Datagate, Zuckerberg chiama Obama

Il fondatore del social network in blu chiama la Casa Bianca: deve rispondere delle indiscrezioni secondo cui finte pagine Facebook fossero sfruttate per intercettare milioni di utenti

Roma – Zuckerberg ha chiamato il Presidente Barack Obama per esprimere tutta la sua frustrazione per i danni inferti dalle attività di intelligence statunitensi alla fiducia dei netizen rispetto a Internet e per sottolineare l’urgenza di una riforma che scongiuri il perpetuarsi delle intercettazioni di massa della National Security Agency (NSA).

In seguito alle ultime rivelazioni di Edward Snowden, secondo cui l’NSA utilizzava un finto server Facebook per spacciarsi per il social network e ingannare in questo modo gli utenti, il CEO del sito in blu ha sentito il dovere di intervenire direttamente sulla questione datagate . Nonostante le smentite dell’agenzia di spionaggio statunitense che ha spiegato di non camuffarsi da aziende degli Stati Uniti per perseguire i propri scopi.

Zuckerberg ha scritto in un post che “con il mondo che diventa sempre più complesso e i governi quotidianamente in lotta, la fiducia in Internet è sempre più importante” e che è per questo che “Facebook spende molte energie e risorse nel salvaguardare i nostri servizi e Internet.”

Il problema è che Zuckerberg riteneva che questo sforzo fosse necessario per contrastare i criminali, non per combattere le istituzioni: “Per questo – spiega – siamo rimasti così confusi e frustrati dalle ripetute notizie sui comportamenti del governo degli Stati Uniti.”

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Johnny scrive:
    cooosa?
    Ma vi rendete conto di come state? O meglio come sta una persona che dipende e fa condizionare il suo umore solo, e dico SOLO, da questo cavolo di facebook? Siete così ossessionati dal far apparire nel migliore dei modi voi stessi in quel social che vi fate condizionare da dei post. Soldi spesi bene per quella ricerca. Ricordatevi che la vostra vita è la vostra vita e non un profilo che sfogliate davanti ad uno schermo.
  • San Diego University scrive:
    Un'altra scoperta
    Attenzione signori, abbiamo scoperto che l'acqua è bagnata
  • Eugenio Guastatori scrive:
    E vi dirò di più ...
    Di solito d'estate di giorno, fa molto più freddo che d'inverno di notte.
    • Eugenio Guastatori scrive:
      Re: E vi dirò di più ...
      - Scritto da: Eugenio Guastatori
      Di solito d'estate di giorno, fa molto più freddo
      che d'inverno di
      notte.Anzi no è il contrario ... vedete quando le cose sono complicate poi uno si confonde.
  • ... scrive:
    ...
    "Uno studio condotto dall'Università di San Diego dimostra che i messaggi positivi postati su Facebook provocano la felicità degli amici, mentre quelli pessimisti generano negatività""la relazione tra la pioggia e il cattivo umore che spesso genera nell'animo delle persone"Ma che studio di XXXXX è? Ma chi XXXXX avrebbe mai potuto pensare che fosse il contrario?
    • Merdok scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: ...
      "Uno studio condotto dall'Università di San Diego
      dimostra che i messaggi positivi postati su
      Facebook provocano la felicità degli amici,
      mentre quelli pessimisti generano
      negatività"

      "la relazione tra la pioggia e il cattivo umore
      che spesso genera nell'animo delle
      persone"

      Ma che studio di XXXXX è? Ma chi XXXXX avrebbe
      mai potuto pensare che fosse il
      contrario?devi capire che gli sgenziati amerigani pubblicano un sacco di minkiate per fare curriculum.ecco questo studio rientra perfettamente nella categoria Astroturfing 8)
  • Utonto scrive:
    Allora sono stupido
    Che geni questi di san diego...
    • Paolo Sigfrido scrive:
      Re: Allora sono stupido
      Se il genio fossi stato tu,forse Facebook avrebbe commissionato a te la ricerca.Quando ti chiamano, avvisa.
Chiudi i commenti