Dipendenti del governo USA spiati da Pegasus

Dipendenti del governo USA spiati da Pegasus

Almeno nove funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che lavorano in Uganda, sono stati attaccati dallo spyware sviluppato da Pegasus.
Almeno nove funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, che lavorano in Uganda, sono stati attaccati dallo spyware sviluppato da Pegasus.

Almeno nove dipendenti del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sono stati spiati dal tool sviluppato da NSO Group. I funzionari governativi, che lavorano in Uganda, hanno ricevuto una notifica da Apple, in quanto i loro iPhone sono stati attaccati dall'exploit ForcedEntry.

Pegasus colpisce ancora

Lo spyware Pegasus sfrutta vulnerabilità zero-day di iOS per accedere a numerosi dati personali e ascoltare le conversazioni telefoniche. Ciò avviene in maniera automatica, senza nessun intervento da parte della vittima. NSO Group afferma che il tool viene utilizzato solo per aiutare vari paesi nelle indagini su terrorismo, pedofilia e altri reati gravi. In realtà, alcuni governi usano il software per attaccare dissidenti, giornalisti e politici.

Il Dipartimento del Commercio ha inserito NSO Group nella Entity List, mentre Apple ha presentato una denuncia contro l'azienda israeliana e introdotto un sistema che avvisa gli utenti in caso di attacco, come avvenuto per i dipendenti del Dipartimento di Stato.

Nella notifica non viene indicato il nome dello spyware, né lo sviluppatore, ma sembra certo che si tratti di Pegasus. NSO Group ha comunicato di aver bloccato l'accesso al sistema al cliente (non è noto il nome), promettendo la massima collaborazione con le autorità. L'azienda israeliana sottolinea tuttavia che le sue tecnologie non funzionano sui numeri di telefono con prefissi statunitensi. Ma i funzionari del Dipartimento di Stato hanno usato iPhone con numeri di telefono stranieri.

L'amministrazione Biden annuncerà la prossima settimana un piano che prevede limiti all'esportazione dei software usati per la sorveglianza. Il codice di condotta verrà stabilito dagli Stati Uniti insieme ad altri paesi. Al meeting virtuale del 9-10 dicembre non sono stati invitati i rappresentanti di Cina e Russia.

Fonte: Reuters
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 12 2021
Link copiato negli appunti