Da Stanca nuove parole vecchie

Il ministro ripete che il broadband è importante, che la tecnologia cambia la PA e che i paesi in via di sviluppo vanno aiutati. Da Cernobbio ad Assisi


Roma – Mancano forti segnali di novità dal ministro all’Innovazione e alle Tecnologie Lucio Stanca, i cui progetti devono scontrarsi con i conti del Governo e le risorse finanziarie, forse non adeguate ai grandi sviluppi di cui Stanca parla da tempo. E così da Cernobbio sono arrivate parole nuove per concetti vecchi.

Secondo Stanca è necessario “uno sforzo speciale ed eccezionale” per portare la situazione della Pubblica Amministrazione a livelli europei. Tra questi sforzi, per migliorare le infrastrutture della PA ma anche per aumentare i possibili servizi presso i cittadini, lo sviluppo della banda larga assume un ruolo centrale, viene considerato da Stanca una “necessità inderogabile”.

“La PA – ha affermato Stanca – è il più grande cantiere aperto sulla via della modernizzazione del paese e la leva tecnologica puo’ dare inizio ad un processo di cambiamento. Occorre un lavoro fatto in profondità e per questo c’è bisogno di tempo”.

Stanca, come era prevedibile, è poi tornato sulla questione della carta elettronica digitale sottolineando i meriti della sua amministrazione: “Nei prossimi 14-15 mesi altri 2 milioni di italiani avranno la carta elettronica”. Il ministro ha anche parlato di e-procurement per la PA: “Con le aste online abbiamo risparmiato oltre il 35 per cento, come nel caso della Consip”.

Da Assisi, invece, Stanca ieri pomeriggio ha parlato di una delle missioni a cui tiene di più: “Cercare di aiutare i paesi in via di sviluppo ad ampliare la loro capacità di governare in modo più trasparente, affidabile e controllabile, più democratico e aperto”. Una missione che pone le tecnologie del governo elettronico al centro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    se e questa la sicurezza del futuro
    andiamo bene...meglio tornare alle cose tradizionali...
    • Anonimo scrive:
      Re: se e questa la sicurezza del futuro
      - Scritto da: blah
      andiamo bene...
      meglio tornare alle cose tradizionali...sei un coglione ignorante.Se prima di criticare conoscessi un po' di più quello che viene fattonel campo della ricerca staresti zitto di sicuro.
    • Anonimo scrive:
      Re: se e questa la sicurezza del futuro
      Ovviamente, per parlare in questo modo, avrai sicuramente una vasta esperienza nel settore della sicurezza informatica e di quella fisica... vero?O ti pare, forse, roba di poco conto la realizzazione di un software in grado di scansionare le immagini acquisite da una videocamera alla ricerca di volti sconosciuti?Inoltre, ma forse nella tua caverna la notizia non è ancora arrivata, la società che gestisce le metropolitane londinesi sta studiando la possibilità di utilizzare software simili per riconoscere ed individuare in real-time "probabili" suicidi ed attentatori sulle banchine delle fermate.- Scritto da: blah
      andiamo bene...
      meglio tornare alle cose tradizionali...
      • Anonimo scrive:
        Re: se e questa la sicurezza del futuro
        - Scritto da: vinnie
        Ovviamente, per parlare in questo modo,
        avrai sicuramente una vasta esperienza nel
        settore della sicurezza informatica e di
        quella fisica... vero?Non credo, ma non è estremamente necessario.
        O ti pare, forse, roba di poco conto la
        realizzazione di un software in grado di
        scansionare le immagini acquisite da una
        videocamera alla ricerca di volti
        sconosciuti?Tecnicamente un gran lavoro, niente da eccepire.
        Inoltre, ma forse nella tua caverna la
        notizia non è ancora arrivata, la società
        che gestisce le metropolitane londinesi sta
        studiando la possibilità di utilizzare
        software simili per riconoscere ed
        individuare in real-time "probabili" suicidi
        ed attentatori sulle banchine delle fermate.Che fine nobile... anche polvere da sparo e dinamite furono inventate per nobili fini.. illoro uso moderno, però, non mi sembra così nobile;io non sono così convinto che possano essere tecnologie utili; e che sicurezza significhi necessariamente controllo totale; troppo vecchioe troppo semplice come concetto per essereancora attuale.Saluti, Ryo Takatsuki
    • Anonimo scrive:
      Re: se e questa la sicurezza del futuro andiamo bene...
      meglio tornare alle cose tradizionali...sei un coglione ignorante.=====e se fosse ????Se prima di criticare conoscessi un po' di più quello che viene fattonel campo della ricerca staresti zitto di sicuro.=====sto solo dicendo che se in futuro si basera la sicurezza su questo (che sono solo stronzate) e non sulle persone siamo a posto...
Chiudi i commenti