Disabili online, l'esperto per il lavoro

Lo propone il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali


Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato online “L’esperto risponde”, un nuovo servizio dedicato all’inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità.

“Gli utenti – si legge in una nota – possono cercare la risposta al proprio quesito tra quelle già presenti nella sezione o rivolgerla direttamente ad un esperto. In alternativa è anche possibile chiamare il numero verde 800189966, che risponde dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle ore 17,00”.

Per accedere al servizio clicca qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    [OT] RISPOSTA AL SIGNORE QUI SOPRA
    Cento mila euro rubate secondo la mia modesta opinione,Che lo pagano a fare?Altre mani rubate all'agricoltura!
  • Anonimo scrive:
    solidali o sconfitti
    DR su http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=357324 Ha scritto Se poi sono un bravo consulente o no non devo deciderlo io. Io il mio lavoro cerco di farlo al meglio, senza guardare l'orologio o il livello contrattuale. E questo, sino ad oggi , anche a livello economico, ha pagato. Quindi DR lavora senza la minima protezione della sua professionalità, sempre a rischio di vedersi superato da un 20enne solo perché più fresco di studi, meno esperto, ma con meno pretese economiche, E? per evitare ciò che gli informatici dovrebbero essere solidali, per proteggere la propria professionalità , non illudiamoci che da soli si possa andare avanti a lungo.Altrimenti avremo incarichi altisonanti, helpdesker, tutor, ma per interventi tecnici si chiameranno ditte private in barba alla nostra professionalità?Un po? come se avessimo la patente D, ma ci facessero fare i bigliettai, invece che gli autisti?
  • Anonimo scrive:
    cucciolo, trovati un altro lavoro
    trovi un altro lavoro, inutile che ti lamenti
  • Anonimo scrive:
    Troppo tardi! :-)
    Ti accorgi di non poter far piu' nulla quando l'azienda che vende servizi in outsourcing ti rincara i prezzi e tu non puoi rivolgerti a nessun concorrente, a meno che tu non voglia re-inserire tutti i dati a mano. :-) :-) :-) :-)
  • Anonimo scrive:
    Un consiglio
    ...da parte di chi è passato attraverso una situazione quasi assolutamente identica, salvo il fatto che le dimensioni erano un po' maggiori (ma non di molto): finchè i tuoi corsi sono attuali e la tua preparazione è ancora valida cerca, se puoi, un altro posto, semprechè ti interessi la carriera nel tuo campo. Le "interfaccie" vengono giocoforza escluse dai processi decisionali e di apprendimento e, poco alla volta, emarginati dal loro ambito. In punto è che si resta indietro a livello di quelle esperienze che sono poi rivendibili sul mercato. E si finisce, probabilmente, con il cambiare totalmente settore. Se ami quello che fai considera attentamente questa possibilità
  • Anonimo scrive:
    Outsourcing India e poi Cina
    In aziende di piccole dimensioni ho qualche dubbio che "certi" rapporti di outsourcing siano convenienti. O piuttosto che nascondano rapporti di raccomandazione con i fornitori o gabole di bilancio (i costi nascosti di cui altri parlano)Da noi (grande azienda multinazionale) per dichiarata strategia aziendale di riduzione dei costi, l'IT si sta trasferendo alla velocita' della luce in India.Tra tre anni, quando saranno attrezzati per infrastrutture lingua e conoscenze (manca la manodopera laureata specializzata che se la cavi con l'inglese), la Cina rubera' il lavoro degli Indiani. E le aziende spenderanno ancora meno.Perche' e vero che conviene. Basti pensare quanti ingegneri specializzati indiani (e bravi) si puo pagare con uno stipendio europeo... almeno quattro.cordialmentearzigogolo
    • Anonimo scrive:
      Re: Outsourcing India e poi Cina
      Quando saremo tutti a spasso voglio vedere come caleranno i consumi e quindi anche i fatturati di queste pseudo multinazionali che devono ridurre i costi.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Outsourcing India e poi Cina
        penso che tu abbia proprio centrato il punto... il gatto che si morde la coda.... e non solo nell IT. La stessa cosa si verificherà anche negli altri comparti industriali e di servizi (vedi auto, tessile, meccanico, finance.....)A quel punto, i governi occidentali metteranno dei dazi su quei paesi emergenti (come politica sociale per non farci perdere il lavoro a tutti) , gli stessi paesi poi, si incazzeranno di brutto dicendo che freniamo loro lo sviluppo.... e le successive conseguenze ve le lascio immaginare...
  • postmaster scrive:
    SE PROPRIO DEVO ESSERE SINCERO ..
    Parla uno che dopo ubriacature di Outsourcing, ( il tutto per esigenze di tipo prettamente commerciale / rapporto casa madre ) .. sta seriamente meditando ( anche perche' non ha mai perso l'aggancio con la realta' e le tecnologie che contano .. ) di riportarsi la parte esternalizzata a casa per ottimizzare : 1) tempi di risposta 2) qualita' della gestione3) costi4) vittima innocente e involontaria di windows datacenter .. :S
    • Anonimo scrive:
      Cosa c'entra Win2K Datacenter ?
      - Scritto da: postmaster

      Parla uno che dopo ubriacature di
      Outsourcing, ( il tutto per esigenze di tipo
      prettamente commerciale / rapporto casa
      madre ) .. sta seriamente meditando ( anche
      perche' non ha mai perso l'aggancio con la
      realta' e le tecnologie che contano .. ) di
      riportarsi la parte esternalizzata a casa
      per ottimizzare :

      1) tempi di risposta
      2) qualita' della gestione
      3) costi

      4) vittima innocente e involontaria di
      windows datacenter .. :S
      Considera questo: se l'ubriacatura te l'hanno imposta a tutti i livelli (tipologia di servizi, architetture, applicazioni, anche il nome della societa' di outsourcing da utilizzare), adesso puoi "rivalerti" dimostrando il fallimento di tale scelta .Se invece avevi partecipato e/o avallato in qualche maniera tali scelte, non puoi certo fare spalluce a questo modo...Per questo ti chiedo cosa c'entra Datacenter...:)
  • nop scrive:
    Distinguere...
    Io farei una chiara distinzione: - gli informatici tecnici(sistemisti, DBA, network) - gli informatici applicativiSe per la seconda categoria sono d'accordo con tutti i post per la prima penso che l'outsourcing sia la soluzione ideale.Oracle è sempre uguale, AIX è sempre AIX mentre la procedura dei bonifici è diversa da società e società(banca nell'esempio concreto) ed è proprio nel momento in cui perdi conoscenza del software sviluppato internamente che ti impoverisci....Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Distinguere...

      Oracle è sempre uguale, AIX è sempre AIX
      mentre la procedura dei bonifici è diversa
      da società e società(banca nell'esempio
      concreto) ed è proprio nel momento in cui
      perdi conoscenza del software sviluppato
      internamente che ti impoverisci....Concordo pienamente concludendo che tu ti impoverisci mentre l'imprenditore acquisisce un potere contrattuale molto più forte. Se tu sviluppi software interno con dei meccanismi sconosciuti all'esterno il giorno che minacci di andartene è probabile che vedrai un aumento di stipendio se quel software è indispensabile al funzionamento dell'azienda.... Ovviamente questo discorso è valido in generale per il know-how che un dipendente acquisisce in un'azienda... più sai è più puoi chiedere.. e come sappiamo tutti certi generi di richieste non sono viste molto bene da certi imprenditori.
  • Anonimo scrive:
    mi è capitato anche a me!!
    Tempo Fa mi e' successo anche a me una cosa analoga : io ho chiuso tutto, mi sono messo in proprio, prospero, ho un sacco di clienti, mentre la società che ha datto tutto in outsourcing e' nella m....da fino agli occhi !!!!!Mi diverto di piu' faccio quello che mi pare etc.......Fallo anche te Senza stare a fare tante storie ......Ciao dal Vampiro ...........................
    • ND scrive:
      Re: mi è capitato anche a me!!
      senti..potrebbe essere che hai sparato un sacco di cazzate?- Scritto da: Anonimo
      Tempo Fa mi e' successo anche a me una cosa
      analoga : io ho chiuso tutto, mi sono messo
      in proprio, prospero, ho un sacco di
      clienti, mentre la società che ha datto
      tutto in outsourcing e' nella m....da fino
      agli occhi !!!!!
      Mi diverto di piu' faccio quello che mi pare
      etc.......

      Fallo anche te Senza stare a fare tante
      storie ......


      Ciao dal Vampiro ...........................
      • Anonimo scrive:
        Re: ti è capitato anche a te!!
        - Scritto da: ND
        senti..potrebbe essere che hai sparato un
        sacco di cazzate?

        - Scritto da: Anonimo

        Tempo Fa mi e' successo anche a me una
        cosa

        analoga : io ho chiuso tutto, mi sono
        messo

        in proprio, prospero, ho un sacco di

        clienti, mentre la società che ha datto

        tutto in outsourcing e' nella m....da fino

        agli occhi !!!!!

        Mi diverto di piu' faccio quello che mi
        pare

        etc.......



        Fallo anche te Senza stare a fare tante

        storie ......





        Ciao dal Vampiro
        ...........................anche tu ragioni come lui http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=357324
        • ND scrive:
          Re: ti è capitato anche a te!!
          è un risposta riferita a me o a quello a cui ho risposto?scusa ma non vedo comunque nessuna attinenza.
  • Anonimo scrive:
    Corsi e ricorsi
    Presto si accorgeranno di pagare di piu' e di avere di meno cosi' torneranno alla gestione casalinga ma... all'avvento del prossi venditore figo e convincente oppure del nuovo direttore dalle idee "innovative" tornerete all'outsourcing.E' questo il vero buttare i soldi nel cesso.
  • Anonimo scrive:
    Pazienza... lavorerai nell'outsourcing!
    Ho voglia un po' di scherzare ma, se ci pensi bene, i conti tornano comunque: un posto in meno nella tua azienda -
    un posto in piu' in quella di outsourcing!
  • Anonimo scrive:
    La politica dello smembramento
    C'è poco da fare, è il nuovo corso del liberismo senza controlli che non riguarda solo l'IT. Tutte le grandi aziende, pubbliche e private, vanno nella stessa direzione: scorporare dei settori e dare in outsourcing il lavoro. Avremo presto dei grandi assemblati industriali composti da dipendenti di tante piccole aziende differenti, coordinati da un'unica amministrazione.Qual è il senso?Il senso è ridurre al minimo gli oneri e moltiplicare all'estremo il numero delle mini-aziende con meno di 15 dipendenti, con tutto quello che questo comporta. Togliere insomma qualunque parvenza di garanzia ai lavoratori.
    • Anonimo scrive:
      Re: La politica dello smembramento
      - Scritto da: Anonimo
      C'è poco da fare, è il nuovo corso del
      liberismo senza controlli che non riguarda
      solo l'IT. Tutte le grandi aziende,
      pubbliche e private, vanno nella stessa
      direzione: scorporare dei settori e dare in
      outsourcing il lavoro. Avremo presto dei
      grandi assemblati industriali composti da
      dipendenti di tante piccole aziende
      differenti, coordinati da un'unica
      amministrazione.
      Qual è il senso?
      Il senso è ridurre al minimo gli oneri e
      moltiplicare all'estremo il numero delle
      mini-aziende con meno di 15 dipendenti, con
      tutto quello che questo comporta. Togliere
      insomma qualunque parvenza di garanzia ai
      lavoratori. se poi aggiungiamo i pregiudizi fra lavoratori http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=357274 allora il quadro è completo.finiremo per avere incarichi altisonanti come helpdesker, tutor, administrator, senza nessun guadagno, .........forse ci piace pavoneggiarci
  • Anonimo scrive:
    controesempi e altro
    beh, posso dire questo:1)ci sono controesempi, tipo il mio:: l' azienda per la quale lavoro ha scelto di fare le cose da se' e di non affidarsi a 'pacchi' di terzi.2)c'è dell' altro:: a volte si comprano beni e servizi non perchè servano, ma perchè devono essere venduti, non so se mi spiego...
  • Anonimo scrive:
    Outsourcing
    Incredibile leggendo questa lettera mi e' sembrato di leggereesattamente quel che sta capitando nella mia azienda.Il problema a mio avviso si puo' :1) L'ignoranza del management in ambito informatico che li porta a non capire l'importanza della presenza in casa di personale specializzato e formato2) Il presupposto che essendo stati formati da un altro management e non conoscendo direttamente le persone mettere nelle loro mani i "compiuters" sia una cosa pericolosa, non fosse altro perche' possono andare via in qualunque momento e lasciarli in panne.3) L'illusione che levando i compiti tradizionali le persone non piu' gradite se ne andranno di loro sponte, senza costose trattative e buonuscite (finche' ci sara' l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori)Quindi io direi di non rammaricarsi piu' di tanto. Qui sonoandati avanti con l'outsourcing e ora che si sono legatimani e piedi stanno prendendo solo mazzate in terminidi costi e affidabilita' del servizio. Una volta avevamo iserver in casa e i tempi di intervento erano circoscrittinell'arco di 15 minuti, ora campacavallo che l'erba cresce...
  • Bruco scrive:
    Re: Il motivo dell'outsourcing
    - Scritto da: Anonimo
    100 mila euro all'anno è cosa ovvia che il
    dirigente a cercato di trovare il meglio per
    la sua società , HA cercato :-|
  • dilbert scrive:
    L?information technology ora...
    http://www.repubblica.it/supplementi/af/2003/05/12/primopiano/008valley.htmldi Federico RampiniL'ho letto ieri, in qualche modo è collegato a vari post del forum. Che ne pensate?Ciao,dilbert
    • Anonimo scrive:
      Re: L?information technology ora...
      In obbedienza a una visione ormai superata i manager hanno il terrore di essere tirchi negli investimenti in nuove tecnologie. Ma ormai è dimostrato che non esiste più una correlazione tra quanto un'impresa spende in It e i risultati di bilancio. quindi si evidenzia che la colpa è nei manager che senza avere nemmeno la patente informatica pretendono di insegnare il mestiere agli esperti ITpurtroppo finchè non ci sarà una specifica tutela sindacale si sarà in balìa di questi cafoni imparati :@
      • Anonimo scrive:
        Re: L?information technology ora...

        quindi si evidenzia che la colpa è nei
        manager che senza avere nemmeno la patente
        informatica pretendono di insegnare il
        mestiere agli esperti IT
        purtroppo finchè non ci sarà una specifica
        tutela sindacale si sarà in balìa di questi
        cafoni imparati :@
        Ma questi è già tanto se hanno la patente di guida!I sindacati ti prego lasciamoli dove sonoSono anni che si parla di un CNNL informatico e ci paganoancora col contratto metalmeccanico!ELWOOD
    • Anonimo scrive:
      Re: L?information technology ora...
      L'avevo letto.A parte le figure professionali che si intravedono e gia' da tempo rimuginavo come sempre piu' strategiche (vabbe' l'idea la tengo per me), e' condivisibile la visione di IT come commodity. E la commoditiy ideale e' sicura, veloce, affidabile, economica, durevole, a basso rischio. il contrario di quello che e' l'IT e' oggi.cordialmentearzigogolo
  • samu scrive:
    la verita' ...
    grazie a pubblicita' ingannevoli, la maggior parte dei dirigentiritiene l'informatica e le sue problematiche al pari di stupidate.Ergo non ritiene necessario assumere personale competente(e costoso) per risolvere i problemi, ma prende il primo che capita.L'informatico, come analista, programmatore, sistemista, viene trattato alla stregua di un operaio da catena di montaggio, un centralinista o un dattilografo (senza voler offendere queste professioni) .La progettazione viene realizzata da chi di informatica non ne capisce nulla (manager, dirigenti) i quali propongono le loro idee astruse (prese da brochure, o da spot letti nei media).Al di la' di quello che la normativa dice per quanto riguarda i contratti per informatici, e' necessario mostrare i denti e dimostrare il proprio valore in azienda, anche a costo di sbattere in faccia ai propri dirigenti la loro totale ignoranza e incompetenza in campo informatico.E' necessario far capire alle persone che informatica non vuol dire (anche se sembra cosi' ) soluzioni gia' pronte e inscatolate per qualsiasi problema, ma che per ogni problematica si puo' trovare anche una soluzione nuova e migliore.E' necessario far capire che un'azienda informatica non puo' essere diretta alla stregua di una fabbrica di pezzi meccanici ..E' necessario che noi "informatici" inziamo a far capire al mondo che non siamo i 4 sfigati con gli occhiali che si vedono nei film ma persone competenti e CREATIVE.
    • Anonimo scrive:
      Re: la verita' ...
      - Scritto da: samu
      grazie a pubblicita' ingannevoli, la maggior
      parte dei dirigenti
      ritiene l'informatica e le sue problematiche
      al pari di stupidate.Assioma 1): i dirigenti sono tutti cazzoni.
      Ergo non ritiene necessario assumere
      personale competente
      (e costoso) per risolvere i problemi, ma
      prende il primo che capita.E certo, come no? Infatti vedi sopra.
      L'informatico, come analista, programmatore,
      sistemista, viene trattato alla stregua di
      un operaio da catena di montaggio, un
      centralinista o un dattilografo (senza voler
      offendere queste professioni) .Ma secondo te il VB perche' ha avuto tanto successo? L'idea del programmatore come operaio di una catena di montaggio viene (tra gli altri) da MS in persona.
      La progettazione viene realizzata da chi di
      informatica non ne capisce nulla (manager,
      dirigenti) i quali propongono le loro idee
      astruse (prese da brochure, o da spot letti
      nei media).Certo, come no. Mandano avanti un'azienda ripetendo a pappagallo le brochure...infatti vedi l'assioma 1).
      Al di la' di quello che la normativa dice
      per quanto riguarda i contratti per
      informatici, e' necessario mostrare i denti
      e dimostrare il proprio valore in azienda,
      anche a costo di sbattere in faccia ai
      propri dirigenti la loro totale ignoranza e
      incompetenza in campo informatico.Certo... e tu poi continui a lavorare li' dentro? Ma qui c'e' qualcuno che lavora o tutti mantenuti che scrivono tanto per sfogare le frustrazioni?
      E' necessario far capire alle persone che
      informatica non vuol dire (anche se sembra
      cosi' ) soluzioni gia' pronte e inscatolate
      per qualsiasi problema, ma che per ogni
      problematica si puo' trovare anche una
      soluzione nuova e migliore.Ti devo proprio dire quale azienda IT ha fatto la sua fortuna con le favolette dei SW gia' pronti e inscatolati?
      E' necessario far capire che un'azienda
      informatica non puo' essere diretta alla
      stregua di una fabbrica di pezzi meccaniciVedi sopra.
      E' necessario che noi "informatici" inziamo
      a far capire al mondo che non siamo i 4
      sfigati con gli occhiali che si vedono nei
      film ma persone competenti e CREATIVE. Gli sfigati di cui sopra probabilmente sono in gamba. Dei cosiddetti 'creativi' (ma che sei, un pubblicitario?) meglio diffidare...Ora io capisco l'amarezza, ma un'azienda non e' solo informatica. Probabilmente ci sono cose che non si sanno e/o non si e' tenuti a sapere, che influenzano le decisioni. Parlare di 'manager cazzoni' a priori non e' esattamente il modo piu' lucido di affrontare l'argomento. Che poi i cazzoni esistano, per carita'... 8)
      • Anonimo scrive:
        Re: la verita' ...
        "
        inziamo

        a far capire al mondo che non siamo i 4

        sfigati con gli occhiali che si vedono nei

        film ma persone competenti e CREATIVE.

        Gli sfigati di cui sopra probabilmente sono
        in gamba. Dei cosiddetti 'creativi' (ma che
        sei, un pubblicitario?) meglio diffidare...
        Eh me sa che c'hai ragione! Creativi? Mah Eccone un altro che dice di fare l'informatico magari perchè sa usare photoshop, e sa accendere un Mac!EHHH peggio del Botzwana Timbro sul post: vai a raccogliere i Pumodori!
    • Anonimo scrive:
      Re: la verita' ...
      - Scritto da: samu

      grazie a pubblicita' ingannevoli, la maggior
      parte dei dirigenti
      ritiene l'informatica e le sue problematiche
      al pari di stupidate.
      Ergo non ritiene necessario assumere
      personale competente
      (e costoso) per risolvere i problemi, ma
      prende il primo che capita.opinione tua personale

      L'informatico, come analista, programmatore,
      sistemista, viene trattato alla stregua di
      un operaio da catena di montaggio, un
      centralinista o un dattilografo (senza voler
      offendere queste professioni) .se non si trova bene l'analista,programmatore,sistemistacambia aria.Se poi non si trova bene da nessuna parteun motivo ci sarà

      La progettazione viene realizzata da chi di
      informatica non ne capisce nulla (manager,
      dirigenti) i quali propongono le loro idee
      astruse (prese da brochure, o da spot letti
      nei media).Si presume un dirigente qualcosa capisca,se non di informatica almeno di come farandare avanti un'azienda

      Al di la' di quello che la normativa dice
      per quanto riguarda i contratti per
      informatici, e' necessario mostrare i denti
      e dimostrare il proprio valore in azienda,
      anche a costo di sbattere in faccia ai
      propri dirigenti la loro totale ignoranza e
      incompetenza in campo informatico.Vedi sopra,se sei in gamba saluti cordialmente
      E' necessario far capire alle persone che
      informatica non vuol dire (anche se sembra
      cosi' ) soluzioni gia' pronte e inscatolate
      per qualsiasi problema, ma che per ogni
      problematica si puo' trovare anche una
      soluzione nuova e migliore.Se il mio reparto non produce ADESSO iofaccio il salto.Le promesse di un futuroradioso sono chiacchiere
      E' necessario far capire che un'azienda
      informatica non puo' essere diretta alla
      stregua di una fabbrica di pezzi meccaniciVedi sopra,o produci o salti
      ..
      E' necessario che noi "informatici" inziamo
      a far capire al mondo che non siamo i 4
      sfigati con gli occhiali che si vedono nei
      film ma persone competenti e CREATIVE. Le aziende preferiscono le persone PRODUTTIVE
  • Anonimo scrive:
    Finirà fra poco...
    Non è la prima azienda in cui succede...La crisi è proprio questa, anche io sono fuggito da una situazione simile!Forse quando capiranno che i nuovi dirigenti vanno scelti e formati all'interno dell'azienda la situazione migliorerà.Oggi ci sono ditte specializzate nel formare dirigenti, che come una lobby si spartiscono le aziende medie... ma dovunque sento che ci sono più flop che casi di successo...Finirà... insieme alla crisi...SauroS
  • Anonimo scrive:
    se Atene piange Sparta non ride
    se il privato ha i suoi problemi anche nella P.A. non si ride...il sottoscritto è stato messo nel ced di un ministero con la prospettiva di avere una promozione dopo 5 anni che faceva mansioni superiori al proprio livello.vedi dpr del 29/12/84 n.1219 in attuazione dell'art.3 legge del 11/7/80 n.312ebbene questo decreto non è stato mai attuato e certi analisti dopo 30 anni non hanno avuto nessun riconoscimento.da tre anni le macchine sono gestite da personale di una ditta esterna, addirittura per cambiare le cassette...posso solo ritenermi fortunato di non aver preso responsabilità maggiori, altrimenti avrei faticato di più per nulla...è vero che l'importante è il lavoro sicuro, ma è altrettanto importante non essere presi in giro..ad un analista in un concorso non hanno contato gli attestati ai corsi perchè senza voto, però all'amministrazione gli ha fatto comodo il suo programma per le buste paga che un privato avrebbe fatto ben pagare...i contratti di lavoro: nel privato gli informatici sono equiparati ai metalmeccanici; come equiparare i geometri ai muratori; nella P.A. gli informatici sono come le dattilografe, quindi le responsabilità specifiche sono ignorateed i sindacati?l'ANIPA nel CCNL 1998/2001 considera soprattutto i profili informatici dirigenziali, sistemista, analista etc, quando i più hanno svolto mansioni da operatore, quando c'erano i mainframe che necessitavano di molto personale...concludendo è vero che l'informatica offre tante possibilità positive perchè materia nuova, ma non essendo ancora regolamentata, ne offre altrettante negative...c'è solo da sperare in qualche direttiva europea, perchè purtroppo gli informatici non sono concentrati come gli operai, quindi è oiù difficile organizzarsi...
    • Anonimo scrive:
      Re: se Atene piange Sparta non ride
      - Scritto da: max59
      se il privato ha i suoi problemi anche
      nella P.A. non si ride...
      il sottoscritto è stato messo nel ced di un
      ministero con la prospettiva di avere una
      promozione dopo 5 anni che faceva mansioni
      superiori al proprio livello.
      vedi dpr del 29/12/84 n.1219 in attuazione
      dell'art.3 legge del 11/7/80 n.312
      ebbene questo decreto non è stato mai
      attuato e certi analisti dopo 30 anni non
      hanno avuto nessun riconoscimento.
      da tre anni le macchine sono gestite da
      personale di una ditta esterna, addirittura
      per cambiare le cassette...
      posso solo ritenermi fortunato di non aver
      preso responsabilità maggiori, altrimenti
      avrei faticato di più per nulla...
      è vero che l'importante è il lavoro sicuro,
      ma è altrettanto importante non essere presi
      in giro..
      ad un analista in un concorso non hanno
      contato gli attestati ai corsi perchè senza
      voto, però all'amministrazione gli ha fatto
      comodo il suo programma per le buste paga
      che un privato avrebbe fatto ben pagare...
      i contratti di lavoro:
      nel privato gli informatici sono equiparati
      ai metalmeccanici; come equiparare i
      geometri ai muratori; nella P.A. gli
      informatici sono come le dattilografe,
      quindi le responsabilità specifiche sono
      ignorate
      ed i sindacati?
      l'ANIPA nel CCNL 1998/2001 considera
      soprattutto i profili informatici
      dirigenziali, sistemista, analista etc,
      quando i più hanno svolto mansioni da
      operatore, quando c'erano i mainframe che
      necessitavano di molto personale...
      concludendo è vero che l'informatica offre
      tante possibilità positive perchè materia
      nuova, ma non essendo ancora regolamentata,
      ne offre altrettante negative...
      c'è solo da sperare in qualche direttiva
      europea, perchè purtroppo gli informatici
      non sono concentrati come gli operai, quindi
      è oiù difficile organizzarsi...
      E' la gente come te che rovina il settore (e non solo questo settore). Quelli che si aspettano di fare carriera per anzianita', e che credono nella manna "posto fisso". Quelli che fanno sciopero per abbassare gli scatti di anzianita' e per l'aumento iniscriminato, quelli che alle 17.00 cascasse il mondo hanno la palestra...mi fate schifo...DR
      • Anonimo scrive:
        Re: i pregiudizi sono la nostra rovina..
        - Scritto da: Anonimo
        E' la gente come te che rovina il settore (e
        non solo questo settore). Quelli che si
        aspettano di fare carriera per anzianita', e
        che credono nella manna "posto fisso".
        Quelli che fanno sciopero per abbassare gli
        scatti di anzianita' e per l'aumento
        indiscriminato, quelli che alle 17.00
        cascasse il mondo hanno la palestra...

        mi fate schifo...
        DR quando leggerai il post capirai che gli impiegati statali non si danno da fare, perchè, nonostante decreti su Gazzetta ufficiale chi vuole migliorare il servizio, e giustamente essere premiato, non ottiene nulla.sono proprio quelli che vivono di pregiudizi come te, che dividono i lavoratori lasciandoli a mani vuoteDR, torna ai tuoi pornazzi... :P
        • Anonimo scrive:
          Re: i pregiudizi sono la nostra rovina..


          quando leggerai il post capirai
          che gli impiegati statali non si danno da
          fare, perchè, nonostante decreti su
          Gazzetta ufficiale chi vuole migliorare
          il servizio, e giustamente essere premiato,
          non ottiene nulla.Io mi do da fare perche' se non lo faccio a fine mese non prendo lo stipendio, e piu' mi do da fare, piu' guadagno, forse adesso la capirai tu la differenza...
          sono proprio quelli che vivono di
          pregiudizi come te, che dividono i
          lavoratori lasciandoli a mani vuote
          Sono quelli come me che sono stanchi di lavorare anche per voi... per i vostri benefit, per i vostri stipendi e per le vostr pensioni (che noi non vedremo mai)
          DR, torna ai tuoi pornazzi... :P Mi dispiace, sono occupato a filtrarli a dei lavoratori statali che non guardano altro tutto il giorno.DR
          • Anonimo scrive:
            Re: i pregiudizi sono la nostra rovina..
            - Scritto da: Anonimo
            Mi dispiace, sono occupato a filtrarli a dei
            lavoratori statali che non guardano altro
            tutto il giorno.
            Scusa Dr, una curiosità, visto che il partito fascista non c'è più: che hai votato alle scorse elezioni?
          • postmaster scrive:
            OT: BASTA !
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Mi dispiace, sono occupato a filtrarli a
            dei

            lavoratori statali che non guardano altro

            tutto il giorno.




            Scusa Dr, una curiosità, visto che il
            partito fascista non c'è più: che hai votato
            alle scorse elezioni?Ma che ti frega per che partito ha votato .. CURIOSONE !!!:-)
          • Anonimo scrive:
            Re: OT: BASTA !
            - Scritto da: postmaster


            Mi dispiace, sono occupato a filtrarli
            a

            dei


            lavoratori statali che non guardano
            altro


            tutto il giorno.








            Scusa Dr, una curiosità, visto che il

            partito fascista non c'è più: che hai
            votato

            alle scorse elezioni?

            Ma che ti frega per che partito ha votato ..
            CURIOSONE !!!
            :-)Beh, l'ho detto subito ( scusa DR, una curiosità), no?Sai, uno che esordisce dicendo: mi fate tutti schifo...
          • postmaster scrive:
            Re: OT: BASTA !


            Beh, l'ho detto subito ( scusa DR, una
            curiosità), no?
            Sai, uno che esordisce dicendo: mi fate
            tutti schifo...
            Potrebbe essere un no-global ... :-) oppure un fan di cicciolina :-) ma in fondo .. che importanza ha .. se e' un bravo consulente .. :-D
          • Anonimo scrive:
            Re: OT: BASTA !
            E' vero, non importa quello che ho votato (anche se non ho prolmi a dirlo: scheda bianca perche' non mi riconosco in nessun partito o movimento o persona che attualemente sia in politica in Italia), io ho le mie idee. E una di queste e' che il movimento no-global sia un movimento antidemocratico, violento, fazioso, egoistico. E quindi ne combatto idee e filosofie quando me le trovo di fronte.Se poi sono un bravo consulente o no non devo deciderlo io. Io il mio lavoro cerco di farlo al meglio, senza guardare l'orologio o il livello contrattuale. E questo, sino ad oggi, anche a livello economico, ha pagato.ciaoDR
          • Anonimo scrive:
            Re: dr: non siamo tutti uguali
            - Scritto da: Anonimo
            Io mi do da fare perche' se non lo faccio a
            fine mese non prendo lo stipendio, e piu' mi
            do da fare, piu' guadagno, forse adesso la
            capirai tu la differenza...


            sono proprio quelli che vivono di

            pregiudizi come te, che dividono i

            lavoratori lasciandoli a mani vuote



            Sono quelli come me che sono stanchi di
            lavorare anche per voi... per i vostri
            benefit, per i vostri stipendi e per le
            vostre pensioni (che noi non vedremo mai)


            DR, torna ai tuoi pornazzi... :P

            Mi dispiace, sono occupato a filtrarli a dei
            lavoratori statali che non guardano altro
            tutto il giorno.

            DR chiaramente gli informatici statali non possono rispondere dei dattilografi improvvisati terminalisti, sta ai loro dirigenti far impostare il pc in modo che si colleghi ai soli siti di lavoro...e cmq ti ripeto che se almeno di principio non siamo solidali, resteremo a mani vuote per le responsabilità assunte.
          • postmaster scrive:
            HO CAPITO IL PROBLEMA ..
            Ho definitivamente capito il problema che assilla gli informatici 1) Hanno persto la capatica' di ridere .. 2) Hanno perso la curiosita' e lo spirito 3) Son diventati tutti seriosi .. 4) Vogliono insegnare agli altri la politica , cos'e' giusto e cos'e' sbagliato .. Un buon consulente informatico .. deve avere sopratutto una capacita', che io ritengo fondamentale per il suo lavoro .. l'AUTOIRONIA ... Saluti :-D
          • Anonimo scrive:
            Re: HO CAPITO IL PROBLEMA ..
            - Scritto da: postmaster


            Ho definitivamente capito il problema che
            assilla gli informatici

            1) Hanno perso la capatica' di ridere ..
            2) Hanno perso la curiosita' e lo spirito
            3) Son diventati tutti seriosi ..
            4) Vogliono insegnare agli altri la politica
            , cos'e' giusto e cos'e' sbagliato ..

            Un buon consulente informatico .. deve avere
            sopratutto una
            capacita', che io ritengo fondamentale per
            il suo lavoro ..

            l'AUTOIRONIA ... e la solidarietà

            Saluti
            :-D
          • postmaster scrive:
            Re: HO CAPITO IL PROBLEMA ..
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: postmaster





            Ho definitivamente capito il problema che

            assilla gli informatici



            1) Hanno perso la capatica' di ridere ..

            2) Hanno perso la curiosita' e lo spirito

            3) Son diventati tutti seriosi ..

            4) Vogliono insegnare agli altri la
            politica

            , cos'e' giusto e cos'e' sbagliato ..



            Un buon consulente informatico .. deve
            avere

            sopratutto una

            capacita', che io ritengo fondamentale
            per

            il suo lavoro ..



            l'AUTOIRONIA ...
            e la solidarietàse passi da me ti offro un Brunello :-)



            Saluti

            :-D
          • Anonimo scrive:
            Re: i pregiudizi sono la nostra rovina..
            lavoro in un ente pubblico ma sono dipendente di una società privata (srl) a capitale sociale pubblico (dell'ente, praticamente una "topata" :-)), il mio capo è un dipendente pubblico ma facciamo lo stesso lavoro e ci facciamo un cuxo discreto: *come riconosce anche lui* la realtà è che il pubblico impiego andrebbe riformato da capo a piedi, è effettivamente pieno di gente che passa le giornate a studiare i contratti di lavoro per trovare il modo di lavorare meno; è cmq anche vero che quei pochi :-) dipendenti pubblici che lavorano sono sottopagati rispetto a dipendenti privati con le stesse mansioni (e lo dico per esperienza, il mio stipendio (2.5 anni di lavoro) è di poco più basso del suo (28 anni)...leone2000
  • Anonimo scrive:
    Preparati al livellamento professionale
    Quello che ha subito l'autore della lettera è un declassamento de facto del proprio ruolo e delle proprie responsabilità.Sarà molto dura chiedere aumenti in futuro venendo a mancare nella pratica un plusvalore tecnico e di competenze.Sarà anzi molto più semplice sostituirlo qualora decida di andarsene o si montasse la testa...Tamerlano
    • Alessandrox scrive:
      Re: Preparati al livellamento profession
      - Scritto da: Anonimo
      Quello che ha subito l'autore della lettera
      è un declassamento de facto del proprio
      ruolo e delle proprie responsabilità.
      Sarà molto dura chiedere aumenti in futuro
      venendo a mancare nella pratica un
      plusvalore tecnico e di competenze.Pero' Le competenze e le conoscenze tecniche acquisite fino ad ora (sia nella pratica quotidiana sia nei corsi di formazione che ha seguito, spesati dall' azienda stessa) non glie le toglie NESSUNO.E' questo un punto fondamentale.Inoltre chi meglio di lui e i suoi colleghi conosce le specifiche esigenze e realta' dell' azienda in cui lavora? UNo esterno? Ma scherziamo?
      Sarà anzi molto più semplice sostituirlo
      qualora decida di andarsene o si montasse la
      testa...Questo e' un'altro paio di maniche e non e' detto che sia un reale vantaggio per l'azienda viste le scarse competenze e conoscenze tecniche dei suoi superiori. L' outsourcing puo' essere una buona cosa ma per un' azienda medio-grande avere anche un referente interno competente e' un vantaggio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Preparati al livellamento profession
        - Scritto da: Alessandrox
        - Scritto da: Anonimo


        Quello che ha subito l'autore della
        lettera

        è un declassamento de facto del proprio

        ruolo e delle proprie responsabilità.

        Sarà molto dura chiedere aumenti in futuro

        venendo a mancare nella pratica un

        plusvalore tecnico e di competenze.

        Pero' Le competenze e le conoscenze tecniche
        acquisite fino ad ora (sia nella pratica
        quotidiana sia nei corsi di formazione che
        ha seguito, spesati dall' azienda stessa)
        non glie le toglie NESSUNO.
        E' questo un punto fondamentale.
        Inoltre chi meglio di lui e i suoi colleghi
        conosce le specifiche esigenze e realta'
        dell' azienda in cui lavora? UNo esterno? Ma
        scherziamo?


        Sarà anzi molto più semplice sostituirlo

        qualora decida di andarsene o si montasse
        la

        testa...

        Questo e' un'altro paio di maniche e non e'
        detto che sia un reale vantaggio per
        l'azienda viste le scarse competenze e
        conoscenze tecniche dei suoi superiori. L'
        outsourcing puo' essere una buona cosa ma
        per un' azienda medio-grande avere anche un
        referente interno competente e' un
        vantaggio.Ma dove stà scritto che i suoi superiori sonoincompetenti?...ah gia lo ha detto lui. :-)Più comodo scrivere letterine frignanti che cambiare lavoro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Preparati al livellamento profession

        Pero' Le competenze e le conoscenze tecniche acquisite fino ad ora (sia nella pratica
        quotidiana sia nei corsi di formazione che
        ha seguito, spesati dall' azienda stessa)
        non glie le toglie NESSUNO.
        E' questo un punto fondamentale.Questo valore professionale intrinseco comincia a scemare progressivamente fino ad impoverirlo se per i prossimi 10 anni gli fanno fare lo sguattero di basso profilo.
        L' outsourcing puo' essere una buona cosa ma per un' azienda medio-grande avere anche un referente interno competente e' un
        vantaggio.Soprattutto se gli congeli lo stipendio impedendogli di crescere ulteriormente, probabilmente lui si aspettava un sudato aumento dopo il culo che si è fatto negli ultimi 2-3 anni per crescere.Fossi in lui mi riproporrei sul mercato finchè le competenze sono fresche.Tamerlano
  • Anonimo scrive:
    che te frega??
    Sono scelte "straregiche" della direzione aziendale.Capisco che possa dispiacerti, ma che ci vuoi fare?E' inutile piangere sul latte versato, se ritieni di rimanere in quell' azienda, rimanici se ti tengono, altrimenti cercati un altra azienda.Non bisogna "sposare" MAI, nessun' azienda.
    • Anonimo scrive:
      Re: che te frega??

      Non bisogna "sposare" MAI, nessun' azienda.Concordo. Sposare l'azienda è in genere un errore che fà chi è alle prime esperienze lavorative. Sei necessario , ma non indispensabile. Cmq, questo serve a crescere umanamente e professionalmente. A me qualche anno fà hanno riservato lo stesso trattamento, ne sono usito a pezzi, ma poi si è rilevato un passo avanti per la mia carriera perchè ho cambiato città e azienda.Pier
      • xlthlx scrive:
        Re: che te frega??
        - Scritto da: Anonimo

        Non bisogna "sposare" MAI, nessun'
        azienda.

        Concordo. Sposare l'azienda è in genere un
        errore che fà chi è alle prime esperienze
        lavorative. Sei necessario , ma non
        indispensabile. Cmq, questo serve a crescere
        umanamente e professionalmente. A me qualche
        anno fà hanno riservato lo stesso
        trattamento, ne sono usito a pezzi, ma poi
        si è rilevato un passo avanti per la mia
        carriera perchè ho cambiato città e azienda.

        Pierahahahavi faccio ridere?vorrei andarmene da un'azienda che mi tratta come un operaio (senza togliere nulla alla categoria...)e mi hanno chiesto durante il colloquio:'ma lei non ha mai pensato di 'sposare' un'azienda?'certo, dovrei sposare un'azienda che non mi lascia spazio nemmeno per respirare, non ha un minimo di flessibilita'e nemmeno di rispetto...
    • Anonimo scrive:
      Re: che te frega??
      - Scritto da: Anonimo
      Sono scelte "straregiche" della direzione
      aziendale.[...]
      Non bisogna "sposare" MAI, nessun' azienda.Hu, cavoli, c'e' pure qualcuno che scrive cose sensate... 8)
  • Anonimo scrive:
    alle aziende piace sprecare
    l' appalto esterno (o, come preferisce chiamarlo qualcunaltro nella lingua dei guerrafondai 'outsourcing') è quanto di più rischioso ci sia per la sicurezza: basti pensare a cosa potesse succedere se qualcuna di queste ditte facesse spionaggio industriale...le ditte sono spendaccione sprecone in maniera incredibile: preferiscono spendere soldi in inutili license (win) e in appalti esterni anzichè in (linux) software gratuito e consulenti informatici in esclusiva. per un'azienda con un centinaio di macchine, la differenza di costo può arrivare a 100.000 euro annui, cioè a pari costo potrebbe assumere 4-5 persone, migliorando produzione e sicurezza
    • Anonimo scrive:
      Re: alle aziende piace sprecare
      - Scritto da: Anonimo
      l' appalto esterno (o, come preferisce
      chiamarlo qualcunaltro nella lingua dei
      guerrafondai 'outsourcing') è quanto di più
      rischioso ci sia per la sicurezza: basti
      pensare a cosa potesse succedere se qualcuna
      di queste ditte facesse spionaggio
      industriale...Anche lo spionaggio dall'interno non è da meno. La maggior parte degli incidenti di sicurezza è imputabile a personale interno all'azienda.
      le ditte sono spendaccione sprecone in
      maniera incredibile: preferiscono spendere
      soldi in inutili license (win) e in appalti
      esterni anzichè in (linux) software gratuito
      e consulenti informatici in esclusiva. per
      un'azienda con un centinaio di macchine, la
      differenza di costo può arrivare a 100.000
      euro annui, cioè a pari costo potrebbe
      assumere 4-5 persone, migliorando produzione
      e sicurezzaQui il discorso è più complesso, varia da azienda ad azienda. Prima di parlare di sistemi operativi, parliamo di applicativi necessari, piattaforme su cui questi funzionano, servizi di assistenza. Poi si vede quanto si risparmia. Ricorda che free = LIBERO, non GRATUITO.
      • Anonimo scrive:
        Re: alle aziende piace sprecare

        Anche lo spionaggio dall'interno non è da
        meno. La maggior parte degli incidenti di
        sicurezza è imputabile a personale interno
        all'azienda.In outsourcing aggiungi il rischio interno con quello esterno della azienda che ospita le tue applicazioni e i tuoi dati.
        Qui il discorso è più complesso, varia da
        azienda ad azienda. Prima di parlare di
        sistemi operativi, parliamo di applicativi
        necessari, piattaforme su cui questi
        funzionano, servizi di assistenza. Poi si
        vede quanto si risparmia. Ricorda che free =
        LIBERO, non GRATUITO.Questo è sottinteso. Ma la maggior parte delle aziende si fanno spesso abbagliare dall'outsourcing pensando di abbattere i costi. Il management pensa che chiunque sia in grado di gestire un parco PC + applicazioni senza tenere conto che chi è inserito all'interno dell'azienda è molto più calato nello specifico e spesso è più efficiente proprio perchè conosce meglio i propri sistemi (hw+sw). In outsourcing mettono 4 Ing. appena laureati a gestirti applicazioni critiche per il tuo business. Mi vengono i brividi.
    • Anonimo scrive:
      Re: alle aziende piace sprecare
      - Scritto da: Anonimo
      l' appalto esterno (o, come preferisce
      chiamarlo qualcunaltro nella lingua dei
      guerrafondai 'outsourcing') è quanto di più
      rischioso ci sia per la sicurezza: basti
      pensare a cosa potesse succedere se qualcuna
      di queste ditte facesse spionaggio
      industriale...La lingua dei guerrafondai, come li chiami tu, e' l'italiano. Lingua evidentemente a te sconosciuta visto che nemmeno sai coniugare un condizionale...

      le ditte sono spendaccione sprecone in
      maniera incredibile: preferiscono spendere
      soldi in inutili license (win) e in appalti
      esterni anzichè in (linux) software gratuito
      e consulenti informatici in esclusiva. per
      un'azienda con un centinaio di macchine, la
      differenza di costo può arrivare a 100.000
      euro annui, cioè a pari costo potrebbe
      assumere 4-5 persone, migliorando produzione
      e sicurezzaE meno male, perche' se i consulenti "qualificati" fossero tutti come te, saremmo veramente nei guai. Specialemnte nelle valutazioni economiche che denotano quanto abbia avuto a che fare con grandi aziende... tornatene nello stanzino a giocare che e' meglio...Un consulente UNIX - Solaris (non Linux, i giocattoli non mi piacciono)
      • postmaster scrive:
        Ma senti un po' questo ...


        Un consulente UNIX - Solaris (non Linux, i
        giocattoli non mi piacciono)Io monto e smonto mi diverto ogni giorno con AIX , ma mica faccio l'arrogante dicendo che linux e' un giocatto ... Vergognati !
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma senti un po' questo ...
          - Scritto da: postmaster



          Un consulente UNIX - Solaris (non Linux, i

          giocattoli non mi piacciono)

          Io monto e smonto mi diverto ogni giorno con
          AIX , Ognuno ha le sue croci :-)
          ma mica faccio l'arrogante dicendo che
          linux e' un giocatto ...
          Vergognati !Non mi vergogno per niente! Quando qualcuno mi viene a propinare associazioni del tipo Pacifismo Linux, Open Source Verita' assoluta, Microsoft Belzebu', Stati Uniti sfruttatori dell'umanita', etc... PER IGNORANZA ESTREMA, allora rspondo con le stesse armi. Evidentemente queste persone non sanno ad esempio che la maggior parte delle aziende che si occupano di sicurezza (le migliori) sonoad esempio ISRAELIANE! MA guai a dirglielo, se no anche Checkpoint potrebbe iniziare a fare schifo come prodotto...Io mi incazzo, perche' sono pacifista ma NON ANTIAMERICANO, sono assolutamente contro questa gente che dove va fa solo danni (abito a Genova), e cosa sia IL RISPETTO nel confronto degli altri nemmeno se lo sogna. Cio che pensano loro e' la verita' assoluta senza diritto di replica, e chi replica e' FASCISTA... A questa gente, ai loro feticci e ai loro modi di fare dico BASTA!DR
          • postmaster scrive:
            Ma senti un po' questo ...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: postmaster





            Un consulente UNIX - Solaris (non
            Linux, i


            giocattoli non mi piacciono)



            Io monto e smonto mi diverto ogni giorno
            con

            AIX ,

            Ognuno ha le sue croci :-)bhe .. non male come croce ... :-)


            ma mica faccio l'arrogante dicendo che

            linux e' un giocatto ...

            Vergognati !

            Non mi vergogno per niente! Quando qualcuno
            mi viene a propinare associazioni del tipo
            Pacifismo Linux, Open Source Verita'
            assoluta, Microsoft Belzebu', Stati Uniti
            sfruttatori dell'umanita', etc... PER
            IGNORANZA ESTREMA, allora rspondo con le
            stesse armi. Evidentemente queste persone
            non sanno ad esempio che la maggior parte
            delle aziende che si occupano di sicurezza
            (le migliori) sonoad esempio ISRAELIANE! MA
            guai a dirglielo, se no anche Checkpoint
            potrebbe iniziare a fare schifo come
            prodotto...mi spieghi che cavolo c'entra questo con il fatto che linux e' un giocattolo ?

            Io mi incazzo, perche' sono pacifista ma NON
            ANTIAMERICANO, sono assolutamente contro
            questa gente che dove va fa solo danni
            (abito a Genova), e cosa sia IL RISPETTO nel
            confronto degli altri nemmeno se lo sogna.
            Cio che pensano loro e' la verita' assoluta
            senza diritto di replica, e chi replica e'
            FASCISTA... bhe' su questo non posso che essere d'accordo con te .. ma mi spieghi cosa c'entra con questo forum ?? mi sembri un po' OT ...

            A questa gente, ai loro feticci e ai loro
            modi di fare dico BASTA!Ho capito .. dev'essere Solaris .. conosco un'altro tecnico che lavora con Solaris .. e' nervoso come te .. eh eh eh eh eh senti .. perche' non ti butti su AIX ?

            DR
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...
            Aspe, hai ragione, la discussione l'ho fatta finire OT, pero' guarda bene come ha iniziato la persona che ha postato il primo messaggio...Traspariva chiaramente quanto ti ho fatto notare sia dal punto di vista politico ("linguaggio dei guerrafondai" per esempio), sia dal punto di vista tecnico (l'unica verita' assoluta e' linux per tutto, senza nemmno discernere se parliamo di mercato server o client, piccola-media aziena o grande azienda, operativita' di base o applicativita'). E la cosa mi ha fatto incazzare non poco.... magari passando ad AIX passa :-)DR
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...
            Il tizio ti ha semplicemente dato la risposta che ti aspettavi di avere quando hai detto 'linux è un giocattolo'.Non voglio assolutamente discutere la cosa.... quanto il tuo comportamento nel forum, ma sarebbe anche quello ot.Dovrebbero dedicare una sezione apposita a questo genere di argomenti.P.s. Adoro quando la gente si sponsorizza riempiendosi la bocca con parole 'AIX, Solaris ' ecc... anzichè metter in piedi discussioni non ot magari con un pizzico d'intelligenza.
          • postmaster scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...
            Guarda .. se volevo rispondere a tono sull'argomento .. intanto non rispondevo ad un post con il titolo " alle aziende piace sprecare .. " solo il titolo denota una scarsa conoscenza dei meccanismi aziendali .. secondariamente volevo scherzare e deridere un po' .. un tecnico serioso che si permette di giudicare serio uno unix o un solaris e giocattolo un linux .. potremmo stare tutta la vita a disquisire sulle presunte o non "migliori" caratteristiche di tutti i sistemi operativi .. tu stesso che confondi la mia ironia per "sponsorizzazione" .. non meriteresti una risposta seria .. ma solamente un sorriso con una pacca sulla spalla .. - Scritto da: Anonimo

            Il tizio ti ha semplicemente dato la
            risposta che ti aspettavi di avere quando
            hai detto 'linux è un giocattolo'.
            Non voglio assolutamente discutere la
            cosa.... quanto il tuo comportamento nel
            forum, ma sarebbe anche quello ot.
            Dovrebbero dedicare una sezione apposita a
            questo genere di argomenti.

            P.s.
            Adoro quando la gente si sponsorizza
            riempiendosi la bocca con parole 'AIX,
            Solaris ' ecc...
            anzichè metter in piedi discussioni non ot
            magari con un pizzico d'intelligenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...

            tu stesso che confondi la mia ironia per
            "sponsorizzazione" .. non
            meriteresti una risposta seria .. ma
            solamente un sorriso con
            una pacca sulla spalla .. Guarda che non mi riferivo a te....ma a quello che ha tirato fuori la parola giocattolo :)----
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=357281il 'tizio' in pratica eri tu (postmaster) :-)
            - Scritto da: Anonimo



            Il tizio ti ha semplicemente dato la

            risposta che ti aspettavi di avere quando

            hai detto 'linux è un giocattolo'.

            Non voglio assolutamente discutere la

            cosa.... quanto il tuo comportamento nel

            forum, ma sarebbe anche quello ot.

            Dovrebbero dedicare una sezione apposita a

            questo genere di argomenti.



            P.s.

            Adoro quando la gente si sponsorizza

            riempiendosi la bocca con parole 'AIX,

            Solaris ' ecc...

            anzichè metter in piedi discussioni non ot

            magari con un pizzico d'intelligenza.

          • Anonimo scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...
            - Scritto da: Anonimo
            Aspe, hai ragione, la discussione l'ho fatta
            finire OT, pero' guarda bene come ha
            iniziato la persona che ha postato il primo
            messaggio...beh, alle 4 di mattina posso sbagliare un condizionale
            Traspariva chiaramente quanto ti ho fatto
            notare sia dal punto di vista politico
            ("linguaggio dei guerrafondai" per esempio),leggi l'elenco su http://utenti.tripod.it/carminedepasquale/index.html e poi ne riparliamo.comunque non sono solo gli americani a parlare quella lingua e non sono solo loro i guerrafondai
            sia dal punto di vista tecnico (l'unica
            verita' assoluta e' linux per tutto, senza
            nemmno discernere se parliamo di mercato
            server o client, piccola-media aziena o
            grande azienda, operativita' di base o
            applicativita').mi sembra di aver dimensionato un'azienda con 50 pc. non credo che un'azienda con 50 pc possa essere definita piccola, per quanto riguarda il mio calcolo parlavo di licenze di un paio di sistemi server m$ e gli altri client m$, un pacchetto per applicazioni d'ufficio (videoscrittura, fogli elettronici, presentazione e database)per quanto riguarda linux, se un computer è server o client dipende da come lo si configura.questo già consente di risparmiare un migliaio di euro per ogni postazione.con questa differenza, ogni 10-12 computer (e questo è un discorso indipendente dal tipo e dimensioni d'azienda è possibile assumere una persona, che mi sembra lo scopo prioritario della nostra repubblica, fondata sul lavoro.

            E la cosa mi ha fatto incazzare non poco....diceva caterina caselli "la verità ti fa male lo sai"se passi da queste parti ti offro una camomillacomunque ho convinto uno studio associato commerciale a convertire i suoi 8 pc client e il server passando a linux mandrake 9.1 (che non è un giocattolo) (prima avevano m$win2000 e 8 m$win98se con m$officeXP. ciò che prima guadagnavo in manutenzione, ora lo guadagno da loro in formazione, ma mi stanno facendo una pubblicità pazzesca.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...
            mmmh! te questa soluzione non la reggi...terapia:Lascia perdere i computer che ti stressano, prendi un po' di sole e ogni tanto tromba :p
          • postmaster scrive:
            Ma senti un po' questo ...
            - Scritto da: Anonimo
            mmmh! te questa soluzione non la reggi...
            terapia:

            Lascia perdere i computer che ti stressano,
            prendi un po' di sole e ogni tanto tromba
            :peh eh eh eh , a quelli come te ... senza nulla togliere alla professione del consulente , .. ogni giorno dico cosa fare .. e a volte anche dal telefono mentre sto prendendo il sole su di una sedia a sdraio .. in dolce compagnia .. :-) ma non ti crucciare .. tutti i bravi consulenti .. prima o poi ci arrivano ..
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...
            a poststmaster, guarda che hai risposto al post sbagliato
          • Anonimo scrive:
            [ot]Re: Ma senti un po' questo ...

            Io mi incazzo, perche' sono pacifista ma NON
            ANTIAMERICANO, sono assolutamente contro
            questa gente che dove va fa solo danni
            (abito a Genova), e cosa sia IL RISPETTO nel
            confronto degli altri nemmeno se lo sogna.
            Cio che pensano loro e' la verita' assoluta
            senza diritto di replica, e chi replica e'
            FASCISTA... Guarda che gli USA hanno deliberatamente scelto di fare una guerra illegittima (senza l'approvazione dell'onu) e con un pretesto ancora tutto da verificare (dove sono le armi chimiche ?).Neanche io ero antiamericano. Di Quello che e' successo a Genova , la cosa meno grave sembra essere il danno alle cose. Il bilancio conta1 morto e centinaia di persone picchiate deliberatamente dalle forze dell'ordine con metodi che richiamano tempi neri.cosa che si e' ripetuta... ultima qui a Milano qualche mese facon cineriprese che testimoniano il tutto. replica con estrema serenità...
          • Anonimo scrive:
            Re: [ot]Re: Ma senti un po' questo ...
            - Scritto da: Anonimo

            Io mi incazzo, perche' sono pacifista ma
            NON

            ANTIAMERICANO, sono assolutamente contro

            questa gente che dove va fa solo danni

            (abito a Genova), e cosa sia IL RISPETTO
            nel

            confronto degli altri nemmeno se lo sogna.

            Cio che pensano loro e' la verita'
            assoluta

            senza diritto di replica, e chi replica e'

            FASCISTA...
            Guarda che gli USA hanno deliberatamente
            scelto di fare una
            guerra illegittima (senza l'approvazione
            dell'onu) e con un pretesto ancora tutto da
            verificare (dove sono le armi chimiche ?).
            Neanche io ero antiamericano.
            Di Quello che e' successo a Genova , la cosa
            meno grave
            sembra essere il danno alle cose. Il
            bilancio conta
            1 morto e centinaia di persone picchiate
            deliberatamente dalle forze dell'ordine con
            metodi che richiamano tempi neri.
            cosa che si e' ripetuta... ultima qui a
            Milano qualche mese fa
            con cineriprese che testimoniano il tutto.
            replica con estrema serenità...se ne vuoi parlare scrivimi in pvt, la cosa qui e' OT. DR dricciardi@email.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...
            - Scritto da: Anonimo
            Io mi incazzo, perche' sono pacifista ma NON
            ANTIAMERICANO, Impossibile. E' come dire che sei nazista ma non antisemitahttp://digilander.libero.it/bollettinoaurora/Manifesto%20antiamericano.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma senti un po' questo ...
            [deliri su linux giocattolo e su imperialismo vario]
            A questa gente, ai loro feticci e ai loro
            modi di fare dico BASTA!Bravo, facciamolo tutti insieme tenendoci per mano: feticci e modi di fare no global BRUTTI! feticci e no global BRUTTI in quanto ANTIAMERICANI!ahah ma piantatela va, che fate solo ridere. Anche io sono di genova e i volti insanguinati uscire (in barella) dalla Diaz me li ricordero' per tutta la vita. Altro che qualche danno materiale strumentalizzato ad arte come se qui fosse scoppiata una bomba atomica per le "devastazioni subite". Siete ridicoli quanto emilio fede. Statevene bene chiusi dentro le voste case borghesi e frignate quando qualcuno si permette di urlare il proprio disagio, dopotutto e' quello che vi riesce meglio: imporre il vostro ordine con ogni mezzo.Non rispondermi.
      • Anonimo scrive:
        Re: alle aziende piace sprecare
        - Scritto da: Anonimo...
        Un consulente UNIX - Solaris (non Linux, i
        giocattoli non mi piacciono)Hey mr. spocchia ti voglio dare un consiglio. Comincia a studiare di corsa Linux altrimenti tra poco ti ritrovi senza lavoro se continui ad interessarti solo di Slowlaris. Ma probabilmente una volta defunto Slowlaris, pur di non vedere l'odiato pinguino (responsabile unico ed orgoglioso della fine di Slow) ti butteresti su Windows perche` "Unix era bello quando c'era lui" non come oggni con quel giocattolo di Linux - puah! Con quel 'giocattolo' di Linux ci implementi sistemi per piccole e medie aziende (la maggioranza nel ns. paese). Tra pochissimo sara` scalabile in maniera affidabile su piu` di 8 cpu ed a quel punto bye bye Sun.
  • Anonimo scrive:
    la colpa e della crisi
    non dell'incompetenza;)e il bonus c'e comunque anche se vengono licenziati;)
    • castu scrive:
      Re: la colpa e della crisi
      è vero io sto spulciando da giorni annunci sui vari quotidiani e c'è veramente una crisi nera sulle assunzioni nel settore IT.La crisi economica generale che si è venuta a creare ha tagliato i ponti con le nuove assunzioni, e ovviamente la prima a farne le spese è proprio l'informatica, considerata dal 90% dei dirigenti aziendali come un surplus di investimento e non come una vera e propria fonte di reddito.
      • Anonimo scrive:
        Re: la colpa e della crisi
        - Scritto da: castu
        è vero io sto spulciando da giorni annunci
        sui vari quotidiani e c'è veramente una
        crisi nera sulle assunzioni nel settore IT.meno male che si dice che mancano professionisti dell'IT e che c'è forte richiesta ... allora a che devo credere??????????????
      • Anonimo scrive:
        Re: la colpa e della crisi
        - Scritto da: castu
        è vero io sto spulciando da giorni annunci
        sui vari quotidiani e c'è veramente una
        crisi nera sulle assunzioni nel settore IT.meno male che si dice che mancano professionisti dell'IT e che c'è forte richiesta ... allora a che devo credere??????????????
  • Anonimo scrive:
    caro Amico...
    ...proverò a spiegarti il mio punto di vista...non entro nel dettaglio della validità dell'out-sourcing o meno (anche se personalmente credo che nel lungo periodo sia un controsenso anche economico per l'azienda stessa) scelto dalla dirigenza ma piuttosto vorrei parlare proprio della dirigenza delle aziende.Spesso tali dirigenti non si occupano di informatico e si vantano di non capirci nulla.... perché? Perché loro sono abituati a fare le figo-sparate del tipo "A me non serve una tecnologia, serve una soluzione ai problemi dell'azienda" e se tu provi a spiegargli anche un minimo loro si parano dietro il timore di abbassarsi alla manavolanza-informatica (in realtà non si "abbassano" perché sanno che non ci capirebbero nulla)...Da molte parti si sente dire che per essere un buon dirigente non è necessario conoscere il "quod" delle aziende (il dramma è quando queste uscite sono fatte direttamente dai dirigenti)... e poi i risultati si vedono...Non parlerò del mio caso personale ma posso dirvi che ne ho viste di cotte e di crude, di situazioni in cui non era lecito spendere 100 euro per un hub (e l'IT "staccava e riattacava" cavi di rete) mentre era lecito spendere 10000? per il terzo sistema di reporting aziendale (gli altri due erano flop)...Ora per mia scelta faccio il consulente "esterno" e mi diverto a spennare come polli quei dirigenti che si sono messi in situazioni post-out-sourcing... la cosa divertente è che con loro si riescono a fare tanti ?? perché essendo loro dirigenti mettono i costi di consulenza in dei capitoli di spesa che "non danno nell'occhio" della loro cattiva gestione, mentre i 100? di un hub sarebbero subito visti come una "spesa" non un "investimento"...Morale della storia? Tanti dirigenti danno in out-sourcing le attività aziendali perché temono che all'interno delle loro aziende le persone possano crescere e minacciare poi il giardinetto di tali dirigenti...Meditate....
    • Anonimo scrive:
      Re: caro Amico...
      Un gran bell'intervento.Grazie.
      • Anonimo scrive:
        Re: caro Amico...
        - Scritto da: Anonimo
        Un gran bell'intervento.

        Grazie.Sad but true.:-|Ha ragionissima: mi mi chiedo se per caso è un mio collega :o)
    • Anonimo scrive:
      Re: caro Amico...
      (cut)
      Da molte parti si sente dire che per essere
      un buon dirigente non è necessario conoscere
      il "quod" delle aziende (il dramma è quando
      queste uscite sono fatte direttamente dai
      dirigenti)... e poi i risultati si vedono...quanto hai ragione.ma vedrai che prima o poi si accorgeranno quanto la pagano.le incompetenze di molti sottoposti si pagano perchè la responsabilità della formazione e degli ordini impartiti (e non della competenza effettiva, dato che non sarà mai possibile verificarlòa, dato che ordini e formazione non sono mai stati dati/fatti) sono dei DIRIGENTI :-)E per giudicare o fare, o far fare ... devono SAPERE oppure affidarsi a qualcuno che SA e che sta all'interno.Se pensano che fidarsi del cugino o del figlio che smanetta sia sufficiente, si metteranno comunque nella merda, come sopra.Non sapere, significa anche non saper cosa valutare.Quindi hai mille volte ragione.(cut)
      Ora per mia scelta faccio il consulente
      "esterno" e mi diverto a spennare come polli
      quei dirigenti che si sono messi in
      situazioni post-out-sourcing... la cosa
      divertente è che con loro si riescono a fare
      tanti ?? perché essendo loro dirigenti
      mettono i costi di consulenza in dei
      capitoli di spesa che "non danno
      nell'occhio" della loro cattiva gestione,
      mentre i 100? di un hub sarebbero subito
      visti come una "spesa" non un
      "investimento"...

      Morale della storia? Tanti dirigenti danno
      in out-sourcing le attività aziendali perché
      temono che all'interno delle loro aziende le
      persone possano crescere e minacciare poi il
      giardinetto di tali dirigenti...E' pura e sacrosanta verità, visto e stravisto.Orribile.Non capisco come possano pensare di andarsene a casa e sentirsi fighi ... quando potrebbero deresponsabilizzarsi e guadagnare e e far guadagnare di più tutti, rendendo le strutture IT perfette e sotto controllo....:-(
    • ND scrive:
      Re: caro Amico...
      c'è outsourcing e outsourcing.Se ho le capacità di valutare il personale posso saper anche valutare se un azienda fa al caso mio.Esistono i contratti per evitare di avere spese extra.Avere personale straordinariamente preparato che non ha legami particolari con l'azienda può essere estremamente pericoloso per l'azienda stessa.Avere avuto un' esperienza interna può aiutare a capire quali siano i reali costi.E ricordatevi che da un punto di vista fiscale è sempre meglio una fattura che la busta paga.
      • Anonimo scrive:
        Re: caro Amico...

        E ricordatevi che da un punto di vista
        fiscale è sempre meglio una fattura che la
        busta paga.Assolutamente vero.E' altrettanto vero, che da un punto di vista del "tesoro aziendale" e' meglio una busta paga di un professionsita che una fattura di Accenture.Vero e' che da quando i ragionieri si son messi a fare i manager e si ragiona a 'breve termine' a botte di risparmi micragnosi, le aziende sperperano un sacco di soldi in consulenze.Non che io mi lamenti: sono consulente e ci guadagno.Ciao,luigi
        • Anonimo scrive:
          Re: caro Amico...

          E' altrettanto vero, che da un punto di
          vista del "tesoro aziendale" e' meglio una
          busta paga di un professionsita che una
          fattura di Accenture.non è proprio vero.Se produco marmellate, il "tesoro aziendale" è il cuoco che le "inventa". I sistemi informativi, per quanto grossi e importanti, sono solo un supporto al core business. Qualunque società in grado di erogare consulenza a questo livello può efficacemente sostenere il lavoro e garantire gli adeguati livelli di copertura (anche 7x24)
          • Anonimo scrive:
            Re: caro Amico...

            Qualunque società in grado di erogare
            consulenza a questo livello può
            efficacemente sostenere il lavoro e
            garantire gli adeguati livelli di copertura
            (anche 7x24)Quale livello? Stiamo parlando si Accenture? Ma avete visto lo schifo che hanno combinato con il sistema di posta di Tiscali? Una volta su due non funziona a dovere. Mettono personale inesperto a lavorarci su, ragazzini di 22 anni con il diploma di magistrale. Lo dico perchè lo sò per certo. E poi mettono inserzioni dove cercano solo neo-laureati in materie tecno-scentifiche con 110 e lode che non son capaci neanche di accendere il PC, ma che formeranno all'interno. Ma chi li formarà se non hanno personale preparato?Pier
          • Vaira scrive:
            Re: caro Amico...
            Tutto vero, e sei stato anche troppo nuono...Ci ho lavorato un anno e mezzo a contatto con quei cretini.Si vedevano cose che nemmeno nell' esercito italiano le avevo mai viste.
        • Anonimo scrive:
          Re: albo

          Non che io mi lamenti: sono consulente e ci
          guadagno.Sei iscritto all'albo? La consulenza e` attivita` "protetta"...
          • Anonimo scrive:
            Re: albo

            Sei iscritto all'albo? La consulenza e`
            attivita` "protetta"...Come ci si iscrive e che requisiti occorrono?C'è un indirizzo web preciso sul quale documentarsi?
          • Anonimo scrive:
            Re: albo
            E' sufficiente iscriversi ad una facoltà di Ingegneria (laurea Informatica)... si sostiene un esame, si paga la tassa ed il gioco è fatto...
      • Anonimo scrive:
        Re: caro Amico...

        E ricordatevi che da un punto di vista
        fiscale è sempre meglio una fattura che la
        busta paga.Vorrei sapere cosa c'entra il fisco....forse volevi dire che e' meglio dare il doppio o cinque volte di più ad un consulente piuttosto che assumere uno che va pagato ogni mese da lì in poi.Sarà che in italia non è facile licenziare, ma a me sa tanto pure che certi imrprenditri non sanno fare i conti.La miseria umana di tanti imprenditori che vogliono tenere in tasca propria il più possibile, investire il meno possibile e assumere i laureati con paghe scarse per diplomati e fargli fare straordinari non pagati....Chi sa perchè in Europa invece cercano quelli col PhD e li pagano in proporzione....
        • Anonimo scrive:
          Re: caro Amico...
          Cos'è il PhD?
          • Anonimo scrive:
            Re: caro Amico...
            sembrerebbe "dottore in filosofia" ... :-/http://www.ucc.ie/cgi-bin/uncgi/acronymciao
          • sandman scrive:
            acronimi
            vuol dire 'dottorato di ricerca', pero'... misteri della terminologia anglosassone... (lo so per certo xke' faccio il PhD in chimica in UK)- Scritto da: Anonimo
            sembrerebbe "dottore in filosofia" ... :-/


            http://www.ucc.ie/cgi-bin/uncgi/acronym


            ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: caro Amico...
            Pretty Huge Dick
          • Cavallo GolOso scrive:
            Re: caro Amico...
            - Scritto da: Anonimo
            Cos'è il PhD?"n : an American doctorate usually based on at least 3 years graduate study and a dissertation; the highest degree awarded by a graduate school "trovato in giro ... potrebbe essere?
        • Anonimo scrive:
          Re: caro Amico...
          - Scritto da: Anonimo

          E ricordatevi che da un punto di vista

          fiscale è sempre meglio una fattura che la

          busta paga.

          Vorrei sapere cosa c'entra il fisco....
          forse volevi dire che e' meglio dare il
          doppio o cinque volte di più ad un
          consulente piuttosto che assumere uno che va
          pagato ogni mese da lì in poi.vuoi sapere cosa ci guadagna l'azienda con un consulente:uno lo paga a 60 e più giorni(mi è capitato anche 180 giorni) ( se lo paga :( capitato anche quello), scarica l'iva della fattura, scarica il costo complessivo a fine anno, non paga corsi, ferie malattie ecc.....
          Sarà che in italia non è facile licenziare,
          ma a me sa tanto pure che certi imrprenditri
          non sanno fare i conti.
          be sarà anche vero ma in genere se il consulente ha fatto un buon lavoro rimane legato a vita all'azienda, cosa che molte volte non è vero per i dipendenti.
          La miseria umana di tanti imprenditori che
          vogliono tenere in tasca propria il più
          possibile, investire il meno possibile e
          assumere i laureati con paghe scarse per
          diplomati e fargli fare straordinari non
          pagati....tristemente vero
          Chi sa perchè in Europa invece cercano
          quelli col PhD e li pagano in
          proporzione....


          • JosaFat scrive:
            Re: caro Amico...
            - Scritto da: Anonimo
            vuoi sapere cosa ci guadagna l'azienda con
            un consulente:
            uno lo paga a 60 e più giorni(mi è capitato
            anche 180 giorni) ( se lo paga :( capitato
            anche quello), scarica l'iva della fattura,
            scarica il costo complessivo a fine anno,
            non paga corsi, ferie malattie ecc.....
            Tieni conto che un dipendente costa sempre meno di un consulente: il consulente costo X alla ditta di cui è dipendente, che su di essa ricarica.Il discorso è che nel breve periodo un consulente può essere la scelta migliore, dal momento che si lasciare a casa senza problemi. Nel lungo periodo è meglio allevarsi in casa dei buoni professionisti, che se si trovano bene rimangono, mentre il consulente, per natura, è generalmente meno legato all'azienda in cui si trova a lavorare.

            be sarà anche vero ma in genere se il
            consulente ha fatto un buon lavoro rimane
            legato a vita all'azienda, cosa che molte
            volte non è vero per i dipendenti.
            Solitamente comunque avviene il contrario...

            La miseria umana di tanti imprenditori che

            vogliono tenere in tasca propria il più

            possibile, investire il meno possibile e

            assumere i laureati con paghe scarse per

            diplomati e fargli fare straordinari non

            pagati....

            tristemente veroMi ricorda la situazione vista nel film 'The Bank' in cui un supercapo che lavorava in una banca basava la sua filosofia di 'incremento dei profitti' sulla chiusura a tappetto delle filiali.Come se il personale dipendente fosse passato da risorsa umana a rifiuto solido urbano...
          • Anonimo scrive:
            Re: caro Amico...
            - Scritto da: JosaFat
            Tieni conto che un dipendente costa sempre
            meno di un consulente: il consulente costo X
            alla ditta di cui è dipendente, che su di
            essa ricarica.Mi dispiace contraddirti, ma un anno di lavoro di un consulente costa meno di un dipendente nello stesso periodo di tempo.Il problema semmai è che il dipendente, una volta formato, diventa "patrimonio" della società che lo può "reinvestire" in atri progetti e quindi può essere "impegato" per generare altro valore.Il consulente invece no, anzi, si forma grazie all'esperienza sul campo che si fa lavorandoti in casa, e contribuisce all'aumento del "patrimonio" della sua ditta, non della tua.
          • nasoblu4 scrive:
            Ti ricontraddico io.
            Io come dipendente costo alla mia azienda 210 euro al giorno, tutto compreso.Vengo rivenduto come consulente a 500 euro al giorno. Ora se lavorassi per il cliente come dipendente potrei prendere 180 euro massimo al giorno rispetto a 500. Fatti tu il conto di cosa e' piu conveniente.....Dipendente o consulente.....
          • max scrive:
            Re: Ti ricontraddico io.
            non sono del tutto d'accordo.tu non lavori 200 gg l'anno ma molti meno. dai 500 evros al giorno devi togliere:- la quota per i giorni che non sei sul cliente,- i giorni in cui ti aggiorni e non solo non sei pagato, ma magari paghi qualcuno che ti faccia il corso- i giorni che "commercialmente" magari vengono regalati al cliente per farselo buono- ma soprattutto.... il costo enorme di marketing, commerciali (esagerati), amministrativi, contabili, hw, sw (beh quello no se si usa linux :), immobili, auto, banda, party aziendali, jet del capo, la sua segretaria personale e tutto il resto che mi dimentico.di sicuro nei 500 la tua azienda ci sta dentro bene, ma forse per il cliente quasi quasi è meglio pagare te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ti ricontraddico io.
            - Scritto da: nasoblu4
            Io come dipendente costo alla mia azienda
            210 euro al giorno, tutto compreso.
            Vengo rivenduto come consulente a 500 euro
            al giorno. Ora se lavorassi per il cliente
            come dipendente potrei prendere 180 euro
            massimo al giorno rispetto a 500. Ma dove vivete? Se l'azienda ti da 180 euro mensili, tu gli costi circa tre volte tanto...fa 540.Vedi tu che il consulente conviene...se devi tagliare gli dici ciao ciao senza tanti problemi.
          • JosaFat scrive:
            Re: caro Amico...
            C'è consulente e consulente... da noi alcuni vengono e lasciano molte più conoscenze di quelle che apprendono, ma sono la minoranza, visto che capita spesso che prendiamo come consulenti ragazzi poco esperti o comunque che hanno bagagli di conoscenze ampi ma poco focalizzati.Comunque se il dipendente costasse di più, cosa ci guadagna la società di consulenza? Se io costo 1000 come dipendente, perchè guadagno 500, la ditta di consulenza mi venderà a 1200 come minimo, se non di più.Non è che una persona costa meno alla propria ditta se viene prestato rispetto a se lavorasse internamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: caro Amico...

      ...proverò a spiegarti il mio punto di
      vista...Tanto spietato quanto vero. Bravo!Sottoscrivo al 100% quanto detto e lo supporto con la mia esperienza di consulente.Ciao,luigi
    • Anonimo scrive:
      Re: caro Amico...

      Ora per mia scelta faccio il consulente
      "esterno" e mi diverto a spennare come polli
      quei dirigenti che si sono messi in
      situazioni post-out-sourcing... la cosa
      divertente è che con loro si riescono a fare
      tanti ?? perché essendo loro dirigenti
      mettono i costi di consulenza in dei
      capitoli di spesa che "non danno
      nell'occhio" della loro cattiva gestione,
      mentre i 100? di un hub sarebbero subito
      visti come una "spesa" non un
      "investimento"...Le penne dei polli sono una quantità finita. Arriverà prima o poi qualcuno che gli farà notare che sono nudi, e a quel punto il "professionista" perderà pollo e rispettabilità. Auguri.
    • Anonimo scrive:
      Re: caro Amico...
      stava per succedere anche nella mia azienda, per fortuna c'era il Direttore Generale che era laureato anche in Scienze Informatiche ed era anche Diretore dei Sistemi Informativi Aziendali, gli ha mostrato quattro conti e tenendo un C.E.D. composto da 9 persone compreso lui (che non prendeva poco) l'azienda risparmiava almeno i 2/3 delle spese IT... almeno!
    • Anonimo scrive:
      Re: caro Amico...
      Ricordate che la differenza fra outsourcing e personale interno è semplice.Il personale interno la vora al meglio per poter lavorare meno dopo.L'outsourcing "spiuma polli" lavora in maniera normale, tanto se poi va fatta una modifica verrà pagata a dovere perciò perchè guardare molto avanti e facilitarsi il lavoro se poi non ci posso riguadagnare sopra?Molte ditte, Accenture soprattutto ho visto dalla mia esperienza, non vedono oltre il problema, non perchè non siano capaci ma perchè non gli interessa, se dopo devono metterci un mese per modificare una progetto, per esigenze aziendali, meglio, sono soldi!!!Ho visto e sentito personale di Accenture dire che per una modifica (tempo stimato 40 minuti per eccesso) avrebbero impiegato almeno 5 giorni uomo per specifiche, test d'integrazione, test effettivi, test di ridondanza (?!?!?!), ecc...Poi le ditte spendono i miliardi però hanno Accenture!L'intelligenza non è una materia applicabile alla dirigenza informatica in ambito tecnico.Anche perchè a loro non interessa il costo, tanto non pagano mica loro.Daniele
      • Anonimo scrive:
        Re: caro Amico...

        Ho visto e sentito personale di XYZ
        dire che per una modifica (tempo stimato 40
        minuti per eccesso) avrebbero impiegato
        almeno 5 giorni uomo per specifiche, test
        d'integrazione, test effettivi, test di
        ridondanza (?!?!?!), ecc...applicano alla lettera le leggi di Murphy :-D
      • Vaira scrive:
        Re: caro Amico...

        Ho visto e sentito personale di Accenture
        dire che per una modifica (tempo stimato 40
        minuti per eccesso) avrebbero impiegato
        almeno 5 giorni uomo per specifiche, test
        d'integrazione, test effettivi, test di
        ridondanza (?!?!?!), ecc...Io conoscevo la regola che dice:Se un programmatore ti dice che ci voglio $X $UnitàDiMisuraTemporale, in realtà per avere il prodotto finito ci vorranno 2*$X $UnitàDiMisuraTemporaleSuccessivaQuindi40 minuti =
        80 ore che sono 10 giorni uomoContando che una giornata uomo di accenture è di 16ore e non 8, mi sembra che dicendo 5 gg abbiano visto giusto.Ma per sta volta, solo per sta volta! =)
    • Anonimo scrive:
      Re: caro Amico...
      Amen!hai ragione!!!! 100%
    • Anonimo scrive:
      Re: caro Amico...
      Se penso a certi casi specifici non posso che constatare che hai ragione da vendere, pero' non posso fare a meno di leggere nel tuo intervento un'aprioristica demonizzazione dell'outsourcing e piu' in generale dei servizi all'impresa.Sara' pero' per la mia particolare collocazione professionale, o meglio per la particolare composizione del nostro tessuto industriale ma mi capita molto piu' spesso di vedere casi di aziende dove l'outsourcing e' l'unica soluzione intelligente. Non solo per motivi meramente economici, ma anche di opportunita'. Mi spiego. Date la capacita' di spesa di un'azienda ed il costo di certe tecnologie, mi e' capitato molto spesso di verificare che tali costi costituiscono una vera e propria "barriera all'entrata", ovvero il costo minimo da sostenere per adottare una certa soluzione acquisendo tutto il necessario know-how e' semplicemente improponibile. In tal caso non c'e' alternativa se non comprare un servizio senza affrontare la spesa di tutte le infrastrutture che sarebbero necessarie altrimenti.Mi rendo conto che questa possa rapresentare una situazione limite ma tra un limite e l'altro c'e' un continuo in cui e' se non altro difficile identificare qual e' il punto in cui una soluzione diventa favorevole a dispetto di un'altra, e soprattutto e' quasi impossibile identificarlo senza introdurre valutazioni soggettive, senza contare che anche il fattore "culo" possa avere il suo peso.
Chiudi i commenti