Dentro la calza... Centrino 3

Intel ha svelato nuovi dettagli sulla sua imminente piattaforma mobile Napa, terza erede della famiglia Centrino e nuova sfidante nel caldissimo settore dei notebook e dei blade sever


San Francisco (USA) – Se sul fronte desktop il più importante lancio del 2006 sarà per Intel la piattaforma Viiv , su quello mobile il posto d’onore toccherà a Napa , prima piattaforma mobile ad integrare un’architettura dual-core. A meno di due mesi dal suo debutto sul mercato, Intel ha svelato i risultati di alcuni benchmark relativi a performance e consumi energetici di Napa.

Rispetto all’attuale piattaforma Sonoma, basata sui Pentium M con core Dothan, Intel afferma che Napa è in grado di consumare mediamente fino al 28% in meno di energia elettrica e di fornire fino al 68% in più di performance . Queste percentuali sono state calcolate in base ai risultati forniti da due noti benchmark: SPECint e MobileMark 2005 . In un test condotto con applicazioni reali , tra cui MS PowerPoint e un antivirus, Intel ha ottenuto un valore prestazionale del 39% superiore a quello di Sonoma.

Il processore, il chipset e il modulo Wi-Fi che costituiscono Napa assorbiranno un massimo di 3 watt contro i 4,2 watt della precedente generazione. Questo miglioramento, destinato a riflettersi sull’autonomia della prossima generazione di notebook, è frutto soprattutto del nuovo processo a 65 nanometri di Yonah (il processore alla base di Napa) e di una più avanzata versione della tecnologia di risparmio energetico SpeedStep : quest’ultima sarà in grado di ridurre dinamicamente tensione e frequenza di clock in modo indipendente per i due core.

Yonah, nome in codice del primo Pentium M dual-core, sarà dotato di 2 MB di cache e supporterà tutte le più recenti tecnologie di Intel: SSE 3, Virtualization Technology e Active Management Technology . Secondo alcune indiscrezioni , i modelli di Yonah saranno almeno una dozzina e si divideranno in quattro classi di consumo: oltre i 50 watt, tra i 25 e i 49 watt, tra i 15 e i 24 watt e sotto i 14 watt. Le frequenze di clock dovrebbero invece essere comprese, almeno inizialmente, tra 1,66 GHz e 2,33 GHz.

Il chipset di riferimento per Yonah, noto come Calistoga , sarà basato sulla serie 955X e 945 e fornirà un bus a 667 MHz. Chiuderà il cerchio il nuovo adattatore Wi-Fi Golan , capace di selezionare automaticamente gli access point non più solo in base alla potenza del segnale, ma anche alla banda disponibile.

Intel sostiene che i progetti basati su Napa , sviluppati dai produttori di notebook di tutto il mondo, sono già oltre 230. I primi notebook basati sulla nuova piattaforma dovrebbero fare capolino sul mercato entro la fine dell’inverno: la maggior parte dei modelli adotterà il neo standard d’interconnessione PCMCIA Express.

Con tutta probabilità Yonah sarà anche il primo processore low-voltage di Intel a salire a bordo dei Mactel portatili di Apple.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Akiro scrive:
    Re: PeerGuardian
    purtroppo non esistono sistemi sicuri per evitare intercettazioni del genere...tempo fa anche su P.I. è passato un articolo riguardante un software italiano utilizzato dalla polizia postale per monitorare il traffico...e contro un simile sistema che intercetta i pacchetti e ricosctruisce il file l'unico modo è quello di criptare il contenuto... ma in Italia è illegale, per cui...
  • glsdesign scrive:
    Fluttuazioni di disgusto
    A leggere simili notizie (non certo per colpa di chi le riporta) credo che molte persone provino una sensazione simile a quella descritta dal titolo: fluttuazioni di disgusto.Notate che l'esperienza è intensa, ma breve. Infatti per pochi attimi, a volte minuti, ci si sente addolorati, spaesati, confusi, ma nel contempo presi da una sincerissima voglia di cambiare le cose.L'effetto svanisce presto e il giorno dopo è tutto dimenticato. Siamo abituati così, ma non credo sia "pigrizia" quello che non ci fa agire, forse è più un sistema psicologico per proteggerci da giornali e telegiornali che ogni giorno ci seppeliscono di contraddizioni, delusioni, allarmismi esagerati o tentativi di minimizzare questione importanti. Un sistema che abbiamo sviluppato, capace di farci sopportare silenziosamente il nostro governo, la nostra economia, la nostra società... Tutto.Un poveretto potrebbe vedersi rovinato perchè *forse* ha scaricato un film da internet.Questo mi provoca tanta indignazione, e pena. Ma fino a quando non imparerò a mantenere il ricordo di questi sentimenti e agire di conseguenza, è solo dannoso per me stare male...Poter potere agire, sarebbe la soluzione. Ma i singoli non hanno alcun potere e nessuna speranza di avere, spesso. L'abitudine si radica sempre più, e siamo condannati.Mi sento condannato.glshttp://gls.areaunix.org/
  • Anonimo scrive:
    i dvd non sono eterni
    dopo qualche anno cominciano a deteriorarsi e manifestano righe, puntini salti d'immagini o di blocchi, la spesa enorme che costano non vale la candela, e dire che li spacciano come eterni-gli imbroglioni.
  • Anonimo scrive:
    non comprate più Paramount
    ridurre i loro miliardari guadagni coi prezzi da usurai che fanno è la cosa migliore
    • Anonimo scrive:
      Re: non comprate più Paramount
      - Scritto da: Anonimo
      ridurre i loro miliardari guadagni coi prezzi da
      usurai che fanno è la cosa migliore consumatori possano fare.
      No Paramount
      No sonySi, e poi? Dato che ogni tanto leggiamo qualche articolo che, come contenuto è uguale ma che cambia il nome della Major che fa denunce allora la lista è lunga:No TristarNo ColumbiaNo UniversalNo ...... ecc... ecc... E per la musica? Ma ciao! Ora che mi vengono in mente tutte, passa un mese....E per i software? Ma ri-ciao!!! Benvenuti nel mondo reale....
  • ntrac scrive:
    è fura follia!
    Ogni legge ha senso solo in un determinato contesto, altrimenti potrebbe diventare pura follia. Il concetto della proprietà culturale, come viene gestito oggi, è stata coniato in tempi in cui l'informatica era fantascienza. Se le organizzazioni di difesa dei beni culturali vogliono preservare gli antichi baluardi, è tanto semplice, non devono usufruire della tecnologia digitale e la pirateria scenderebbe in picchiata. Non possono pretendere usare una tecnologia senza accettare le caratteristiche che le sono proprie, un po' di coerenza diamine!==================================Modificato dall'autore il 15/12/2005 16.48.24==================================Modificato dall'autore il 15/12/2005 16.50.35
  • Anonimo scrive:
    Re: PeerGuardian
    Una protezione minima. Protegge solo da alcuni indirizzi che si presume siano quelli da cui proviene l'attacco...Sicuramente è preferibile (anche se non completamente risolutivo) controllare spesso il computer con diversi programmi anti-spyware, come Spybot search & destroy, ad-aware e perchè no, un buon antivirus aggiornato che permetta di identificare trojan e routine di spyware. Poi tenere il computer aggiornato (se con s.o. Microsoft con Windows Update), e utilizzare privilegi ridotti per le sessioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: PeerGuardian
      - Scritto da: Anonimo
      Una protezione minima. Protegge solo da alcuni
      indirizzi che si presume siano quelli da cui
      proviene l'attacco...

      Sicuramente è preferibile (anche se non
      completamente risolutivo) controllare spesso il
      computer con diversi programmi anti-spyware, come
      Spybot search & destroy, ad-aware e perchè no, un
      buon antivirus aggiornato che permetta di
      identificare trojan e routine di spyware.

      Poi tenere il computer aggiornato (se con s.o.
      Microsoft con Windows Update), e utilizzare
      privilegi ridotti per le sessioni.Non è più semplice e sicuro tenere tutto il materiale pirata in un file criptato pronto ad essere eliminato con quei comodi software per la cancellazione sicura dei file?OLTRE OVVIAMENTE A NON SCARICARE MATERIALE PIRATA!
      • Anonimo scrive:
        Re: PeerGuardian
        Al di la del problema pirateria si/pirateria no, parlando di sicurezza dei dati, direi che un intero SO cifrato con programmi come DriveCrypt Plus Plus mi sembra un'ottima soluzione. Ovviamente è bene scegliere una passphrase che sopporti un brute-force attack. ;-)Il punto è se non trovano niente sull'hd, possono farti qualcosa si o no?
        • nattu_panno_dam scrive:
          Re: PeerGuardian
          - Scritto da: Anonimo

          Il punto è se non trovano niente sull'hd, possono
          farti qualcosa si o no?Già, e il "niente" lo metterei tra virgolette.
  • Anonimo scrive:
    RIVOGLIO IL MEDIOEVO!!!!!!!!!!
    Rivoglio tornare nel medioevo!!!!!!! Almeno in quell'epoca la natura era incontaminata e abbattere il potere era molto più facile!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: RIVOGLIO IL MEDIOEVO!!!!!!!!!!
      Ci vorrebbe una bella "Rivoluzione Francese" per spiccare le teste di questi tiranni...
      • Anonimo scrive:
        Re: RIVOGLIO IL MEDIOEVO!!!!!!!!!!
        - Scritto da: Anonimo
        Ci vorrebbe una bella "Rivoluzione Francese" per
        spiccare le teste di questi tiranni...Anche tu, guarda meno televisione. Sai che ci sono riusciti ma perchè hanno avuto aiuto anche dall'aristocrazia invidiosa del potere del Re. Il popolo, da solo, soccombe sempre. Ci vuole sempre una grande potenza per distruggere un'altra grande potenza. E di fatti ogni tanto salta fuori qualcuno che fa un colpo di stato e ti fa una bella dittatura. Magari si sta in pace per un pò di anni ma salta fuori sempre qualcosa. Dal Medio Evo ad adesso ne sono successe di cose. E' che non si conoscono bene quelle precedenti a quel periodo. Ed il popolo? Se lo prende... sempre!
    • Anonimo scrive:
      Re: RIVOGLIO IL MEDIOEVO!!!!!!!!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Rivoglio tornare nel medioevo!!!!!!! Almeno in
      quell'epoca la natura era incontaminata e
      abbattere il potere era molto più facile!!!!!!!!!Si, con la testa mozzata....Guarda meno televisione...
  • Anonimo scrive:
    Ma dove erano i Paladini delle Major?
    Ho perso la seguente porzione di un messaggio...
    sì va be'
    ma lo volete capire che se volete fruire di un film come di
    qualsiasi altro bene che ha un valore commerciale
    dovete pagare?
    se non volete sborsare alcun euro, lasciate perdere i film
    (che sono per la maggior parte mediocri).Sono mesi che seguo le infiammate discussioni sul fatebene/fatemale a scaricare.Il concetto che passa tra i Paladini delle Major è quello secondo il quale un film o una canzone va pagata per fruire del suo contenuto.Quanti di questi Paladini si sono inalberati quando il diritto di autore è stato spostato da 20 anni sopo la morte dell'autore a 70?Eh si! Hanno protestato?Pansiamo alla miriade di canzoni o di film o libri o quant'altro che oggi, senza questa proroga quanto mai opportuna, sarebbero liberamente fruibili dall'umanità intera.Tanto per dire, quanti film o cartoons della Wat Disney oggi sarebbero di pubblico dominio?Ma siccome è intervenuta una legge che, chiaramente, è stata fatta SOLAMENTE in nome della giustizia e contro il ladri di opere di ingegno, ora ci troviamo a dover pagare ciò che sarebbe stato LEGALMENTE libero.Se qualche Paladino delle Major vuole rispondermi......Grunch
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma dove erano i Paladini delle Major
      Il problema non lo risolvi con il p2p. Se una legge fa schifo la si cambia non sono incise nella roccia
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma dove erano i Paladini delle Major
        - Scritto da: Anonimo
        Il problema non lo risolvi con il p2p. Se una
        legge fa schifo la si cambia non sono incise
        nella rocciaIl problema è proprio questo: la gente vuole che la legge sia cambiata ma i potenti no. Il successo del p2p è una chiara indicazione che non viene recepita.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma dove erano i Paladini delle Major
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Il problema non lo risolvi con il p2p. Se una

          legge fa schifo la si cambia non sono incise

          nella roccia

          Il problema è proprio questo: la gente vuole che
          la legge sia cambiata ma i potenti no. Il
          successo del p2p è una chiara indicazione che non
          viene recepita.Esistono anche le leggi di iniziartiva popolare.... Si sentono tante chiacchere ma stringi stringi di quelli che usano il p2p non se mosso nessuno, di per se il fatto d'usare un programmino non dimostra nulla.
  • Bombardiere scrive:
    MA SMETTIAMOLA
    Allora, da come è impostato l'articolo, sembra evidente che ormai si fanno le cause per entrare nel guinnes dei primati :D Spiegatemi con che criterio si può chiedere un risarcimento di 100.000 dollari per aver diffuso un film dal valore di appena 21,99 dollari.==================================Modificato dall'autore il 15/12/2005 12.38.28
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: MA SMETTIAMOLA
      - Scritto da: Bombardiere
      Allora, da come è impostato l'articolo, sembra
      evidente che ormai si fanno le cause per entrare
      nel guinnes dei primati :D

      Spiegatemi con che criterio si può chiedere un
      risarcimento di 100.000 dollari per aver diffuso
      un film dal valore di appena 21,99 dollari.



      ==================================
      Modificato dall'autore il 15/12/2005 12.38.2821 cent vorrai dire, 23 arrotondando. *g*
  • Anonimo scrive:
    E' ancora + strano
    che gli smanettoni americani, il cuore dell'hacking mondiale, non si siano ancora accampati attorno a queste aziende per sfondare i loro sistemi informatici...
    • Anonimo scrive:
      Re: E' ancora + strano
      - Scritto da: Anonimo
      che gli smanettoni americani, il cuore
      dell'hacking mondiale, non si siano ancora
      accampati attorno a queste aziende per sfondare i
      loro sistemi informatici...I migliori sono anche i piu' intelligenti: chi glielo fa di rischiare di prendere tanti tanti tanti calci in culo?
      • Anonimo scrive:
        Re: E' ancora + strano
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        che gli smanettoni americani, il cuore

        dell'hacking mondiale, non si siano ancora

        accampati attorno a queste aziende per sfondare
        i

        loro sistemi informatici...

        I migliori sono anche i piu' intelligenti: chi
        glielo fa di rischiare di prendere tanti tanti
        tanti calci in culo?I migliori sono veramente pochi.Dall'America ci prendono in giro perchè, secondo loro, siamo indietro tecnologicamente e tecnicamente (che non è vero) ma in fin dei conti, loro, nella massa hanno una percentuale altissima di ignorantoni di prima categoria. Primeggiano negli sport, smanettano con i computer solo per fare le addizioni, conoscono solo ciò che è loro vicino ed i veri studiosi ed intellettuali vengono ancora ridicolizzati nelle scuole dai loro compagni. Altro che film. Noi sappiamo dove sta l'America e loro non sanno nemmeno come si chiama l'oceano che hanno di fronte....
  • Anonimo scrive:
    Half Life 2 ci aveva azzeccato
    ben presto diventerà il mondo diverrà come la città di half life 2 ..sad
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Half Life 2 ci aveva azzeccato
      - Scritto da: Anonimo
      ben presto diventerà il mondo diverrà come la
      città di half life 2 ..sadSono piu' azzeccati i borg,a ltro che combine.
  • Anonimo scrive:
    Non aveva nulla nell'hd
    la notizia la lessi ieri mattina sulle vari news internazionali, stamattina la rileggo qui:http://techdirt.com/articles/20051214/0058201_F.shtmlEbbene si, sono andati a perquisire i suoi pc ma il file che cercavano non era presente ne' hanno trovato tracce, hanno quindi detto che l'ha rimosso e hanno portato avanti la causa:a questo punto l'intenzione e' chiara ed e' riassunta anche nella bozza di legge che verra' presentata il prossimo anno, questa bozza infatti prevede la punibilita' con pena ridotta della meta' nel caso che le violazione venga tentata e non riusce (come dire che se scarico un file commetto un reato, se ci provo e no nci riesco commetto meta' del reato).e poi dicono che i terroristi sono gli arabi................
    • Anonimo scrive:
      Re: Non aveva nulla nell'hd
      ma se li trovano un banalissimo "01" molto probabilmente risulterà (a suon di $) parte del dvd...
  • Anonimo scrive:
    Diffondere la Paura: è intelligente??
    Dopo i primi 30 secondi di immedesimazione nel poveretto (perchè con questi modi fare siamo potenzialmente tutti nella sua posizione), questo genere di notizie non fanno altro che aumentare l'odio contro tutte queste schifosissime lobbies inumane.Questa loro Strategia del Terrore sul medio termine spero si riveli un totale fallimento.Qualcuno a proposito conosce qualche indirizzo mail (o qualche sito con le informazioni giuste) di queste belle persone per esprimere un pò del mal di pancia che mi procurano?Saluti
    • Rex1997 scrive:
      Re: Diffondere la Paura: è intelligente?
      - Scritto da: Anonimo
      Dopo i primi 30 secondi di immedesimazione nel
      poveretto (perchè con questi modi fare siamo
      potenzialmente tutti nella sua posizione), questo
      genere di notizie non fanno altro che aumentare
      l'odio contro tutte queste schifosissime lobbies
      inumane.

      Questa loro Strategia del Terrore sul medio
      termine spero si riveli un totale fallimento.

      Qualcuno a proposito conosce qualche indirizzo
      mail (o qualche sito con le informazioni giuste)
      di queste belle persone per esprimere un pò del
      mal di pancia che mi procurano?

      Saluti

      Cosa fai, gli mandi il vasetto pieno per protesta? :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Diffondere la Paura: è intelligente?
      perlomeo lui la spuntera' fra qualche anno, non hanno trovato alcuna traccia di quello che cercavano sui suoi pc ma l'importanza e' fare notizia e terrorizzare.Qui si evidenzia l'importanza di non rendere visibile i propri dati (anche se in questo caso non e' conosciuto il motivo per cui questi non siano stati trovati), ma qui passiamo ad un altro settore che riguarda privacy e crittazione locale di cui si comincia a parlare ampiamente.
  • Anonimo scrive:
    Scusate.
    Ma se io lascio un DVD "fisico" e "originale" dietro il cancello di casa e qualcuno se lo prende per duplicarlo e poi me lo riporta sono un delinquente?Ciao.
    • pippo75 scrive:
      Re: Scusate.
      - Scritto da: Anonimo
      Ma se io lascio un DVD "fisico" e "originale"
      dietro il cancello di casa e qualcuno se lo
      prende per duplicarlo e poi me lo riporta sono un
      delinquente?comincia a mettere da parte qualche spiccolo, potrebbero tornare utili almeno 100.000$ciao
  • Anonimo scrive:
    WIRELESS - ISTRUZIONI
    oltre a impostare l`encryption WEP (con una password che sia una frase, non una parola o un nome) disattivate il broadcast del SID. Tutti i dispositivi wireless hanno questa opzione. Da un lato la rete diventa inaccassibili, dall`altro... invisibile!
    • Anonimo scrive:
      Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
      ops, distrazione, volevo scrivere INACCESSIBILE
      • Anonimo scrive:
        Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
        e poi un mac filtering abilitando solo i mac voluti... con web ssid disabilitato e mac filtering dovrebbe andare abbastanza bene :)
        • Anonimo scrive:
          Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
          wolevo dire WEP, l'autore del primo post è contagioso ghgh
          • Rex1997 scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
            - Scritto da: Anonimo
            wolevo dire WEP, l'autore del primo post è
            contagioso ghghpure nelle correzioni, direi... :D :D :) :)
        • francescor82 scrive:
          Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
          - Scritto da: Anonimo
          e poi un mac filtering abilitando solo i mac
          voluti... con web ssid disabilitato e mac
          filtering dovrebbe andare abbastanza bene :)Wep -
          aggirabile in brevissimo tempo (devo dirvi il nome del programma?)Mac filtering -
          modificare il Mac (si fa, si fa!)Il SSID è utile disabilitarlo?Un altro accorgimento utile è di limitare il range degli IP permessi, ed impostare questi ultimi in maniera statica sulle macchine; magari spegnendo il DHCP.
          • Anonimo scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
            - Scritto da: francescor82
            - Scritto da: Anonimo

            e poi un mac filtering abilitando solo i mac

            voluti... con web ssid disabilitato e mac

            filtering dovrebbe andare abbastanza bene :)

            Wep -
            aggirabile in brevissimo tempo (devo dirvi
            il nome del programma?)
            Mac filtering -
            modificare il Mac (si fa, si fa!)
            Il SSID è utile disabilitarlo?
            Un altro accorgimento utile è di limitare il
            range degli IP permessi, ed impostare questi
            ultimi in maniera statica sulle macchine; magari
            spegnendo il DHCP.Dipende tutto dalla lunghezza delle chiavi e dal tempo che il tuo "nemico personale" perchè se ci perde tutto questo tempo lo è ha da perdere. In poche parole non è che si lascia la porta di casa aperta perchè tanto i ladri entrano lo stesso. Comunque una protezione WPA o WPA2 danno maggiori garanzie.Bloccati gli indirizzi mac si va ragionevolmente tranquilli.
          • francescor82 scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI

            Dipende tutto dalla lunghezza delle chiaviNon con le implementazioni attuali del WEP. Anche con la lunghezza massima permessa ci vuole poco tempo. Aggiungi che sono chiavi "statiche", precondivise (non vengono generate per la sessione né ricreate ogni tot minuti)...
            e dal
            tempo che il tuo "nemico personale" perchè se ci
            perde tutto questo tempo lo è ha da perdere.Guarda che poi non ci vuole mica tanto tempo.
            In
            poche parole non è che si lascia la porta di
            casa aperta perchè tanto i ladri entrano lo
            stesso.Ci mancherebbe! Wep è sempre meglio che niente, e il blocco dei Mac anche.
            Comunque una protezione WPA o WPA2 danno
            maggiori garanzie.Senza dubbio.
            Bloccati gli indirizzi mac si
            va ragionevolmente tranquilli.Ritengo di no; basta catturare qualche pacchetto, scoprire il Mac di un computer abilitato, e usare quel Mac per la propria scheda di rete. Il controllo andrebbe fatto su Mac e IP contemporaneamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
            - Scritto da: francescor82

            Dipende tutto dalla lunghezza delle chiavi

            Non con le implementazioni attuali del WEP. Anche
            con la lunghezza massima permessa ci vuole poco
            tempo. Aggiungi che sono chiavi "statiche",
            precondivise (non vengono generate per la
            sessione né ricreate ogni tot minuti)...Ci vogliono giorni ,con chiavi corte,sempre che non si cambino le chiavi.


            e dal

            tempo che il tuo "nemico personale" perchè se ci

            perde tutto questo tempo lo è ha da perdere.

            Guarda che poi non ci vuole mica tanto tempo.Neanche poco se la chiave e sufficientemente lunga.


            In

            poche parole non è che si lascia la porta di

            casa aperta perchè tanto i ladri entrano lo

            stesso.

            Ci mancherebbe! Wep è sempre meglio che niente, e
            il blocco dei Mac anche.


            Comunque una protezione WPA o WPA2 danno

            maggiori garanzie.

            Senza dubbio.Son quelle che si usano oggi, con una chiave sui trenta caratteri sei a posto.


            Bloccati gli indirizzi mac si

            va ragionevolmente tranquilli.

            Ritengo di no; basta catturare qualche pacchetto,
            scoprire il Mac di un computer abilitato, e usare
            quel Mac per la propria scheda di rete. Il
            controllo andrebbe fatto su Mac e IP
            contemporaneamente.Il mac con numero di accessi limitati blocca ogni macchina che non sia la tua quando non lo usi il wi-fi lo disabiliti e tabnti saluti. Aggiungici un WPA e sei ragionevolmente al sicuro.
          • Anonimo scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
            se la chiave è....
          • francescor82 scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI

            Ci vogliono giorni ,con chiavi corte,sempre che
            non si cambino le chiavi.No, ci vogliono un paio di giorni (anche meno) se usi chiavi a 128 bit; poche ore per chiavi a 64 bit.Tutto sta nel tempo che un attacker decide di spendere.
            Il mac con numero di accessi limitati blocca ogni
            macchina che non sia la tua quando non lo usi il
            wi-fi lo disabiliti e tabnti saluti. Aggiungici
            un WPA e sei ragionevolmente al sicuro.Ma infatti è quello che ho suggerito io. E se possibile, un server Radius piuttosto che chiavi precondivise.
          • opazz scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
            Io aggiungerei 802.1x e così ancora meglio..
          • Anonimo scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
            - Scritto da: francescor82

            Ci vogliono giorni ,con chiavi corte,sempre che

            non si cambino le chiavi.

            No, ci vogliono un paio di giorni (anche meno) se
            usi chiavi a 128 bit; poche ore per chiavi a 64
            bit.
            Tutto sta nel tempo che un attacker decide di
            spendere.Se non son chiavi banali ti ci vogliono settimane con chiavi corte mesi con chiavi lunghe.In entrambi i casi ci vuole un interesse specifico ad entrare proprio in quella rete specifica e non è il caso di chi cerca un access point a caso, fa prima a cercarne uno scoperto.


            Il mac con numero di accessi limitati blocca
            ogni

            macchina che non sia la tua quando non lo usi il

            wi-fi lo disabiliti e tabnti saluti. Aggiungici

            un WPA e sei ragionevolmente al sicuro.

            Ma infatti è quello che ho suggerito io. E se
            possibile, un server Radius piuttosto che chiavi
            precondivise.Su questo siam d'accordo :-)
          • francescor82 scrive:
            Re: WIRELESS - ISTRUZIONI

            Se non son chiavi banali ti ci vogliono settimane
            con chiavi corte mesi con chiavi lunghe.Io ti ho riportato i risultati che ho trovato con Google. Se hai dati diversi, sono curioso di leggerli.
      • carobeppe scrive:
        Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
        Non è un problema di aver scritto inaccessibili e nemmeno di aver scritto SID (forse ti confondi col chip sonoro del commodore 64...). Ma non so se conosci programmi come kismet e airsnort... puoi criptare tutto quello che vuoi, il primo pacchetto che trasmetti e che intercetto becco wep, ssid e mac della scheda di rete che posso sfruttare per accedere anche se hai inserito il blocco del mac... studiare prima di parlare...- Scritto da: Anonimo
        ops, distrazione, volevo scrivere INACCESSIBILE
        • Anonimo scrive:
          Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
          - Scritto da: carobeppe
          Non è un problema di aver scritto inaccessibili e
          nemmeno di aver scritto SID (forse ti confondi
          col chip sonoro del commodore 64...). Ma non so
          se conosci programmi come kismet e airsnort...
          puoi criptare tutto quello che vuoi, il primo
          pacchetto che trasmetti e che intercetto becco
          wep, ssid e mac della scheda di rete che posso
          sfruttare per accedere anche se hai inserito il
          blocco del mac... studiare prima di parlare...

          - Scritto da: Anonimo

          ops, distrazione, volevo scrivere INACCESSIBILENon e` un problema di "sfondoni", ah beh si tu si che sei bravo a scrivere....ma ti vorrei vedere all'opera e a mettere in pratica quello che dici.studiare prima di scrivere... anzi.. mettere in pratica, perche se ti metto davanti a una rete wireless tu e il tuo kismet e airnort vi girate i pollici o poco +.
    • Anonimo scrive:
      Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
      La maggior parte degli utenti internet non hanno la minima idea di cosa stai parlando.- Scritto da: Anonimo
      oltre a impostare l`encryption WEP (con una
      password che sia una frase, non una parola o un
      nome) disattivate il broadcast del SID. Tutti i
      dispositivi wireless hanno questa opzione. Da un
      lato la rete diventa inaccassibili, dall`altro...
      invisibile!
      • Anonimo scrive:
        Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
        - Scritto da: Anonimo
        La maggior parte degli utenti internet non hanno
        la minima idea di cosa stai parlando.


        farebbero bene a documentarsi allora. l`ignoranza non e` una giustificazione valida. chi non e` in grado di installarsi una rete wireless sicura che si faccia aiutare, o che chiami un tecnico, o che non la installi. cosi semplice....
        • Anonimo scrive:
          Re: WIRELESS - ISTRUZIONI

          farebbero bene a documentarsi allora. l`ignoranza
          non e` una giustificazione valida. chi non e` in
          grado di installarsi una rete wireless sicura che
          si faccia aiutare, o che chiami un tecnico, o che
          non la installi. cosi semplice....In materia di leggi l'ignoranza non è una giustificazione.Ma in questo caso il reato lo commette chi entra in una rete altrui, anche se priva di protezioni.Il fatto di lasciare aperte porte e finestre di casa non autorizza nessuno a entrarci a fare i comodi suoi.
      • carobeppe scrive:
        Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
        vai tranqui, manco lui lo sa, basta leggere gli sfondoni che tira...- Scritto da: Anonimo
        La maggior parte degli utenti internet non hanno
        la minima idea di cosa stai parlando.



        - Scritto da: Anonimo

        oltre a impostare l`encryption WEP (con una

        password che sia una frase, non una parola o un

        nome) disattivate il broadcast del SID. Tutti i

        dispositivi wireless hanno questa opzione. Da un

        lato la rete diventa inaccassibili,
        dall`altro...

        invisibile!
    • Anonimo scrive:
      Re: WIRELESS - ISTRUZIONI
      il WEP puo' essere scassinato in pochissimo tempo. Totalmente inutile.Stesso dicasi per il mac filtering, dato che il mac address della propria scheda puo' essere modificato (anche se non con tutte è possibile). Il mac-address che serve puo' essere sniffato e quindi assegnato alla propria scheda aggirando così il filtro. Non fa comnunque male applicarlo.Una protezione più consistente è l'encrypt WPA-PSK (Pre Shared Key) utilizzando una chiave piuttosto lunga.Questo per avere una protezione di livello medio. Si puo' andare oltre, ma diventa più difficile da spiegare.
      • Anonimo scrive:
        Re: WIRELESS - ISTRUZIONI

        Questo per avere una protezione di livello medio.
        Si puo' andare oltre, ma diventa più difficile da
        spiegare.
        no, no, illuminaci
  • Anonimo scrive:
    Ma se io condevidessi Terminator...
    Ma se io condividessi Terminator, dite che Schwarzenegger me la concede la grazia?
  • Anonimo scrive:
    GIUSTIZIATELO!
    Che la sua testa venga mozzata e portata in trionfo per le strade di New York per dare l'esempio!Chi osa andare contro le major deve pagare con la vita la sua colpa immonda!
    • ishitawa scrive:
      Re: GIUSTIZIATELO!
      ci sono vicini: cito dall'articolo:Le forze di polizia hanno fatto irruzione nell'abitazione di Lee, riporta un telegiornale dell'Ohio, ed hanno confiscato quattro elaboratori.me li vedo i poliziotti in tenuta swat con tanto di elmetto, maschera antigas (vuoi che non abbiano lanciato un paio di candelotti spaccando la finestra?) e luci sull'elmetto, tutti vestiti di nero scendere dagli elicotteri in corda doppia....poi perchè aveva quattro elaboratori? un pirata senza dubbio, piratissimo...continua: L'accusato, secondo Paramount, avrebbe inoltre tentato di cancellare le prove del misfatto dal proprio disco rigido.questa si che è grave !! altro che spacciare droga, adescare minorenni o che so io! Ha persino cercato di cancellare le prove !!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: GIUSTIZIATELO!

      Che la sua testa venga mozzata e portata in
      trionfo per le strade di New York per dare
      l'esempio!Si perchè era IMBECILLE usava una connessione wireless NON protetta!La testa, quindi, non gli serve di sicuro :D
      • Anonimo scrive:
        Re: GIUSTIZIATELO!
        Esatto.Io quando devo fare qualcosa di illegale, prendo la macchina, il portatile, il cannone wifi, e mi faccio i giri per milano alla ricerca di qualche sprovveduto...Così al massimo arrestano lo sprovveduto e chissenefrega.Potrebbe essere figo in questo periodo farsi un po' di giri per Lodi... :-) Magari vi capita di finire su qualche bel conto corrente!- Scritto da: Anonimo

        Che la sua testa venga mozzata e portata in

        trionfo per le strade di New York per dare

        l'esempio!

        Si perchè era IMBECILLE usava una connessione
        wireless NON protetta!
        La testa, quindi, non gli serve di sicuro :D
    • Anonimo scrive:
      Re: GIUSTIZIATELO!
      - Scritto da: Anonimo

      Che la sua testa venga mozzata e portata in
      trionfo per le strade di New York per dare
      l'esempio!Non prima però di averlo torturato finché non implori egli stesso la morte! :@
    • Anonimo scrive:
      Re: GIUSTIZIATELO!
      La morte più giusto per questo IMPURO è che venga ARSO VIVO in piazza davanti a tutti.Al rogo , al rogo !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: GIUSTIZIATELO!
        Ma robe da matti, a che punto arriveremo di questo passo? Ormai è meno grave stuprare una donna che scaricarsi da Internet una canzone degli anni '60!!!ASSURDO!
        • Anonimo scrive:
          Re: GIUSTIZIATELO!
          - Scritto da: Anonimo

          Ma robe da matti, a che punto arriveremo di
          questo passo?

          Ormai è meno grave stuprare una donna che
          scaricarsi da Internet una canzone degli anni
          '60!!!

          ASSURDO!
          ovvio, invece! pensa ai traumi che può subire il povero cantante degli anni 60 a riascoltare il suo pezzo ricostruito in mp3 senza il crepitio del vinile!
          • Anonimo scrive:
            Re: GIUSTIZIATELO!
            Bruciateli vivi questi delinquenti da quattro soldi... Le major vinceranno... il bene vincerà... viva la legalità! O) O)
  • Anonimo scrive:
    Forti st'americani sembra un Film...
    Gajatdi st'americani , questa notizia sembra proprio uscita da un film di stampo americano tipo scappa dai terroristi o dal lucertolone gigante....Che figataHa ha ha ha!!
  • Anonimo scrive:
    L'unica soluzione possibile
    è una riscrittura da zero della legge del copyright che sia meno sbilanciata di quella di adesso.In particolare:1) Il copyright non può durare così tanto come ora. Al momento attuale la sua durata è irragionevolmente lunga. È come se voi faceste un lavoro oggi e continuaste a venirne pagati per tutta la vostra vita... anzi... di più. Sarebbe meglio se il copyright avesse una durata ben precisa (chessò... 15 anni eventualmente rinnovabili su richiesta fino ad un massimo di 25 anni) dopodiché tale opera entrasse a far parte della cultura di tutti.2) Si deve chiaramente distinguere chi copia per se o per gli altri da chi lo fa per scopo di lucro (Urbani cambiando la sola parola "lucro" in "profitto" ha reso criminale mezza Italia... e poi si è pure permesso di offendere gli italiani dandogli dei "mammoni"... ricordatevene alle prossime elezioni)3) Il copyright NON deve impedire i lavori derivati. Cioè, se io prendo una canzone e la remixo, creando quindi una nuova opera, non devo avere obblighi di sorta verso l'autore originale se non, al massimo, l'obbligo di citarne il nome. Il copyright, infatti, storicamente non è mai stato inteso per limitare la creatività degli autori ed imporre ingiusti limiti alla creatività umana... oggi invece è proprio quello che fa. Non è giusto che un autore guadagni su un lavoro non suo, anche se questo lavoro è derivato da una sua opera e sufficentemente originale da rappresentare una nuova opera4) Tutte le opere realizzate su commissione dello Stato (per esempio i software ma anche i monumenti, i dipinti, i documentari, ecc) DEVONO per legge appartenere a tutto il popolo italiano. Se qualche produttore non è d'accordo, bé... si cercherà qualche produttore che lo è... c'è un sacco di bisogno di lavoro in Italia, non credo ci saranno problemi a trovare qualcuno di _onesto_ che non voglia strarubarci sul suo lavoroDimenticavo...Il copyright appartiene all'autore! Solo l'autore può fare richiesta di rinnovo di tale copyright. Questo impedisce che la Major facciano richiesta a suo nome in caso muoia. Inoltre, tutti i contratti che obbligano un autore ad usare particolari licenze sono vessatori. Tutte le licenze che cercano di estendere oltre i punti sopra elencati i diritti di tale autore sono vessatori.==================================Modificato dall'autore il 15/12/2005 8.31.16
    • Anonimo scrive:
      Re: L'unica soluzione possibile
      Limitatamente alle opere cinematografiche, a mio giudizio un film dovrebbe essere liberamente distribuibile dopo che questo sia stato mandato in onda sulla tv pubblica. Circa 5 anni dalla uscita nelle sale.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'unica soluzione possibile
        - Scritto da: Anonimo
        Limitatamente alle opere cinematografiche, a mio
        giudizio un film dovrebbe essere liberamente
        distribuibile dopo che questo sia stato mandato
        in onda sulla tv pubblica. Circa 5 anni dalla
        uscita nelle sale.E a questa proposta aggiungo che se uno è andato a vedersi il film in questione al cinema e ha conservato il biglietto, può acquistare tale film al solo costo di produzione del DVD/VHS e copertina visto che i diritti per vederselo li ha già pagati.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'unica soluzione possibile
        - Scritto da: Anonimo
        Limitatamente alle opere cinematografiche, a mio
        giudizio un film dovrebbe essere liberamente
        distribuibile dopo che questo sia stato mandato
        in onda sulla tv pubblica. Circa 5 anni dalla
        uscita nelle salemagari....
    • Marlenus scrive:
      Re: L'unica soluzione possibile
      - Scritto da: Wakko Warner
      è una riscrittura da zero della legge del
      copyright che sia meno sbilanciata di quella di
      adesso.

      In particolare:
      1) Il copyright non può durare così tanto come
      ora. Al momento attuale la sua durata è
      irragionevolmente lunga. È come se voi faceste un
      lavoro oggi e continuaste a venirne pagati per
      tutta la vostra vita... anzi... di più. Sarebbe
      meglio se il copyright avesse una durata ben
      precisa (chessò... 15 anni eventualmente
      rinnovabili su richiesta fino ad un massimo di 25
      anni) dopodiché tale opera entrasse a far parte
      della cultura di tutti.
      2) Si deve chiaramente distinguere chi copia per
      se o per gli altri da chi lo fa per scopo di
      lucro (Urbani cambiando la sola parola "lucro" in
      "profitto" ha reso criminale mezza Italia... e
      poi si è pure permesso di offendere gli italiani
      dandogli dei "mammoni"... ricordatevene alle
      prossime elezioni)
      3) Il copyright NON deve impedire i lavori
      derivati. Cioè, se io prendo una canzone e la
      remixo, creando quindi una nuova opera, non devo
      avere obblighi di sorta verso l'autore originale
      se non, al massimo, l'obbligo di citarne il nome.
      Il copyright, infatti, storicamente non è mai
      stato inteso per limitare la creatività degli
      autori ed imporre ingiusti limiti alla creatività
      umana... oggi invece è proprio quello che fa. Non
      è giusto che un autore guadagni su un lavoro non
      suo, anche se questo lavoro è derivato da una sua
      opera e sufficentemente originale da
      rappresentare una nuova opera
      4) Tutte le opere realizzate su commissione dello
      Stato (per esempio i software ma anche i
      monumenti, i dipinti, i documentari, ecc) DEVONO
      per legge appartenere a tutto il popolo italiano.
      Se qualche produttore non è d'accordo, bé... si
      cercherà qualche produttore che lo è... c'è un
      sacco di bisogno di lavoro in Italia, non credo
      ci saranno problemi a trovare qualcuno di
      _onesto_ che non voglia strarubarci sul suo
      lavoro

      Dimenticavo...
      Il copyright appartiene all'autore! Solo l'autore
      può fare richiesta di rinnovo di tale copyright.
      Questo impedisce che la Major facciano richiesta
      a suo nome in caso muoia. Inoltre, tutti i
      contratti che obbligano un autore ad usare
      particolari licenze sono vessatori. Tutte le
      licenze che cercano di estendere oltre i punti
      sopra elencati i diritti di tale autore sono
      vessatori.
      Ottime proposte, ma vedo un paio di problemi: se un opera, come spesso accade fuori dall'ambito di film e musica, viene riconosciuta valida dal pubblico dopo molto tempo e quindi comincia a dare reddito solo dopo 30 anni? Perchè dobbiamo togliere all'autore questo reddito?Se il costo dell'opera fosse così grande da ripagarsi solo in 30 anni, e ci fosse qualcuno così controcorrente da volerla fare lo stesso?Se un autore volesse legittimamente cedere i suoi diritti a qualcuno che sa farli valere meglio di lui, perchè dobbiamo impedirgli di farlo?Personalmente cambierei così:1. I diritti di sfruttamento hanno durata infinita, soggetti però al pagamento di una tassa di registrazione nell'apposito registro delle opere protette. Tale tassa ha un valore minimo (diciamo 100 euro l'anno?) che raddoppia ogni 2 anni, e che non può essere inferiore al 10% degli introiti dovuti all'opera protetta nell'anno precedente.Con una mazzata così, dopo 16 anni mantenere il copyright costa 100*2^8 euro = 25,600 euro, ma dopo 20 ne costa già più di 100,000 e dopo 32 650,000.Con una progressione così, si mette un paletto chiaro e si lascia che gli operatori e il mercato prendano le loro decisioni. Inoltre più guadagni più paghi. Più proteggi più paghi. Inoltre, tutto cio' che non è registrato (o non lo è più) è libero. Le ricerche per gli autori di opere derivate sono facili, sanno ciò che è libero e ciò che non lo è.2. Si stabiliscono regole certe su cosa è un lavoro derivato (se prendo una canzone e cambio solo un paio di secondi su tre minuti, quello non può essere opera derivata, è plagio e basta) basandosi ad esempio su regole temporali e regole d'incasso (se prendo 10 secondi da un film per popolare la mia opera sulla vita del regista che dura tre ore, al massimo mi potrà essere chiesto la 10/10800 parte degli incassi che farò. Se l'opera è un patchwork di opere altrui (diverse) per più del 50% del tempo, comunque non più del 50% degli incassi potrà andare al pagamento dei diritti altrui). E' un mezzo equo, perchè i diritti iniziali prendono una parte dell'incasso, mai più della metà, e non una cifra fissa (che potrebbe essere manipolata in modo da chiedere somme eccessive per impedirmi (più precisamente rendermi economicamente non conveniente) di fare l'opera).D'accordissimo sulla non rilevanza penale della copia ad uso privato ("profitto") ma rimane l'illecito, a mio parere, e quindi la possibilità di richiedere risarcimenti in sede civile.
      • Anonimo scrive:
        Re: L'unica soluzione possibile
        - Scritto da: Marlenus
        Ottime proposte, ma vedo un paio di problemi: se
        un opera, come spesso accade fuori dall'ambito di
        film e musica, viene riconosciuta valida dal
        pubblico dopo molto tempo e quindi comincia a
        dare reddito solo dopo 30 anni? Perchè dobbiamo
        togliere all'autore questo reddito?Vero. Si potrebbero mettere due limiti: uno per lo sfruttamento commerciale (diciamo 70 dalla creazione).Il secondo di 15-20 anni da quando l'opera viene sfruttata commercialmente (con un limite massimo dato dal primo, cioe' comunque entro 70 anni dalla creazione).
        Se il costo dell'opera fosse così grande da
        ripagarsi solo in 30 anni, e ci fosse qualcuno
        così controcorrente da volerla fare lo stesso?Si d'accordo. Ma tu non puoi porre delle regole generali e poi contraddirle con il caso di specie improbabilissimo e privo di alcun significato reale:se uno vuole a tutti i costi farlo se la paga. (punto).
        Se un autore volesse legittimamente cedere i suoi
        diritti a qualcuno che sa farli valere meglio di
        lui, perchè dobbiamo impedirgli di farlo?Si, ma questi diritti devono avere una fine (proposta: circa 70 anni -
        vita media umana).
        Personalmente cambierei così:
        1. I diritti di sfruttamento hanno durata
        infinita, soggetti però al pagamento di una tassa
        di registrazione nell'apposito registro delle
        opere protette. Tale tassa ha un valore minimo
        (diciamo 100 euro l'anno?) che raddoppia ogni 2
        anni, e che non può essere inferiore al 10% degli
        introiti dovuti all'opera protetta nell'anno
        precedente.Non sono d'accordo. Proprio il concetto di 'infinito' non ha senso. Devono avere un limite massimo, fissato per legge, e non spropositato rispetto alla durata della vita umana.
        Con una mazzata così, dopo 16 anni mantenere il
        copyright costa 100*2^8 euro = 25,600 euro, ma
        dopo 20 ne costa già più di 100,000 e dopo 32
        650,000.Il fatto e' che se tu non poni un limite, ci sono poche tecnologie chiave che rimarrebbero patrimonio di pochi a caro prezzo per tutti gli altri, perche' in quei casi si rifarebbero aumentando il prezzo delle licenze.
        Con una progressione così, si mette un paletto
        chiaro e si lascia che gli operatori e il mercato
        prendano le loro decisioni. Inoltre più guadagni
        più paghi. Più proteggi più paghi. Inoltre, tutto
        cio' che non è registrato (o non lo è più) è
        libero. Le ricerche per gli autori di opere
        derivate sono facili, sanno ciò che è libero e
        ciò che non lo è.Ti faccio notare che attualmente il registro americano non sa cosa ha registrato.Figurarsi come fa un novello inventore a capire se c'e' un precedente della sua supposta invenzione o meno.
        2. Si stabiliscono regole certe su cosa è un
        lavoro derivato (se prendo una canzone e cambio
        solo un paio di secondi su tre minuti, quello non
        può essere opera derivata, è plagio e basta)Non e' banale. A parte il fatto che alcuni esperti musicali dicono che data la limitatezza delle armonie che usa la musica occidentale, e' praticamente impossibile fare qualcosa di totalmente nuovo...
        basandosi ad esempio su regole temporali e regole
        d'incasso (se prendo 10 secondi da un film per
        popolare la mia opera sulla vita del regista che
        dura tre ore, al massimo mi potrà essere chiesto
        la 10/10800 parte degli incassi che farò. Se
        l'opera è un patchwork di opere altrui (diverse)
        per più del 50% del tempo, comunque non più del
        50% degli incassi potrà andare al pagamento dei
        diritti altrui). E' un mezzo equo, perchè i
        diritti iniziali prendono una parte dell'incasso,
        mai più della metà, e non una cifra fissa (che
        potrebbe essere manipolata in modo da chiedere
        somme eccessive per impedirmi (più precisamente
        rendermi economicamente non conveniente) di fare
        l'opera).Non so. Interessante, ma dubito che si riuscirebbe a mettersi d'accordo su cosa e' derivato o meno...
        D'accordissimo sulla non rilevanza penale della
        copia ad uso privato ("profitto") ma rimane
        l'illecito, a mio parere, e quindi la possibilità
        di richiedere risarcimenti in sede civile.Proposte interessanti. Ma darebbero fastidio a chi effettivamente detiene i diritti attuali...
        • Anonimo scrive:
          Re: L'unica soluzione possibile
          - Scritto da: Anonimo

          1. I diritti di sfruttamento hanno durata

          infinita, soggetti però al pagamento di una
          tassa

          Con una mazzata così, dopo 16 anni mantenere il

          copyright costa 100*2^8 euro = 25,600 euro, ma

          dopo 20 ne costa già più di 100,000 e dopo 32

          650,000.

          Il fatto e' che se tu non poni un limite, ci sono
          poche tecnologie chiave che rimarrebbero
          patrimonio di pochi a caro prezzo per tutti gli
          altri, perche' in quei casi si rifarebbero
          aumentando il prezzo delle licenze.E' per questo che la tassa non è fissa, ma cresce esponenzialmente al passare del tempo. Sei incentivato a sfruttare subito le opere (non a chiuderle in un armadio, stile Disney con i manga, ammesso che sia vero) e comunque esiste un punto in cui non ti conviene più pagare per tenerle sotto copyright.
          Ti faccio notare che attualmente il registro
          americano non sa cosa ha registrato.L'obbligo di registrazione è stato abolito anni fa.
          Proposte interessanti. Ma darebbero fastidio a
          chi effettivamente detiene i diritti attuali... Tutto gli da fastidio, persino che altri creino nuove opere, perchè è concorrenza.... non possiamo tenere conto delle pretese irragionevoli
    • Anonimo scrive:
      Re: L'unica soluzione possibile
      Sai quale sarebbe l'unica soluzione possibile?Smettere di acquistare dvd e cd, originali e vergini e disdire l'abbonamento all'ADSL.Nel giro di poco tempo cambierebbe tutto!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Voi paghereste?
    Io no, e oltretutto non potrei. Di certo prima di farmi prendere cercherei di farne fuori il più possibile :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Voi paghereste?
      Penso che nessuno pagherebbe, solo che siamo in America ,e la non scherzano. Non ci mettono niente a pignorarti la casa e tutto quello che hai, e quindi a ritrovarti come barbone in mezzo ad una strada.
      • Anonimo scrive:
        Re: Voi paghereste?
        - Scritto da: Anonimo
        Penso che nessuno pagherebbe, solo che siamo in
        America ,e la non scherzano. Non ci mettono
        niente a pignorarti la casa e tutto quello che
        hai, e quindi a ritrovarti come barbone in mezzo
        ad una strada.sì, ma se non ce l'hai una casa perchè magari vivi coi tuoi ?è una richiesta danni palesemente sproporsionata al reato
        • Anonimo scrive:
          Re: Voi paghereste?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Penso che nessuno pagherebbe, solo che siamo in

          America ,e la non scherzano. Non ci mettono

          niente a pignorarti la casa e tutto quello che

          hai, e quindi a ritrovarti come barbone in mezzo

          ad una strada.

          sì, ma se non ce l'hai una casa perchè magari
          vivi coi tuoi ?
          è una richiesta danni palesemente sproporsionata
          al reatoChe la richiesta sia spropositata su questo non ci piove.Sul fatto invece che tu possa vivere con i tuoi non cambia la questione perchè la casa verrebbe pignorata comunque.Se invece la casa non c'è l'hai vorrà dire che ti porteranno via qualche altra cosa come ad esempio l'auto o il pignoramento dello stipendio.Stai tranquillo che se hai qualcosa te lo prendono.Poi è chiaro, che se non hai niente si attaccano, però non potrai mai possedere nulla di tuo neppure per il futuro ,perchè non appena possiedi qualcosa te l iritrovi addosso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Voi paghereste?
            A quel punto diventerei un terrorista anti-Major.
          • Anonimo scrive:
            Re: Voi paghereste?
            In quel caso chi nn lo diventerebbe? :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Voi paghereste?
            Ma che ci frega , siamo in Italia dove la giustizia è fantastica e nessuno ti romperà le scatole , da noi si uccidono bambini , si ruba soldi , si dopano i giocatori e non andrai mai in galera!!E' fantastico!!
          • xWolverinex scrive:
            Re: Voi paghereste?
            basta lavorare in nero e intestare tutto a parenti/zii/nipoti/figli. non posso pignorarti 1 macchina se ne hai solo 1, ne 1 televisore se ne hai solo 1. Se vuoi il secondo lo intesti a tuo padre :D L'Italia dei piu' furbi insegna ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Voi paghereste?
            - Scritto da: xWolverinex
            basta lavorare in nero e intestare tutto a
            parenti/zii/nipoti/figli. non posso pignorarti 1
            macchina se ne hai solo 1, ne 1 televisore se ne
            hai solo 1. Se vuoi il secondo lo intesti a tuo
            padre :D
            L'Italia dei piu' furbi insegna ;-)Questa non l'ho mai sentita , a me risulta che non possono pignorarti il letto , il tavolo e le sedie della cucina e forse altre due o tre cose indispensabili.Per il resto possono pignorati tutto, compresi l'auto e il televisore.Questo oviamente se parliamo dell'Italia, ma in America ti lasciano in mutande te l'assicuro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Voi paghereste?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: xWolverinex

            basta lavorare in nero e intestare tutto a

            parenti/zii/nipoti/figli. non posso pignorarti 1

            macchina se ne hai solo 1, ne 1 televisore se ne

            hai solo 1. Se vuoi il secondo lo intesti a tuo

            padre :D

            L'Italia dei piu' furbi insegna ;-)

            Questa non l'ho mai sentita , a me risulta che
            non possono pignorarti il letto , il tavolo e le
            sedie della cucina e forse altre due o tre cose
            indispensabili.
            Per il resto possono pignorati tutto, compresi
            l'auto e il televisore.
            Questo oviamente se parliamo dell'Italia, ma in
            America ti lasciano in mutande te l'assicuro.Appunto. Ecco perchè a tanta gente in quel paese di m... non resta che armarsi e sparare a tutto quello che vedono.
          • xWolverinex scrive:
            Re: Voi paghereste?
            non ci metto la mano sul fuoco (per lo meno non la mia....) ma ci sono certi beni "indispensabili" che non possono pignorarti, poi pero' tutto e' possibile. In Italia. In america non ne ho idea.
          • Anonimo scrive:
            Re: Voi paghereste?
            Lasciatelo dire da un procuratore extragiudiziario, si pignora praticamente tutto credimi, lasciando solo l'indispensabile ovvero un letto a persona 1 tavolo e sedie per quanti siano i componenti familiari, a meno che tu non abiti in affitto in una casa arredata, allora pignorano solo quelllo che il padrone di casa disconosce e difficilmente ti rinnoverà il contratto. :
          • Anonimo scrive:
            Re: Voi paghereste?
            - Scritto da: Anonimo
            Lasciatelo dire da un procuratore
            extragiudiziarioVa bene, dov'e' ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Voi paghereste?
            - Scritto da: Anonimo
            Lasciatelo dire da un procuratore
            extragiudiziario, si pignora praticamente tutto
            credimi, lasciando solo l'indispensabile ovvero
            un letto a persona 1 tavolo e sedie per quanti
            siano i componenti familiari, a meno che tu non
            abiti in affitto in una casa arredata, allora
            pignorano solo quelllo che il padrone di casa
            disconosce e difficilmente ti rinnoverà il
            contratto. :Interessante avere il letto e dormire sotto un ponte, perchè la casa non ce l'hai più se fosse stata tua... giusto?Forse sarebbe meglio che lasciassero la casa vuota e dormi per terra; almeno sei al riparo ed al caldo....(e comunque, anche senza riscaldamento, sempre più al caldo che sotto un ponte).Se poi ti hanno pignorato pure le finestre allora non so che dire.
  • Anonimo scrive:
    [OT] Wikipedia Vs Brittanica = 1 a 0
    Da un confronto fatto dalla rivista scientifica Nature tra Wikipedia e l'enciclopedia Britannica, confrontando 42 articoli, è emerso che il numero di errori è simile, se non addirittura inferiore in caso delle voci di Wikipedia. Una grande vittoria per la libertà d'informazione!http://www.theage.com.au/news/national/online-encyclopedias-put-to-the-test/2005/12/14/1134500913345.html
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Wikipedia Vs Brittanica = 1 a 0
      - Scritto da: Anonimo

      Da un confronto fatto dalla rivista scientifica
      Nature tra Wikipedia e l'enciclopedia Britannica,
      confrontando 42 articoli, è emerso che il numero
      di errori è simile, se non addirittura inferiore
      in caso delle voci di Wikipedia. Una grande
      vittoria per la libertà d'informazione!

      http://www.theage.com.au/news/national/online-encyBritannica
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Wikipedia Vs Brittanica = 1 a 0
      - Scritto da: Anonimo

      Da un confronto fatto dalla rivista scientifica
      Nature tra Wikipedia e l'enciclopedia Britannica,
      confrontando 42 articoli, è emerso che il numero
      di errori è simile, se non addirittura inferiore
      in caso delle voci di Wikipedia. Una grande
      vittoria per la libertà d'informazione!

      http://www.theage.com.au/news/national/online-encyVeramente dice che la britannica ha meno errori, anche se di poco
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Wikipedia Vs Brittanica = 1 a 0
        Ora per scrivere su Wikipedia ti devi registrare, vedrai che come conseguenza gli errori diventeranno molto meno di quelli di un'enciclopedia ufficiale.
    • brabra scrive:
      Re: [OT] Wikipedia Vs Brittanica = 1 a 0
      Il grosso limite di wikipedia (e di quasi tutti gli strumenti di informazione collaborativi) è che il suo meccanismo, in caso di diatribe per i contenuti, premia la soluzione supportata dal maggior numero di utenti.Un'enciclopedia invece segue le decisioni dell'editore, attraverso la selezione degli autori.E spesso l'idea, il concetto, il pensiero più comune non è quello esatto, nella storia dell'informazione chi ha fatto i passi importanti sono stati i giornalisti e gli editori che hanno "gettato il cuore oltre l'ostacolo", ovvero che andando contro tutto e tutti hanno motivato e supportato una tesi prima scomoda, magari ridicolizzata, magari considerata stupida poi scoperta come vera.Se la stampa e l'informazione fosse sempre stata basata su sistemi collaborativi avremo avuto l'informazione più piatta, inutile e monotona del mondo, perchè sarebbe prevalso solo ciò che la maggioranza della gente voleva sentirsi dire
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Wikipedia Vs Brittanica = 1 a 0
      Sì, e a Catania ha vinto la Sinistra, quello che mi sfugge è cosa centri con l'articolo....
  • Anonimo scrive:
    Interessante precedente
    Mettendo da parte il fatto che le major cinematografiche siano dei luridi parassiti, questo caso presenta un elemento molto interessante che può creare un precedente giuridico, almeno nella giurisprudenza statunitense: se passa la tesi del wifi aperto (sempre che ovviamente non venga invalidata trovando tracce del film in questione sull'hard disk), la strada si farebbe durissima per questo tipo di indagini.Credo comunque che se questa forma di difesa venisse largamente utilizzata, verrebbe approvata in fretta e furia una legge per rendere criminalmente perseguibile il possedere un sistema wifi aperto (ma anche questo sarebbe discutibile in quanto il WEP è craccabile abbastanza facilmente).
  • Anonimo scrive:
    Condivide un dvd da 20$? A morte subito!
    Iniezione letale subito, con 22 minuti, anzi, 120 minuti più gli extra del dvd di agonia....
  • Anonimo scrive:
    Cesare Beccaria...
    si sta girando nella tomba. E' il caso che qualcuno impacchetti una copia del suo "Dei delitti e delle pene" e lo spedisca dalla vecchia Europa ai nostri nipotini americani. Il concetto di proporzionalità tra delitto (facciamo finta lo sia) e pena è a loro del tutto sconosciuto.Ps Gli si potrebbe mandare un file ma non vorrei che per la cortesia ci mandassero gli s.w.a.t in casa :D :D :D :D diritti scaduti o meno.
  • Anonimo scrive:
    La legge è uguale x tutti!!!!!!
    Certo come no!!! Ormai queste democrazie sono una farsa, ormai comandano solo i potentissimi gruppi finanziari.Qua stiamo finendo nel baratro e nessuno dice niente.Tutti a guadare le stronzate in tv e a sognare di partecipare al Grande Fratello.Ormai solo una guerra potrà aggiustare le cose, e il sistema sta proprio puntando a quello.Benvenuti nell'oscurantismo, bevenuti nel Nuovo Ordine Mondiale!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: La legge è uguale x tutti!!!!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Ormai queste democrazie sono una
      farsaUh? Di che democrazia parli? Quando mai siamo stati in democrazia?Ma se si può finire in galera per un idea, per un'opinione... figurati se siamo in democrazia.
  • Anonimo scrive:
    misteri
    ma CHI decide il prezzo della multa, e in base a quale criterio?
    • Anonimo scrive:
      Re: misteri
      - Scritto da: Anonimo
      ma CHI decide il prezzo della multa, e in base a
      quale criterio?Questa non è una multa ma una richiesta di risarcimento giudiziale. La multa è una sanzione amministrativa, quindi prestabilita per un'infrazione.Questa invece è una causa al tribunale per chiedere un risarcimento...quindi possono sparare la cifra che vogliono, sta al tribunale dire se è corretta o no e nel caso correggerla.Peccato che se il tribunale è di parte...
    • Marlenus scrive:
      Re: misteri
      - Scritto da: Anonimo
      ma CHI decide il prezzo della multa, e in base a
      quale criterio?E' scritto nella legge americana sul copyright.(http://www.law.cornell.edu/copyright/copyright.act.chapt5.html).Hanno richiesto il massimo previsto dalla legge:"In a case where the copyright owner sustains the burden of proving, and the court finds, that infringement was committed willfully, the court in its discretion may increase the award of statutory damages to a sum of not more than $ 100,000"(17 USCS Sect. 504 c 2)
  • Anonimo scrive:
    Secondo me l'ha scaricato davvero lui
    ...ma alla fine la zuppa e' la solita.E' un'idiozia chiedere quelle cifre.AL MASSIMO si merita una multa. Niente di piu'.E una multa contenuta... toh, 100 euro mi sembrano anche troppi.In fondo non ha rubato nulla, ha solo scaricato la copia di un file, magari anche uno screener o comunque un divx e pertanto di qualita' peggiore. E' come copiarsi le canzoni dalla radio, ne' piu' ne meno.Ma questo lo sanno tutti...
    • Angelone scrive:
      Re: Secondo me l'ha scaricato davvero lu
      Io con i soldi di quella multa mi creo il budget per fare un film intero.
    • Anonimo scrive:
      Re: Secondo me l'ha scaricato davvero lu
      Ma lui è accusato di averlo condiviso non scaricato. Comunque non so, mi sembra strano che chiedano tanti soldi solo a lui. Magari c'è sotto qualcos'altro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Secondo me l'ha scaricato davvero lu
        Hanno perquisito il pc e non hanno trovato alcuna traccia dei files per cui e' stato incriminato, cosi' dicono le news internazionali.Con questo vogliono solo far terrore facendo credere che non e' necessaria l'evidenza per essere perseguiti.peggio dei terroristi.
  • Anonimo scrive:
    Mi sembra equo
    20 dollari di presunto danno da una parte e 100 mila di risarcimento, il sequestro dei pc e i poliziotti che ti entrano in casa dall'altra. Giusto, equo.Quindi, supponendo che chi ha installato i cd sony con rootkit abbia ricevuto diciamo una sessantina di dollari di danno nella chiamata al tecnico che ha rimosso il rootkit, o ancora peggio se si è beccato qualche virus, ognuno delle migliaia di possessori di cd sony può richiedere 300.000 dollari di danno alla sony? Credo di sì, mi sembra altrettanto equo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra equo

      Quindi, supponendo che chi ha installato i cd
      sony con rootkit abbia ricevuto diciamo una
      sessantina di dollari di danno nella chiamata al
      tecnico che ha rimosso il rootkit, o ancora
      peggio se si è beccato qualche virus, ognuno
      delle migliaia di possessori di cd sony può
      richiedere 300.000 dollari di danno alla sony?
      Credo di sì, mi sembra altrettanto equo.Certo, sarebbe decisamente equo, se solo tu possedessi la "potenza di fuoco giuridica" necessaria all'equicita` della legge che, per circonciso, e` uguale per tutti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi sembra equo
        Secondo me il risarcimento non e' riferito direttamente al danno della sottrazione di 21,99 USD relativi alla SINGOLA copia del DVD, ma al fatto che condividendo poi questa singola copia si e' di fatto permesso ad altri di entrare in possesso abusivamente del film, moltiplicando il danno. Non potendo pero' quantificare con precisione il numero di persone che ne e' effettivamente venuto in possesso a seguito della stessa condivisione (di fatto anche 0), si e' probabilmente applicata una qualche forma di risarcimento basata su un qualche tipo di calcolo + sanzione amministrativa per la fattispecie. Poi magari mi sbaglio.
        • ryoga scrive:
          Re: Mi sembra equo
          Potrebbe essere quella la ragione, ma è senza dubbio sbagliata.Chi scarica, condivide, chi condivide, non distribuisce TUTTO il file ( zip, avi, mp3... ), ma solo una parte di esso ( dallo 0.01% al 99.9% ) ad un solo utente ( a meno che questi non sia il primo o il solo ad avere in condivisione tale file ).Ed in questo caso, dire che io ho distribuito "illegalmente" un film, è talmente falso, che potrei denunciare per calunnie e richiedere risarcimenti danni ( in uno stato di diritto, in uno stato equo ed in uno stato "legale" ), in quanto al massimo ho inviato porzioni di byte che da sole, non possono in alcun modo, fare alcunche' ( ne farti vedere 1 fotogramma, ne farti vedere 1 sequenza - a meno di programmi particolari che a questo punto potrebbero mostrarti anche risultati tutt'altro che corretti - ).Quindi, per concludere, posso dire che la condivisione di un file non puo' e non deve essere illegale. ( quella come la intendiamo noi....quella che quando scarichi, condividi ), in quanto se provi a scaricare una canzone ad esempio, inizi da 1 fonte, per poi passare a 2 ( ed ecco quindi che nessuno dei 2 puo' + essere accusato di aver distribuito il file, in quanto nessuno dei 2 ti ha passato il file, ma una porzione di file - leggi sequenza di bit - che non ti da la possibilità di vedere alcunche'. )Dato che le major hanno inculcato nella testa dei giudici che pure 1 byte equivale a mostrare 1 video, ecco che ora siamo nella "cacca".Spero in un ritorno alla ragione, ma sono sicuro che e' impossibile, perche' quei 100.000 dollari che il giovane sarà costretto a pagare, andranno nelle tasche di 2-3 giudici federali che stabiliranno definitivamente che condividere 1 file = 100.000$ di multa.Cosi i primi 100.000$ andranno ai 2-3 giudici, mentre tutti gli altri, andranno alle major che incasseranno cosi miliardi.( Tutto Business )Scusate se non sono stato chiarissimo, ma credo che il concetto s'e' capito.Saluti- Scritto da: Anonimo
          Secondo me il risarcimento non e' riferito
          direttamente al danno della sottrazione di 21,99
          USD relativi alla SINGOLA copia del DVD, ma al
          fatto che condividendo poi questa singola copia
          si e' di fatto permesso ad altri di entrare in
          possesso abusivamente del film, moltiplicando il
          danno. Non potendo pero' quantificare con
          precisione il numero di persone che ne e'
          effettivamente venuto in possesso a seguito della
          stessa condivisione (di fatto anche 0), si e'
          probabilmente applicata una qualche forma di
          risarcimento basata su un qualche tipo di calcolo
          + sanzione amministrativa per la fattispecie. Poi
          magari mi sbaglio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra equo
            - Scritto da: ryoga
            Potrebbe essere quella la ragione, ma è senza
            dubbio sbagliata.
            Chi scarica, condivide, chi condivide, non
            distribuisce TUTTO il file ( zip, avi, mp3... ),
            ma solo una parte di esso ( dallo 0.01% al 99.9%
            ) ad un solo utente ( a meno che questi non sia
            il primo o il solo ad avere in condivisione tale
            file ).sì va be'ma lo volete capire che se volete fruire di un film come di qualsiasi altro bene che ha un valore commerciale dovete pagare?se non volete sborsare alcun euro, lasciate perdere i film (che sono per la maggior parte mediocri).
            Ed in questo caso, dire che io ho distribuito
            "illegalmente" un film, è talmente falso, che
            potrei denunciare per calunnie e richiedere
            risarcimenti danni ( in uno stato di diritto, in
            uno stato equo ed in uno stato "legale" ), in
            quanto al massimo ho inviato porzioni di byte che
            da sole, non possono in alcun modo, fare
            alcunche' ( ne farti vedere 1 fotogramma, ne
            farti vedere 1 sequenza - a meno di programmi
            particolari che a questo punto potrebbero
            mostrarti anche risultati tutt'altro che corretti
            - ).ragionando così puoi anche condividere 50 delle 1000 pagine di un manuale, infischiandotene del lavoro svolto dall'autore. bravo. bravo.ehi! il lavoro va pagato. VA PAGATO.VA PA-GA-TO. mettitelo nella zucca.
            Quindi, per concludere, posso dire che la
            condivisione di un file non puo' e non deve
            essere illegale.ecco la conclusione dell'arringa dell'azzeccagarbugli.devi aver studiato in una law school prestigiosissima.
            ( quella come la intendiamo
            noi....quella che quando scarichi, condividi ),
            in quanto se provi a scaricare una canzone ad
            esempio, inizi da 1 fonte, per poi passare a 2 (
            ed ecco quindi che nessuno dei 2 puo' + essere
            accusato di aver distribuito il file, in quanto
            nessuno dei 2 ti ha passato il file, ma una
            porzione di file - leggi sequenza di bit - che
            non ti da la possibilità di vedere alcunche'. )

            Dato che le major hanno inculcato nella testa dei
            giudici che pure 1 byte equivale a mostrare 1
            video, ecco che ora siamo nella "cacca".già. già. poveri noi. siamo nella cacca perché se ci procuriamo musica e film gratis rischiamo una multa.dovete proprio crescere. incazzatevi per la disoccupazione, i mille malcostumi del paese e i problemi seri, non per queste cose.
            Spero in un ritorno alla ragione, ma sono sicuro
            che e' impossibile, perche' quei 100.000 dollari
            che il giovane sarà costretto a pagare, andranno
            nelle tasche di 2-3 giudici federali che
            stabiliranno definitivamente che condividere 1
            file = 100.000$ di multa.
            Cosi i primi 100.000$ andranno ai 2-3 giudici,
            mentre tutti gli altri, andranno alle major che
            incasseranno cosi miliardi.
            ( Tutto Business )torna tu alla ragione. come fai a essere sicuro che i giudici intascheranno i soldi della multa?
            Scusate se non sono stato chiarissimo, ma credo
            che il concetto s'e' capito.
            Salutisei stato chiarissimo e il concetto si è capito: pretendi di avere gratis musica e film
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra equo
            Si certo io pagherei tutto , se ne avessi la possibilità e se il costo varrebbe il contenuto!Ma non tutti sono figli di papà!E dato che sono un precario e porto a casa 800? al mese preferisco ogni tanto andare a casa dei miei amici e farmi dare i nuovi film, mp3 etc. perchè quei soldi li spendo per altre cose (affitto, spese, ogni tanto mangio etc etc)Ah...scrivo usando la connessione aziendale...dovrei essere punito anche per questo!
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra equo
            Uff! Bisogna ogni volta rispiegarvi tutto daccapo!... Allora, te lo rispiego anche a te come si fa... te lo scrivo in punti così è più semplice.1. Vai a farti paraculare dal Gran Maestro di una loggia Massonica.2. Forte di cotanto paraculo entri in una banca qualsiasi e ti fai prestare qualche decina di miliardate di euro, con la promessa di restituirli, indebitando così...3. ...una qualsiasi impresa pubblica da privatizzare, acquistandola con i soldi or ora ottenuti.4. Falsifichi il bilancio della impresa appena acquistata e ne ottieni, non del tutto debitamente, MA DI CERTO non commettendo alcun reato penale, un bel gruzzoletto da utilizzare per l'acquisto di DVD, CD, abbonamenti SKY eccetera.5. Attendi pazientemente che il deficente della pubblicità ti ringrazi per aver fatto girare l'economia. Come ti ho detto è semplicissimo, e rischi anche molto meno che a scaricare orridi screener dal P2P.- Scritto da: Anonimo
            Si certo io pagherei tutto , se ne avessi la
            possibilità e se il costo varrebbe il contenuto!

            Ma non tutti sono figli di papà!

            E dato che sono un precario e porto a casa 800?
            al mese preferisco ogni tanto andare a casa dei
            miei amici e farmi dare i nuovi film, mp3 etc.
            perchè quei soldi li spendo per altre cose
            (affitto, spese, ogni tanto mangio etc etc)

            Ah...scrivo usando la connessione
            aziendale...dovrei essere punito anche per
            questo!




          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra equo

            ehi! il lavoro va pagato. VA PAGATO.
            VA PA-GA-TO. mettitelo nella zucca.il lavoro, appunto!non vedo che lavoro abbia fatto la paramaunt che pretende questi 80mila euri.
          • Collimate scrive:
            Re: Mi sembra equo
            forse tu non hai presente quanto influisca il costo della cultura per una persona con uno stipendio normale, e non mi riferisco a quello che veniva indicato a porta a porta un paio di sere fa.per esempio i film, andare in tre persone, in un cinema, oramai costa circa 7,5 euro a persona, dato che vivo in campagna, a 40 km minimo dal primo multisala decente, e devo pagare pure l'autostrada, ti dico solo che andare una volta sola al cinema costa dai 30 ai 40 euro a botta.Mi compro il dvd? cosi' se e' un pessimo film, mi trovo alleggerito di almeno 25?, con un dvd buono solo da fare spessore ai tavoli.dobbiamo aggiungere altro?Dovremmo tutti fermarci un'attimo a pensare che siamo nel 2000, e smettere di cercare di punire chiunque, ma prevenire il problema, o, piu' intelligentemente, trovare forme piu' furbe, oneste e equilibrate di guadagno.Faccio l'esempio di itunes, dove paghi poco meno di un cd, senza pero' avere un cd, e senza poterlo ascoltare come e dove vuoi.Qualcuno davvero crede che i musicisti, le major, le case discografiche, ci stiano perdendo, o stiano diventando povere?"wake up Neo."
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra equo

            Mi compro il dvd? cosi' se e' un pessimo film, mi
            trovo alleggerito di almeno 25?, con un dvd buono
            solo da fare spessore ai tavoli.

            dobbiamo aggiungere altro?
            SI' ! Credi che io compri tutti i dvd che guardo ? Ma siamo matti ? Esiste una cosa strana che si chiama:N O L E G G I O !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Il piu' delle volte quante volte guardi un film ? una, giusto ? e allora il noleggio basta e avanza. Spendi 3 euro, ti guardi il film e stop. Il film ti e' piaciuto particolarmente ? Allora vai in negozio e lo compri, con la sua bella custodia, il libricini, i contenuti speciali, i commenti, le lingue aggiuntive, ma soprattutto il film originale, con un audio e video decenti senza risatine in sottofondo e sgranocchiate di poc-corn. Cazzarola, mi sembra cosi' semplice ! non occorre essere figli di papa', basta avere buon senso e possedere (nel senso di *comprare*) solo quello che ci piace, non TUTTO quello che ci passa per la testa.C'e' una smania di possedere a tutti i costi in giro pazzesca, siamo cosi' succubi dei bisogni indotti che facciamo a gara a chi si arrampica sugli specchi piu' velocemente, pur di giustificare il possesso illecito. Con questo comunque non voglio giustificare il comportamento delle major: sappiamo tutti che sono assetate di soldi. purtroppo hanno il coltello dalla parte del manico e non si stancheranno di usarlo finche' non CI avranno messo tutti in riga. Quello che possiamo legalmente fare e': non comprare !O meglio, fare acquisti il piu' possibile mirati e usare il noleggio. Giggi
          • Collimate scrive:
            Re: Mi sembra equo
            noleggio?!?!?! magari ci fosse al mio paese!ma prima di parlare, non potresti pensare che non tutti vivono in un centro importante?ti faccio presente che l'adsl e' arrivata solo a marzo!
          • castigo scrive:
            Re: Mi sembra equo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: ryoga

            Potrebbe essere quella la ragione, ma è senza

            dubbio sbagliata.

            Chi scarica, condivide, chi condivide, non

            distribuisce TUTTO il file ( zip, avi, mp3... ),

            ma solo una parte di esso ( dallo 0.01% al 99.9%

            ) ad un solo utente ( a meno che questi non sia

            il primo o il solo ad avere in condivisione tale

            file ).

            sì va be'
            ma lo volete capire che se volete fruire di un
            film come di qualsiasi altro bene che ha un
            valore commerciale dovete pagare?perchè??se il tuo amico te lo presta tu che fai, rifiuti e vai a comprarlo??HAHAHAHAHAHAAAAAA....... scusa se ti rido in faccia ma proprio non posso farne a meno....
            se non volete sborsare alcun euro, lasciate
            perdere i film (che sono per la maggior parte
            mediocri).questo è vero, infatti al cine si va ormai un paio di volte all'anno, solo per quel che merita di essere visto.

            Ed in questo caso, dire che io ho distribuito

            "illegalmente" un film, è talmente falso, che

            potrei denunciare per calunnie e richiedere

            risarcimenti danni ( in uno stato di diritto, in

            uno stato equo ed in uno stato "legale" ), in

            quanto al massimo ho inviato porzioni di byte
            che

            da sole, non possono in alcun modo, fare

            alcunche' ( ne farti vedere 1 fotogramma, ne

            farti vedere 1 sequenza - a meno di programmi

            particolari che a questo punto potrebbero

            mostrarti anche risultati tutt'altro che
            corretti

            - ).

            ragionando così puoi anche condividere 50 delle
            1000 pagine di un manuale, infischiandotene del
            lavoro svolto dall'autore. bravo. bravo.
            ehi! il lavoro va pagato. VA PAGATO.
            VA PA-GA-TO. mettitelo nella zucca.LOL.... ritorniamo a prima.... tu libri in prestito mai vero??

            Quindi, per concludere, posso dire che la

            condivisione di un file non puo' e non deve

            essere illegale.

            ecco la conclusione dell'arringa
            dell'azzeccagarbugli.
            devi aver studiato in una law school
            prestigiosissima.non ci vuole una law school per capire che la condivisione e il prestito non devono essere perseguiti....


            ( quella come la intendiamo

            noi....quella che quando scarichi, condividi ),

            in quanto se provi a scaricare una canzone ad

            esempio, inizi da 1 fonte, per poi passare a 2 (

            ed ecco quindi che nessuno dei 2 puo' + essere

            accusato di aver distribuito il file, in quanto

            nessuno dei 2 ti ha passato il file, ma una

            porzione di file - leggi sequenza di bit - che

            non ti da la possibilità di vedere alcunche'. )



            Dato che le major hanno inculcato nella testa
            dei

            giudici che pure 1 byte equivale a mostrare 1

            video, ecco che ora siamo nella "cacca".

            già. già. poveri noi. siamo nella cacca perché se
            ci procuriamo musica e film gratis rischiamo una
            multa.
            dovete proprio crescere. incazzatevi per la
            disoccupazione, i mille malcostumi del paese e i
            problemi seri, non per queste cose.intanto noi cominciamo ad incazzarci per questo, che mi pare già abbastanza grave, visto che ha portato alla cancellazione in sede europea del prestito gratuito da parte delle biblioteche.....ricorda che gli inglesi hanno un detto: piano piano prendi la scimmia......


            Spero in un ritorno alla ragione, ma sono sicuro

            che e' impossibile, perche' quei 100.000 dollari

            che il giovane sarà costretto a pagare, andranno

            nelle tasche di 2-3 giudici federali che

            stabiliranno definitivamente che condividere 1

            file = 100.000$ di multa.

            Cosi i primi 100.000$ andranno ai 2-3 giudici,

            mentre tutti gli altri, andranno alle major che

            incasseranno cosi miliardi.

            ( Tutto Business )

            torna tu alla ragione. come fai a essere sicuro
            che i giudici intascheranno i soldi della multa?LOL... alla law school non ti hanno parlato di spese di giudizio??ma dev'essere la stessa scuola di previti, nella quale le bustarelle ai giudici non sono considerate reato.....


            Scusate se non sono stato chiarissimo, ma credo

            che il concetto s'e' capito.

            Saluti

            sei stato chiarissimo e il concetto si è capito:
            pretendi di avere gratis musica e filmno, pretende di poterli prendere a prestito o poterli condividere con i suoi amici e/o conoscenti, non di farne mercato come i pirati veri, che sono poi i mafiiosi che mandano il senegalese a vendere il cd per strada.la verità è che con la diffusione di banda larga ed informatizzazione nelle famiglie, il p2p cominciava ad "erodere quote di mercato" ai cd/dvd pirata.....ciao nè, e smettila di farti mettere le mani in tasca dalle major anche per i motivi più spregevoli.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra equo

            ehi! il lavoro va pagato. VA PAGATO.
            VA PA-GA-TO. mettitelo nella zucca.
            Ok ok ce lo siamo messo nella zucca.Scusa, ma il lavoro quante volte va pagato ? Che so, quello del tuo dentista, per esempio. Oppure quello del carrozziere. Ai sistemisti, quante volte ?Osso di Seppia
          • castigo scrive:
            Re: Mi sembra equo
            - Scritto da: Anonimo


            ehi! il lavoro va pagato. VA PAGATO.

            VA PA-GA-TO. mettitelo nella zucca.




            Ok ok ce lo siamo messo nella zucca.

            Scusa, ma il lavoro quante volte va pagato ?
            Che so, quello del tuo dentista, per esempio. LOLLL... si meriterebbe glie lo facesse pagare OGNI VOLTA che mastica qualcosa (rotfl)forse è la volta che la capisce, anche se ho i miei dubbi.....
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra equo
            Infatti io credo che il tuo ragionamento sia tecnico mentre i giudici appliano probabilmente un ragionamento piu' astratto. In pratica che tu abbia il file a disposizione viene considerato di per se reato aldila' del fatto che poi un eventuale utente connesso realmente ne prenda da te solo una parte o il tutto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi sembra equo
        - Scritto da: Anonimo


        Quindi, supponendo che chi ha installato i cd

        sony con rootkit abbia ricevuto diciamo una

        sessantina di dollari di danno nella chiamata al

        tecnico che ha rimosso il rootkit, o ancora

        peggio se si è beccato qualche virus, ognuno

        delle migliaia di possessori di cd sony può

        richiedere 300.000 dollari di danno alla sony?

        Credo di sì, mi sembra altrettanto equo.

        Certo, sarebbe decisamente equo, se solo tu
        possedessi la "potenza di fuoco giuridica"
        necessaria all'equicita` della legge che, per
        circonciso, e` uguale per tutti.Ehm... giusto... solo che la circoncisione la proporrei per i dirigenti Sony...
        • Collimate scrive:
          Re: Mi sembra equo
          Non se sotto periodo di Hannukkah si possano eseguire dei Bris Milah....Spero sia stato un refuso. sic.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi sembra equo


          Certo, sarebbe decisamente equo, se solo tu

          possedessi la "potenza di fuoco giuridica"

          necessaria all'equicita` della legge che, per

          circonciso, e` uguale per tutti.

          Ehm... giusto... solo che la circoncisione la
          proporrei per i dirigenti Sony...Se la legge fosse veramente "equicia", la circoncisione ci starebbe a pennello :)
    • Akiro scrive:
      Re: Mi sembra equo
      infatti, ma forse la legge non è uguale per tutti...forse.
      • Arkymede scrive:
        Re: Mi sembra equo
        - Scritto da: Akiro
        infatti, ma forse la legge non è uguale per
        tutti...
        forse.Esatto!!! Per alcuni è più "uguale"......specialmente per chi ha i soldi e la potenza di renderla "uguale"...
  • Anonimo scrive:
    Conti in tasca...
    Un film americano costa in media qualche decina di milioni di dollari, se va male al botteghino bastano poche centinaia di sfigati come questo Russell Lee per intascare almeno i soldi spesi per la produzione.Ma la "vittima" di un reato può fare le cifre che vuole? Se mi rubano il panino della pausa pranzo posso chiedere un Cayenne?
    • Anonimo scrive:
      Re: Conti in tasca...
      - Scritto da: Anonimo
      Un film americano costa in media qualche decina
      di milioni di dollari, se va male al botteghino
      bastano poche centinaia di sfigati come questo
      Russell Lee per intascare almeno i soldi spesi
      per la produzione.

      Ma la "vittima" di un reato può fare le cifre che
      vuole? Se mi rubano il panino della pausa pranzo
      posso chiedere un Cayenne?Si, ma ti serve l'avvocato giusto :p
      • Rex1997 scrive:
        Re: Conti in tasca...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Un film americano costa in media qualche decina

        di milioni di dollari, se va male al botteghino

        bastano poche centinaia di sfigati come questo

        Russell Lee per intascare almeno i soldi spesi

        per la produzione.



        Ma la "vittima" di un reato può fare le cifre
        che

        vuole? Se mi rubano il panino della pausa pranzo

        posso chiedere un Cayenne?

        Si, ma ti serve l'avvocato giusto :pBasta dire all'avvocato di chiederne due in risarcimento, in modo da dividere equamente... :D :D
  • Anonimo scrive:
    E vai con l'alibi del wireless
    Si apre una nuova era, dopo "l'ip dinamico" o "sono dietro un proxy", o "non ero alla mia postazione di lavoro".
    • Anonimo scrive:
      Re: E vai con l'alibi del wireless
      Aggiungerei anche "gestisco un proxy". Ricordarsi però di avere davvero un proxy installato sul proprio PC.
  • Anonimo scrive:
    Ho appena spento il wireless
    c'ho paura
    • sathia scrive:
      Re: Ho appena spento il wireless
      - Scritto da: Anonimo
      c'ho paurafinisco il film e lo spengo anch'io
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho appena spento il wireless
        - Scritto da: sathia
        finisco il film e lo spengo anch'io10 e lode ! STRALOL!
        • Anonimo scrive:
          Re: Ho appena spento il wireless
          io lo lascio acceso!!! da casa mia si "captano" 3 reti wi-fi. La mia ed un'altra sempre disponibili (ma protette) ed un'altra saltuariamente (l'ho trovata 5-6 volte).noi scherziamo, ma secondo me tra un po' di tempo, nelle città ci saranno un bel po' di reti wi-fi disponibili nelle vicinanze!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ho appena spento il wireless
            - Scritto da: Anonimo
            io lo lascio acceso!!! da casa mia si "captano" 3
            reti wi-fi. La mia ed un'altra sempre disponibili
            (ma protette) ed un'altra saltuariamente (l'ho
            trovata 5-6 volte).

            noi scherziamo, ma secondo me tra un po' di
            tempo, nelle città ci saranno un bel po' di reti
            wi-fi disponibili nelle vicinanze!già e nel 90% dei casi protetti, con una chiave wep facilmente determinabile
          • Anonimo scrive:
            Re: Ho appena spento il wireless
            Non va messa la chiave, e' quello il trucco.In caso di problemi mostrare che la connessione poteva essere sfruttata da chiunque permette di scaricare parecchie responsabilita', anzi, direi che sarebbe conveniente l'nstallazione di una rete wireless anche se inutilizzata solo per questo scopo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ho appena spento il wireless
            - Scritto da: Anonimo

            Non va messa la chiave, e' quello il trucco.
            In caso di problemi mostrare che la connessione
            poteva essere sfruttata da chiunque permette di
            scaricare parecchie responsabilita', anzi, direi
            che sarebbe conveniente l'nstallazione di una
            rete wireless anche se inutilizzata solo per
            questo scopo.Ci faccio un pensierino :D
        • Bruco scrive:
          Re: Ho appena spento il wireless
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: sathia


          finisco il film e lo spengo anch'io

          10 e lode !

          STRALOL!Quoto. :-) Peccato che abbia scritto da registrato... :-)
  • Anonimo scrive:
    Al massimo avrà 1 dollaro
    Si mettano il cuore in pace.
Chiudi i commenti