Datagate, NSA traccia i cellulari

Nuovi documenti divulgati da Snowden: l'intelligence statunitense accumulerebbe dati geolocalizzati per poter ricostruire spostamenti e comportamenti delle potenziali minacce alla sicurezza nazionale

Roma – Nuovi documenti ribollono nel calderone del Datagate, sempre divulgati dall’ex agente Edward Snowden: sono stati pubblicati dal Washington Post e rivelano come la National Security Agency abbia seguito centinaia di milioni di ignari utenti attraverso i loro dispositivi mobile.

Mentre le Nazioni Unite hanno deciso di aprire un’investigazione conseguente alle rivelazione di Edward Snowden, per cui è stato incaricato l’ispettore dell’ONU Ben Emmerson, l’ultima rivelazione dell’ex spia Edward Snowden fa luce su un’altra impressionante operazione dell’agenzia, che ha raccolto dati geolocalizzati per creare un enorme database con il quale sarebbe possibile ricostruire gli spostamenti, le interconnessioni e gli schemi di comportamento di miliardi di persone.

Secondo quanto si legge, infatti, l’NSA avrebbe immagazzinato ogni giorno 5 milioni di record utili al tracciamento, per un archivio da 27 TB.

L’NSA ha in parte confermato la notizia, riferendo attraverso un dirigente con il permesso di rilasciare dichiarazioni, che l’agenzia “ha ottenuto vaste quantità di dati” geolocalizzati in tutto il mondo, inserendosi nel network mobile: ha altresì detto che si tratta di un’operazione assolutamente legale e giustificata dalla lotta al terrorismo , essendo i dati così raccolti impiegati esclusivamente per questo scopo.

Nell’intercettazione dei dispositivi, l’NSA ha impiegato strumenti di analisi conosciuti con il nome di CO-TRAVELER e 10 dispositivi per l’identificazione dei segnali chiamati “sigads”, e – secondo quanto riferisce uno dei suoi ufficiali, Robert Litt – “non ci sono elementi per cui si possa ritenere che l’agenzia abbia intercettato volontariamente cellulari nel territorio degli Stati Uniti”. D’altra parte, l’agenzia non nega che l’operazione potrebbe riguardare “accidentalmente” cittadini americani all’estero per lavoro o per vacanza.

Anche per questo l’associazione attivista American Civil Liberties Union si è detta esterrefatta della portata del programma la cui adozione è rimasta segreta e senza la benché minima possibilità di un dibattito pubblico preliminare .

Con un tempismo ottimale, peraltro, Microsoft è nuovamente intervenuta sulla vicenda e, oltre a definire il comportamento dell’NSA “un terremoto per la tecnologia”, ha dato una veste ufficiale ai recenti annunci dell’introduzione di un sistema di cifratura delle comunicazioni dei propri utenti: Redmond ha in programma , da un lato di rendere più trasparente le proprie scelte a proposito del codice dei suoi programmi (così da assicurare ai consumatori l’assenza di eventuali backdoor ), dall’altro di introdurre protezioni basate sulla crittografia a protezione delle comunicazioni scambiate sui propri servizi.

Il dibattito negli Stati Uniti, peraltro, assume toni particolari anche perché il Presidente Barack Obama ha di nuovo dichiarato di essere sottoposto, per ragioni di sicurezza, a delle limitazioni per quanto riguarda le tecnologie che può utilizzare per le comunicazioni. Gli è proibito l’iPhone, mentre può sempre approfittare del BlackBerry modificato per le sue esigenze. Se l’azienda canadese vanta più certificazioni di sicurezza rispetto agli altri fornitori, non sembra esente dalle intrusioni delle agenzie spionistiche. Insomma, a difendere i cittadini americani dalle intercettazioni non basterebbe il quarto emendamento, come non basterebbero i servizi segreti a garantire la sicurezza dello stesso Presidente degli Stati Uniti.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Marco scrive:
    Bla bla bla
    Bla bla bla, money money, money $$$$
  • krane scrive:
    Ma... A proposito di Apple...
    http://cladjo.it/blog/index.php/2013/11/samsung-paga-la-multa-ad-apple-in-monetine/(rotfl)
    • bertuccia scrive:
      Re: Ma... A proposito di Apple...
      - Scritto da: orane

      http://cladjo.it/blog/index.php/2013/11/samsung-pa

      (rotfl)in effetti fa molto ridereche qualcuno creda a quella notizia (rotfl)e dire che basterebbe far 2 conti! ;)EDIT: vedo che il blog ha il titolo giusto per te :D "La rete è piena di gonzi..E TU che GONZO sei?"-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 dicembre 2013 17.27-----------------------------------------------------------
  • giuda scrive:
    piccolo problema
    apple, facciamo che rinunci alle commesse cinesi, chi ti fornirà i materiali e la manodopera? lol
    • aphex_twin scrive:
      Re: piccolo problema
      Gli stessi a cui si rivolgono Samsung, HTC, Dell, Levis, ecc :-o
    • uesse bi scrive:
      Re: piccolo problema
      - Scritto da: giuda
      apple, facciamo che rinunci alle commesse cinesi,
      chi ti fornirà i materiali e la manodopera?
      lolquoto, per fare la voce grossa bisogna avere delle alternative, ma se dalla fabbrica cinese A vai alla fabbrica cinese B cosa cambia?dovrebbero portare tutto da un'altra parte, ad esempio india.
      • sbrotfl scrive:
        Re: piccolo problema
        - Scritto da: uesse bi
        - Scritto da: giuda

        apple, facciamo che rinunci alle commesse
        cinesi,

        chi ti fornirà i materiali e la manodopera?

        lol

        quoto, per fare la voce grossa bisogna avere
        delle alternative, ma se dalla fabbrica cinese A
        vai alla fabbrica cinese B cosa
        cambia?

        dovrebbero portare tutto da un'altra parte, ad
        esempio
        india.O in Italia :D :D :D
    • pietro scrive:
      Re: piccolo problema
      - Scritto da: giuda
      apple, facciamo che rinunci alle commesse cinesi,
      chi ti fornirà i materiali e la manodopera?
      lolTaiwan?
  • Etype scrive:
    Apple ipocrita .....
    Apple ipocrita,non gli è mai fregato nulla dei lavoratori e ora per farsi bella davanti a tutti tira fuori questa parabola del buon padre di famiglia,quant'è falsa la mela morsicata,cosa non si farebbe per farsi un pò di pubblicità.Di certo non si può permettere di fare la voce grossa contro la Cina,altrimenti il prossimo schiffone verrebbe a costare 1500 Euro :D
    • donington scrive:
      Re: Apple ipocrita .....
      è marketing anche questo. Dichiarare che loro ci tengono e chi sgarra se ne va.
    • ruppolo scrive:
      Re: Apple ipocrita .....
      - Scritto da: Etype
      Apple ipocrita,non gli è mai fregato nulla dei
      lavoratori e ora per farsi bella davanti a tutti
      tira fuori questa parabola del buon padre di
      famiglia,quant'è falsa la mela morsicata,cosa non
      si farebbe per farsi un pò di
      pubblicità.
      Di certo non si può permettere di fare la voce
      grossa contro la Cina,altrimenti il prossimo
      schiffone verrebbe a costare 1500 Euro
      :DFinito di rosicare?
      • Etype scrive:
        Re: Apple ipocrita .....
        - Scritto da: ruppolo
        Finito di rosicare?Finito di pensare che qualcuno rosica per apple ? Aspetta,sei ruppolo ...che lo chiedo a fare.
  • eheheh scrive:
    I bei vecchi tempi
    in cui gli schiavi negri raccoglievano il cotone non torneranno più
  • Lixy scrive:
    apple
    ma come mai i raeliani sono pieni diXXXXX? che droghe assumono? e che differenza c'è con scientology?
  • Leguleio scrive:
    Mi ricorda qualcosa...
    "Nella nuova inchiesta CLW porta alla luce diverse violazioni dei diritti dei lavoratori all'interno delle fabbriche che producono componenti Samsung: in particolare, oltre a insufficienti misure di sicurezza, regolari abusi verbali da parte della dirigenza..."Mi ricorda qualcosa ma non ricordo cosa... la memoria se ne sta andando.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 dicembre 2013 13.56-----------------------------------------------------------
  • iRoby scrive:
    Cambino posto
    Cioè i costi sono bassi proprio perché i lavoratori sono trattati in quel modo, e la Apple gli chiede una cosa del genere?Le aziende possono anche risponderle che se vuole condizioni migliori per i lavoratori inevitailmente i prezzi saliranno...Allora voglio vedere cosa farà Apple...
    • Walrus scrive:
      Re: Cambino posto
      La Apple in questi casi ha il coltello dalla parte del manico, possono tranquillamente chiedere "pubblicamente" queste cose, tanto alla fin fine i dati si sistemano e le statistiche interne fanno sempre uscire il numero che fa comodo.Foxconn ha tutto l'interesse a continuare a produrre per Apple e se per farlo deve accollarsi qualche piccolo costo in più lo fà senza problema, tanto per come funziona nelle fabbriche cinesi è possibilissimo che finite le 60 ore per Apple ne facciano altre 20 per produrre altro.Insomma, in Cina pian piano qualche diritto i lavoratori stanno acquisendolo ma si parla di una situazione simile a quella italiana nel dopo guerra, ci sono voluti 20 anni per sistemare le cose.
      • anverone99 scrive:
        Re: Cambino posto
        - Scritto da: Walrus
        situazione simile a quella italiana nel dopo
        guerra, ci sono voluti 20 anni per sistemare le
        cose.Meno male che le cose ora sono "sistemate".. Dopo la guerra di lavoro ce n'era dappertutto, oggi, dopo anni di "sistemazione", crisi, licenziamenti, cassa integrazione ecc stanno portando l'Italia alla fame.
        • due qualsiasi scrive:
          Re: Cambino posto
          E già maledetti diritti dei lavoratori... Avrebbero potuto continuate a trattarci come bestie, adesso avremmo tutti un "lavoro" in qualche fabbrica che produce per conto di qualche multinazionale...
          • pietro scrive:
            Re: Cambino posto
            - Scritto da: due qualsiasi
            E già maledetti diritti dei lavoratori...
            Avrebbero potuto continuate a trattarci come
            bestie, adesso avremmo tutti un "lavoro" in
            qualche fabbrica che produce per conto di qualche
            multinazionale...10/10
          • iRoby scrive:
            Re: Cambino posto
            Il World Economic Forum ogni anno da le pagelle ai paesi dove è meglio fare affari, dove ci sono economie più stabili ecc.I primi posti li hanno avuti Svizzera, Svezia, Finlandia e Germania, i Paesi con altissima regolamentazione del mercato del lavoro, troppa burocrazia e anche inefficienze. Come mai?
          • iRoby scrive:
            Re: Cambino posto
            Già sucXXXXX in Grecia.Dopo averli ridotti alla fame prima è sceso il ministro tedesco Schultz a consigliare di fare zone franche detassate e senza diritti per i lavoratori.E dopo di lui sono arrivate le multinazionali a proporre 300 al mese di paga, non di più.
          • anverone99 scrive:
            Re: Cambino posto
            - Scritto da: due qualsiasi
            E già maledetti diritti dei lavoratori...
            Avrebbero potuto continuate a trattarci come
            bestie, adesso avremmo tutti un "lavoro" in
            qualche fabbrica che produce per conto di qualche
            multinazionale...Chiedi a un disoccupato con moglie, prole a carico e un affitto mensile da pagare se non andrebbe di corsa a farsi assumere in quella fabbrica a prescindere che produca per una multinazionale o no... Poi vieni a scrivere qui la risposta.
          • krane scrive:
            Re: Cambino posto
            - Scritto da: anverone99
            - Scritto da: due qualsiasi

            E già maledetti diritti dei lavoratori...

            Avrebbero potuto continuate a trattarci come

            bestie, adesso avremmo tutti un "lavoro" in

            qualche fabbrica che produce per conto di

            qualche multinazionale...
            Chiedi a un disoccupato con moglie, prole a
            carico e un affitto mensile da pagare se non
            andrebbe di corsa a farsi assumere in quella
            fabbrica a prescindere che produca per una
            multinazionale o no... Poi vieni a scrivere
            qui la risposta.Ai tempi delle lotte sindacali gli si sarebbero spaccate le ossa a lui e famiglia. E' questo modo di ragionare che va si che i diritti se ne vanno.
          • Leguleio scrive:
            Re: Cambino posto

            Ai tempi delle lotte sindacali gli si sarebbero
            spaccate le ossa a lui e famiglia. E' questo modo
            di ragionare che va si che i diritti se ne
            vanno.Vero. Scegli tu: preferisci che spariscano i diritti, o i lavoratori (nel senso che se ne vanno all'estero, oppure si suicidano)?
          • pietro scrive:
            Re: Cambino posto
            - Scritto da: Leguleio

            Ai tempi delle lotte sindacali gli si
            sarebbero

            spaccate le ossa a lui e famiglia. E' questo
            modo

            di ragionare che va si che i diritti se ne

            vanno.

            Vero. Scegli tu: preferisci che spariscano i
            diritti, o i lavoratori (nel senso che se ne
            vanno all'estero, oppure si
            suicidano)?e non sarebbe meglio invece chiudere quei mercati dove anche i diritti minimi dei lavoratori non vengono rispettati?
          • Leguleio scrive:
            Re: Cambino posto



            Ai tempi delle lotte sindacali gli si

            sarebbero


            spaccate le ossa a lui e famiglia. E'
            questo

            modo


            di ragionare che va si che i diritti se
            ne


            vanno.



            Vero. Scegli tu: preferisci che spariscano i

            diritti, o i lavoratori (nel senso che se ne

            vanno all'estero, oppure si

            suicidano)?
            e non sarebbe meglio invece chiudere quei mercati
            dove anche i diritti minimi dei lavoratori non
            vengono
            rispettati?Inutile chiudere la stalla quando i buoi sono già usciti, perché qualcuno gli ha aperto le porte al posto tuo.Nello specifico: la Cina è stata lasciata entrare nel WTO l'11 dicembre 2001. Impossibile applicare dazi o filtri di sorta ai loro prodotti senza subire ripercussioni pesantissime.
          • anverone99 scrive:
            Re: Cambino posto
            - Scritto da: pietro
            e non sarebbe meglio invece chiudere quei mercati
            dove anche i diritti minimi dei lavoratori non
            vengono
            rispettati?Il bello e' che qui si parlava dei lavoratori di Apple :-D
      • ruppolo scrive:
        Re: Cambino posto
        - Scritto da: Walrus
        La Apple in questi casi ha il coltello dalla
        parte del manico, possono tranquillamente
        chiedere "pubblicamente" queste cose,Quali sarebbero "queste cose"?
      • ruppolo scrive:
        Re: Cambino posto
        - Scritto da: Walrus
        Insomma, in Cina pian piano qualche diritto i
        lavoratori stanno acquisendolo ma si parla di una
        situazione simile a quella italiana nel dopo
        guerra, ci sono voluti 20 anni per sistemare le
        cose.Infatti ora sono sistemate: disoccupazione per tutti.
    • ruppolo scrive:
      Re: Cambino posto
      - Scritto da: iRoby
      Cioè i costi sono bassi proprio perché i
      lavoratori sono trattati in quel modo, e la Apple
      gli chiede una cosa del
      genere?Quale sarebbe "la cosa del genere" che Apple chiede?
      Le aziende possono anche risponderle che se vuole
      condizioni migliori per i lavoratori
      inevitailmente i prezzi
      saliranno...No, saliranno i concorrenti di queste aziende.
      Allora voglio vedere cosa farà Apple...Apple non ha alcun problema, coi soldi che ha può fare tutto, anche costruire interamente gli iPhone a Cupertino, accanto alla nuova sede, con vialetto alberato da 100 metri che collega le due attività.
      • iRoby scrive:
        Re: Cambino posto
        - Scritto da: ruppolo
        Apple non ha alcun problema, coi soldi che ha può
        fare tutto, anche costruire interamente gli
        iPhone a Cupertino, accanto alla nuova sede, con
        vialetto alberato da 100 metri che collega le due
        attività.Se lo facesse col tempo si ridurrebbero gli utili e la capitalizzazione.Nel capitalismo il profitto è il dogma, e qualsiasi mezzo per raggiungere quello più alto è considerato lecito.I numeri della Apple sono possibili solo grazie allo sfruttamento di gente in paesi dove questo è permesso.Quindi che scemenze scrivi?
Chiudi i commenti