Dalai Lama: internet non risolve

L'importanza delle reti di comunicazione è la circolazione delle informazioni. Ma è un errore riporre le proprie aspettative di felicità nella tecnologia


Melbourne (Australia) – “Io credo fermamente che lo scopo principale della nostra vita sia condurre una vita felice, sia la felicità e sia la gioia. Molti dei problemi accadono perché manca la conoscenza e si ignora la realtà, e si coltivano troppe aspettative”. Così il Dalai Lama, la massima autorità religiosa tibetana, da decenni in esilio, ha abbracciato i 18mila che a Melbourne, in Australia, hanno affrontato la ressa per poter avere un contatto con lui.

Il Dalai Lama, che incontrerà i massimi vertici della politica australiana nonostante la feroce opposizione del regime cinese, ha accennato anche alla diffusione delle nuove tecnologie e di internet nel mondo, non senza una punta di preoccupazione.

“La scienza, la tecnologia e altri risultati materiali nel mondo sviluppato portano la gente a ritenere che i propri problemi spariranno. Ma sappiamo che questo non accadrà”.

Il Dalai Lama, che pure ritiene essenziale la rete di comunicazione per la diffusione della cultura e delle idee, ha criticato anche in questo caso l’abitudine a delegare al mondo esterno le aspettative personali. In questi casi, ha spiegato, “è l’intelligenza la vera fonte di potere”.

Accennando alle opportunità della circolazione delle informazioni, Tenzin Gyatso ha anche spiegato che una sua conseguenza sta nel fatto che “la capacità di visione dell’uomo sta migliorando e questo porterà ad un mondo più pacifico”.

Come noto Gyatso, 14esimo Dalai Lama del Tibet , a cui nel 1989 è stato consegnato il Premio Nobel per la Pace, oggi ha 66 anni e vive in esilio forzato dall’età di 24 anni. La Cina lo considera una minaccia per la propria unità nazionale, costruita anche sull’annessione militare del Tibet.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Comunque il DeCSS viola il DCMA.
    A quanto ricordo le case cinematografiche sono riuscite ad inchiodare il DeCSS perchè integrava dei codici per decrittare i CSS, cosa che lo metteva in una posizione illegale dettata dal DMCA. Poco dopo però venne realizzata una versione di DeCSS di una 20ina di righe in perl da un ragazzo 16enne che non integrava i codici di protezione ma li creava real-time, questa cosa rendeva l'opera di ingegno (perchè solo di ingegno si può parlare) immune al DMCA.Quindi qui abbiamo due beffe: da un lato la beffa a 2600 (ed a tutti noi, visto che siamo una ruota di scorta degli USA) che sotto la bandiera della libertà e della democrazia vieta la libertà di espressione; dall'altra la beffa alle case discografiche, che dopo aver speso milioni in una causa piuttosto che investirli nel ricercare un modo migliore di soddisfare i clienti, si vedono comunque defraudate dei loro preziosissimi quanto inefficaci CSS...In tutto questo l'unica mia paura è che prima o poi il reverse engieering si spegnerà perchè i guai legali intimidiranno ogni singolo "smanettone"... sinceramente vedo la situazione in modo abbastanza pessimistico; credo che a suon di battaglie legali e guerre dove non è possibile arrivare con la legalità (vedi Afganistan), si stia stringendo il cerchio intorno a chi vuole a tutti i costi la libertà.ciao
  • Anonimo scrive:
    Gli infiniti modi per diffonderlo :)
    http://www-2.cs.cmu.edu/~dst/DeCSS/Gallery/
  • Anonimo scrive:
    Ecco il link!!!!
    http://www.punto-informatico.it/pol.asp?mid=190974&fid=40231E ora?E tutto questo sta finendo su Google, quindi anche google e' nella cacca?Mi sembra uno che tenta di fermare la valanga a mani nude....
  • Anonimo scrive:
    Ma ce sempre qualcuno che ha cio che cerchi...
    ******************************************** DeCSS 1.2b********************************************* 1.2.1b:** - Fixed an integer divide by zero bug*...Mah!...############################################ Same reason as above.############################################||| Credits/Greetings (in no part. order) || [ Canman, S0upaFr0g ]|| || - Authors of DeCSS|| 10/09/99 - 18:22 || |~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
  • Anonimo scrive:
    Che facciamo? Una maglietta!!!
    Grandi!www.dis.org/seric/pictures/defcon/IX/dc_03.jpgwww.dis.org/seric/pictures/defcon/IX/dc_04.jpg
  • Anonimo scrive:
    DeCSS
    $_='while(read+STDIN,$_,2048){$a=29;$b=73;$c=142;$t=255;@t=map{$_%16or$t^=$c^=( $m=(11,10,116,100,11,122,20,100)[$_/16%8])&110;$t^=(72,@z=(64,72,$a^=12*($_%16 -2?0:$m&17)),$b^=$_%64?12:0,@z)[$_%8]}(16..271);if((@a=unx"C*",$_)[20]&48){$h =5;$_=unxb24,join"",@b=map{xB8,unxb8,chr($_^$a[--$h+84])}@ARGV;s/...$/1$&/;$ d=unxV,xb25,$_;$e=256|(ord$b[4])
    • Anonimo scrive:
      Re: DeCSS
      Pirata!Hacker!Cracker!Terrorista!Bombarolo!Finirai in tribunale nel nome della libertà che vai distruggendo!Dagli all'untoreeee!!!!;)
    • Anonimo scrive:
      Re: DeCSS
      #define m(i)(x[i]^s[i+84]) 12,i=i

      8^y 14,y=a^a*8^a 8^y
      4]*2^k*257/8,s[j]=k^(k&k*2&34)*6^c+~y;}}
  • Anonimo scrive:
    USA terra di libertà
    Quanti ricordi........di quando questa frase era vera (o almeno lo sembrava)
  • Anonimo scrive:
    E la libertà d'espressione?
    Dove cavolo è finita? proprio loro che si reputano un paese libero e democratico!Però quando ci sono di mezzo i soldi .........
Chiudi i commenti