Dai telefonini tumori all'orecchio?

Gli scienziati che affermano l'aumentato rischio-tumore mettono le mani avanti: vanno fatte altre ricerche. Più rischi dopo 10 anni di utilizzo. Tutti i dettagli


Stoccolma – Alle loro dichiarazioni premettono che non se ne sa abbastanza e che ulteriori approfondite analisi vanno condotte prima di dire qualcosa di certo ma, in ogni caso, alcuni scienziati svedesi si sono spinti ad affermare che in certi casi l’uso del telefono mobile può rivelarsi un rischio salute .

A dirlo non sono i primi arrivati: il team di ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma, che in queste ore viene interpellato dai giornali di mezzo mondo, è infatti composto da scienziati di grosso calibro , basti pensare che il 40 per cento di tutta la ricerca medica svedese è coordinata da questo ente.

Ebbene, stando ad un comunicato diffuso dai ricercatori, l’utilizzo prolungato del telefonino aumenta i rischi di tumore all’orecchio , in particolare sarebbe in agguato, per chi ha lungamente sfruttato il cellulare, una patologia tumorale nota come “neuroma acustico”. Si tratta di un tipo di tumore che colpisce il nervo uditivo e che cresce molto lentamente, venendo quindi tipicamente diagnosticato anche anni dopo la prima insorgenza. Il decorso raramente è letale, sebbene la crescita del tumore possa finire per creare una compressione dannosa sull’encefalo.

La ricerca svedese, destinata ad alimentare le ansie mai sopite di milioni di utilizzatori di telefonini, si basa sulle analisi condotte su 150 persone a cui è stato diagnosticato quel tipo di tumore. Inoltre è stato preso in esame il rischio-tumore per ulteriori 600 individui, scoprendo che è quasi il doppio in chi ha iniziato ad utilizzare il telefonino da almeno dieci anni .

Ma non è tutto qui. Il rischio sale infatti di quasi quattro volte se l’utente non solo ha usato frequentemente il cellulare ma lo ha fatto accostandolo all’orecchio .

Quanto alto dunque è il rischio? Secondo i ricercatori svedesi questo tipo di patologia si riscontra in non più di una persona adulta ogni 100mila individui. Nel peggiore dei casi, dunque, il rischio sale ad uno su 25mila.

Per dimensionare nel modo esatto la situazione, comunque, va sottolineato che lo studio ha preso in considerazione l’utilizzo dei telefonini TACS e i ricercatori sono i primi ad affermare che con i GSM, cellulari digitali, i risultati raggiunti non possono essere considerati significativi. Secondo gli scienziati sono ancora molte le ricerche da eseguire prima di poter definire se i cellulari oggi più utilizzati, i GSM appunto, possono o meno costituire un rischio-salute.

Bisogna anche sottolineare che lo studio svedese è parte di Interphone , la grande ricerca avviata dall’Organizzazione mondiale della Sanità , che si focalizza proprio nell’individuazione di possibili rischi tumorali dovuti all’esposizione a campi magnetici di varia frequenza. Si tratta di ricerche condotte in Germania e nei paesi europei a maggiore densità di cellulari, come la Svezia, appunto, la Norvegia, la Danimarca e il Regno Unito.

Da parte loro, i grandi operatori di telefonia mobile hanno reagito spiegando di voler studiare a fondo i risultati ma l’associazione statunitense del settore ha voluto ricordare come gli stessi scienziati del Karolinska abbiano affermato che “non si possano trarre conclusioni da questo studio e prima che ciò avvenga ulteriori analisi, in futuri studi, devono essere compiute”. Non solo, secondo l’Associazione vi sono altre ricerche, come quelle condotti in Danimarca, che non mostrano alcun rischio di maggiore incidenza di quel genere di tumore.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • The Raptus scrive:
    Plextor N° 1?
    Nulla da obiettare per quanto riguarda la qualità (ed il prezzo!) ma io uso il NEC 3500, dopo aver già provato il 2510.Stessa velocità, già in commercio (infatti sono 3 settimane che ce l'ho!) e ... 67 + IVA mi fanno pensare che il "vecchio" masterizatore CD non serve proprio più. Ma a chi lo rivendo? a 20 Euri usato ???? Non lo comra nessuno.... P.S.: Non ho idea di Plextor, ma non ho visto alcuna di fferenza dal NEC: Qualità davvero ottima!
    • skynetman scrive:
      Re: Plextor N° 1?
      - Scritto da: The Raptus
      Stessa velocità, già in
      commercio (infatti sono 3 settimane che ce
      l'ho!) e ... 67 + IVA

      ... P.S.: Non ho idea di Plextor, ma non ho
      visto alcuna di fferenza dal NEC:
      Qualità davvero ottima!Quoto e aggiungo che dietro al NEC ci sono anche molti appassionati che modificano i firmware originali (single layer bit setting, DVD Rip speed lock removed, nuovi dvd-R aggiunti alla lista compatibilita' interna, vedi http://club.cdfreaks.com/forumdisplay.php?f=86 ), e che finora la qualita' di registrazione si e' dimostrata al top.Diciamo solo che "bara" un po' sulla velocita' di registrazione (sembra che il plextor 12x sia piu' veloce del NEC 16x), ma qiesto e' dovuto alla mancanza di supporti certificati e al fatto che il NEC e' piuttosto conservativo per assicurare la massima qualita' possibile (cosa che garantira' la leggibilita' dei vostri DVD per molto tempo).Ho avuto una brutta esperienza con un Plextor 121032 pagato il doppio di suoi colleghi e rottosi appena fuori garanzia (con meno di 100 cd masterizzati): si rompono tutti, scegliete col buon senso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Plextor N° 1?
        per video e supporti ottici ho solo una marca:Pioneer
        • DKDIB scrive:
          Re: Plextor N° 1?
          Anonimo wrote:
          per video e supporti ottici ho solo una marca:

          PioneerPer i masterizzatori DVD e' buona quanto Nec ed a parita' di caratteristike hanno lo stesso prezzo.Si puo' tirare una monetina. ;)
    • DKDIB scrive:
      Re: Plextor N° 1?
      Raptus wrote:
      [...] io uso il NEC 3500 [...]
      Stessa velocità, già in commercio (infatti sono 3 settimane
      che ce l'ho!) [...]Infatti l'unica vera novita' di questo Plextor non e' certo la masterizzazione dei DVD+R DL a 4x (ke esiste da un pezzo), bensi' quella dei DVD+RW a 8x.Raptus also wrote:
      Nulla da obiettare per quanto riguarda la qualità (ed il
      prezzo!) ma io uso il NEC 3500, dopo aver già provato il
      2510.
      Stessa velocità [...] e ... 67 + IVA [...]Nec e' senz'altro una delle marke migliori.I Plextor hanno come unica caratterisca rilevante il prezzo (esorbitante), "giustificato" dal fatto ke nei paesi piu' arretrati come l'Italia arrivano sempre per primi.Basta aspettare un mesetto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Plextor N° 1? BY HOBYGROUP
      brutto igniorante informatico impara a leggere un po di caratteristiche sui masterizzatori e vai a giro su internet e leggi le recenzioni sul nec fa caaaaaaaaaaaaaa studiaPLEXTOR FOREVER!!!!!!!!!!!!!
Chiudi i commenti