Dal copyright alla chiusura dei newsgroup

Protagonista del clamoroso episodio il provider americano Excite@Home, che arriva a censurare senza attendere ordinanze o sentenze


Roma – Excite@Home, uno dei più importanti provider americani, ha deciso di chiudere alcuni newsgroup che, a suo dire, violavano le leggi federali sul copyright e il diritto d’autore.

La mossa appare del tutto clamorosa sebbene sia in linea con quella trasformazione dei provider in “centri di controllo” a cui mira buona parte dell’industria musicale e di Hollywood, pronta a mettere in croce gli operatori che non si assumano importanti responsabilità su quanto transita sulle proprie reti, in barba alle leggi e alle sentenze che fin qui hanno ribadito la sostanziale “irresponsabilità” dei provider.

Il fornitore di servizi internet americano non ha aspettato lettere di diffida o sentenze per agire e, per fare fronte alla protesta che immediatamente si è alzata per una mossa così clamorosa, ha affermato che in alcuni dei newsgroup cancellati oltre ai file musicali e altri materiali protetti da diritto d’autore, venivano scambiate anche immagini pedopornografiche. Un’affermazione difficile da credere, se si pensa che dal 1998 le polizie di mezzo mondo controllano i newsgroup proprio per evitare che Usenet torni ad essere “un veicolo facile” per questo genere di materiale, come lo era nei primi anni della rete.

Ma ciò che più colpisce è che Excite@Home non era tenuta a cancellare quei newsgroup. La severissima legge americana sul copyright nell’era digitale, il DMCA, chiede ai provider di agire qualora la presenza di certo materiale sia segnalata da chi detiene il copyright. Se, dietro segnalazione, quel materiale non viene rimosso, allora il provider rischia di essere ritenuto correo. Un portavoce di Excite@Home ha affermato che la rimozione dei gruppi è stata una operazione preventiva, perché già in passato all’azienda era stato richiesto di agire in modo simile per altri materiali protetti.

Preoccupati da questa “pulizia” si sono detti alcuni sostenitori delle libertà digitali, tra cui l’organizzazione pro-privacy EPIC .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ERA ORA
    La pubblicita' e' l'anima del commercio!Basta col gratis! BARBONI
    • Anonimo scrive:
      Re: ERA ORA
      si cosi il tuo testo viene spezzato in due da un'immagine gigantesca di 200000000000 cm cosi devi fare scroll down lungo come l'a1 per leggere la fine del testo... ma va...
      La pubblicita' e' l'anima del
      commercio!Basta col gratis! BARBONIe non ti rispondo qualcos'altro perche sono (moderatamente) educato...
    • Anonimo scrive:
      Re: ERA ORA
      - Scritto da: Dvaide
      La pubblicita' e' l'anima del
      commercio!Basta col gratis! BARBONI???? la pubblicita'???? ammazza che anima sporca e puzzolente.Ti sei mai andato a studiare su come fanno le pubblicita'?Studiano i punti deboli delle persone, cercano delle fessure nella personalita' su cui fare leva per ampliarle e bloccare le forme di autodifesa, veri e propri studi sul lavaggio del cervello, ben sapendo i possibili effetti negativi (anche pesanti) se stra fregano altamente.Non sono molto distanti dalle tecniche usate nelle torture non fisiche.Nel mondo vince il piu' forte, ma che cavolo, che almeno non vinca sempre e solo chi e' piu' forte.Solo un idiota si ferma sempre e solo alla scatola e non fa' un confronto tra quello che ha e quello che paga.L'anima del commercio e' pagare meno e avere di piu', tutto il resto e roba da preistoria.Ah dimenticavo, chi sta nel mondo del free sara' un BARBONE, ma lei e' proprio stronzo.Salve Dbg
    • Anonimo scrive:
      Re: ERA ORA
      Insomma !!! La iniziamo a pagare questa aria ? BARBONI !!!- Scritto da: Dvaide
      La pubblicita' e' l'anima del
      commercio!Basta col gratis! BARBONI
    • Anonimo scrive:
      Re: ERA ORA
      Sono disposto a pagare soldi per un servizio, ma non a vivere sotto la continua influenza di pubblicita' occulte e non. Piuttosto vivo senza posta elettronica. Mi pare di stare dentro il film Blade Runner con l'immagine luminosa di una bevanda piuttosto nota che copre un intero palazzo. Finche' per pubblicita' si intende un mezzo per rendere pubblica l'esistenza di un determinato prodotto va tutto bene, quando ti devono convincere che e' il migliore attraverso l'assillamento allora non ci sto piu'.- Scritto da: Dvaide
      La pubblicita' e' l'anima del
      commercio!Basta col gratis! BARBONI
  • Anonimo scrive:
    interessi dichiarati
    vi avverto: conviene dichiarare un interesse, piuttosto che nessuno.Nessun interesse? ok, schiaffiamoglieli TUTTI allora.
  • Anonimo scrive:
    Non ho parole .....
    Fra un po' ci saranno messaggi pubblicitari anche quando si tira lo sciacquone del cesso ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non ho parole ..... solo parolacce
      La troverai scritti sulla carta igenica che in compenso pagherai meno, o te la regaleranno proprio.- Scritto da: TeX
      Fra un po' ci saranno messaggi pubblicitari
      anche quando si tira lo sciacquone del cesso
      ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non ho parole ..... solo parolacce
        - Scritto da: rude

        La troverai scritti sulla carta igenica che
        in compenso pagherai meno, o te la
        regaleranno proprio.Ben venga! Io al prenderei subito. E poi vuoi mettere il piacere di pulirsi il C++0 con certi marchi.....
  • Anonimo scrive:
    Provate GMX
    www9.gmx.net, scegliete italiano e leggetevi il codice deontologico.Non fanno meraviglie di fornire ai loro partner i dati per poter ottimizzare il target pubblicitario, ma leggete anche tutto il resto ... mi sembra gente seria.magari non vi interessa... ma provatene un altro; io l'ho visto ieri per caso.
    • Anonimo scrive:
      fai spam?
      o pubblicita'?
    • Anonimo scrive:
      Re: Provate GMX
      sono tedeschi...quindi per ipotesi gente piu seria ...anche se forse non potra durare in eterno...comunque, tranquilli, con tutto l'adsl che piano si espande in giro, mettere su un server mail, su ip fisso, non ci vuole molto...
      www9.gmx.net, scegliete italiano e leggetevi
      il codice deontologico.
      Non fanno meraviglie di fornire ai loro
      partner i dati per poter ottimizzare il
      target pubblicitario, ma leggete anche tutto
      il resto ... mi sembra gente seria.

      magari non vi interessa... ma provatene un
      altro; io l'ho visto ieri per caso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Provate GMX
        - Scritto da: blah
        sono tedeschi...quindi per ipotesi gente piu
        seria ...anche se forse non potra durare in
        eterno...comunque, tranquilli, con tutto
        l'adsl che piano si espande in giro, mettere
        su un server mail, su ip fisso, non ci vuole
        molto...
        e fù così che mail-abuse.org dopo averincluso nelle blacklist tutti range di ip destinati alle sottoreti dialup italiane ci piazzò anche tutte le sottoreti adsl.Evviva, evviva la nostra deficenza.
Chiudi i commenti