Datagate, le parole di Snowden

Il protagonista dello scandalo della sorveglianza globale torna a far sentire la sua "voce" digitale con due missive. Nella prima accusa gli States, nella seconda ringrazia l'Ecuador. Che però si rimangia tutto: aiutato per errore

Roma – Mentre le cancellerie e i governi di mezzo mondo si danno addosso sullo scandalo Datagate e le responsabilità degli uni verso gli altri, Edward Snowden torna al centro della scena con un paio di comunicazioni apparentemente vergate di suo pugno.

Nella prima comunicazione diffusa da Wikileaks , l’ex-analista della CIA trasformatosi in nemico numero uno degli USA accusa il suo paese e il suo presidente di violazione dei diritti umani: gli States hanno fatto approvare il diritto all’asilo come diritto fondamentale nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, dice Snowden, e ora l’amministrazione Obama ha revocato il suo passaporto trasformando la cittadinanza in un’arma da usare contro di lui.

“L’amministrazione Obama non ha paura delle talpe come me, Bradley Manning o Thomas Drake”, conclude Snowden, bensì dei liberi cittadini quando sono “informati”, arrabbiati e chiedono il rispetto della Costituzione al governo che hanno eletto.

Snowden conferma di essere deciso ad andare avanti rilasciando nuovi documenti scottanti sulle attività di spionaggio della NSA e delle altre agenzie dell’intelligence statunitense, mentre nella seconda comunicazione – pubblicata dal Guardian – ringrazia il presidente Rafael Correa per la presa di posizione in sua difesa.

Ma Correa si è a quanto pare già allineato ai desideri degli USA – partner commerciale di primaria importanza per l’Ecuador – e dice di aver aiutato Snowden solo per errore : la posizione della talpa del Datagate si complica, e la sua speranza è che uno dei 15 paesi a cui ha chiesto asilo (Germania e Italia incluse) risponda positivamente alla chiamata.

Su Snowden è già stato realizzato un “insta-video” che drammatizza le vicende del Datagate durante il suo passaggio a Hong Kong, mentre i tentativi diplomatici di riavvicinamento tra USA ed Europa devono fare i conti con le reciproche accuse di spionaggio e le minacce francesi gonfie di parole ma poco di sostanza.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    ma quali licenze?
    Quelle che de facto non valgono un cavolo?L'unica protezione che puoi mettere se non vuoi che piglino la tua foto e la usino come gli pare e piace, è sbatterci su un watermark talmente grosso e centrato e coprente che non vale la pena lavorarci su per levarlo.O spendere in avvocati molto di più di quanto tu potresti mai sperare di guadagnare da quella immagine...è una causa persa.
Chiudi i commenti