DIG.Eat, masticare la digitalizzazione

L'evento, che affronterà l'impatto dell'Agenda Digitale sullo scenario italiano, è in programma a Roma per il 13 marzo. Fra i temi affrontati, Pubblica Amministrazione, sanità, fiscalità, settore bancario e assicurativo

Roma – Il passaggio dalla materialità della carta all’immaterialità dei bit, processo che l’Italia sta affrontando a scossoni tra un quadro normativo che si aggiorna e nuovi strumenti da imbracciare, rivoluziona le abitudini di cittadini, professionisti e Pubbliche Amministrazioni. È questo il panorama di cui si nutrirà DIG.Eat , manifestazione che ANORC , l’Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione digitale dei documenti, dedica all’Agenda Digitale e a tutti i suoi risvolti in materia di sicurezza, di privacy, di conservazione dei dati e delle informazioni.

L’ evento , composto di tavole rotonde e corsi pratici, dibattiti e confronti, si dipanerà in quattro filoni principali. Si parlerà di Pubblica Amministrazione con il focus sul Decreto Crescita 2.0 e sull’impatto e sugli attriti con il Codice dell’Amministrazione Digitale , si affronterà la tematica degli open data e della trasparenza della PA, si farà il punto su come il sistema scolastico reagirà al nuovo quadro normativo.

Una seconda area di approfondimento sarà quella della sanità . Le informazioni cliniche e i documenti quali le prescrizioni e i certificati medici, i cui bit si avviano a fluire con più facilità fra gli attori preposti alla loro gestione, necessitano di particolari attenzioni: a DIG.Eat si dibatterà di interoperabilità e standard, di soluzioni dedicate alla privacy e alla sicurezza, che sappiano tutelare dati delicati come quelli che descrivono la salute dei cittadini.

La fiscalità è un altro dei temi in programma: si discuterà dell’adeguamento al quadro europeo per le norme relative alla fatturazione elettronica introdotto con la Legge di Stabilità 2013, anche nei suoi aspetti più tecnici.

È dedicato invece ad assicurazioni e banche il quarto nucleo di approfondimenti di DIG.Eat: privacy e sicurezza sono leitmotiv per argomenti quali la relazione mediata dalla Rete tra banche e clienti, i contratti bancari online e i sistemi di identificazione biometrica, l’assegno elettronico.

Alle figure professionali emerse con la transizione verso il digitale di molte delle attività del settore pubblico e privato, figure il cui status è continuamente in divenire e il cui aggiornamento dal punto di vista tecnico è indispensabile, sono inoltre dedicati dei corsi di taglio pratico : i tre corsi si concentreranno sulla digitalizzazione e sulla conservazione dei dati della pubblica amministrazione, della sanità e del settore fiscale.

DIG.Eat si svolgerà il 13 marzo, a Roma, presso il Centro Congressi Frentani . Il programma e le informazioni relative alla registrazione sono disponibili sul sito dedicato, mentre il dibattito già ferve sulla pagina Facebook e sulla pagina LinkedIn .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uto uti scrive:
    sdhfuqgfu
    Lo sapevo: voi che usate l'aifon siete una manica di XXXXX
  • Barbapapa scrive:
    Scusate un secondo
    Io ho letto che la frase del signor Google tradotta suonerebbe come:" Gli smartphone castrano [l'utente], meglio gli occhiali "Puntando sul fatto che con gli occhiali posso fare cose senza dover per forza guardare uno schermo o premere dei tasti.Il "castrare" credo non si riferisca alla pratica chirurgica pertanto....... dove offenderebbero la mascolinità gli smartphone?Ennesima traduzione mal riuscita, solito articolo per farci trollare e mandarci a quel paese o mi sono perso qualcosa?Saluti.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Scusate un secondo
      l'espressione usata da brin, "emasculating", non ha una traduzione diretta in italiano, e non è banale trasporla nel linguaggio correnteabbiamo scelto di mediare con questa dicitura perchè ci è parso il percorso più lineare e meno incline a prestarsi a interpretazioni "volgari"d'altra parte, la interpretazione delle parole di brin è pressoché unanime:http://allthingsd.com/20130301/sergey-un-emasculated-comic/
      • rotfl scrive:
        Re: Scusate un secondo
        - Scritto da: Luca Annunziata
        l'espressione usata da brin, "emasculating", non
        ha una traduzione diretta in italiano, e non è
        banale trasporla nel linguaggio
        corrente

        abbiamo scelto di mediare con questa dicitura
        perchè ci è parso il percorso più lineare e meno
        incline a prestarsi a interpretazioni
        "volgari"

        d'altra parte, la interpretazione delle parole di
        brin è pressoché
        unanime:

        http://allthingsd.com/20130301/sergey-un-emasculatEhhh... Vita dura quella del giornalista: uomosessuale non si puo' scriver perche' non e' correct, ora in questo caso invece e' il "troppo macho" che neanche va bene... Tra poco eravate costretti a scrivere "diversamente gay" per esprimere il concetto !(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Scusate un secondo
          non c'entra niente "omosessuale" e roba del genere, e non è quello il puntol'espressione ha più a che fare con il principio del "mansome" o del machohttp://en.wikipedia.org/wiki/Mansome
  • Mario Rossi scrive:
    facepalm
    [img]http://1.bp.blogspot.com/-38Or80_CcWg/T2GKmR2YIBI/AAAAAAAAJwE/K2jN2vtuex8/s1600/618px-JeanLucPicardFacepalm.jpg[/img]
    • krane scrive:
      Re: facepalm
      - Scritto da: Mario Rossi
      [img]http://1.bp.blogspot.com/-38Or80_CcWg/T2GKmR2Pianooo !!Che si rovivano i google-occhiali con il facepalm !
  • Ebm scrive:
    Re: la tipica mascolinità
    L'ultima modella non si può vedere da quanto è brutta. Mamma mia! Poi gli occhiali messi così mi sanno di una stanga di metallo attaccata in fronte alla Frankenstein XD
  • Fabio Cellini scrive:
    google glass
    Nell'intervista dice "emasculated and isolated every time he checked his regular smartphone." Ma la traduzione più adatta è castrato nel senso della limitazione d'uso. Quante volte al ristorante con amici che controllano il telefono tutti isolati gli uni dagli altri? Oppure gente che và di modà fotografare i piatti o i luoghi e condividerli via social network? Con i Google glass si rimuove questa barriera. Poi c'è chi vuole interpretarla come una cosa sessista ma credo sia fuori strada.
    • senza fine scrive:
      Re: google glass
      - Scritto da: Fabio Cellini
      Nell'intervista dice "emasculated and isolated
      every time he checked his regular smartphone." Ma
      la traduzione più adatta è castrato nel senso
      della limitazione d'uso. Quante volte al
      ristorante con amici che controllano il telefono
      tutti isolati gli uni dagli altri? Oppure gente
      che và di modà fotografare i piatti o i luoghi e
      condividerli via social network? Con i Google
      glass si rimuove questa barriera. Poi c'è chi
      vuole interpretarla come una cosa sessista ma
      credo sia fuori strada.magari sarà anche che non è una cosa sessistama di certo <i
      amici che controllano il telefono tutti isolati gli uni dagli altri ... Oppure gente che và di modà fotografare i piatti o i luoghi e condividerli via social network ... </i
      sono <b
      cose da deficienti integrali </b
      e no, <i
      Con i Google glass si rimuove questa barriera </i
      ... no, mi sa che invece si accresce a dismisura la barriera del conformismo di tutti gli iDeficienti che vivono iPerConnessi...
    • Eugenio Guastatori scrive:
      Re: google glass
      - Scritto da: Fabio Cellini
      Quante volte al
      ristorante con amici che controllano il telefono
      tutti isolati gli uni dagli altri? Oppure gente
      che và di modà fotografare i piatti o i luoghi e
      condividerli via social network? Con i Google
      glass si rimuove questa barriera. Uhm ....[yt]Ma8NbpCvSwo[/yt]
      • anverone99 scrive:
        Re: google glass
        - Scritto da: Eugenio Guastatori

        [yt]Ma8NbpCvSwo
        [/yt]ahahahhahahahahhahahaha!!!!! m'ha fatto morire dal ridere :'D
  • FinalCut scrive:
    Re: la tipica mascolinità
    - Scritto da: bertuccia
    LOL pure gli utenti Apple vi perculano (rotfl)ahahahahhah!!!!! ahahahah!!!! troppo belli.... poveri con la mascolinità mortificata....(apple)(linux)
  • prova123 scrive:
    Bah ...
    Sergey Brin dice che gli smartphone mortificano la mascolinità... Tipici discorsi di chi si butta in avanti per non cadere all'indietro ... ma non è colpa del telefono :D
  • Cobram scrive:
    lol
    inb4 gayest gadget of 2013
Chiudi i commenti