Di meme, santuari e restauri del copyright

Madre del famoso meme Ecce Homo, l'anziana Cecilia Giménez ha chiesto le royalty per lo sfruttamento del Cristo trasformato in scimpanzé. Nel mirino, il Santuario che lo mostra a pagamento

Roma – Uno dei meme più famosi ed apprezzati degli ultimi tempi digitali, involontariamente realizzato dall’anziana Cecilia Giménez. Ecce Homo , la bizzarra trasformazione di un Cristo affrescato in una sorta di scimmia dalla folta capigliatura, è diventato meta di pellegrinaggio pagano al Santuario della Misericordia a Borja, nella provincia spagnola di Saragozza .

Migliaia di fedeli del meme hanno invaso la chiesa gestita dalla Fundación Hospital Santi Spiritus, per vedere dal vivo il curioso restauro apportato da Cecilia Giménez all’opera dell’artista murale Elías García Martínez. Un problema per la stessa fondazione iberica, tra orde di visitatori e donazioni scarsissime.

Dall’estate di quest’anno, l’ingresso al Santuario della Misericordia è diventato a pagamento, fruttando alla fondazione una cifra vicina ai 2mila euro in appena 4 giorni di visite . I proventi ottenuti hanno però scatenato l’ira legale dell’anziana restauratrice.

Con il suo avvocato, Cecilia Giménez ha chiesto alla fondazione spagnola le royalty per lo sfruttamento di un’opera protetta dal copyright, trattandosi di un restauro a secoli di distanza dal dipinto originale. Gli utenti del web sono più fortunati del Santuario della Misericordia: l’anziana non ha chiesto risarcimenti per la massiva condivisione online di Ecce Homo .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Jecks scrive:
    Ma chi se ne frega!
    Tanto le filippine tutte sono per la maggior partw dei cessi ambulanti e quelle gnocce sono trans!
  • Ana Trollo scrive:
    Ma perche'...
    Perche', mi chiedo perche' se si parla di patata tutti intervengono e se invece si parla di altro nessuno si fa sentire?Kilometri e chilometri di post perche' le filippine non faranno vedere piu' la patata online per legge, mentre se si parla di USA e copyright non c'e' nemmeno un post...
    • metro scrive:
      Re: Ma perche'...
      - Scritto da: Ana Trollo
      Perche', mi chiedo perche' se si parla di patata
      tutti intervengono e se invece si parla di altro
      nessuno si fa
      sentire?
      Kilometri e chilometri di post perche' le
      filippine non faranno vedere piu' la patata
      online per legge, mentre se si parla di USA e
      copyright non c'e' nemmeno un
      post...Perchè la patata tira? :$
    • panda rossa scrive:
      Re: Ma perche'...
      - Scritto da: Ana Trollo
      Perche', mi chiedo perche' se si parla di patata
      tutti intervengono e se invece si parla di altro
      nessuno si fa
      sentire?
      Kilometri e chilometri di post perche' le
      filippine non faranno vedere piu' la patata
      online per legge, mentre se si parla di USA e
      copyright non c'e' nemmeno un
      post...Questo articolo e' di due giorni fa.L'articolo del copyright e' di poche ore fa.I conti dei commenti falli lunedi mattina.
      • Ana Trollo scrive:
        Re: Ma perche'...
        - Scritto da: panda rossa
        I conti dei commenti falli lunedi mattina.Devo lavorare, non ho tempo per le XXXXXXXte...
        • panda rossa scrive:
          Re: Ma perche'...
          - Scritto da: Ana Trollo
          - Scritto da: panda rossa

          I conti dei commenti falli lunedi mattina.

          Devo lavorare, non ho tempo per le XXXXXXXte...E allora perche' vieni sul forum di PI?Qui scrivono solo i disoccupati come i videotecari, o i sistemisti, che c'e' il computer che lavora al posto loro, o gli applefan, che sono ricchi e non hanno bisogno di lavorare.
          • Ana Trollo scrive:
            Re: Ma perche'...
            - Scritto da: panda rossa
            E allora perche' vieni sul forum di PI?
            Qui scrivono solo i disoccupati come i
            videotecari, o i sistemisti, che c'e' il computer
            che lavora al posto loro, o gli applefan, che
            sono ricchi e non hanno bisogno di
            lavorare.E tu allora che ci vieni a fare sul forum di PI? Non mi risulta tu sia un sistemista Apple che gestisce una videoteca dove ha un computer che fa il tifo per il Mac e un applefan che lavora per lui...
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Ma perche'...
      contenuto non disponibile
  • capitan Farlock scrive:
    sono rovinato !!
    io praticamente vivo su cam 4 e sto sempre a vedere le tizie in cam..se me le tolgono che faccio?
  • eheheh scrive:
    Fatti non pugnette
    Fatti non pugnette :-)
  • Tony scrive:
    ma che bella società!
    Ecco Franky con il manifesto delle prostitute. (rotfl)A quando il manifesto di pedofili, trans, bisex trisex quadrisex, zoofili, incestuosi ecc.?A Milano hanno fatto il registro delle copie di fatto. Tra poco arriverà il matrimonio tra gay e lesbiche.A quando il matrimonio tra un uomo ed un cane? Sicuramente si arriverà anche a questo prima o poi. Oramai siamo arrivati a grattare il fondo del barile!
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: ma che bella società!
      contenuto non disponibile
    • Fetente scrive:
      Re: ma che bella società!
      Qualsiasi cosa faccia andare la bile di traverso agli integralisti, a me va benissimo.Che ognuno sia felice a modo suo, senza che lugubri personaggi vestiti di nero osino imporre uno stile di vita solo perchè hanno letto in qualche libro obsoleto che è l'unico giusto.
    • il solito bene informato scrive:
      Re: ma che bella società!
      - Scritto da: Tony
      Ecco Franky con il manifesto delle prostitute.
      (rotfl)

      A quando il manifesto di pedofili, trans, bisex
      trisex quadrisex, zoofili, incestuosi
      ecc.?

      A Milano hanno fatto il registro delle copie di
      fatto. Tra poco arriverà il matrimonio tra gay e
      lesbiche.e che ci sarebbe di male?
      A quando il matrimonio tra un uomo ed un cane?
      Sicuramente si arriverà anche a questo prima o
      poi."... e nazisti emergeranno dalla terra e domineranno il mondo a cavallo di T-Rex."Mi pare sia scritto da qualche parte, nella bibbia.
      • Paolo T. scrive:
        Re: ma che bella società!
        - Scritto da: il solito bene informato

        "... e nazisti emergeranno dalla terra e
        domineranno il mondo a cavallo di
        T-Rex."
        Mi pare sia scritto da qualche parte, nella
        bibbia.Sei blasfemo. Fai così con i musulmani e vedi cosa ti succede!
    • metro scrive:
      Re: ma che bella società!
      - Scritto da: Tony
      Oramai siamo arrivati a grattare il fondo del
      barile!SEI arrivato tu a grattare il fondo :D
    • ninjaverde scrive:
      Re: ma che bella società!
      - Scritto da: Tony
      Ecco Franky con il manifesto delle prostitute.
      (rotfl)

      A quando il manifesto di pedofili, trans, bisex
      trisex quadrisex, zoofili, incestuosi
      ecc.?

      A Milano hanno fatto il registro delle copie di
      fatto. Tra poco arriverà il matrimonio tra gay e
      lesbiche.
      A quando il matrimonio tra un uomo ed un cane?
      Sicuramente si arriverà anche a questo prima o
      poi.


      Oramai siamo arrivati a grattare il fondo del
      barile!non so se è uno scherzo o se è vero, ma pare che in Iran ci sia stato un matrimonio tra un uomo e la sua capra. Questo è stato un matrimonio imposto poichè il tizio aveva già rapporti con la capretta.Al matrimonio la sposa è stata intervistata. Ecco un estratto della sua dichiarazione:"Bee, Bè, Beee,e Bè Bè Beeeeeee!" :p
    • Funz scrive:
      Re: ma che bella società!
      - Scritto da: Tony
      Ecco Franky con il manifesto delle prostitute.
      (rotfl)

      A quando il manifesto di pedofili, trans, bisex
      trisex quadrisex, zoofili, incestuosi
      ecc.?straw man, non sequitur. La tua argomentazione è fallace.
      A Milano hanno fatto il registro delle copie di
      fatto. Tra poco arriverà il matrimonio tra gay e
      lesbiche.e perché no?perchè una persona dovrebbe avere meno diritti di un'altra, solo per il suo diverso orientamento sessuale?E se qualcuno decidesse che gli etero non si possono più sposare, non sarebbe inaccettabile per te?
      A quando il matrimonio tra un uomo ed un cane?
      Sicuramente si arriverà anche a questo prima o
      poi. idem come sopra.
      Oramai siamo arrivati a grattare il fondo del
      barile!si, voi con le vostre argomentazioni fallaci e il vostro moralismo discriminatorio. Siete sorpassati.
  • Franky scrive:
    Liberta' digitali e sessuali...
    Dato che si sempre sempre di piu' parlare della tutela delle persone dal sesso... visto come un male...come qualcosa di innaturale, di denigrazione..... spesso causa della schiavitu' di intere flotte di donne secondo quanto dicono religiosi,bigotti e i tg... ora andremo in questo post a vedere cosa ne pensano quelle che secondo i bigotti sono le "schiave del sesso"...ora le cosiddette "schiave del sesso" non amano definirsi cosi' bensi' semplicemente "sex workers"....---------------------------------------------------- Il presente Manifesto e stato elaborato e approvatoda 120 sex workers di 26 paesi allaConferenza Europea su Sex Work, Diritti Umani, Lavoro e Migrazione15-17 ottobre 2005,Bruxelles, BelgioFor more information go to www.sexworkeurope.org or email info@sexworkeurope.org------------------------------------------------------------"OLTRE LA TOLLERANZA E LA COMPASSIONEPER IL RICONOSCIMENTO DEI DIRITTIViviamo in una società in cui i servizi si comprano e si vendono. Il sex work è uno di questi servizi.La fornitura dei servizi sessuali non dovrebbe essere criminalizzata.Discriminare i/le sex workers per la moralità religiosa o sessuale è inaccettabile. Tutti hanno ildiritto di avere la propria moralità religiosa e sessuale, ed essa non deve venire imposta ad alcunindividuo né determinare alcuna decisione politica.Vorremmo vedere una società nella quale ai/alle sex workers non vengano negati i diritti sociali.Condanniamo lipocrisia delle nostre società nelle quali i nostri servizi vengono utilizzati ma lanostra professione e i nostri affari sono costretti allillegalità. Questa legislazione ha comeconseguenza labuso e la mancanza di autodeterminazione.Ci opponiamo alla criminalizzazione dei/delle sex workers, dei/delle loro compagni/e, dei clienti, deigestori e di chiunque altro lavori nel sex work. Una simile criminalizzazione priva i/le sex workers diunequa tutela legale.La migrazione riveste un ruolo importante nel soddisfare le richieste del mercato del lavoro.Chiediamo ai nostri governi di riconoscere ed applicare i fondamentali diritti umani, civili e dellavoro per i/le migranti.[...]"Il diritto di associarsi e di radunarsiSosteniamo il nostro diritto di costituire e di iscriverci ad associazioni professionali e a sindacati.Rivendichiamo il nostro diritto di manifestare pubblicamente.Chiediamo il diritto di creare società commerciali, sia formali che informali, e di partecipare aprogetti sociali."[...]"Il lavoro forzato e le pratiche assimilabili alla schiavitù possono verificarsi in molti mestieri; maladdove le attività sono legali e il lavoro riconosciuto, le possibilità di denunciare e fermare leviolazioni dei diritti e impedire gli abusi sono notevolmente maggiori."[...]"Gli abusi nel sex workLabuso esiste nel sex work ma non definisce il sex work.Qualunque definizione del sex work come violenza rivela unimpostazione semplicistica che nega lanostra diversità ed esperienza e ci riduce a vittime indifese. Ciò mina la nostra autonomia e ildiritto allautodeterminazione.La legislazione restrittiva contribuisce alla discriminazione, alla stigmatizzazione e allabusodei/delle sex workers.Chiediamo ai nostri governi di depenalizzare il sex work e di porre fine alla legislazione che cidiscrimina e ci stigmatizza. Asseriamo il diritto di denunciare gli abusi contro di noi senza rischiareun procedimento penale.Il riconoscimento dei diritti per i/le sex workers consentirebbe loro di denunciare le violazioni deiloro diritti umani"[..]"Abuso dei/delle minori nel sex workE fondamentale che listruzione fornisca ai/alle ragazzi/e strumenti tali da garantire lorounautonomia sessuale. Chiediamo che ai/alle ragazzi/e siano forniti aiuti, servizi e quantaltro perdare loro una vera possibilità di scelta.I/le minori dovrebbero avere voce in capitolo nella legislazione e nelle politiche che li/leconcernono."[...]Essere un/una sex workerLa società impone una identità e un ruolo sociale ai/alle sex workers che va oltre ilriconoscimento che utilizziamo i nostri corpi e le nostre intelligenze come una risorsa economicaindividuale per guadagnare dei soldi.Lidentità e il ruolo sociale che ci vengono imposti ci definiscono come intrinsecamenteindegni/e e come minaccia allordine morale, pubblico e sociale; etichettandoci come peccatrici epeccatori, criminali o vittime; questo marchio di infamia ci separa dai/dalle buoni/e e decorosi/ecittadini/e e dal resto della società.Questo marchio di infamia porta la gente a considerarci unicamente come puttani/e in modonegativo e stereotipato il resto delle nostre vite e le diversità fra di noi diventano invisibili."[...]Questo ci nega un posto nella società. Per proteggersi ed assicurarsi un posto nella società lamaggior parte dei/delle sex workers tengono nascosto il loro coinvolgimento nel sex work; molti/einteriorizzano la stigmatizzazione sociale di vergogna e di indegnità e vivono nella paura di esserescoperti/e e di conseguenza accettano gli abusi che vengono loro inflitti. Lesclusione socialecausata dalla stigmatizzazione dei/delle sex workers porta allimpossibilità di acXXXXX alla sanitàpubblica, agli alloggi, alle possibilità di un lavoro alternativo, allisolamento e alla separazione daifigli.La coscienza sociale impone una gerarchia morale allinterno dellindustria del sesso basata sullostatus di migrante, sulla razza, sullorigine etnica, sul genere, sulletà, sulla sessualità, sulluso didroghe, sul settore lavorativo e sui servizi forniti aumentando la stigmatizzazione e lesclusionesociale di certi gruppi di sex workers. Tra gli/le stessi/e sex workers ci sono quelli/e checoncordano con queste concezioni.Affermiamo che tutti/e i/le sex workers e tutte le forme di sex work sono ugualmente degni epreziosi e condanniamo questo tipo di classificazioni morali preconcette.Riconosciamo in questo marchio dinfamia il tratto comune che lega tutti/e noi in quanto sexworkers e ci costituisce in una comunità di interessi malgrado limmensa diversità nelle nostrerealtà lavorative e nelle nostre vite. Ci siamo riuniti/e per affrontare e sfidare questastigmatizzazione e le ingiustizie cui essa conduce.Affermiamo che il sex work è unattività sesso-economica e non ha nulla a che fare con le nostreidentità, il nostro valore e la nostra interazione sociale."[...]"Cittadinanza attivaI/le sex workers non devono essere percepiti/e unicamente come vittime da assistere, criminali daarrestare o bersagli degli interventi sanitari. Facciamo parte della società, abbiamo bisogni,aspirazioni e le potenzialità per apportare un valido e reale contributo alle nostre comunità.Chiediamo che gli attuali meccanismi di rappresentanza e di consultazione si aprano ai/alle sexworkers."[..](*** continua...****)
  • silvan scrive:
    Tendenze retrograde.
    Purtroppo sono anche tendenze del mondo mussulmano, e bene ha fatto la Francia a ribadire il diritto di libertà di stampa.
    • Franky scrive:
      Re: Tendenze retrograde.
      - Scritto da: silvan
      Purtroppo sono anche tendenze del mondo
      mussulmano, e bene ha fatto la Francia a ribadire
      il diritto di libertà di
      stampa.darla vinta ai bigotti vuol dire ritornare al medioevo. Devono imparare che devono rispettare la liberta' e gli stili di vita altrui e bisogna che i laici ricordino ai politici che esistono anche laici e non credenti e che il nostro diritto di espressione deve essere rispettato...non possono fare leggi ad hoc per i credenti o torneremo presto al reato di adulterio, al delitto d'onore, alle lapidazioni delle adultere e magari pure al rogo delle streghe... o anche peggio a secondo mitologia del momento...
  • prova123 scrive:
    è normale...
    per una delle regine del turismo sessuale. Per le filippine il sesso è una grande fonte di ricchezza, il sesso online è una fonte di pip*e a costo zero ed è questo il motivo della crociata contro il sesso online, altrochè moralismo.
  • W.O.P.R. scrive:
    crimini dell'oscenità a mezzo computer.
    Sarebbero crimini?Repressione e censura ingiustificata ecco cos'è.Se una vuole mostrarsi a mezzo webcam per denaro e non è sfruttata da nessuno non vedo dove sia il crimine.Allora anche i siti che offrono servizi di webcam erotiche e danno alle ragazze una percentuale sui guadagni possono essere benissimo equiparati a papponi.
    • dll scrive:
      Re: crimini dell'oscenità a mezzo computer.
      - Scritto da: W.O.P.R.

      Allora anche i siti che offrono servizi di webcam
      erotiche e danno alle ragazze una percentuale sui
      guadagni possono essere benissimo equiparati a
      papponi.Lo sono.
      • Sgabbio scrive:
        Re: crimini dell'oscenità a mezzo computer.
        - Scritto da: dll
        - Scritto da: W.O.P.R.




        Allora anche i siti che offrono servizi di
        webcam

        erotiche e danno alle ragazze una percentuale
        sui

        guadagni possono essere benissimo equiparati a

        papponi.

        Lo sono.Ma anche no.
    • Franky scrive:
      Re: crimini dell'oscenità a mezzo computer.
      - Scritto da: W.O.P.R.
      Sarebbero crimini?

      Repressione e censura ingiustificata ecco cos'è.
      Se una vuole mostrarsi a mezzo webcam per denaro
      e non è sfruttata da nessuno non vedo dove sia il
      crimine.
      Infatti... si parla di censura e di bigottismo... ed in ogni caso tutte le volte che ci sono leggi che ipotizzano dei reati o che si ispirano a principi religiosi anzicche' ai principi laici universali...finisce sempre allo stesso modo:(1) prostitute arrestate senza aver fatto nulla di male(2) albergatori e padroni di casa arrestati per aver ospitato una prostituta(3) ragazze e ragazzi minorenni arrestati per pedoXXXXXgrafia perche' si scambiavano foto ose' fra loro (4) ragazze maggiorenni arrestate perche' hanno mostrato le tette in pubblico e qualcosaltro... (5) medici accusati di omicidio per aver rispettato la volonta' del paziente terminale che non voleva piu' vivere attaccato ad un respiratore artificiale..(6) ragazze 20enni arrestate (negli USA e/o altrove) per aver fatto sesso con il fidanzatino 17enne...(7) gente dichiarata incapace di intendere e di volere che non puo' avere una relazione sentimentale di nessun genere perche' il proprio partner viene arrestato per abuso e violenza sessuale (perche' non puo' dare il proprio consenso legale al sesso) che e' costretta a rivolgeresi alle associazioni per le liberta' sessuali e chiedere assistenza legale per essere libera di avere una vita sessuale normale... (e questo ci fa capire che evidentemente la persona dichiarata incapace di intedere e volere non e' poi tanto incapace di intendere e volere se arriva a cercarsi una associazione ed un avvocato per far valere i diritti che gli vengono negati!!) Ecco perche' bisogna finirla con il bigottismo...con la criminalizzazione del sesso... e con leggi che ipotizzano reati e vittime che di fatto non esistono!!! se c'e' la vittima e vittima denuncia OK...ma se la vittima si dichiara non vittima ma vittima delle leggi, come la mettiamo?Perche' rovinare la vita a centinaia di persone che non hanno fatto niente con il pretesto di tutelarle(tipo le prostitute e gli adolescenti arrestati...)?
      Allora anche i siti che offrono servizi di webcam
      erotiche e danno alle ragazze una percentuale sui
      guadagni possono essere benissimo equiparati a
      papponi.Attenzione qui a distinguere fra sfruttamento e coercizione... per la legge nel caso della prostituzione sono reati entrambi (ed anche la prostituzione in se' e' reato... leggete la legge Merlin se avete dubbi...e vedrete che la prostituzione non puo' essere praticata ne' al chiuso ne' all'aperto quindi di fatto e' vietata...).Coercizione vuol dire che tu obblighi qualcuno a fare qualcosa contro la sua volonta'... lo sfruttamento e' un discorso piu' subdolo invece...tu lavori per una grossa ditta lavori duramente e prendi meno del manager che non fa niente...questo e' sfruttamento ma nessuno ti costringe...lo "sfruttamento" e' quindi legale in ogni campo eccetto nel caso di lavoro minorile e nel caso che il lavoro in questione sia la prostituzione...anche i membri di una cooperativa di prostitute possono essere arrestate per sfruttamento dove la prostituzione e' vietata...dove invece e' legale si tratta semplicemente di una normale attivita' aziendale...Personalmente il lavorare come insegnante per una scuola privata... e che una persona decida di sua spontanea volonta' di lavorare per una casa di prostituzione...per me dovrebbero essere equivalenti...se non c'e' sfruttamento nel primo caso non c'e' nemmeno nel secondo... forse fare sesso e' un lavoro piu' duro che lavorare in miniera...? e 600 euro a sera sono una misera cifra per un lavoro cosi' duro? Io non credo proprio...quindi casomai bisognerebbe tutelare i minatori dallo sfruttamento non certo chi lavora per 600 euro a sera facendo sesso...!!(poi "tutelare le prostitute" di solito vuol dire metterle in galera...non c'e' da meravigliarsi quindi che non gradiscano tale tutela...e che scrivano in continuazione sui blog inglesi per manifestare questo malessere...)Ma siccome c'e' il bigottismo di mezzo il sesso e' male...e fare un lavoro che comporti il sesso ovviamente e' sXXXXX pericoloso e denigrante... cosi' pensano i bigotti...forse credono che il sesso sia stato inventato dall'omino rosso con la coda e le corna... chissa'...CMQ Coercizione e sfruttamento Non sono sinonimi e non dovrebbero esserlo...nemmeno dal punto di vista legale...
  • Alberto E. scrive:
    senso della morale
    Altro che censura. Nelle Filippine c'è ancora un pò di senso della morale, cosa che da noi in Europa è oramai scomparsa totalmente!
    • BeetleJuice scrive:
      Re: senso della morale
      Di quando in qua deve essere il legislatore a insegnare la morale? Se una fa la zoc**la forse il problema è dell'interessata e, se minorenne, dei suoi genitori, no?
    • lslss scrive:
      Re: senso della morale
      - Scritto da: Alberto E.
      Altro che censura. Nelle Filippine c'è ancora un
      pò di senso della morale, cosa che da noi in
      Europa è oramai scomparsa
      totalmente!ottimo! visto che hai trovato un paese che ti è congeniale, potresti trasferirti li e restarci.
    • Paolo T. scrive:
      Re: senso della morale
      - Scritto da: Alberto E.
      Altro che censura. Nelle Filippine c'è ancora un
      pò di senso della morale, cosa che da noi in
      Europa è oramai scomparsa
      totalmente!Sono d'accordo solo in parte, bisognerebbe vietare la XXXXXgrafia deviata non quella che si potrebbe definire "normale", tra uomini e donne.D'altronde sappiamo quello che gira in rete, cose orrende. :s
      • anon scrive:
        Re: senso della morale
        - Scritto da: Paolo T.
        bisognerebbe vietare la XXXXXgrafia deviata,
        non quella che si potrebbe definire "normale",
        tra uomini e donne.e quella tra "donne e donne" non va bene?Come vedi, bisognerebbe mettersi d'accordo su cosa s'intende per "deviato", ma dubito che si possa raggiungere un consenso unanime a riguardo.Quindi, no. La tua proposta, per quanto buona nelle intenzioni, è da scartare.Voler vietare certi tipi di XXXXX a scapito di altri sarebbe come voler vietare certi generi di film al cinema (l'horror perché considerato troppo violento, per esempio).
        • collione scrive:
          Re: senso della morale
          hai perfettamente ragionead esempio, oggi consideriamo deviata per definizione la pedofilia, eppure nella Roma antica era una pratica comunissima e legalealla fine ci si scontra sempre ( quando si parla di morale ) con le personali credenze e i valori di ognuno di noiil risultato è l'impossibilità di mettersi d'accordoovviamente le possibili soluzioni sono due:1. qualcuno, col pugno di ferro, stabilisce cosa è giusto e cos'è sbagliato2. si lascia ad ognuno la libertà di comportarsi come gli pare, imponendogli però di non violare la libertà altruiinutile dire che la numero 2 ( che è alla base della fondazione degli USA, ma è stata tradita proprio da questo Paese ) è in pauroso declino a favore della numero 1
          • Anselmo scrive:
            Re: senso della morale
            Perchè qualcuno col pugno di ferro dovrebbe stabilire ciò che è giusto e ciò che è sbagliato? La società dovrebbe essere in grado di stabilirlo da sè. Ma sappiamo che non è così.Poi quello che succede negli USA è relativo, l'Europa non è una colonia degli Stati Uniti!
          • lslss scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: collione
            hai perfettamente ragione

            ad esempio, oggi consideriamo deviata per
            definizione la pedofilia, eppure nella Roma
            antica era una pratica comunissima e
            legaleeh? nell'antica Roma, così come in qualsiasi posto e tempo, la pedofilia ha sembre subito feroci condanne; quello a cui ti riferisci è probabilmente la pederastia, che nell'età imperiale e decadente tornò in auge
          • Sgabbio scrive:
            Re: senso della morale
            ehm...ne siamo sicuri ?
          • lslss scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: Sgabbio
            ehm...ne siamo sicuri ?si
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: lslss
            - Scritto da: collione

            hai perfettamente ragione



            ad esempio, oggi consideriamo deviata per

            definizione la pedofilia, eppure nella Roma

            antica era una pratica comunissima e

            legale

            eh? nell'antica Roma, così come in qualsiasi
            posto e tempo, la pedofilia ha sembre subito
            feroci condanne; Balle.In tutte le civilta' in cui era prevista la schiavitu', il padrone era libero di abusare a piacimento dei propri schiavi senza rendere conto a nessuno.Probabilmente le feroci condanne a cui alludi tu si riferiscono a rapporti con individui liberi, senza contare che in epoche in cui le donne si sposavano non appena raggiunta la fertilita', parlare di pedofilia col nostro metro lascia il tempo che trova.
          • lslss scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: lslss

            - Scritto da: collione


            hai perfettamente ragione





            ad esempio, oggi consideriamo deviata
            per


            definizione la pedofilia, eppure nella
            Roma


            antica era una pratica comunissima e


            legale



            eh? nell'antica Roma, così come in qualsiasi

            posto e tempo, la pedofilia ha sembre subito

            feroci condanne;

            Balle.
            In tutte le civilta' in cui era prevista la
            schiavitu', il padrone era libero di abusare a
            piacimento dei propri schiavi senza rendere conto
            a
            nessuno.non dei bambini
            Probabilmente le feroci condanne a cui alludi tu
            si riferiscono a rapporti con individui liberi,
            senza contare che in epoche in cui le donne si
            sposavano non appena raggiunta la fertilita',
            parlare di pedofilia col nostro metro lascia il
            tempo che
            trova.come ho gia detto, ma evidentemente eri troppo stanco per leggere, tu parli impropriamente di pedofilia quando invece dovresti parlare di pederastia (e difatti parli di donne in età fertile).
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: lslss
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: lslss


            - Scritto da: collione



            hai perfettamente ragione







            ad esempio, oggi consideriamo
            deviata

            per



            definizione la pedofilia, eppure
            nella

            Roma



            antica era una pratica comunissima
            e



            legale





            eh? nell'antica Roma, così come in
            qualsiasi


            posto e tempo, la pedofilia ha sembre
            subito


            feroci condanne;



            Balle.

            In tutte le civilta' in cui era prevista la

            schiavitu', il padrone era libero di abusare
            a

            piacimento dei propri schiavi senza rendere
            conto

            a

            nessuno.

            non dei bambiniQuale parte di "senza rendere conto a nessuno" non ti e' chiara?

            Probabilmente le feroci condanne a cui
            alludi
            tu

            si riferiscono a rapporti con individui
            liberi,

            senza contare che in epoche in cui le donne
            si

            sposavano non appena raggiunta la fertilita',

            parlare di pedofilia col nostro metro lascia
            il

            tempo che

            trova.

            come ho gia detto, ma evidentemente eri troppo
            stanco per leggere, tu parli impropriamente di
            pedofilia quando invece dovresti parlare di
            pederastia (e difatti parli di donne in età
            fertile).Scusa se non me ne intendo di queste sfumature.
          • lslss scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: lslss

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: lslss



            - Scritto da: collione




            hai perfettamente ragione









            ad esempio, oggi consideriamo

            deviata


            per




            definizione la pedofilia,
            eppure

            nella


            Roma




            antica era una pratica
            comunissima

            e




            legale







            eh? nell'antica Roma, così come in

            qualsiasi



            posto e tempo, la pedofilia ha
            sembre

            subito



            feroci condanne;





            Balle.


            In tutte le civilta' in cui era
            prevista
            la


            schiavitu', il padrone era libero di
            abusare

            a


            piacimento dei propri schiavi senza
            rendere

            conto


            a


            nessuno.



            non dei bambini

            Quale parte di "senza rendere conto a nessuno"
            non ti e'
            chiara?non è un problema di rendere conto ma culturale; in nessuna società si è mai tollerata la pedofilia perchè è sempre stata culturalmente inaccettabile non perchè ci siano sempre state leggi repressive in tal senso; per questo uno schiavista, pur trovandosi nella posizione di poter abusare di un bambino, difficilmente lo faceva, perchè era un atto condannato ferocemente dalla società.


            Probabilmente le feroci condanne a cui

            alludi

            tu


            si riferiscono a rapporti con individui

            liberi,


            senza contare che in epoche in cui le
            donne

            si


            sposavano non appena raggiunta la
            fertilita',


            parlare di pedofilia col nostro metro
            lascia

            il


            tempo che


            trova.



            come ho gia detto, ma evidentemente eri
            troppo

            stanco per leggere, tu parli impropriamente
            di

            pedofilia quando invece dovresti parlare di

            pederastia (e difatti parli di donne in età

            fertile).

            Scusa se non me ne intendo di queste sfumature.la differenza tra un bambino ed un adolescente non è una sfumatura
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: lslss

            non è un problema di rendere conto ma culturale;
            in nessuna società si è mai tollerata la
            pedofilia perchè è sempre stata culturalmente
            inaccettabile non perchè ci siano sempre state
            leggi repressive in tal senso; per questo uno
            schiavista, pur trovandosi nella posizione di
            poter abusare di un bambino, difficilmente lo
            faceva, perchè era un atto condannato ferocemente
            dalla
            società.Guarda, io so che laddove c'era la schiavitu', il padrone degli schiavi era libero di frustare o anche ammazzare i suoi schiavi. Bambini compresi.Poi, se tu sei cosi' sicuro che lo schiavista, nonostante potesse ammazzarli, non abusasse dei bambini suoi schiavi, la sostanza non cambia.Io credo che chi volesse farlo lo faceva, e magari non andava a raccontarlo in giro.Tu credi che non lo facesse.Foto non ne abbiamo. Ognuno resta con le sue convinzioni.

            Scusa se non me ne intendo di queste
            sfumature.

            la differenza tra un bambino ed un adolescente
            non è una
            sfumaturaIo ho in mano il metro di oggi, e il metro di oggi dice 18 anni.Tutto il resto e' lana caprina.
          • lslss scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: lslss




            non è un problema di rendere conto ma
            culturale;

            in nessuna società si è mai tollerata la

            pedofilia perchè è sempre stata culturalmente

            inaccettabile non perchè ci siano sempre
            state

            leggi repressive in tal senso; per questo uno

            schiavista, pur trovandosi nella posizione di

            poter abusare di un bambino, difficilmente lo

            faceva, perchè era un atto condannato
            ferocemente

            dalla

            società.

            Guarda, io so che laddove c'era la schiavitu', il
            padrone degli schiavi era libero di frustare o
            anche ammazzare i suoi schiavi. Bambini
            compresi.mai affermato il contrario
            Poi, se tu sei cosi' sicuro che lo schiavista,
            nonostante potesse ammazzarli, non abusasse dei
            bambini suoi schiavi, la sostanza non
            cambia.cambia di molto, io ho parlato di pedofilia ferocemente condannata dalla società, ciò non toglie, che allora come oggi esiste una stretta minoranza di individui che, nonostante i rischi (legali o di emarginazione sociale) prova comunque a praticarla; questo a prescindere che la pedofilia possa essere legale o meno (ai tempi dello schiavismo, abusare di un bambino schiavo era legale, ciononostante rimaneva un fenomeno marginale come oggi, perchè legale o meno la pedofilia è sempre stata culturalmente rifiutata, quindi chi se ne macchiava veniva emarginato socialmente, anche se non finiva in prigione)
            Io credo che chi volesse farlo lo faceva, e
            magari non andava a raccontarlo in
            giro.ma questo accade anche oggi con gli abusi in famiglia o abusi da parte del clero nei confronti di chierichetti o bambini che frequentanbo le parrocchie
            Tu credi che non lo facesse.no, io credo fosse un fenomeno marginale esattamente come lo è oggi, perchè indipendentemente dalla legalità della cosa, la pedofilia è sempre stata moralmente condannata, quindi chi se ne macchia viene socialmente emarginato
            Foto non ne abbiamo. Ognuno resta con le sue
            convinzioni.è pacifico, non ho mai preteso di convincerti


            Scusa se non me ne intendo di queste

            sfumature.



            la differenza tra un bambino ed un
            adolescente

            non è una

            sfumatura

            Io ho in mano il metro di oggi, e il metro di
            oggi dice 18
            anni.
            Tutto il resto e' lana caprina.eh? il metro di oggi dice 14 anni (o 16 se il partner sessuale maggiorenne è una figura autoritaria, ad esempio un suo insegnante, nei confronti del partner minorenne); oggi la pederastia (entro certi limiti) è legale, seppur moralmente condannata, quindi di cosa stai parlando?
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: lslss
            no, io credo fosse un fenomeno marginale
            esattamente come lo è oggi, perchè
            indipendentemente dalla legalità della cosa, la
            pedofilia è sempre stata moralmente condannata,
            quindi chi se ne macchia viene socialmente
            emarginatoQuindi stiamo dicendo piu' o meno la stessa cosa, con l'aggiunta che tu sostieni che fosse una pratica moralmente condannata anche in antichita', mentre io di questo aspetto di condanna morale nulla so.


            la differenza tra un bambino ed un

            adolescente


            non è una


            sfumatura



            Io ho in mano il metro di oggi, e il metro di

            oggi dice 18

            anni.

            Tutto il resto e' lana caprina.

            eh? il metro di oggi dice 14 anni (o 16 se il
            partner sessuale maggiorenne è una figura
            autoritaria, ad esempio un suo insegnante, nei
            confronti del partner minorenne);Ok, ma e' sempre un metro di comodo. Convenzionale se preferisci.Da un punto di vista biologico, per alcuni individui puo' essere prima, per altri dopo.Ma dovendo definire un parametro chiaro e facilmente verificabile, si usa quello dell'eta'.Quando fino ad un secolo fa si poteva sposare una dodicenne (e a quanto mi risulta, e' possibile farlo anche oggi da qualche parte nel mondo).
            oggi la
            pederastia (entro certi limiti) è legale, seppur
            moralmente condannata, quindi di cosa stai
            parlando?Io sto parlando del fatto che questa "pederastia" come la chiami tu, non so come definirla.Nelle leggi italiane questo termine non compare.
          • lslss scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa...


            Io ho in mano il metro di oggi, e il
            metro
            di


            oggi dice 18


            anni.


            Tutto il resto e' lana caprina.



            eh? il metro di oggi dice 14 anni (o 16 se il

            partner sessuale maggiorenne è una figura

            autoritaria, ad esempio un suo insegnante,
            nei

            confronti del partner minorenne);

            Ok, ma e' sempre un metro di comodo.
            Convenzionale se
            preferisci.bhe, il diritto (perlomeno, quello romano su cui si basa il nostro), non ammette leggi ad personam, ma leggi generiche valide per tutti, quindi alla loro stesura si cerca di adattarle alla fetta di popolazione statisticamente più rilevante
            Da un punto di vista biologico, per alcuni
            individui puo' essere prima, per altri
            dopo.questo è indubbio
            Ma dovendo definire un parametro chiaro e
            facilmente verificabile, si usa quello
            dell'eta'.si, altri parametri (come la maturità emotiva) sarebbero totalmente soggettivi, quindi poco adatti ad un contesto legale
            Quando fino ad un secolo fa si poteva sposare una
            dodicenne (e a quanto mi risulta, e' possibile
            farlo anche oggi da qualche parte nel
            mondo).assolutamente, come ho detto la pederastia raramente viene condannata legalmente

            oggi la

            pederastia (entro certi limiti) è legale,
            seppur

            moralmente condannata, quindi di cosa stai

            parlando?

            Io sto parlando del fatto che questa "pederastia"
            come la chiami tu, perdonami ma, non la "chiamo io", è la parola italiana che indica una relazione sessuale di un adulto con un adolescente.
            non so come
            definirla.
            Nelle leggi italiane questo termine non compare.è normale che non compaia, visto che in Italia la pederastia non è illegale
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: lslss

            è normale che non compaia, visto che in Italia la
            pederastia non è
            illegaleE allora di che cosa stiamo parlando?
          • lslss scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: lslss




            è normale che non compaia, visto che in
            Italia
            la

            pederastia non è

            illegale

            E allora di che cosa stiamo parlando???? del fatto che nella roma antica ad essere socialmente accettabile era la pederastia e non la pedofilia; di questo ho parlato per diversi post; tu di che pensavi stessi parlando?
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: lslss
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: lslss







            è normale che non compaia, visto che in

            Italia

            la


            pederastia non è


            illegale



            E allora di che cosa stiamo parlando?

            ??? del fatto che nella roma antica ad essere
            socialmente accettabile era la pederastia e non
            la pedofilia; di questo ho parlato per diversi
            post; tu di che pensavi stessi
            parlando?Non ricordo.Non e' che io passi la giornata solo a parlare con te.Ricapitolando: 1) anticamente le leggi non ho idea di che cosa dicessero2) sicuramente ci si poteva sposare anche in eta' molto giovane3) gli schiavi potevano benissimo essere abusati che per loro la legge non conta4) qualunque riferimento a giudizi morali non ha nulla a che vedere con la questione: valutiamo la legge (oggettiva) e non la morale (soggettiva)Lo stesso titolo di questo thread contiene la parola "morale" e quindi e' impliciamente una colossale idiozia.
          • lslss scrive:
            Re: senso della morale
            ma sei un troll?
        • Paolo T. scrive:
          Re: senso della morale
          - Scritto da: anon
          - Scritto da: Paolo T.
          e quella tra "donne e donne" non va bene?
          Come vedi, bisognerebbe mettersi d'accordo su
          cosa s'intende per "deviato", ma dubito che si
          possa raggiungere un consenso unanime a
          riguardo.Quando parlavo di XXXXXgrafia deviata ovviamente intendevo le devianze estreme, tipo pedofilia, rapporti con animali, e altri orrori.
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: Paolo T.
            - Scritto da: anon

            - Scritto da: Paolo T.


            e quella tra "donne e donne" non va bene?

            Come vedi, bisognerebbe mettersi d'accordo su

            cosa s'intende per "deviato", ma dubito che si

            possa raggiungere un consenso unanime a

            riguardo.


            Quando parlavo di XXXXXgrafia deviata ovviamente
            intendevo le devianze estreme, tipo pedofilia,
            rapporti con animali, e altri
            orrori.Quindi perche' non cominciare vietando la caccia?Credo che dal punto di vista del daino, sia meglio uno che lo inchiappetta di uno che lo impallina.
          • metro scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Paolo T.

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: Paolo T.




            e quella tra "donne e donne" non va
            bene?


            Come vedi, bisognerebbe mettersi
            d'accordo
            su


            cosa s'intende per "deviato", ma dubito
            che
            si


            possa raggiungere un consenso unanime a


            riguardo.





            Quando parlavo di XXXXXgrafia deviata
            ovviamente

            intendevo le devianze estreme, tipo
            pedofilia,

            rapporti con animali, e altri

            orrori.

            Quindi perche' non cominciare vietando la caccia?
            Credo che dal punto di vista del daino, sia
            meglio uno che lo inchiappetta di uno che lo
            impallina.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • stelvio scrive:
            Re: senso della morale
            il problema è che per inchiappettare il daino, prima devi sparargli...
          • metro scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: stelvio
            il problema è che per inchiappettare il daino,
            prima devi
            sparargli...puoi provare a travestirti da daina :$
          • mas_160 scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: metro
            - Scritto da: stelvio

            il problema è che per inchiappettare il
            daino,

            prima devi

            sparargli...
            puoi provare a travestirti da daina :$...o da parabrezza :D
          • Paolo T. scrive:
            Re: senso della morale
            Beh, meglio sdrammatizzare... :D
          • Franky scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Paolo T.

            - Scritto da: anon


            - Scritto da: Paolo T.




            e quella tra "donne e donne" non va
            bene?


            Come vedi, bisognerebbe mettersi
            d'accordo
            su


            cosa s'intende per "deviato", ma dubito
            che
            si


            possa raggiungere un consenso unanime a


            riguardo.





            Quando parlavo di XXXXXgrafia deviata
            ovviamente

            intendevo le devianze estreme, tipo
            pedofilia,

            rapporti con animali, e altri

            orrori.

            Quindi perche' non cominciare vietando la caccia?
            Credo che dal punto di vista del daino, sia
            meglio uno che lo inchiappetta di uno che lo
            impallina.Ma il sesso per i bigotti e' peggio delle uccisioni e delle violenze non lo sapevi? Hai mai visto un bigotto indignarsi per la caccia?Hai mai visto un bigotto indignarsi seriamente per violenze e guerre?Per la violazione dei diritti umani? No loro si indignano solo quando vedono la donnina che gli mostra le tette... o due che fanno sesso...quello per loro non e' normale e naturale.. "e' immorale" per loro e' un crimine... ed il resto passa in secondo piano...le fantasie sessuali sono criminali...perfino gli organi genitali devono essere mutilati...vedi circoncisione ed infibulazione...secondo me sono loro ad essere immorali... e deviati...perche' le fantasie sessuali c'e' li abbiamo tutti/e ...ed il sesso orale e' praticato anche dagli animali...cosa che loro ignorano...magari e' una perversione anche quella...per loro e' tutto perversione...per me e' perverso uno che pratica la mutilazione genitale ad un neonato per motivi religiosi sessuofobici...ed uno che si sente offeso da una cosa naturale come un bel corpo nudo femminile...questa gente e' deviata seriamente altro che... se sappiamo cosa e' normale e cosa non lo e'...ed il sesso e' normale...le fantasie...pure..la superstizione no...la sessuofobia no...il fanatismo religioso no... offendersi e trovare innaturale una donna nuda non lo e' nemmeno...quindi per me i deviati sono loro...
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: Franky

            Ma il sesso per i bigotti e' peggio delle
            uccisioni e delle violenze non lo sapevi? Hai mai
            visto un bigotto indignarsi per la
            caccia?
            Hai mai visto un bigotto indignarsi seriamente
            per violenze e
            guerre?
            Per la violazione dei diritti umani? No loro si
            indignano solo quando vedono la donnina che gli
            mostra le tette... o due che fanno sesso...quello
            per loro non e' normale e naturale.. "e'
            immorale" per loro e' un crimine... ed il resto
            passa in secondo
            piano...
            le fantasie sessuali sono criminali...perfino gli
            organi genitali devono essere mutilati...vedi
            circoncisione ed
            infibulazione...Ma questi bigotti come fanno a riprodursi?Se facessero quello che dicono, basterebbe il tempo di una generazione per vederli sparire definitivamente.
            secondo me sono loro ad essere immorali... e
            deviati...perche' le fantasie sessuali c'e' li
            abbiamo tutti/e ...ed il sesso orale e' praticato
            anche dagli animali...cosa che loro
            ignorano...magari e' una perversione anche
            quella...per loro e' tutto
            perversione...Io delle loro opinioni me ne strafrego, anzi, visto che la cosa magari li infastidisce, mi ci gratto (indovina cosa)!
            per me e' perverso uno che pratica la mutilazione
            genitale ad un neonato per motivi religiosi
            sessuofobici...ed uno che si sente offeso da una
            cosa naturale come un bel corpo nudo
            femminile...questa gente e' deviata seriamente
            altro che... se sappiamo cosa e' normale e cosa
            non lo e'...Ma a noi che ci frega di questa gente?Venissero qui sul forum a sostenere le loro paranoie e vedrai come vengono accolti.
            ed il sesso e' normale...le fantasie...pure..la
            superstizione no...la sessuofobia no...il
            fanatismo religioso no... offendersi e trovare
            innaturale una donna nuda non lo e'
            nemmeno...quindi per me i deviati sono
            loro...
      • Sgabbio scrive:
        Re: senso della morale
        luoghi comuni.
      • contenuto razzista o sessista scrive:
        Re: senso della morale
        E magari lo stabilirai tu cosa è deviato e cosa è normale?? Ma poi cosa XXXXX vuol dire normale? Ma fammi il piacere.. La gente come te non dovrebbe esistere.
        • Paolo T. scrive:
          Re: senso della morale
          - Scritto da: contenuto razzista o sessista
          E magari lo stabilirai tu cosa è deviato e cosa è
          normale?? Ma poi cosa XXXXX vuol dire normale? Ma
          fammi il piacere.. La gente come te non dovrebbe
          esistere.La gente come me? Perchè il mio parere ti da tanto fastidio?Forse l'ho capito... ;)
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: Paolo T.
            - Scritto da: contenuto razzista o sessista

            E magari lo stabilirai tu cosa è deviato e cosa
            è

            normale?? Ma poi cosa XXXXX vuol dire normale?
            Ma

            fammi il piacere.. La gente come te non dovrebbe

            esistere.

            La gente come me? Perchè il mio parere ti da
            tanto
            fastidio?
            Forse l'ho capito... ;)Bravo lo hai proprio capito.Il tuo parere da' fastidio perche' tu pretendi di ergerti a moralizzatore, quando non c'e' bisogno di nessuna morale.Se c'e' qualcosa che non ti piace o che ti disgusta, sentiti libero di non guardare, ma non permetterti di dire agli altri quello che possono o non possono fare in casa loro.
          • Paolo T. scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa
            Bravo lo hai proprio capito.
            Il tuo parere da' fastidio perche' tu pretendi di
            ergerti a moralizzatore,Io non mi ergo a moralizzatore, esprimo la mia opinione anche se capisco che non è politically correct.
            quando non c'e' bisogno
            di nessuna
            morale.Questa invece è una tua opinione, che non condivido e non ho problemi a scriverlo.
            Se c'è qualcosa che non ti piace o che ti
            disgusta, sentiti libero di non guardare, ma non
            permetterti di dire agli altri quello che possono
            o non possono fare in casa
            loro.Che vuol dire non permetterti? Cosa sono questi toni?Io esprimo la mia opinione quando e come voglio senza chiedere il tuo parere caro signor panda!
          • Franky scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: Paolo T.

            Che vuol dire non permetterti? Cosa sono questi
            toni?Sono i toni di chi non accetta la dittatura teocratica bigotta...
            Io esprimo la mia opinione quando e come voglio
            senza chiedere il tuo parere caro signor
            panda!Esprimi quello che ti pare ma se attacchi la nostra liberta' non ti aspettare che non diciamo niente... ci siamo scocciati di vedere gente in galera perche' voi siete malati di superstizione e sessuofobia...volete credere all'uomo-orso-maiale? Rimanera casti fino a 80 anni... ? fate pure... a noi non importa...ma non provate ad imporre le vostre manie ai non credenti...dovete rispettare il nostro diritto a vivere come ci pare come noi rispettiamo il vostro diritto a vivere come vi pare...Chiaro il messaggio? Ci siamo scocciati delle dittature...in generale ed in particolare di quelle teocratiche...
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: Paolo T.
            - Scritto da: panda rossa


            Bravo lo hai proprio capito.

            Il tuo parere da' fastidio perche' tu pretendi
            di

            ergerti a moralizzatore,

            Io non mi ergo a moralizzatore, esprimo la mia
            opinione anche se capisco che non è politically
            correct.E pure io esprimo la mia opinione sulla tua opinione.

            quando non c'e' bisogno

            di nessuna

            morale.

            Questa invece è una tua opinione, che non
            condivido e non ho problemi a
            scriverlo.E scrivilo. Hai ben 7000 caratteri per farlo, e farai sganasciare tanta gente.

            Se c'è qualcosa che non ti piace o che ti

            disgusta, sentiti libero di non guardare, ma non

            permetterti di dire agli altri quello che
            possono

            o non possono fare in casa

            loro.

            Che vuol dire non permetterti? Cosa sono questi
            toni?Sono i toni che si merita chi pretende di dare lezioni senza averne alcuna competenza.
            Io esprimo la mia opinione quando e come voglio
            senza chiedere il tuo parere caro signor
            panda!E quindi abituati a trovare le risposte che la tua opinione merita, caro signor Paolo T.
          • Paolo T. scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa

            E scrivilo. Hai ben 7000 caratteri per farlo, e
            farai sganasciare tanta
            gente.Tanti pervertiti vorrai dire!

            Sono i toni che si merita chi pretende di dare
            lezioni senza averne alcuna
            competenza.E tu che competenze hai?

            E quindi abituati a trovare le risposte che la
            tua opinione merita, caro signor Paolo
            T.Bene, non sono uno che si impaurisce facilmente, figurarsi in un forum... (rotfl)Certo che voi ultra libertari non siete molto democratici dato che demonizzate i pareri diversi dal vostro!
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: Paolo T.
            - Scritto da: panda rossa




            E scrivilo. Hai ben 7000 caratteri per farlo, e

            farai sganasciare tanta

            gente.


            Tanti pervertiti vorrai dire!Sulla base di quale metro definisci "pervertita" la gente?

            Sono i toni che si merita chi pretende di dare

            lezioni senza averne alcuna

            competenza.


            E tu che competenze hai?Io di computer ci capisco.

            E quindi abituati a trovare le risposte che la

            tua opinione merita, caro signor Paolo

            T.


            Bene, non sono uno che si impaurisce facilmente,
            figurarsi in un forum...
            (rotfl)Mica ti voglio impaurire.Non e' mia intenzione farti cambiare idea con la forza o con la prevaricazione.Ho ottimi argomenti per dimostrarti che tu sei in torto marcio, senza doverti spaventare.
            Certo che voi ultra libertari non siete molto
            democratici dato che demonizzate i pareri diversi
            dal vostro!Ricominciamo da capo.Chi tra me e te e' venuto qui con la presunzione di dire all'altro quello che deve o che non deve fare?
          • Paolo T. scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: panda rossa
            Sulla base di quale metro definisci "pervertita"
            la
            gente?Chi tollera o favorisce la perversione è pervertito a sua volta (magari inconsapevolmente).
            Io di computer ci capisco.Non credere di essere l'unico a capirci di computer.
            Mica ti voglio impaurire.
            Non e' mia intenzione farti cambiare idea con la
            forza o con la
            prevaricazione.Io non cambio idea neanche se mi punti una pistola in faccia!
            Ho ottimi argomenti per dimostrarti che tu sei in
            torto marcio, senza doverti
            spaventare.I tuoi toni erano quelli e in torto marcio sei tu.Ma accusandoci a vicenda di avere torto marcio la discussione non avrà mai fine.

            Ricominciamo da capo.
            No grazie. Mi sono stufato di discutere con chi non vuole sentire le opinioni altrui e anche di essere insultato.
            Chi tra me e te e' venuto qui con la presunzione
            di dire all'altro quello che deve o che non deve
            fare?Sono venuto qui semplicemente ad esporre la mia opinione che a te dà fastidio come un masso di una tonnellata in una scarpa.Ma poco importa. Come ho già scritto sono consapevole che la mia opinione non è politically correct. Buona serata. :D
          • panda rossa scrive:
            Re: senso della morale
            - Scritto da: Paolo T.
            - Scritto da: panda rossa



            Sulla base di quale metro definisci "pervertita"

            la

            gente?

            Chi tollera o favorisce la perversione è
            pervertito a sua volta (magari
            inconsapevolmente).E chi la reprime e' represso a sua volta, allora?

            Io di computer ci capisco.


            Non credere di essere l'unico a capirci di
            computer.Certo che no, come tu non sei l'unico che crede a babbo natale.

            Mica ti voglio impaurire.

            Non e' mia intenzione farti cambiare idea con la

            forza o con la

            prevaricazione.

            Io non cambio idea neanche se mi punti una
            pistola in
            faccia!Con quelli come te mi basta calare le braghe e farti vedere le chiappe nude.

            Ho ottimi argomenti per dimostrarti che tu sei
            in

            torto marcio, senza doverti

            spaventare.

            I tuoi toni erano quelli e in torto marcio sei tu.Certo che per dedurre i toni a partire da delle parole scritte su uno schermo, devi essere bravo.
            Ma accusandoci a vicenda di avere torto marcio la
            discussione non avrà mai fine.Io non ho mica fretta. Tu si?

            Ricominciamo da capo.



            No grazie. Mi sono stufato di discutere con chi
            non vuole sentire le opinioni altrui e anche di
            essere insultato.Ti basta semplicemente andartene nei luoghi frequentati dai tuoi amici bigotti dove potrai parlare di PI come di un luogo di perversione, i cui utenti saranno condannati alle fiamme dell'inferno.Se resti qui, qualcuno pensera' che ti piace...

            Chi tra me e te e' venuto qui con la presunzione

            di dire all'altro quello che deve o che non deve

            fare?

            Sono venuto qui semplicemente ad esporre la mia
            opinione che a te dà fastidio come un masso di
            una tonnellata in una
            scarpa.La tua opinione consisteva nel giudicare negativamente un comportamento consentito dalla legge.Tu puoi dire che non ti fai le pippe. Ma non puoi dire che chi si fa le pippe e' un pervertito.La gente ha tutto il diritto di farsi tutte le pippe che vuole in casa propria.
            Ma poco importa. Come ho già scritto sono
            consapevole che la mia opinione non è politically
            correct. Buona serata.
            :DLa tua opinione e' prevaricatrice.Del politically correct, qui dentro non frega proprio niente a nessuno.
      • Franky scrive:
        Re: senso della morale
        - Scritto da: Paolo T.
        - Scritto da: Alberto E.

        Altro che censura. Nelle Filippine c'è ancora un

        pò di senso della morale, cosa che da noi in

        Europa è oramai scomparsa

        totalmente!

        Sono d'accordo solo in parte, bisognerebbe
        vietare la XXXXXgrafia deviata non quella che si
        potrebbe definire "normale", tra uomini e
        donne.Le uniche cose orrende e deviate sono le cose che mettete nella mente alla gente... la vita sessuale rovinata alle persone dal bigottismo...il plagio che i bigotti fanno ai figli delle persone quando sono piccoli...la gente lapidata...la circoncisione,l'infibulazione... l'idea che una persona debba essere forzata a vivere in un respiratore artificiale contro la propria volonta'...queste sono cose orrende..le guerre fatte in nome della religione e della superstizione...quelle sono cose orrende...
        D'altronde sappiamo quello che gira in rete, cose
        orrende.
        :sSappiamo anche quello che gira nei luoghi di culto per esempio...i pedofili per esempio... la gente ha il diritto di guardare e di fare quello che vuole con il proprio corpo...se voi non siete daccordo nessuno vi obbliga a guardare i video o a fare quello che si vede nei video...!!Iniziate a fare un po' meno i dittatori...!!! Che sarebbe pure ora!!!Chi stabilisce che se vado in giro con una maglietta di una donnina nuda io debba essere condannato per le mie idee perche' voi vi "sentiti offesi"mentre se voi andate in giro a plagiare la gente debba essere il vostro naturale diritto di espressione? O siamo entrambi liberi di esprimere le nostre idee senza che la controparte si offenda o nemmeno voi dovreste avere il diritto di plagiare le persone!!
      • il solito bene informato scrive:
        Re: senso della morale
        - Scritto da: Paolo T.
        - Scritto da: Alberto E.

        Altro che censura. Nelle Filippine c'è ancora un

        pò di senso della morale, cosa che da noi in

        Europa è oramai scomparsa

        totalmente!

        Sono d'accordo solo in parte, bisognerebbe
        vietare la XXXXXgrafia deviata non quella che si
        potrebbe definire "normale", tra uomini e
        donne.
        D'altronde sappiamo quello che gira in rete, cose
        orrende.
        :svuoi bandire la XXXXXgrafia? il modo migliore è: libertà sessuale.Oggi si parla tanto di sesso ma nel modo sbagliato.
    • W.O.P.R. scrive:
      Re: senso della morale
      =doppio post-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 settembre 2012 15.30-----------------------------------------------------------
    • W.O.P.R. scrive:
      Re: senso della morale
      (rotfl)(rotfl) Buona questa. Sei mai stato nelle Filippine?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 settembre 2012 15.29-----------------------------------------------------------
      • ROTFL scrive:
        Re: senso della morale
        Modificato dall' autore il 20 settembre 2012 15.29
        --------------------------------------------------Chiaramente no... ma XXXXX miseria solo su PI si possono leggere follie come "nelle Filippine c'è il senso della morale, non come da noi"...
    • ROTFL scrive:
      Re: senso della morale
      - Scritto da: Alberto E.
      Altro che censura. Nelle Filippine c'è ancora un
      pò di senso della moraleAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH... il paese da cui prendere il senso della morale sarebbero le Filippine! Questa è la barzelletta del secolo. (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Sgabbio scrive:
      Re: senso della morale
      - Scritto da: Alberto E.
      Altro che censura. Nelle Filippine c'è ancora un
      pò di senso della morale, cosa che da noi in
      Europa è oramai scomparsa
      totalmente!01/10 Scontato, banale, poco credibile.
    • stelvio scrive:
      Re: senso della morale
      prima di tutto, le filippine sono un XXXXXXXX assoluto.. Il motivo è assai semplice: c'è grande povertà, in larghe fasce sociali e lo straniero danaroso salva la vita.. E' triste ma è così. Internet ha solo reso meno schifosa questa pratica, virtualizzandola e allargando la clientela. E' anche vero che la maggior parte di chi fa questo lavoro non ha un pc o una connessione, quindi lavora in studi.. cioè è sfruttata da veri papponi.. Qui la morale non centra, è la vita che fa schifo. Se il governo facesse politiche adeguate a sviluppare l'occupazione, invece di farsi i danari per sé, le cose sarebbero diverse.. Ma questo vale anche da noi. Se arrivassero vagonate di stranieri pronti a darti 2000 euro a botta e tu disoccupato, vedremmo quanto siamo morali pure noi, per primo chi ha aperto il post.
      • Ubunto scrive:
        Re: senso della morale
        - Scritto da: stelvio
        Ma questo vale anche
        da noi. Se arrivassero vagonate di stranieri
        pronti a darti 2000 euro a botta e tu
        disoccupato, vedremmo quanto siamo morali pure
        noi, per primo chi ha aperto il
        post.Non si può fare straniere? :$
        • panda rossa scrive:
          Re: senso della morale
          - Scritto da: Ubunto
          - Scritto da: stelvio

          Ma questo vale anche

          da noi. Se arrivassero vagonate di stranieri

          pronti a darti 2000 euro a botta e tu

          disoccupato, vedremmo quanto siamo morali
          pure

          noi, per primo chi ha aperto il

          post.

          Non si può fare straniere? :$Si potrebbe anche.Solo che io mica sono disoccupato. :'(
    • Franky scrive:
      Re: senso della morale
      - Scritto da: Alberto E.
      Altro che censura. Nelle Filippine c'è ancora un
      pò di senso della morale, cosa che da noi in
      Europa è oramai scomparsa
      totalmente!magari scomparisse dalla faccia della terra la vostra morale bigotta...fare sesso e' un crimine orrendo, una cosa innaturale di cui vergognarsi...,vero?ma rimandare a casa un africano che scappa magari da una guerra...e' morale vero? Ma basta con le vostre favolette sessuofobiche...tenetevele per voi!! una volta per tutte...e iniziate a chiedere scusa per le mutilazioni genitali, per le torture della santa inquisizione, per le vostre guerre fratricide fra bigotti...per la gente che e' stata lapidata e per le donne che sono state messe al rogo... per la gente che quotidianamente mandate in galera senza aver fatto niente perche' non e' malata di sessuofobia come i bigotti e non la pensa come voi!!!Basta bigottismo...perfino Gesu' e' stato condannato e messo in croce per blasfemia perche' criticava i religiosi dell'epoca...vergognatevi...!!! Bigotti del cavolo!!! Avete rovinato la vita sessuale di migliaia di persone...inquinato intere civilta' che hanno perso le loro radici e le loro tradizioni...definendoli "selvaggi"... dove invece c'era gentilezza, solidarieta',naturalezza,ecologismo...(vedi il popolo polinesiano pre-evangelizzato)... Vergono anche per le associazioni caritatevoli che si tengono l'80-85% dei ricavati per le cosiddette "spese interne" e danno in beneficienza quando tutto va bene solo il 15-20% di quello che raccolgono...!!! Facciamo piu' beneficienza noi altri cittadini pagando le tasse!!!
    • Antonello Lobianco scrive:
      Re: senso della morale
      Sei mai stato ad Angeles City?
  • panda rossa scrive:
    Chiamatela col suo nome: censura!
    Nelle filippine d'ora in avanti si rischia la galera se si diffondono contenuti che danno fastidio a chiunque detenga una qualsivoglia forma di potere.Si chiama censura.Il sesso online e' la solita scusa per indorare la pillola supposta.
Chiudi i commenti