Decisa la tariffa massima per gli ex 12

L'Autorità TLC nella riunione di ieri ha stabilito i prezzi massimi per le chiamate ai servizi di informazione telefonici. La cosa potrebbe non piacere ai gestori


Roma – Tariffe chiare ma soprattutto tariffe contenute: questo il senso di una decisione assunta ieri dall’ Autorità garante delle TLC che impatta direttamente sui costi dei servizi di informazione telefonica .

L’Authority ha infatti stabilito che chi chiama da un telefono fisso uno dei numerosi numeri di questo genere di servizi, meglio noti come “ex-12”, non potrà pagare più di 1,20 euro al minuto , una tariffe decisamente al di sotto di quelle introdotte da alcuni dei gestori che si muovono in questa particolarissima nicchia di mercato.

“La decisione – si legge in una nota dell”Autorità – è stata adottata a conclusione di un’indagine conoscitiva avviata a dicembre, alla quale hanno partecipato operatori e associazioni dei consumatori, che ha condotto, tra l’altro, alla pubblicazione sul sito dell’Autorità delle tabelle comparative dei prezzi praticati dai diversi operatori”. Secondo il Garante quelle tabelle evidenziavano “l’elevato livello dei prezzi offerti per i servizi di informazioni abbonati”.

L’indagine, avviata lo scorso novembre , era stata accolta con favore dei consumatori che in più occasioni, dopo il lancio dei servizi sostitutivi del vecchio 12, avevano denunciato tariffe insostenibili , al punto che qualcuno ha persino chiesto il ritorno al vecchio 12 .

Nella nota, il Garante ha sottolineato come la delibera assunta dall’Autorità preveda anche “norme più restrittive per il completamento di chiamata, che potrà essere effettuato solo su consenso esplicito del cliente”. Si tratta della possibilità, una volta richiesto il numero che si ricerca al gestore, di “farselo chiamare” direttamente: un’opzione che oggi il consumatore adotta spesso senza sapere che ciò significa effettuare la propria chiamata continuando a pagare la tariffa del servizio informazioni .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Questo notebook ha il TCPA?
    http://it.computers.toshiba-europe.com/cgi-bin/ToshibaCSG/product_page.jsp?service=IT&PRODUCT_ID=108386
  • Anonimo scrive:
    Basterebbe molto poco [google]
    Ad esempio se google (usa linux, ha finanziato diversi progetti open, quindi mi pare che sia) mettesse in homepage in parole chiare e intellegibile agli utonti sul male del TC....varebbe più di mille catene di s.antonio
  • Anonimo scrive:
    Abbasso il Personal viva i PC collettivi
    Sta storia del Personal computer è giusto che finisca. Il Personal ha dato la stura a un'industria capitalistica sfrenata e all'egoismo individuale più pazzo, inclusa la pedofilia. Sogno l'epoca in cui avreno PC collettivi controllati dallo Stato che impediscano a chiunquie di fare imbecillità! E il sogno si sta avverando, con il superamento (speriamo) della stupida proprietà privata.Votate bene gente e scegliete meglio, avremo un futuro migliore, molto migliore!!! :@ :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbasso il Personal viva i PC collet
      Nel forum delle segnalazioni ci sono un sacco di 3D a sfondo politico. Vai anche tu a giocare, ti divertirai...
  • HotEngine scrive:
    IBM fece un computer 'aperto' ???
    Ma quando mai! IBM ha intentato diverse cause ai produttori dei compatibili, altro che 'rendere pubblico lo schema logico e quello circuitale senza coprirli con brevetti e vincoli legali'...magari una letturina a "chi ha paura di big blue?" di mcKenna farebbe bene...
    • TeX scrive:
      Re: IBM fece un computer 'aperto' ???
      - Scritto da: HotEngine
      Ma quando mai! IBM ha intentato diverse cause ai
      produttori dei compatibili, altro che 'rendere
      pubblico lo schema logico e quello circuitale
      senza coprirli con brevetti e vincoli legali'...L'architettura era (anzi è...) aperta, quello che era chiuso era il firmware. IBM ha intentato cause non a chi ha copiato l'architettura, ma chi ha copiato il codice contenuto nel BIOS. La questione si è risolta quando alcuni produttori sono riusciti a scrivere un BIOS da zero che replicasse quasi tutte le funzionalità del BIOS IBM. Mancavano alcune funzionalità, come ad esempio il DOS minimale e l'interprete Basic che partivano se sei faceva il boot senza dischetto), ma questo non creava grossi problemi (l'unica differenza pratica era che sui computer IBM potevi utilizzare il Basica, che si appoggiava al Basic su BIOS, mentre sui compatibili dovevi utilizzare il Gwbasic).Successivamente IBM ha provato a chiudere i propri PC grazie al cambio di architettura (il famoso, o famigerato, Microchannel) ma come è andata a finire lo sanno tutti...
      • HotEngine scrive:
        Re: IBM fece un computer 'aperto' ???
        - Scritto da: TeX

        - Scritto da: HotEngine

        Ma quando mai! IBM ha intentato diverse cause ai

        produttori dei compatibili, altro che 'rendere

        pubblico lo schema logico e quello circuitale

        senza coprirli con brevetti e vincoli legali'...

        L'architettura era (anzi è...) aperta, quello che
        era chiuso era il firmware. IBM ha intentato
        cause non a chi ha copiato l'architettura, ma chi
        ha copiato il codice contenuto nel BIOS. La
        questione si è risolta quando alcuni produttoriNell'articolo si ha l'impressione di una 'apertura' di IBM verso l'open, ma in realtà non fu propriamente così!Dovettero ricorrere ad una architettura 'aperta', ovvero all'utilizzo di prodotti standard di mercato e non di propria produzione perchè si resero conto che non avevano tempo per poter iniziare da zero in un campo che non era il loro (IBM si dedicava alle grandi macchine da calcolo). Fu fondamentalmente un loro sbaglio non una mossa voluta. Sbaglio accentuato oltretutto dalla staticità dell'azienda che, una volta sfornato il PC, si riposò sugli allori mentre i clonatori lo miglioravano a vista d'occhio.
        • TeX scrive:
          Re: IBM fece un computer 'aperto' ???
          - Scritto da: HotEngine...

          L'architettura era (anzi è...) aperta, quello
          che

          era chiuso era il firmware. IBM ha intentato...
          calcolo). Fu fondamentalmente un loro sbaglio non
          una mossa voluta. Sbaglio accentuato oltretutto...Beh, le motivazioni alla base e se fu uno sbaglio o meno, non cambiano la sostanza dei fatti, e cioè che l'architettura era effettivamente open. Non credi ?
          • HotEngine scrive:
            Re: IBM fece un computer 'aperto' ???
            Io leggo:"IBM nel 1982 inventò il computer personale con una iniziativa che ha cambiato anche il mondo; non semplicemente fare un pc migliore, ma un pc "aperto". Una rivoluzione visionaria; rendere pubblico lo schema logico e quello circuitale senza coprirli con brevetti e vincoli legali. Produrre veri computer personali; economici, facili da usare, espandibili e completamente controllabili dal proprietario. Dedicati a lui, non ad altri."Ma quando mai.... Questo è stravolgere la realtà.
          • TeX scrive:
            Re: IBM fece un computer 'aperto' ???
            - Scritto da: HotEngine
            Io leggo:

            "IBM nel 1982 inventò il computer personale con
            una iniziativa che ha cambiato anche il mondo;
            non semplicemente fare un pc migliore, ma un pc
            "aperto". Una rivoluzione visionaria; rendere
            pubblico lo schema logico e quello circuitale
            senza coprirli con brevetti e vincoli legali.
            Produrre veri computer personali; economici,
            facili da usare, espandibili e completamente
            controllabili dal proprietario. Dedicati a lui,
            non ad altri."


            Ma quando mai.... Questo è stravolgere la realtà.Non penso neppure io che lo abbiano fatto per una particolare 'visione', semplicemente ho voluto puntualizzare che lo hanno fatto... Probabilmente il motivo è stato semplicemente che volevano spendere il meno possibile, visto che non si aspettavano un grande successo, e quindi hanno deciso di risparmiare i soldi per i brevetti. Tanto più che dal punto di vista architetturale non hanno fatto poi grandi cose... neppure per quei tempi...
    • Anonimo scrive:
      Re: IBM fece un computer 'aperto' ???
      IBM era definita "the evil" http://groups.google.it/group/comp.unix.wizards/browse_frm/thread/f964b5a850380bde/7c2874945b7e00f5?lnk=st&q=ibm+evil&rnum=3&hl=it#7c2874945b7e00f5Oggi sta espiando i suoi peccati dando una mano a linux e all'OS, ma occhio sempre allerta......
    • Anonimo scrive:
      Re: IBM fece un computer 'aperto' ???
      Hai perfettamente ragione HotEngine, Calamari all'epoca forse non c'era o si è scordato.Altro che aperto: era un'application note dell'8088, scelta (come ha fatto notare qualcuno) per motivi di economicità perché allora la nozione di personal computer non esisteva e quello fu semplicemente un esperimento commerciale.Come poi sia andata a finire penso lo sappiamo tutti, spero anche Calamari (e speriamo non debba per forza finire)
  • pppaolo scrive:
    Si', non comprarli per un certo tempo
    Bene, Calamari, per una volta tanto sono quasi d'accordo con te. E' giusto che tu segnali le tue preoccupazioni, esagerate o meno ognuno giudica come vuole, certo intanto qui si puo' fare una valutazione dei rischi futuri, e stabilire se e come possiamo parare certe mosse. Naturalmente il farlo pubblicamente comporta dei rischi, in particolare che la controparte prenda nota delle nostre contromisure e studi il modo di vanificarle.Tu pensi di acquistare un PC di cui ti puoi fidare e che duri finche' il sistema del trusted computing collassera', quindi nella tua linea di condotta c'e' un carattere di temporaneita', fondato su previsioni che potrebbero essere corrette.Inoltre ammetti che il non comprare (i computer del trusted computing) spiegandone il motivo ai rivenditori puo' essere un efficace strumento di pressione, e sono d'accordo. Avevo letto che certe grosse compagnie potevano imporre certe caratteristiche HW e SW minacciando di colpire chi non si allineava imponendo prezzi penalizzanti ai riottosi e mandandoli fuori mercato, ma in realta' siamo noi che possiamo mandare fuori mercato chiunque, basta che non compriamo. A questo punto pero' e' doveroso chiarire che non si tratta di non comprare piu' nulla pere sempre, rinunciando al poco o al molto che Internet puo' darci, si tratta invece di arrangiarsi per un tempo limitato con degli Internet Point, terminali si scuole o biblioteche pubbliche, etc, giocando su un fatto che e' un nostro enorme punto di forza, noi possiamo fare a meno di Internet per sei mesi (o andare ogni tanto in un I.P.), ma i dirigenti delle aziende coinvolte nel trusted computing se per tre mesi presentano un fatturato molto inferiore a quelli precedenti, saltano e si trovano a spasso. Insomma siamo piu' forti noi e siamo in grado di imporre il nostro punto di vista.CiaoPaolo
    • rockroll scrive:
      Re: Si', non comprarli per un certo tempo
      - Scritto da: pppaolo
      Bene, Calamari, per una volta tanto sono quasi
      d'accordo con te. E' giusto che tu segnali le tue
      preoccupazioni, esagerate o meno ognuno giudica
      come vuole, certo intanto qui si puo' fare una
      valutazione dei rischi futuri, e stabilire se e
      come possiamo parare certe mosse. Naturalmente il
      farlo pubblicamente comporta dei rischi, in
      particolare che la controparte prenda nota delle
      nostre contromisure e studi il modo di
      vanificarle.
      Tu pensi di acquistare un PC di cui ti puoi
      fidare e che duri finche' il sistema del trusted
      computing collassera', quindi nella tua linea di
      condotta c'e' un carattere di temporaneita',
      fondato su previsioni che potrebbero essere
      corrette.
      Inoltre ammetti che il non comprare (i computer
      del trusted computing) spiegandone il motivo ai
      rivenditori puo' essere un efficace strumento di
      pressione, e sono d'accordo. Avevo letto che
      certe grosse compagnie potevano imporre certe
      caratteristiche HW e SW minacciando di colpire
      chi non si allineava imponendo prezzi
      penalizzanti ai riottosi e mandandoli fuori
      mercato, ma in realta' siamo noi che possiamo
      mandare fuori mercato chiunque, basta che non
      compriamo. A questo punto pero' e' doveroso
      chiarire che non si tratta di non comprare piu'
      nulla pere sempre, rinunciando al poco o al molto
      che Internet puo' darci, si tratta invece di
      arrangiarsi per un tempo limitato con degli
      Internet Point, terminali si scuole o biblioteche
      pubbliche, etc, giocando su un fatto che e' un
      nostro enorme punto di forza, noi possiamo fare a
      meno di Internet per sei mesi (o andare ogni
      tanto in un I.P.), ma i dirigenti delle aziende
      coinvolte nel trusted computing se per tre mesi
      presentano un fatturato molto inferiore a quelli
      precedenti, saltano e si trovano a spasso.
      Insomma siamo piu' forti noi e siamo in grado di
      imporre il nostro punto di
      vista.
      Ciao
      PaoloSono straconvinto di quanto dici: "loro", quelli che vogliono blindare tutto per i loro sporchi interessi, vivono con i nostri soldi, e resisteranno molto meno di tre mesi senza il nostro denaro, denaro che, fino a prova contraria, siamo noi a decidere come e a favore di chi spendere o non spendere! E da un po' che sto ripetendo questo concetto nei forum, sperando che moltri ciechi compratori diventino consapevoli compratori (o proprio non compratori)... e purtroppo abbiamo proprio bisogno della loro collaborazione, perchè se non siamo uniti in questo comportamento, rischiamo che i nostri sforzi di rinuncia temporanea siano inutili. Il momento di darsi delle regole in questo senso è ora, domani potrebbe essere troppo tardi. Affrettiamoci ad acquistare ora Hardware ancora non inquinato da assurde blidature, finchè ne troviamo disponibile sul mercato, e nei casi incerti non compriamo, a meno che il rivrnditore non ci offra garanzia scritta in merito!
  • galattico scrive:
    Re: Vuoi vedere che ci salveranno i mili
    Davvero Interessante.Comunque ho nontato che manca la Asus. E penso che per il momento sia una delle uniche alternative al "Trusted Computing". Penso proprio che il mio prossimo PC, sarà un Asus.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vuoi vedere che ci salveranno i mili
      - Scritto da: galattico
      Davvero Interessante.

      Comunque ho nontato che manca la Asus.

      E penso che per il momento sia una delle uniche
      alternative al "Trusted Computing".

      Penso proprio che il mio prossimo PC, sarà un
      Asus....già... però anche un pc asus deve avere un processore AMD o INTEL: vero che loro fanno anche le mobo ma non so se potranno rimanere "free"...Nessuno ha notizie di dichiarazioni ufficiali da parte di produttori HW contro il TC?
  • Anonimo scrive:
    che computer hai comprato?
    Non per fare pubblicità, ma sono interessato anche io a fare la stessa cosa.Comprare un personal che duri qualche anno.
  • Anonimo scrive:
    Ma la benzinaagricola e l'olio di colza?
    Qualcuno giustamente muove l'obiezione che le automobili non sono trusted perche' pare che io ci possa mettere dentro la benzina che voglio.Di fatto non e' cosi'.La benzina agricola al posto della verde o l'olio di colza al posto della nafta non me li fanno mica mettere, mi pare.E non per un problema tecnico!Per un problema di $oldi.La benzina verde costa piu' o meno come la benzina agricola, al netto delle tasse.Solo che poi, una volta aggiunta l'accisa, l'iva, la tassa sulla tassa, la tassa sulla tassa della tassa, etc.Stesso discorso per l'olio di colza che costa la meta' del diesel alla pompa.In un mondo libero da brevetti e gabelle io potrei metterci il carburante che voglio nel mio motore: il motore e' mio, se voglio pisciarci nel serbatoio perche' dovete impedirmelo?Esattamente come per un trusted PC che non mi fa eseguire i miei divx scaricati chissacome...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la benzinaagricola e l'olio di co
      - Scritto da: Anonimo
      Qualcuno giustamente muove l'obiezione che le
      automobili non sono trusted perche' pare che io
      ci possa mettere dentro la benzina che voglio.[...]
      In un mondo libero da brevetti e gabelle io
      potrei metterci il carburante che voglio nel mio
      motore: il motore e' mio, se voglio pisciarci nel
      serbatoio perche' dovete impedirmelo?

      Esattamente come per un trusted PC che non mi fa
      eseguire i miei divx scaricati chissacome...Forse perchè non hanno caratteristiche simili?Mi vuoi dire che tu fai il pieno di gasolio ad un'auto a benzina perchè costa di meno?Prova, e poi vedrai che bell' "errore di sistema" ti da :D
      • alex.tg scrive:
        Re: Ma la benzinaagricola e l'olio di co
        Non mi intendo di motori, ma dicono che molti diesel non common-rail funzionino benissimo con l'olio di colza (e puro al 100%, non allungato). Da parte mia posso fare da testimone oculare, anche se la macchina non era mia.Che ci sia un complotto mondiale per far consumare petrolio, e`... mah, come dire... mi limito a un "abbastanza plausibile"? Sullo stesso stampo sorgera` un complotto per farci "consumare" il software "giusto"? Probabilmente no, ma solo perche` non riuscirebbero a imporlo, sarebbero abbandonati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la benzinaagricola e l'olio di co
      - Scritto da: Anonimo...
      In un mondo libero da brevetti e gabelle io
      potrei metterci il carburante che voglio nel mio
      motore: il motore e' mio, se voglio pisciarci nel
      serbatoio perche' dovete impedirmelo?...Beh, puoi benissimo farlo. Quello che però non puoi fare è girarci per le strade pubbliche, altrimenti di fatti compi un'evasione fiscale. Le accise infatti sono tasse sull'uso delle autovetture e sono (o dovrebbero essere...) destinate alla gestione della rete stradale.Insomma il tuo discorso è un po' come dire che non siamo in un mondo libero perchè le fettine in macelleria non te le danno se non paghi o se paghi con i soldi del Monopoli...Semmai l'analogia con il TCPA sarebbe se la FIAT venisse a dirti che nelle sue macchine (si sue, perchè tu avresti solo una licenza d'uso...) potresti mettere solo carburanti Agip, e se per caso provassi a mettere un'altra marca un chip provvederebbe ad impedire la messa in moto.
  • Anonimo scrive:
    da inoltrare a tutti
    per favore inoltra questa mail a tutti gli indirizzi della tua rubricainformiamo la gente!facciamo si che le persone che acquistano un computer possano dire al negoziante di non volere il tcpa.oggetto:grave minacciaAttenzione:Se non interveniamo, presto, i nostri futuri computer potrebbero nonessere piu' "nostri".Di seguito alcuni link per conoscere (o approfondire) questo fenomeno,chiamato "trusted computing", che potrebbe caratterizzare il nostro futuro(e presente) informatico e non solo, (dato che l'informatica laapplichiamo a tutti i campi):http://punto-informatico.it/p.asp?i=57285&r=PIhttp://punto-informatico.it/p.asp?i=56868&r=PIhttp://punto-informatico.it/p.asp?i=56994&r=PIhttp://www.no1984.org /http://www.wowarea.com/dyn/vai.php/k_20051030210242filmato su trusted computinghttp://www.p2pforum.it/counter/click.php?id=24cosa si puo fare?a mio avviso, al momento due cose:1) Diffondere questa email il piu' possibile affinche tutti conoscanoquesto fenomeno.2) NON COMPRARE COMPUTER "predisposti" al trusted computing, spiegandoal negoziante che NON si vuole questa tecnologia che va contro se stessi.(Se sei un venditore non proporli ai clienti spiegando che non convienee che limitano la liberta'.)Qui c'e' una lista dei modelli gia predisposti:http://www.no1984.org/Hardware_TC-complianthttp://www.tonymcfadden.net/tpmvendors.htmlI consumatori se sono tutti uniti possono contrastare le potentimultinazionali.Non vogliamo fare fallire nessuno, ma non chiediamo molto in fondo, soloun po di rispetto e considerazione, che ci vengono tolti ogni giornosempre di piu'.3) Abbandonare da subito l'idea "tanto qualcuno trovera un modo perviolare questo sistema".Perche' se compro qualcosa devo poi violarla per usarla come e quandodico io?Se compro la pasta devo cucinarla con la ricetta che mi impone ilproduttore?No, me la cucino come piace a me.Cosa potrebbe succedere in uno scenario un po pessimistico ma possibile:Magari l'automobile non cammina o non va in una certa zona perche'NON SEI TU A DECIDERE... e se fosse una questione vitale andare in unacerta zona?Oppure il computer smette di funzionare perche riceve quest'ordine dalvero proprietario che non sei tu... e se fosse un computer in unospedale che tiene in vita una persona?La lavatrice non funziona se non con un determinato detersivo... e se tuvuoi usarne un altro?(gia questo si vede oggi con le stampanti che non funzionano se non conl'inchiostro piu' costoso)La televisione non ti fa vedere un certo programma ad una data ora in uncerto giorno... cosi sarebbe facile censurare chiunque (piu' facile dioggi)Lo stereo non legge un cd, che tu hai comprato, piu di un certo numerodi volte...Il computer non apre piu' un determinato file perche' il veroproprietario, che non sei tu, ha deciso che quel file non va piu' apertosu nessun computer di quella marca...Il file, con cui lavori, di Office, Autocad, 3d Studio, Photoshop,Premiere, iMovie, Ecc...non si apre piu' perche' DEVI PAGARE una certa cifra, oltre al costodell programma.Magari perche' la licenza di questi programmi e' cambiata senza il tuoconsenso (e senza che tu lo sapessi)...Non puoi piu' fare le copie di backup del software che acquisti...Non puoi montare masterizzatore, hard disk, scheda video, ecc di unadeterminata marca (magari piu' economica)perche' la marca della scheda madre del 'tuo' computer ha deciso di nonsupportarli piu'..."Misteriosamente" il giorno dopo la scadenza della garanzia delcomputer, si rompe una periferica...Ma questa e' la rivolta delle macchine!!!Ancora siamo in tempo a contrastare questo fenomeno e a mantenere laliberta' di fare cio' che vogliamo, con le cose che acquistiamo.Dipende da noi, se sapremo rinunciare a fare acquisti di oggetti chepossono essere utilizzati da altre persone per limitarci la liberta'.Buona giornata.p.s.Per favore inoltra questa email a tutte le persone che conosci e che nonconosci,penso che ti ringrazieranno per averle messe a conoscenza di questograve problema.Prima di spedirla puliscila da tutta la pubblicita' che i gestori dellemail aggiungono in automatico,in modo che il messaggio non sia disordinato.se hai altre informazioni aggiungile!GRAZIE.
  • Anonimo scrive:
    Pensavo di essere paranoico
    La lettura di questo articolo mi ha dato un piacere immenso. Cominciavo a pensare di essere un paranoico (tipo quelli che vedono cospirazioni da tutte le parti e passano il tempo a parlarti di come Bush ha buttato giù le Torri e di come gli "illuminati" stanno riducendo il mondo in schiavitù) per essere in procinto di fare esattamente la stessa cosa, anche se con qualche difficoltà dovuta alla perdita di fiducia nella marca di portatili che, dimostrando un assoluta affidabilità malgrado le severissime condizioni d'uso, ha fornito tutti i miei PC dal lontano 1998 (Toshiba), ora fuori dalla rosa per via delle sue scelte pro-TC .Fino ad ora solo un altra persona di mia conoscenza (altro paranoico libertario) aveva espresso lo stesso desiderio di comprare un PC al top e aspettare.Questo articolo mi ha fatto sentire meno diverso di quel che pensavo.... Grazie per l'iniezione di fiducia.
    • Anonimo scrive:
      Non sei l'unico
      Anche io sto cercando un portatile adeguato ad essere l'ultimo, almeno per qualche anno. Tuttavia la ricerca e` difficilissima, anche perche` ovviamente voglio una macchina come dico io, oltre che senza trusted computing.
    • mr_setter scrive:
      Re: Pensavo di essere paranoico
      - Scritto da: Anonimo
      La lettura di questo articolo mi ha dato un
      piacere immenso. Cominciavo a pensare di essere
      un paranoico (tipo quelli che vedono cospirazioni
      da tutte le parti e passano il tempo a parlarti
      di come Bush ha buttato giù le Torri e di come
      gli "illuminati" stanno riducendo il mondo in
      schiavitù) per essere in procinto di fare
      esattamente la stessa cosa, anche se con qualche
      difficoltà dovuta alla perdita di fiducia nella
      marca di portatili che, dimostrando un assoluta
      affidabilità malgrado le severissime condizioni
      d'uso, ha fornito tutti i miei PC dal lontano
      1998 (Toshiba), ora fuori dalla rosa per via
      delle sue scelte pro-TC .N.B. Non voglio fare pubblicita' gratuita ma ho acquistato da circa 1 mese e mezzo il Toshiba M40-281 con Centrino 2.0Ghz etc etc. e funziona in maniera impeccabile alla faccia del dual-core e del T.P......Quindi non perdere la speranza (almeno non del tutto....)LV&P ;-P
      Questo articolo mi ha fatto sentire meno diverso
      di quel che pensavo.... Grazie per l'iniezione di
      fiducia.
      • Anonimo scrive:
        Re: Pensavo di essere paranoico
        - Scritto da: mr_setter
        - Scritto da: Anonimo

        La lettura di questo articolo mi ha dato un

        piacere immenso. Cominciavo a pensare di essere

        un paranoico (tipo quelli che vedono
        cospirazioni

        da tutte le parti e passano il tempo a parlarti

        di come Bush ha buttato giù le Torri e di come

        gli "illuminati" stanno riducendo il mondo in

        schiavitù) per essere in procinto di fare

        esattamente la stessa cosa, anche se con qualche

        difficoltà dovuta alla perdita di fiducia nella

        marca di portatili che, dimostrando un assoluta

        affidabilità malgrado le severissime condizioni

        d'uso, ha fornito tutti i miei PC dal lontano

        1998 (Toshiba), ora fuori dalla rosa per via

        delle sue scelte pro-TC .

        N.B. Non voglio fare pubblicita' gratuita ma ho
        acquistato da circa 1 mese e mezzo il Toshiba
        M40-281 con Centrino 2.0Ghz etc etc. e funziona
        in maniera impeccabile alla faccia del dual-core
        e del T.P......
        Quindi non perdere la speranza (almeno non del
        tutto....)Ma i pentium M Centrino sono senza chip fritz?Cosa è quel bit che si setta dal bios?A me l' M40-281dovrebbe arrivare domani.Come ti trovi?
  • marcel scrive:
    Buonaidea!
    Non compriamo un PC con tecnologia DRM e tanto meno software con lo supporti (prima fra tutti Vista): resistiamo per due o tre anni. Voglio vedere cosa fa il "club" che si sta delineando (Microsoft, Intel & C:) che cosa fanno. Chi resiste di più loro (che devono pagare stipendi, investimenti, pubblicità, ecc. senza incassare un cent) o noi che dobbiamo rinunciare all'ultimo grido della "tecnologia".Dimostriamo una volta, una sola volta nella nostra misera vita di essere degli uomini liberi (senza tanti bla bla bla e poi tutti in fila come pecore).Io non credo che abbiamo una spina dorsale, ma DEVO possedere la speranza (ne va della mia stessa vita) che ciò accada. Chissà! Non è stato detto che la speranza è l'ultima a morire.In fondo le statistiche dicono che gli itliani fumano meno... e allora!
    • Anonimo scrive:
      Re: Buonaidea!
      - Scritto da: marcel
      Non compriamo un PC con tecnologia DRM e tanto
      meno software con lo supporti (prima fra tutti
      Vista): resistiamo per due o tre anni. Voglio
      vedere cosa fa il "club" che si sta delineando
      (Microsoft, Intel & C:) che cosa fanno. Chi
      resiste di più loro (che devono pagare stipendi,
      investimenti, pubblicità, ecc. senza incassare un
      cent) o noi che dobbiamo rinunciare all'ultimo
      grido della "tecnologia".
      Dimostriamo una volta, una sola volta nella
      nostra misera vita di essere degli uomini liberi
      (senza tanti bla bla bla e poi tutti in fila come
      pecore).
      Io non credo che abbiamo una spina dorsale, ma
      DEVO possedere la speranza (ne va della mia
      stessa vita) che ciò accada.
      Chissà! Non è stato detto che la speranza è
      l'ultima a morire.
      In fondo le statistiche dicono che gli itliani
      fumano meno... e allora!non sono i privati che fanno il mercato ma le aziende e quelle con il trusted ci vanno a nozze
      • Anonimo scrive:
        Re: Buonaidea!
        E io sono talmente assuefatto che non riesco a sopravvivere senza possedere l'ultimo modello di processore intel! voglio sempre più potenza!(scherzo...ma mica tanto... :( )
        • lroby scrive:
          Re: Buonaidea!
          - Scritto da: Anonimo
          E io sono talmente assuefatto che non riesco a
          sopravvivere senza possedere l'ultimo modello di
          processore intel! voglio sempre più potenza!

          (scherzo...ma mica tanto... :( )Devi essere proprio assuefatto se hai bisogno di avere un processore INTEL..Ma io voglio un super AMD64!!! :'(
        • Anonimo scrive:
          Re: Buonaidea!
          - Scritto da: Anonimo
          E io sono talmente assuefatto che non riesco a
          sopravvivere senza possedere l'ultimo modello di
          processore intel! voglio sempre più potenza!

          (scherzo...ma mica tanto... :( )Se lo fai per i giochi, valuta una PS3 o una xbox360.
      • Anonimo scrive:
        Re: Buonaidea!
        - Scritto da: Anonimo
        [...]
        non sono i privati che fanno il mercato ma le
        aziende e quelle con il trusted ci vanno a nozzeNon tutte. Ci sono anche quelle che sviluppando software non vorrebbero pagare i diritti a qualcun altro per fare in modo che il software scritto da loro giri sulle macchine dei loro clienti...
  • Sbisolo scrive:
    Marchio Trusted Computer Free
    Sarebbe interessante ideare e promuovere un marchio e relativo logo da appiccicare su hardware e software che non adottano uno di questi sistemi in modo che siano immediatamente riconoscibili i computer completamente sotto il controllo di chi li acquista.
    • Anonimo scrive:
      Re: Marchio Trusted Computer Free
      Quoto
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Marchio Trusted Computer Free
      - Scritto da: Sbisolo
      Sarebbe interessante ideare e promuovere un
      marchio e relativo logo da appiccicare su
      hardware e software che non adottano uno di
      questi sistemi in modo che siano immediatamente
      riconoscibili i computer completamente sotto il
      controllo di chi li acquista.Stavo pensando la stessa cosa... Chissà se i cinesi non prendano la palla al balzo...TAD
    • Alessandrox scrive:
      Questo e' il momento!
      - Scritto da: Sbisolo
      Sarebbe interessante ideare e promuovere un
      marchio e relativo logo da appiccicare su
      hardware e software che non adottano uno di
      questi sistemi in modo che siano immediatamente
      riconoscibili i computer completamente sotto il
      controllo di chi li acquista.http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1310958&tid=1310711&p=1&r=PI#1310958Chi e' in possesso di sufficienti conoscenze, chi lavora nel settore informatico, chi insegna informatica ed e' daccordo con noi deve agire ORA ed informare il piu' possibile la gente. Non aspettiamo a quando comincera' il passaggio a Vista.CIAO A TUTTIDISTINTI SALUTI==================================Modificato dall'autore il 10/02/2006 15.05.22
    • Anonimo scrive:
      Re: Marchio Trusted Computer Free
      E' impossibile.Lo scopo del TCPA è nacondersi abilmente. Non per nulla in pochi mesi il consorzio ha cambiato diverse volte nome.
    • sennoDiPoi scrive:
      Re: Marchio Trusted Computer Free
      quoto- Scritto da: Sbisolo
      Sarebbe interessante ideare e promuovere un
      marchio e relativo logo da appiccicare su
      hardware e software che non adottano uno di
      questi sistemi in modo che siano immediatamente
      riconoscibili i computer completamente sotto il
      controllo di chi li acquista.
    • Anonimo scrive:
      Re: Marchio Trusted Computer Free
      - Scritto da: Sbisolo
      Sarebbe interessante ideare e promuovere un
      marchio e relativo logo da appiccicare su
      hardware e software che non adottano uno di
      questi sistemi in modo che siano immediatamente
      riconoscibili i computer completamente sotto il
      controllo di chi li acquista.magari
    • Anonimo scrive:
      Re: Marchio Trusted Computer Free
      - Scritto da: Sbisolo
      Sarebbe interessante ideare e promuovere un
      marchio e relativo logo da appiccicare su
      hardware e software che non adottano uno di
      questi sistemi in modo che siano immediatamente
      riconoscibili i computer completamente sotto il
      controllo di chi li acquista.pienamente d'accordo!!!!!facciamo fallire il progetto :D
  • Anonimo scrive:
    HARDWARE SENZA DRM & TPM ???
    Esiste qualche sito aggiornato che elenca HW senza TPM & C. ?Le liste di quelli che lo incorporano ci sono, ma dovendo comprare HW pulito (Mainboard, Bios, CPU, etc.), cosa e' rimasto sulla piazza ?Quali marchi e modelli ?E come si fa ad essere sicuri che siano HW puliti ?
  • Anonimo scrive:
    Io di mestiere vendo i pc
    ...quindi alla fin fine, se la gente non li compra e le case produttrici non cedono, come al solito in quel posto ce lo pigliamo noi che stiamo nel mezzo... un pò come i negozi di dischi...
    • francescor82 scrive:
      Re: Io di mestiere vendo i pc
      E tu fai scorta ora di computer e hardware non TC-compliant, vedrai che di quelli ci sarà richiesta. Devo essere io a suggerirtelo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Io di mestiere vendo i pc
        - Scritto da: francescor82
        E tu fai scorta ora di computer e hardware non
        TC-compliant, vedrai che di quelli ci sarà
        richiesta. Devo essere io a suggerirtelo?No, al limite dammi tu il denaro per le scorte.O pensi che le parti da PC vengano regalate dai magazzini?Devo essere io a spiegarti come funziona il mercato ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Io di mestiere vendo i pc
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: francescor82

          E tu fai scorta ora di computer e hardware non

          TC-compliant, vedrai che di quelli ci sarà

          richiesta. Devo essere io a suggerirtelo?

          No, al limite dammi tu il denaro per le scorte.
          O pensi che le parti da PC vengano regalate dai
          magazzini?
          Devo essere io a spiegarti come funziona il
          mercato ?Vabbè, allora le scorte di HW non-TC suggeriscile ai Magazzini !
        • francescor82 scrive:
          Re: Io di mestiere vendo i pc
          E in ogni caso, non hai da preoccuparti, la "massa" continuerà a comprare senza informarsi. :'(
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Io di mestiere vendo i pc
      - Scritto da: Anonimo
      ...quindi alla fin fine, se la gente non li
      compra e le case produttrici non cedono, come al
      solito in quel posto ce lo pigliamo noi che
      stiamo nel mezzo... un pò come i negozi di
      dischi...Più che non li compra, mi preoccuperei se dopo averli comprati e dopo aver scoperto che molte cose non le possono più fare, torneranno da te a sbraitare che "il pc non funziona"... :| :| :| TAD==================================Modificato dall'autore il 10/02/2006 9.48.52
    • Anonimo scrive:
      Re: Io di mestiere vendo i pc
      - Scritto da: Anonimo
      ...quindi alla fin fine, se la gente non li
      compra e le case produttrici non cedono, come al
      solito in quel posto ce lo pigliamo noi che
      stiamo nel mezzo... un pò come i negozi di
      dischi...Certo, qualcuno se lo deve pur pigliare.Si chiama evoluzione darwiniana.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io di mestiere vendo i pc
      - Scritto da: Anonimo
      ...quindi alla fin fine, se la gente non li
      compra e le case produttrici non cedono, come al
      solito in quel posto ce lo pigliamo noi che
      stiamo nel mezzo... un pò come i negozi di
      dischi...Mica tanto: un disco e' un prodotto un po' diverso da un computer.Per esempio, tu vendi solo computer con roba preinstallata oppure da te c'e' la possibilita' di prendere un bel computer (magari portatile), senza sistema operativo, che uno poi si installa a parte?E per quanto riguarda le tastiere, come sei messo?Hai solo tastiere italiane con quell'inutile tasto tra il ctrl e l'alt, oppure vendi anche tastiere US (utilia chi sviluppa) e tastiere senza quell'inutile tasto di cui sopra (che a chi utilizza sistemi operativi evoluti non serve) ?Perche' se io devo rivolgermi ad un venditore per acquistare un PC, mi aspetto che questo abbia un certo assortimento da cui scegliere.Altrimenti non saresti un venditore, ma un concessionario M$.
  • Crazy scrive:
    Gran bel Articolo
    CIAO A TUTTIfaccio i compliemtni a Marco Calamari per il bel articolo, chiarissimo e speriamo che il messaggio arrivi forte a molti:BOICOTTATE TUTTI I COMPUTER TRUSTED COMPUTINGfacciamo fallire questo Progetto nonf inanziandolo con i nostri soldiDISTINTI SALUTI
    • Anonimo scrive:
      Re: Gran bel Articolo
      Giusto. Boicottiamo il TC e, coi soldi risparmiati, compriamo testi di grammatica
    • citrullo scrive:
      Re: Gran bel Articolo
      Domanda, ma se nel "cassone" ce solo un componente (tipo il procio) TC e' un problema? Tutto l'acrocco non dovrebbe essere disabilitato visto che gli altri componenti non ci sono?
      • bt scrive:
        Re: Gran bel Articolo
        - Scritto da: citrullo
        Domanda, ma se nel "cassone" ce solo un
        componente (tipo il procio) TC e' un problema?
        Tutto l'acrocco non dovrebbe essere disabilitato
        visto che gli altri componenti non ci sono?O più semplicemente il processore si rifiuterà di funzionare?Vedremo come andrà a finire...==================================Modificato dall'autore il 10/02/2006 12.30.17
    • Anonimo scrive:
      Re: Gran bel Articolo
      - Scritto da: Crazy
      CIAO A TUTTI
      DISTINTI SALUTI
  • Anonimo scrive:
    Invenzioni
    IBM nel 1982 non invento' un bel nulla, l'architettura a slot era gia' presente nell'Apple ][, come dimostra la grande quantita' di hardware (schede di vario tipo) prodotto da terzi. Lo stesso si puo' dire per quanto riguarda la documentazione. Se non ricordo male, per il suo PC, IBM acquisto' il progetto da altri, salvo poi modificarlo.Per quanto riguarda il "DOS", credo che lo sappiano tutti da dove viene :-PEppoi... ma non era il 1981?
    • Anonimo scrive:
      Re: Invenzioni
      - Scritto da: Anonimo
      IBM nel 1982 non invento' un bel nulla,
      l'architettura a slot era gia' presente
      nell'Apple ][, come dimostra la grande quantita'
      di hardware (schede di vario tipo) prodotto da
      terziI PC che utilizziamo sono dei pc compatibili IBM !!Ricordatelo prima di sparare cazzate
      • Santos-Dumont scrive:
        Re: Invenzioni
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        IBM nel 1982 non invento' un bel nulla,

        l'architettura a slot era gia' presente

        nell'Apple ][, come dimostra la grande quantita'

        di hardware (schede di vario tipo) prodotto da

        terzi

        I PC che utilizziamo sono dei pc compatibili IBM
        !!

        Ricordatelo prima di sparare cazzateNon sono cazzate bensì la verità. Ma tu sei troppo giovane per ricordartelo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Invenzioni
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        IBM nel 1982 non invento' un bel nulla,

        l'architettura a slot era gia' presente

        nell'Apple ][, come dimostra la grande quantita'

        di hardware (schede di vario tipo) prodotto da

        terzi

        I PC che utilizziamo sono dei pc compatibili IBM
        !!

        Ricordatelo prima di sparare cazzateSI, ma solo perché Apple non aveva dato la licenza di costruire pc "cloni" dei suoi, altrimenti ora avremmo tutti dei Mac e non dei Win.Questa è storia, la tua è ignoranza
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: Invenzioni
      - Scritto da: Anonimo
      IBM nel 1982 non invento' un bel nulla,
      l'architettura a slot era gia' presente
      nell'Apple ][, come dimostra la grande quantita'
      di hardware (schede di vario tipo) prodotto da
      terzi. Lo stesso si puo' dire per quanto
      riguarda la documentazione. Se non ricordo male,
      per il suo PC, IBM acquisto' il progetto da
      altri, salvo poi modificarlo.
      Per quanto riguarda il "DOS", credo che lo
      sappiano tutti da dove viene :-P
      Eppoi... ma non era il 1981?Ho avuto lo stesso pensiero leggendo l'articolo. Forse chi non ha avuto tra le mani un Apple II (o un clone taiwanese del medesimo) non ha idea delle possibilità che offriva all'epoca (tipo una scheda da cui caricare il CP/M... ;))
      • ZeNuS scrive:
        Re: Invenzioni
        - Scritto da: Santos-Dumont

        - Scritto da: Anonimo

        IBM nel 1982 non invento' un bel nulla,

        l'architettura a slot era gia' presente

        nell'Apple ][, come dimostra la grande quantita'

        di hardware (schede di vario tipo) prodotto da

        terzi. Lo stesso si puo' dire per quanto

        riguarda la documentazione. Se non ricordo
        male,

        per il suo PC, IBM acquisto' il progetto da

        altri, salvo poi modificarlo.

        Per quanto riguarda il "DOS", credo che lo

        sappiano tutti da dove viene :-P

        Eppoi... ma non era il 1981?

        Ho avuto lo stesso pensiero leggendo l'articolo.
        Forse chi non ha avuto tra le mani un Apple II (o
        un clone taiwanese del medesimo) non ha idea
        delle possibilità che offriva all'epoca (tipo una
        scheda da cui caricare il CP/M... ;))CP/M??? Ah si...la "versione beta" di DOS...
        • Anonimo scrive:
          Re: Invenzioni
          - Scritto da: ZeNuS
          .........

          scheda da cui caricare il CP/M... ;))
          CP/M??? Ah si...la "versione beta" di DOS...Ehhhhhh ????? Ripassati la storia dell' informatica, và .....
          • Anonimo scrive:
            Re: Invenzioni
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: ZeNuS

            CP/M??? Ah si...la "versione beta" di DOS...

            Ehhhhhh ????? Ripassati la storia dell'
            informatica, và .....In effetti IBM era intenzionata a montare CP/M sul suo PC, ma poi ripiego' su MS-DOS. Resta il fatto che le prime versioni di MS-DOS contenevano parecchie riferimenti a CP/M per questioni di compatibilita' (MS ha "portato" su DOS parecchio software proveniente da CP/M).Basta dare un'occhiata alla struttura del PSP e ad alcune funzioni del DOS, per trovare qualche scheletro di CP/M.
          • lroby scrive:
            Re: Invenzioni

            In effetti IBM era intenzionata a montare CP/M
            sul suo PC, ma poi ripiego' su MS-DOS. Resta il
            fatto che le prime versioni di MS-DOS contenevano
            parecchie riferimenti a CP/M per questioni di
            compatibilita' (MS ha "portato" su DOS parecchio
            software proveniente da CP/M).
            Basta dare un'occhiata alla struttura del PSP e
            ad alcune funzioni del DOS, per trovare qualche
            scheletro di CP/M.IBM era intenzionata a montare il CP/M come scelta privilegiata,ma questo o.s. non era pronto in tempo,così chiese alla MS,che gli realizzò su misura un os. prendendo la licenza di 1 altra società (le seattle) di un'altro os già esistente. successivamente quando il CP/M fù reso disponibile,IBM creò la possibilità di acquistare insieme ai suoi pc uno dei 3 o.s. disponibili in quel momento (CP/M, dos personalizzato della MS e il UCSD P-systemuna con pascal integrato)..Alla fine adottò il DOS come unico standard,in quanto costando molto meno della concorrenza,i clienti stessi preferivano comprare quest'ultimo.Siccome spiegato da me potrebbe risultare un pò confusionato da comprendere vi posto questo linkhttp://www.ordineingegneri.bergamo.it/Commissioni/2001/14/Documenti/moduli/Lezione02/storia.htm==================================Modificato dall'autore il 16/02/2006 12.37.16
        • Anonimo scrive:
          Re: Invenzioni
          - Scritto da: ZeNuS

          - Scritto da: Santos-Dumont



          - Scritto da: Anonimo


          IBM nel 1982 non invento' un bel nulla,


          l'architettura a slot era gia' presente


          nell'Apple ][, come dimostra la grande
          quantita'


          di hardware (schede di vario tipo) prodotto da


          terzi. Lo stesso si puo' dire per quanto


          riguarda la documentazione. Se non ricordo

          male,


          per il suo PC, IBM acquisto' il progetto da


          altri, salvo poi modificarlo.


          Per quanto riguarda il "DOS", credo che lo


          sappiano tutti da dove viene :-P


          Eppoi... ma non era il 1981?



          Ho avuto lo stesso pensiero leggendo l'articolo.

          Forse chi non ha avuto tra le mani un Apple II
          (o

          un clone taiwanese del medesimo) non ha idea

          delle possibilità che offriva all'epoca (tipo
          una

          scheda da cui caricare il CP/M... ;))
          CP/M??? Ah si...la "versione beta" di DOS...Veramente CP/M era multi stak e multiuser. Il dos?Studiare prima di parlare! (troll)
          • Anonimo scrive:
            Re: Invenzioni
            - Scritto da: Anonimo
            Veramente CP/M era multi stak e multiuser. Il dos?Mmmhhh... forse intendi MP/M, se parliamo del CP/M dell'epoca (2.2 mi pare) non era multiuser ne' multi (task?)
            Studiare prima di parlare! (troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: Invenzioni
        - Scritto da: Santos-Dumont
        Forse chi non ha avuto tra le mani un Apple II (o
        un clone taiwanese del medesimo) non ha idea
        delle possibilità che offriva all'epoca (tipo una
        scheda da cui caricare il CP/M... ;))Arrrgh...La parte interessante era che il CP/M era un OPTIONAL, pertanto eri liberissimo di NON usarlo sull'apple (molto meglio il DOS o il successivo ProDOS) :-P
    • Anonimo scrive:
      Re: Invenzioni
      - Scritto da: Anonimo
      IBM nel 1982 non invento' un bel nulla,
      l'architettura a slot era gia' presente
      nell'Apple ][, come dimostra la grande quantita'
      di hardware (schede di vario tipo) prodotto da
      terzi. Lo stesso si puo' dire per quanto
      riguarda la documentazione. Se non ricordo male,
      per il suo PC, IBM acquisto' il progetto da
      altri, salvo poi modificarlo.
      Per quanto riguarda il "DOS", credo che lo
      sappiano tutti da dove viene :-P
      Eppoi... ma non era il 1981?No, the 1977 Apple ][ was the first highly successful mass-produced personal computer, but not the first personal computer. Nor was the 1976 Apple 1, which can be considered an Apple ][ prototype since only 200 or so were made.http://www.blinkenlights.com/pc.shtml
  • Anonimo scrive:
    E se il mio si scassa?
    I computer non sono inespugnabili ed indistruttibili. Prima o poi, qualcosa si rompe ed ecco che l'Untrusted Computing diventa una triste realtà, per chi lavora nell'informatica. Non è che possa chiudere tutto, un intera vita dedicata al computer, ove si basa anche il mio lavoro, solo per della gentaglia che ha raggiunto il grado massimo di capitalismo raggiungibile.PS: La microsoft e le amiche di merenda, stanno per mettersi a fare un gioco molto rischioso, contro l'anti-trust (Anti-Trust, sarà un caso?). Questo GIGANTESCO cartello, di sicuro, non passerà inosservato. Se la UE ha minacciato pindole di oltre 490 milioni di ?, come multa, per 2 righe di codice, quando verrà a sapere di sta cosa, multerà a talpunto non solo M$ ma anche le compagne, che Windows verrà poi messo come etichetta nei coni gelato venduti da Bill Gaytz, porta a porta.
    • bt scrive:
      Re: E se il mio si scassa?
      - Scritto da: Anonimo
      La microsoft e le amiche di merenda, stanno
      per mettersi a fare un gioco molto rischioso,
      contro l'anti-trust (Anti-Trust, sarà un caso?).
      Questo GIGANTESCO cartello, di sicuro, non
      passerà inosservato. Se la UE ha minacciato
      pindole di oltre 490 milioni di ?, come multa,
      per 2 righe di codice, quando verrà a sapere di
      sta cosa, multerà a talpunto non solo M$ ma anche
      le compagne, che Windows verrà poi messo come
      etichetta nei coni gelato venduti da Bill Gaytz,
      porta a porta.Perché, secondo te le commissioni antitrust vivono nel deserto del Sahara isolate dal mondo?Per saperlo lo sanno già, che poi ciò corrisponda ad una reazione è una cosa del tutto diversa...
  • Anonimo scrive:
    Ma che personal e personal...
    "IBM nel 1982 inventò il computer personale con una iniziativa che ha cambiato anche il mondo; non semplicemente fare un pc migliore, ma un pc "aperto". Una rivoluzione visionaria; rendere pubblico lo schema logico e quello circuitale senza coprirli con brevetti e vincoli legali. Produrre veri computer personali; economici, facili da usare, espandibili e completamente controllabili dal proprietario. Dedicati a lui, non ad altri."Mi duole ricordarti che la causa che la IBM intentò alla Compaq per aver costruito un computer compatibile durò anni, e la perse solo perché la Compaq dimostrò che non lo aveva copiato ma progettato ex-novo. Altro che PC aperto, se la IBM avesse vinto, saremmo ancora indietro di vent'anni...E poi, economico? Economico da produrre (avevano usato componenti industriali standard), ma il prezzo di vendita era altino (col marchietto IBM sopra...)Facile da usare? Il DOS? Era più semplice di Unix, d'accordo...Espandibile e controllabile dal proprietario? Non molto più di tutti gli altri... per vendere, dovevano costare poco, e per costare poco, dovevano essere semplici.Lo schema circuitale era brevettato.L'interfaccia del BIOS venne resa pubblica dalla Compaq, non dalla IBM.E tutte le porte e le interfacce erano standard da anni, o erano forzate dai componenti utilizzati.Insomma, non proporrei proprio il PC IBM come esempio di computer "aperto".E poi, vi sembra strano non sapere "tutto" del vostro computer? Provate a chiedere al produttore della vostra auto l'elenco dei pezzi. La vostra casa, è stata costruita a regola d'arte? Sapendo la verità, probabilmente la dichiarereste inagibile da soli. E la sedia su cui siete seduti? Di cosa è fatta? Con cosa è stata verniciata? La medicina che vi ha dato il vostro medico, che effetti collaterali ha? Anzi, sapete come funziona?Sapete veramente tutto questo? Se la risposta è sì, allora o non lavorate, o non avete una famiglia...
    • alex.tg scrive:
      Re: Ma che personal e personal...
      - Scritto da: Anonimo[...]
      Insomma, non proporrei proprio il PC IBM come
      esempio di computer "aperto".Be', anche a me (a memoria) non risulta tutta questa apertura, ma ero piccolo a quei tempi, non so.
      E poi, vi sembra strano non sapere "tutto" del
      vostro computer?Magari: a me sembra strano, e a pochi altri.
      Provate a chiedere al produttore
      della vostra auto l'elenco dei pezzi...Ma a me non interessano i pezzi dell'auto, mi interessano i pezzi del sistema operativo: che siano relativamente pochi e la cui funzione sia ben determinata nell'ormai obsoleto manuale d'istruzioni. Mi interessa che i programmi siano file stand-alone senza procedimenti d'installazione spuri, ignoti e inaffidabili, e che ogni programma installi la sua roba nella sua bella cartellina, senza toccare quelle di sistema o un fantomatico registro centralizzato la cui leggibilita` e` pari a quella di un testo in aramaico, cosi` quando cancello la cartella so per certo che ho disinstallato il programma. Mi interessa la trasparenza, nei limiti dell'umana comprensione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che personal e personal...
      quoto
    • Herduk scrive:
      Re: Ma che personal e personal...
      - Scritto da: Anonimo
      E poi, vi sembra strano non sapere "tutto" del
      vostro computer? Provate a chiedere al produttore
      della vostra auto l'elenco dei pezzi.I produttori di auto/trattori/camion/bus/etc DEVONO per LEGGE fornire (rendere pubblici) gli esplosi dei loro prodotti. Che non lo facciano se non si arriva a dire "ok, ne parliamo in tribunale" è un'altra questione, ma per legge (europea di sicuro e spero, dopo 5 anni, recepita dall'Italia)
      La vostra
      casa, è stata costruita a regola d'arte? Sapendo
      la verità, probabilmente la dichiarereste
      inagibile da soli.Nell'ufficio catastale sono conservate le planimetrie.Esiste la figura del capocantiere che deve vigilare su come si eseguono i lavori.Se fai valutare il lavoro ad un perito di tua fiducia e questo scopre delle magagne, hai tempo fino a 10 (o erano 15?) anni per far causa a chi ha costruito la casa, ottendo che la ripari a gratis o che vi decurti il prezzo pagato.
      E la sedia su cui siete
      seduti? Di cosa è fatta? Con cosa è stata
      verniciata?Se i prodotti devono avere una certificazione europea di sicurezza prima di venir messi in vendita, ci sarà un motivo no?
      La medicina che vi ha dato il vostro
      medico, che effetti collaterali ha?
      Anzi, sapete
      come funziona?Per legge devono essere indicati sulla confezione e nelle istruzioni all'interno della stessa assieme a composizione e principi attivi. In più ogni medicinale prima di essere messo in commercio viene testato dal Ministero della Salute che conserva i suddetti test clinici.
      Sapete veramente tutto questo? Se la risposta è
      sì, allora o non lavorate, o non avete una
      famiglia...Oppure, semplicemente, si usa la testa e si perde mezzora un giorno per una semplice ricerca presso le associazioni consumatori. O ancora si è studiata la materia o si è lavorato nel campo.A parte tutto, un medicinale posso portarlo ad un laboratorio per farlo analizzare, un'auto da un meccanico, una sedia da un falegname (ed eventuale laboratorio per la vernice) e così via.Perchè non posso fare lo stesso con un pc? Solo perchè "è per avere un pc più sicuro"?==================================Modificato dall'autore il 10/02/2006 11.16.34
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che personal e personal...
      Il problema non e' come e' costruito.Non mi preoccupo della mia auto perche' se decido di andare a "lucciole", lei mi ci porta anche se "è vietato" e la mia sedia, se decido di farci sedere un amico che viene a trovarmi, non mi dice, " hai pagato solo per sederti tu, il tuo amico sta in piedi".Questi sono i problemi del "trusted computing".Io pago, ma qualcun altro decide cosa devo o non devo, posso o non posso fare.Se io compro un coltello, lo voglio poter usare per affettare una bistecca o per infilarlo nelle costole al ladro che entra in casa mia. Con il computer non e' cosi! ( effettivamente neache prima potevo infilarlo nelle costole di un ladro, ma e' un caso limite)(geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che personal e personal...
      - Scritto da: Anonimo
      "IBM nel 1982 inventò il computer personale con
      una iniziativa che ha cambiato anche il mondo;
      non semplicemente fare un pc migliore, ma un pc
      "aperto". Una rivoluzione visionaria; rendere
      pubblico lo schema logico e quello circuitale
      senza coprirli con brevetti e vincoli legali.
      Produrre veri computer personali; economici,
      facili da usare, espandibili e completamente
      controllabili dal proprietario. Dedicati a lui,
      non ad altri."

      Mi duole ricordarti che la causa che la IBM
      intentò alla Compaq per aver costruito un
      computer compatibile durò anni, e la perse solo
      perché la Compaq dimostrò che non lo aveva
      copiato ma progettato ex-novo. Altro che PC
      aperto, se la IBM avesse vinto, saremmo ancora
      indietro di vent'anni...Si trattava del bios, non del computer.
      L'interfaccia del BIOS venne resa pubblica dalla
      Compaq, non dalla IBM.Ecco.
      E tutte le porte e le interfacce erano standard
      da anni, o erano forzate dai componenti
      utilizzati.Ecco.
      Insomma, non proporrei proprio il PC IBM come
      esempio di computer "aperto".Hai ragione. Lo e' diventato dopo grazie a CompaQ e ai vari cloni.
      La medicina che vi ha dato il vostro
      medico, che effetti collaterali ha? Anzi, sapete
      come funziona?Certo.
      Sapete veramente tutto questo? Se la risposta è
      sì, allora o non lavorate, o non avete una
      famiglia...Ma sentilo, che ne vuoi sapere, limitati a commentare gli articoli di PI.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che personal e personal...
      - Scritto da: Anonimo[...]
      E poi, vi sembra strano non sapere "tutto" del
      vostro computer? Provate a chiedere al produttore
      della vostra auto l'elenco dei pezzi. [...]Finchè l'auto non si rifiuterà di partire se non faccio il pieno in QUEL distributore, o montando pneumatici solo ed esclusivamente di QUEL tipo e di QUELLA marca, o solo QUEL tipo di olio cambiato presso QUELLA catena di officine, piuttosto che quello comprato al Fai da te e cambiato nel box sotto casa, può anche non fregarmene di meno dell'elenco dei pezzi dell'auto...Così come poteva non fregarmene di meno dei componenti del pc fino a poco tempo fa, a patto che funzionasse
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che personal e personal...
      L'idea geniale di IBM è stata quella di non sviluppare direttamente il sistema operativo del PC ma di prenderne uno esterno e permettere agli altri produttori di utilizzarlo per i loro. L'interfaccia del BIOS non è stata pubblicata da compaq ma era pubblica sin dall'inizio se no come avrebbero fatto a sviluppare il DOS di zio Bill? Non mi ricordo in che hanno è nata la compaq ma nel '84 c'erano già decine di compatibili e di cloni tutti assolutamente legali. Ti stai confondendo con un'altra vicenda....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che personal e personal...

      Mi duole ricordarti che la causa che la IBM
      intentò alla Compaq per aver costruito un
      computer compatibile durò anni, e la perse soloinfatti, nel libro "in cerca della stupidità - 20 anni di disastri hi tech", è scritto che ibm aveva sì pubblicato delle info sul suo pc, ma solo per poterle rivendicare più facilmente in caso di scopiazzamenti.il ruolo di ibm come "salvatore" dei pc è solo uno dei tanti miti che circolano :p
  • Anonimo scrive:
    Dinosauri
    Salve dinosauri state ancora a pensare se il trusted computing cambierà la vostra vita ?Permettetemi la provocazione ma sapete cosa significa introdurre questa nuova tecnologia? significa che finalmente elimineremo i virus, che elimineremo il problema del FileSharing e questo non farà altro che incrementare esponenzialmente la voglia di software libero , la voglia di arte libera con creative commons, la pirateria e il file sharing è l'arma a doppio taglio delle major e delle grandi softwarevaporhouse, da quando esiste il p2p e la pirateria, le major della musica e del software hanno tratto vantaggio da queste pratiche che hanno aumentato la popolarità dei programmi piratati e dell'intrattenimento, creando un vorticoso e planetario vantaggio pubblicitario, il tutto condito da azioni e dichiarazioni di facciata, è un'arma a doppio taglio per le major perchè ha mostrato alle persone quanto sia comodo volere una canzone e poterla avere subito senza spostamenti a qualsiasi ora, la gente non è piu disposta a tornare indietro come un tempo, purtroppo il trusted computing non sarà mai operativo perchè le major e le software house sanno che le masse emigrerebbero verso il software libero e verso l'arte libera, nel mondo aumenterebbero esponenzialmente gli sforzi nel creare software e contenuti liberamente fruibili a scapito delle major e delle software house.Il futuro è nostro! Lasciamo introdurre il DRM è la loro condanna, il futuro è in mano nostra dobbiamo solo prenderlo e crearlo
    • Anonimo scrive:
      Re: Dinosauri
      regalamelo tu il trusted pc quando al mio vecchio non sarà permesso l'accesso in internet o a particolari siti...sicuramente di pubblica utilità tipo comuni scuole et minchiatem variem
      • Anonimo scrive:
        Re: Dinosauri
        - Scritto da: Anonimo
        regalamelo tu il trusted pc quando al mio vecchio
        non sarà permesso l'accesso in internet o a
        particolari siti...sicuramente di pubblica
        utilità tipo comuni scuole et minchiatem variemMa che vuoi dire ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dinosauri

      significa che finalmente elimineremo i virus, Credi veramente a quello che hai scritto? :
      • Anonimo scrive:
        Re: Dinosauri
        - Scritto da: Anonimo


        significa che finalmente elimineremo i virus,
        Credi veramente a quello che hai scritto? :SiMi spiace che tu non abbia capito il discorso di fondo, è molto semplice, si stanno dando la zappa sui piedi da soli con questo trusted computing.Ci sono due casii: A e BA) il trusted computing eliminerà ogni virus e ogni tipo di pirateria e violazione delle proprietà intellettuale.B) I virus non saranno neutralizzati perchè scoveranno falle aggirabili nei dispositivi trusted computing.Nel caso A come ho già espresso le masse si muoveranno verso piattaforme software e arte, LIBERAgpl, CC, freeware, perchè il DRM sarà troppo restrittivo e tutti DOVRANNO PAGARE(giustamente) per i software che utilizzano, dopo anni e anni di p2p, le masse non pagheranno mai piu un CD 22Euro e aumenterà l'arte libera, stessa cosa per il software, nessuno rincorrerà piu l'ultima versione del software X solo perchè lo puo avere gratuitamente, si pagheranno solo i software che servono davvero e sono strettamente necessari, in questo caso prevedo una conversione praticamente totale a OpenOffice, chi pagherà piu 250Euro per scrivere qualche lettera e fare tre conti con excel ? Ovviamente la crescente popolarità di OpenOffice non farà altro che aumentare i sviluppatori sparsi per il mondo, i Beta-tester e i traduttori per le varie lingue.Invece nel caso B tutto sarà come prima, se un virus riesce a bucare il DRM il crack riesce a craccare il software, riesce a craccare la scheda audio e tu puoi tornare a scaricare i tuoi bei mp3 dal p2p come se niente fosse......
        • Anonimo scrive:
          Re: Dinosauri
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo




          significa che finalmente elimineremo i virus,

          Credi veramente a quello che hai scritto? :

          Si


          Mi spiace che tu non abbia capito il discorso di
          fondo, è molto semplice, si stanno dando la zappa
          sui piedi da soli con questo trusted computing.

          Ci sono due casii: A e B

          A) il trusted computing eliminerà ogni virus e
          ogni tipo di pirateria e violazione delle
          proprietà intellettuale.

          B) I virus non saranno neutralizzati perchè
          scoveranno falle aggirabili nei dispositivi
          trusted computing.

          Nel caso A come ho già espresso le masse si
          muoveranno verso piattaforme software e arte,
          LIBERA
          gpl, CC, freeware, perchè il DRM sarà troppo
          restrittivo e tutti DOVRANNO PAGARE(giustamente)
          per i software che utilizzano, dopo anni e anni
          di p2p, le masse non pagheranno mai piu un CD
          22Euro e aumenterà l'arte libera, stessa cosa per
          il software, nessuno rincorrerà piu l'ultima
          versione del software X solo perchè lo puo avere
          gratuitamente, si pagheranno solo i software che
          servono davvero e sono strettamente necessari, in
          questo caso prevedo una conversione praticamente
          totale a OpenOffice, chi pagherà piu 250Euro per
          scrivere qualche lettera e fare tre conti con
          excel ? Ovviamente la crescente popolarità di
          OpenOffice non farà altro che aumentare i
          sviluppatori sparsi per il mondo, i Beta-tester e
          i traduttori per le varie lingue.

          Invece nel caso B tutto sarà come prima, se un
          virus riesce a bucare il DRM il crack riesce a
          craccare il software, riesce a craccare la scheda
          audio e tu puoi tornare a scaricare i tuoi bei
          mp3 dal p2p come se niente fosse...... :) :) :) :) :) :) :) :) quotatissimo, magari uno spostamento di massa verso l'open, alcuni sw proprietari servono solo a ingolfare le reti di file sharing. chi ha più bisogno di office explorer paint shop pro outlook quando se scarichi opencd hai tutto gratis e anche localizzato? senza considerare la miriade di utilities che coprono quasi la totalità dell'esigenza di una macchina? Chi ha bisogno di sw particolarmente sofisticati la fà per lavoro e quindi praticamente costretto all'acquisto della licenza ma per tutti gli altri........vai con l'open source
    • Anonimo scrive:
      Re: Dinosauri
      - Scritto da: Anonimo
      Salve dinosauri state ancora a pensare se il
      trusted computing cambierà la vostra vita ?

      Permettetemi la provocazione ma sapete cosa
      significa introdurre questa nuova tecnologia?
      significa che finalmente elimineremo i virus, Credi veramente ciò? Se la risposta è sei SEI UN INCOMPETENTE. Il virus parletrà tranquillamente con il chip fritz e ti infetterà ilip in maniere Trust!
      che
      elimineremo il problema del FileSharing Come sopra
      e questo
      non farà altro che incrementare esponenzialmente
      la voglia di software libero , la voglia di arte
      libera con creative commons, la pirateria e il
      file sharing è l'arma a doppio taglio delle major
      e delle grandi softwarevaporhouse, da quando
      esiste il p2p e la pirateria, le major della
      musica e del software hanno tratto vantaggio da
      queste pratiche che hanno aumentato la popolarità
      dei programmi piratati e dell'intrattenimento,
      creando un vorticoso e planetario vantaggio
      pubblicitario, il tutto condito da azioni e
      dichiarazioni di facciata, è un'arma a doppio
      taglio per le major perchè ha mostrato alle
      persone quanto sia comodo volere una canzone e
      poterla avere subito senza spostamenti a
      qualsiasi ora, la gente non è piu disposta a
      tornare indietro come un tempo, purtroppo il
      trusted computing non sarà mai operativo perchè
      le major e le software house sanno che le masse
      emigrerebbero verso il software libero e verso
      l'arte libera, nel mondo aumenterebbero
      esponenzialmente gli sforzi nel creare software e
      contenuti liberamente fruibili a scapito delle
      major e delle software house.

      Il futuro è nostro! Lasciamo introdurre il DRM è
      la loro condanna, il futuro è in mano nostra
      dobbiamo solo prenderlo e crearlo
      • Anonimo scrive:
        Re: Dinosauri


        Permettetemi la provocazione ma sapete cosa

        significa introdurre questa nuova tecnologia?

        significa che finalmente elimineremo i virus,
        Credi veramente ciò? Se la risposta è sei SEI UN
        INCOMPETENTE. Il virus parletrà tranquillamente
        con il chip fritz e ti infetterà ilip in maniere
        Trust!Mi spiace che tu non abbia capito il discorso di fondo, è molto semplice, si stanno dando la zappa sui piedi da soli con questo trusted computing.Ci sono due casii: A e BA) il trusted computing eliminerà ogni virus e ogni tipo di pirateria e violazione delle proprietà intellettuale.B) I virus non saranno neutralizzati perchè scoveranno falle aggirabili nei dispositivi trusted computing.Nel caso A come ho già espresso le masse si muoveranno verso piattaforme software e arte, LIBERAgpl, CC, freeware, perchè il DRM sarà troppo restrittivo e tutti DOVRANNO PAGARE(giustamente) per i software che utilizzano, dopo anni e anni di p2p, le masse non pagheranno mai piu un CD 22Euro e aumenterà l'arte libera, stessa cosa per il software, nessuno rincorrerà piu l'ultima versione del software X solo perchè lo puo avere gratuitamente, si pagheranno solo i software che servono davvero e sono strettamente necessari, in questo caso prevedo una conversione praticamente totale a OpenOffice, chi pagherà piu 250Euro per scrivere qualche lettera e fare tre conti con excel ? Ovviamente la crescente popolarità di OpenOffice non farà altro che aumentare i sviluppatori sparsi per il mondo, i Beta-tester e i traduttori per le varie lingue.Invece nel caso B tutto sarà come prima, se un virus riesce a bucare il DRM il crack riesce a craccare il software, riesce a craccare la scheda audio e tu puoi tornare a scaricare i tuoi bei mp3 dal p2p come se niente fosse......
        • HotEngine scrive:
          Re: Dinosauri
          - Scritto da: Anonimo
          Nel caso A come ho già espresso le masse si
          muoveranno verso piattaforme software e arte,
          LIBERA
          gpl, CC, freeware, perchè il DRM sarà troppo
          restrittivo e tutti DOVRANNO PAGARE(giustamente)Hai troppa fiducia nell'intelligenza del genere umano.
          • Anonimo scrive:
            Re: Dinosauri

            Hai troppa fiducia nell'intelligenza del genere
            umano.Quello oppure il contrario.
  • Anonimo scrive:
    magari esistesse
    un computer personale non dovrebbe obbligarmi neanche all'acquisto di una licenza software. hai trovato un pc personale e senza il solito winzozz istallato di fabbrica? lo compro subito, costasse anche 10.000 euri!
    • Anonimo scrive:
      Re: magari esistesse
      - Scritto da: Anonimo
      un computer personale non dovrebbe obbligarmi
      neanche all'acquisto di una licenza software. hai
      trovato un pc personale e senza il solito winzozz
      istallato di fabbrica? lo compro subito, costasse
      anche 10.000 euri!Per i PC che problemi ti poni? In tanti posti te lo puoi fare assemblare e testare senza richiedere l'installazione del sistema operativo. Il problema è per i notebook, per ora ho visto solo il Benq che ha preinstallato Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: magari esistesse
        infatti parlavo di portatili, i pc li assemblo dal lontano 1986.E di notebook SENZA sistemi operativi.
        • Anonimo scrive:
          Re: magari esistesse
          - Scritto da: Anonimo
          infatti parlavo di portatili, i pc li assemblo
          dal lontano 1986.
          E di notebook SENZA sistemi operativi.Si trovano anche notebook senza sistema operativo, solo che alla fine non vale la pena perché il prezzo rimane alto.
          • Anonimo scrive:
            Re: magari esistesse
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            infatti parlavo di portatili, i pc li assemblo

            dal lontano 1986.

            E di notebook SENZA sistemi operativi.

            Si trovano anche notebook senza sistema
            operativo, solo che alla fine non vale la pena
            perché il prezzo rimane alto.quali? dove? ne faccio una questione di principio, non di prezzo?
          • Anonimo scrive:
            Re: magari esistesse
            mi sembra che cdc vendesse alcuni modelli senza sistema operativo....
          • Anonimo scrive:
            Re: magari esistesse
            - Scritto da: Anonimo
            mi sembra che cdc vendesse alcuni modelli senza
            sistema operativo....tanto tempo fa
          • Anonimo scrive:
            Re: magari esistesse
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            mi sembra che cdc vendesse alcuni modelli senza

            sistema operativo....
            tanto tempo faPare che Dell se telefoni puoi richiederlo senza OS, anche se sul sito non è indicato.
          • Anonimo scrive:
            Re: magari esistesse
            - Scritto da: Anonimo
            quali? dove? ne faccio una questione di
            principio, non di prezzo?Ci sono quelli della Aopen e se cerchi su google "notebook semi assemblati" ne trovi altri.Io li avevo visti su eprice ma ora non mi pare ci siano ancora. Visto che ci sono se a qualcuno interessa il benq con linux preinstallato:http://www.eprice.it/default.aspx?cat3=452&attr_100=599
          • Anonimo scrive:
            Re: magari esistesse
            - Scritto da: Anonimo
            quali? dove? ne faccio una questione di
            principio, non di prezzo?Prova questo:http://www.copisistem.com/pages/Notebook/Notebook_Desknote_Ecs.htm
          • lroby scrive:
            Re: magari esistesse
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            quali? dove? ne faccio una questione di

            principio, non di prezzo?

            Prova questo:
            http://www.copisistem.com/pages/Notebook/Notebook_Pur di comprare un Notebook senza s.o. preinstallato (ed acquistato insieme) sareste disposti a comprare dei prodotti così schifosi ???Non sarebbe meglio andare sul sicuro come qualità (la conoscete voi questa parola) e puntare su ASUS,e se proprio volete poi lo formattate e gli installate il s.o. che preferite?
          • Anonimo scrive:
            Re: magari esistesse

            Pur di comprare un Notebook senza s.o.
            preinstallato (ed acquistato insieme) sareste
            disposti a comprare dei prodotti così schifosicerto, pur di non regalare soldi a bill gates senza dover combattere coi commercianti
            Non sarebbe meglio andare sul sicuro come qualità
            (la conoscete voi questa parola) e puntare su
            ASUS,e se proprio volete poi lo formattate e gli
            installate il s.o. che preferite?qualità? non mi sento garantito per la qualità dell'hardware da chi impone software a pagamento e senza garanzie
          • lroby scrive:
            Re: magari esistesse

            qualità? non mi sento garantito per la qualità
            dell'hardware da chi impone software a pagamento
            e senza garanzieSolo perchè esseri umani (titolari delle aziende coinvolte) si mettono d'accordo sulla distribuzione di un prodotto (leggasi notebook) associata a del software (s.o. + programmi) non proprio eccellente (parliamo da alcuni punti di vista ovvio) , non è detto che quello stesso hw debba per forza essere paragonabile al s.o. in quanto a qualità. e poi che garanzie NON ti dà la ASUS.. 2 anni che tu utilizzi un s.o. MS o meno..
          • Anonimo scrive:
            Re: magari esistesse

            Prova questo: http://www.copisistem.com/pages/Notebook/Notebook_grrrrrrrrrrrrrr, tutti intel! niente amd64 grrrrrrrrrrrrrrrrrr
  • Anonimo scrive:
    Ha per caso comprato un mac con DRM?
    ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha per caso comprato un mac con DRM?
      - Scritto da: Anonimo
      ???Maddai, incredibile !!Vuoi che i geniali e furbissimi acquirenti di Mac non si sarebbero accorti PRIMA dei problemi del DRM insito nelle loro macchine ??Del tutto impossibile......
      • Anonimo scrive:
        Re: Ha per caso comprato un mac con DRM?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ???

        Maddai, incredibile !!

        Vuoi che i geniali e furbissimi acquirenti di Mac
        non si sarebbero accorti PRIMA dei problemi del
        DRM insito nelle loro macchine ??

        Del tutto impossibile......io ho un iMac G4 un macmini e un powerbookdi quali problemi DMR parli?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha per caso comprato un mac con DRM?
      - Scritto da: Anonimo
      ???http://www.no1984.org/Hardware_TC-compliant qui Apple non c'e', concordi?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ha per caso comprato un mac con DRM?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ???
        http://www.no1984.org/Hardware_TC-compliant

        qui Apple non c'e', concordi?E' ovvio che Mac ce l'abbia.Da sempre la sua fortuna si basa sull'isolare il suo utente (un po' come i criceti nelle gabbiette dorate).Che poi la cosa non venga riportata su internet è segno di quanto pericoloso sia il potere di (blow) Jobs.DISTINTI SALUTI
        • Anonimo scrive:
          Re: Ha per caso comprato un mac con DRM?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          ???

          http://www.no1984.org/Hardware_TC-compliant



          qui Apple non c'e', concordi?

          E' ovvio che Mac ce l'abbia.
          Da sempre la sua fortuna si basa sull'isolare il
          suo utente (un po' come i criceti nelle gabbiette
          dorate).

          Che poi la cosa non venga riportata su internet è
          segno di quanto pericoloso sia il potere di
          (blow) Jobs.

          DISTINTI SALUTInon impedisce mica l'installazione sul mac di altri sistemi operativi, impedisce l'installazione di OSX sugli altri computer e lo fa senza il DRM
        • Anonimo scrive:
          Re: Ha per caso comprato un mac con DRM?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          ???

          http://www.no1984.org/Hardware_TC-compliant



          qui Apple non c'e', concordi?

          E' ovvio che Mac ce l'abbia.
          Da sempre la sua fortuna si basa sull'isolare il
          suo utente (un po' come i criceti nelle gabbiette
          dorate).

          Che poi la cosa non venga riportata su internet è
          segno di quanto pericoloso sia il potere di
          (blow) Jobs.

          DISTINTI SALUTINon sono criceti, ma macachi, diffondi il verbo.
    • Apple vs TCPA scrive:
      Re: Ha per caso comprato un mac con DRM?
      I MAC NON HANNO PALLADIUM! Contengono solo un chip che impedisce l'installazione di OS X su pc non Apple.
  • ateicos scrive:
    ma Marco CALAMARI, quale s'è comprato?
    sono curioso,non voglio che questo sia spunto di pubblicità, ma veramente sapere il modello potrebbe aiutare tanti all'ultimo acquisto.Inoltre, dove troviamo l'elenco dei componenti che supportano palladium, drm e T(B)C?
    • TADsince1995 scrive:
      Re: ma Marco CALAMARI, quale s'è comprat

      Inoltre, dove troviamo l'elenco dei componenti
      che supportano palladium, drm e T(B)C?http://www.no1984.org/Hardware_TC-compliantTAD
      • The_GEZ scrive:
        Re: ma Marco CALAMARI, quale s'è comprat
        Ciao !
        http://www.no1984.org/Hardware_TC-compliantOk, l' elenco delle ditte appartenenti al TC ... ovvero tutte, ma la domanda rimane ... QUALI SONO LE DITTE CHE NON APPRTENGONO AL TC ?O meglio nessuno può fare un ESEMPIO di computer, riportando anche marca/modello dei componenti installati, che non sia TC-Compilant ?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma Marco CALAMARI, quale s'è comprat
      Domanda tutt'altro che peregrina: una sbrodolata su quanto è stato difficile trovarne uno e diccelo pure a noi no?
    • Anonimo scrive:
      Re: ma Marco CALAMARI, quale s'è comprat
      il mio VIC 20 di seconda mano...l'unico che gli desse sufficienti garanzie per le sue paranoie perchè su questo era sicuro che non ci si potesse installare windows vista!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: ma Marco CALAMARI, quale s'è comprat
        - Scritto da: Anonimo
        il mio VIC 20 di seconda mano...
        l'unico che gli desse sufficienti garanzie per le
        sue paranoie perchè su questo era sicuro che non
        ci si potesse installare windows vista!!!ROTFLMAO :D :D :D :D :D :D
      • alex.tg scrive:
        Re: ma Marco CALAMARI, quale s'è comprat
        Al di la` di paranoie presunte o meno, chi produce PC dovra` mettere in conto i timori dei consumatori. Dubito molto che passera`. Del resto dubito molto che Vista avra` una diffusione indolore: non so se alla MS se ne rendono conto ma esiste un discreto numero di persone (il 24% stando alle statistiche del mio server) che usano ancora Windows98 (!), per le quali neanche XP, per quanto non legato al TC e per quanto piu` affidabile del vetusto 98, si e` a tutt'oggi affermato. Insomma, intuitivamente mi verrebbe da dire: "figuriamoci prima di scrollarsi di dosso XP quanto ci metteranno"... ma potrei sempre sbagliarmi, o loro potrebbero avere qualche speciale asso nella manica.Ma che siano paranoie o no, che i timori siano fondati o meno, il TC non avra` un facile benvenuto: una volta la gran parte dell'utenza acquistava un PC come il primo PC in assoluto. Non importa cosa ci fosse sopra, tanto non sapevano confrontare con cosa ci fosse prima. Gia` XP ha incontrato serie difficolta; al prossimo "aggiornamento" dell'utenza... staremo a vedere. Alla gente non importa verificare, bastano i "rumors" per demolire prodotti.
        • Anonimo scrive:
          Io passerò a Win XP e poi Linux
          Ti porto il mio esempio personale.Io ho sempre usato windows. Adesso sono ancora con Windows 98 (anche in azienda abbiamo solo un XP e il resto dei PC con Win 2000 e Win 98) ma da qualche mese ho un'altra partizione in cui ho messo Linux per provarlo (lo uso poco).Prossimamente passerò a Windows XP e continuerò a provare Linux, perché il passo successivo sarà quello di usarlo come SO principale.Badate bene, ho sempre usato Windows, ma sarò costretto a passare a Linux dalla Microsoft stessa. Come me ho sentito altri che faranno la stessa cosa, almeno 2 altri miei colleghi sono intenzionati a fare il salto e anche loro stanno imparando a usare Linux.Credo che la fortuna di Linux sarà la Microsoft, perché altrimenti tutti noi non lo avremmo mai preso in considerazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io passerò a Win XP e poi Linux
            Io sono passato da win98 a Linux.Segui il mio consiglio perché anche io anni fa (però ai tempi linux era molto più difficile) provavo ad usare Linux a spizzichi e mozzichi.Invece poi ho usato questo metodo:- al lavoro metti quello che ti serve, qualunque cosa sia.- a casa invece tieniti win98 e metti Linux come sistema operativo principale- Se c'è qualche componente che non va con Linux, tipo un winmodem o un modem ADSL o uno scanner...fidati anziché stare lì a impazzire compratene uno nuovo che sia sicuramente compatibile.- usa solo Linux, win98 lo devi usare quando c'è proprio qualcosa che va solo con windows.- Quando devi sapere qualcosa cerca su groups.google.it , non chiedere mai prima. Lì sopra ormai sono state già fatte tutte le domande.- Quando vedi qualche messaggio d'errore incollalo in goole vedrai che la soluzione la trovi- Comprati un quaderno e lì scrivi tutto ciò che impari, dopo un po' di tempo non ti servirà più, ma all'inizio è molto utile. Perché siccome all'inizio è tutto nuovo è anche più facile dimenticare le cose.
          • Anonimo scrive:
            Re: Io passerò a Win XP e poi Linux
            Buone raccomandazioni, bel post!
          • Anonimo scrive:
            Re: Io passerò a Win XP e poi Linux

            - Quando vedi qualche messaggio d'errore
            incollalo in goole vedrai che la soluzione la
            trovi :p
  • Anonimo scrive:
    il primo personal
    fu l'apple II nel 77http://www.computerhistory.org/timeline/timeline.php?timeline_year=1977
    • Anonimo scrive:
      Re: il primo personal
      No, the 1977 Apple ][ was the first highly successful mass-produced personal computer, but not the first personal computer. Nor was the 1976 Apple 1, which can be considered an Apple ][ prototype since only 200 or so were made.http://www.blinkenlights.com/pc.shtml
      • Anonimo scrive:
        Re: il primo personal
        - Scritto da: Anonimo
        No, the 1977 Apple ][ was the first highly
        successful mass-produced personal computer, but
        not the first personal computer. Nor was the 1976
        Apple 1, which can be considered an Apple ][
        prototype since only 200 or so were made.
        http://www.blinkenlights.com/pc.shtmlPignolo :)
    • Anonimo scrive:
      Re: il primo personal
      Il mio fu lo ZX SPECTRUM comprato nel lontano 1984 se non ricordo male.
  • alex.tg scrive:
    Veramente il mio ultimo PC...
    ...in questo senso e` stato "Prezioso" nel '94.Poi e` arrivato Windows95 e i sistemi operativi mi sono sfuggiti di mano. Non potevo piu` capire il loro codice, fare un minimo di monitoring, non dico reverse engineering, e` diventato umanamente impossibile, conoscere a cosa servisse ogni file e` diventato utopia.Il mio PC del '96 non era piu` mio, e lo sapevo bene.Ma sono passati dieci anni e piu` o meno mi sono adattato... ci ho fatto l'abitudine, ecco. Ignoro ancora cosa faccia il sistema nel suo "subconscio", a un dato momento. Ignoro cosa sia il classID 1234-5678-9ABC-DEF0 in un dato ramo del registro di sistema. Ignoro cosa sia quell'antaniX4.dll nella cartella system32. Ma il bello e` che me ne frega molto meno. Se alla gente non interessa, perche` in definitiva dovrebbe interessare a me? Se a voi sta bene avere scatole chiuse, stara` bene anche a me, anche perche` ormai...scusate, stasera sono comunque un po' giu` di morale.
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Veramente il mio ultimo PC...
      Quoto tutto. Il mio ultimo vero personal computer lo potete vedere quì a sinistra, sotto il mio nick. :'( TAD
      • alex.tg scrive:
        Re: Veramente il mio ultimo PC...
        Tanto ti censureranno, ma per ora ti rimando a questo:http://anywherebb.com/tmp/ccv.zipE` un software adattissimo per discutere di argomenti cosi` profondi. Parlane con lui e vedrai che non mancheranno gli spunti...
        • Anonimo scrive:
          Re: Veramente il mio ultimo PC...
          E che caspio volevo solo risollevarti un po' :(
          • alex.tg scrive:
            Re: Veramente il mio ultimo PC...
            Ah, pensavo volessi entrare nel circolo vizioso delle risposte da chatbot... tipo "non proiettare psicologicamente su altri quelle che sono preferenze solo tue", oddio magari troppo forbita per un chatbot.Allora grazie :)Sinceramente mi sono autorisollevato un po', in effetti... niente di strano: io ho l'umore che cambia con l'umidita`, anzi no anche peggio, fluttua quantisticamente proprio...
        • Anonimo scrive:
          Re: Veramente il mio ultimo PC...
          - Scritto da: alex.tg
          Tanto ti censureranno, ma per ora ti rimando a
          questo:
          http://anywherebb.com/tmp/ccv.zip

          E` un software adattissimo per discutere di
          argomenti cosi` profondi. Parlane con lui e
          vedrai che non mancheranno gli spunti...Scusa ma sto programma fa schifoCCV 1.2 ■ The mighty stand-alone self-learning context-sensible chatbot.Copyright 2000-2001 Alexander The Great and Home Sweet Pixel.Free software! Come see http://any.where.i.amType ENTER without writing anything to quit.Initializing chatbot... Database contains 2007 records.────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────come posso risolvere il mio problema?Bella figona vieni qui che ti do il calippo────────────────────────────────────────────────────────────────────────────────ma quali cazzotti? ma lo sai che se ti trovo poi ti raccattano cor cucchiaino?
          • alex.tg scrive:
            Re: Veramente il mio ultimo PC...
            E che pretendevi? :DEra una cosa buttata giu` un pomeriggio di diversi anni fa, con un amico... a volte risponde a tono, a volte no. Fondamentalmente calcola la somiglianza fra la frase inserita e quelle che ha in un archivio di botte e risposte. Se combacia abbastanza risponde. Se no scrive qualcosa che l'utente aveva scritto in precedenza e guarda come risponde l'utente. Se la risposta gli sembra attinente (non troppe parole nuove che immaginerebbe indicare un nuovo contesto), la registra e la usa la prossima volta.ps.l'avevo "internazionalizzato" in seguito, raschiando il cosidetto fondo del barile in un momento di magra: la sigla CCV deriva pero` dall'italiano, e sta per la frase con la quale la versione iniziale del programma "esordiva" nella conversazione: "Che c***o vuoi?"==================================Modificato dall'autore il 10/02/2006 1.24.41
    • Anonimo scrive:
      Re: Veramente il mio ultimo PC...
      - Scritto da: alex.tg
      ...in questo senso e` stato "Prezioso" nel '94.
      Poi e` arrivato Windows95 e i sistemi operativi
      mi sono sfuggiti di mano. Non potevo piu` capire
      il loro codice, fare un minimo di monitoringmai provato linux? dal 1999 uso solo linux e... non so neanche cosa siano viruz, dialerz, crash, ecc.
      • alex.tg scrive:
        Re: Veramente il mio ultimo PC...
        Ovviamente si`. E` troppo grosso e complesso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Veramente il mio ultimo PC...
          - Scritto da: alex.tg
          Ovviamente si`.
          E` troppo grosso e complesso.veramente è modulare, puoi ridurlo e semplificarlo quanto vuoi!
          • alex.tg scrive:
            Re: Veramente il mio ultimo PC...
            Si`, ma la gente in genere non lo fa. E i programmi dovrebbero rispettare i voleri dei piu`, se uno ci tiene a diffonderli.Per esempio io userei molto volentieri il mio SuSE 9 pro che m'ero comprato e che ho ancora installato in dual boot, ma dato che quelli che mi chiedono i gestionalini hanno tutti Windows, se si eccettuano i server delle loro reti locali, non ha molto senso che passi il mio tempo li`. Be', quanto meno i gestionalini non li ho mai fatti in VB :)No, oddio, ci sono state alcune richieste per macro in VBA per Excel... si sa mai qualcuno lo scoprisse e me le rinfacciasse prima che possa ammetterle.Non ce l'ho con un SO in particolare, "ce l'ho col mondo", diciamo. Ma dato che avercela con (quasi) il mondo intero non e` salutare, diciamo che non ce l'ho con nessuno. Infatti ho accettato la complessita` a cui sono arrivati questi sistemi, e bene o male, seppur affetto da incurabile nostalgia, ci convivo; ma e` per questo che per il mio metro di valutazione non c'e` molta differenza fra Linux e Windows.Si` Linux e` open source, e volendo posso "conoscerlo", ma e` ovviamente fuori misura. Come diceva l'autore dell'articolo: "per l'uomo ed a misura d'uomo". Quelli di oggi non lo sono: sono al piu` a misura di grande comunita` di sviluppatori, o enorme flotta di programmatori a pago, a seconda dei casi. Ma non sono per me, non sono per te, perche` nessuno dei due li capira` mai a fondo davvero.
          • Anonimo scrive:
            Re: Veramente il mio ultimo PC...
            - Scritto da: alex.tg
            Si`, ma la gente in genere non lo fa. E i
            programmi dovrebbero rispettare i voleri dei
            piu`, se uno ci tiene a diffonderli.il fatto è che voleri e comportamenti non sempre coincidono
            Per esempio io userei molto volentieri il
            mio SuSE 9 pro che m'ero comprato e che ho ancora
            installato in dual boot, ma dato che quelli che
            mi chiedono i gestionalini hanno tutti Windows,
            se si eccettuano i server delle loro reti locali,
            non ha molto senso che passi il mio tempo li`.
            Be', quanto meno i gestionalini non li ho mai
            fatti in VB :)comunque la zucchetti, una delle maggiori swh di gestionali, li sviluppa solo per linux
            No, oddio, ci sono state alcune richieste per
            macro in VBA per Excel... si sa mai qualcuno lo
            scoprisse e me le rinfacciasse prima che possa
            ammetterle.ognuno ha i suoi peccati da ammettere :)))
            Non ce l'ho con un SO in particolare, "ce l'ho
            col mondo", diciamo. Ma dato che avercela con
            (quasi) il mondo intero non e` salutare, diciamo
            che non ce l'ho con nessuno. Infatti ho accettato
            la complessita` a cui sono arrivati questi
            sistemi, e bene o male, seppur affetto da
            incurabile nostalgia, ci convivo; ma e` per
            questo che per il mio metro di valutazione non
            c'e` molta differenza fra Linux e Windows.questo non lo capisco: anche se non hai tempo, almeno linux ti dà la possibilità di vedere cosa c'è dentro. è molto più genuino.
            Si` Linux e` open source, e volendo posso
            "conoscerlo", ma e` ovviamente fuori misura. Come
            diceva l'autore dell'articolo: "per l'uomo ed a
            misura d'uomo". Quelli di oggi non lo sono: sono
            al piu` a misura di grande comunita` di
            sviluppatori, o enorme flotta di
            programmatori a pago, a seconda dei casi.onestamente mi fido più delle grandi comunità che dei programatori mercenari. per me fa molta differenza
            Ma non sono per me, non sono per te, perche`
            nessuno dei due li capira` mai a fondo davvero.a me basta aver capito una cosa: in ogni momento con linux sono libero di guardare perchè qualcosa non funziona e correggerla, windows è avvilente: se una cosa non funziona, non funziona e basta; si può solo tentare di risolverla per tentativi.per me è questo che significa personal computer.
          • alex.tg scrive:
            Re: Veramente il mio ultimo PC...
            [...]

            questo che per il mio metro di valutazione non

            c'e` molta differenza fra Linux e Windows.
            questo non lo capisco: anche se non hai tempo,
            almeno linux ti dà la possibilità di vedere cosa
            c'è dentro. è molto più genuino.Ah, non ho difficolta` ad ammetterlo, infatti lo preferirei.Aspettero`... puo` darsi che i tempi cambino, che si affermi proprio grazie a iniziative come queste del trusted computing.
            onestamente mi fido più delle grandi comunità che
            dei programatori mercenari. per me fa molta
            differenzaA livello ideale, si`.A ogni modo, i tempi saranno cambiati e non capiro` proprio tutto, ma e` ancora difficile farmela sotto il naso. Anche per la MS. ; )

            Ma non sono per me, non sono per te, perche`

            nessuno dei due li capira` mai a fondo davvero.
            a me basta aver capito una cosa: in ogni momento
            con linux sono libero di guardare perchè qualcosa
            non funziona e correggerla, windows è avvilente:
            se una cosa non funziona, non funziona e basta;
            si può solo tentare di risolverla per tentativi.

            per me è questo che significa personal computer.E probabilmente hai ragione (a parte il fatto che la mia beneamata copia mirror del sistema aiuta a risolvere i piccoli problemi che altrimenti provocano scervellamenti). La mia e` nostalgia, al momento. Se sia qualcosa di piu` potrebbe dircelo il tempo.Be', vado a letto, e` tardino...
          • Santos-Dumont scrive:
            Mi intrometto...
            - Scritto da: alex.tg
            Si`, ma la gente in genere non lo fa. E i
            programmi dovrebbero rispettare i voleri dei
            piu`, se uno ci tiene a diffonderli.

            Per esempio io userei molto volentieri il
            mio SuSE 9 pro che m'ero comprato e che ho ancora
            installato in dual boot, ma dato che quelli che
            mi chiedono i gestionalini hanno tutti Windows,
            se si eccettuano i server delle loro reti locali,
            non ha molto senso che passi il mio tempo li`.
            Be', quanto meno i gestionalini non li ho mai
            fatti in VB :)

            No, oddio, ci sono state alcune richieste per
            macro in VBA per Excel... si sa mai qualcuno lo
            scoprisse e me le rinfacciasse prima che possa
            ammetterle.

            Non ce l'ho con un SO in particolare, "ce l'ho
            col mondo", diciamo. Ma dato che avercela con
            (quasi) il mondo intero non e` salutare, diciamo
            che non ce l'ho con nessuno. Infatti ho accettato
            la complessita` a cui sono arrivati questi
            sistemi, e bene o male, seppur affetto da
            incurabile nostalgia, ci convivo; ma e` per
            questo che per il mio metro di valutazione non
            c'e` molta differenza fra Linux e Windows.

            Si` Linux e` open source, e volendo posso
            "conoscerlo", ma e` ovviamente fuori misura. Come
            diceva l'autore dell'articolo: "per l'uomo ed a
            misura d'uomo". Quelli di oggi non lo sono: sono
            al piu` a misura di grande comunita` di
            sviluppatori, o enorme flotta di
            programmatori a pago, a seconda dei casi. Ma non
            sono per me, non sono per te, perche` nessuno dei
            due li capira` mai a fondo davvero.Visto che ritieni questi sistemi dei giganti incomprensibili, hai mai preso in considerazione Minix?
          • alex.tg scrive:
            Re: Mi intrometto...
            - Scritto da: Santos-Dumont
            Visto che ritieni questi sistemi dei giganti
            incomprensibili, hai mai preso in considerazione
            Minix?Santos, se devo usare un sistema come dico io ma che tanto non usa nessuno, faccio prima a installare il mio Hactar e giocare con quello :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Veramente il mio ultimo PC...
      - Scritto da: alex.tg
      ...in questo senso e` stato "Prezioso" nel '94.
      Poi e` arrivato Windows95 e i sistemi operativi
      mi sono sfuggiti di mano. Non potevo piu` capire
      il loro codice, fare un minimo di monitoring, non
      dico reverse engineering, e` diventato umanamente
      impossibile, conoscere a cosa servisse ogni file
      e` diventato utopia.
      Il mio PC del '96 non era piu` mio, e lo sapevo
      bene.
      Ma sono passati dieci anni e piu` o meno mi sono
      adattato... ci ho fatto l'abitudine, ecco. Ignoro
      ancora cosa faccia il sistema nel suo
      "subconscio", a un dato momento. Ignoro cosa sia
      il classID 1234-5678-9ABC-DEF0 in un dato ramo
      del registro di sistema.Ignori anche i contenuti chimici del cibo che mangi e la struttura dei tessuti dei vestiti che indossi, o la composizione chimica della catenina che hai al collo.Non che sia per i TC, ma di cose che ignoriamo ed usiamo allegramente ce ne sono a iosa. Sai tutto della tua automobile?Dove passano i tubi del gas a casa tua?Che cosa contiene il rossetto che usa la tua ragazza che ti bacia?Di che legno sono fatti tuoi mobili? E cosa c'e' che fluttua nella tua aria? Chi diavolo sono io che ti scrivo :) ?Sono tutte scatole chiuse in fondo, quale piu' quale meno, che ci stia bene o no.
      scusate, stasera sono comunque un po' giu` di
      morale.Ti capisco, eh, non credere.
      • citrullo scrive:
        Re: Veramente il mio ultimo PC...
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: alex.tg

        ...in questo senso e` stato "Prezioso" nel '94.

        Poi e` arrivato Windows95 e i sistemi operativi

        mi sono sfuggiti di mano. Non potevo piu` capire

        il loro codice, fare un minimo di monitoring,
        non

        dico reverse engineering, e` diventato
        umanamente

        impossibile, conoscere a cosa servisse ogni file

        e` diventato utopia.

        Il mio PC del '96 non era piu` mio, e lo sapevo

        bene.

        Ma sono passati dieci anni e piu` o meno mi sono

        adattato... ci ho fatto l'abitudine, ecco.
        Ignoro

        ancora cosa faccia il sistema nel suo

        "subconscio", a un dato momento. Ignoro cosa sia

        il classID 1234-5678-9ABC-DEF0 in un dato ramo

        del registro di sistema.

        Ignori anche i contenuti chimici del cibo che
        mangi e la struttura dei tessuti dei vestiti che
        indossi, o la composizione chimica della catenina
        che hai al collo.
        Non che sia per i TC, ma di cose che ignoriamo ed
        usiamo allegramente ce ne sono a iosa. Sai tutto
        della tua automobile?
        Dove passano i tubi del gas a casa tua?
        Che cosa contiene il rossetto che usa la tua
        ragazza che ti bacia?
        Di che legno sono fatti tuoi mobili? E cosa c'e'
        che fluttua nella tua aria? Chi diavolo sono io
        che ti scrivo :) ?
        Sono tutte scatole chiuse in fondo, quale piu'
        quale meno, che ci stia bene o no.
        Si sono tutte scatole chiuse, ma sono anche limitate. Col pc le cose che si possono fare sono innumerevoli.L'auto non può' mica mandare in giro il tuo No. di conto corrente, etc. Sul pc e' molto più' facile. In macchina chiudi il finestrino e resta tale (intendo quelli a manovella) mentre coi pc (in particolare con i SO) ti si possono aprire certe finestre...

        scusate, stasera sono comunque un po' giu` di

        morale.

        Ti capisco, eh, non credere.Stare appresso a tutto e' tosto. Mi verrebbe voglia fare l'agricoltore nel senso vero (pace, tranquillità' e lavoro manuale).
      • Anonimo scrive:
        Re: Veramente il mio ultimo PC...
        - Scritto da: Anonimo

        Che cosa contiene il rossetto che usa la tua
        ragazza che ti bacia?It varies greatly from brand to brand.Most of the bulk of lipstick is usually a solid waxy material mixed with a nonvolatile oil, so it can be spread easily but remains stiff in the tube. Common compositions use beeswax and castor oil, or carnuba wax. A recently patented composition uses a solid silicone material with polyethylene solidifier, and silicone oil.Many different pigments are used. The dyes have to be insoluble in water, so the color will last. Soluble dyes are first 'laked', that is, converted to insoluble particles by treatment with metal oxides. Eosin is a commonly used red dye in lipsticks:Eosin, the red pigment in lipsticks.Gray=Carbon, Red=Oxygen, Brown=Bromine.Click the image for a 3D Chime model.It becomes an intense red when it reacts with NH2 groups in proteins on the surface of the skin. The pigment is masked in the tube by a laked green or blue dye, and the color change when the lipstick is applied to the skin is sharp.Many other ingredients insure that the lipstick has the proper texture and melting point. For example, esters of fatty acids (myristates) are sometimes added to give the lipstick 'stickiness'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Veramente il mio ultimo PC...
      - Scritto da: alex.tg Se a voi sta bene
      avere scatole chiuse, stara` bene anche a me,
      anche perche` ormai...

      scusate, stasera sono comunque un po' giu` di
      morale.eh se vede!!!!!cazzo, alex!!!!Tirati su perchè ti vogliamo ad informarti, a sgomitare tra componenti trusted/untrusted e recuperare!!!!!Fatti forza!!! :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Veramente il mio ultimo PC...
        Scusate...... ma il DRM che c'entra con il SO ??? Non è un problema "legato" all'hardware??? Se non ho capito nulla, abbiate pietà, piegatemi dove sbaglio!!! Altrimenti spiegate lo stesso....    ;)
  • Anonimo scrive:
    MAI STANCARSI DI RIPETERLO
    LASCIARE SUGLI SCAFFALI I COMPUTER CON CHIP TCPA E DRM.Il coltello dalla parte del manico ce l' hanno i consumatori, quelli che pagano il prodotto.Ma i consumatori devono imparare a fare i loro interessi e non gli interessi delle Multinazionali dell' impero del Male.Quindi devono imparare a diventare consumatori responsabili e informati, specialmente se devono acquistarre tecnologia informatica HW/SW.Comprare un computer al supermercato non è la stessa cosa come comprare una saponetta anche se vorrebbero farci credere che è la stessa cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
      - Scritto da: Anonimo
      LASCIARE SUGLI SCAFFALI I COMPUTER CON CHIP TCPA
      E DRM.L'ho appena comprato, ne riparliamo tra 5 anni.
      • Anonimo scrive:
        Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        LASCIARE SUGLI SCAFFALI I COMPUTER CON CHIP TCPA

        E DRM.

        L'ho appena comprato, ne riparliamo tra 5 anni.E MO SO CAXXI TUA!
        • Anonimo scrive:
          Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
          - Scritto da: Anonimo
          E MO SO CAXXI TUA!Guarda è ancora lì fresco fresco in un angolino. Domani ci installo Suse 10.1 e magari provo anche il desktop 3d. E per i giochi una partizioncina con win98.A proposito, ma se io ho Linux e Win98 in dual boot e un giorno devo formattare Win98 questo mi va a incasinare Grub?
          • Anonimo scrive:
            Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            E MO SO CAXXI TUA!

            Guarda è ancora lì fresco fresco in un angolino.
            Domani ci installo Suse 10.1 e magari provo anche
            il desktop 3d. E per i giochi una partizioncina
            con win98.

            A proposito, ma se io ho Linux e Win98 in dual
            boot e un giorno devo formattare Win98 questo mi
            va a incasinare Grub?Prova. Poi mi dici.Comunque grub lo reinstalli in 1 clic.
          • Anonimo scrive:
            Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            E MO SO CAXXI TUA!

            Guarda è ancora lì fresco fresco in un angolino.
            Domani ci installo Suse 10.1 e magari provo anche
            il desktop 3d. E per i giochi una partizioncina
            con win98.

            A proposito, ma se io ho Linux e Win98 in dual
            boot e un giorno devo formattare Win98 questo mi
            va a incasinare Grub?no, ti cancella solo il master boot record, che puoi riscrivere molto facilmante.prima di formattare inserisci un floppy e daidd if=/dev/hda of=/mnt/floppy/hda.mbr bs=512 count=1dopo la formattazione e la reistallazione (devi proprio?) di winzozz, basta reinserire il floppy, avviare una live e dare (per sicurezza, proteggi il floppy da scrittura):dd of=/dev/hda if=/mnt/floppy/hda.mbr bs=512 count=1
          • ultrotter scrive:
            Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO

            no, ti cancella solo il master boot record, che
            puoi riscrivere molto facilmante.
            prima di formattare inserisci un floppy e daiOppure semplicemente tieni l'mbr di default, e installa grub nel primo settore della partizione di linux, che dovrà essere attiva, così non hai problemi!
    • Anonimo scrive:
      Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
      Certo, vaglielo a dire al babbo, che pressato dal figlio, va a comprare il pc al centro commerciale di turno. Puoi anche provare a dirgli qualcosa, ma il ragionamento lo devi fare con il ragazzino... Ma dubito fortemente che gli possa interessare il concetto di DRM, Palladium, LAGRANDE,etc... A lui gli frega solo di avere un computer per poter giocare... (alla fine i soldi li caccia il babbo non lui) Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
        - Scritto da: Anonimo

        Certo, vaglielo a dire al babbo, che pressato
        dal figlio, va a comprare il pc al centro
        commerciale di turno.

        Puoi anche provare a dirgli qualcosa, ma il
        ragionamento lo devi fare con il ragazzino... Ma
        dubito fortemente che gli possa interessare il
        concetto di DRM, Palladium, LAGRANDE,etc...

        A lui gli frega solo di avere un computer per
        poter giocare... (alla fine i soldi li caccia il
        babbo non lui)


        CiaoE infatti, se moltissimi POLLI compreranno hw TC compliant e faranno pascere le majors, una nicchia di utenti smaliziati troverà il modo di tenersene alla larga, con buona pace di tutti, com'era quando la rete e il p2p erano un fenomeno di nicchia e non un fenomeno mondiale così esteso da costringere i politici a legiferare contro !
        • bt scrive:
          Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
          - Scritto da: Anonimo
          E infatti, se moltissimi POLLI compreranno hw TC
          compliant e faranno pascere le majors, una
          nicchia di utenti smaliziati troverà il modo di
          tenersene alla larga, con buona pace di tutti,
          com'era quando la rete e il p2p erano un fenomeno
          di nicchia e non un fenomeno mondiale così esteso
          da costringere i politici a legiferare contro !Questo finché l'hardware non TC non cesserà di essere prodotto... Se i polli comprano l'hw TC, stai tranquillo che succederà di sicuro...
        • Anonimo scrive:
          Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          Certo, vaglielo a dire al babbo, che pressato

          dal figlio, va a comprare il pc al centro

          commerciale di turno.


          E infatti, se moltissimi POLLI compreranno hw TC
          compliant e faranno pascere le majors, una
          nicchia di utenti smaliziati troverà il modo di
          tenersene alla larga, con buona pace di tutti,
          com'era quando la rete e il p2p erano un fenomeno
          di nicchia e non un fenomeno mondiale così esteso
          da costringere i politici a legiferare contro !Secondo me quando il babbo tirerà fuori 1000 euro per il pc e 70 per il primo gioco originale, al limite altri 70 per il secondo, alla terza richiesta del figlio gli dirà: "ma non puoi farteli masterizzare dai tuoi amici o comprarli dal marocchino a 10 euro?"."No, babbo, ho provato ma non funzionano, mi dai altri 70/80/100 euro per il gioco nuovo?"Secondo voi quale sarà la risposta del babbo medio? (con stipendio medio) ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: MAI STANCARSI DI RIPETERLO
        - Scritto da: Anonimo

        Certo, vaglielo a dire al babbo, che pressato
        dal figlio, va a comprare il pc al centro
        commerciale di turno.

        Puoi anche provare a dirgli qualcosa, ma il
        ragionamento lo devi fare con il ragazzino... Ma
        dubito fortemente che gli possa interessare il
        concetto di DRM, Palladium, LAGRANDE,etc...

        A lui gli frega solo di avere un computer per
        poter giocare... (alla fine i soldi li caccia il
        babbo non lui)


        CiaoPc x giocare?Compragli la playstation.
Chiudi i commenti