Digg, come sarà il nuovo Reader

Le anticipazioni della piattaforma di social bookmarking sul nuovo aggregatore di feed che rimpiazzerà quello di Google. Semplice, veloce, con la possibilità di importare i vecchi account

Roma – Più di 800 commenti pubblicati in fondo all’ appello dei responsabili della piattaforma di social bookmarking Digg, aperti ai consigli degli utenti per lo sviluppo di un nuovo Reader sulle ceneri annunciate dal colosso Google.

Atteso per la seconda metà di quest’anno , il nuovo servizio di raccolta fonti attraverso i feed RSS dovrà basarsi su quattro punti chiave indicati nel flusso di feedback a quasi due settimane dalla ghigliottina mostrata da BigG.

“Google ha fatto tante cose giuste con il suo Reader, ma in base a quello che stiamo ascoltando dagli utenti, c’è spazio per significative migliorie – si legge in un post pubblicato su Digg – Vogliamo realizzare un prodotto che risulti pulito e flessibile, che si pieghi facilmente ed in maniera intuitiva ai bisogni degli utenti più diversi. Vogliamo sperimentare con quelle risorse d’informazione che sono diventate sempre più importanti, ma anche difficili da organizzare e visualizzare nella maggior parte delle applicazioni di lettura”.

Combinando le opinioni offerte dagli utenti, la squadra di sviluppo di Digg – che ormai ha messo il nuovo servizio RSS in cima alla lista delle priorità nel 2013 – ha individuato quattro punti chiave. La nuova applicazione dovrà innanzitutto essere semplice da usare, veloce nell’esecuzione, permettendo una efficace sincronizzazione sui vari dispositivi connessi al web . Infine, gli utenti della piattaforma di social bookmarking hanno richiesto la possibilità di importare gli attuali account sul popolare servizio di BigG, in chiusura tra poco più di tre mesi. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • maxsix scrive:
    Pezzenti
    Quesri cinesi, che morti di fame! Ma la smettano di rompere l'anima! Se non possono permettersi un prodotto serio, che si comprino i cessi android.
Chiudi i commenti