Dimettersi per un sito hard

di L. Assenti - Sangue nobile deve scorrere nelle vene di un manager irlandese di altissimo livello che lascia per aver navigato su siti proibiti dal regolamento aziendale. Il solito esagerato


Roma – Ho appreso con stupore prima, con soddisfazione poi ed infine con una punta di stizza che si è dimesso dalla sua importante carica Michael Soden, amministratore delegato della Bank of Ireland. Non che nutra particolari interessi per le sorti del certo importante istituto di credito nordeuropeo ma come non fracassare il mouse leggendo i motivi delle dimissioni ?

Soden le ha annunciate dopo aver ammesso di aver utilizzato il proprio personal computer , quello che teneva sulla scrivania del proprio ufficio di amministratore, per accedere a contenuti pornografici. In sé, ha riconosciuto lo stesso Soden, i siti che ha visitato non hanno nulla di illegale ma l’azione è contraria alla politica della Bank of Ireland .

“Le dimissioni – ha affermato Soden – si devono al fatto che dal mio PC ho avuto accesso a siti Internet che non sono ammessi dal regolamento del Gruppo”.

La legge intestina, quella che lo stesso Soden ha voluto e controfirmato per riportare lustro nell’istituzione creditizia che ha guidato per un paio d’anni, su questo punto non ammette scusanti: l’uso dei mezzi informatici aziendali dev’essere finalizzato al solo espletamento dei compiti professionali associati alla propria posizione. E certo l’esplorazione dei siti pornografici non è un’attività compatibile con la dirigenza di uno dei più importanti istituti di credito europei.

Eppure…

Si può credere che Soden abbia firmato le proprie dimissioni per evitare il pubblico ludibrio o la scomunica formale di un Consiglio di Amministrazione. Si può ritenere che un uomo in una posizione del genere abbia voluto cercare di salvare il salvabile dichiarando la propria colpevolezza come ultimo estremo tributo all’integrità di un ente di quel rilievo e reputazione. Oppure si può credere che un gesto come quello di Soden sia fuori dal mondo .

Posso capire che ci possa essere un richiamo formale, e non dico per Soden ma per qualsiasi dipendente che sbagli nell’uso dei mezzi messi a disposizione dalle imprese, ma non ho mai capito tale severità né riesco a capire come nei regolamenti aggiornati all’era di Internet che ormai vanno di moda anche nelle aziende italiane, sia ritenuto così incredibilmente grave l’uso scorretto di questi strumenti.

Possibile che tutto quello che è cambiato con l’arrivo di Internet è che prima si veniva licenziati per aver inviato un fax personale e oggi questo avvenga per aver navigato un’ora su siti a luci rosse? Non c’è davvero spazio per qualche bit di fragilità ?

Lamberto Assenti

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Calcolo ICI
    ma l'ICI non doveva essere una tassa una tantum? ormai sono mesi che ce la ritroviamo sul groppone...ADOOOOROO questo governo!! :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Calcolo ICI
      pardon, intendevo che sono ANNI!!!!bastardi!! :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Calcolo ICI
      - Scritto da: Anonimo
      ma l'ICI non doveva essere una tassa una
      tantum? ormai sono mesi che ce la ritroviamo
      sul groppone...
      ADOOOOROO questo governo!!
      :@Io invece ADOOOOROO gli ignoranti che donano a noi tutti queste perle....
      • wishyou scrive:
        Re: Calcolo ICI
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ma l'ICI non doveva essere una tassa una

        tantum? ormai sono mesi che ce la
        ritroviamo

        sul groppone...

        ADOOOOROO questo governo!!

        :@Ma cosa ci fa ancora qui? Non dovrebbe andare diretto nel forum dei troll?Per inciso: L'ICI è una delle poche tasse definitive. Dal 1993 sostituisce un marea di gabelle sulla casa.Quindi chi ha mai affermato che sia una tassa provvisoria e, soprattutto, cosa quaglia l'attuale Governo?ADOOOOOROOO chi ha lo sprezzo del ridicolo==================================Modificato dall'autore il 01/06/2004 9.54.16
        • Attila Xihar scrive:
          Calcolo ICI. E invece...
          Dal 1993 sostituisce un
          marea di gabelle sulla casa.
          Quindi chi ha mai affermato che sia una
          tassa provvisoria e, soprattutto, cosa
          quaglia l'attuale Governo?

          ADOOOOOROOO chi ha lo sprezzo del ridicoloE invece il ragazzo non ha tutti i torti.L'ICI è stata sì introdotta nel '93, ed è definitiva, ma sostituisce una tassa che _provvisoria_ avrebbe dovuto essere, l'ISI (imposta _Straordinaria_ sugli immobili), inventata dall'odioso governo Amato nel '92, insieme (chi se lo ricorda?) al prelievo forzoso sui conti correnti bancari, e altre amenità di tal fatta. Il tutto, ovviamente, fatto passare con una manovra straordinaria varata, guarda un po', ad agosto, mentre la gente era in vacanza...Provvedimenti, detto x inciso, che portarono qualche mese dopo il Marco tedesco a raggiungere le 1200-1300 lire, contro le 700 a cui era fermo da anni.E faticosamente si tornò in seguito a quota 1000, quella a cui venne poi fissato il rapporto definitivo quando si decise il valore dell'Euro.==================================Modificato dall'autore il 01/06/2004 13.10.57
  • Anonimo scrive:
    Re: rete wireless nazionale!
    - Scritto da: bacarozz83
    Siamo un gruppo di appassionati di
    informatica e telecomunicazioni che progetta
    di costruire una WLan, una rete wireless
    (senza fili). Rete aperta a tutti eEhm ehm ... e come state a livello di autorizzazioni ministeriali?
  • bacarozz83 scrive:
    rete wireless nazionale!
    a chi interessa stiamo progettando una rete wireless a livello nazionale, libera a tutti! se volete unirvi a noi...http://it.groups.yahoo.com/group/retiwireless/ecco chi siamoSiamo un gruppo di appassionati di informatica e telecomunicazioni che progetta di costruire una WLan, una rete wireless (senza fili). Rete aperta a tutti e realizzata sul modello di SeattleWireless, e di altre reti comunitarie che stanno rapidamente sorgendo in tutto il mondo, Europa compresa. La tecnologia 802.11 consente, con un basso costo d'investimento, di mettere online in rete, su frequenze libere da licenze.(2,4Ghz), il computer di chiunque, alla massima velocità, (11Mbps ) senza bisogno della linea telefonica. In questo modo è possibile, parlare in voce, trasferire immagini, collegarsi con utenti, da una parte all'altra della città e tramite Internet, collegarsi al resto del mondo. Questo gruppo da il suo piccolo contributo per contrastare il Digital Divide, il fenomeno sociale che divide coloro che hanno accesso alle nuove tecnologie da chi non ha tale opportunità. Il Si farà promotore di corsi di formazione on line e di alfabetizzazione, fornisce un supporto di base, documentazione, manualistica, e supporto per quanti vogliono collegarsi con i loro computer alla nostra rete wireless. E' attivo anche il forum di discussione all'indirizzo http://retiwireless.mastertopforum.com/
Chiudi i commenti