milioni di persone che poi si appassionano e li acquistano).
  • Anonimo scrive:
    VIVA NAPSTER!!!
    Lui non c'è più ma il concetto rimane, se devo comprare musica con qualità schifosa perchè le case discografiche ci impastano dentro di tutto e di più allora me lo scarico direttamente da internet! Cosi non gli do neanche una lira bucata!
  • Anonimo scrive:
    Proposta per PI
    Leggo e partecipo spesso ai Forum di PI, e talvolta a quelli che in qualche modo riguardano il prezzo dei CD.Si leggono (e si scrivono, mi ci metto pure io) sempre le stesse cose mi pare di capire. Da una parte ci sono le multinazionali che vogliono mantenere alti i prezzi dei CD e a tal fine sostengono di essere vittime di chi non compra i cd originali (ai loro esosi prezzi, aggiungo io) e dall'altra parte gli utenti che dicono "Abbassate i prezzi e io comprerò molti cd in più".Poichè io sono straconvinto che abbassare i prezzi del 30/50% portandoli in una gamma che va dalle 15 alle 25 mila lire porterebbe a più che raddoppiare le vendite (io non spendo 40.000 al mese per un CD, ma ne spenderei 60.000 per 3), che ne direste (ecco la mia PROPOSTA) di fare un semplicissimo sondaggio per i molti utenti di PI, chiedendo 3 semplici cose:1) Quanti CD musicali compri in media al mese?2) Quale sarebbe il prezzo ideale (onestamente parlando) per un CD musicale secondo te?3) Quanti CD compreresti al mese in media se costassero il prezzo ideale da te proposto?Che dite? Se po' ffa? Credo che sarebbe quanto meno interessante... e magari potrebbe essere un inizio, un segnale non so...
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta per PI
      per me si puo fare,ma sai come sono i sondaggi nessuno con un po di neuroni al suo posto gli da retta!PS: i CD dovrebbero costare tutti differentemente come i libri
      • Anonimo scrive:
        Re: Proposta per PI
        - Scritto da: psy
        PS: i CD dovrebbero costare tutti
        differentemente come i librihai ragione. Un cd audio con musica per 40 minuti (c'e' ne sono), non puo' costare piu' di 30.000 come un cd quasi pieno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Proposta per PI
        Comunque anche i libri hanno delle categorie di prezzo, non lo si può negare: esistono le edizioni economiche, i Miti, le edizioni di lusso con la copertina cartonata (!) eccetera... Poi ci sono i libri particolari, quelli che non hanno una tiratura molto alta che possono costare moltissimo (ad esempio i testi universitari...).Vorrei chiarire che indicare un prezzo ideale non significa dire "Tutti i CD devono costare così", si tratta di indicare un prezzo di riferimento, esattamente come adesso esistono delle fasce di riferimento.I libri, almeno quelli ad alta tiratura, hanno una bella caratteristica che mi piacerebbe avessero anche i CD: dopo qualche mese escono in edizione economica.Se vogliamo ci sono quelli che vengono chiamati "Nice Price", ma spesso bisogna aspettare dai 5 ai 15 anni per vedere un titolo in questa fascia di prezzi...Ciao!- Scritto da: psy
        per me si puo fare,ma sai come sono i
        sondaggi nessuno con un po di neuroni al suo
        posto gli da retta!
        PS: i CD dovrebbero costare tutti
        differentemente come i libri
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta per PI
      - Scritto da: Beppe
      1) Quanti CD musicali compri in media al
      mese?1 (risultato di una media annuale)
      2) Quale sarebbe il prezzo ideale
      (onestamente parlando) per un CD musicale
      secondo te?$14
      3) Quanti CD compreresti al mese in media se
      costassero il prezzo ideale da te proposto?1Comunque sono anche io convinto del fatto che il prezzo non dovrebbe essere instituzionalizzato ma differire a seconda del contenuto come lo sono i libri. Pero' forse ci sono delle differenze legali che mi sfuggono, non lo so.
  • Anonimo scrive:
    Quante MO*ATE!
    Scusate, ma al mio paese queste si chiamano monate!Ma che investano pure un sacco di soldi. Tanto prima o poi qualche ragazzino più sveglio di loro si inventerà qualche tecnica per bypassare il problema e tutti i miliardi investiti per sta' roba saranno soldi BUTTATI VIA.Poi magari la qualità sarà scarsa.. e allora ci sarà un ulteriore motivo per non comprare QUEL CD... che dovrà essere svenduto o ritirato e ristampato.. eh eh eh!!Basterebbe abbassare i prezzi! Ah Ah Ah!!!
  • Anonimo scrive:
    Come protezione non e' un gran che (CD audio)
    Basterebbe prendere un normale lettore cd audio e mandare il segnale dentro un canale di ingresso della scheda audio. Dopo di che si crea un file wav e il gioco e' fatto.In compenso ho l'impressione che non potrei utilizzare questi cd dentro il computer che uso per sentire la musica molto spesso.Questa e' vera violenza verso i consumatori, non verso i pirati (che comunque troveranno delle soluzioni sempre migliori).La migliore cura contro la pirateria e' questa:CD audio 20.000GIochi (comprensivi di manuale cartaceo) 40.000E in particolare licenze a basso costo per gli utenti domestici che non utilizzano i programmi a fine di lucro.
  • Anonimo scrive:
    quando compro un cd audio, cosa compro?
    ciao,la domanda e' abbastanza semplice:quando compro un cd audio, cosa compro?a) compro il supporto fisico, identificato da un determinato e unico numero seriale.Se lo perdo, o si danneggia, o me lo rubano, o altro, devo comprarne un altro, anche per ascoltare la stessa musica che avevo gia' pagato.b) compro il diritto ad ascoltare i brani musicali presenti sul supporto fisico.Quindi posso farne una copia di sicurezza, per mettermi al riparo dai problemi sopra elencati.Posso farne anche 100 e spargerle in giro per il mondo, MA AD UNA CONDIZIONE: che in ogni momento ci sia 1 sola copia "attiva", cioe' in "play" su un lettore di CD.Allora, cosa pago quando acquisto un cd audio?
  • Anonimo scrive:
    e se il cd si graffia...
    visto che gia' ci sono degli errori... errore che si somma errore manda a putt** il CRC...ergo.. al primo graffietto butto via il cd..alla faccia del supporto garantito 100 anni...mah... andassero pure a cag***
    • Anonimo scrive:
      Re: e se il cd si graffia...
      100 anni? forse i primi cd... adesso li stanno facendo sempre + gracili e sottili...a volte quando compro un cd nuovo e l'aggancio al cd è duro mi pare di stare a rischiare di spezzare il cd per toglierlo da quanto sono sottili (se nn sapessi ke per spezzarli c vuole tanto). un buon cd è quello masterizzato! dove il supporto te lo scegli tu! quelli stampati originali li fanno sempre + gracili x favorirne la deformazione e limitarne l'integrità nel tempo: se durano 15 anni già è xke li hai tenuti bene, x questo è importante LA POSSIBILITà di backup (KE CI VOGLIONO TOGLIERE).ciao.
      alla faccia del supporto garantito 100
      anni...
  • Anonimo scrive:
    Fatta la legge....
    trovato l'inganno!Ebbene si... è l'ennesima caxxata!Ma io dico solo una cosa! Ma porca puttana non lo volete capire ke se non abbassate il prezzo dei cd la pirateria non si fermerà mai!? Pagare 50k per un cd è impossibile! E' uno schifo! E' inutile che spendete miliardi per i cactus :) e le vostre caxxatine di protezioniCapisco che ci sono tasse da sostenere per le case discografiche... ma preferite perdere miliardi per la pirateria o o guadagnare qualcosa riducendo di almeno il 50% i prezzi!?!?!?Guadagna più quella fottuta della SIAE che un artista! E' una vergogna!Prima o poi ci faranno pagare anche l'aria che respiriamo! Anche quella che esce dal sederino :)Ritornando alla protezione... l'ho già testata.. e non ci vuole molto per "aggirarla".byezHaCkAnGeL
  • Anonimo scrive:
    Evvai altri CD che si piantano!!!
    Evvai ancora CD che si piantano nello stereo.Vabbè che ho un modello vecchio e superbaraccone, ma ha sempre funzionato bene.Ho dovuto smontare lo stereo per togliere l'ultimo album che si piantava maledizione!!!!Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: Evvai altri CD che si piantano!!!

      Evvai ancora CD che si piantano nello stereo.Quando capitano CD del genere bisogna riportarli indietro. Che se li tengano!
      • Anonimo scrive:
        Re: Evvai altri CD che si piantano!!!

        Quando capitano CD del genere bisogna
        riportarli indietro. Che se li tengano!Mi trovi d'accordo: semmai mi dovesse capitare un cd del genere prima me lo copierei ben benino (il modo lo troverei al 100%) poi lo riporterei indietro visto ke i cd potrei volermeli sentire solo sul pc (ki lo vieta?) e aggiungo ke il prossimo cd invece di comprarlo me lo scarico bello bellino. ciauz.
        • Anonimo scrive:
          Re: Evvai altri CD che si piantano!!!

          Mi trovi d'accordo: semmai mi dovesse
          capitare un cd del genere prima me lo
          copierei ben benino (il modo lo troverei al
          100%) poi lo riporterei indietro visto ke i
          cd potrei volermeli sentire solo sul pc (ki
          lo vieta?) e aggiungo ke il prossimo cd
          invece di comprarlo me lo scarico bello
          bellino. ciauz.perke no?scuz... se dobbiamo fare sta cosa, la facciamo bene!1) andiamo dal negoziante e becchiamo il 1° CD2) sborsiamo i money e teniamo lo scontraino...3) torniamo a casa, rippiamo il cd e lo portiamo indietro dicendogli che sembra di sentire una radio rotta o che il lettore non lo legge..4) iteriamo i passi 1),2),3) fino a esaurimento della pazienza nostra o del negoziante :))5) dato che anche lui ci deve guadagnare, durante l'ultimo cambio ci prendiamo uno o + cd vecchi di qualche anno, che suonano sempre bene (oppure anche qualche rarità in vinile...) e non bukano le casse... 6) passiamo al rivenditore successivo e ringraziamo safeudio, caZZus & c.(SKERZO, si intendeeeeeee!! :DDD)
Chiudi i commenti